CALTANISSETTA – ETNA: RITORNO DI FIAMMA SULL’OSSERVATORIO ROSA

Si torna sull’Etna, anche quest’anno deputato a rivestire il ruolo di primo arrivo in salita del Giro d’Italia. Stavolta si ascenderà da un versante inedito che unisce all’insidia delle pendenze quelle di una carreggiata decisamente più ristretta rispetto allo stradone che si era percorso nei precedenti arrivi sull’Etna; dunque ci si aspetta naturalmente più selezione e la tappa potrebbe rivelarsi più incisiva di quella, agonisticamente piuttosto deludente, che lo scorso anno terminò con il successo dello sloveno Polanc e ben poche scintille in gruppo.

Di nuovo sull’Etna, a soli dodici mesi dalla tappa che vi terminò al Giro dello scorso anno. Una doppietta che, in realtà, tale non è poichè stavolta si salirà da un altro versante e si raggiungerà un differente traguardo, molto più in basso rispetto ai quasi 2000 metri del Rifugio Sapienza, dove si erano imposti lo sloveno Polanc e prima ancora Contador (2011) e Bitossi (1967). La linea d’arrivo sarà, infatti, stesa presso la sede di Ragalna dell’Osservatorio Astrofisico di Catania, a 1736 metri di quota, percorsa una carrozzabile molto più stretta rispetto all’ampio stradone che sale da Nicolosi e che, per questo, già di suo garantirà una certa selezione naturale e distacchi forse anche più elevati di quelli che si registrarono lo scorso anno, al termine di una tappa che non ci riservò particolari emozioni da parte dei big della classifica. Ci saranno, dunque, meno chilometri di salita da percorrere (17.4 Km contro 14.1 Km) e anche il dislivello sarà più basso (1170 metri vs 918) ma, unitamente ad una pendenza media del 6,5%, si tratta comunque di numeri di tutto rispetto se si pensa che, a questo punto, si sarà ancora nel mezzo della prima settimana di corsa. Così, conformandosi alla località d’arrivo, questo traguardo sarà realmente un osservatorio sulla corsa rosa, permettendo per la prima volta di comprendere lo stato di forma dei primattori del Giro 2018, che giungeranno a quest’appuntamento già rodati da una parte e provati dall’altra dalle nervose frazioni precedenti e da quelle disputate in terra d’Israele e che, come abbiamo segnalato negli altri articoli, protrebbero anche avere un particolare peso in classifica.
La prima tappa di montagna di questa edizione prenderà il via da Caltanissetta, cittadina che in epoca ottocentesca era conosciuta come la “capitale mondiale dello zolfo” per gli allora sfruttattisimi giacimenti di questo prezioso minerale, scavato nelle numerose miniere della zona, oggi inattive. I primi 11 Km si percorreranno in discesa per arrivare ai piedi dell’unica altra salita prevista dal tracciato, oltre a quella conclusiva: composta di due tratti distinti separati da una breve porzione di strada pianeggiante (10,4 Km facilissimi al 2,9% e 7,3 Km più impegnativi al 5,1%), avrà come meta Enna, il capolugo di provincia più alto d’Italia – la quota massima dell’abitato è di 992 metri – conosciuto con il soprannome di “Belvedere di Sicilia” per le viste panoramiche che offre, in particolare dall’alto dei suoi due monumenti più visitati, la Torre di Federico II e il Castello di Lombardia, uno dei manieri medievali più vasti d’Italia, il cui nome ricorda la regione di provenienza dei soldati della guarnigione che lo sorvegliavano in epoca normanna. Percorsa la panoramica discesa a tornanti che riconduce verso i quartieri bassi di Enna, dai quali si era già transitati all’inizio del secondo tratto dell’ascesa, i corridori raggiungeranno la vicina frazione di Pergusa, dove il tracciato transiterà a breve distanza dalle rive dell’omonimo lago, l’unico bacino naturale della regione, attorno al quale si snoda un autodromo costruito nel 1951 e che ospitò in quattro occasioni anche gare di Formula 1 mentre nel 1997 fu sede del Ferrari Day, edizione alla quale partecipò anche Michael Schumacher, la cui presenza calamitò a Pergusa oltre centomila appassionati. Da Pergusa inizierà un tratto vallonato di quasi 40 Km nel cui cuore si effettuerà il passaggio da Piazza Armerina, altra frequentata meta turistica dell’ennese che attira i turisti grazie ai mosaici che si possono ammirare nella Villa romana del Casale, scoperta nel 1950 e dal 1997 inserita nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’Unesco. A breve distanza da questo centro – alcuni scorci del quale si possono ammirare nel film “Rivelazioni di un maniaco sessuale al capo della squadra mobile”, girato nel 1972 da Roberto Bianchi Montero – si trova presso Aidone un altro interessante richiamo archeologico, costituito dagli scavi di Morgantina, antica città siculo-greca famosa perché molti dei preziosi reperti che vi erano stati rinvenuti erano successivamente erano stati trafugati e avevano raggiunto l’America: è il caso della “Dea di Morgantina”, che nel 1988 era stata acquistata all’asta dal Paul Getty Museum di Malibù, dov’è rimasta esposta fin al giorno della restituzione all’Italia, avvenuta il 17 marzo del 2011, due mesi prima della riesposizione al pubblico nel locale museo archeologico.
Al passaggio da Aidone inizierà l’ultimo e più consistente dei tre tratti di discesa che caratterizzano i primi 100 Km di gara, una planata di 13.4 Km al 4.6% che condurrà nella valle del fiume Gornalunga, dove tra il 1963 e il 1972 fu realizzato l’artificiale Lago di Ogliastro, concepito per garantire l’approvvigionamento idrico alla Piana di Catania e la cui diga, realizzata in terra battuta, è intitolata alla memoria del sacerdote e politico caltagironese Don Luigi Sturzo. Transitati non lungi dai resti della medioevale Torre di Albospino inizierà la porzione più scorrevole di questa frazione, che nei successivi trenta chilometri non proporrà più dislivelli di sorta, costantemente pedalando tra le campagne mentre strada facendo si supereranno i corsi del Dittàino prima e del Simeto poi. Superato quest’ultimo fiume, il secondo della Sicilia per lunghezza ma il principale per ampiezza di bacino, la strada tornerà a puntare verso l’alto, anche se non si potrà ancora parlare di salita vera finchè si sarà giunti nel centro di Paternò, cittadina il cui nome deriverrebbe dal latino “Paetram Aitnaion” (Rocca degli Etnei) e il cui principale monumento è il castello normanno eretto nel 1072 dal conte Ruggero I di Sicilia, primo conquistatore della Trinacria, è del quale è giunto ai nostri giorni solo una possente torre. A questo punto mancheranno 24 Km all’arrivo, molti di più dei 14 segnalati sul grafico ufficiale della salita perché i tratti più impegnativi saranno preceduti da una decina di chilometri che potremmo definire di “ambientazione” ma che sono a tutti gli effetti un’ascesa, perché si pedalerà su di una pendenza media del 5,9% sino al passaggio da Ragalna, il comune ospitante l’arrivo etneo del 2017. Già all’uscita da questo centro s’inconteranno inclinazioni importanti, poiché i primi 4700 metri salgono al 7,2% superando il punto di pendenza massima dell’intera ascesa (15%) poco prima della fine di questo tratto. La salita tornerà ad ammorbidirsi nel percorrere la Strada Milia – 4 Km al 5% – abbandonando la quale s’imboccherà la strada d’accesso all’osservatorio, andando incontro alle riprese delle “ostilità” altimetriche. Nei successivi 4 Km la pendenza tornerà, infatti, a lievitare e con una media dell’8% si raggiungerà il bivio con la Pista Altomontana dell’Etna, itinerario di trekking che aggira il Mongibello ad ovest unendo il versante meridionale del vulcano a quello settentrionale, passato il quale la salita quasi si “spiattellerà” nei conclusivi 1500 metri che dolcemente salgono al traguardo con una media del 3,1%. È risaputo che, se prima c’è stata gran bagarre, i tratti pedalabili affrontati subito dopo quelli più aspri finiscono per dilatare i distacchi accusati in precedenza… e dunque forse quest’anno l’Etna riuscirà a eruttare sentenze più roventi rispetto a quelle sancite dalla tappa disputata dodici mesi fa. Corridori permettendo.

Mauro Facoltosi

I VALICHI DELLA TAPPA

Valico Santa Barbara (524 metri). Quotato 523 metri sulle cartine del Giro 2017, è superato dalla SS 122 “Agrigentina” tra Caltanissetta e la località Ponte Capodarso. Vi sorge il Villaggio Santa Barbara, frazione di Caltanissetta che sarà attraversata dal gruppo a 3 Km dalla partenza.

Portella Castro (559 metri). Valicata dalla SS 117 bis “Centrale Sicula” tra la località Stretto Benesiti e il quartiere di Enna Bassa. Nei pressi del valico si trova lo scollinamento del primo dei due tratti dell’ascesa verso Enna.

Portella di Sant’Anna (744 metri). Vi sorge il quartiere di Enna Bassa, all’altezza del bivio sulla SS 117 bis “Centrale Sicula” con la SP 29 che sale verso la città alta.

RINGRAZIAMENTI

Segnaliamo che le citazioni cinematografiche (nel testo e nella fotogallery) sono frutto della collaborazione con il sito www.davinotti.com, che ringraziamo per la disponibilità.

FOTOGALLERY

Caltanissetta, Piazza Garibaldi

Enna, Torre di Federico II

Enna, Castello di Lombardia

Autodromo e lago di Pergusa

I stupendi mosaici romani rinvenuti nella Villa romana del Casale a Piazza Armerina

Scena di “Rivelazioni di un maniaco sessuale al capo della squadra mobile” girata nella centralissima Piazza Duomo di Piazza Armerina (www.davinotti.com)

Scena di “Rivelazioni di un maniaco sessuale al capo della squadra mobile” girata nella centralissima Piazza Duomo di Piazza Armerina (www.davinotti.com)

La “Dea di Morgantina”, perla del Museo Archeologico di Aidone

Gli scavi di Morgantina

Lago di Ogliastro

Torre di Albospino

Il castello normanno di Paternò

Il cancello che dà accesso all’ultimo tratto della strada diretta all’Osservatorio Astrofisico di Catania

L’Etna in eruzione e, in trasparenza, l’altimetria della sesta tappa del Giro 2018 (www.corriere.it)

L’Etna in eruzione e, in trasparenza, l’altimetria della sesta tappa del Giro 2018 (www.corriere.it)

GAVIRIA BATTE ITALIA 1 A 4

gennaio 22, 2018 by Redazione  
Filed under Copertina, News

La prima tappa della Vuelta a San Juan è andata a Fernando Gaviria, che ha regolato una nutrita pattuglia di ruote veloci italiane, poichè ben 4 azzurri sono giunti alle spalle del colombiano. La corsa a tappe argentina, scelta da alcuni dei bei nomi del ciclismo che conta per mettere chilometri nelle gambe al caldo dell’estate australe, ha dovuto purtroppo registrare il forfait di Vincenzo Nibali, vittima di un virus intestinale. Per la sua Bahrain Merida buona prova di Niccolò Bonifazio, secondo davanti a Pelucchi, Nizzolo e Belletti.

La notizia più eclatante in avvio dell’edizione 2018 della Vuelta a San Juan è stato il forfait di Vincenzo Nibali. Il “Tiburón” come viene chiamato a quelle latitudini (è la traduzione spagnola del soprannome di “Squalo”), è caduto vittima di un virus intestinale che lo ha letteralmente “messo a terra”. È stato il medico del tam, il dottor Magni, a comunicare la resa di Nibali, ipotizzando un recupero in tempi brevi ma senza sbilanciarsi sulla possibile data del debutto stagionale del capitano della Bahrain Merida.
Per quanto riguarda lo svolgimento della tappa che ha portato la carovana da San Juan a Villa Alberastain per 148.9 km, ha visto un lungo tentativo di fuga portato avanti da corridori sudamericani: gli argentini Facundo Cattapan (Municipalidad de Rawson),Daniel Juárez (Asociación Civil Mardan), Juan Melivilo (Municipalidad de Pocito), Duilio Ramos (squadra nazionale) e Adrián Richeze (Agrupación Vírgen de Fátima), l’uruguaiano Pablo Anchieri (squadra nazionale) e il cileno Víctor Olivares (squadra nazionale).
Il controllo di Quick-Step e Bora ha, però, hanno fatto sì che la fuga non diventasse mai pericolosa, Permettendo comunque ai corridori in testa alla corsa di guadagnarsi sia i traguardi volanti sparsi lungo il percorso, sia una notevole visibilità, visto l’interesse che anche in Europa si ha per la corsa argentina.
Ai meno 19 l’avventura dei fuggitivi, decimati anche dalle forature di Juárez e Melivilo è terminata. A quel punto sono salite in cattedra in maniera perentoria le squadre dei velocisti anche se, nonostante questo “controllo” finalizzato alla volata finale, hanno provato ad avvantaggiarsi senza successo il brasiliano Rodrigo Nascimento (squadra nazionale) e il nostro Filippo Pozzato (Wilier Triestina-Selle Italia). Stessa sorte è successivamente toccata alle sortite dello statunitense Daniel Eaton (UnitedHealthcare) e dell’argentino Gerardo Tivani (Municipalidad de Pocito).
Dopo questi infruttuosi tentativi c’è stato spazio solo per preparare al meglio la volata finale. Grazie al “solito” lavoro di Max Richeze (Quick-Step Floors) il colombiano Fernando Gaviria (Quick-Step Floors) si è andato a prendere la prima vittoria stagionale, senza mai essere impensierito dagli altri contendenti. Le restanti posizioni della top ten sono andate nell’ordine a Niccolò Bonifazio (Bahrain Merida), Matteo Pelucchi (Bora Hansgrohe), Giacomo Nizzolo (Trek-Segafredo), Manuel Belletti (Androni Giocattoli-Sidermec), Mauro Richeze (Agrupación Vírgen de Fátima), Héctor Lucero (Municipalidad de Pocito), Alexandr Riabushenko (UAE Team Emirates), Max Richeze (Quick-Step Floors) e Manuel Peñalver (Trevigiani Phonix-Hemus 1896).
Diverso si prospetta lo scenario per il finale della seconda tappa che prevede l’arrivo presso il lago artificiale di Punta Negra dopo aver ripetuto per tre volte la breve ma ripida salita che conduce alla diga dell’invaso, mille metri di strada al 8,3% di pendenza media che termineranno a circa 3 Km dal traguardo

