VUELTA A ESPAÑA 2017 – LA “PRIMERA SEMANA”

agosto 18, 2017 by Redazione  
Filed under Approfondimenti, Copertina

Partenza dalla Francia per la 72a edizione del Giro di Spagna, che anche quest’anno presenterà un campo partenti non inferiore a quello del recente Tour de France. Aru e Nibali, Froome e Bardet saranno le stelle al via da Nîmes, alle quali si affiancherà Alberto Contador, che probabilmente non potrà lottare per la classifica ma che è ugualmente molto atteso essendo questa la sua ultima corsa da professionista. Il percorso sarà, come il solito, infarcito di salite e già nella prima settimana i corridori dovranno superare tre arrivi in quota oltre al tappone pirenaico, quest’anno inserito praticamente in fase d’avvio.

Anche quella che scatterà sabato 19 agosto da Nîmes sarà una Vuelta “Grandi Firme”, come avvenuto nelle ultime edizioni della corsa iberica che nel 2015 schierò al via Aru, Froome, Quintana, Valverde, Nibali e Rodríguez mentre dodici mesi più tardi i corridori più attesi a presentarsi ai nastri di partenza furono, oltre ai citati Froome e Quintana, anche Contador, Chaves e Kruijswijk. Le premesse di una corsa emozionante furono rispettate in entrambi i casi grazie alle affermazioni di Aru nella prima occasione, con il ribaltone ai danni di Dumoulin nell’ultima frazione di montagna, e di Quintana lo scorso anno, ottenuta nell’oramai storica tappa del Formigal quando lo scalatore colombiano riuscì contro tutte le previsioni a mettere nel sacco la Sky e Froome. Stavolta, però, ci aspetta uno spettacolo ancor maggiore perché il quattro volte vincitore del Tour si troverà contro avversari decisamente agguerriti come il francese Bardet, ancora “scottato” dalla delusione d’aver perso un Tour che era stato disegnato appositamente per lui, e gli italiani Aru e Nibali, che per la prima volta dalla loro separazione si troveranno l’un contro l’altro in una grande corsa a tappe, una sfida nella sfida alla quale si sarebbe già dovuto assistere al Giro, poi rimandata a causa dell’infortunio al ginocchio del sardo. Mancherà Quintana, che quest’anno ha già corso in Italia e Francia e in entrambi i casi se n’è tornato a casa con le pive nel sacco – e sicuramente ci mancherà un grande campione come Alberto Contador: il “Pistolero” sarà della partita ma ha già annunciato che questa sarà l’ultima corsa della sua carriera, una corsa che difficilmente lo vedrà tra i protagonisti nella lotta per la classifica generale, considerate le 34 primavere e un progressivo calando delle sue potenzialità, come testimoniano i risultati colti nelle ultime tre edizioni della Grande Boucle, corsa che ha vinto due volte, così come il Giro mentre le affermazioni in Spagna sono state tre.
In quanto al percorso, gli organizzatori hanno confermato lo standard oramai adottato da parecchie stagioni, fatto di tappe più brevi rispetto agli altri grandi giri e di parecchi arrivi in salita, ben 8, con i corridori meno dotati in montagna che avranno dalla loro parte poco meno di 55 Km da percorrere contro il tempo, suddivisi tra la cronosquadre del primo giorno e una prova individuale classica da affrontare all’inizio dell’ultima settimana di gara, quella nella quale – com’è noto – si deve fare i conti anche con il progressivo calare delle energie. Quel che balza all’occhio è che anche questa edizione della Vuelta, come avvenuto quest’anno sia al Giro, sia al Tour, costringerà chi punta al successo finale a presentarsi al via della prima frazione già al top della forma: se la corsa rosa aveva proposto l’arrivo sull’Etna al quarto giorno e il Tour l’arcigno approdo sulla Planche des Belles Filles al termine della quinta tappa, la Vuelta farà di “peggio” perché il primo tappone sarà affrontato appena 48 ore dopo la partenza da Nîmes. E, come il solito, rimarranno solo le briciole per i velocisti, ai quali sono state lasciate solo cinque frazioni, con un buco di ben nove giorni tra la penultima tappa a loro dedicata e la tradizionale passerella madrilena, con la possibilità che molti di loro facciano anzitempo le valigie, soprattutto se si sarà scelta la Vuelta come strada d’avvicinamento ai mondiali, che si disputeranno il 24 settembre a Bergen, in Norvegia.

