AMSTEL GOLD RACE 2019 – I FAVORITI

aprile 20, 2019 by Redazione  
Filed under 5) AMSTEL GOLD RACE, Copertina, News

Il giorno di Pasqua va in scena la 54a edizione dell’Amstel Gold Race, l’unica classica del nord interamente disegnata sul suolo olandese. Qui trovate i favoriti

25% – MATHIEU VAN DER POEL: Al Fiandre ha mostrato una forma eccelsa, alla Freccia del Brabante l’ha confermata alla grande battendo fior fiori di corridori coma Julian Alaphilippe e Michael Matthews. L’unica pecca è che non ha una squadra in grado di supportarlo nei momenti più delicati della corsa e si potrà trovare nella morsa degli uomini della Deceuninck Quick-Step. Resta comunque il favorito numero 1.

15% – JULIAN ALAPHILIPPE: Per domenica si potrebbe riassumere tutto con il titolo Deceuninck Quick-Step vs Van Der Poel. Alaphilippe è la punta principale del team di Lefevere per l’Amstel Gold Race, è un corridore che non ha bisogno di presentazioni, un ciclista che ha vinto molto e che pochi giorni fa è stato sverniciato in volata da Va Der Poel. Classe, squadrone e voglia di rivalsa ne fanno uno dei principali favoriti.

15% – PHILIPPE GILBERT: Dopo la Parigi-Roubaix vinta meritatamente domenica scorsa, lui che ha vinto qui sulle Ardenne proprio due anni fa, come si potrebbe escluderlo dai favoriti? Lui poi che di Amstel ne ha vinte addirittura quattro…

10% – PETER SAGAN: Lo slovacco della Bora-Hansgrohe è sempre da tenere d’occhio, ma la costante del 2019 è un ”voglio ma non posso”. Corre bene, sempre nelle prime posizioni, poi arriva il momento topico, gli ultimi chilometri, e c’è sempre qualcuno che lo batte. Vedremo se ci sarà un’inversione di tendenza.

10% – MICHAEL MATTHEWS: L’australiano ha le doti e le caratteristiche perfette per vincere l’Amstel. Al suo fianco ha una Sunweb che avrà al via anche un corridore di esperienza come Nicolas Roche, che potrà rivelarsi un ottimo asso nella manica.

10% – ALEJANDRO VALVERDE: Il Campione del Mondo in carica ha un palmares da far invidia a chiunque e una delle poche corse che gli mancano è proprio l’Amstel Gold Race, corsa che ha chiuso più volte sul podio ma mai da vincitore. Che sia giunta l’ora di portarla a casa?

5% – ALBERTO BETTIOL: Il ciclista italiano della EF Education Firs sta finalmente attraversando una primavera da sogno. Vittorioso al Fiandre, fuori dal podio per poco alla Freccia del Brabante, il toscano sarà al via per rompere le uova nel paniere agli avversari più quotati.

5% – WOUT VAN AERT: Il campioncino belga è alla ricerca della sua prima vittoria di prestigio in questa stagione ciclistica. Le Ardenne fanno per lui, è un terreno che ama; che l’Amstel sia la svolta che tutti attendono con ansia per il definito lancio del duello anche su strada con Van Der Poel?

1% – GREG VAN AVERMAET: il campione olimpico del CCC Team è sempre da tenere in considerazione, anche se terreno e forma non sono proprio al top per lui.

1% – JACOB FUGLSANG: Il danese del Team Astana, quando arrivano le Ardenne, diventa sempre uno degli outsider più quotati.

1% – MICHAŁ KWIATKOWSKI: Inizio di stagione in ombra per il fuoriclasse polacco. Vincitore nel 2015, ripetersi sembrerebbe molto difficile, specie se guardiamo alle ultime sue uscite stagionali. Ma nel ciclismo mai dire mai.

1% – ENRICO GASPAROTTO: Per l’italiano in maglia Dimension Data non è un mistero che l’Amstel sia la sua corsa prediletta, vinta due volte (e altre due volte sul podio). Alla Freccia del Brabante ha fatto vedere di essere in forma e in grado di giocarsi le sue carte per cercare la fatidica tripletta.

1% – MICHAEL VALGREN: Il vincitore dell’anno scorso dopo l’approdo alla Dimension Data sta viaggiando su binari completamente opposti rispetto al rendimento della passata stagione. Che possa ripetersi sembrerebbe estremamente difficile.

Luigi Giglio

TURCHIA, STAVOLTA TOCCA AD EWAN

aprile 19, 2019 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Caleb Ewan è tornato! Dopo un avvio di stagione poco felice, una sola vittoria quest’anno per lui all’UAE Tour, il velocista australiano si è ritrovato ed è andato a centrare il bersaglio grosso rimontando un Lobato autore di una volata lunghissima. Terza piazza per un Sam Bennett sempre più turchese. Piazzamenti nella TopTen per Consonni e Lonardi.

Memore di quanto fatto vedere sulla diga di Hatta all’UAE Tour, anche oggi Caleb Ewan (Lotto Soudal) ha sfruttato a suo vantaggio la pendenza che portava al traguardo di Bursa ed è andato a cogliere il secondo successo di stagione, successo ottenuto alla vigilia di un Giro d’Italia che lo aspetta come protagonista. A mettere in crisi le ambizioni dell’australiano ci hanno pensato prima Mauro Finetto (Delko Marseille Provence), che ha provato la stoccata nel tratto più ripido ai 1500 metri, poi Juan José Lobato (Nippo-Vini Fantini-Faizanè), che ai meno 300 metri – nel momento nel quale la velocità calava – ha provato ad anticipare tutti. L’azione dello spagnolo è sembrata ai più decisiva, ma la rimonta prorompente del “furetto” australe lo ha costretto ad un più che onorevole secondo posto. Terzo Sam Bennett (Bora – Hansgrohe), vittima di un salto di catena nel momento topico della volata, quando avrebbe dovuto tenere la ruota dello spagnolo.
Alle spalle dei primi della classe si sono guadagnati un posto nella TopTen Simone Consonni (UAE Team Emirates), Fabio Jakobsen (Deceuninck-Quick Step), Juan Sebastián Molano (UAE Team Emirates), Jon Aberasturi (Caja Rural-Seguros RGA), Enrique Sanz (Euskadi Basque Country-Murias), Giovanni Lonardi (Nippo-Vini Fantini-Faizanè) e Gonzalo Serrano (Caja Rural-Seguros RGA).
La tappa odierna prevedeva nelle prime fasi di gara sia un GPM di terza categoria, sia l’ambito traguardo volante Turkish Beauties. Ad animare la fuga nata in partenza abbiamo per questo motivo trovato il belga Thimo Willems (Sport Vlaanderen), interessato al GPM, e il turco Feritcan Şamlı (nazionale turca), in caccia dei punti per la maglia bianca Turkish Beauties. Ai due veterani delle fughe qui al Turchia si sono uniti altri veterani, l’uruguaiano Mauricio Moreira (Caja Rural-Seguros RGA) e il francese Lucas De Rossi (Delko Marseille Provence); il basco Ander Barrenetxea (Euskadi Basque Country-Murias) era invece alla sua prima fuga di questo Tour of Turkey. Una volta passato il traguardo di loro interesse Willems e Şamlı si sono rialzati lasciando l’onere e l’onore di continuare la fuga agli altri tre. Nonostante un vantaggio superiore agli 8 minuti, il gruppo non ha mai dato l’impressione di non avere in mano le redini della corsa. Dimostrazione ne è stata che al primo accenno di inseguimento vero e proprio il vantaggio si sia rapidamente ridotto. Davanti, intanto, erano rimasti solamente il francese e il basco, che ad un certo punto hanno cominciato una serie di scaramucce che consentivano ora ad uno, ora all’altro di guadagnare qualche centinaio di metri sul compagno di viaggio. Il loro destino era però segnato e una volta raggiunti l’unica nota di cronaca degna di essere segnalata prima delle già raccontate fasi finali è stata la caduta del colombiano Bryan Gómez (Manzana Postobón), che una volta a terra è stato centrato da Remco Evenepoel (Deceuninck – Quick Step).
Domani la corsa a tappe turca presenta quella che viene definita la tappa regina, con il traguardo fissato in cima alla dura salita di Kartepe. I bollettini meteo non sono, però, rassicuranti perchè ai 1300 metri della montagna turca sulla quale si concluderà la corsa sono previste neve e temperature inferiori allo zero.

Mario Prato

ORDINE D’ARRIVO

1 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal 5:21:38
2 Juan Jose Lobato Del Valle (Spa) Nippo-Vini Fantini-Faizane
3 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe
4 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
5 Fabio Jakobsen (Ned) Deceuninck-QuickStep
6 Juan Sebastian Molano (Col) UAE Team Emirates
7 Jon Aberasturi Izaga (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
8 Enrique Sanz Unzue (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
9 Giovanni Lonardi (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
10 Gonzalo Serrano Rodriguez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
11 Jaume Sureda Morey (Spa) Burgos-BH
12 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
13 Felix Großschartner (Aut) Bora-Hansgrohe
14 Christophe Noppe (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
15 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates
16 Edgar Pinto (Por) W52-FC Porto
17 Sebastian Schönberger (Aut) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
18 Etienne van Empel (Ned) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
19 Rafael Reis (Por) W52-FC Porto
20 Jhonatan Restrepo Valencia (Col) Manzana Postobon
21 Kyle Murphy (USA) Rally UHC Cycling
22 Eduard-Michael Grosu (Rom) Delko Marseille Provence KTM
23 Ricardo Mestre (Por) W52-FC Porto
24 Delio Fernandez Cruz (Spa) Delko Marseille Provence KTM
25 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
26 Cyril Barthe (Fra) Euskadi Basque Country-Murias
27 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
28 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team
29 Rob Britton (Can) Rally UHC Cycling
30 Aaron Van Poucke (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
31 Eros Capecchi (Ita) Deceuninck-QuickStep
32 Onur Balkan (Tur) Turkey
33 Pier Andre Cote (Can) Rally UHC Cycling
34 Umberto Marengo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
35 Hideto Nakane (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
36 Samuel Caldeira (Por) W52-FC Porto
37 Merhawi Kudus (Eri) Astana Pro Team
38 Diego Antonio Ochoa Camargo (Col) Manzana Postobon
39 Javier Moreno Bazan (Spa) Delko Marseille Provence KTM
40 Masakazu Ito (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
41 Yecid Arturo Sierra Sanchez (Col) Manzana Postobon
42 Cristian Camilo Muñoz Lancheros (Col) UAE Team Emirates
43 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe
44 Lindsay De Vylder (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
45 Daniil Fominykh (Kaz) Astana Pro Team
46 Rémy Rochas (Fra) Delko Marseille Provence KTM
47 Mauro Finetto (Ita) Delko Marseille Provence KTM
48 Lorenzo Fortunato (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
49 Halil Dogan (Tur) Turkey
50 Mustafa Sayar (Tur) Turkey
51 Raul Alarcon Garcia (Spa) W52-FC Porto
52 Luca Pacioni (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
53 Imerio Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
54 Yuriy Natarov (Kaz) Astana Pro Team 0:00:17
55 Ahmet Orken (Tur) Turkey 0:00:24
56 Hayato Yoshida (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
57 Oscar Cabedo Carda (Spa) Burgos-BH 0:00:30
58 Maximiliano Richeze (Arg) Deceuninck-QuickStep 0:00:40
59 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data 0:00:43
60 Mark Cavendish (GBr) Dimension Data 0:00:48
61 Alvaro Hodeg (Col) Deceuninck-QuickStep
62 Davide Martinelli (Ita) Deceuninck-QuickStep
63 Stefan De Bod (RSA) Dimension Data
64 Thimo Willems (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:00:51
65 Remco Evenepoel (Bel) Deceuninck-QuickStep
66 Kenny De Ketele (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:01:07
67 Ramunas Navardauskas (Ltu) Delko Marseille Provence KTM
68 Yevgeniy Gidich (Kaz) Astana Pro Team
69 John Murphy (USA) Rally UHC Cycling 0:01:27
70 Sebastian Mora Vedri (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 0:01:33
71 Luis Carlos Chia Bermudez (Col) Manzana Postobon
72 Nuno Matos (Por) Burgos-BH 0:01:39
73 José Ferreira (Por) W52-FC Porto
74 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:01:41
75 Victor Langellotti (Mon) Burgos-BH 0:01:53
76 Ahmet Akdilek (Tur) Turkey 0:01:59
77 Daniel Lopez Parada (Spa) Burgos-BH 0:02:09
78 Matthew Gibson (GBr) Burgos-BH
79 Alvaro Robredo Crespo (Spa) Burgos-BH
80 Lucas De Rossi (Fra) Delko Marseille Provence KTM
81 Hiroki Nishimura (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
82 Nelson Soto Martinez (Col) Caja Rural-Seguros RGA
83 Jordan Arley Parra Arias (Col) Manzana Postobon
84 Liam Bertazzo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
85 Julen Irizar Laskurain (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
86 Xavier Cañellas Sanchez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
87 Urko Berrade Fernandez (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
88 Beñat Intxausti Elorriaga (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
89 Robbe Ghys (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
90 Bryan Steve Gomez Peñaloza (Col) Manzana Postobon
91 Simone Bevilacqua (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:02:24
92 Mauricio Moreira (Uru) Caja Rural-Seguros RGA 0:02:33
93 Michael Mørkøv (Den) Deceuninck-QuickStep 0:02:38
94 Dmitriy Gruzdev (Kaz) Astana Pro Team 0:02:40
95 Omar Alberto Mendoza Cardona (Col) Manzana Postobon
96 Moreno De Pauw (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:03:16
97 Jose Daniel Viejo Redondo (Spa) Euskadi Basque Country-Murias 0:03:30
98 Feritcan Samli (Tur) Turkey 0:03:39
99 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal
100 Muhammed Atalay (Tur) Turkey 0:03:40
101 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal
102 Enzo Wouters (Bel) Lotto Soudal
103 Harm Vanhoucke (Bel) Lotto Soudal
104 Evan Huffman (USA) Rally UHC Cycling
105 Michael Schwarzmann (Ger) Bora-Hansgrohe 0:03:45
106 Erik Baska (Svk) Bora-Hansgrohe
107 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
108 Shane Archbold (NZl) Bora-Hansgrohe
109 Matteo Malucelli (Ita) Caja Rural-Seguros RGA 0:04:15
110 Gustavo Cesar Veloso (Spa) W52-FC Porto
111 Emerson Oronte (USA) Rally UHC Cycling
112 Tyler Magner (USA) Rally UHC Cycling
113 Jaco Venter (RSA) Dimension Data 0:05:13
114 Scott Davies (GBr) Dimension Data
115 Rasmus Iversen (Den) Lotto Soudal
116 Ander Barrenetxea Uriarte (Spa) Euskadi Basque Country-Murias