Mario Prato

ORDINE D’ARRIVO

1 Fernando Gaviria (Col) Quick-Step Floors 3:15:23
2 Niccolo Bonifazio (Ita) Bahrain-Merida
3 Matteo Pelucchi (Ita) Bora-Hansgrohe
4 Giacomo Nizzolo (Ita) Trek-Segafredo
5 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
6 Mauro Richeze (Arg) A.C.A. Virgen De Fatima
7 Hector Lucero (Arg) Municipalidad de Pocito
8 Aleksandr Riabushenko (Blr) UAE Team Emirates
9 Maximiliano Richeze (Arg) Quick-Step Floors
10 Manuel Peñalver (Spa) Trevigiani Phonix-Hemus
11 Edwin Alcibiades Avila (Col) Israel-Cycling Academy
12 Yousif Mirza Al-Hammadi (UAE) UAE Team Emirates
13 Jens Keukeleire (Bel) Lotto Soudal
14 Carlos Alzate (Col) UnitedHealthcare Pro Cycling
15 Miguel Rubiano (Col) Coldeportes-Zenu
16 Rafael De Mattos (Bra) Brazil
17 Weimar Roldan (Col) Medellin
18 Alex Turrin (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
19 Ryan Mullen (Irl) Trek-Segafredo
20 Kristian Sbaragli (Ita) Israel-Cycling Academy
21 Luis Mas (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
22 Enzo Wouters (Bel) Lotto Soudal
23 Benjamin Perry (Can) Israel-Cycling Academy
24 Filippo Ganna (Ita) UAE Team Emirates
25 Ricardo Escuela (Arg) A.C.A. Virgen De Fatima
26 Daniel Juarez (Arg) Asociacion Civil Mardan
27 Ignacio Maldonado (Uru) Uruguay
28 Zahiri Abderrahim (Mar) Trevigiani Phonix-Hemus
29 Yannis Yssaad (Fra) Caja Rural-Seguros RGA
30 Robigzon Oyola (Col) Medellin
31 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
32 Oscar Sevilla (Spa) Medellin
33 Anderson Maldonado (Uru) Uruguay
34 Matteo Busato (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
35 Kanstantsin Suitsou (Blr) Bahrain-Merida
36 Pedro Portuondo (Cub) Cuba
37 Jhonatan Narvaez (Ecu) Quick-Step Floors
38 German Chaves (Col) Coldeportes-Zenu
39 Jose Lucian Martinez (Arg) Argentina
40 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team
41 Rafal Majka (Pol) Bora-Hansgrohe
42 Pablo Andres Alarcon (Chi) Canel’s-Specialized
43 Alan Presa (Uru) Uruguay
44 Mattia Bais (Ita) Italy
45 Nicolas Naranjo (Arg) A.C.A. Virgen De Fatima
46 Winner Anacona (Col) Movistar Team
47 Adrian Alvarado (Chi) Chile
48 Alexander Cataford (Can) UnitedHealthcare Pro Cycling
49 Eduardo Sepulveda (Arg) Movistar Team
50 Alejandro Duran (Arg) Argentina
51 Floryan Arnoult (Fra) Trevigiani Phonix-Hemus
52 Simone Velasco (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
53 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
54 Ruben Ramos (Arg) Argentina
55 Christofer Jurado (Pan) Trevigiani Phonix-Hemus
56 Omar Mendoza (Col) Medellin
57 Haston Javier (Arg) S.E.P. de San Juan
58 Leonardo Rodriguez (Arg) Asociacion Civil Mardan
59 Alan Valencio (Bra) Brazil
60 Tosh Van Der Sande (Bel) Lotto Soudal
61 Eric Marcotte (USA) UnitedHealthcare Pro Cycling
62 Michal Kolár (Svk) Bora-Hansgrohe
63 Darwin Atapuma (Col) UAE Team Emirates
64 Jarlinson Pantano (Col) Trek-Segafredo
65 Cristian Muñoz (Col) Coldeportes-Zenu
66 Miguel Eduardo Florez (Col) Wilier Triestina-Selle Italia
67 Atilio Pinno (Bra) Brazil
68 Peter Stetina (USA) Trek-Segafredo
69 Francisco Monte (Arg) Asociacion Civil Mardan
70 Roman Villalovos (CRc) Canel’s-Specialized
71 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
72 Luis Laverde (Col) Coldeportes-Zenu
73 Attilio Viviani (Ita) Italy
74 Ruben Rojas (Arg) Argentina
75 Felix Nordase (Cub) Cuba
76 Rodolfo Torres (Col) Androni Giocattoli-Sidermec
77 Marco Arriagada (Chi) Municipalidad de Pocito
78 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team
79 Filippo Rochetti (Ita) Italy
80 Rémi Cavagna (Fra) Quick-Step Floors
81 Alejandro Parra (Cub) Cuba
82 Pascal Ackermann (Ger) Bora-Hansgrohe
83 Dayer Quintana (Col) Movistar Team
84 Eduardo Corte (Mex) Canel’s-Specialized
85 German Tivani (Arg) Trevigiani Phonix-Hemus
86 Javier Montoya (Col) Trevigiani Phonix-Hemus
87 Roderich Aconegui (Uru) Uruguay
88 Mihkel Räim (Est) Israel-Cycling Academy
89 Anass Ait El Abdia (Mar) UAE Team Emirates
90 Jeovane De Oliveira (Bra) Brazil
91 Leonardo Fedrigo (Ita) Italy
92 Jose Luis Rodriguez (Chi) S.E.P. de San Juan
93 Enzo Moyano (Arg) Municipalidad de Pocito
94 Joaquim Silva (Por) Caja Rural-Seguros RGA
95 Efren Santos (Mex) Canel’s-Specialized
96 Jorge Pi (Arg) Asociacion Civil Mardan
97 Julen Amezqueta (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
98 Luciano Montivero (Arg) A.C.A. Virgen De Fatima
99 Rodrigo Do Nascimento (Bra) Brazil
100 Julio Camacho (Col) Coldeportes-Zenu
101 Alex Cano (Col) Coldeportes-Zenu
102 Ezequiel Falcon (Arg) Municipalidad de Rawson
103 Tiesj Benoot (Bel) Lotto Soudal
104 Marcos Mendez (Arg) Argentina
105 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team
106 Juan Pablo Dotti (Arg) S.E.P. de San Juan
107 Alan Ramirez (Arg) Municipalidad de Rawson
108 Ignacio Moyano (Chi) Chile
109 Gonzalo Najar (Arg) S.E.P. de San Juan
110 Daniel Diaz (Arg) S.E.P. de San Juan
111 Daniel Zamora (Arg) A.C.A. Virgen De Fatima
112 Guillaume Boivin (Can) Israel-Cycling Academy
113 Iljo Keisse (Bel) Quick-Step Floors
114 Walter Vargas (Col) Medellin
115 Cesar Paredes (Col) Medellin
116 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
117 Emiliano Ibarra (Arg) S.E.P. de San Juan
118 Jose Alfredo Santoyo (Mex) Canel’s-Specialized
119 Ignacio de Jesus Prado (Mex) Canel’s-Specialized
120 Franco Lopez (Arg) A.C.A. Virgen De Fatima
121 Gregory Daniel (USA) Trek-Segafredo
122 Nicolas Cabrera (Chi) Chile
123 Mauricio Bielinski (Bra) Brazil
124 Filippo Pozzato (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
125 Josu Zabala (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
126 Alvaro Cuadros (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
127 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
128 Richard Mascarañas (Uru) Uruguay
129 Higinio Lucero (Arg) Municipalidad de Rawson
130 Mauricio Muller (Arg) S.E.P. de San Juan
131 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida
132 Pawel Poljanski (Pol) Bora-Hansgrohe
133 Nicolas Maes (Bel) Lotto Soudal
134 Gonzalo Sabas Miranda (Chi) Municipalidad de Pocito
135 Sergio Aguirre (Arg) Municipalidad de Rawson
136 Leandro Marcos (Cub) Cuba
137 Christian Perez (Cub) Cuba
138 Jose Astiasaran (Arg) Asociacion Civil Mardan
139 Eugenio Alafaci (Ita) Trek-Segafredo
140 Jelle Wallays (Bel) Lotto Soudal
141 Emiliano Contreras (Arg) Asociacion Civil Mardan
142 Gerardo Tivani (Arg) Municipalidad de Pocito
143 Pedro Gonzalez (Arg) Municipalidad de Pocito
144 Pedro Gordillo (Arg) Municipalidad de Rawson
145 Filippo Calderaro (Ita) Italy
146 Travis McCabe (USA) UnitedHealthcare Pro Cycling
147 Daniel Eaton (USA) UnitedHealthcare Pro Cycling
148 Tanner Putt (USA) UnitedHealthcare Pro Cycling
149 Federico Burchio (Ita) Italy
150 Alvaro Hodeg (Col) Quick-Step Floors
151 Sebastian Reyes (Chi) Chile
152 Facundo Cattapan (Arg) Municipalidad de Rawson
153 Victor Olivares (Chi) Chile
154 Andreas Schillinger (Ger) Bora-Hansgrohe
155 Andres Paez (Arg) Municipalidad de Rawson
156 Patricio Almonacid (Chi) Chile
157 Juan Melivilo (Arg) Municipalidad de Pocito
158 Aviv Yechezkel (Isr) Israel-Cycling Academy
159 Adrian Richeze (Arg) A.C.A. Virgen De Fatima
160 Pablo Anchieri (Uru) Uruguay
161 Hidalgo Vera (Cub) Cuba
162 Duilio Ramos (Arg) Argentina
163 Oliviero Troia (Ita) UAE Team Emirates
164 Ivan Garcia (Spa) Bahrain-Merida

CLASSIFICA GENERALE

1 Fernando Gaviria (Col) Quick-Step Floors 3:15:13
2 Niccolo Bonifazio (Ita) Bahrain-Merida 4
3 Matteo Pelucchi (Ita) Bora-Hansgrohe 6
4 Daniel Juarez (Arg) Asociacion Civil Mardan 7
5 Giacomo Nizzolo (Ita) Trek-Segafredo 10
6 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 10
7 Mauro Richeze (Arg) A.C.A. Virgen De Fatima 10
8 Hector Lucero (Arg) Municipalidad de Pocito 10
9 Aleksandr Riabushenko (Blr) UAE Team Emirates 10
10 Maximiliano Richeze (Arg) Quick-Step Floors 10
11 Manuel Peñalver (Spa) Trevigiani Phonix-Hemus 10
12 Edwin Alcibiades Avila (Col) Israel-Cycling Academy 10
13 Yousif Mirza Al-Hammadi (UAE) UAE Team Emirates 10
14 Jens Keukeleire (Bel) Lotto Soudal 10
15 Carlos Alzate (Col) UnitedHealthcare Pro Cycling 10
16 Miguel Rubiano (Col) Coldeportes-Zenu 10
17 Rafael De Mattos (Bra) Brazil 10
18 Weimar Roldan (Col) Medellin 10
19 Alex Turrin (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 10
20 Ryan Mullen (Irl) Trek-Segafredo 10
21 Kristian Sbaragli (Ita) Israel-Cycling Academy 10
22 Luis Mas (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 10
23 Enzo Wouters (Bel) Lotto Soudal 10
24 Benjamin Perry (Can) Israel-Cycling Academy 10
25 Filippo Ganna (Ita) UAE Team Emirates 10
26 Ricardo Escuela (Arg) A.C.A. Virgen De Fatima 10
27 Ignacio Maldonado (Uru) Uruguay 10
28 Zahiri Abderrahim (Mar) Trevigiani Phonix-Hemus 10
29 Yannis Yssaad (Fra) Caja Rural-Seguros RGA 10
30 Robigzon Oyola (Col) Medellin 10
31 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 10
32 Oscar Sevilla (Spa) Medellin 10
33 Anderson Maldonado (Uru) Uruguay 10
34 Matteo Busato (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 10
35 Kanstantsin Suitsou (Blr) Bahrain-Merida 10
36 Pedro Portuondo (Cub) Cuba 10
37 Jhonatan Narvaez (Ecu) Quick-Step Floors 10
38 German Chaves (Col) Coldeportes-Zenu 10
39 Jose Lucian Martinez (Arg) Argentina 10
40 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team 10
41 Rafal Majka (Pol) Bora-Hansgrohe 10
42 Pablo Andres Alarcon (Chi) Canel’s-Specialized 10
43 Alan Presa (Uru) Uruguay 10
44 Mattia Bais (Ita) Italy 10
45 Nicolas Naranjo (Arg) A.C.A. Virgen De Fatima 10
46 Winner Anacona (Col) Movistar Team 10
47 Adrian Alvarado (Chi) Chile 10
48 Alexander Cataford (Can) UnitedHealthcare Pro Cycling 10
49 Eduardo Sepulveda (Arg) Movistar Team 10
50 Alejandro Duran (Arg) Argentina 10
51 Floryan Arnoult (Fra) Trevigiani Phonix-Hemus 10
52 Simone Velasco (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 10
53 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 10
54 Ruben Ramos (Arg) Argentina 10
55 Christofer Jurado (Pan) Trevigiani Phonix-Hemus 10
56 Omar Mendoza (Col) Medellin 10
57 Haston Javier (Arg) S.E.P. de San Juan 10
58 Leonardo Rodriguez (Arg) Asociacion Civil Mardan 10
59 Alan Valencio (Bra) Brazil 10
60 Tosh Van Der Sande (Bel) Lotto Soudal 10
61 Eric Marcotte (USA) UnitedHealthcare Pro Cycling 10
62 Michal Kolár (Svk) Bora-Hansgrohe 10
63 Darwin Atapuma (Col) UAE Team Emirates 10
64 Jarlinson Pantano (Col) Trek-Segafredo 10
65 Cristian Muñoz (Col) Coldeportes-Zenu 10
66 Miguel Eduardo Florez (Col) Wilier Triestina-Selle Italia 10
67 Atilio Pinno (Bra) Brazil 10
68 Peter Stetina (USA) Trek-Segafredo 10
69 Francisco Monte (Arg) Asociacion Civil Mardan 10
70 Roman Villalovos (CRc) Canel’s-Specialized 10
71 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 10
72 Luis Laverde (Col) Coldeportes-Zenu 10
73 Attilio Viviani (Ita) Italy 10
74 Ruben Rojas (Arg) Argentina 10
75 Felix Nordase (Cub) Cuba 10
76 Rodolfo Torres (Col) Androni Giocattoli-Sidermec 10
77 Marco Arriagada (Chi) Municipalidad de Pocito 10
78 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team 10
79 Rémi Cavagna (Fra) Quick-Step Floors 10
80 Alejandro Parra (Cub) Cuba 10
81 Pascal Ackermann (Ger) Bora-Hansgrohe 10
82 Dayer Quintana (Col) Movistar Team 10
83 Eduardo Corte (Mex) Canel’s-Specialized 10
84 German Tivani (Arg) Trevigiani Phonix-Hemus 10
85 Javier Montoya (Col) Trevigiani Phonix-Hemus 10
86 Roderich Aconegui (Uru) Uruguay 10
87 Mihkel Räim (Est) Israel-Cycling Academy 10
88 Anass Ait El Abdia (Mar) UAE Team Emirates 10
89 Jeovane De Oliveira (Bra) Brazil 10
90 Leonardo Fedrigo (Ita) Italy 10
91 Jose Luis Rodriguez (Chi) S.E.P. de San Juan 10
92 Enzo Moyano (Arg) Municipalidad de Pocito 10
93 Joaquim Silva (Por) Caja Rural-Seguros RGA 10
94 Efren Santos (Mex) Canel’s-Specialized 10
95 Jorge Pi (Arg) Asociacion Civil Mardan 10
96 Julen Amezqueta (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 10
97 Luciano Montivero (Arg) A.C.A. Virgen De Fatima 10
98 Rodrigo Do Nascimento (Bra) Brazil 10
99 Julio Camacho (Col) Coldeportes-Zenu 10
100 Alex Cano (Col) Coldeportes-Zenu 10
101 Ezequiel Falcon (Arg) Municipalidad de Rawson 10
102 Tiesj Benoot (Bel) Lotto Soudal 10
103 Marcos Mendez (Arg) Argentina 10
104 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team 10
105 Juan Pablo Dotti (Arg) S.E.P. de San Juan 10
106 Alan Ramirez (Arg) Municipalidad de Rawson 10
107 Ignacio Moyano (Chi) Chile 10
108 Gonzalo Najar (Arg) S.E.P. de San Juan 10
109 Daniel Diaz (Arg) S.E.P. de San Juan 10
110 Daniel Zamora (Arg) A.C.A. Virgen De Fatima 10
111 Guillaume Boivin (Can) Israel-Cycling Academy 10
112 Iljo Keisse (Bel) Quick-Step Floors 10
113 Walter Vargas (Col) Medellin 10
114 Cesar Paredes (Col) Medellin 10
115 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 10
116 Emiliano Ibarra (Arg) S.E.P. de San Juan 10
117 Jose Alfredo Santoyo (Mex) Canel’s-Specialized 10
118 Ignacio de Jesus Prado (Mex) Canel’s-Specialized 10
119 Franco Lopez (Arg) A.C.A. Virgen De Fatima 10
120 Gregory Daniel (USA) Trek-Segafredo 10
121 Nicolas Cabrera (Chi) Chile 10
122 Mauricio Bielinski (Bra) Brazil 10
123 Filippo Pozzato (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 10
124 Josu Zabala (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 10
125 Alvaro Cuadros (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 10
126 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 10
127 Richard Mascarañas (Uru) Uruguay 10
128 Aviv Yechezkel (Isr) Israel-Cycling Academy 10
129 Higinio Lucero (Arg) Municipalidad de Rawson 27
130 Mauricio Muller (Arg) S.E.P. de San Juan 27
131 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida 27
132 Pawel Poljanski (Pol) Bora-Hansgrohe 27
133 Nicolas Maes (Bel) Lotto Soudal 27
134 Gonzalo Sabas Miranda (Chi) Municipalidad de Pocito 27
135 Sergio Aguirre (Arg) Municipalidad de Rawson 27
136 Leandro Marcos (Cub) Cuba 27
137 Christian Perez (Cub) Cuba 27
138 Jose Astiasaran (Arg) Asociacion Civil Mardan 27
139 Eugenio Alafaci (Ita) Trek-Segafredo 27
140 Jelle Wallays (Bel) Lotto Soudal 27
141 Emiliano Contreras (Arg) Asociacion Civil Mardan 27
142 Gerardo Tivani (Arg) Municipalidad de Pocito 27
143 Filippo Rochetti (Ita) Italy 30
144 Pedro Gonzalez (Arg) Municipalidad de Pocito 38
145 Pedro Gordillo (Arg) Municipalidad de Rawson 38
146 Filippo Calderaro (Ita) Italy 40
147 Travis McCabe (USA) UnitedHealthcare Pro Cycling 47
148 Daniel Eaton (USA) UnitedHealthcare Pro Cycling 48
149 Tanner Putt (USA) UnitedHealthcare Pro Cycling 55
150 Federico Burchio (Ita) Italy
151 Alvaro Hodeg (Col) Quick-Step Floors 1:03:00
152 Sebastian Reyes (Chi) Chile
153 Facundo Cattapan (Arg) Municipalidad de Rawson 1:20:00
154 Victor Olivares (Chi) Chile 1:22:00
155 Andreas Schillinger (Ger) Bora-Hansgrohe 1:29:00
156 Andres Paez (Arg) Municipalidad de Rawson 2:28:00
157 Patricio Almonacid (Chi) Chile
158 Juan Melivilo (Arg) Municipalidad de Pocito 2:38:00
159 Adrian Richeze (Arg) A.C.A. Virgen De Fatima 3:37:00
160 Pablo Anchieri (Uru) Uruguay 3:42:00
161 Hidalgo Vera (Cub) Cuba 3:43:00
162 Duilio Ramos (Arg) Argentina
163 Oliviero Troia (Ita) UAE Team Emirates 3:50:00
164 Ivan Garcia (Spa) Bahrain-Merida

Gaviria sgomina la concorrenza italiana nella prima tappa della Vuelta a San Juan Internacional (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

Gaviria sgomina la concorrenza italiana nella prima tappa della Vuelta a San Juan Internacional (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

UN GORILLA AD ADELAIDE, GREIPEL VINCE ANCHE NEL GIORNO DEL TRIONFO DI IMPEY

gennaio 21, 2018 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Il Tour Down Under 2018 si conclude così come si era aperto sei giorni fa, con il successo allo sprint di Andrè Greipel (Lotto Soudal), che anche in questa occasione precede Caleb Ewan (Mitchelson Scott) e Peter Sagan (Bora Hansgrohe). Il sudafricano Daryl Impey (Mitchelton-Scott) vince la sua prima corsa World Tour, nella quale si è vista anche una buona prova di Diego Ulissi (UAE Emirates), quarto in classifica generale e già in condizione.