1a TAPPA: NÎMES (cronometro a squadre – 13.7 Km)

Terza partenza fuori dai confini nazionali della Vuelta, la meno “vagabonda” delle tre grandi corse europee, che in precedenza aveva effettuato il Grand Départ all’estero solamente nel 1997 e nel 2009, quando si era rispettivamente partiti dal Portogallo, con una tappa in linea disegnata tra l’autodromo dell’Estoril e Lisbona, e dall’Olanda, dove sul celebre circuito di Assen si era disputato il cronoprologo. Dall’anno successivo la tappa d’apertura sarà stabilmente una cronometro a squadre e sarà così anche nella cittadina francese di Nîmes, sulle cui strade è stato approntato un velocissimo percorso di poco meno di 14 Km che può essere tranquillamente definito di pianura poiché non si può certo considerare salita il dolcissimo falsopiano di 2,5 Km all’1,6% che condurrà le varie squadre nel punto più elevato del tracciato, a soli 100 metri sul livello del mare, dove gli organizzatori hanno previsto l’effettuazione di un GPM di 3a categoria che, quasi sicuramente, al Tour non sarebbe nemmeno preso in considerazione per la classifica degli scalatori. Difficilmente potrà risultare determinante, mentre un peso non indifferente potrebbero averlo le quasi trenta curve che si dovranno superare, una media di due al chilometro!

2a TAPPA: NÎMES – GRUISSAN “Gran Narbonne / Aude” (203.4 Km)

Da un po’ di tempo capita raramente, in una grande corsa a tappe, di trovarsi di fronte una frazione totalmente pianeggiante, in particolar modo alla Vuelta. Ma l’orografia della zona attraversata dalla prima tappa in linea non consentiva troppe alternative, piatta com’è la porzione di Francia che collega le Alpi ai Pirenei passando a sud del Massiccio Centrale. Le insidie in quella che è la prima delle tre frazioni nelle quali si superaranno – non molto – i 200 Km comunque non mancheranno; anzi non mancherà perché il principale e unico problema odierno sarà rappresentato dal vento, che non manca mai in queste zone. In particolare il tratto dove maggiormente si correrà il rischio d’incappare nei temuti ventagli è quello di una trentina di chilometri tracciato lungo la costa del Mar Mediterraneo e che terminerà in zona rifornimento, quando mancheranno poco meno di 100 Km al traguardo e il percorso si dirigerà con decisione verso l’entroterra, salvo poi ritornare in direzione del mare nei chilometri conclusivi che condurranno all’appuntamento con il primo dei cinque arrivi allo sprint previsti quest’anno.

3a TAPPA: PRADES (Conflent Canigó) – ANDORRA LA VELLA (158.5 Km)

Salite subito e col botto. Non capita spesso di trovare, in un grande giro, una tappa di montagna così impegnativa al terzo giorno di gara, anche perché si è soliti collocare la prima frazione dedicata agli scalatori più avanti nel tempo, disegnandola con mano non troppo pesante. Non sarà così lungo i 158 Km che collegheranno la cittadina francese di Prades con la capitale del Principato d’Andorra poiché si dovranno affrontare complessivamente 37 Km di salita e 2225 metri di dislivello, distribuiti sulle tre ascese in programma. La prima sarà anche la più lunga ma, molto probabilmente, sarà affrontata senza troppa enfasi dal gruppo essendo i quasi 20 Km al 4,8% del Col de la Perche previsti pochi chilometri dopo la partenza. I primi colpi a effetto potrebbero registrarsi salendo verso il Coll de la Rabassa (13,3 Km al 6,8%), tetto della tappa con i suoi 1820 metri di quota e salita cara agli italiani perché fu sede d’arrivo alla Vuelta del 2008, quando vi s’impose Alessandro Ballan – che poche settimane più tardi vincerà il mondiale a Varese – mentre due anni fa fu scalata durante il tappone di Cortals d’Encamp, vinto dallo spagnolo Landa e al termine del quale Fabio Aru vestì per la prima volta la maglia rossa di leader della classifica. Ultimo ostacolo di giornata, molto probabilmente determinante ai fini della vittoria parziale, sarà il breve Alto de La Comella, i cui 4,3 Km all’8,6% svettano a 7 Km dal traguardo.