CLASSIFICA GENERALE

1 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 16:25:42
2 Felix Großschartner (Aut) Bora-Hansgrohe 0:00:24
3 Jhonatan Restrepo Valencia (Col) Manzana Postobon 0:00:26
4 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 0:00:30
5 Gonzalo Serrano Rodriguez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
6 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
7 Mauro Finetto (Ita) Delko Marseille Provence KTM
8 Edgar Pinto (Por) W52-FC Porto 0:00:33
9 Christophe Noppe (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:00:34
10 Sebastian Schönberger (Aut) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
11 Merhawi Kudus (Eri) Astana Pro Team
12 Onur Balkan (Tur) Turkey
13 Cyril Barthe (Fra) Euskadi Basque Country-Murias
14 Diego Antonio Ochoa Camargo (Col) Manzana Postobon
15 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates 0:00:39
16 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe
17 Remco Evenepoel (Bel) Deceuninck-QuickStep
18 Lindsay De Vylder (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:00:42
19 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data 0:00:43
20 Eduard-Michael Grosu (Rom) Delko Marseille Provence KTM 0:00:44
21 Ricardo Mestre (Por) W52-FC Porto
22 Umberto Marengo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
23 Jaume Sureda Morey (Spa) Burgos-BH 0:00:46
24 Delio Fernandez Cruz (Spa) Delko Marseille Provence KTM
25 Hideto Nakane (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
26 Etienne van Empel (Ned) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
27 Daniil Fominykh (Kaz) Astana Pro Team
28 Cristian Camilo Muñoz Lancheros (Col) UAE Team Emirates
29 Eros Capecchi (Ita) Deceuninck-QuickStep
30 Rafael Reis (Por) W52-FC Porto
31 Yecid Arturo Sierra Sanchez (Col) Manzana Postobon
32 Rob Britton (Can) Rally UHC Cycling
33 Kyle Murphy (USA) Rally UHC Cycling
34 Masakazu Ito (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
35 Raul Alarcon Garcia (Spa) W52-FC Porto
36 Juan Jose Lobato Del Valle (Spa) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:00:49
37 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal 0:00:50
38 Aaron Van Poucke (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:00:55
39 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
40 Mustafa Sayar (Tur) Turkey
41 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team 0:01:02
42 Yuriy Natarov (Kaz) Astana Pro Team 0:01:03
43 Lorenzo Fortunato (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
44 Enrique Sanz Unzue (Spa) Euskadi Basque Country-Murias 0:01:11
45 Jon Aberasturi Izaga (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 0:01:14
46 Luca Pacioni (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
47 Rémy Rochas (Fra) Delko Marseille Provence KTM
48 Giovanni Lonardi (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:01:27
49 Javier Moreno Bazan (Spa) Delko Marseille Provence KTM 0:01:29
50 Maximiliano Richeze (Arg) Deceuninck-QuickStep 0:01:38
51 Oscar Cabedo Carda (Spa) Burgos-BH 0:01:44
52 Yevgeniy Gidich (Kaz) Astana Pro Team 0:01:53
53 Hayato Yoshida (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
54 Ahmet Orken (Tur) Turkey 0:01:58
55 Samuel Caldeira (Por) W52-FC Porto 0:02:08
56 Ramunas Navardauskas (Ltu) Delko Marseille Provence KTM 0:02:21
57 Imerio Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:02:33
58 Juan Sebastian Molano (Col) UAE Team Emirates 0:02:50
59 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:03:04
60 Stefan De Bod (RSA) Dimension Data
61 Davide Martinelli (Ita) Deceuninck-QuickStep 0:03:11
62 Kenny De Ketele (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
63 Nuno Matos (Por) Burgos-BH 0:03:13
64 Julen Irizar Laskurain (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
65 Daniel Lopez Parada (Spa) Burgos-BH 0:03:23
66 Urko Berrade Fernandez (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
67 Luis Carlos Chia Bermudez (Col) Manzana Postobon 0:03:53
68 Omar Alberto Mendoza Cardona (Col) Manzana Postobon 0:03:54
69 Fabio Jakobsen (Ned) Deceuninck-QuickStep 0:03:57
70 Halil Dogan (Tur) Turkey 0:04:09
71 Dmitriy Gruzdev (Kaz) Astana Pro Team
72 Jordan Arley Parra Arias (Col) Manzana Postobon 0:04:13
73 Alvaro Hodeg (Col) Deceuninck-QuickStep
74 Robbe Ghys (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
75 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe 0:04:19
76 Harm Vanhoucke (Bel) Lotto Soudal 0:04:26
77 Nelson Soto Martinez (Col) Caja Rural-Seguros RGA 0:04:29
78 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data 0:04:34
79 Michael Mørkøv (Den) Deceuninck-QuickStep 0:04:37
80 Mark Cavendish (GBr) Dimension Data 0:04:53
81 Thimo Willems (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:04:57
82 Simone Bevilacqua (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:05:35
83 Sebastian Mora Vedri (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 0:05:39
84 Hiroki Nishimura (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:05:40
85 Beñat Intxausti Elorriaga (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
86 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal 0:05:46
87 José Ferreira (Por) W52-FC Porto 0:05:58
88 Victor Langellotti (Mon) Burgos-BH 0:06:05
89 Bryan Steve Gomez Peñaloza (Col) Manzana Postobon 0:06:07
90 Ahmet Akdilek (Tur) Turkey 0:06:12
91 Alvaro Robredo Crespo (Spa) Burgos-BH 0:06:13
92 Lucas De Rossi (Fra) Delko Marseille Provence KTM 0:06:17
93 Xavier Cañellas Sanchez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 0:06:18
94 Mauricio Moreira (Uru) Caja Rural-Seguros RGA 0:06:39
95 Matthew Gibson (GBr) Burgos-BH 0:06:43
96 Jose Daniel Viejo Redondo (Spa) Euskadi Basque Country-Murias 0:07:01
97 Pier Andre Cote (Can) Rally UHC Cycling 0:07:05
98 Shane Archbold (NZl) Bora-Hansgrohe 0:07:12
99 Scott Davies (GBr) Dimension Data 0:07:29
100 Moreno De Pauw (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
101 John Murphy (USA) Rally UHC Cycling 0:07:34
102 Michael Schwarzmann (Ger) Bora-Hansgrohe 0:07:54
103 Enzo Wouters (Bel) Lotto Soudal 0:08:04
104 Gustavo Cesar Veloso (Spa) W52-FC Porto 0:08:21
105 Matteo Malucelli (Ita) Caja Rural-Seguros RGA 0:08:24
106 Erik Baska (Svk) Bora-Hansgrohe 0:08:32
107 Ander Barrenetxea Uriarte (Spa) Euskadi Basque Country-Murias 0:09:24
108 Muhammed Atalay (Tur) Turkey 0:09:45
109 Rasmus Iversen (Den) Lotto Soudal 0:09:59
110 Liam Bertazzo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:10:01
111 Tyler Magner (USA) Rally UHC Cycling 0:10:38
112 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal 0:10:49
113 Emerson Oronte (USA) Rally UHC Cycling 0:12:33
114 Feritcan Samli (Tur) Turkey 0:12:53
115 Jaco Venter (RSA) Dimension Data 0:13:05
116 Evan Huffman (USA) Rally UHC Cycling 0:14:04

Laustraliano Caleb Ewan si impone nella quarta frazione del Giro di Turchia (Getty Images)

L'australiano Caleb Ewan si impone nella quarta frazione del Giro di Turchia (Getty Images)

L’ARIA D’ASIA FA BENE A JAKOBSEN, INTERROTTA L’EGEMONIA DI BENNETT

aprile 18, 2019 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Sam Bennett ha mancato il tris! A passare per primo il traguardo di Edremit, davanti all’australiano, è stato Fabio Jakobsen che ha portato a 24 le vittorie della Deceuninck-Quick Step. Terzo Mark Cavendish. Piazzamenti nella TopTen per Matteo Malucelli e Luca Pacioni

Quando tutti si aspettavano il tris della maglia turchese di leader della classifica, la Deceuninck-Quick Step ha ottimizzato al meglio il lavoro lanciando verso il traguardo un incontenibile Fabio Jakobsen, al terzo successo stagionale. Il mancato successo dell’irlandese Sam Bennett (Bora – Hansgrohe) non è stata, però, l’unica “sorpresa” del podio odierno. In terza posizione si è, infatti, piazzato Mark Cavendish (Dimension Data), autore di una volata senza sbavature e capace di tenere testa a Bennett fin sulla linea d’arrivo. Un gradito ritorno nei piani alti di un ordine d’arrivo per il britannico, che ultimamente aveva perso lo smalto di un tempo.
Alle spalle di Jakobsen, Bennett e Cavendish, saliti con merito sul podio, hanno completato la TopTen di giornata Caleb Ewan (Lotto Soudal), Christophe Noppe (Sport Vlaanderen-Baloise), Matteo Malucelli (Caja Rural-Seguros RGA), Matthew Gibson (Burgos-BH), Luca Pacioni (Neri Sottoli–Selle Italia–KTM), Jordan Parra (Manzana Postobón) e Yevgeniy Gidich (Astana).
La tappa odierna, corsa nella parte asiatica della Turchia dopo che le precedenti frazioni si erano disputate nel settore europeo dello stato, non presentava difficoltà negli ultimi 35 Km ed era ambita dai velocisti presenti. Prova ne è stata che a controllare la fuga di giornata si sono messe, oltre alla Bora-Hansgrohe, anche Deceuninck-QuickStep, Lotto Soudal e Dimension Data, alleggerendo così di molto il lavoro del team del capoclassifica.
Ad alimentare la fuga di giornata sono stati Umberto Marengo (Neri Sottoli-Selle Italia-KTM), Victor Langellotti (Burgos-BH), Urko Berrade (Euskadi Basque Country – Murias), Lindsay De Vylder (Sport Vlaanderen-Baloise) e i corridori della nazionale turca Ahmet Örken e Feritcan Şamlı. La presenza di De Vylder e di Şamlı era facilmente pronosticabile visto la presenza del traguardo volante “Turkish Beauties”, che assegna quella Maglia Bianca per la quale i due sono in battaglia, dopo solo venti chilometri di gara, sprint che ha visto passare primo il leader della speciale classifica Şamlı davnti al compagno di squadra Örken.
Domani la quarta tappa sarà ancora dedicata agli uomini veloci, anche se il traguardo nella città di Bursa è posto in cima ad una salitella con pendenze attorno al 5%, con la strada che spianerà solo negli ultimi 500 metri. Un traguardo che potrebbe essere ostico per i “velocisti puri”.