L’ultima tappa del Tour Down Under 2018 si svolge sul consueto circuito di Adelaide per un totale di 90 km. La passerella finale della corsa australiana non era mai stata incerta come quest’anno, dal momento che in classifica generale Daryl Impey (Mitchelson Scott) ha lo stesso tempo di Richie Porte (BMC) e lo sopravanza soltanto per la somma dei piazzamenti. Occhi aperti, quindi, per il sudafricano che ha la possibilità di vincere la corsa a tappe australiana rendendola il risultato più prestigioso della sua carriera. L’ultima tappa prevedeva due traguardi GPM e altrettanti sprint intermedi e, nonostante la brevità del percorso, potrebbe riservare sorprese proprio per la traballate situazione al vertice della classifica. Erano 125 i ciclisti che prendevano il via in un’altra giornata calda e afosa. Questa volta, rispetto alle frazioni precedenti, non c’erano immediati tentativi di fuga ed il gruppo viaggiava più o meno compatto, almeno fino al quinto giro del circuito quando riuscivano ad evadere Laurent Didier (Trek Segafredo), Truls Korsaeth (Astana) e Logan Owen (EF Education First-Drapac). Il gruppo lasciava fare ed il vantaggio del trio sfiorava il minuto e mezzo durante il settimo giro. In vista del primo traguardo volante il gruppo ricuciva sulla fuga che già aveva perso pezzi, tant’è vero che Owen era rimasto davanti da solo. Transitato in solitudine allo sprint intermedio, Owen veniva successivamente raggiunto da O’Connor (Dimension Data), che si aggiudicava il primo traguardo GPM al km 43.8 e poi anche il secondo sprint intermedio al km 54. Owen conquistata, infine, l’ultimo traguardo GPM posto al km 66.3. Nel frattempo il gruppo inseguitore vedeva avvicendarsi in testa uomini della Lotto Soudal e della Mitchelson Scott. Owen era l’ultimo ad arrendersi al ritorno del gruppo e veniva ripreso all’inizio del penultimo giro. Le squadre dei velocisti erano già pronte per posizionare i loro capitani nella miglior posizione per lo sprint. Un occhio particolare era riservato alla Mitchelton Scott che, oltre a preparare la volata a Caleb Ewan, doveva anche proteggere la maglia ocra di Impey. All’ultimo chilometro nelle prime posizioni si faceva vedere la Quick-Step Floors con la Bora Hansgrohe subito dietro. La volata era lanciata. Né Elia Viviani (Quick-Step Floors) né Peter Sagan (Bora Hansgrohe) riuscivano a premiare il lavoro delle rispettive formazioni mentre partiva Caleb Ewan, posizionato al meglio proprio da Impey che gli tirava la volata. Il folletto australiano sembrava avere la meglio ma alle sue spalle rinveniva a tutta velocità Andrè Greipel (Lotto Soudal) che riusciva a sorpassare Ewan nei metri conclusivi. Sagan concludeva in terza posizione, Viviani in quinta. Si tratta della seconda affermazione stagionale di Greipel dopo quella ottenuta nella prima tappa di questa corsa, davanti agli stessi corridori piazzatisi quest’oggi. Daryl Impey passa, invece alla storia per essere il primo sudafricano a vincere il Tour Down Underl, un successo conquistato grazie agli abbuoni conquistati qua e là e, soprattutto, grazie alla prova maiuscola offerta ieri sulla salita di WIllunga Hill. Sagan vince la classifica a punti, Nicholas Dlamini (Dimension Data) quella dei GPM e Egan Bernal (Sky) si classifica miglior giovane. Per quanto riguarda l’Italia, buone notizie provengono da Diego Ulissi (UAE Emirates), che termina al quarto posto in classifica generale e sembra avere già una buona condizione. Molti protagonisti del Tour Down Under resteranno ora in Australia visto che domenica prossima è in programma la Cadel Evans Ocean Road Race, seconda gara World Tour del 2018.

Giuseppe Scarfone

ORDINE D’ARRIVO

1 Andre Greipel (Ger) Lotto Soudal 2:01:19
2 Caleb Ewan (Aus) Mitchelton-Scott
3 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe
4 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb
5 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors
6 Steele von Hoff (Aus) UniSA-Australia
7 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
8 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
9 Carlos Barbero Cuesta (Spa) Movistar Team
10 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin
11 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
12 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors
13 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
14 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates
15 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team
16 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
17 Jon Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
18 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
19 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Sky
20 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
21 Lukasz Wisniowski (Pol) Team Sky
22 Ruben Guerreiro (Por) Trek-Segafredo
23 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo
24 Nathan Earle (Aus) UniSA-Australia
25 Rudiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
26 Jay McCarthy (Aus) Bora-Hansgrohe
27 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
28 Chris Hamilton (Aus) Team Sunweb
29 Nathan Haas (Aus) Katusha-Alpecin
30 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo
31 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team
32 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
33 Tom Jelte Slagter (Ned) Dimension Data
34 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data
35 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale
36 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott
37 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
38 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin
39 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky
40 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
41 Marc Soler (Spa) Movistar Team
42 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team
43 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal
44 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal
45 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
46 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe
47 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale
48 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team
49 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida
50 Jens Debusschere (Bel) Lotto Soudal
51 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team
52 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates
53 Patrick Bevin (NZl) BMC Racing Team
54 Michael Valgren Andersen (Den) Astana Pro Team
55 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo
56 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
57 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
58 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates
59 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo
60 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
61 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin
62 Mathew Hayman (Aus) Mitchelton-Scott
63 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
64 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
65 Tiago Machado (Por) Katusha-Alpecin
66 Thomas Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
67 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team
68 Simon Gerrans (Aus) BMC Racing Team
69 Scott Davies (GBr) Dimension Data
70 Maarten Wynants (Bel) LottoNL-Jumbo
71 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale
72 Owain Doull (GBr) Team Sky
73 Cameron Meyer (Aus) Mitchelton-Scott
74 Enric Mas (Spa) Quick-Step Floors
75 Rubén Fernandez (Spa) Movistar Team
76 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
77 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ
78 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo
79 Alex Porter (Aus) UniSA-Australia
80 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
81 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team
82 Daniel Moreno Fernandez (Spa) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
83 Marcel Sieberg (Ger) Lotto Soudal
84 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data
85 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data
86 Alex Edmondson (Aus) Mitchelton-Scott 0:00:12
87 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:00:13
88 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb 0:00:16
89 Lachlan Morton (Aus) Dimension Data 0:00:18
90 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
91 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida
92 Nuno Bico (Por) Movistar Team
93 Chad Haga (USA) Team Sunweb
94 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ
95 Florian Sénéchal (Fra) Quick-Step Floors
96 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
97 Simon Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
98 Miles Scotson (Aus) BMC Racing Team
99 Timothy Roe (Aus) UniSA-Australia
100 Laurens De Vreese (Bel) Astana Pro Team
101 Michael Storer (Aus) Team Sunweb
102 Stijn Vandenbergh (Bel) AG2R La Mondiale 0:00:30
103 Tom Leezer (Ned) LottoNL-Jumbo 0:00:37
104 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb 0:00:40
105 Jhonatan Restrepo (Col) Katusha-Alpecin 0:00:42
106 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates 0:01:05
107 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida 0:01:09
108 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:01:10
109 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 0:01:20
110 Jaime Castrillo (Spa) Movistar Team
111 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ
112 Scott Bowden (Aus) UniSA-Australia
113 Maciej Bodnar (Pol) Bora-Hansgrohe
114 Sam Welsford (Aus) UniSA-Australia 0:01:31
115 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates 0:01:46
116 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo 0:02:04
117 Daan Olivier (Ned) LottoNL-Jumbo 0:02:10
118 Zakkari Dempster (Aus) UniSA-Australia
119 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe
120 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:02:19
121 Oscar Gatto (Ita) Astana Pro Team 0:02:43
122 Truls Engen Korsaeth (Nor) Astana Pro Team
123 Chris Lawless (GBr) Team Sky 0:03:23
124 Logan Owen (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:04:26
125 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott 0:04:46

CLASSIFICA GENERALE

1 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott 20:03:34
2 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team
3 Tom Jelte Slagter (Ned) Dimension Data 0:00:16
4 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 0:00:20
5 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors
6 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Sky
7 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
8 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team 0:00:23
9 Ruben Guerreiro (Por) Trek-Segafredo
10 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo 0:00:24
11 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
12 Jon Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
13 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
14 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
15 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
16 Chris Hamilton (Aus) Team Sunweb
17 Enric Mas (Spa) Quick-Step Floors
18 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data 0:00:26
19 Jay McCarthy (Aus) Bora-Hansgrohe 0:00:29
20 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
21 Nathan Earle (Aus) UniSA-Australia
22 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
23 Scott Davies (GBr) Dimension Data 0:00:45
24 Daniel Moreno Fernandez (Spa) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:00:57
25 Cameron Meyer (Aus) Mitchelton-Scott 0:01:01
26 Michael Valgren Andersen (Den) Astana Pro Team 0:01:12
27 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal 0:01:22
28 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ 0:01:26
29 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors 0:01:28
30 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team 0:01:46
31 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo 0:01:57
32 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe 0:02:25
33 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal 0:03:04
34 Marc Soler (Spa) Movistar Team 0:03:09
35 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates 0:03:11
36 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo 0:05:24
37 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin 0:06:16
38 Simon Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:06:28
39 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates 0:06:34
40 Stijn Vandenbergh (Bel) AG2R La Mondiale 0:06:53
41 Simon Gerrans (Aus) BMC Racing Team 0:07:06
42 Timothy Roe (Aus) UniSA-Australia 0:07:42
43 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida 0:09:00
44 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:09:57
45 Owain Doull (GBr) Team Sky 0:10:30
46 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida 0:10:34
47 Lachlan Morton (Aus) Dimension Data 0:11:01
48 Michael Storer (Aus) Team Sunweb 0:11:02
49 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale 0:11:20
50 Rubén Fernandez (Spa) Movistar Team 0:11:24
51 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo 0:11:43
52 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo 0:12:00
53 Laurens De Vreese (Bel) Astana Pro Team 0:12:41
54 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb 0:12:47
55 Nathan Haas (Aus) Katusha-Alpecin 0:13:45
56 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb 0:13:46
57 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team 0:13:47
58 Tiago Machado (Por) Katusha-Alpecin 0:13:50
59 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team 0:14:18
60 Mathew Hayman (Aus) Mitchelton-Scott 0:15:30
61 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe 0:15:43
62 Miles Scotson (Aus) BMC Racing Team 0:16:09
63 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo 0:16:22
64 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky 0:16:32
65 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:16:34
66 Jhonatan Restrepo (Col) Katusha-Alpecin 0:17:02
67 Nuno Bico (Por) Movistar Team 0:17:15
68 Maarten Wynants (Bel) LottoNL-Jumbo 0:17:19
69 Daan Olivier (Ned) LottoNL-Jumbo 0:17:46
70 Steele von Hoff (Aus) UniSA-Australia 0:18:32
71 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:18:36
72 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team 0:19:55
73 Tom Leezer (Ned) LottoNL-Jumbo 0:20:18
74 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team 0:20:20
75 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors 0:21:05
76 Alex Edmondson (Aus) Mitchelton-Scott 0:22:55
77 Caleb Ewan (Aus) Mitchelton-Scott 0:23:01
78 Carlos Barbero Cuesta (Spa) Movistar Team 0:23:27
79 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale 0:23:34
80 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ 0:23:46
81 Thomas Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:24:01
82 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors 0:24:12
83 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:24:22
84 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale 0:24:45
85 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:24:58
86 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data 0:25:27
87 Patrick Bevin (NZl) BMC Racing Team 0:27:13
88 Zakkari Dempster (Aus) UniSA-Australia 0:28:13
89 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates 0:28:20
90 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates 0:28:25
91 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe 0:28:40
92 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida 0:29:06
93 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin 0:29:24
94 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:30:35
95 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data 0:30:48
96 Andre Greipel (Ger) Lotto Soudal 0:31:08
97 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 0:31:21
98 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ 0:33:18
99 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data 0:33:40
100 Lukasz Wisniowski (Pol) Team Sky 0:33:55
101 Alex Porter (Aus) UniSA-Australia 0:34:27
102 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale 0:35:10
103 Oscar Gatto (Ita) Astana Pro Team 0:35:45
104 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team 0:35:46
105 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors 0:36:12
106 Florian Sénéchal (Fra) Quick-Step Floors 0:36:16
107 Jaime Castrillo (Spa) Movistar Team 0:37:01
108 Rudiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe 0:38:14
109 Marcel Sieberg (Ger) Lotto Soudal 0:39:07
110 Truls Engen Korsaeth (Nor) Astana Pro Team 0:39:09
111 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott 0:39:39
112 Maciej Bodnar (Pol) Bora-Hansgrohe 0:39:51
113 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo 0:41:09
114 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 0:41:24
115 Chris Lawless (GBr) Team Sky 0:41:25
116 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo 0:41:33
117 Logan Owen (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:41:46
118 Jens Debusschere (Bel) Lotto Soudal 0:41:49
119 Scott Bowden (Aus) UniSA-Australia 0:43:13
120 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb 0:45:21
121 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo 0:47:29
122 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:53:09
123 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida 0:55:28
124 Sam Welsford (Aus) UniSA-Australia 0:56:34
125 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ 0:59:55

La vittoria di Greipel ad Adelaide mette i sigilli alla 20a edizione del Tour Down Under (foto Bettini)

La vittoria di Greipel ad Adelaide mette i sigilli alla 20a edizione del Tour Down Under (foto Bettini)

PORTE, VITTORIA E BEFFA A WILLUNGA HILL

gennaio 20, 2018 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Richie Porte (BMC) conquista la vittoria su uno degli arrivi a lui più cari ma Daryl Impey (Mitchelson Scott), secondo di giornata, gli rompe le uova nel paniere andando a indossare la maglia ocra avendo lo stesso tempo dell’australiano in classifica ma essendo favorito dalla somma dei piazzamenti. Domani Impey potrà così vincere la sua prima corsa a tappe World Tour della carriera.

Ed anche quest’anno, come già ampiamente previsto ed anticipato, il Tour Down Under si decide sulla doppia ascesa finale di Willunga Hill, salita simbolo della breve corsa australiana. La curiosità principale, alla partenza della quinta e penultima tappa, era capire se Peter Sagan (Bora Hansgrohe) avrebbe tenuto duro e combattuto per la vittoria finale oppure se avrebbe lavorato per il compagno McCarthy. Dopo la partenza da Mc Laren Vale si formava la fuga più numerosa di questa edizione grazie all’azione di 7 ciclisti, Thomas De Gendt (Lotto Soudal), Nicholas Dlamini (Dimension Data), Mads Schmidt (Katusha), Nuno Bico (Movistar), Fumiyuki Beppu (Trek Segafredo), Zak Dempster e Scott Bowden (UniSA Australia). Dopo 6 km il gruppetto aveva già un vantaggio vicino ai 2 minuti, aumentati a 5 dopo il ventesimo chilometro di gara. BMC e Bora Hansgrohe controllavano l’avanguardia del gruppo mentre si registrava in testa alla corsa una caduta del portoghese Bico che rientrava prontamente tra i fuggitivi, seppur dolorante al gomito sinistro. Dopo 40 km di corsa il vantaggio della fuga era sceso a 4 minuti. Beppu si aggiudicava il primo sprint intermedio di Snapper Point, posto al km 63.4. Nel frattempo in testa al gruppo si facevano vedere anche gli uomini di Sky, Quick Step e Bahrain Merida. De Gendt si aggiudicava il secondo sprint intermedio al km 103.4. A 40 km dall’arrivo, grazie anche al nuovo impulso offerto dall’UAE Emirates, il vantaggio della fuga scendeva sotto i 3 minuti. Ai meno 30 il vantaggio della fuga era di 2 minuti e successivamente iniziava la prima ascesa verso Willunga Hill con il gruppetto in avanscoperta che pian piano perdeva pezzi. De Gendt transitava in prima posizione davanti a Dlamini al primo scollinamento, poi il belga restava da solo in testa alla corsa sfruttando le sue doti di discesista, ma veniva successivamente ripreso dal gruppo in forte rimonta a circa 10 km dalla fine. La seconda e decisiva ascesa verso Willunga Hill era lì ad attendere i ciclisti. All’inizio dell’ascesa era l’UAE Emirates a fare il forcing ed a mettere in fila un gruppo già molto ridotto numericamente. Rispondeva la BMC che piazzava Rohan Dennis in testa ad imporre un ritmo ancora più deciso. Il primo dei grandi a staccarsi, ai meno 2, era proprio Peter Sagan che così usciva fuori dalla classifica. Richie Porte (BMC) scattava a 1 km e mezzo dall’arrivo, seguito come un’ombra da Jay McCarthy (Bora Hansgrohe), il quale non riusciva a mantenere il suo ritmo e si staccava dalla sua ruota a un chilometro dall’arrivo. Porte andava così a vincere ancora una volta su uno dei suoi arrivi preferiti, sul quale puntualmente si impone dal 2014. In seconda posizione si classificava Daryl Impey (Team Mitchelson Scott) a 8 secondi mentre chiudeva il podio di giornata Tom-Jelte Slagter (Dimension Data) a 10 secondi. Porte ottiene la prima vittoria stagionale, ma ancora meglio va a Impey che ipoteca la vittoria del Tour Down under 2018. Infatti in classifica generale il sudafricano, pur non avendo vinto nessuna tappa, conduce con lo spesso tempo su Porte per la somma dei migliori piazzamenti. Terzo è Slagter a 16 secondi mentre chiudono la top five Diego Ulissi (UAE Emirates) e Dries Devenys (Quick Step), entrambi classificati a 20 secondi. Domani Impey dovrà tenere comunque gli occhi aperti nell’ultima tappa, disegnata interamente sulle strade di Adelaide e favorevole ai velocisti.