4a TAPPA: ESCALDES-ENGORDANY – TARRAGONA (Anella Mediterránea 2018) (198,2 Km)

È la “quasi” quiete dopo la tempesta. Passata la prima tappa realmente difficile, la Vuelta proporrà il primo traguardo spagnolo di quest’edizione al termine di una frazione che di veramente impegnativo proporrà forse solo la distanza da percorrere e il particolare disegno del finale di gara, che certamente taglierà fuori dai giochi della vittoria qualche sprinter. La volata, infatti, sarà il più naturale epilogo di questa giornata, ma l’arrivo non appare tra i più agevoli per i diretti interessati alla vittoria perche gli ultimi 400 metri si snoderanno in salita, comunque dolce (la pendenza è del 2,5%), percorrendo la strada che porterà la corsa nel cuore dell’Anella Mediterránea, il complesso che l’anno prossimo ospiterà i XVIII Giochi del Mediterraneo, inizialmente programmati per questa stagione ma poi rinviati a causa della crisi che ha colpito la Spagna.

5a TAPPA: BENICÀSSIM – ALCOSSEBRE (Ermita de Santa Lúcia) (175.7 Km)

È il primo atto della lunga serie degli arrivi in salita che, nella settimana d’avvio della Vuelta, avranno in tre occasioni l’aspetto delle “rampe da garage”, termine che sta a identificare le ascese brevi ma assai violente, proprio come quella che condurrà al traguardo dell’eremo dei Santi Lucia e Benedetto, situato poco sopra la stazione balneare di Alcossebre, frazione del comune di Alcalà de Xivert. Negli ultimi 3,4 Km si dovranno, infatti, superare una pendenza media del 9,7%, incontrando un picco del 20% a circa un chilometro e mezzo dal traguardo, previsto a 340 metri d’altezza. Tutto l’interesse della giornata sarà racchiuso in quei 3400 metri poiché le precedenti difficoltà altimetriche – altre quattro salite, tre delle quali di 2a categoria – termineranno quando mancheranno ancora una quarantina di chilometri al traguardo, al quale potrebbe facilmente approdare la fuga di giornata, lasciata andar via senza troppi patemi dal gruppo poiché dopo la tappa andorrana già ci saranno diversi corridori che avranno accusato un distacco importante e che dunque non impensieriscono chi punta alla classifica finale. Per quest’ultima, comunque, egualmente si accenderà la battaglia sulle rampe conclusive, dove però si dovrebbe riuscire al massimo guadagnare qualche secondo.

6a TAPPA: VILA-REAL – SAGUNTO (204.4 Km)

A parte la mancanza dell’arrivo in salita, la sesta frazione appare come la fotocopia di quella affrontata il giorno precedente, poiché lungo il cammino si dovranno superare cinque GPM – quattro di 3a categoria e l’ultimo di 2a – ma poi non s’incontreranno più difficoltà altimetriche negli ultimi 37 Km. Appare, abbiamo detto, perché in realtà questa tappa è molto più impegnativa di quel che sembra e potrebbe anche riservare delle sorprese al momento d’affrontare l’ultima ascesa, quella di 2a categoria. È il Puerto del Garbí, i cui dati ufficiali riportati sul road book della corsa iberica dipingono come una salita non particolarmente temibile, lunga 9,3 Km e caratterizzata da una pendenza media del 5,1%. I numeri sono esatti ma parziali perché non illustrano che il Garbí ha due volti, “garbato” nella seconda metà, decisamente più rude nei primi 5 Km che salgono 9,3% con rasoiate che rasentano il 22%, il tutto condito da una sede stradale ristretta che già di suo provocherà una selezione naturale. È vero che successivamente non s’incontreranno più ostacoli fino al traguardo, ma qualche nome importante potrebbe perdere le ruote dei migliori e allora la tappa cambierà sensibilmente intensità, anche perché gli organizzatori hanno aggiunto pepe al pepe infarcendo di abbuoni il tratto conclusivo: oltre a quelli previsti al traguardo ci saranno, infatti, quelli del giornaliero traguardo volante intermedio che nell’occasione è stato collocato a soli 7,4 Km dalla conclusione e, se i piani alti della classifica fossero ancora ravvicinati, sicuramente anche oggi assisteremo a una grande bagarre tra i primi della classe.