Mario Prato

ORDINE D’ARRIVO

1 Fabio Jakobsen (Ned) Deceuninck-QuickStep 2:50:12
2 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe
3 Mark Cavendish (GBr) Dimension Data
4 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal
5 Christophe Noppe (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
6 Matteo Malucelli (Ita) Caja Rural-Seguros RGA
7 Matthew Gibson (GBr) Burgos-BH
8 Luca Pacioni (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
9 Jordan Arley Parra Arias (Col) Manzana Postobon
10 Yevgeniy Gidich (Kaz) Astana Pro Team
11 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
12 Enrique Sanz Unzue (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
13 Bryan Steve Gomez Peñaloza (Col) Manzana Postobon
14 Juan Sebastian Molano (Col) UAE Team Emirates
15 Eduard-Michael Grosu (Rom) Delko Marseille Provence KTM
16 Maximiliano Richeze (Arg) Deceuninck-QuickStep
17 Giovanni Lonardi (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
18 Jaume Sureda Morey (Spa) Burgos-BH
19 Samuel Caldeira (Por) W52-FC Porto
20 John Murphy (USA) Rally UHC Cycling
21 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team
22 Daniel Lopez Parada (Spa) Burgos-BH
23 Enzo Wouters (Bel) Lotto Soudal
24 Xavier Cañellas Sanchez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
25 Luis Carlos Chia Bermudez (Col) Manzana Postobon
26 Thimo Willems (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
27 Jose Daniel Viejo Redondo (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
28 Ahmet Orken (Tur) Turkey
29 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates
30 Rémy Rochas (Fra) Delko Marseille Provence KTM
31 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal
32 Gonzalo Serrano Rodriguez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
33 Felix Großschartner (Aut) Bora-Hansgrohe
34 Halil Dogan (Tur) Turkey
35 Merhawi Kudus (Eri) Astana Pro Team
36 Harm Vanhoucke (Bel) Lotto Soudal
37 José Ferreira (Por) W52-FC Porto
38 Delio Fernandez Cruz (Spa) Delko Marseille Provence KTM
39 Lucas De Rossi (Fra) Delko Marseille Provence KTM
40 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
41 Michael Mørkøv (Den) Deceuninck-QuickStep
42 Edgar Pinto (Por) W52-FC Porto
43 Julen Irizar Laskurain (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
44 Remco Evenepoel (Bel) Deceuninck-QuickStep
45 Sebastian Schönberger (Aut) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
46 Jon Aberasturi Izaga (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
47 Aaron Van Poucke (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
48 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe
49 Ricardo Mestre (Por) W52-FC Porto
50 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
51 Cristian Camilo Muñoz Lancheros (Col) UAE Team Emirates
52 Nuno Matos (Por) Burgos-BH
53 Onur Balkan (Tur) Turkey
54 Omar Alberto Mendoza Cardona (Col) Manzana Postobon
55 Nelson Soto Martinez (Col) Caja Rural-Seguros RGA
56 Stefan De Bod (RSA) Dimension Data
57 Juan Jose Lobato Del Valle (Spa) Nippo-Vini Fantini-Faizane
58 Alvaro Hodeg (Col) Deceuninck-QuickStep
59 Eros Capecchi (Ita) Deceuninck-QuickStep
60 Jhonatan Restrepo Valencia (Col) Manzana Postobon
61 Hideto Nakane (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
62 Ahmet Akdilek (Tur) Turkey
63 Diego Antonio Ochoa Camargo (Col) Manzana Postobon
64 Lindsay De Vylder (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
65 Daniil Fominykh (Kaz) Astana Pro Team
66 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
67 Rafael Reis (Por) W52-FC Porto
68 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team
69 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
70 Yuriy Natarov (Kaz) Astana Pro Team
71 Mustafa Sayar (Tur) Turkey
72 Etienne van Empel (Ned) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
73 Javier Moreno Bazan (Spa) Delko Marseille Provence KTM
74 Oscar Cabedo Carda (Spa) Burgos-BH
75 Umberto Marengo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
76 Raul Alarcon Garcia (Spa) W52-FC Porto
77 Mauro Finetto (Ita) Delko Marseille Provence KTM
78 Lorenzo Fortunato (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
79 Ramunas Navardauskas (Ltu) Delko Marseille Provence KTM
80 Gustavo Cesar Veloso (Spa) W52-FC Porto
81 Imerio Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
82 Urko Berrade Fernandez (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
83 Aleksandr Riabushenko (Blr) UAE Team Emirates
84 Hayato Yoshida (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
85 Masakazu Ito (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
86 Yecid Arturo Sierra Sanchez (Col) Manzana Postobon
87 Rob Britton (Can) Rally UHC Cycling
88 Scott Davies (GBr) Dimension Data
89 Mauricio Moreira (Uru) Caja Rural-Seguros RGA
90 Kenny De Ketele (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
91 Hiroki Nishimura (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
92 Victor Langellotti (Mon) Burgos-BH
93 Robbe Ghys (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
94 Dmitriy Gruzdev (Kaz) Astana Pro Team
95 Erik Baska (Svk) Bora-Hansgrohe
96 Kyle Murphy (USA) Rally UHC Cycling
97 Michael Schwarzmann (Ger) Bora-Hansgrohe
98 Shane Archbold (NZl) Bora-Hansgrohe
99 Ander Barrenetxea Uriarte (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
100 Alvaro Robredo Crespo (Spa) Burgos-BH
101 Moreno De Pauw (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
102 Muhammed Atalay (Tur) Turkey
103 Sebastian Mora Vedri (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
104 Beñat Intxausti Elorriaga (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
105 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data 0:00:16
106 Rasmus Iversen (Den) Lotto Soudal
107 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal
108 Tyler Magner (USA) Rally UHC Cycling
109 Simone Bevilacqua (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:00:21
110 Jaco Venter (RSA) Dimension Data 0:00:29
111 Davide Martinelli (Ita) Deceuninck-QuickStep 0:00:38
112 Feritcan Samli (Tur) Turkey 0:00:48
113 Pier Andre Cote (Can) Rally UHC Cycling 0:00:58
114 Evan Huffman (USA) Rally UHC Cycling
115 Liam Bertazzo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:01:06
116 Emerson Oronte (USA) Rally UHC Cycling 0:01:37
117 Cyril Barthe (Fra) Euskadi Basque Country-Murias

CLASSIFICA GENERALE

1 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 11:04:08
2 Felix Großschartner (Aut) Bora-Hansgrohe 0:00:20
3 Jhonatan Restrepo Valencia (Col) Manzana Postobon 0:00:22
4 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 0:00:26
5 Gonzalo Serrano Rodriguez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
6 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
7 Mauro Finetto (Ita) Delko Marseille Provence KTM
8 Edgar Pinto (Por) W52-FC Porto 0:00:29
9 Christophe Noppe (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:00:30
10 Merhawi Kudus (Eri) Astana Pro Team
11 Sebastian Schönberger (Aut) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
12 Onur Balkan (Tur) Turkey
13 Cyril Barthe (Fra) Euskadi Basque Country-Murias
14 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
15 Diego Antonio Ochoa Camargo (Col) Manzana Postobon
16 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates 0:00:35
17 Remco Evenepoel (Bel) Deceuninck-QuickStep
18 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe
19 Lindsay De Vylder (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:00:38
20 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data 0:00:39
21 Lorenzo Fortunato (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
22 Eduard-Michael Grosu (Rom) Delko Marseille Provence KTM 0:00:40
23 Ricardo Mestre (Por) W52-FC Porto
24 Aleksandr Riabushenko (Blr) UAE Team Emirates
25 Umberto Marengo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
26 Yevgeniy Gidich (Kaz) Astana Pro Team 0:00:42
27 Jaume Sureda Morey (Spa) Burgos-BH
28 Delio Fernandez Cruz (Spa) Delko Marseille Provence KTM
29 Hideto Nakane (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
30 Harm Vanhoucke (Bel) Lotto Soudal
31 Yuriy Natarov (Kaz) Astana Pro Team
32 Daniil Fominykh (Kaz) Astana Pro Team
33 Cristian Camilo Muñoz Lancheros (Col) UAE Team Emirates
34 Etienne van Empel (Ned) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
35 Eros Capecchi (Ita) Deceuninck-QuickStep
36 Yecid Arturo Sierra Sanchez (Col) Manzana Postobon
37 Rob Britton (Can) Rally UHC Cycling
38 Rafael Reis (Por) W52-FC Porto
39 Masakazu Ito (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
40 Raul Alarcon Garcia (Spa) W52-FC Porto
41 Kyle Murphy (USA) Rally UHC Cycling
42 Aaron Van Poucke (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:00:51
43 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
44 Juan Jose Lobato Del Valle (Spa) Nippo-Vini Fantini-Faizane
45 Mustafa Sayar (Tur) Turkey
46 Maximiliano Richeze (Arg) Deceuninck-QuickStep 0:00:54
47 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal 0:00:56
48 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team 0:00:58
49 Julen Irizar Laskurain (Spa) Euskadi Basque Country-Murias 0:01:00
50 Enrique Sanz Unzue (Spa) Euskadi Basque Country-Murias 0:01:07
51 Luca Pacioni (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:01:10
52 Daniel Lopez Parada (Spa) Burgos-BH
53 Jon Aberasturi Izaga (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
54 Rémy Rochas (Fra) Delko Marseille Provence KTM
55 Ramunas Navardauskas (Ltu) Delko Marseille Provence KTM
56 Omar Alberto Mendoza Cardona (Col) Manzana Postobon
57 Urko Berrade Fernandez (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
58 Oscar Cabedo Carda (Spa) Burgos-BH
59 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:01:19
60 Giovanni Lonardi (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:01:23
61 Javier Moreno Bazan (Spa) Delko Marseille Provence KTM 0:01:25
62 Hayato Yoshida (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
63 Dmitriy Gruzdev (Kaz) Astana Pro Team
64 Ahmet Orken (Tur) Turkey 0:01:30
65 Nuno Matos (Por) Burgos-BH
66 Michael Mørkøv (Den) Deceuninck-QuickStep 0:01:55
67 Jordan Arley Parra Arias (Col) Manzana Postobon 0:02:00
68 Kenny De Ketele (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
69 Robbe Ghys (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
70 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal 0:02:02
71 Samuel Caldeira (Por) W52-FC Porto 0:02:04
72 Stefan De Bod (RSA) Dimension Data 0:02:12
73 Scott Davies (GBr) Dimension Data
74 Luis Carlos Chia Bermudez (Col) Manzana Postobon 0:02:16
75 Nelson Soto Martinez (Col) Caja Rural-Seguros RGA
76 Davide Martinelli (Ita) Deceuninck-QuickStep 0:02:19
77 Imerio Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:02:29
78 Juan Sebastian Molano (Col) UAE Team Emirates 0:02:46
79 Simone Bevilacqua (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:03:07
80 Alvaro Hodeg (Col) Deceuninck-QuickStep 0:03:21
81 Shane Archbold (NZl) Bora-Hansgrohe 0:03:23
82 Jose Daniel Viejo Redondo (Spa) Euskadi Basque Country-Murias 0:03:27
83 Hiroki Nishimura (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
84 Beñat Intxausti Elorriaga (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
85 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data 0:03:47
86 Fabio Jakobsen (Ned) Deceuninck-QuickStep 0:03:53
87 Alvaro Robredo Crespo (Spa) Burgos-BH 0:04:00
88 Mark Cavendish (GBr) Dimension Data 0:04:01
89 Thimo Willems (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:04:02
90 Gustavo Cesar Veloso (Spa) W52-FC Porto
91 Sebastian Mora Vedri (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
92 Matteo Malucelli (Ita) Caja Rural-Seguros RGA 0:04:05
93 Xavier Cañellas Sanchez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
94 Halil Dogan (Tur) Turkey
95 Lucas De Rossi (Fra) Delko Marseille Provence KTM
96 Michael Schwarzmann (Ger) Bora-Hansgrohe
97 Mauricio Moreira (Uru) Caja Rural-Seguros RGA
98 Victor Langellotti (Mon) Burgos-BH 0:04:08
99 Ahmet Akdilek (Tur) Turkey 0:04:09
100 Moreno De Pauw (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
101 Ander Barrenetxea Uriarte (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
102 José Ferreira (Por) W52-FC Porto 0:04:15
103 Enzo Wouters (Bel) Lotto Soudal 0:04:20
104 Matthew Gibson (GBr) Burgos-BH 0:04:30
105 Rasmus Iversen (Den) Lotto Soudal 0:04:42
106 Erik Baska (Svk) Bora-Hansgrohe 0:04:43
107 Muhammed Atalay (Tur) Turkey 0:06:01
108 Bryan Steve Gomez Peñaloza (Col) Manzana Postobon 0:06:03
109 John Murphy (USA) Rally UHC Cycling
110 Tyler Magner (USA) Rally UHC Cycling 0:06:19
111 Pier Andre Cote (Can) Rally UHC Cycling 0:07:01
112 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal 0:07:06
113 Liam Bertazzo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:07:48
114 Jaco Venter (RSA) Dimension Data
115 Emerson Oronte (USA) Rally UHC Cycling 0:08:14
116 Feritcan Samli (Tur) Turkey 0:09:10
117 Evan Huffman (USA) Rally UHC Cycling 0:10:20

Lolandese Jakobsen vince la terza tappa del Turchia superando allo sprint il capoclassifica Sam Bennett (foto Bettini)

L'olandese Jakobsen vince la terza tappa del Turchia superando allo sprint il capoclassifica Sam Bennett (foto Bettini)

IL GIRINO NELL’ANTERSELVA OSCURA

Tappa di transizione oppure frazione in grado di provocare altre piccole scosse telluriche in classifica? Solo al termine del viaggio di 180 Km dalla Val di Sole alla Valle di Anterselva sapremo se questa giornata sarà trascorsa senza colpo ferire o se qualcuno avrà voluto infierire sugli avversari stanchi e ancora provati dal tappone affrontato poche ore prima.