Giuseppe Scarfone

ORDINE D’ARRIVO

1 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team 3:42:22
2 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott 0:00:08
3 Tom Jelte Slagter (Ned) Dimension Data 0:00:10
4 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors
5 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Sky
6 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
7 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates
8 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo 0:00:14
9 Jon Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
10 Ruben Guerreiro (Por) Trek-Segafredo
11 Enric Mas (Spa) Quick-Step Floors
12 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
13 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
14 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
15 Chris Hamilton (Aus) Team Sunweb
16 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
17 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale 0:00:19
18 Marc Soler (Spa) Movistar Team
19 Nathan Earle (Aus) UniSA-Australia
20 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
21 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
22 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team
23 Jay McCarthy (Aus) Bora-Hansgrohe 0:00:24
24 Rubén Fernandez (Spa) Movistar Team 0:00:35
25 Scott Davies (GBr) Dimension Data
26 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin 0:00:44
27 Daniel Moreno Fernandez (Spa) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:00:47
28 Cameron Meyer (Aus) Mitchelton-Scott 0:00:51
29 Michael Valgren Andersen (Den) Astana Pro Team 0:01:02
30 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal 0:01:12
31 Michael Storer (Aus) Team Sunweb 0:01:16
32 Tiago Machado (Por) Katusha-Alpecin
33 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
34 Owain Doull (GBr) Team Sky 0:01:18
35 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
36 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
37 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
38 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:01:24
39 Stijn Vandenbergh (Bel) AG2R La Mondiale 0:01:45
40 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal 0:01:47
41 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
42 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates 0:01:56
43 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates 0:02:01
44 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team 0:02:06
45 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida 0:02:08
46 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
47 Simon Gerrans (Aus) BMC Racing Team 0:02:28
48 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team 0:02:33
49 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe
50 Steele von Hoff (Aus) UniSA-Australia 0:02:45
51 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:02:55
52 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida 0:03:24
53 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe
54 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo 0:03:42
55 Lachlan Morton (Aus) Dimension Data 0:03:55
56 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb 0:04:04
57 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb
58 Laurens De Vreese (Bel) Astana Pro Team 0:04:26
59 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo 0:04:39
60 Mathew Hayman (Aus) Mitchelton-Scott 0:04:41
61 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team
62 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ
63 Maarten Wynants (Bel) LottoNL-Jumbo
64 Jhonatan Restrepo (Col) Katusha-Alpecin
65 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky
66 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
67 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:04:56
68 Simon Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
69 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe 0:05:18
70 Timothy Roe (Aus) UniSA-Australia 0:05:53
71 Tom Leezer (Ned) LottoNL-Jumbo 0:06:15
72 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin
73 Andre Greipel (Ger) Lotto Soudal 0:06:42
74 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
75 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:07:28
76 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data
77 Miles Scotson (Aus) BMC Racing Team 0:07:29
78 Daan Olivier (Ned) LottoNL-Jumbo 0:08:08
79 Scott Bowden (Aus) UniSA-Australia
80 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team
81 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale
82 Alex Edmondson (Aus) Mitchelton-Scott 0:08:26
83 Lukasz Wisniowski (Pol) Team Sky 0:08:45
84 Maciej Bodnar (Pol) Bora-Hansgrohe
85 Logan Owen (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:09:46
86 Thomas Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
87 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal
88 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:09:56
89 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:10:52
90 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott
91 Oscar Gatto (Ita) Astana Pro Team
92 Caleb Ewan (Aus) Mitchelton-Scott 0:11:47
93 Patrick Bevin (NZl) BMC Racing Team
94 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale
95 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ
96 Chris Lawless (GBr) Team Sky
97 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale
98 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo
99 Carlos Barbero Cuesta (Spa) Movistar Team
100 Jaime Castrillo (Spa) Movistar Team
101 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida
102 Alex Porter (Aus) UniSA-Australia
103 Sam Welsford (Aus) UniSA-Australia
104 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data
105 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data
106 Jens Debusschere (Bel) Lotto Soudal
107 Nuno Bico (Por) Movistar Team
108 Marcel Sieberg (Ger) Lotto Soudal
109 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo
110 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors 0:12:44
111 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
112 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors
113 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team
114 Florian Sénéchal (Fra) Quick-Step Floors
115 Zakkari Dempster (Aus) UniSA-Australia
116 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin
117 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo
118 Nathan Haas (Aus) Katusha-Alpecin
119 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe
120 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates
121 Rudiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
122 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
123 Truls Engen Korsaeth (Nor) Astana Pro Team 0:13:00
124 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb 0:13:13
125 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ

CLASSIFICA GENERALE

1 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott 18:02:15
2 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team
3 Tom Jelte Slagter (Ned) Dimension Data 00:00:16
4 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 0:00:20
5 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors
6 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Sky
7 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
8 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo 0:00:24
9 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
10 Jon Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
11 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
12 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
13 Ruben Guerreiro (Por) Trek-Segafredo
14 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
15 Chris Hamilton (Aus) Team Sunweb
16 Enric Mas (Spa) Quick-Step Floors
17 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team 0:00:25
18 Jay McCarthy (Aus) Bora-Hansgrohe 0:00:29
19 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
20 Nathan Earle (Aus) UniSA-Australia
21 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
22 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
23 Scott Davies (GBr) Dimension Data 0:00:45
24 Daniel Moreno Fernandez (Spa) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:00:57
25 Cameron Meyer (Aus) Mitchelton-Scott 0:01:01
26 Michael Valgren Andersen (Den) Astana Pro Team 0:01:12
27 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal 0:01:22
28 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ 0:01:26
29 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team 0:01:28
30 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
31 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo 0:01:57
32 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates 0:02:06
33 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe 0:02:29
34 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal 0:03:04
35 Marc Soler (Spa) Movistar Team 0:03:09
36 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo 0:05:24
37 Simon Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:06:10
38 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin 0:06:16
39 Stijn Vandenbergh (Bel) AG2R La Mondiale 0:06:23
40 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates 0:06:34
41 Simon Gerrans (Aus) BMC Racing Team 0:07:06
42 Timothy Roe (Aus) UniSA-Australia 0:07:24
43 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida 0:09:00
44 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:09:57
45 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida 0:10:16
46 Owain Doull (GBr) Team Sky 0:10:30
47 Lachlan Morton (Aus) Dimension Data 0:10:43
48 Michael Storer (Aus) Team Sunweb 0:10:44
49 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale 0:11:20
50 Rubén Fernandez (Spa) Movistar Team 0:11:24
51 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo 0:11:43
52 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo 0:12:00
53 Laurens De Vreese (Bel) Astana Pro Team 0:12:23
54 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb 0:12:31
55 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb 0:13:06
56 Nathan Haas (Aus) Katusha-Alpecin 0:13:45
57 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team 0:13:47
58 Tiago Machado (Por) Katusha-Alpecin 0:13:50
59 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team 0:14:18
60 Mathew Hayman (Aus) Mitchelton-Scott 0:15:30
61 Daan Olivier (Ned) LottoNL-Jumbo 0:15:36
62 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe 0:15:43
63 Miles Scotson (Aus) BMC Racing Team 0:15:51
64 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:16:16
65 Jhonatan Restrepo (Col) Katusha-Alpecin 0:16:20
66 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo 0:16:22
67 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky 0:16:32
68 Nuno Bico (Por) Movistar Team 0:16:57
69 Maarten Wynants (Bel) LottoNL-Jumbo 0:17:19
70 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:17:26
71 Steele von Hoff (Aus) UniSA-Australia 0:18:32
72 Tom Leezer (Ned) LottoNL-Jumbo 0:19:41
73 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team 0:19:55
74 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team 0:20:20
75 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors 0:21:05
76 Alex Edmondson (Aus) Mitchelton-Scott 0:22:43
77 Caleb Ewan (Aus) Mitchelton-Scott 0:23:07
78 Carlos Barbero Cuesta (Spa) Movistar Team 0:23:27
79 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale 0:23:34
80 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ 0:23:46
81 Thomas Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:00:01
82 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors 0:00:12
83 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:24:22
84 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale 0:24:45
85 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
86 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data 0:25:27
87 Zakkari Dempster (Aus) UniSA-Australia 0:26:03
88 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe 0:26:30
89 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates 0:26:39
90 Patrick Bevin (NZl) BMC Racing Team 0:27:13
91 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates 0:28:20
92 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida 0:29:06
93 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin 0:29:24
94 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 0:30:01
95 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:30:17
96 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data 0:30:48
97 Andre Greipel (Ger) Lotto Soudal 0:31:18
98 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ 0:33:01
99 Oscar Gatto (Ita) Astana Pro Team 0:33:02
100 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data 0:33:40
101 Lukasz Wisniowski (Pol) Team Sky 0:33:55
102 Alex Porter (Aus) UniSA-Australia 0:34:27
103 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott 0:34:53
104 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale 0:35:10
105 Jaime Castrillo (Spa) Movistar Team 0:35:41
106 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team 0:35:46
107 Florian Sénéchal (Fra) Quick-Step Floors 0:35:58
108 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors 0:36:12
109 Truls Engen Korsaeth (Nor) Astana Pro Team 0:36:26
110 Logan Owen (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:37:25
111 Chris Lawless (GBr) Team Sky 0:38:02
112 Rudiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe 0:38:14
113 Maciej Bodnar (Pol) Bora-Hansgrohe 0:38:31
114 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo 0:39:05
115 Marcel Sieberg (Ger) Lotto Soudal 0:39:07
116 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 0:41:24
117 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo 0:41:33
118 Jens Debusschere (Bel) Lotto Soudal 0:41:49
119 Scott Bowden (Aus) UniSA-Australia 0:41:53
120 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb 0:45:21
121 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo 0:47:29
122 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:50:50
123 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida 0:54:19
124 Sam Welsford (Aus) UniSA-Australia 0:55:03
125 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ 0:58:35

Porte allattacco verso il suo traguardo preferito (foto Tim de Waele)

Porte all'attacco verso il suo traguardo preferito (foto Tim de Waele)

SAGAN SENZA AVVERSARI AD URAIDLA

gennaio 19, 2018 by Redazione  
Filed under Copertina, News

In una tappa fatta su misura per lui e pur essendo ad inizio stagione Peter Sagan (Bora Hansgrohe) non delude le attese e vince in scioltezza ad Uraidla al termine di una frazione combattuta e dal finale nervoso. Lo slovacco batte in una volata ristretta Daryl Impey (Mitchelson Scott) e un redivivo Luis León Sánchez (Astana). Buone prove di Diego Ulissi (UAE Emirates) e Domenico Pozzovivo (Bahrain Merida), rispettivamente quarto e settimo. Adesso Sagan è anche primo in classifica generale e domani per lui ci sarà la prova del nove sull’arrivo decisivo di Willunga Hill.

La quarta tappa da Norwood ad Uraidla presentava insidie concentrate in un finale tecnico e nervoso. Un buon antipasto, quindi, per la tappa regina di Willunga Hill in programma sabato. Caleb Ewan (Mitchelton Scott) indossava per il terzo giorno consecutivo la maglia ocra ma erano molti i dubbi che sarebbe rimasta sulle sue spalle anche dopo l’inedito arrivo di Uraidla. Ed anche oggi le temperature attorno ai 40 gradi sarebbero stati un ostacolo in più per i ciclisti, costretti ad un’idratazione costante. iDopo la partenza da Norwood, avvenita con sessanta minuti di anticipo rispetto al programma originariamente stabilito proprio nel tentativo di evitare le ore più calde della giornata, si formava immediatamente la fuga composta da due ciclisti, entrambi facenti parte del team UniSA-Australia, Zakhary Dempster ed Alex Porter. Dopo 3 km il loro vantaggio era già di 1 minuto e mezzo. Il gruppo, per il momento del tutto disinteressato all’inseguimento, lasciava che il vantaggio della coppia di testa lievitasse ulteriormente e dopo 10 km i minuti erano salita a 6. Si segnalava nel frattempo una sortita dal gruppo della coppia Lotto Soudal composta da André Greipel e Thomas De Gendt, che restavano a bagnomaria per un paio di chilometri ma poi venivano ripresi dal gruppo. Dempster si aggiudicava il primo sprint intermedio di Birdwood al km 38.6, dove il gruppo era, invece, regolato da Elia Viviani (Quick Step). Ai meno 80 il vantaggio della coppia di testa era di poco superiore agli 8 minuti. Al secondo sprint intermedio era Porter a sopravanzare Dempster mentre Viviani si classificava nuovamente terzo. Il gruppo iniziava a fare sul serio ed ai meno 50 il suo ritardo su Porter e Dempster era sceso a 3 minuti e 25 secondi. Porter si faceva sfilare e Dempster restava da solo in testa alla corsa. Le squadre dei ciclisti in lotta per la maglia ocra si alternavano in testa al gruppo e riprendevano Dempster a circa 20 km dall’arrivo. All’orizzonte si faceva minacciosa l’ascesa di Norton Summit con la Bora Hansgrohe della coppia Sagan-McCarthy molto attiva nelle prime posizioni. Iniziava la salita e si faceva vedere la BMC insieme a UAE Emirates e Bahrain Merida. Tra gli uomini di classifica cedeva immediatamente Caleb Ewan (Mitchelton-Scott) e anche Nathan Haas (Katusha) denotava qualche difficoltà a tenere l’andatura del gruppo ma riusciva a rientrare tra i primi. Richie Porte (BMC) transitava in prima posizione in vetta, mentre il gruppo di testa era composto da non più di 30 ciclisti. Iniziavano le scaramucce negli ultimi 10 km in un gioco di attacchi e contrattacchi che vedevano impegnati, tra gli altri, Gorka Izagirre (Bahrain Merida), George Bennett (LottoNL-Jumbo) e lo stesso Peter Sagan. Il gruppo si presentava, però, compatto all’ultimo chilometro e appariva chiaro che la tappa si sarebbe decisa con una volata ristretta. Era Peter Sagan a imporsi con una certa facilità su Daryl Impey (Mitchelson Scott) e Luis León Sánchez (Astana). Da segnalare il quarto posto di Diego Ulissi (UAE Emirates) ed il settimo di Domenico Pozzovivo (Bahrain Merida). Il campione del mondo, dopo l’esibizione alla People’s Choice Classic, corsa che precede il Tour Down Under, ottiene la seconda vittoria stagionale in una tappa su misura per lui ed ora veste anche la maglia ocra di leader della classifica generale con due secondi di vantaggio su Impey e nove sul compagno di squadra Jay McCarthy. Delude Haas che, dopo alcune buoni risultati nelle tappe precedenti, arriva a quasi un minuto dai primi ed è tagliato fuori dalla lotta per la maglia ocra. Domani è in programma la tappa decisiva con la doppia ascesa finale di Willunga Hill. Sagan lotterà per la vittoria finale oppure lavorerà per il compagno McCarthy? Domani ne sapremo di più.

Giuseppe Scarfone

ORDINE D’ARRIVO

1 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe 3:21:07
2 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott
3 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team
4 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates
5 Jay McCarthy (Aus) Bora-Hansgrohe
6 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors
7 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
8 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates
9 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
10 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
11 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Sky
12 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
13 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
14 Cameron Meyer (Aus) Mitchelton-Scott
15 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
16 Ruben Guerreiro (Por) Trek-Segafredo
17 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo
18 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
19 Nathan Earle (Aus) UniSA-Australia
20 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
21 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team
22 Chris Hamilton (Aus) Team Sunweb
23 Michael Valgren Andersen (Den) Astana Pro Team
24 Jon Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
25 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
26 Daniel Moreno Fernandez (Spa) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
27 Simon Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
28 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal
29 Tom Jelte Slagter (Ned) Dimension Data
30 Enric Mas (Spa) Quick-Step Floors
31 Scott Davies (GBr) Dimension Data
32 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
33 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
34 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
35 Michael Storer (Aus) Team Sunweb
36 Nathan Haas (Aus) Katusha-Alpecin 0:00:54
37 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal
38 Timothy Roe (Aus) UniSA-Australia 0:01:21
39 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin 0:02:19
40 Marc Soler (Spa) Movistar Team 0:02:40
41 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates 0:03:51
42 Simon Gerrans (Aus) BMC Racing Team 0:03:56
43 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida
44 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo
45 Stijn Vandenbergh (Bel) AG2R La Mondiale
46 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida
47 Nuno Bico (Por) Movistar Team
48 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
49 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ 0:04:05
50 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:05:03
51 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo 0:06:21
52 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb
53 Daan Olivier (Ned) LottoNL-Jumbo 0:06:38
54 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team
55 Laurens De Vreese (Bel) Astana Pro Team
56 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team
57 Miles Scotson (Aus) BMC Racing Team
58 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo
59 Lachlan Morton (Aus) Dimension Data
60 Mathew Hayman (Aus) Mitchelton-Scott 0:08:01
61 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb
62 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ 0:09:00
63 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida 0:09:02
64 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe
65 Owain Doull (GBr) Team Sky
66 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
67 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale
68 Patrick Bevin (NZl) BMC Racing Team
69 Rubén Fernandez (Spa) Movistar Team 0:10:39
70 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:10:43
71 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ
72 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
73 Alex Edmondson (Aus) Mitchelton-Scott 0:10:46
74 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data 0:11:30
75 Caleb Ewan (Aus) Mitchelton-Scott
76 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data
77 Jaime Castrillo (Spa) Movistar Team
78 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team
79 Carlos Barbero Cuesta (Spa) Movistar Team
80 Tiago Machado (Por) Katusha-Alpecin
81 Thomas Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
82 Maarten Wynants (Bel) LottoNL-Jumbo
83 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team
84 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale
85 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors
86 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
87 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky
88 Florian Sénéchal (Fra) Quick-Step Floors
89 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data
90 Zakkari Dempster (Aus) UniSA-Australia
91 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates
92 Tom Leezer (Ned) LottoNL-Jumbo
93 Jhonatan Restrepo (Col) Katusha-Alpecin
94 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:13:21
95 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida 0:14:34
96 Steele von Hoff (Aus) UniSA-Australia
97 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo
98 Oscar Gatto (Ita) Astana Pro Team 0:14:37
99 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe
100 Sam Welsford (Aus) UniSA-Australia 0:15:18
101 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal
102 Scott Bowden (Aus) UniSA-Australia
103 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott
104 Rudiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe 0:15:25
105 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates 0:15:26
106 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
107 Logan Owen (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
108 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale
109 Maciej Bodnar (Pol) Bora-Hansgrohe
110 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team 0:16:32
111 Alex Porter (Aus) UniSA-Australia
112 Lukasz Wisniowski (Pol) Team Sky 0:17:15
113 Marcel Sieberg (Ger) Lotto Soudal
114 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb
115 Truls Engen Korsaeth (Nor) Astana Pro Team
116 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team
117 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe
118 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
119 Andre Greipel (Ger) Lotto Soudal
120 Chris Lawless (GBr) Team Sky 0:18:44
121 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
122 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo
123 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott 0:19:10
124 Jens Debusschere (Bel) Lotto Soudal 0:19:13
125 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin
126 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin
127 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ 0:19:33