7a TAPPA: LLÍRIA – CUENCA “Ciudad Patrimonio de la Humanidad” (207 Km)

È la tappa più lunga di questa edizione della Vuelta quella che si concluderà nella pittoresca cittadina di Cuenca, ma anche una di quelle meno impegnative. Come a Tarragona, comunque, non saranno tutte rose e fiori per i velocisti perché sarà riproposto il tradizionale finale di Cuenca, con la breve ma non facilissima salita del castello (2 Km al 7,2%) collocata a una dozzina di chilometri dal traguardo. Anche in questa occasione, però, saranno sempre loro i maggiori indiziati di vittoria perché nei precedenti arrivi a Cuenca, sempre con il “Castillo” da scavalcare, si è spesso arrivati allo sprint e tra i corridori che hanno lasciato il segno in questo particolare finale di gara spiccano i nomi di due velocisti particolarmente dotati come il norvegese Thor Hushovd e il tedesco Erik Zabel. Il tratto successivo allo scollinamento è, infatti, poco tortuoso così come poco pendente è la discesa dal Castillo e così il gruppo all’inseguimento potrà agevolmente andare a riacciffuare coloro che si saranno lanciati in avanscoperta sul tratto in salita.

8a TAPPA: HELLÍN – XORRET DE CATÍ “Costa Blanca Interior” (199.5 Km)

In apertura avevamo segnalato che gli arrivi in salita ufficiali saranno in numero di otto, ma non è nemmeno sbagliato affermare che questi siano nove. L’intruso è proprio quello di Xorret de Catí, dove 3 Km di discesa dopo l’ultimo scollinamento sicuramente non basteranno per “smorzare” gli effetti della precedente e ripidissima ascesa omonima, parente stretta delle brevi verticali a doppia cifra di pendenza, come quella affrontata poco giorni prima sopra Alcossebre: nei 3,4 Km precedenti il gran premio della montagna s’incontreranno inclinazioni da “urlo”, con una media del 12,4% e massime che raggiungono il 22%, numeri che il Giro di Spagna ha già affrontato in cinque occasioni, la prima nel 1998 quando questo traguardo fu tenuto a battesimo dall’indimenticato José Maria Jiménez. Chi segue anche le corse ciclistiche “minori” ricorderà anche che l’ultima competizione qui giunta è stata, invece, la tappa regina dell’edizione 2016 della Vuelta Valenciana, conquistata – assieme alla classifica finale – dall’olandese Wout Poels.

9a TAPPA: ORIHUELA “Ciudad del Poeta Miguel Hernández” – CUMBRE DEL SOL / EL POBLE NOU DE BENITATXELL (174 Km)

Il secondo week-end di gara si conclude con un altro arrivo in salita, stavolta reale, che riporterà la carovana del Vuelta sulle aspre rampe del Puig Llorença, assaggiate per la prima volta due anni fa quando, correndo anche in quell’occasione la nona frazione, vi s’impose l’olandese Tom Dumoulin. Quel giorno l’ascesa conclusiva fu ripetuta due volte e sarà così anche stavolta perché gli organizzatori hanno riproposto esattamente lo stesso circuito di una quarantina di chilometri che caratterizzò il finale della frazione conquistata dal vincitore del recente Giro d’Italia. La prima scalata, terminando poco sotto il luogo dove sarà collocato il traguardo, sarà leggermente più corta di quella conclusiva ma i tronconi più difficili saranno affrontati in entrambi i passaggi, essendo il picco al 21% collocato nella prima parte dell’ascesa che, nella versione “estesa”, è lunga 4 Km e ha una pendenza media del 9,1%.

Mauro Facoltosi

Lo scenario nel quale si concluderà la frazione di Xorret de Catí, uno dei finali più impegnativi di questa edizione della Vuelta (www.alicantenatura.es)

Lo scenario nel quale si concluderà la frazione di Xorret de Catí, uno dei finali più impegnativi di questa edizione della Vuelta (www.alicantenatura.es)

18-08-2017

agosto 18, 2017 by Redazione  
Filed under Ordini d'arrivo

TOUR DU LIMOUSIN

Il francese Guillaume Martin (Wanty – Groupe Gobert) si è imposto nella quarta ed ultima tappa, Saint-Junien – Limoges, percorrendo 168.9 Km in 4h05′25″ alla media di 41.293 Km/h. Ha preceduto allo sprint il belga Baugnies e di 19″ l’olandese Van der Poel. Miglior italiano Manuel Belletti (Wilier Triestina – Selle Italia), 5° a 19″. Il francese Alexis Vuillermoz (AG2R La Mondiale) si impone in classifica con lo stesso tempo del connazionale Gesbert e 19″ sull’italiano Francesco Gavazzi (Androni – Sidermec – Bottecchia.