È oscura la diciassettesima fatica del Giro 2019, oscura come la selva nella quale s’incamminò Dante nell’incipit della Divina Commedia. Oscura perché sul viaggio verso Anterselva pesano parecchie incognite, interrogativi che impediscono di fare previsioni sul decorso dell’unica tappa totalmente trentina di questa edizione della corsa rosa. Cosa potrebbe capitare tra la Val di Sole e la Pusteria? Tutto e il contrario di tutto. Pur non essendo una frazione di montagna durissima, soprattutto se paragonata a quella vissuta solo 24 ore prima sulle rotte da Lovere a Ponte di Legno, potrebbe risultare più selettiva del previsto proprio per le fatiche accumulate tra Gavia e Mortirolo e che qualche corridore di punta potrebbe non aver ancora smaltito in un momento della corsa, già entrata nella terza settimana, nel quale le energie cominciano a scarseggiare. Non pensiamo che ci sarà in gruppo qualche “pazzo” che vorrà rendere la tappa dura sin dall’inizio, anche perché le difficoltà iniziali sono poco adatte a imprese del genere, ma se qualcuno deciderà di muoversi nel finale potrebbe rendere la vita dura ai più provati tra gli avversari affrontando l’ascesa finale verso Anterselva, i cui numeri non sembrano particolarmente generosi di pendenze, concentrate però negli ultimi 4 km, quelli sì impegnativi, nei quali si potrebbero vedere i frutti più succulenti di azioni portate ai danni degli uomini di classifica più stanchi. Ma proprio la stanchezza, che cominceranno ad accusare un po’ tutti, potrebbe indurre una condotta di corsa più cauta, senza che succeda nulla ai piani alti e che si verifichi il “contrario di tutto” e che la tappa termini con l’approdo di una lunga fuga da lontano. Dopo Ponte in moltissimi corridori si troveranno ad anni luce di distanza dalla maglia rosa e chi è rimasto a bocca asciutta sicuramente coglierà l’occasione per lanciarsi in avanscoperta con ottime possibilità di condurre il tentativo in porto, come accadde per esempio nella Brunico – Passo del Tonale del Giro del 1997, disputata dopo il tappone dolomitico e nella quale si effettuava il percorso esattamente inverso rispetto alla frazione odierna, affrontando al contrario le prime due salite previste quest’oggi (Mendola e Terento) e giungendo senza troppe sorprese in vetta al Tonale, dove lo scalatore colombiano “Chepe” González s’impose dove aver staccato i compagni d’avventura e aver anticipato di quasi 10 minuti il gruppo maglia rosa, nel quale avvenne solo qualche scaramuccia, senza alcun esito, tra il russo Pavel Tonkov e il leader della corsa Ivan Gotti.
Proprio ai piedi del Tonale scatterà questa frazione, per la precisione da Commezzadura, il centro che nel 2008 ospitò i campionati del mondo di mountain-bike, la terza edizione disputata in Italia dopo quelle del Ciocco (1991) e di Livigno (2005). Nei primi 15 km si pedalerà in lenta discesa sul fondovalle della Val di Sole, toccando le località di villeggiatura di Dimaro prima e di Malè poi, per giungere quindi sulle strade della Val di Non, che il gruppo conosce a menadito perché hanno ospitato per quasi vent’anni il Trofeo Melinda, corsa professionistica che in tre edizioni è stata valida per il campionato nazionale e la cui tradizione continua anche dopo la cancellazione della gara dal calendario, essendo divenuta dal 2017 una tappa immancabile del Tour of The Alps, la corsa che preso a sua volta il posto del Giro del Trentino. Tra i meleti che sono il vanto di questa terra è nata la stella di Gianni Moscon, che risiede con la famiglia a Livo, comune di poco meno di 900 abitanti che il tracciato di gara sfiorerà all’inizio di questo tratto e nel quale si può ammirare il “Castello della Rosa”, nome con il quale è talvolta noto l’imponente Palazzo Aliprandini Laifenthurn. Offrendo spettacolari viste sul sottostante lago artificiale di Santa Giustina, il tracciato comincerà lentamente a prendere quota, anche se si comincerà a parlare di salita vera e proprio solo dopo il passaggio da Fondo, nel cui cuore si trova, protetto da una teca di vetro, un curioso orologio ad acqua, l’idrocronometro astronomico inaugurato nel 2010. Primo dei tre Gran Premi della Montagna odierni sarà il Passo della Mendola, valico ricorrente nella nomenclatura della corsa rosa che vi è salita finora in 14 occasioni e questa sarà quella che porterà alla scoperta di un versante inedito, 11.3 Km al 5% (6.4% nei primi 6 Km), che transiterà per la località di Ruffrè prima di giungere alla Mendola, località di villeggiatura la cui fama iniziò negli anni dell’Impero Austro-Ungarico quando ospitò personaggi del calibro della principessa Sissi e di Gandhi. S’imboccherà quindi la lunga e, a tratti, tortuosa discesa – sono previsti una quindicina di tornanti – che proietterà il gruppo verso la conca di Bolzano, raggiunta dopo aver intercettato il cammino della “Strada del Vino dell’Alto Adige”, itinerario enologico che in 70 Km attraversa i vigneti che danno nettari prelibati come il “Gewurztraminer” (Traminer aromatico). Il passaggio dal capoluogo del “Südtirol” avverrà a poche centinaia di metri dalla storica Piazza Walther, sede dal 1990 del frequentato Mercatino di Natale di Bolzano e sulla quale prospetta l’abside del duomo di Santa Maria Assunta, una “mirabilia” che il gruppo non avrà certo il tempo di guardare all’imbocco del lungo tratto in falsopiano con il quale si risalirà dolcemente la valle dell’Isarco, stretta nel tratto iniziale tra gli altipiani del Renon a destra e di Siusi a destra. Toccata la località di Colma, dove è impossibile non gettare uno sguardo alla curiosa facciata a scacchiera di Castel Friedburg, e lasciata sulla destra la strada che risale la Val Gardena sino all’omonimo passo si giungerà a Chiusa, borgo medioevale dominato dall’alta rupe sulla quale lo sorveglia dal 1200 la fortezza che alla fine del ‘600 fu trasformata nel Monastero di Sabiona, luogo considerato la culla spirituale del Tirolo e la cui mole nel 1976 fece da spettacolare sfondo a una scena del film “Il deserto dei Tartari” di Valerio Zurlini, trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo pubblicato nel 1940 da Dino Buzzati, lo scrittore e giornalista bellunese che scrisse per il Corriere della Sera per il quale si occupò anche di ciclismo seguendo il Giro d’Italia del 1949, giusto 70 anni fa. Altre scene di quella pellicola furono girate anche nel centro storico della vicina Bressanone, attraversata la quale si lascerà il falsopiano percorso fino a quel momento per affrontare la salita verso Naz (5.1 Km al 6.2%), centro salito alla ribalta delle cronache all’epoca della “guerra fredda” per aver ospitato una base militare della NATO, il Site Rigel, utilizzata come deposito di munizioni nucleari da usare in caso di un conflitto con gli stati del Patto di Varsavia e della quale oggi, dopo la chiusura della stessa nel 1983 e la “sdemanializzione” del 2002, è in progetto la trasformazione in un Parco della Memoria. La successiva, discesa introdurrà il gruppo in Val Pusteria, attraversandone il centro di Rio di Pusteria prima di imboccare l’unico tratto di vera pianura previsto in questa frazione, poco più di 5 Km nel corso dei quali si sfiorerà una delle più note fortificazioni della valle, la medioevale Chiusa di Rio Pusteria, un tempo attraversata dalla strada statale. Terminato questo tratto tranquillo a Vandoies si lascerà temporaneamente il fondavalle del fiume Rienza per affrontare la salita di Terento, cara ai tifosi di Damiano Cunego perché al Giro del 2004 fu quest’ascesa di 6 Km al 7.8% a consentire al “Piccolo Principe” di riprendere definitivamente quella maglia rosa che gli era stata tolta qualche giorno prima dall’ucraino Jaroslav Popovyč nella cronometro di Trieste. Raggiunto il piccolo centro situato a 1211 metri di quota, all’imbocco della Valle dei Mulini (così chiamata per la presenza di numerosi mulini ad acqua), si percorrerà in veloce discesa la “Strada del Sole” che farà planare la corsa prima su Falzes e poi su Brunico, dove si ritroverà la Val Pusteria nel suo capoluogo, sorto ai piedi del versante settentrionale del Plan de Corones e presso il quale è visitabile l’interessante museo all’aperto degli usi e costumi dell’Alto Adige, situato in località Teodone. Ripresa la strada di fondovalle questa procederà a scalini verso il gran finale odierno superando un primo balzo verso Perca, comune nel cui territorio ricade uno dei più spettacolari monumenti naturali dell’Alto Adige, le “selvatiche” Piramidi di Plata. Alle porte di Valdaora, il centro che l’indomani ospiterà la partenza della diciottesima frazione, si svolterà infine a sinistra per imboccare la strada che risale la valle d’Anterselva in direzione dell’omonimo e delizioso laghetto, poco prima del quale – messi alle spalle i 4000 metri più esigenti di quest’ascesa (media dell’8.5%, al termine di una salita di complessivi 9.6 Km al 5.5%) sapremo se quest’oscura selva sarà stata per qualcuno porta del paradiso o dell’inferno….

Mauro Facoltosi

I VALICHI DELLA TAPPA

Passo della Mendola (1297 metri). Chiamato anche Mendelpass, separa i monti Penegal e Roen ed è valicato dalla SS 42 “del Tonale e della Mendola” tra Appiano sulla Strada del Vino e Ronzone. Il Giro d’italia vi è salito 14 volte, la prima nel corso della tappa Merano – Gardone Riviera del 1937, disputata il giorno successivo il primo tappone dolomitico della storia e in entrambi i casi il grande mattatore, fra traguardi di tappa e GPM, fu Gino Bartali. Gli altri corridori che hanno iscritto il loro nome nell’albo d’oro della Mendola sono stati nell’ordine Nino Defilippis nel 1958 (Bolzano – Trento, vinta da Gastone Nencini), Pasquale Fornara nel 1959 (Bolzano – San Pellegrino Terme, Alessandro Fantini), Vittorio Adorni nel 1969 (Cavalese – Folgarida, vinta dallo stesso corridore), Gianni Motta nel 1971 (Falcade – Ponte di Legno, Lino Farisato), Alfio Vandi nel 1977 (Cortina d’Ampezzo – Pinzolo, Gianbattista Baronchelli), l’elvetico Ueli Sutter nel 1978 (Cavalese – Monte Bondone, Wladimiro Panizza), lo svedese Tommy Prim nel 1980 (Longarone – Cles, Giuseppe Saronni), Claudio Chiappucci nel 1990 (Moena – Aprica, Leonardo Sierra), Mariano Piccoli nel 1996 (Cavalese – Aprica, Ivan Gotti), Massimo Podenzana nel 1997 (Brunico – Passo del Tonale, José Jaime González), lo stesso colombiano González nel 2000 (Selva di Val Gardena – Bormio, Gilberto Simoni), Alessandro Bertolini nel 2004 (Brunico – Fondo / Sarnonico, Pavel Tonkov) e lo spagnolo David López García nel 2004 (Bressanone – Andalo, Alejandro Valverde). Nel 1999 vi si concluse anche una tappa del Giro del Trentino, vinta da Riccardo Forconi.

Schnurer Höfe (1259 metri). Vi transita la “Strada del Sole” tra Terento e Issengo. Nei pressi del valico, in località Marchner (1271 metri), nel 2004 era posto il GPM di Terento nel finale della tappa San Vendemiano – Falzes, conquistata come il traguardo della montagna da Damiano Cunego.

RINGRAZIAMENTI

Segnaliamo che le citazioni cinematografiche (nel testo e nella fotogallery) sono frutto della collaborazione con il sito www.davinotti.com, che ringraziamo per la disponibilità.

FOTOGALLERY

Livo, Palazzo Aliprandini Laifenthurn

Lago di Santa Giustina

Fondo, idrocronometro astronomico

La conca di Bolzano vista dalla discesa del Passo della Mendola

Bolzano, Piazza Walther

Colma, Castel Friedburg

Il monastero di Sabiona sullo sfondo di una scena de “Il deserto dei Tartari” (www.davinotti.com)

Il monastero di Sabiona sullo sfondo di una scena de “Il deserto dei Tartari” (www.davinotti.com)

Naz, ingresso all’ex base NATO del Site Rigel

Rio di Pusteria, Chiusa di Rio Pusteria

Terento, Valle dei Mulini

Teodone di Brunico, uno scorcio del museo all’aperto dedicato agli usi e ai costumi dell’Alto Adige

Perca, Piramidi di Plata

Il lago di Anterselva e, in trasparenza, l’altimetria della diciassettesima tappa del Giro 2019 (wikipedia)

Il lago di Anterselva e, in trasparenza, l’altimetria della diciassettesima tappa del Giro 2019 (wikipedia)

SAM BENNETT SI CONFERMA AL TOUR OF TURKEY

aprile 17, 2019 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Sam Bennett si conferma sul traguardo di Eceabat. Nonostante un finale di percorso poco adatto alle ruote veloci l’australiano della Bora-Hansgrohe ha conquistato anche la seconda tappa davanti al compagno di squadra Felix Grossschartner. Terzo il colombiano Jhonatan Restrepo. Sesta e settima piazza, invece, per Mauro Finetto e Valerio Conti.

Nonostante il finale di gara poco si addicesse alle ruote veloci, Sam Bennett (Bora-Hansgrohe) ha centrato anche il successo nella seconda tappa del Presidential Cycling Tour of Turkey. Il traguardo di oggi era posto in cima ad uno strappo di 3 km che presentava molte difficoltà, strada stretta, tortuosa, tratti in contropendenza e un ultimo strappo al 7%. Insomma un bel mix che ha appesantito le gambe e spento le velleità di molti, ma non quelle di Bennett, che di turchese vestito è andato a rafforzare la sua leadership in classifica generale.
Per sua stessa ammissione il vincitore non aveva messo in obiettivo la tappa odierna, ma ha corso a sensazione e si è trovato, come si dice, al posto giusto nel momento giusto. Negli ultimissimi chilometri in molti hanno provato l’azione e su tutte vanno citata quelle, un po’ anticipate, dell’atteso Remco Evenepoel (Deceuninck – Quick Step), che ha poi chiuso 17° a 9”, e di Lukas Pöstlberger (Bora-Hansgrohe), partito ai meno 1300 e che sembrava destinato al successo. Purtroppo per lui il prepotente inseguimento portato da Mauro Finetto (Delko Marseille Provence) ha di fatto lanciato la volata a Bennet, che è transitato in testa sotto lo striscione d’arrivo Bennett precedendo il compagno di squadra Felix Grossschartner. La terza piazza è andata a Jhonatan Restrepo (Manzana Postobón) e poi a seguire con lo stesso tempo del vincitore sono transitati Gonzalo Serrano (Caja Rural), Jan Polanc (UAE-Team Emirates), Finetto e Valerio Conti ((UAE-Team Emirates). Ottavo a 3″ si è piazzato il portoghese Edgar Pinto (W52 / FC Porto) mentre a 4″ è arrivato un drappello regolato da Sebastian Schönberger (Neri Sottoli – Selle Italia – KTM) davanti a Cyril Barthe (Euskadi Basque Country – Murias) e altri 6 elementi.
In chiave classifica generale grazie all’abbuono Bennet rafforza la sua maglia turchese con 14″ di vantaggio su Grossschartner, 16″ su Restrepo, 20″ su Polanc, Conti, Finetti e Serrano.
Detto delle fasi finali, la tappa odierna come tradizione ha avuto i suoi “fuggitivi”. Ad animare la fuga di giornata sono stati Ricardo Mestre (W52 / FC Porto), Lucas De Rossi (Delko Marseille Provence), Emerson Oronte (Rally UHC Cycling), Mauricio Moreira (Caja Rural-Seguros RGA), Thimo Willems (Sport Vlaanderen-Baloise), Liam Bertazzo (Neri Sottoli-Selle Italia-KTM) e il corridore locale Halil Dogan (nazionale turca), A onor del vero questa non è stata proprio la prima e unica fuga perchè durante l’ascesa verso il primo GPM di giornata si sono avvantaggiati cinque ardimentosi, il cui risicato vantaggio guadagnato, circa 15”, ha fatto sì che la fuga non avesse futuro. Tra i cinque era presente anche il portoghese Ricardo Mestre, capace poi di entrare anche nella fuga “buona”.
La tappa odierna è stata caratterizzata anche da alcune cadute e tra questa vanno segnalate quelle occorse a Juan Sebastián Molano (UAE Team Emirates) e Caleb Ewan (Lotto Soudal). Per entrambi si è reso necessario l’intervento del medico di corsa, ma hanno comunque terminato la gara.
Domani la terza tappa del Tour of Turkey porterà il plotone da Çanakkale a Edremit per un totale di 122.6 chilometri. Sulla carta si prospetta ancora un arrivo in volata, con l’attuale leader della generale favorito per il tris, che vorrebbe dire 10 successi ottenuti nella corsa turca, a solo una lunghezza dal record di André Greipel che ha esultato per 11 volte a queste latitudini.