CLASSIFICA GENERALE

1 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe 14:19:49
2 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott 0:00:02
3 Jay McCarthy (Aus) Bora-Hansgrohe 0:00:09
4 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team 0:00:10
5 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 0:00:14
6 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo
7 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates
8 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
9 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors
10 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Sky
11 Jon Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
12 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
13 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
14 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
15 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
16 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
17 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
18 Ruben Guerreiro (Por) Trek-Segafredo
19 Chris Hamilton (Aus) Team Sunweb
20 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team
21 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
22 Nathan Earle (Aus) UniSA-Australia
23 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal
24 Tom Jelte Slagter (Ned) Dimension Data
25 Daniel Moreno Fernandez (Spa) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
26 Michael Valgren Andersen (Den) Astana Pro Team
27 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
28 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
29 Scott Davies (GBr) Dimension Data
30 Enric Mas (Spa) Quick-Step Floors
31 Cameron Meyer (Aus) Mitchelton-Scott
32 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
33 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
34 Nathan Haas (Aus) Katusha-Alpecin 0:01:05
35 Simon Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:01:18
36 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal 0:01:21
37 Timothy Roe (Aus) UniSA-Australia 0:01:35
38 Marc Soler (Spa) Movistar Team 0:02:54
39 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo 0:04:10
40 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ 0:04:19
41 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates 0:04:37
42 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo 0:04:42
43 Simon Gerrans (Aus) BMC Racing Team
44 Stijn Vandenbergh (Bel) AG2R La Mondiale
45 Nuno Bico (Por) Movistar Team 0:05:14
46 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin 0:05:36
47 Lachlan Morton (Aus) Dimension Data 0:06:52
48 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida 0:06:56
49 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida
50 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:07:06
51 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo 0:07:25
52 Daan Olivier (Ned) LottoNL-Jumbo 0:07:32
53 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:07:34
54 Laurens De Vreese (Bel) Astana Pro Team 0:08:01
55 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo 0:08:05
56 Miles Scotson (Aus) BMC Racing Team 0:08:26
57 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb 0:08:31
58 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb 0:09:06
59 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team 0:09:10
60 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale 0:09:16
61 Owain Doull (GBr) Team Sky
62 Michael Storer (Aus) Team Sunweb 0:09:32
63 Rubén Fernandez (Spa) Movistar Team 0:10:53
64 Mathew Hayman (Aus) Mitchelton-Scott
65 Caleb Ewan (Aus) Mitchelton-Scott 0:11:24
66 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
67 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors 0:11:32
68 Jhonatan Restrepo (Col) Katusha-Alpecin 0:11:43
69 Carlos Barbero Cuesta (Spa) Movistar Team 0:11:44
70 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky 0:11:55
71 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team 0:12:16
72 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team
73 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe 0:12:23
74 Tiago Machado (Por) Katusha-Alpecin 0:12:38
75 Maarten Wynants (Bel) LottoNL-Jumbo 0:12:42
76 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale 0:13:02
77 Zakkari Dempster (Aus) UniSA-Australia 0:13:25
78 Tom Leezer (Ned) LottoNL-Jumbo 0:13:30
79 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates 0:13:59
80 Thomas Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:14:19
81 Alex Edmondson (Aus) Mitchelton-Scott 0:14:21
82 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors 0:14:27
83 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale 0:15:30
84 Patrick Bevin (NZl) BMC Racing Team
85 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates 0:15:40
86 Steele von Hoff (Aus) UniSA-Australia 0:15:51
87 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:16:58
88 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team 0:17:26
89 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data 0:18:03
90 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data 0:19:05
91 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ 0:19:09
92 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:19:29
93 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 0:20:22
94 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe 0:21:16
95 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ 0:21:18
96 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data 0:21:58
97 Oscar Gatto (Ita) Astana Pro Team 0:22:14
98 Alex Porter (Aus) UniSA-Australia 0:22:44
99 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team 0:23:06
100 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin 0:23:13
101 Florian Sénéchal (Fra) Quick-Step Floors 0:23:18
102 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:23:25
103 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale 0:23:27
104 Truls Engen Korsaeth (Nor) Astana Pro Team 0:23:30
105 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott
106 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors 0:23:32
107 Jaime Castrillo (Spa) Movistar Team 0:23:58
108 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott 0:24:05
109 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida 0:24:29
110 Andre Greipel (Ger) Lotto Soudal 0:24:40
111 Lukasz Wisniowski (Pol) Team Sky 0:25:14
112 Rudiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe 0:25:34
113 Chris Lawless (GBr) Team Sky 0:26:19
114 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo 0:27:22
115 Marcel Sieberg (Ger) Lotto Soudal 0:27:24
116 Logan Owen (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:27:43
117 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 0:28:46
118 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo 0:28:53
119 Maciej Bodnar (Pol) Bora-Hansgrohe 0:29:50
120 Jens Debusschere (Bel) Lotto Soudal 0:30:06
121 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb 0:32:12
122 Scott Bowden (Aus) UniSA-Australia 0:33:50
123 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo 0:34:49
124 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:38:10
125 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida 0:42:36
126 Sam Welsford (Aus) UniSA-Australia 0:43:20
127 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ 0:45:26

La ristretta volata vinta da Sagan al termine della tappa di Uraidla (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

La ristretta volata vinta da Sagan al termine della tappa di Uraidla (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

VIVIANI, PRIMO SQUILLO ITALIANO AL WORLD TOUR 2018

gennaio 18, 2018 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Un ispiratissimo Elia Viviani (Quick Step) ottiene la vittoria nella terza tappa del Tour Down Under sul traguardo di Victor Harbor battendo in volata grazie ad una rimonta spettacolare Caleb Ewan (Mitchelton Scott), poi terzo, e Phil Bauhaus (Sunweb), secondo. Ewan resta primo in classifica generale con 10 secondi di vantaggio sull’italiano, ma nei prossimi due giorni le cose cambieranno poiché la strada, e soprattutto i chilometri finali della quarta e della quinta tappa, disegnati all’insù, daranno spazio a chi vuole vincere la maglia ocra.

Le temperature estreme, vicine ai 40 gradi, inducevano gli organizzatori del Tour Down Under ad accorciare la tappa da Glenelg a Victor Harbor. Il circuito finale non avrebbe più previsto tre giri da percorrere, ma soltanto uno e la lunghezza totale della tappa sarebbe passata dai 146.5 km originari ai 120.5 sui quali si è gareggiato. Caleb Ewan (Mitchelton Scott), nuovo leader della classifica generale, aveva la possibilità di vestire nuovamente la maglia ocra, in considerazione della probabile volata che avrebbe caratterizzato anche oggi il finale. Erano 129 i partenti da Glenelg e rispetto alla tappa precedente era costretto a dare forfait Steve Morabito (FDJ), a causa di un problema alla spalla accusato in seguito a una caduta. Dopo la partenza si formava una fuga composta da Nicholas Dlamini (Dimension Data) e Scott Bowden (UniSA-Australia), già protagonisti nelle due tappe iniziali. Dopo circa 10 km dalla partenza la coppia in testa aveva già oltre 4 minuti di vantaggio sul gruppo. Percorsi altrettanti chilometriil vantaggio era ulteriormente salito a 5 minuti e mezzo, mentre il gruppo manteneva un’andatura blanda, preoccupandosi più ad alimentarsi e, soprattutto, ad idratarsi accuratamente a causa del caldo torrido. In testa vi erano in ogni caso, a controllare la situazione, gli uomini della Mitchelton Scott e della Lotto Soudal. Al km 34, lungo l’ascesa di Pennys Hill, unico traguardo GPM della tappa, il gruppo riduceva il distacco dalla testa della corsa portandolo a 4 minuti e 10 secondi. Dlamini transitava in prima posizione al traguardo della montagna rafforzando la sua leadership nella speciale classifica e restando inoltre il solo al comando della corsa poiché Bowden restava attardato di alcune decine di secondi, anche se poi riusciva a ritornare sulla testa della corsa. Il primo traguardo intermedio di Myponga, posto al km 61.6, pure se lo aggiudicava Dlamini. Il sudafricano si rialzava e Bowden restava da solo in testa alla corsa. Ai meno 45 l’australiano aveva 3 minuti di vantaggio sul gruppo che iniziava adesso a imprimere un ritmo più elevato con le squadre dei velocisti. Bowden transitava per primo al secondo sprint intermedio di Inman Valley, posto al km 88,3. Interessante la lotta per gli abbuoni nel gruppo, che vedeva Nathan Haas (Katusha) secondo e Jay McCarthy (Bora Hansgrohe) terzo. Ai 30 km dall’arrivo il vantaggio di Bowden era di 1 minuto e 15 secondi. L’australiano veniva, infine, ripreso quando mancavano 20 km all’arrivo. Iniziava così ai meno 16 l’unico giro del circuito dopo il passaggio sul traguardo. Tiago Machado (Katusha) tentava un attacco isolato e guadagnava un risicato margine di 12 secondi ai meno 10. Il gruppo, sotto l’azione della Mitchelton Scott, della Quick Step e della Lotto Soudal, riprendeva il portoghese ai meno 8. Ai meno 3 era la squadra del leader a prendere in mano la situazione ed il gruppo si allungava vistosamente. La volata, dopo due semicurve verso destra e verso sinistra, era lanciata. Daryl Impey (Mitchelson Scott) lanciava alla perfezione Ewan ma alle sue spalle era altresì Fabio Sabatini (Quick Step) a lavorare al meglio per Elia Viviani che partiva ai meno 100 con una volata lunghissima con la quale riusciva anche a superare Ewan ed ad imporsi così sul traguardo di Victor Harbor, ottenendo la prima vittoria italiana nel World Tour 2018 e la seconda di questa stagione dopo quella conseguita ieri da Rinaldo Nocentini (Sporting Clube de Portugal/Tavira) nella terza tappa della Tropicale Amissa Bongo, corsa in programma in questi giorni nello stato africano del Gabon. Ewan doveva addirittura accontentarsi del terzo posto poiché Phil Bauhaus (Sunweb) riusciva a piazzarsi secondo con un colpo di reni. Quarto si piazzava Simone Consonni (UAE Emirates) mentre chiudeva la top five Peter Sagan (Bora Hansgrohe). In classifica generale Ewan resta primo con Viviani ora secondo a 10 secondi e Daryl Impey terzo a 14 secondi. Domani è in programma la quarta tappa da Norwood a Uraidla per un totale di 128.2. km, frazione dal finale movimentato nel quale la classifica generale potrebbe ulteriormente cambiare alla vigilia della resa dei conti a Willunga Hill.

Giuseppe Scarfone

ORDINE D’ARRIVO

1 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors 3:04:40
2 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb
3 Caleb Ewan (Aus) Mitchelton-Scott
4 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
5 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe
6 Simon Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
7 Alex Edmondson (Aus) Mitchelton-Scott
8 Zakkari Dempster (Aus) UniSA-Australia
9 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors
10 Jay McCarthy (Aus) Bora-Hansgrohe
11 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe
12 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
13 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo
14 Rudiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
15 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
16 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team
17 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team
18 Jhonatan Restrepo (Col) Katusha-Alpecin
19 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott
20 Nathan Haas (Aus) Katusha-Alpecin
21 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates
22 Ruben Guerreiro (Por) Trek-Segafredo
23 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ
24 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates
25 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates
26 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
27 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
28 Jon Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
29 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
30 Steele von Hoff (Aus) UniSA-Australia
31 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo
32 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal
33 Andre Greipel (Ger) Lotto Soudal
34 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal
35 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky
36 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Sky
37 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
38 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
39 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data
40 Truls Engen Korsaeth (Nor) Astana Pro Team
41 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb
42 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
43 Daniel Moreno Fernandez (Spa) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
44 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
45 Chris Hamilton (Aus) Team Sunweb
46 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
47 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team
48 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team
49 Michael Valgren Andersen (Den) Astana Pro Team
50 Nathan Earle (Aus) UniSA-Australia
51 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
52 Marc Soler (Spa) Movistar Team
53 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin
54 Chris Lawless (GBr) Team Sky
55 Rubén Fernandez (Spa) Movistar Team
56 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
57 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
58 Simon Gerrans (Aus) BMC Racing Team
59 Marcel Sieberg (Ger) Lotto Soudal
60 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
61 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
62 Carlos Barbero Cuesta (Spa) Movistar Team
63 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo
64 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo
65 Tom Jelte Slagter (Ned) Dimension Data
66 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates
67 Enric Mas (Spa) Quick-Step Floors
68 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
69 Owain Doull (GBr) Team Sky
70 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida
71 Cameron Meyer (Aus) Mitchelton-Scott
72 Timothy Roe (Aus) UniSA-Australia
73 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team
74 Daan Olivier (Ned) LottoNL-Jumbo
75 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale
76 Scott Davies (GBr) Dimension Data
77 Lachlan Morton (Aus) Dimension Data
78 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
79 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team
80 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team
81 Stijn Vandenbergh (Bel) AG2R La Mondiale
82 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida
83 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ
84 Tiago Machado (Por) Katusha-Alpecin
85 Nuno Bico (Por) Movistar Team
86 Lukasz Wisniowski (Pol) Team Sky
87 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin
88 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale
89 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida 0:00:24
90 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale 0:00:26
91 Alex Porter (Aus) UniSA-Australia
92 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data
93 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team
94 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo
95 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ
96 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
97 Thomas Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
98 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates
99 Maarten Wynants (Bel) LottoNL-Jumbo 0:00:31
100 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
101 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo 0:00:34
102 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe
103 Mathew Hayman (Aus) Mitchelton-Scott 0:00:38
104 Jens Debusschere (Bel) Lotto Soudal 0:00:44
105 Florian Sénéchal (Fra) Quick-Step Floors
106 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 0:00:48
107 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb
108 Tom Leezer (Ned) LottoNL-Jumbo
109 Logan Owen (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:00:54
110 Laurens De Vreese (Bel) Astana Pro Team 0:00:56
111 Miles Scotson (Aus) BMC Racing Team 0:01:02
112 Maciej Bodnar (Pol) Bora-Hansgrohe 0:01:04
113 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal
114 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ
115 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data
116 Michael Storer (Aus) Team Sunweb 0:01:29
117 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott
118 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:02:00
119 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:02:17
120 Jaime Castrillo (Spa) Movistar Team 0:02:22
121 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates
122 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:02:30
123 Sam Welsford (Aus) UniSA-Australia 0:03:37
124 Scott Bowden (Aus) UniSA-Australia
125 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida
126 Oscar Gatto (Ita) Astana Pro Team
127 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott 0:04:54
128 Patrick Bevin (NZl) BMC Racing Team 0:05:20
129 Jonathan Dibben (GBr) Team Sky 0:06:34