TOUR DE L’AVENIR

Il danese Kasper Asgreen (Team Veloconcept) si è imposto nella prima tappa, circuito di Loudéac, percorrendo 134 Km in 3h03′54″ alla media di 43.719 Km/h. Ha preceduto di 4″ il norvegese Halvorsen e l’italiano Imerio Cima (Viris Maserati). Asgreen è il primo leader della classifica con 4″ su Halvorsen e Cima

VEENENDAAL – VEENENDAAL CLASSIC

Lo sloveno Luka Mezgec (ORICA-Scott) si è imposto nella corsa olandese, circuito di Veenendaal, percorrendo 195.8 Km in 4h21′35″ alla media di 44.911 Km/h. Ha preceduto allo sprint gli olandesi Wippert e Hofland.

17-08-2017

agosto 17, 2017 by Redazione  
Filed under Ordini d'arrivo

TOUR DU LIMOUSIN

Il francese Cyril Gautier (AG2R La Mondiale) si è imposto nella terza tappa, Saint-Pantaléon-de-Larche – Chaumeil, percorrendo 184.7 Km in 4h45′06″ alla media di 38.871 Km/h. Ha preceduto allo sprint il belga Degand e di 2″ il francese Edet. Miglior italiano Francesco Gavazzi (Androni – Sidermec – Bottecchia), 10° a 1′18″. Il francese Élie Gesbert (Fortuneo – Oscaro) è ancora leader della classifica con 4″ sul connazionale Vuillermoz e 19″ su Gavazzi.

16-08-2017

agosto 16, 2017 by Redazione  
Filed under Ordini d'arrivo

TOUR DU LIMOUSIN

Il francese Alexis Vuillermoz (AG2R La Mondiale) si è imposto nella seconda tappa, Fursac – Le Maupuy (Les Monts de Guéret), percorrendo 185.8 Km in 4h39′51″ alla media di 39.836 Km/h. Ha preceduto di 8″ l’italiano Francesco Gavazzi (Androni – Sidermec – Bottecchia) e lo spagnolo Eduard Prades Reverter. Il francese Élie Gesbert (Fortuneo – Oscaro) è ancora leader della classifica con 4″ su Vuillermoz e 19″ su Gavazzi.

15-08-2017

agosto 15, 2017 by Redazione  
Filed under Ordini d'arrivo

VOLTA A PORTUGAL EM BICICLETA SANTANDER TOTTA

Lo spagnolo Gustavo César Veloso (W52/FC Porto) si è imposto nella decima ed ultima tappa, circuito a cronometro di Viseu, percorrendo 20.1 Km in 26′00″ alla media di 46.385 Km/h. Ha preceduto di 15″ il connazionale Raúl Alarcón García (W52/FC Porto) e di 18″ il connazionale Marque Porto. Miglior italiano Rinaldo Nocentini (Sporting Clube de Portugal/Tavira), 9° a 57″. Alarcón García si impone in classifica con 1′23″ sul portoghese Raposo Antunes e 5′25″ sul connazionale García De Mateos Rubio. Miglior italiano Nocentini, 4° a 5′54″

TOUR DU LIMOUSIN

Il francese Élie Gesbert (Fortuneo – Oscaro) si è imposto nella prima tappa, Panazol – Rochechouart, percorrendo 168 Km in 3h54′42″ alla media di 42.948 Km/h. Ha preceduto di 8″ il connazionale Dassonville e di 18″ l’olandese Van der Poel. Miglior italiano Francesco Gavazzi (Androni – Sidermec – Bottecchia), 8° a 18″. Gesbert è il primo leader della classifica con 14″ su Dassonville e 30″ su Van der Poel. Miglior italiano Gavazzi, 8° a 34″