Mario Prato

ORDINE D’ARRIVO

1 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 4:41:48
2 Felix Großschartner (Aut) Bora-Hansgrohe
3 Jhonatan Restrepo Valencia (Col) Manzana Postobon
4 Gonzalo Serrano Rodriguez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
5 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates
6 Mauro Finetto (Ita) Delko Marseille Provence KTM
7 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
8 Edgar Pinto (Por) W52-FC Porto 0:00:03
9 Sebastian Schönberger (Aut) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:00:04
10 Cyril Barthe (Fra) Euskadi Basque Country-Murias
11 Merhawi Kudus (Eri) Astana Pro Team
12 Christophe Noppe (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
13 Diego Antonio Ochoa Camargo (Col) Manzana Postobon
14 Onur Balkan (Tur) Turkey
15 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
16 Juan Jose Lobato Del Valle (Spa) Nippo-Vini Fantini-Faizane
17 Remco Evenepoel (Bel) Deceuninck-QuickStep 0:00:09
18 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
19 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe
20 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data 0:00:13
21 Aleksandr Riabushenko (Blr) UAE Team Emirates 0:00:14
22 Eduard-Michael Grosu (Rom) Delko Marseille Provence KTM
23 Etienne van Empel (Ned) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:00:16
24 Cristian Camilo Muñoz Lancheros (Col) UAE Team Emirates
25 Harm Vanhoucke (Bel) Lotto Soudal
26 Delio Fernandez Cruz (Spa) Delko Marseille Provence KTM
27 Daniil Fominykh (Kaz) Astana Pro Team
28 Yuriy Natarov (Kaz) Astana Pro Team
29 Yecid Arturo Sierra Sanchez (Col) Manzana Postobon
30 Lorenzo Fortunato (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
31 Kyle Murphy (USA) Rally UHC Cycling
32 Masakazu Ito (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
33 Umberto Marengo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
34 Eros Capecchi (Ita) Deceuninck-QuickStep
35 Yevgeniy Gidich (Kaz) Astana Pro Team
36 Rob Britton (Can) Rally UHC Cycling
37 Ricardo Mestre (Por) W52-FC Porto
38 Hideto Nakane (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
39 Aaron Van Poucke (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:00:25
40 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
41 Mustafa Sayar (Tur) Turkey
42 Maximiliano Richeze (Arg) Deceuninck-QuickStep 0:00:28
43 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team 0:00:32
44 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal 0:00:34
45 Julen Irizar Laskurain (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
46 Enrique Sanz Unzue (Spa) Euskadi Basque Country-Murias 0:00:41
47 Daniel Lopez Parada (Spa) Burgos-BH 0:00:44
48 Jon Aberasturi Izaga (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
49 Lindsay De Vylder (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:00:16
50 Luca Pacioni (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:00:44
51 Ramunas Navardauskas (Ltu) Delko Marseille Provence KTM
52 Rémy Rochas (Fra) Delko Marseille Provence KTM
53 Urko Berrade Fernandez (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
54 Oscar Cabedo Carda (Spa) Burgos-BH
55 Omar Alberto Mendoza Cardona (Col) Manzana Postobon
56 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:00:53
57 Giovanni Lonardi (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:00:57
58 Javier Moreno Bazan (Spa) Delko Marseille Provence KTM 0:00:59
59 Hayato Yoshida (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
60 Dmitriy Gruzdev (Kaz) Astana Pro Team
61 Ahmet Orken (Tur) Turkey 0:01:04
62 Nuno Matos (Por) Burgos-BH
63 Davide Martinelli (Ita) Deceuninck-QuickStep 0:01:15
64 Michael Mørkøv (Den) Deceuninck-QuickStep 0:01:29
65 Kenny De Ketele (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:01:34
66 Jordan Arley Parra Arias (Col) Manzana Postobon
67 Robbe Ghys (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
68 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal 0:01:36
69 Samuel Caldeira (Por) W52-FC Porto 0:01:38
70 Scott Davies (GBr) Dimension Data 0:01:46
71 Stefan De Bod (RSA) Dimension Data
72 Luis Carlos Chia Bermudez (Col) Manzana Postobon 0:01:50
73 Nelson Soto Martinez (Col) Caja Rural-Seguros RGA
74 Jaume Sureda Morey (Spa) Burgos-BH 0:00:16
75 Imerio Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:02:03
76 Simone Bevilacqua (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:02:20
77 Juan Sebastian Molano (Col) UAE Team Emirates
78 Alvaro Hodeg (Col) Deceuninck-QuickStep 0:02:55
79 Shane Archbold (NZl) Bora-Hansgrohe 0:02:57
80 Beñat Intxausti Elorriaga (Spa) Euskadi Basque Country-Murias 0:03:01
81 Hiroki Nishimura (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
82 Jose Daniel Viejo Redondo (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
83 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data 0:03:05
84 Sebastian Mora Vedri (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 0:03:36
85 Gustavo Cesar Veloso (Spa) W52-FC Porto
86 Alvaro Robredo Crespo (Spa) Burgos-BH
87 Rafael Reis (Por) W52-FC Porto 0:00:16
88 Raul Alarcon Garcia (Spa) W52-FC Porto
89 Michael Schwarzmann (Ger) Bora-Hansgrohe 0:03:39
90 Erik Baska (Svk) Bora-Hansgrohe
91 Thimo Willems (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
92 Xavier Cañellas Sanchez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
93 Mauricio Moreira (Uru) Caja Rural-Seguros RGA
94 Matteo Malucelli (Ita) Caja Rural-Seguros RGA
95 Lucas De Rossi (Fra) Delko Marseille Provence KTM
96 Mark Cavendish (GBr) Dimension Data
97 Halil Dogan (Tur) Turkey
98 Enzo Wouters (Bel) Lotto Soudal
99 Victor Langellotti (Mon) Burgos-BH 0:03:43
100 Moreno De Pauw (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
101 Ahmet Akdilek (Tur) Turkey
102 Ander Barrenetxea Uriarte (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
103 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal
104 Fabio Jakobsen (Ned) Deceuninck-QuickStep
105 José Ferreira (Por) W52-FC Porto 0:03:49
106 Rasmus Iversen (Den) Lotto Soudal 0:04:00
107 Matthew Gibson (GBr) Burgos-BH 0:04:04
108 Muhammed Atalay (Tur) Turkey 0:05:35
109 Tyler Magner (USA) Rally UHC Cycling 0:05:37
110 Bryan Steve Gomez Peñaloza (Col) Manzana Postobon
111 John Murphy (USA) Rally UHC Cycling
112 Jaco Venter (RSA) Dimension Data
113 Pier Andre Cote (Can) Rally UHC Cycling
114 Evan Huffman (USA) Rally UHC Cycling
115 Emerson Oronte (USA) Rally UHC Cycling 0:06:11
116 Liam Bertazzo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:06:17
117 Feritcan Samli (Tur) Turkey 0:07:37

CLASSIFICA GENERALE

1 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 8:14:02
2 Felix Großschartner (Aut) Bora-Hansgrohe 0:00:14
3 Jhonatan Restrepo Valencia (Col) Manzana Postobon 0:00:16
4 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 0:00:20
5 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
6 Mauro Finetto (Ita) Delko Marseille Provence KTM
7 Gonzalo Serrano Rodriguez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
8 Edgar Pinto (Por) W52-FC Porto 0:00:23
9 Christophe Noppe (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:00:24
10 Cyril Barthe (Fra) Euskadi Basque Country-Murias
11 Merhawi Kudus (Eri) Astana Pro Team
12 Sebastian Schönberger (Aut) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
13 Onur Balkan (Tur) Turkey
14 Diego Antonio Ochoa Camargo (Col) Manzana Postobon
15 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
16 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates 0:00:29
17 Remco Evenepoel (Bel) Deceuninck-QuickStep
18 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe
19 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data 0:00:33
20 Lorenzo Fortunato (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
21 Eduard-Michael Grosu (Rom) Delko Marseille Provence KTM 0:00:34
22 Aleksandr Riabushenko (Blr) UAE Team Emirates
23 Ricardo Mestre (Por) W52-FC Porto
24 Lindsay De Vylder (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:00:35
25 Yevgeniy Gidich (Kaz) Astana Pro Team 0:00:36
26 Hideto Nakane (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
27 Yuriy Natarov (Kaz) Astana Pro Team
28 Daniil Fominykh (Kaz) Astana Pro Team
29 Delio Fernandez Cruz (Spa) Delko Marseille Provence KTM
30 Jaume Sureda Morey (Spa) Burgos-BH
31 Umberto Marengo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
32 Etienne van Empel (Ned) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
33 Yecid Arturo Sierra Sanchez (Col) Manzana Postobon
34 Cristian Camilo Muñoz Lancheros (Col) UAE Team Emirates
35 Harm Vanhoucke (Bel) Lotto Soudal
36 Eros Capecchi (Ita) Deceuninck-QuickStep
37 Rob Britton (Can) Rally UHC Cycling
38 Kyle Murphy (USA) Rally UHC Cycling
39 Masakazu Ito (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
40 Rafael Reis (Por) W52-FC Porto
41 Raul Alarcon Garcia (Spa) W52-FC Porto
42 Aaron Van Poucke (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:00:45
43 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
44 Mustafa Sayar (Tur) Turkey
45 Juan Jose Lobato Del Valle (Spa) Nippo-Vini Fantini-Faizane
46 Maximiliano Richeze (Arg) Deceuninck-QuickStep 0:00:48
47 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal 0:00:50
48 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team 0:00:52
49 Julen Irizar Laskurain (Spa) Euskadi Basque Country-Murias 0:00:54
50 Enrique Sanz Unzue (Spa) Euskadi Basque Country-Murias 0:01:01
51 Luca Pacioni (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:01:04
52 Jon Aberasturi Izaga (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
53 Daniel Lopez Parada (Spa) Burgos-BH
54 Ramunas Navardauskas (Ltu) Delko Marseille Provence KTM
55 Rémy Rochas (Fra) Delko Marseille Provence KTM
56 Urko Berrade Fernandez (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
57 Omar Alberto Mendoza Cardona (Col) Manzana Postobon
58 Oscar Cabedo Carda (Spa) Burgos-BH
59 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:01:13
60 Giovanni Lonardi (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:01:17
61 Javier Moreno Bazan (Spa) Delko Marseille Provence KTM 0:01:19
62 Dmitriy Gruzdev (Kaz) Astana Pro Team
63 Hayato Yoshida (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
64 Ahmet Orken (Tur) Turkey 0:01:24
65 Nuno Matos (Por) Burgos-BH
66 Davide Martinelli (Ita) Deceuninck-QuickStep 0:01:35
67 Michael Mørkøv (Den) Deceuninck-QuickStep 0:01:49
68 Jordan Arley Parra Arias (Col) Manzana Postobon 0:01:54
69 Kenny De Ketele (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
70 Robbe Ghys (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
71 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal 0:01:56
72 Samuel Caldeira (Por) W52-FC Porto 0:01:58
73 Stefan De Bod (RSA) Dimension Data 0:02:06
74 Scott Davies (GBr) Dimension Data
75 Nelson Soto Martinez (Col) Caja Rural-Seguros RGA 0:02:10
76 Luis Carlos Chia Bermudez (Col) Manzana Postobon
77 Imerio Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:02:23
78 Juan Sebastian Molano (Col) UAE Team Emirates 0:02:40
79 Simone Bevilacqua (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
80 Alvaro Hodeg (Col) Deceuninck-QuickStep 0:03:15
81 Shane Archbold (NZl) Bora-Hansgrohe 0:03:17
82 Jose Daniel Viejo Redondo (Spa) Euskadi Basque Country-Murias 0:03:21
83 Hiroki Nishimura (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
84 Beñat Intxausti Elorriaga (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
85 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data 0:03:25
86 Alvaro Robredo Crespo (Spa) Burgos-BH 0:03:54
87 Thimo Willems (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:03:56
88 Gustavo Cesar Veloso (Spa) W52-FC Porto
89 Sebastian Mora Vedri (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
90 Fabio Jakobsen (Ned) Deceuninck-QuickStep 0:03:57
91 Matteo Malucelli (Ita) Caja Rural-Seguros RGA 0:03:59
92 Mark Cavendish (GBr) Dimension Data
93 Xavier Cañellas Sanchez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
94 Halil Dogan (Tur) Turkey
95 Michael Schwarzmann (Ger) Bora-Hansgrohe
96 Lucas De Rossi (Fra) Delko Marseille Provence KTM
97 Mauricio Moreira (Uru) Caja Rural-Seguros RGA
98 Moreno De Pauw (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:04:03
99 Victor Langellotti (Mon) Burgos-BH
100 Ahmet Akdilek (Tur) Turkey
101 Ander Barrenetxea Uriarte (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
102 José Ferreira (Por) W52-FC Porto 0:04:09
103 Enzo Wouters (Bel) Lotto Soudal 0:04:14
104 Rasmus Iversen (Den) Lotto Soudal 0:04:20
105 Matthew Gibson (GBr) Burgos-BH 0:04:24
106 Erik Baska (Svk) Bora-Hansgrohe 0:04:37
107 Muhammed Atalay (Tur) Turkey 0:05:55
108 Bryan Steve Gomez Peñaloza (Col) Manzana Postobon 0:05:57
109 John Murphy (USA) Rally UHC Cycling
110 Pier Andre Cote (Can) Rally UHC Cycling
111 Tyler Magner (USA) Rally UHC Cycling
112 Emerson Oronte (USA) Rally UHC Cycling 0:06:31
113 Liam Bertazzo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:06:36
114 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal 0:06:44
115 Jaco Venter (RSA) Dimension Data 0:07:13
116 Feritcan Samli (Tur) Turkey 0:08:16
117 Evan Huffman (USA) Rally UHC Cycling 0:09:16

Continua londa lunga dei successi di Sam Bennett al Giro di Turchia (Getty Images)

Continua l'onda lunga dei successi di Sam Bennett al Giro di Turchia (Getty Images)

TUTTI MATTI PER MATHIEU. VAN DER POEL VINCE LA FRECCIA DEL BRABANTE

aprile 17, 2019 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Un’azione inaugurata a 20 km dall’arrivo da Julian Alaphilippe (Deceuninck Quick Step) permette ad un drappello di quattro uomini di avvantaggiarsi sul gruppo. E’ Mathieu van der Poel (Corendon Circus) a battere in una volata ristretta proprio il francese e Tim Wellens (Lotto Soudal). Delude Sonny Colbrelli (Bahrain Merida), che potrà rifarsi eventualmente sulle Ardenne.