CLASSIFICA GENERALE

1 Caleb Ewan (Aus) Mitchelton-Scott 10:58:36
2 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors 0:00:10
3 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott 0:00:14
4 Jay McCarthy (Aus) Bora-Hansgrohe 0:00:15
5 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe 0:00:16
6 Nathan Haas (Aus) Katusha-Alpecin 0:00:17
7 Jhonatan Restrepo (Col) Katusha-Alpecin 0:00:19
8 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates 0:00:20
9 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo
10 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ
11 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates
12 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team
13 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
14 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates
15 Jon Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
16 Carlos Barbero Cuesta (Spa) Movistar Team
17 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
18 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Sky
19 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors
20 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
21 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
22 Ruben Guerreiro (Por) Trek-Segafredo
23 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
24 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
25 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
26 Chris Hamilton (Aus) Team Sunweb
27 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team
28 Rubén Fernandez (Spa) Movistar Team
29 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
30 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal
31 Tom Jelte Slagter (Ned) Dimension Data
32 Nathan Earle (Aus) UniSA-Australia
33 Marc Soler (Spa) Movistar Team
34 Daniel Moreno Fernandez (Spa) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
35 Michael Valgren Andersen (Den) Astana Pro Team
36 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
37 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
38 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
39 Scott Davies (GBr) Dimension Data
40 Enric Mas (Spa) Quick-Step Floors
41 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
42 Timothy Roe (Aus) UniSA-Australia
43 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
44 Cameron Meyer (Aus) Mitchelton-Scott
45 Lachlan Morton (Aus) Dimension Data
46 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
47 Owain Doull (GBr) Team Sky
48 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky 0:00:31
49 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal 0:00:33
50 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb 0:00:36
51 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:00:47
52 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo 0:00:52
53 Simon Gerrans (Aus) BMC Racing Team
54 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates
55 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team
56 Stijn Vandenbergh (Bel) AG2R La Mondiale
57 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team
58 Daan Olivier (Ned) LottoNL-Jumbo 0:01:00
59 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team
60 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:01:02
61 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo 0:01:10
62 Tiago Machado (Por) Katusha-Alpecin 0:01:14
63 Maarten Wynants (Bel) LottoNL-Jumbo 0:01:18
64 Steele von Hoff (Aus) UniSA-Australia 0:01:23
65 Simon Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:01:24
66 Nuno Bico (Por) Movistar Team
67 Laurens De Vreese (Bel) Astana Pro Team 0:01:29
68 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo 0:01:33
69 Miles Scotson (Aus) BMC Racing Team 0:01:54
70 Zakkari Dempster (Aus) UniSA-Australia 0:02:06
71 Tom Leezer (Ned) LottoNL-Jumbo
72 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:02:09
73 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates 0:02:35
74 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team 0:02:38
75 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb 0:02:51
76 Thomas Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:02:55
77 Mathew Hayman (Aus) Mitchelton-Scott 0:02:58
78 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors 0:03:03
79 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida 0:03:06
80 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida
81 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin 0:03:23
82 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe 0:03:27
83 Alex Edmondson (Aus) Mitchelton-Scott 0:03:41
84 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale 0:04:06
85 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale
86 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin
87 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott 0:04:26
88 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 0:05:10
89 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team 0:05:57
90 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:06:14
91 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:06:16
92 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:06:21
93 Truls Engen Korsaeth (Nor) Astana Pro Team
94 Alex Porter (Aus) UniSA-Australia 0:06:23
95 Patrick Bevin (NZl) BMC Racing Team 0:06:34
96 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data 0:06:39
97 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe 0:06:45
98 Andre Greipel (Ger) Lotto Soudal 0:07:31
99 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data 0:07:41
100 Chris Lawless (GBr) Team Sky
101 Oscar Gatto (Ita) Astana Pro Team 0:07:43
102 Lukasz Wisniowski (Pol) Team Sky 0:08:05
103 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale 0:08:07
104 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors 0:08:12
105 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott 0:08:53
106 Michael Storer (Aus) Team Sunweb 0:09:38
107 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 0:09:39
108 Rudiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe 0:10:15
109 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
110 Marcel Sieberg (Ger) Lotto Soudal
111 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ
112 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data 0:10:34
113 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ 0:10:41
114 Jens Debusschere (Bel) Lotto Soudal 0:10:59
115 Florian Sénéchal (Fra) Quick-Step Floors 0:11:54
116 Logan Owen (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:12:23
117 Jaime Castrillo (Spa) Movistar Team 0:12:34
118 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo 0:12:54
119 Maciej Bodnar (Pol) Bora-Hansgrohe 0:14:30
120 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb 0:15:03
121 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida 0:15:33
122 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo 0:16:11
123 Scott Bowden (Aus) UniSA-Australia 0:18:38
124 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:21:01
125 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates 0:22:08
126 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ 0:25:59
127 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida 0:28:08
128 Sam Welsford (Aus) UniSA-Australia
129 Jonathan Dibben (GBr) Team Sky 0:31:05

Viviani è il primo italiano a mostrare le spalle agli avversari in una corsa del World Tour 2018 (foto Bettini)

Viviani è il primo italiano a mostrare le spalle agli avversari in una corsa del World Tour 2018 (foto Bettini)

EWAN, FULMINE A STIRLING: TAPPA E MAGLIA

gennaio 17, 2018 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Un autoritario Caleb Ewan (Mitchelton Scott) si impone a Stirling nella seconda tappa del Tour Down Under 2018, battendo in una volata anomala il compagno di squadra Daryl Impey e Jay McCarthy (Bora Hansgrohe). Il piccolo australiano tiene duro e resta nel gruppo in un finale molto complicato, costellato di saliscendi che, ad esempio, sono stati fatali per l’ex maglia ocra Andrè Greipel (Lotto Soudal). Ewan è ora primo in classifica generale e domani potrà estendere il suo vantaggio nella semplice tappa di Port Harbor, nella quale è ancora previsto l’arrivo in volata.

La seconda tappa del Tour Down Under 2018 misurava 148,6 km e si svolgeva tra le località di Unley e Stirling. Dopo la vittoria nella prima frazione che gli è valsa anche la maglia ocra, simbolo del leader della classifica generale, Andrè Greipel (Lotto Soudal) dovrà guadagnarsi la volata insieme agli altri velocisti, visto che la tappa in questione prevede un finale molto nervoso, con un circuito da percorrere tre volte che presenta numerosi saliscendi. In più, le altissime temperature con cui i ciclisti dovranno misurarsi saranno un’altra insidia verso Stirling, località d’arrivo per la quinta volta nella storia della corsa australiana. Non si presentava alla partenza Daniel Helgaard (FDJ), vittima di una caduta negli ultimi metri della prima tappa. La fuga di giornata era composta da quattro ciclisti: protagonisti erano ancora i tre corridori andati all’avanscoperta ieri – Nicholas Dlamini (Dimension Data), Will Crarke (EF Drapac) e Scott Bowdwn (Unisa Australia) – ai quali si aggregava Jaime Castrillo (Movistar). Il quartetto aveva già oltre 4 minuti di vantaggio dopo 10 km. All’unico GPM previsto, quello di Tea Tree Gully Hill al km 12.8, era Dlamini a transitare in prima posizione e a rafforzare così il primato nella speciale classifica. Dopo aver conquistato i punti il sudafricano si rialzava facendosi riprendere dal gruppo. Dopo 25 km percorsi il vantaggio del terzetto in testa era di 4 minuti e 20 secondi su un gruppo che non aveva ancora deciso di accelerare e, infatti, il vantaggio aumentava ad oltre 5 minuti al km 30. Dopo 42 km la testa della corsa aveva incrementato ancora il vantaggio sul gruppo a 6 minuti e 20 secondi. Al km 46 era in programma il primo sprint intermedio, vinto da Clarke. In testa al gruppo si facevano vedere gli uomini della Bahrain Merida che aumentavano l’andatura e nel giro di un paio di chilometri riducevano il ritardo del plotone intorno ai 4 minuti. A 80 km dall’arrivo il vantaggio della fuga era di poco più di 3 minuti. Clarke si aggiudicava anche il secondo sprint intermedio, posto al km 77, e diventava così il leader virtuale della classifica generale avendo rosicchiato in totale 6 secondi a Greipel. Successivamente Castrillo restava da solo in testa alla corsa, mentre il gruppo accelerava ulteriormente l’andatura, abbassando a poco più di 2 minuti il vantaggio dello spagnolo ai meno 50i. L’unica nota di cronaca, a questo puntom era la caduta che coinvolgeva Steve Morabito (FDJ) ai meno 27. Il francese, seppur dolorante alla spalla, si rimetteva in sella. Intanto Castrillo iniziava l’ultimo dei tre giri del circuito di Stirling con un vantaggio di 52 secondi sul gruppo. Lo spagnolo veniva, infine, ripreso quando mancavano 15 km all’arrivo e iniziavano le scaramucce in testa al gruppo per assicurarsi i posti migliori in un finale non banale. Le squadre più attive erano la Quick Step, la Bohra Hansgrohe, la Sunweb e l’EF Drapac. Anche la Mitchelton Scott, l’UAE Emirates e la Katusha erano nelle prime posizioni del gruppo, mentre alzava bandiera bianca Andrè Greipel, evidentemente troppo affaticato dai continui saliscendi. La volata attendeva così un gruppetto comprendente non più di 30 ciclisti. Peter Sagan (Bora Hansgrohe) sembrava avere la meglio scattando ai meno 100, ma non riusciva a mantenere un vantaggio sufficiente a tagliare il traguardo in prima posizione, poiché veniva superato con uno scatto bruciante da Caleb Ewan (Mitchelton Scott). In seconda posizione si classificava Daryl Impey, compagno di formazione di Ewan, mentre terzo era Jay McCharty (Bora Hansgrohe). Sagan doveva accontentarsi della quarta posizione mentre nella top ten erano da segnalare il sesto posto di Elia Viviani (Quick Step) e l’ottavo di Domenico Pozzovivo (Bahrain Merida). In classifica generale Caleb Ewan, alla prima affermazione stagionale, conduce con un vantaggio di 10 secondi su Daryl Impey e 12 secondi sulla coppia Sagan – McCarthy. Domani terza tappa da Glenelg a Victor Harbor per un totale di 146 km. Un solo GPM posto dopo 42 km non dovrebbe evitare questa volta una volata di massa, visto che il finale è più semplice di quello odierno. Questa volta tutti i velocisti sono chiamati alla rivincita, vento permettendo perchè il finale si costeggerà più volte l’Oceano Indiano.

Giuseppe Scarfone

ORDINE D’ARRIVO

1 Caleb Ewan (Aus) Mitchelton-Scott 4:03:55
2 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott
3 Jay McCarthy (Aus) Bora-Hansgrohe
4 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe
5 Nathan Haas (Aus) Katusha-Alpecin
6 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors
7 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
8 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
9 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team
10 Carlos Barbero Cuesta (Spa) Movistar Team
11 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
12 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ
13 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates
14 Daniel Moreno Fernandez (Spa) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
15 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
16 Timothy Roe (Aus) UniSA-Australia
17 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
18 Jon Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
19 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates
20 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo
21 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors
22 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team
23 Tom Jelte Slagter (Ned) Dimension Data
24 Ruben Guerreiro (Por) Trek-Segafredo
25 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Sky
26 Marc Soler (Spa) Movistar Team
27 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
28 Michael Valgren Andersen (Den) Astana Pro Team
29 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
30 Enric Mas (Spa) Quick-Step Floors
31 Scott Davies (GBr) Dimension Data
32 Cameron Meyer (Aus) Mitchelton-Scott
33 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
34 Nathan Earle (Aus) UniSA-Australia
35 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
36 Chris Hamilton (Aus) Team Sunweb
37 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
38 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal
39 Jhonatan Restrepo (Col) Katusha-Alpecin
40 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb
41 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
42 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
43 Rubén Fernandez (Spa) Movistar Team
44 Owain Doull (GBr) Team Sky
45 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
46 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
47 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
48 Lachlan Morton (Aus) Dimension Data
49 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky 0:00:11
50 Laurens De Vreese (Bel) Astana Pro Team 0:00:13
51 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal
52 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
53 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:00:16
54 Maarten Wynants (Bel) LottoNL-Jumbo 0:00:27
55 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates 0:00:32
56 Stijn Vandenbergh (Bel) AG2R La Mondiale
57 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo
58 Simon Gerrans (Aus) BMC Racing Team
59 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team
60 Miles Scotson (Aus) BMC Racing Team
61 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team
62 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team 0:00:40
63 Daan Olivier (Ned) LottoNL-Jumbo
64 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo 0:00:50
65 Tiago Machado (Por) Katusha-Alpecin 0:00:54
66 Patrick Bevin (NZl) BMC Racing Team
67 Tom Leezer (Ned) LottoNL-Jumbo 0:00:58
68 Steele von Hoff (Aus) UniSA-Australia 0:01:03
69 Simon Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:01:04
70 Nuno Bico (Por) Movistar Team
71 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo 0:01:13
72 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb 0:01:15
73 Mathew Hayman (Aus) Mitchelton-Scott 0:01:42
74 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott
75 Zakkari Dempster (Aus) UniSA-Australia 0:01:46
76 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:01:49
77 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates
78 Thomas Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:02:09
79 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team 0:02:18
80 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe 0:02:43
81 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
82 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida 0:02:46
83 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida
84 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin 0:03:03
85 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott 0:03:21
86 Alex Edmondson (Aus) Mitchelton-Scott
87 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:03:26
88 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:03:28
89 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 0:03:46
90 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin
91 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale
92 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale
93 Oscar Gatto (Ita) Astana Pro Team
94 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data 0:05:15
95 Alex Porter (Aus) UniSA-Australia 0:05:37
96 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team
97 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe 0:05:51
98 Michael Storer (Aus) Team Sunweb 0:06:01
99 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
100 Truls Engen Korsaeth (Nor) Astana Pro Team
101 Chris Lawless (GBr) Team Sky 0:07:21
102 Lukasz Wisniowski (Pol) Team Sky
103 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
104 Andre Greipel (Ger) Lotto Soudal
105 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data
106 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale
107 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 0:08:31
108 Marcel Sieberg (Ger) Lotto Soudal 0:09:55
109 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo
110 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ
111 Jaime Castrillo (Spa) Movistar Team
112 Rudiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
113 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data
114 Florian Sénéchal (Fra) Quick-Step Floors
115 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ
116 Jens Debusschere (Bel) Lotto Soudal
117 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
118 Logan Owen (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:11:09
119 Maciej Bodnar (Pol) Bora-Hansgrohe
120 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb 0:14:49
121 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo
122 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
123 Steve Morabito (Swi) Groupama-FDJ
124 Scott Bowden (Aus) UniSA-Australia
125 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe
126 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates 0:19:26
127 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida 0:24:11
128 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ
129 Sam Welsford (Aus) UniSA-Australia
130 Jonathan Dibben (GBr) Team Sky

CLASSIFICA GENERALE

1 Caleb Ewan (Aus) Mitchelton-Scott 7:54:00
2 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott 0:00:10
3 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe 0:00:12
4 Jay McCarthy (Aus) Bora-Hansgrohe
5 Nathan Haas (Aus) Katusha-Alpecin 0:00:15
6 Jhonatan Restrepo (Col) Katusha-Alpecin
7 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors 0:00:16
8 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
9 Carlos Barbero Cuesta (Spa) Movistar Team
10 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ
11 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates
12 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo
13 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
14 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
15 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
16 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team
17 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates
18 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
19 Jon Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
20 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
21 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Sky
22 Tom Jelte Slagter (Ned) Dimension Data
23 Chris Hamilton (Aus) Team Sunweb
24 Rubén Fernandez (Spa) Movistar Team
25 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
26 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team
27 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
28 Ruben Guerreiro (Por) Trek-Segafredo
29 Nathan Earle (Aus) UniSA-Australia
30 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
31 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors
32 Scott Davies (GBr) Dimension Data
33 Marc Soler (Spa) Movistar Team
34 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
35 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
36 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal
37 Daniel Moreno Fernandez (Spa) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
38 Michael Valgren Andersen (Den) Astana Pro Team
39 Enric Mas (Spa) Quick-Step Floors
40 Timothy Roe (Aus) UniSA-Australia
41 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
42 Lachlan Morton (Aus) Dimension Data
43 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
44 Cameron Meyer (Aus) Mitchelton-Scott
45 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
46 Owain Doull (GBr) Team Sky
47 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
48 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:00:17
49 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky 0:00:27
50 Laurens De Vreese (Bel) Astana Pro Team 0:00:29
51 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal
52 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:00:32
53 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb
54 Maarten Wynants (Bel) LottoNL-Jumbo 0:00:43
55 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo 0:00:48
56 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates
57 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team
58 Stijn Vandenbergh (Bel) AG2R La Mondiale
59 Simon Gerrans (Aus) BMC Racing Team
60 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team
61 Miles Scotson (Aus) BMC Racing Team
62 Daan Olivier (Ned) LottoNL-Jumbo 0:00:56
63 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team
64 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo 0:01:06
65 Patrick Bevin (NZl) BMC Racing Team 0:01:10
66 Tiago Machado (Por) Katusha-Alpecin
67 Tom Leezer (Ned) LottoNL-Jumbo 0:01:14
68 Steele von Hoff (Aus) UniSA-Australia 0:01:19
69 Simon Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:01:20
70 Nuno Bico (Por) Movistar Team
71 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo 0:01:29
72 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb 0:01:59
73 Zakkari Dempster (Aus) UniSA-Australia 0:02:02
74 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:02:05
75 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates
76 Mathew Hayman (Aus) Mitchelton-Scott 0:02:16
77 Thomas Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:02:25
78 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team 0:02:34
79 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott 0:02:53
80 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors 0:02:59
81 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida 0:03:02
82 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida
83 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin 0:03:19
84 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe 0:03:23
85 Alex Edmondson (Aus) Mitchelton-Scott 0:03:37
86 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:03:42
87 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott 0:03:55
88 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale 0:04:02
89 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale
90 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin
91 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal
92 Oscar Gatto (Ita) Astana Pro Team
93 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:04:10
94 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data 0:05:31
95 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team 0:05:53
96 Alex Porter (Aus) UniSA-Australia
97 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe 0:06:07
98 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:06:17
99 Truls Engen Korsaeth (Nor) Astana Pro Team
100 Andre Greipel (Ger) Lotto Soudal 0:07:27
101 Chris Lawless (GBr) Team Sky 0:07:37
102 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data
103 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
104 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale
105 Lukasz Wisniowski (Pol) Team Sky 0:08:01
106 Michael Storer (Aus) Team Sunweb 0:08:05
107 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 0:08:47
108 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data 0:10:07
109 Jaime Castrillo (Spa) Movistar Team 0:10:08
110 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ 0:10:11
111 Rudiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
112 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
113 Marcel Sieberg (Ger) Lotto Soudal
114 Jens Debusschere (Bel) Lotto Soudal
115 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ
116 Florian Sénéchal (Fra) Quick-Step Floors 0:11:06
117 Logan Owen (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:11:25
118 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo 0:12:24
119 Maciej Bodnar (Pol) Bora-Hansgrohe 0:13:22
120 Scott Bowden (Aus) UniSA-Australia 0:15:02
121 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb 0:15:05
122 Steve Morabito (Swi) Groupama-FDJ
123 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
124 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo 0:15:33
125 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:18:41
126 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates 0:19:42
127 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida 0:24:27
128 Sam Welsford (Aus) UniSA-Australia
129 Jonathan Dibben (GBr) Team Sky
130 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ 0:24:51

Dopo laffermazione di Greiper nella frazione dapertura, Caleb Ewan va a segno nella tappa numero 2 del Tour Down Under (foto Bettini)

Dopo l'affermazione di Greiper nella frazione d'apertura, Caleb Ewan va a segno nella tappa numero 2 del Tour Down Under (foto Bettini)

GREIPEL, VOLATA REGALE A LYNDOCH

gennaio 16, 2018 by Redazione  
Filed under Copertina, News

A Lyndoch Andrè Greipel (Lotto Soudal) vince la prima tappa del Tour Down Under imponendosi in volata su Caleb Ewan (Mitchelson Scott) e Peter Sagan (Bora Hansgrohe). Prima vittoria stagionale per il tedesco che indossa anche la maglia ocra di leader della classifica generale. Da sottolineare la buona prova degli italiani Elia Viviani (Quick Step) e Simone Consonni (UAE Emirates), rispettivamente quarto e quinto. Domani seconda tappa che dovrebbe vedere ancora protagonisti i velocisti.