14-08-2017

agosto 14, 2017 by Redazione  
Filed under Ordini d'arrivo

VOLTA A PORTUGAL EM BICICLETA SANTANDER TOTTA

Il portoghese Amaro Manuel Raposo Antunes (W52/FC Porto) si è imposto nella nona tappa, Lousã – Guarda, percorrendo 184.1 Km in 4h56′55″ alla media di 37.202 Km/h. Ha preceduto allo sprint lo spagnolo Raúl Alarcón García (W52/FC Porto) e di 1′28″ il lettone Neilands. Miglior italiano Rinaldo Nocentini (Sporting Clube de Portugal/Tavira), 5° a 4′44″. Alarcón García è ancora leader della classifica con 31″ su Raposo Antunes e 5′04″ sul connazionale García De Mateos Rubio. Miglior italiano Nocentini, 4° a 5′12″

FINALE COL GIALLO IN COLORADO, MA VINCE SENNI

agosto 14, 2017 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Nella tappa conclusiva, come ampiamente previsto, nessuna rivoluzione in classifica: Senni (BMC) e Tvetcov (Jelly Belly) concludono entrambi nel gruppo di testa e così le prime due posizione restano invariate con 15” a dividere i due.

Se per la generale non ci sono state grosse emozioni per il pubblico, ben diversa è stata la volata, con giallo finale, che ha concluso la corsa americana. A vincere è stato l’estone Räim della Israel Cycling Academy, alle sue spalle sono piazzati il padrone di casa McCabe (UnitedHealtCare) e il messicano Rodríguez (Elevate-KHS). Quarto, ancora una volta, l’italiano Marco Canola (Nippo – Vini Fantini) che coglie il terzo piazzamento ai piedi del podio. Stavolta, però, il corridore vicentino – che ricordiamo vincitore della tappa di Rivarolo Canavese al Giro d’Italia del 2014 – ha passato il traguardo visibilmente contrariato e arrabbiato per una, a suo dire, scorrettezza da parte del vincitore che porterà ad una protesta del team Nippo. Niente da fare ad ogni modo, poichè i giudici non rileveranno nei video nessuna irregolarità e così l’ordine d’arrivo viene confermato.
Il decimo posto di Manuel Senni (BMC), classificato con lo stesso tempo dei primi, gli vale la prima vittoria individuale tra i professionisti dopo quella conseguita con la sua formazione nella cronosquadre dell’ultima Vuelta Valenciana. Nello stesso plotone termina la tappa anche il rumeno Tvetcov (Jelly Belly) che così conclude secondo in classifica a 15″ da Senni, potendo vantare la vittoria nella terza tappa. A concludere il podio il vincitore della seconda frazione, lo statunitense Howes (Cannondale).