Inserita nel calendario tra Fiandre e Ardenne, la Freccia del Brabante fa da trait d’union, per così dire, tra le due categorie principali di corse dell’Inferno del Nord presentando contemporaneamente tratti in pavè e “côtes” che animano la corsa rendendola tra le più frizzanti e combattute della primavera ciclistica. Anche il campo partenti non è niente male, pur non essendo una corsa World Tour. Sono 8 le squadre della massima serie alla partenza e chiudono il campo partenti le restanti 13 tra Professional e Continental. Torna alle corse in preparazione delle Ardenne Julian Alaphilippe (Deceuninck Quick Step) dopo il ritiro al Giro dei Paesi Baschi. Altri nomi caldi sono Michael Matthews (Sunweb) e Sonny Colbrelli (Bahrain Merida), a loro agio e spesso sul podio ad Overijse, per non parlare del detentore del successo in questa gara Tim Wellens, esponente di una Lotto Soudal bella carica dopo il record dell’ora ottenuto ieri da Victor Campenaerts. C’è curiosità anche per Mathieu van der Poel (Corendon Circus), che vuole continuare a stupire dopo quanto già fatto vedere finora; oltre a Colbrelli l’Italia punta su Enrico Gasparotto (Dimension Data) e Alberto Bettiol (EF Education First), il primo con una particolare predilezione per le Ardenne ed il secondo che può sfruttare l’ottima gamba dopo la strepitosa vittoria ottenuta settimana scorsa al Giro delle Fiandre. Il finale nel circuito di Overijse, con le cinque classiche “côtes” di Hagaard, Hertstraat, Holstheide, Ijskelderlaan e Schavei decideranno il vincitore della 59° edizione. Dopo la partenza da Lovanio si formava la fuga di giornata grazie all’azione di sette ciclisti: Dries De Bondt (Corendon Circus), Francesco Manuel Bongiorno (Neri Sottoli – Selle Italia – KTM), Arjen Livyns (Roompot Charles), Edward Planckaert (Team Sport Vlaanderen Baloise), Andrea Peron (Novo Nordisk), Ludovic Robeet (Wallonie Bruxelles) e Frederik Backaert (Wanty Groupe Gobert). Il gruppo concedeva ai fuggitivi un vantaggio massimo di 4 minuti e 40 secondi intorno al km 40, dopodichè iniziava a recuperare lentamente ma inesorabilmente. A 50 km dal termine il vantaggio dei fuggitivi era inferiore al minuto. Il primo ad alzare bandiera bianca era Robeet, fermato da una foratura. Nel gruppo tiravano soprattutto Lotto Soudal e Corendon Circus. L’accelerazione decisiva che annullava la fuga era portata da Daryl Impey (Mitchelton Scott) ai meno 34. Il sudafricano trainava il gruppo che riprendeva gli ultimi fuggitivi rimasti in avanscoperta, tra i quali Bongiorno, nel giro di 200 metri. Ai meno 30 erano Sunweb e Bahrain Merida a imporre un ritmo ancora più sostenuto in testa al gruppo. Sull’Ijskelderlaan un Impey scatenato ci riprovava a fare selezione; il campione sudafricano guadagnava qualche centinaio di metri sul gruppo, tentando l’azione solitaria. A 25 km dal termine Impey aveva un vantaggio di 20 secondi sul gruppo tirato dalla Deceuninck Quick Step. Impey, che Al penultimo passaggio dal traguardo Impey aveva 23 secondi di vantaggio sul gruppo, veniva ripreso a 17 km dall’arrivo da un drappello di ciclisti formato da Alaphilippe, Van der Poel, Wellens e Matthews. Il quintetto in testa allungava inesorabilmente e già ai meno 15 aveva 35 secondi di vantaggio su un gruppo che ormai sembrava in affanno, nonostante gli sforzi della Bahrain Merida di rientrare al più presto. A 9 km dalla conclusione la testa della corsa, diminuita a 4 unità dopo che Impey si era fatto sfilare, aveva 20 secondi di vantaggio su ciò che restava del gruppo. La vittoria era ormai una questione a quattro. A spuntarla era Van der Poel che batteva Alaphilippe. In terza posizione Wellens anticipava invece Matthews mentre chiudeva la top five Bjorg Lambrecht (Lotto Soudal). Il giovane talento olandese si conferma così ad alti livelli battendo gente adatta a questi tipi di arrivi leggermente in pendenza e confermando l’ottima forma che ha già dimostrato in questa stagione, avendo già vinto corse come la Dwars door Vlaanderen e GP de Denain, per non parlare del quarto posto ottenuto a corse ben più esigenti di questa come Giro delle Fiandre e Gand-Wevelgem. Adesso tutti sulle Ardenne per una seconda parte di Aprile dove ne vedremo delle belle, nella quale anche tre corse a tappe come Tour of the Alps, Giro di Croazia e Giro di Romandia serviranno da preparazione al Giro d’Italia che scatterà sabato 11 maggio da Bologna.

Giuseppe Scarfone

ORDINE D’ARRIVO

1 Mathieu van der Poel (Ned) Corendon-Circus 4:35:11
2 Julian Alaphilippe (Fra) Deceuninck-QuickStep
3 Tim Wellens (Bel) Lotto Soudal
4 Michael Matthews (Aus) Team Sunweb
5 Bjorg Lambrecht (Bel) Lotto Soudal 0:00:11
6 Alberto Bettiol (Ita) EF Education First 0:00:12
7 Enrico Gasparotto (Ita) Dimension Data
8 Alexander Kamp (Den) Riwal Readynez Cycling Team
9 Pieter Serry (Bel) Deceuninck-QuickStep
10 Maurits Lammertink (Ned) Roompot-Charles
11 Justin Jules (Fra) Wallonie Bruxelles 0:00:18
12 Quentin Pacher (Fra) Vital Concept-B&B Hotel
13 Dimitri Peyskens (Bel) Wallonie Bruxelles
14 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy
15 Roman Kreuziger (Cze) Dimension Data
16 Nick van der Lijke (Ned) Roompot-Charles
17 Thomas Sprengers (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
18 Ben Hermans (Bel) Israel Cycling Academy
19 Patrick Müller (Swi) Vital Concept-B&B Hotel
20 Odd Christian Eiking (Nor) Wanty-Gobert
21 Marc Hirschi (Swi) Team Sunweb
22 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates
23 Gianni Vermeersch (Bel) Corendon-Circus 0:00:23
24 Davide Gabburo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
25 Dion Smith (NZl) Mitchelton-Scott
26 Jérémy Maison (Fra) Arkéa Samsic
27 Petr Vakoc (Cze) Deceuninck-QuickStep
28 Huub Duijn (Ned) Roompot-Charles
29 Anthony Perez (Fra) Cofidis, Solutions Credits
30 Thomas Boudat (Fra) Direct Energie
31 Sander Armee (Bel) Lotto Soudal
32 Charles Planet (Fra) Team Novo Nordisk
33 Xandro Meurisse (Bel) Wanty-Gobert 0:00:28
34 Eliot Lietaer (Bel) Wallonie Bruxelles
35 Jelle Vanendert (Bel) Lotto Soudal
36 Tosh Van Der Sande (Bel) Lotto Soudal
37 Clément Russo (Fra) Arkéa Samsic 0:00:37
38 Simone Petilli (Ita) UAE Team Emirates
39 Giovanni Visconti (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
40 Mathias De Witte (Bel) Roompot-Charles
41 Dayer Quintana (Col) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:00:41
42 Dries Devenyns (Bel) Deceuninck-QuickStep 0:00:43
43 Dries Van Gestel (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:00:48
44 Luis Angel Mate Mardones (Spa) Cofidis, Solutions Credits 0:00:49
45 Otto Vergaerde (Bel) Corendon-Circus
46 Bryan Coquard (Fra) Vital Concept-B&B Hotel
47 Tom Van Asbroeck (Bel) Israel Cycling Academy
48 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott 0:00:54
49 Sonny Colbrelli (Ita) Bahrain-Merida
50 Cameron Meyer (Aus) Mitchelton-Scott
51 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott
52 Oscar Riesebeek (Ned) Roompot-Charles
53 Frederik Backaert (Bel) Wanty-Gobert 0:01:05
54 Simone Velasco (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
55 Kevin Deltombe (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:01:09
56 Amael Moinard (Fra) Arkéa Samsic
57 Loïc Vliegen (Bel) Wanty-Gobert 0:01:15
58 Pieter Weening (Ned) Roompot-Charles 0:01:18
59 Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal 0:01:25
60 Stijn Devolder (Bel) Corendon-Circus 0:01:30
61 Simon Clarke (Aus) EF Education First
62 Nathan Brown (USA) EF Education First 0:01:33
63 Romain Sicard (Fra) Direct Energie 0:01:42
64 Søren Kragh Andersen (Den) Team Sunweb 0:02:02
65 Andrea Pasqualon (Ita) Wanty-Gobert 0:02:14
66 Dylan Teuns (Bel) Bahrain-Merida
67 Kevin Reza (Fra) Vital Concept-B&B Hotel
68 Nicholas Schultz (Aus) Mitchelton-Scott
69 Andreas Nielsen (Den) Riwal Readynez Cycling Team 0:03:17
70 August Jensen (Nor) Israel Cycling Academy 0:03:32
71 Jimmy Janssens (Bel) Corendon-Circus 0:07:05
72 Edoardo Zardini (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:07:17
73 Jonathan Hivert (Fra) Direct Energie 0:08:13
74 Mikkel Frølich Honoré (Den) Deceuninck-QuickStep 0:08:35
75 Emil Nygaard Vinjebo (Den) Riwal Readynez Cycling Team
76 Dries De Bondt (Bel) Corendon-Circus
77 Dennis van Winden (Ned) Israel Cycling Academy
78 Geoffrey Soupe (Fra) Cofidis, Solutions Credits
79 Daniel Turek (Cze) Israel Cycling Academy
80 Callum Scotson (Aus) Mitchelton-Scott
81 Rein Taaramäe (Est) Direct Energie
82 Aime De Gendt (Bel) Wanty-Gobert
83 Benjamin Declercq (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
84 Arjen Livyns (Bel) Roompot-Charles
85 Kim Magnusson (Swe) Riwal Readynez Cycling Team
86 Logan Owen (USA) EF Education First
87 Tomasz Marczynski (Pol) Lotto Soudal
88 Dimitri Claeys (Bel) Cofidis, Solutions Credits
89 Angelo Tulik (Fra) Direct Energie 0:08:54
90 Brice Feillu (Fra) Arkéa Samsic
91 Romain Le Roux (Fra) Arkéa Samsic
92 Jan Tratnik (Slo) Bahrain-Merida 0:08:57
93 Grega Bole (Slo) Bahrain-Merida
94 Lennard Kämna (Ger) Team Sunweb
95 Luka Pibernik (Slo) Bahrain-Merida 0:08:59
96 Heinrich Haussler (Aus) Bahrain-Merida
97 Edward Planckaert (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
98 James Whelan (Aus) EF Education First 0:12:08
99 Rui Oliveira (Por) UAE Team Emirates
100 Clément Carisey (Fra) Israel Cycling Academy 0:12:29
101 Jay Thomson (RSA) Dimension Data 0:13:02
102 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida
103 Tom Bohli (Swi) UAE Team Emirates
104 Rémi Cavagna (Fra) Deceuninck-QuickStep
105 Aaron Verwilst (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
106 Jonas Aaen (Den) Riwal Readynez Cycling Team
107 Arnaud Courteille (Fra) Vital Concept-B&B Hotel
108 Ludovic Robeet (Bel) Wallonie Bruxelles
109 Roberto González (Pan) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:13:09
110 Lionel Taminiaux (Bel) Wallonie Bruxelles 0:13:13

Il talentuoso corridore olandese Mathieu van der Poel si impone nella corsa brabantina (foto Bettini)

Il talentuoso corridore olandese Mathieu van der Poel si impone nella corsa brabantina (foto Bettini)

PARIS – CAMEMBERT 2019, VINCE COSNEFROY

aprile 17, 2019 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Benoît Cosnefroy conquista la classica di casa davanti a Pierre-Luc Périchon e al compagno di squadra Quentin Jauregui. Decimo Andrea Vendrame