La prima corsa World Tour del 2018 ci porta come di consueto al caldo dell’estate australe con il Tour Down Under, corsa australiana di sei tappe che si disputa nei dintorni di Adelaide. Quest’anno si celebra la ventesima edizione di questa gara che ha arriso per ben 12 volte ai ciclisti da casa. Anche stavolta saranno loro i fari della corsa e, in particolare, la formazione statunitense BMC schiera ai nastri di partenza i “canguri” Rohan Dennis, Simon Gerrans e Richie Porte, guarda caso gli ultimi tre vincitori della maglia ocra. Delle 19 squadre impegnate, ben 17 sono World Tour e non possiamo non citare anche la presenza di Peter Sagan (Bora Hansgrohe), tricampione del mondo. Come detto, sono sei le frazioni in programma e tutto si deciderà come al solito nella quinta e penultima giornata con la doppia ascesa di Willunga Hill, salita simbolo della breve corsa australiana anche se quest’anno, guardando l’altimetria delle altre tappe, qualche scaramuccia potrà già esserci nella quarta tappa con l’arrivo, comunque non impossibile, di Uraidla. Venendo alla cronaca attuale, la prima tappa misuravs 145 km e si disputata tra Port Adelaide e Lyndoch. Non partivano Bjorg Lambrecht (Lotto Soudal) a causa di noie col passaporto biologico dell’UCI e Kristoffer Harvolsen (SKY) infortunatosi alla People’s Choice Classic di domenica scorsa. La prima fuga del Tour Down Under 2018 era composta da tre ciclisti – Nicholas Dlamini (Dimension Data), Will Clarke (EF Education First-Drapac) e Scott Bowden (UniSA-Australia) – e raggiungeva oltre 4 minuti di vantaggio dopo 30 km. Il primo e unico GPM di Humbug Scrub, dopo quasi 39 km, era vinto da Dlamini, mentre il ritardo del gruppo si manteneva sui 4 minuti e mezzo. Dopo il Gran Premio della Montagna Bowden si rialzava e veniva ripreso dal gruppo. Ai meno 100 il vantaggio sui due corridori rimasti in avanscoperta era di poco superiore ai 4 minuti, con le squadre dei velocisti che controllavano in testa la situazione ed iniziavano a imprimere un ritmo più elevato. A meno di 85 km dall’arrivo il vantaggio era sceso a 2 minuti e 25 secondi. La coppia in testa transitava sul traguardo di Lyndoch, all’inizio del circuito cittadino di tre giri, con 3 minuti e 15 secondi di vantaggio sul gruppo. Clarke si aggiudicava i, primo sprint intermedio posto al km 74. Ai meno 60 dall’arrivo il vantaggio della coppia di testa era sceso per la prima volta sotto i 2 minuti. Il gruppo era tirato da Mitchelton Scott, Bora Hansgrohe e Lotto Soudal, mentre Clarke si aggiudicava anche il secondo sprint intermedio posto al km 100. Da segnalare il terzo posto di Nathan Haas (Katusha), che permetteva all’australiano di guadagnare 1 secondo di abbuono in classifica generale. Clarke era l’ultimo ad arrendersi al ritorno impetuoso del gruppo, che lo riprendeva ai meno 10. L’andatura imposta dalle squadre dei velocisti non dava spazio ad attacchi nel finale e gli ultimi km in leggera discesa erano il preludio alla volata finale, alla quale non avrebbe partecipato Sam Bennett (Bora Hansgrohe), uno dei velocisti più attesi, fermato da una foratura ai meno 6. Quick Step e Mitchelton Scott prendevano le redini della corsa con Elia Viviani e Caleb Ewan lanciati alla perfezione dalle proprie squadre. Ma negli ultimi 100 metri era Andrè Greipel (Lotto Soudal) a rispondere con un’impressionante azione di forza e a vincere su Ewan e Sagan (Bora Hansgrohe), che faceva uscire dal podio Viviani, quarto. Nella top ten da segnalare anche il quinto posto di Simone Consonni (UAE Emirates) ed il decimo di Riccardo Minali (Astana). Greipel conquista la prima vittoria stagionale e comanda la classifica generale con 4 secondi di vantaggio sulla coppia formata da Caleb Ewan e Wilbur Clarke. Domani la seconda tappa da Unley a Stirling dovrebbe ancora concludersi in volata, anche se i molti saliscendi che la costellano potrebbero farsi sentire nelle gambe di qualche sprinter.

Giuseppe Scarfone

ORDINE D’ARRIVO

1 Andre Greipel (Ger) Lotto Soudal 3:50:21
2 Caleb Ewan (Aus) Mitchelton-Scott
3 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe
4 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors
5 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
6 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb
7 Nathan Haas (Aus) Katusha-Alpecin
8 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale
9 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida
10 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team
11 Patrick Bevin (NZl) BMC Racing Team
12 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo
13 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott
14 Chris Lawless (GBr) Team Sky
15 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
16 Sam Welsford (Aus) UniSA-Australia
17 Jay McCarthy (Aus) Bora-Hansgrohe
18 Rudiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
19 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo
20 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ
21 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale
22 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
23 Carlos Barbero Cuesta (Spa) Movistar Team
24 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data
25 Steele von Hoff (Aus) UniSA-Australia
26 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
27 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
28 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ
29 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
30 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo
31 Rubén Fernandez (Spa) Movistar Team
32 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates
33 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin
34 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
35 Steve Morabito (Swi) Groupama-FDJ
36 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale
37 Chris Hamilton (Aus) Team Sunweb
38 Logan Owen (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
39 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates
40 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Sky
41 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team
42 Marcel Sieberg (Ger) Lotto Soudal
43 Jhonatan Restrepo (Col) Katusha-Alpecin
44 Simon Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
45 Jon Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
46 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
47 Alex Edmondson (Aus) Mitchelton-Scott
48 Laurens De Vreese (Bel) Astana Pro Team
49 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team
50 Tom Jelte Slagter (Ned) Dimension Data
51 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
52 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates
53 Daan Olivier (Ned) LottoNL-Jumbo
54 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team
55 Jens Debusschere (Bel) Lotto Soudal
56 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
57 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team
58 Nathan Earle (Aus) UniSA-Australia
59 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team
60 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
61 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates
62 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
63 Tiago Machado (Por) Katusha-Alpecin
64 Stijn Vandenbergh (Bel) AG2R La Mondiale
65 Simon Gerrans (Aus) BMC Racing Team
66 Ruben Guerreiro (Por) Trek-Segafredo
67 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal
68 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida
69 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida
70 Scott Davies (GBr) Dimension Data
71 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ
72 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
73 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors
74 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
75 Nuno Bico (Por) Movistar Team
76 Marc Soler (Spa) Movistar Team
77 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal
78 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data
79 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
80 Lachlan Morton (Aus) Dimension Data
81 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
82 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
83 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates
84 Enric Mas (Spa) Quick-Step Floors
85 Michael Valgren Andersen (Den) Astana Pro Team
86 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
87 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin
88 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
89 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
90 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin
91 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
92 Jaime Castrillo (Spa) Movistar Team
93 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo
94 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team
95 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team
96 Thomas Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
97 Maarten Wynants (Bel) LottoNL-Jumbo
98 Daniel Moreno Fernandez (Spa) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
99 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky
100 Alex Porter (Aus) UniSA-Australia
101 Cameron Meyer (Aus) Mitchelton-Scott
102 Zakkari Dempster (Aus) UniSA-Australia
103 Owain Doull (GBr) Team Sky
104 Timothy Roe (Aus) UniSA-Australia
105 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal
106 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates
107 Scott Bowden (Aus) UniSA-Australia
108 Oscar Gatto (Ita) Astana Pro Team
109 Miles Scotson (Aus) BMC Racing Team
110 Jonathan Dibben (GBr) Team Sky
111 Truls Engen Korsaeth (Nor) Astana Pro Team
112 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
113 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe
114 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data
115 Tom Leezer (Ned) LottoNL-Jumbo
116 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb 0:00:16
117 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott 0:00:18
118 Mathew Hayman (Aus) Mitchelton-Scott
119 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ 0:00:24
120 Lukasz Wisniowski (Pol) Team Sky
121 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe
122 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:00:26
123 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb 0:00:28
124 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo
125 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott 0:00:55
126 Florian Sénéchal (Fra) Quick-Step Floors
127 Michael Storer (Aus) Team Sunweb 0:01:48
128 Maciej Bodnar (Pol) Bora-Hansgrohe 0:01:57
129 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo 0:02:13
130 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:03:36
131 Daniel Hoelgaard (Nor) Groupama-FDJ 0:00:00

CLASSIFICA GENERALE

1 Andre Greipel (Ger) Lotto Soudal 3:50:11
2 Caleb Ewan (Aus) Mitchelton-Scott 0:00:04
3 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
4 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe 0:00:06
5 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data
6 Nathan Haas (Aus) Katusha-Alpecin 0:00:09
7 Jhonatan Restrepo (Col) Katusha-Alpecin
8 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors 0:00:10
9 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
10 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb
11 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale
12 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida
13 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team
14 Patrick Bevin (NZl) BMC Racing Team
15 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo
16 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott
17 Chris Lawless (GBr) Team Sky
18 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
19 Sam Welsford (Aus) UniSA-Australia
20 Jay McCarthy (Aus) Bora-Hansgrohe
21 Rudiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
22 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo
23 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ
24 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale
25 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
26 Carlos Barbero Cuesta (Spa) Movistar Team
27 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data
28 Steele von Hoff (Aus) UniSA-Australia
29 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
30 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
31 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ
32 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
33 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo
34 Rubén Fernandez (Spa) Movistar Team
35 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates
36 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin
37 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
38 Steve Morabito (Swi) Groupama-FDJ
39 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale
40 Chris Hamilton (Aus) Team Sunweb
41 Logan Owen (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
42 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates
43 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Sky
44 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team
45 Marcel Sieberg (Ger) Lotto Soudal
46 Simon Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
47 Jon Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
48 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
49 Alex Edmondson (Aus) Mitchelton-Scott
50 Laurens De Vreese (Bel) Astana Pro Team
51 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team
52 Tom Jelte Slagter (Ned) Dimension Data
53 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
54 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates
55 Daan Olivier (Ned) LottoNL-Jumbo
56 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team
57 Jens Debusschere (Bel) Lotto Soudal
58 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
59 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team
60 Nathan Earle (Aus) UniSA-Australia
61 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team
62 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
63 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates
64 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
65 Tiago Machado (Por) Katusha-Alpecin
66 Stijn Vandenbergh (Bel) AG2R La Mondiale
67 Simon Gerrans (Aus) BMC Racing Team
68 Ruben Guerreiro (Por) Trek-Segafredo
69 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal
70 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida
71 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida
72 Scott Davies (GBr) Dimension Data
73 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ
74 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
75 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors
76 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
77 Nuno Bico (Por) Movistar Team
78 Marc Soler (Spa) Movistar Team
79 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal
80 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
81 Lachlan Morton (Aus) Dimension Data
82 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
83 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
84 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates
85 Enric Mas (Spa) Quick-Step Floors
86 Michael Valgren Andersen (Den) Astana Pro Team
87 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
88 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin
89 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
90 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
91 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin
92 Jaime Castrillo (Spa) Movistar Team
93 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo
94 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team
95 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team
96 Thomas Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
97 Maarten Wynants (Bel) LottoNL-Jumbo
98 Daniel Moreno Fernandez (Spa) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
99 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky
100 Alex Porter (Aus) UniSA-Australia
101 Cameron Meyer (Aus) Mitchelton-Scott
102 Zakkari Dempster (Aus) UniSA-Australia
103 Owain Doull (GBr) Team Sky
104 Timothy Roe (Aus) UniSA-Australia
105 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal
106 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates
107 Scott Bowden (Aus) UniSA-Australia
108 Oscar Gatto (Ita) Astana Pro Team
109 Miles Scotson (Aus) BMC Racing Team
110 Jonathan Dibben (GBr) Team Sky
111 Truls Engen Korsaeth (Nor) Astana Pro Team
112 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
113 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe
114 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data
115 Tom Leezer (Ned) LottoNL-Jumbo
116 Daniel Hoelgaard (Nor) Groupama-FDJ
117 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb 0:00:26
118 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott 0:00:28
119 Mathew Hayman (Aus) Mitchelton-Scott
120 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ 0:00:34
121 Lukasz Wisniowski (Pol) Team Sky
122 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe
123 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:00:36
124 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb 0:00:38
125 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo
126 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott 0:01:05
127 Florian Sénéchal (Fra) Quick-Step Floors
128 Michael Storer (Aus) Team Sunweb 0:01:58
129 Maciej Bodnar (Pol) Bora-Hansgrohe 0:02:07
130 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo 0:02:23
131 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:03:46

Greipel apre il World Tour imponendosi sul primo traguardo del Tour Down Under 2018 (foto Bettini)

Greipel apre il World Tour imponendosi sul primo traguardo del Tour Down Under 2018 (foto Bettini)

SI RIPARTE NEL SEGNO DI SAGAN

gennaio 14, 2018 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Con un movimento ciclistico sempre meno europacentrico, anche nel 2018 i primi colpi di pedale della stagione agonistica vengono dati nell’emisfero australe. A dividersi la scena ciclistica in questa metà di gennaio sono la venezuelana Vuelta a Tachira e il ben più blasonato Tour Down Under, in Australia. A primeggiare nel People’s Choice Classic, antipasto della prima tappa del World Tour 2018, è stato il campione del mondo Peter Sagan al termine di una volata molto combattuta. Alle sue spalle André Greipel e Caleb Ewan. Nei dieci anche Elia Viviani, Simone Consonni ed Enrico Battaglin

La tanto attesa stagione ciclistica 2018 ha finalmente preso le mosse. Favorito dal clima, questo avvio stagionale avviene, come negli ultimi anni, nell’emisfero australe e precisamente in Venezuela con la Vuelta al Tachira en Bicicleta e in Australia dove il Tour Down Under, primo appuntamento del World Tour, è preceduto come sempre dal People’s Choice Classic, un criterium di una cinquantina di chilometri che, grazie all’imminenza del ben più blasonato Tour Down Under, schiera ai nastri di partenza una buona fetta del “gotha” del ciclismo mondiale. A dimostrare il valore della starting list è arrivata la vittoria del campione del mondo in carica Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) che, in maglia iridata, ha regolato con circa mezza bici di vantaggio André Greipel (Lotto-Soudal) e Caleb Ewan (Mitchelton-Scott). Quarta piazza per Elia Viviani (Quick-Step Floors), davanti a Simone Consonni (UAE Team Emirates), quinto, mentre Enrico Battaglin (LottoNL-Jumbo) ha terminato nella top ten, all’ottavo posto. Lo sviluppo della competizione non è stato banale, a dispetto della facilità del percorso, costituito da un circuito cittadino disegnato sulle piatte strade di Adelaide, poco più di 2 Km da ripetere complessivamente 22 volte. Un gruppetto di coraggiosi composto da 7 elementi – Fumiyuki Beppu (Trek Segafredo), Tom Bohli (BMC Racing), Zakkari Dempster (Uni-S-Australia), Timothy Roe (Uni-S-Ausrtralia), Jhonatan Restrepo (Katusha-Alpecin), Lachlan Morton (Dimension Data) e Manuele Boaro (Bahrain-Merida) – ha, infatti, ravvivato la competizione andando a giocarsi i traguardi intermedi e mantenendo sul chi vive le squadre dei velocisti (Quick-Step Floors, Mitcheton Scott, Sunweb e Lotto Soudal), che hanno fatto buona guardia affinché il vantaggio dei fuggitivi non lievitasse oltre il limite di sicurezza.
Se Peter Sagan ha iniziato il suo 2018 con una vittoria, Kristoffer Halvorsen, velocista del Team Sky, ha iniziato il suo anno di corse con una caduta che lo ha visto protagonista nelle fasi finali della gara quando, a causa di qualche spallata di troppo, una buona parte del plotone si è spostato verso destra togliendo al giovane norvegese, campione del mondo Under23 a Doha nel 2016, lo spazio per passare. Per lui non c’è stato più nulla da fare se non andare ad urtare un cartellone pubblicitario posizionato sulle transenne che delimitavano il rettilineo finale. Vista la dinamica della caduta c’è da ritenere una fortunata coincidenza che a finire a terra sia stato solo il portacolori del yeam britannico e non buona parte dei ciclisti impegnati nella volata.