Andrea Mastrangelo

ORDINE D’ARRIVO

1 Mihkel Räim (Est) Israel Cycling Academy 2:32:50
2 Travis McCabe (USA) UnitedHealthcare Professional Cycling Team
3 Jose Rodriguez (Mex) Elevate-KHS Pro Cycling
4 Marco Canola (Ita) Nippo – Vini Fantini 0:00:01
5 Joseph Lewis (Aus) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear
6 Taylor Phinney (USA) Cannondale-Drapac
7 Alex Howes (USA) Cannondale-Drapac
8 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy
9 Kiel Reijnen (USA) Trek-Segafredo
10 Manuel Senni (Ita) BMC Racing Team 0:00:02
11 Miguel Benito (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
12 Brent Bookwalter (USA) BMC Racing Team
13 Ulises Castillo (Mex) Jelly Belly p/b Maxxis
14 Greg Henderson (NZl) UnitedHealthcare Professional Cycling Team 0:00:03
15 Justin Oien (USA) Caja Rural-Seguros RGA
16 Jhonatan Navarez (Ecu) Axeon Hagens Berman
17 Umberto Poli (Ita) Team Novo Nordisk
18 Edward Ravasi (Ita) UAE Team Emirates 0:00:04
19 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
20 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team
21 Colin Joyce (USA) Rally Cycling
22 Alan Marangoni (Ita) Nippo – Vini Fantini
23 Dennis Van Winden (Ned) Israel Cycling Academy 0:00:05
24 Simone Petilli (Ita) UAE Team Emirates
25 TJ Eisenhart (USA) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear
26 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates
27 Gonzalo Serrano Rodriguez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
28 Matteo Moschetti (Ita) Trek-Segafredo 0:00:06
29 Peter Stetina (USA) Trek-Segafredo
30 Sepp Kuss (USA) Rally Cycling
31 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo
32 Shane Kline (USA) Rally Cycling
33 Tyler Williams (USA) Israel Cycling Academy
34 Ivan Santaromita (Ita) Nippo – Vini Fantini
35 Gregory Daniel (USA) Trek-Segafredo 0:00:07
36 Gavin Mannion (USA) UnitedHealthcare Professional Cycling Team
37 Andrei Krasilnikau (Blr) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear
38 Ruben Companioni (Cub) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:00:08
39 Serghei Tvetcov (Rom) Jelly Belly p/b Maxxis
40 Alex Hoehn (USA) Elevate-KHS Pro Cycling
41 Edward Anderson (USA) Axeon Hagens Berman 0:00:10
42 Christopher Butler (USA) Caja Rural-Seguros RGA 0:00:11
43 Nigel Ellsay (Can) Silber Pro Cycling
44 Ryan Roth (Can) Silber Pro Cycling
45 Antonio Molina (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 0:00:12
46 Hugh Carthy (GBr) Cannondale-Drapac
47 Jonathan Clarke (Aus) UnitedHealthcare Professional Cycling Team
48 Jacob Rathe (USA) Jelly Belly p/b Maxxis 0:00:14
49 Eder Frayre (Mex) Elevate-KHS Pro Cycling
50 Rigoberto Uran (Col) Cannondale-Drapac 0:00:17
51 Manuel Sola Arjona (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 0:00:18
52 Taylor Shelden (USA) Jelly Belly p/b Maxxis 0:00:19
53 Keegan Swirbul (USA) Jelly Belly p/b Maxxis 0:00:23
54 Jean Claude Uwizeye (Rwa) Team Rwanda Cycling
55 Stephen Clancy (Irl) Team Novo Nordisk 0:00:24
56 Martin Elmiger (Swi) BMC Racing Team 0:00:25
57 Jean Paul Rene Ukiniwabo (Rwa) Team Rwanda Cycling 0:00:39
58 Giacomo Berlato (Ita) Nippo – Vini Fantini 0:00:43
59 Daniel Jaramillo (Col) UnitedHealthcare Professional Cycling Team 0:00:44
60 Luis Lemus (Mex) Israel Cycling Academy 0:00:52
61 Silvan Dillier (Swi) BMC Racing Team 0:00:53
62 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
63 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team
64 Evan Huffman (USA) Rally Cycling 0:00:54
65 Danny Pate (USA) Rally Cycling
66 Yuma Koishi (Jpn) Nippo – Vini Fantini
67 Damiano Cima (Ita) Nippo – Vini Fantini 0:00:55
68 Daniel Eaton (USA) UnitedHealthcare Professional Cycling Team 0:01:16
69 John Murphy (USA) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:01:28
70 Miguel Bryon (USA) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:02:00
71 Bonaventure Uwizeyimana (Rwa) Team Rwanda Cycling 0:02:05
72 Seid Lizde (Ita) UAE Team Emirates 0:02:11
73 Fabio Calabria (Aus) Team Novo Nordisk 0:02:24
74 Julien Gagne (Can) Silber Pro Cycling
75 Robert Britton (Can) Rally Cycling 0:02:25
76 Sam Brand (GBr) Team Novo Nordisk 0:02:47
77 Guy Niv (Isr) Israel Cycling Academy
78 Joseph Schmaltz (USA) Elevate-KHS Pro Cycling
79 Logan Owen (USA) Axeon Hagens Berman 0:03:57
80 Rik Van Ijzendoorn (Ned) Team Novo Nordisk 0:04:11
81 Gasore Hategeka (Rwa) Team Rwanda Cycling 0:04:12
82 Angus Morton (Aus) Jelly Belly p/b Maxxis 0:05:19
83 Alexander Cowan (Can) Silber Pro Cycling
84 Christopher Blevins (USA) Axeon Hagens Berman 0:06:56
85 Didier Munyaneza (Rwa) Team Rwanda Cycling 0:16:26