Pronti via e si susseguono fitti e reiterati tentativi di evasione dal gruppo principale, ma tutti con scarso successo. È la coppia Vital Concept – B&B Hotels formata da Maxime Cam e Corentin Ermenault ad avvantaggiarsi in modo consistente, raggiungendo in poco tempo un vantaggio di 5 minuti sul plotone. Poche, però, sono le speranze per il duo al comando, considerati appena 30 secondi di vantaggio che i due si trovava ad avere quando mancano a 70 km dal traguardo.
È in questa fase che inaspettatamente evade il tentativo che risulterà decisivo. A muoversi sono ancora in due, Benoît Cosnefroy (Ag2r La Mondiale) e Lennert Teugels (Cibel), che rapidamente raggiungono la testa della corsa. A loro poco dopo si aggrega Alexis Guérin (Delko-Marseille Provence) mentre Ermenault, stremato, non riesce a reggere il ritmo e si stacca definitivamente.
Durante l’ultimo passaggio sul traguardo è la volta di Cam ad accusare primi cenni di debolezza, che sfociano nella bandiera bianca sventolata sulla salita della Butte des Fondits. Il gruppo inseguitore, intanto, non riesce ad organizzarsi e ben presto alcuni corridori, imponendo un ritmo forsennato, lo spezzano in più tronconi.
Ne approfitta un drappello di una decina di unità che, avanzando con cambi regolari e ritmo forsennato, riesce a riportarsi sui battistrada, mentre il grosso del plotone resta attardato in modo ormai irrecuperabile. Gli ultimi 10 km di corsa sono un nervoso susseguirsi di scatti e controscatti: quello decisivo è lanciato da Kevin Geniets (Groupama – FDJ), sulla cui ruota si porta prontamente Cosnefroy, il quale poco dopo è lesto e caparbio a rilanciare l’attacco, lasciandosi alle spalle il lussemburghese fresco neoprofessionista
Per il 23enne francese dell’Ag2r La Mondiale gli ultimi chilometri costituiscono un’autentica passerella trionfale, mentre alle sue spalle la volata ristretta per completare il podio è regolata da Perichon su Jauregui. Lo sprint del gruppo, valevole per il 10° posto, è vinto da Andrea Vendrame (Androni Giocattoli – Sidermec)

Lorenzo Alessandri
LorenzoAleLS7

Il francese Cosnefroit si impone nella Paris-Camembert 2019 (foto Stéphane Geufroi)

Il francese Cosnefroit si impone nella Paris-Camembert 2019 (foto Stéphane Geufroi)

PER CAMPENAERTS L’ORA È ANCORA SOLARE

aprile 16, 2019 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Ad Aguascalientes, in Messico, Victor Campenaerts migliora di oltre mezzo chilometro il precedente record di Bradley Wiggins, che resisteva da quasi quattro anni.

Henry Desgrange, oltre ad aver inventato il Tour de France nel lontano 1893 fu anche il primo uomo a cimentarsi nel record dell’ora. Da allora ciclisti di ogni nazionalità ed epoca, dilettanti e professionisti, hanno sfidato il tempo in questa peculiare specialità del ciclismo. L’Italia è balzata agli onori delle cronache a cavallo delle due guerre con Giuseppe Olmo, primatista nel 1935, e successivamente con Fausto Coppi nel 1942, in pieno conflitto mondiale. L’ultimo recordman italiano, almeno ufficialmente, è stato Ercole Baldini nel 1956 con 46,394 Km/h mentre il record di Francesco Moser del 1984 è stato declassato dall’UCI a “miglior prestazione umana sull’ora” perchè utilizzò una bicicletta speciale, le stesse che dal 1972 (dopo il record di Eddy Merckx) al 2000 furono appunto utilizzate dai ciclisti nel tentativo ed è passata alla storia la bici cavalcata da Graeme Obree nel 1993, costituita anche da pezzi di lavatrice. Dal 2014, quando l’UCI ha consentito solo l’utilizzo di biciclette più tradizionali, i tempi si sono via via migliorati fino ai 54 km e 526 metri di Bradley Wiggins, percorsi dal corridore britannico il 7 giugno 2015. Dopo quasi 4 anni, il belga Victor Campenaerts (Lotto-Soudal) ha rinnovato il feeling con il record dell’ora e, dopo aver trascorso quasi due mesi in Messico per adattare il proprio fisico alle condizioni in altura (Aguascalientes si trova a quasi 1900 metri di quota), oggi ha stabilito il nuovo record dell’ora con la distanza di 55 km e 89 metri, migliorando la prestazione di Wiggins di 563 metri. L’ultima apparizione del forte cronoman belga era stata alla recente Tirreno-Adriatico nella quale si era aggiudicata la cronometro finale di San Benedetto del Tronto. Dopodichè, testa solo alla prova sulla pista di Aguascalientes. La preparazione di Campenaerts è stata certosina nelle abitudini e nella preparazione, se si pensa che ha mangiato grandi quantità di mele ed ha abituato il suo corpo alle condizioni trovate oltreoceano, andando a dormire alle 8 di sera, svegliandosi alle 4 di mattina e facendo anche sedute nella camera iperbarica. Una grande soddisfazione per il ciclista 28enne anche perchè l’ultimo belga a detenere questo record è stato Merckx. E chissà che Campenaerts decida di migliorare il proprio record dopo qualche giorno di riposo, come fece Francesco Moser nel 1984 a Città del Messico.

Antonio Scarfone

Con Campenaerts continua la leggenda del record dellora (foto Bettini)

Con Campenaerts continua la leggenda del record dell'ora (foto Bettini)

SAM BENNETT APRE IL TOUR OF TURKEY

aprile 16, 2019 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Continua il feeling tra il Tour of Turkey e il velocista della Bora-Hansgrohe Sam Bennett che si impone nella prima tappa. Salgono sul podio Fabio Jakobsen, ingannato da una scritta sull’asfalto, e Caleb Ewan. Be quattro italiani entrano nella topten di giornata.

È iniziato nel segno di Sam Bennett il Presidential Cycling Tour of Turkey. Il velocista irlandese in forza alla Bora-Hansgrohe ha così allungato la striscia di successi ottenuti nella corsa turca dove ha già collezionato con quello odierno ben 8 successi. Inoltre, grazie alla vittoria di oggi l’irlandese può vantarsi anche di aver raccolto almeno un successo in ogni corsa a tappe disputata in questa prima parte di 2019. Finora si era, infatti, imposto alla Vuelta a San Juan, all’UAE Tour e alla Parigi-Nizza (due vittorie) prima dell’affermazionio conseguita oggi al Giro di Turchia. Non male per un velocista che ha dichiarato di voler essere competitivo per tutta la stagione.
Sul podio a fare da corona all’irlandese sono saliti Fabio Jakobsen (Deceuninck – Quick Step) e Caleb Ewan (Lotto Soudal), con l’olandese che ha molto da recriminare perché, confuso da una scritta sull’asfalto, ha anticipato di molto il colpo di reni e poi ha smesso di pedalare convinto di aver già superato la linea del traguardo. Completano la TopTen Eduard Michael Grosu (Delko Marseille Provence), Simone Consonni (UAE Team Emirates), Luca Pacioni (Neri Sottoli-Selle Italia-KTM), Imerio Cima (Nippo-Vini Fantini-Faizanè), Christophe Noppe (Sport Vlaanderen-Baloise), Giovanni Lonardi (Nippo-Vini Fantini-Faizanè) e Álvaro José Hodeg (Deceuninck Quick-Step).
La tappa inaugurale del Presidential Cycling Tour of Turkey è stata animata da una fuga nata fin dalle primissime battute a opera di Álvaro Robredo (Burgos-BH), Lucas De Rossi (Delko Marseille Provence), Emerson Oronte (Rally UHC Cycling), Lindsay De Vylder (Sport Vlaanderen-Baloise), Ferit Şamlı (nazionale turca) e Lorenzo Fortunato (Sottoli-Selle Italia-KTM), con quest’ultimo che si imporrà nell’unico traguardo volante con abbuoni previsto lungo il tracciato, grazie al quale a conclusione della tappa salirà al quarto posto della classifica generale, posizionandosi alle spalle dei primi tre corridori giunti al traguardo di Tekirdağ. La fuga è riuscita ad accumulare un vantaggio di quattro minuti prima di cominciare ad essere ricondotta alla ragione dal plotone, condotto dai team dei velocisti più titolati. Gli ultimi a cedere sono stati lo statunitense Oronte e il turco Şamlı, che avevano staccato gli altri compagni d’avventura sullo slancio seguito al traguardo volante valido per la maglia bianca “Turkish Beauties”. Ai meno 22 anche la loro azione è sfumata, poi prima della volata c’è stato anche il tempo per un po’ di bagarre in vista dell’ultimo dei due GPM previsti dalla prima frazione, conquistato da Valerio Conti (UAE Team Emirates) dopo un gran lavoro dei portoghesi del team W52 / FC Porto.
Domani la seconda tappa dovrebbe cambiare la fisionomia della classifica generale perchè l’arrivo di Eceabat è posto in cima ad uno strappetto di circa 3 chilometri, che presenta pendenze irregolari con punte che toccano anche il 7%. Un arrivo che potrebbe solleticare finisseur e scattisti di razza.

Mario Prato

ORDINE D’ARRIVO

1 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 3:32:34
2 Fabio Jakobsen (Ned) Deceuninck-QuickStep
3 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal
4 Eduard-Michael Grosu (Rom) Delko Marseille Provence KTM
5 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
6 Luca Pacioni (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
7 Imerio Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
8 Christophe Noppe (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
9 Giovanni Lonardi (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
10 Alvaro Hodeg (Col) Deceuninck-QuickStep
11 Juan Sebastian Molano (Col) UAE Team Emirates
12 Yevgeniy Gidich (Kaz) Astana Pro Team
13 Matteo Malucelli (Ita) Caja Rural-Seguros RGA
14 Jordan Arley Parra Arias (Col) Manzana Postobon
15 Jon Aberasturi Izaga (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
16 Bryan Steve Gomez Peñaloza (Col) Manzana Postobon
17 Jose Daniel Viejo Redondo (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
18 Nelson Soto Martinez (Col) Caja Rural-Seguros RGA
19 Jaume Sureda Morey (Spa) Burgos-BH
20 Cyril Barthe (Fra) Euskadi Basque Country-Murias
21 Ahmet Orken (Tur) Turkey
22 Mark Cavendish (GBr) Dimension Data
23 Luis Carlos Chia Bermudez (Col) Manzana Postobon
24 John Murphy (USA) Rally UHC Cycling
25 Aaron Van Poucke (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
26 Daniel Lopez Parada (Spa) Burgos-BH
27 Samuel Caldeira (Por) W52-FC Porto
28 Edgar Pinto (Por) W52-FC Porto
29 Xavier Cañellas Sanchez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
30 Merhawi Kudus (Eri) Astana Pro Team
31 Shane Archbold (NZl) Bora-Hansgrohe
32 Lindsay De Vylder (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
33 Matthew Gibson (GBr) Burgos-BH
34 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates
35 Felix Großschartner (Aut) Bora-Hansgrohe
36 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
37 Ramunas Navardauskas (Ltu) Delko Marseille Provence KTM
38 Pier Andre Cote (Can) Rally UHC Cycling
39 Onur Balkan (Tur) Turkey
40 Hideto Nakane (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
41 Sebastian Schönberger (Aut) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
42 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data
43 Stefan De Bod (RSA) Dimension Data
44 Remco Evenepoel (Bel) Deceuninck-QuickStep
45 Aleksandr Riabushenko (Blr) UAE Team Emirates
46 Michael Mørkøv (Den) Deceuninck-QuickStep
47 Ricardo Mestre (Por) W52-FC Porto
48 Davide Martinelli (Ita) Deceuninck-QuickStep
49 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
50 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
51 Maximiliano Richeze (Arg) Deceuninck-QuickStep
52 Yuriy Natarov (Kaz) Astana Pro Team
53 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team
54 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe
55 Rafael Reis (Por) W52-FC Porto
56 Nuno Matos (Por) Burgos-BH
57 Raul Alarcon Garcia (Spa) W52-FC Porto
58 Halil Dogan (Tur) Turkey
59 Rémy Rochas (Fra) Delko Marseille Provence KTM
60 Daniil Fominykh (Kaz) Astana Pro Team
61 Tyler Magner (USA) Rally UHC Cycling
62 Thimo Willems (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
63 Delio Fernandez Cruz (Spa) Delko Marseille Provence KTM
64 Mauro Finetto (Ita) Delko Marseille Provence KTM
65 Umberto Marengo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
66 Lucas De Rossi (Fra) Delko Marseille Provence KTM
67 Enrique Sanz Unzue (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
68 Javier Moreno Bazan (Spa) Delko Marseille Provence KTM
69 Michael Schwarzmann (Ger) Bora-Hansgrohe
70 Julen Irizar Laskurain (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
71 Gustavo Cesar Veloso (Spa) W52-FC Porto
72 Scott Davies (GBr) Dimension Data
73 Urko Berrade Fernandez (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
74 Moreno De Pauw (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
75 Yecid Arturo Sierra Sanchez (Col) Manzana Postobon
76 Mustafa Sayar (Tur) Turkey
77 Omar Alberto Mendoza Cardona (Col) Manzana Postobon
78 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team
79 Gonzalo Serrano Rodriguez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
80 Etienne van Empel (Ned) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
81 Victor Langellotti (Mon) Burgos-BH
82 Cristian Camilo Muñoz Lancheros (Col) UAE Team Emirates
83 Eros Capecchi (Ita) Deceuninck-QuickStep
84 Rob Britton (Can) Rally UHC Cycling
85 Mauricio Moreira (Uru) Caja Rural-Seguros RGA
86 Kenny De Ketele (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
87 Robbe Ghys (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
88 Lorenzo Fortunato (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
89 Harm Vanhoucke (Bel) Lotto Soudal
90 Diego Antonio Ochoa Camargo (Col) Manzana Postobon
91 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
92 Simone Bevilacqua (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
93 Liam Bertazzo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
94 Kyle Murphy (USA) Rally UHC Cycling
95 Dmitriy Gruzdev (Kaz) Astana Pro Team
96 Sebastian Mora Vedri (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
97 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal
98 Jhonatan Restrepo Valencia (Col) Manzana Postobon
99 Ahmet Akdilek (Tur) Turkey
100 Masakazu Ito (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
101 Oscar Cabedo Carda (Spa) Burgos-BH
102 Hayato Yoshida (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
103 Hiroki Nishimura (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
104 Alvaro Robredo Crespo (Spa) Burgos-BH
105 Ander Barrenetxea Uriarte (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
106 Muhammed Atalay (Tur) Turkey
107 José Ferreira (Por) W52-FC Porto
108 Beñat Intxausti Elorriaga (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
109 Emerson Oronte (USA) Rally UHC Cycling
110 Rasmus Iversen (Den) Lotto Soudal
111 Enzo Wouters (Bel) Lotto Soudal 0:00:15
112 Feritcan Samli (Tur) Turkey 0:00:19
113 Juan Jose Lobato Del Valle (Spa) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:00:21
114 Erik Baska (Svk) Bora-Hansgrohe 0:00:38
115 Jaco Venter (RSA) Dimension Data 0:01:16
116 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal 0:02:41
117 Evan Huffman (USA) Rally UHC Cycling 0:03:19