Mario Prato

ORDINE D’ARRIVO

1 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe 1:04:25
2 Andre Greipel (Ger) Lotto Soudal
3 Caleb Ewan (Aus) Mitchelton-Scott
4 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors
5 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
6 Chris Lawless (GBr) Team Sky
7 Sam Welsford (Aus) UniSA-Australia
8 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo
9 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team
10 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data
11 Carlos Barbero Cuesta (Spa) Movistar Team
12 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin
13 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb
14 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:00:03
15 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida
16 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale
17 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott
18 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team
19 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
20 Steele von Hoff (Aus) UniSA-Australia
21 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale
22 Logan Owen (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
23 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo
24 Jay McCarthy (Aus) Bora-Hansgrohe
25 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
26 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida
27 Stijn Vandenbergh (Bel) AG2R La Mondiale
28 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb
29 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo
30 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida 0:00:08
31 Rudiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
32 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ
33 Mathew Hayman (Aus) Mitchelton-Scott
34 Bjorg Lambrecht (Bel) Lotto Soudal
35 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team
36 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data
37 Scott Davies (GBr) Dimension Data
38 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin
39 Nuno Bico (Por) Movistar Team
40 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team
41 Marc Soler (Spa) Movistar Team
42 Jens Debusschere (Bel) Lotto Soudal
43 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ
44 Michael Valgren Andersen (Den) Astana Pro Team
45 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
46 Ruben Guerreiro (Por) Trek-Segafredo
47 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates
48 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
49 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team
50 Simon Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
51 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ
52 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
53 Chris Hamilton (Aus) Team Sunweb
54 Daan Olivier (Ned) LottoNL-Jumbo
55 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin
56 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team
57 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
58 Miles Scotson (Aus) BMC Racing Team
59 Steve Morabito (Swi) Groupama-FDJ
60 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ
61 Alex Edmondson (Aus) Mitchelton-Scott
62 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 0:00:24
63 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors 0:00:25
64 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal
65 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
66 Marcel Sieberg (Ger) Lotto Soudal 0:00:29
67 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott
68 Tiago Machado (Por) Katusha-Alpecin 0:00:31
69 Daniel Hoelgaard (Nor) Groupama-FDJ 0:00:32
70 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data
71 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
72 Daniel Moreno Fernandez (Spa) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
73 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
74 Patrick Bevin (NZl) BMC Racing Team
75 Maarten Wynants (Bel) LottoNL-Jumbo
76 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo
77 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
78 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
79 Oscar Gatto (Ita) Astana Pro Team 0:00:35
80 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb
81 Thomas Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
82 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal
83 Lukasz Wisniowski (Pol) Team Sky
84 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe 0:00:39
85 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo
86 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
87 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
88 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe
89 Maciej Bodnar (Pol) Bora-Hansgrohe
90 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
91 Nathan Earle (Aus) UniSA-Australia
92 Scott Bowden (Aus) UniSA-Australia
93 Jaime Castrillo (Spa) Movistar Team
94 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo
95 Tom Leezer (Ned) LottoNL-Jumbo
96 Jon Izagirre Insausti (Spa) Bahrain-Merida
97 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal
98 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates 0:00:44
99 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale
100 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
101 Simon Gerrans (Aus) BMC Racing Team
102 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team
103 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team
104 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team 0:00:46
105 Alex Porter (Aus) UniSA-Australia 0:00:47
106 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:00:55
107 Tom Jelte Slagter (Ned) Dimension Data 0:00:59
108 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
109 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky 0:01:02
110 Kristoffer Halvorsen (Nor) Team Sky
111 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data 0:01:09
112 Owain Doull (GBr) Team Sky
113 Enric Mas (Spa) Quick-Step Floors
114 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Sky
115 Florian Sénéchal (Fra) Quick-Step Floors 0:01:12
116 Timothy Roe (Aus) UniSA-Australia 0:01:13
117 Jhonatan Restrepo (Col) Katusha-Alpecin 0:01:22
118 Rubén Fernandez (Spa) Movistar Team
119 Cameron Meyer (Aus) Mitchelton-Scott 0:01:27
120 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:01:34
121 Jonathan Dibben (GBr) Team Sky
122 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates
123 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates 0:01:36
124 Laurens De Vreese (Bel) Astana Pro Team 0:01:37
125 Truls Engen Korsaeth (Nor) Astana Pro Team
126 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
127 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo 0:01:42
128 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott 0:01:45
129 Zakkari Dempster (Aus) UniSA-Australia 0:01:58
130 Lachlan Morton (Aus) Dimension Data
131 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:02:51
132 Nathan Haas (Aus) Katusha-Alpecin 0:03:31

Inizia nel segno del campione del mondo in carica la stagione 2018 del grande ciclismo (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

Inizia nel segno del campione del mondo in carica la stagione 2018 del grande ciclismo (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

VUELTA 2018, TRADIZIONALE MODERNITÀ

gennaio 13, 2018 by Redazione  
Filed under Copertina, News

La corsa iberica presenta un percorso perfettamente in linea con le tendenze del ciclismo moderno, con tutte le conseguenze positive (pochine) e negative (numerose) di una scelta del genere. Ottima l’assenza della cronosquadre, negativa la mancanza di tapponi veri e propri, con la sola frazione di Collada de la Gallina, comunque molto breve, per provare un attacco a lunga gittata.

Una sola tappa oltre i 200 Km e nessuna cronometro a squadre. A dispetto di quanto si potrebbe pensare, sono questi i dati significativi del percorso della Vuelta 2018 presentato oggi.
In effetti, gli altri elementi che caratterizzano la corsa iberica sono quelli che ormai proprio questa corsa ha trasformato da tendenze a tradizioni: tappe di media montagna con arrivo su rampe di garage, chilometraggio contro il tempo intorno ai 40 Km e tappe di montagna tutte con arrivo in salita.
E’ proprio il progressivo consolidarsi di certe tendenze che induce a considerare questa Vuelta come sostanzialmente fedele a quella che ormai è diventata la sua tradizione.
Una corsa quindi che propone moltissime tappe ove potrebbe andare in scena il testa a testa degli ultimi chilometri, quando la strada si impennerà severa ed arcigna sotto le ruote dei corridori. Per contro, vi è una sola tappa in cui tentare di far saltare il banco, la penultima, unica a prevedere numerose salite in successione con un chilometraggio breve che potrebbe favorire la bagarre già dalle prime battute.
Vediamo ora nel dettaglio le singole tappe.
La Vuelta 2018 partirà dall’Andalusia e precisamente da Málaga. Si tratta di una scelta certamente opportuna e condivisibile, dato che alcune delle ultime edizioni avevano visto un tracciato completamente concentrato in alcune zone, ignorando del tutto vaste aree di territorio che, in alcuni casi, hanno portato al paradosso di avere Madrid come punto più meridionale del tracciato.
Ora l’estensione della Spagna rende abbastanza difficile toccare tutte le zone del territorio, specialmente se si opta per chilometraggi ridotti. Tuttavia, in questa edizione il disegno complessivo appare più armonico e rende maggiormente l’idea di un Giro di Spagna. Guardando il tracciato sulla carta si ha, infatti, quasi l’impressione di trovarsi di fronte ad una sorte di Grande Boucle, in quanto la forma complessiva del percorso dà proprio l’idea dell’immagine, cara ai francesi, del grande ricciolo.
La prima frazione sarà un prologo a cronometro individuale di 8 Km. L’approvazione per gli organizzatori è totale ed incondizionata sulla scelta di evitare di proporre qualsivoglia prova a squadre. I lettori oramai ben conoscono l’avversione di chi scrive per queste prove e, probabilmente, non ne potranno più di leggere le invettive che ripropongono sempre le medesime argomentazione, tuttavia non è possibile esimersi dal ribadire l’insensatezza di simile prove nel ciclismo dei distacchi minimi, causati spesso dal ritmo alto delle squadre. Chi ha una squadra forte, nel ciclismo moderno, è enormemente avvantaggiato rispetto ad altri e, pertanto, dargli un ulteriore vantaggio con una cronometro a squadre appare davvero singolare e rischia di snaturare l’essenza di uno sport che resta individuale. Non a caso, le sfide che gli appassionati ricordano maggiormente sono quelle in cui i campioni si affrontano in un testa a testa, con le squadre che hanno oramai terminato il loro lavoro e lasciano i capitani in solitudine a cercare di superare il proprio limite.
L’ultima Vuelta ha dato una prova abbastanza lampante del rinnovato registro stilistico. Froome, nell’ultima tappa prima della passerella finale, ha tentato (senza riuscirvi) di raggiungere Contador prima del traguardo dell’Angliru, ma l’inseguimento è avvenuto con altri due compagni di squadra che, insieme a lui, avevano staccato tutti gli avversari.
La medesima filosofia è quella che ha portato il Team Sky a sacrificare sull’altare della “ragion di squadra” un cavallo di razza come Mikel Landa, che già aveva subìto lo stesso trattamento all’Astana.
Vista l’assenza di veri e propri tapponi, anche la complessiva consistenza delle prove contro il tempo risulta equilibrata.
Dopo il prologo sarà già l’ora della prima disfida su un finale all’insù come quello del Caminito del Rey, previsto al termine di una seconda frazione caratterizzata da innocue ondulature.
Anche la terza tappa propone alcune ascese, ma quella di Puerto del Madroño, lunga ben 20 Km, è molto distante dal traguardo e gli ultimi 50 km facili portano a pensare ad un’alta probabilità di epilogo in volata.
La quarta tappa, che andrà in scena il 28 agosto, sarà già una frazione di montagna vera e propria: due le salite di prima categoria da affrontare, la prima di ben 25 Km sino ai 1340 metri del Puerto de la Cabra, la seconda, che sarà anche arrivo di tappa, di 13 Km sino ai 1435 metri della Sierra de la Alfaguera. Le pendenze in questo caso non sono impossibili ed è pertanto verosimile che gli uomini di classifica si presentino tutti insieme sotto la linea dell’arrivo, presumibilmente in un gruppo abbastanza popolato.
La quinta tappa, da Granada a Roquetas del Mar, presenta uno dei pochi arrivi adatti agli outsiders poichè a 26 Km dalla conclusione si scollinerà il GPM di seconda categoria di Alto El Marchal, a 1010 metri di quota. Da lì, discesa abbastanza ripida di 18 Km, quindi 8 Km per arrivare al traguardo.
Dedicata ai velocisti sarà, invece, la sesta tappa con due innocui GPM di terza categoria a metà tracciato.
Tappa per finisseur al settimo giorno a Pozo Alcón, poi la Vuelta proporrà un’altra frazione dedicata ai velocisti in quel di Almadén.
Appuntamento importante il 2 settembre con l’arrivo in salita all’Alto de la Covatilla, di categoria “especial”. La tappa prevede l’ascesa al Puerto del Pico, di prima categoria, lunga e caratterizzata pendenze regolari sempre intorno al 6%, quindi il Puerto de Peña Negra, di seconda categoria, più breve del precedete o ma dotato dalle medesime pendenze. Dopo la discesa, ci saranno circa 50 Km di nulla prima di affrontare l’ultima salita che, negli ultimi 8 Km, presenta inclinazioni sempre elevate che vanno anche in doppia cifra per numerose centinaia di metri. Il tratto interlocutorio prima dell’ultima salita porterà inevitabilmente ad una sfida negli ultimi 8 Km di questa ascesa e coloro che temono un calo nella terza settimana dovranno tentare di darsi da fare in questa tappa, nel tentativo di sorprendere gli avversari che non avranno ancora trovato la condizione migliore. I cosiddetti “diesel”, che entrano in forma nella seconda metà dei grandi giri, dovranno tenere gli occhi aperti e potrebbero trovarsi nella situazione di cercare di limitare i danni se gli avversari vorranno scatenarsi.
Dopo il giorno di riposo, andrà in scena una tappa pianeggiante sugli altipiani per festeggiare l’ottavo secolo dell’Università di Salamanca, una delle più antiche e prestigiose d’Europa.
Nona tappa per velocisti verso Fermoselle poi si affronterà l’unica frazione che superarerà i 200 km: si tratta di una tappa di media montagna, molto adatta alle fughe con quattro GPM ed il finale insidioso prima del traguardo di Luintra. Queste caratteristiche, unite ad i continui saliscendi posti lungo il percorso, fanno di questa tappa un’ideale occasione per lanciare una grande fuga composta da coraggiosi cacciatori di traguardi parziali e uomini di secondo piano, mentre gli uomini di classifica se ne staranno tranquilli, facendo attenzione ai trabocchetti che giornate del genere presentano in grande quantità.
Dopo una dodicesima tappa abbastanza tranquilla, seppur con qualche piccola insidia (traguardo presso il Faro de Estaca de Bares, in una zona particolarmente ventosa), andrà in scena uno degli arrivi più temuti. Infatti, il 7 settembre dopo aver affrontato il Puerto de la Tarna i corridori si daranno battaglia sulle terribili pendenze che porteranno al traguardo della Camperona. Tutti ricordano il brutto quarto d’ora passato lassù da Froome che fu staccato non solo da un grande Quintana, che andò a prendersi il vessillo del primato, ma anche da un Contador acciaccato e con il dente avvelenato per la caduta del giorno precedente, che lo aveva di fatto estromesso dal novero dei favoriti alla vittoria finale. La salita è breve, ma se qualcuno si pianta su quelle pendenze che superano il 20%, la fattura da saldare sul traguardo potrebbe essere molto salata.
Nessun respiro perché il giorno successivo i corridori affronteranno una difficile tappa con molti GPM dalle arcigne pendenze prima dell’arrivo in cima all’inedito muro asturiano di Las Praeres, 5 Km di ascesa con una pendenza media del 13,5% e massime che superano il 20%. In poche parole, questa salita è molto simile ai 6 km centrali dello Zoncolan! L’appuntamento è, quindi, molto importante per gli scalatori, ma ancora una volta le caratteristiche della salita finale potrebbero frenare le velleità di un attacco da lontano, che in una frazione insidiosa come questa poteva anche essere ipotizzato in caso di un finale in discesa. La quindicesima tappa, anch’essa asturiana, proporrà il classico arrivo ai Laghi di Covadonga, al termine di un’ascesa che è un intramontabile appuntamento che va in scena ad anni alterni. Le caratteristiche di questa salita sono, perciò, ben note agli appassionati e parlano di pendenze elevate e costanti che la rendono simile alle ascese storiche di Giro e Tour. Spesso salendo verso i “Lagos” si sono decise le sorti della Vuelta e, anche in questo caso, Covadonga giocherà un ruolo determinante nell’economia generale della corsa al termine della seconda settimana. Davvero impareggiabile il traguardo con vista sui Picos de Europa, fiore all’occhiello delle montagne asturiane.
Dopo il secondo giorno di riposo andrà in scena tra Santillana del Mar e Torrelavega la tappa a cronometro individuale, 32 km favorevoli gli specialisti. La prova, come detto, arriva dopo il riposo, circostanza che potrebbe provocare seri grattacapi a quei corridori che patiscono lo spezzamento del ritmo di gara da esso provocatoo. Una crono affogata tra le montagne della prima parte e quella della terza terribile settimana andrà affrontata con grande saggezza per cercare di dare il meglio senza rimanere a corto di energie, anche perché si ricomincerà a salire già dal giorno successivo. La diciassettesima tappa infatti, dopo un tracciato nervoso si concluderà in vetta al Monte Oiz, nei Paesi Baschi. Negli ultimi 2 Km la strada non scende mai sotto il 13/14% di pendenza ed anche alcuni tratti precedenti fanno registrare passaggi in doppia cifra. Ancora una volta, però, il copione vedrà i big scattarsi faccia alla morte solo negli ultimi 2 Km, con un tatticismo e un attendismo che, a questo punto, potrebbe cominciare a rivelarsi stucchevole.
La diciottesima tappa di Lleida sarà la classica quiete che precede l’uragano, frazione completamente pianeggiante dedicata ai velocisti rimasti in gara e alla lotta per la maglia a punti.
Nelle diciannovesima frazione si arriverà sul tetto della Vuelta 2018, il Coll de la Rabassa (2015 metri) in quel del Principato di Andorra. Questo arrivo rappresenta anche l’unico over 2000 di questa edizione della Vuelta e sarà raggiunto dopo una ascesa di 17 chilometri preceduta solo da pianura. La classica tappa con arrivo secco presenterà, però, una salita finale nettamente divisa in due parti poichè mentre i primi 6 Km presentano pendenze vere, con tratti in doppia cifra, la seconda parte è una lunga e dolce ascesa con pendenze sempre intorno al 4/5%. La moda attuale suggerisce impossibilità di muoversi, dato che la seconda parte è ideale per impostare il ritmo di squadra elevato e l’assenza di salite dure in precedenza sconsiglierà di tentare un attacco sul modello Aprica preceduta dal Mortirolo. I verdetti finali saranno, così, rimandati alla frazione dell’indomani, molto breve ma che offre l’occasione per far saltare il banco.
Si tratta della frazione più dura e proporrà 6 GPM concentrati in soli 105 Km: una bella scorpacciata per gli scalatori, senonché la collocazione delle salite lascia un po’ a desiderare perché l’ascesa finale verso Collada de la Gallina (Landa e Aru se la ricordano bene) è preceduta dall’insignificante Coll de la Comella. Dall’ultimo GPM serio (il Coll de Beixalis) sino all’attacco della salita finale ci saranno, infatti, 26 Km che potrebbero favorire i rientri.
L’assenza di un uomo come Contador, capace di inventare le azioni più impensabili in tappe brevi e difficili come questa, peserà sicuramente come un macigno e l’augurio è che ci sia qualche corridore audace intenzionato a raccogliere la sua eredità per tentare di presentarsi in rosso alla partenza della conclusiva frazione che da Alcorcón porterà i reduci della 73a Vuelta a España al tradizionale epilogo di Madrid.
La grandezza di Contador stava, infatti, nell’incrollabile tenacia con la quale puntava sempre alla vittoria, anche quando essa appariva ormai impossibile, rischiando oltretutto di perdere la posizione acquisita in classifica generale.
In conclusione, quella presenta oggi ad Estepona è una Vuelta in linea con quelle degli ultimi anni e con le tendenze del ciclismo moderno che ASO sperimenta in Spagna per poi proporle al Tour ed nel resto del mondo.

Benedetto Ciccarone

Vista dalla strada del Monte Oiz, una delle ascese inedite che saranno lanciate dalla Vuelta 2018 (www.cyclefiesta.com)

Vista dalla strada del Monte Oiz, una delle ascese inedite che saranno ''lanciate'' dalla Vuelta 2018 (www.cyclefiesta.com)

Pagina successiva »