CLASSIFICA GENERALE

1 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 3:32:24
2 Fabio Jakobsen (Ned) Deceuninck-QuickStep 0:00:04
3 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal 0:00:06
4 Lorenzo Fortunato (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM 0:00:07
5 Alvaro Robredo Crespo (Spa) Burgos-BH 0:00:08
6 Lindsay De Vylder (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:00:09
7 Eduard-Michael Grosu (Rom) Delko Marseille Provence KTM 0:00:10
8 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
9 Luca Pacioni (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
10 Imerio Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
11 Christophe Noppe (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
12 Giovanni Lonardi (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
13 Alvaro Hodeg (Col) Deceuninck-QuickStep
14 Juan Sebastian Molano (Col) UAE Team Emirates
15 Yevgeniy Gidich (Kaz) Astana Pro Team
16 Matteo Malucelli (Ita) Caja Rural-Seguros RGA
17 Jordan Arley Parra Arias (Col) Manzana Postobon
18 Jon Aberasturi Izaga (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
19 Bryan Steve Gomez Peñaloza (Col) Manzana Postobon
20 Jose Daniel Viejo Redondo (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
21 Nelson Soto Martinez (Col) Caja Rural-Seguros RGA
22 Jaume Sureda Morey (Spa) Burgos-BH
23 Cyril Barthe (Fra) Euskadi Basque Country-Murias
24 Ahmet Orken (Tur) Turkey
25 Mark Cavendish (GBr) Dimension Data
26 Luis Carlos Chia Bermudez (Col) Manzana Postobon
27 John Murphy (USA) Rally UHC Cycling
28 Aaron Van Poucke (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
29 Daniel Lopez Parada (Spa) Burgos-BH
30 Samuel Caldeira (Por) W52-FC Porto
31 Edgar Pinto (Por) W52-FC Porto
32 Xavier Cañellas Sanchez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
33 Merhawi Kudus (Eri) Astana Pro Team
34 Shane Archbold (NZl) Bora-Hansgrohe
35 Matthew Gibson (GBr) Burgos-BH
36 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates
37 Felix Großschartner (Aut) Bora-Hansgrohe
38 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
39 Ramunas Navardauskas (Ltu) Delko Marseille Provence KTM
40 Pier Andre Cote (Can) Rally UHC Cycling
41 Onur Balkan (Tur) Turkey
42 Hideto Nakane (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
43 Sebastian Schönberger (Aut) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
44 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data
45 Stefan De Bod (RSA) Dimension Data
46 Remco Evenepoel (Bel) Deceuninck-QuickStep
47 Aleksandr Riabushenko (Blr) UAE Team Emirates
48 Michael Mørkøv (Den) Deceuninck-QuickStep
49 Ricardo Mestre (Por) W52-FC Porto
50 Davide Martinelli (Ita) Deceuninck-QuickStep
51 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
52 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
53 Maximiliano Richeze (Arg) Deceuninck-QuickStep
54 Yuriy Natarov (Kaz) Astana Pro Team
55 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team
56 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe
57 Rafael Reis (Por) W52-FC Porto
58 Nuno Matos (Por) Burgos-BH
59 Raul Alarcon Garcia (Spa) W52-FC Porto
60 Halil Dogan (Tur) Turkey
61 Rémy Rochas (Fra) Delko Marseille Provence KTM
62 Daniil Fominykh (Kaz) Astana Pro Team
63 Tyler Magner (USA) Rally UHC Cycling
64 Thimo Willems (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
65 Delio Fernandez Cruz (Spa) Delko Marseille Provence KTM
66 Mauro Finetto (Ita) Delko Marseille Provence KTM
67 Umberto Marengo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
68 Lucas De Rossi (Fra) Delko Marseille Provence KTM
69 Enrique Sanz Unzue (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
70 Javier Moreno Bazan (Spa) Delko Marseille Provence KTM
71 Michael Schwarzmann (Ger) Bora-Hansgrohe
72 Julen Irizar Laskurain (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
73 Gustavo Cesar Veloso (Spa) W52-FC Porto
74 Scott Davies (GBr) Dimension Data
75 Urko Berrade Fernandez (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
76 Moreno De Pauw (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
77 Yecid Arturo Sierra Sanchez (Col) Manzana Postobon
78 Mustafa Sayar (Tur) Turkey
79 Omar Alberto Mendoza Cardona (Col) Manzana Postobon
80 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team
81 Gonzalo Serrano Rodriguez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
82 Etienne van Empel (Ned) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
83 Victor Langellotti (Mon) Burgos-BH
84 Cristian Camilo Muñoz Lancheros (Col) UAE Team Emirates
85 Eros Capecchi (Ita) Deceuninck-QuickStep
86 Rob Britton (Can) Rally UHC Cycling
87 Mauricio Moreira (Uru) Caja Rural-Seguros RGA
88 Kenny De Ketele (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
89 Robbe Ghys (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
90 Harm Vanhoucke (Bel) Lotto Soudal
91 Diego Antonio Ochoa Camargo (Col) Manzana Postobon
92 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
93 Simone Bevilacqua (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
94 Liam Bertazzo (Ita) Neri Sottoli–Selle Italia–KTM
95 Kyle Murphy (USA) Rally UHC Cycling
96 Dmitriy Gruzdev (Kaz) Astana Pro Team
97 Sebastian Mora Vedri (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
98 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal
99 Jhonatan Restrepo Valencia (Col) Manzana Postobon
100 Ahmet Akdilek (Tur) Turkey
101 Masakazu Ito (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
102 Oscar Cabedo Carda (Spa) Burgos-BH
103 Hayato Yoshida (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
104 Hiroki Nishimura (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
105 Ander Barrenetxea Uriarte (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
106 Muhammed Atalay (Tur) Turkey
107 José Ferreira (Por) W52-FC Porto
108 Beñat Intxausti Elorriaga (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
109 Emerson Oronte (USA) Rally UHC Cycling
110 Rasmus Iversen (Den) Lotto Soudal
111 Enzo Wouters (Bel) Lotto Soudal 0:00:25
112 Feritcan Samli (Tur) Turkey 0:00:29
113 Juan Jose Lobato Del Valle (Spa) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:00:31
114 Erik Baska (Svk) Bora-Hansgrohe 0:00:48
115 Jaco Venter (RSA) Dimension Data 0:01:26
116 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal 0:02:51
117 Evan Huffman (USA) Rally UHC Cycling 0:03:29

Sam Bennett inaugura con la vittoria la 55a edizione del Giro di Turchia (foto Bettini)

Sam Bennett inaugura con la vittoria la 55a edizione del Giro di Turchia (foto Bettini)

PARIGI-ROUBAIX 2019: LE PAGELLE

aprile 15, 2019 by Redazione  
Filed under Approfondimenti, Copertina

Dopo la strepitosa vittoria di Philippe Gilbert, che a 36 anni inserisce nel suo curriculum un’altra classica monumento, diamo i voti ai partecipanti alla 117a edizione della Parigi-Roubaix, che ha promosso parecchi dei suoi interpreti ma ne ha respinti diversi altri

PHILIPPE GILBERT: Intramontabile, eroico e stoico. Una carriera da sogno, un palmarès da paura, quattro classiche monumento vinte su cinque, solo la Milano-Sanremo non fa parte della bacheca del fuoriclasse belga. Trionfa alla Parigi-Roubaix come il suo solito, con un’azione degna di un vero campione, attacca e rilancia, staccando e sfinendo gli avversari. Un Mito. Voto: 10 e lode.

YVES LAMPAERT: Il campione in carica belga oggi era l’unico che poteva mettere in discussione la vittoria di Gilbert, ma senza batter ciglio obbedisce agli ordini di squadra e si mette a lavoro, e che lavoro! Traina il gruppetto in fuga per chilometri e gli fa guadagnare terreno persino nei tratti di pavé, mettendo nel sacco il gruppo all’inseguimento. Attacca Gilbert e gli fa da stopper, alla fine stacca anche un esausto Sagan per andare a chiudere al terzo posto. Voto: 9

NILS POLITT: Il giovane tedesco della Katusha-Alpecin aveva già stupito al Giro delle Fiandre e si riconferma alla Parigi-Roubaix. Sempre nel vivo della corsa, non ha nemmeno timori reverenziali a provare a staccare gente come Sagan e Gilbert. Nel velodromo la differenza di esperienza ha, però, pesato a sfavore di Politt. Voto: 8,5

SEP VANMARCKE: La sfortuna si abbatte sul passistone belga. Costretto a cambiare bici due volte ed entrambe in due momenti cruciali della corsa, prima nella Foresta di Arenberg e poi al momento del decisivo attacco di Gilbert e Politt. Chiude al quarto posto tra tanti rimpianti. Voto: 7,5

WOUT VAN AERT: La classe non si discute, la grinta anche, ma gli manca la fortuna. Cade, va per i prati, rientra e ha guai meccanici, spreca troppe energie per rientrare e nuovamente la sfortuna si abbatte su di lui. Voto: 7,5

FLORIAN SÉNÉCHAL: Il francese resta al coperto quando in avanscoperta ci sono Gilbert e Lampaert. Che fare a questo punto? Mentre gli altri mollano, lui resta sempre a ridosso degli inseguitori per poi beffarli allo sprint finale. Arriva 6°. Un altro campioncino in casa Deceuninck. Voto: 7

SEBASTIAN LANGEVELD: L’olandese è in una forma smagliante. Al Fiandre lavora da stopper per Alberto Bettiol, alla Roubaix è sempre vicino a Sep Vanmarcke e gli dona anche la sua bici quando il capitano fora. Cambia bici, non molla e arriva decimo. Voto: 6,5

PETER SAGAN: Va incontro a varie vicessitudini che supera brillantemente e non corre nemmeno male. Perde prima del tempo Oss e Burghardt, ma trova Selig al punto giusto. Nel finale resiste agli attacchi di Gilbert, ma non ha più la forza di replicare, finché cede mestamente. Oramai privo d’energie, non sprinta nemmeno per il quarto posto. Sembrerebbe che il motore del campione slovacco stia diminuendo di potenza, ma speriamo di sbagliarci. Voto: 6

DAVIDE BALLERINI: Il ciclista italiana dell’Astana è alla sua prima partecipazione alla Parigi-Roubaix e al traguardo sarà il primo degli italiani, 31° a 4’25″ da Gilbert. Prova da solo a rientrare sul gruppetto Sagan-Gilbert lanciato verso il traguardo, in precedenza era entrato anche nella prima fuga di giornata. Tanta generosità per lui, ma la pagherà nel finale. Voto: 6

OLIVER NAESEN: Si vede già dai primi chilometri di corsa che non sarà una bella giornata per il belga. Rimasto nel secondo troncone quando il gruppo si spezza nella Foresta di Arenberg, sfianca i suoi per rientrare, ma si sfianca anche lui. Resta nel gruppo inseguitore senza mettere mai la testa fuori dal guscio. Voto: 5,5

ARNAUD DÉMARE: Da anni dice che gli piacerebbe vincere la Parigi-Roubaix, ma oggi non fa nulla per provare a vincerla. Voto: 5,5

GREG VAN AVERMAET: Il belga della CCC Team corre sempre nelle prime posizioni ma, come lo scorso anno, perde l’attimo decisivo e non rientra più. Sarà uno dei pochi a provare a rientrare nel gruppetto di testa lanciato verso Roubaix, ma non ha le gambe per reggere a Lampaert prima e a Gilbert poi. Chiude al dodicesimo posto. Voto: 5

DYLAN VAN BAARLE: Dopo gli sprazzi al Giro delle Fiandre, si aspettavano in molti l’olandaese del team Sky, ma purtroppo non entra mai nel vivo della corsa. Voto: 5

JOHN DEGENKOLB: Al Tour de France dello scorso anno, su queste strade, si assisteva alla rinascita sportiva del tedesco della Trek-Segafredo. Prova ad un certo punto ad allungare, ma non lo hanno lasciato andare. Perde il treno giusto e si perde. Voto: 5

MATTEO TRENTIN: Entra nella prima fuga di giornata e sui primi due tratti di pavé sembrava uno dei più in forma. Poi fora e da lì inizia la sua giornata nera che conclude la serie delle classiche del pavé con un bilancio molto negativo. Solo 43° all’arrivo a 10′20”. Voto: 5

ALEXANDER KRISTOFF: Giornata no per il ciclista norvegese. Dice subito addio ai sogni gloria, quando mancano ancora 100 km all’arrivo. Voto: 4,5

GIANNI MOSCON: Per il trentino non è un bel periodo, nulla da fare. Voto: 4

LUKE ROWE: Un fantasma. Voto: 4

TIESJ BENOOT: Non si hanno sue notizie finché, a 70 km dall’arrivo, non inquadrano il lunotto posteriore dell’ammiraglia del Team Jumbo-Visma sfondato da Benoot in una caduta. Ritiro e check-up all’ospedale. Forza Benoot. Voto: S.V.

Luigi Giglio

Il gruppo di testa imbocca uno dei tratti storici della Parigi-Roubax, il settore di pavè di Mons-en-Pévèle (foto Bettini)

Il gruppo di testa imbocca uno dei tratti storici della Parigi-Roubax, il settore di pavè di Mons-en-Pévèle (foto Bettini)

Pagina successiva »