CLASSIFICA GENERALE

1 Manuel Senni (Ita) BMC Racing Team 12:00:35
2 Serghei Tvetcov (Rom) Jelly Belly p/b Maxxis 0:00:15
3 Alex Howes (USA) Cannondale-Drapac 0:00:31
4 TJ Eisenhart (USA) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:00:33
5 Peter Stetina (USA) Trek-Segafredo 0:00:44
6 Sepp Kuss (USA) Rally Cycling 0:01:05
7 Brent Bookwalter (USA) BMC Racing Team 0:02:16
8 Miguel Benito (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 0:02:19
9 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates 0:02:21
10 Travis McCabe (USA) UnitedHealthcare Professional Cycling Team 0:02:22
11 Simone Petilli (Ita) UAE Team Emirates 0:02:33
12 Edward Ravasi (Ita) UAE Team Emirates 0:02:47
13 Ivan Santaromita (Ita) Nippo – Vini Fantini 0:03:00
14 Rigoberto Uran (Col) Cannondale-Drapac 0:03:06
15 Hugh Carthy (GBr) Cannondale-Drapac 0:03:07
16 Christopher Butler (USA) Caja Rural-Seguros RGA 0:03:58
17 Jonathan Clarke (Aus) UnitedHealthcare Professional Cycling Team
18 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo 0:05:06
19 Jhonatan Navarez (Ecu) Axeon Hagens Berman 0:08:04
20 Taylor Shelden (USA) Jelly Belly p/b Maxxis 0:08:23
21 Kiel Reijnen (USA) Trek-Segafredo 0:09:52
22 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team 0:15:46
23 Gavin Mannion (USA) UnitedHealthcare Professional Cycling Team
24 Ruben Companioni (Cub) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:15:52
25 Nigel Ellsay (Can) Silber Pro Cycling 0:15:58
26 Joseph Lewis (Aus) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:15:59
27 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates 0:16:21
28 Marco Canola (Ita) Nippo – Vini Fantini 0:17:27
29 Antonio Molina (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 0:20:14
30 Robert Britton (Can) Rally Cycling 0:20:48
31 Eder Frayre (Mex) Elevate-KHS Pro Cycling 0:21:13
32 Gonzalo Serrano Rodriguez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 0:21:56
33 Justin Oien (USA) Caja Rural-Seguros RGA 0:22:20
34 Taylor Phinney (USA) Cannondale-Drapac 0:22:38
35 Daniel Jaramillo (Col) UnitedHealthcare Professional Cycling Team 0:22:39
36 Martin Elmiger (Swi) BMC Racing Team 0:22:43
37 Jacob Rathe (USA) Jelly Belly p/b Maxxis 0:23:26
38 Gregory Daniel (USA) Trek-Segafredo 0:24:02
39 Alexander Cowan (Can) Silber Pro Cycling 0:25:29
40 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy 0:26:28
41 Silvan Dillier (Swi) BMC Racing Team 0:27:30
42 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo 0:27:34
43 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team 0:27:54
44 Luis Lemus (Mex) Israel Cycling Academy 0:28:07
45 Seid Lizde (Ita) UAE Team Emirates 0:28:27
46 Manuel Sola Arjona (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 0:28:45
47 Jean Claude Uwizeye (Rwa) Team Rwanda Cycling 0:28:50
48 Alex Hoehn (USA) Elevate-KHS Pro Cycling 0:29:00
49 Andrei Krasilnikau (Blr) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:29:03
50 Dennis Van Winden (Ned) Israel Cycling Academy 0:29:05
51 Jean Paul Rene Ukiniwabo (Rwa) Team Rwanda Cycling 0:29:06
52 Edward Anderson (USA) Axeon Hagens Berman 0:29:15
53 Mihkel Räim (Est) Israel Cycling Academy 0:29:24
54 Colin Joyce (USA) Rally Cycling 0:29:34
55 Keegan Swirbul (USA) Jelly Belly p/b Maxxis 0:30:17
56 Yuma Koishi (Jpn) Nippo – Vini Fantini 0:30:26
57 Tyler Williams (USA) Israel Cycling Academy 0:30:41
58 John Murphy (USA) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:31:48
59 Logan Owen (USA) Axeon Hagens Berman 0:32:16
60 Daniel Eaton (USA) UnitedHealthcare Professional Cycling Team 0:32:42
61 Umberto Poli (Ita) Team Novo Nordisk 0:33:09
62 Greg Henderson (NZl) UnitedHealthcare Professional Cycling Team 0:33:13
63 Miguel Bryon (USA) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:33:59
64 Ulises Castillo (Mex) Jelly Belly p/b Maxxis 0:34:16
65 Alan Marangoni (Ita) Nippo – Vini Fantini
66 Shane Kline (USA) Rally Cycling 0:34:31
67 Danny Pate (USA) Rally Cycling 0:35:08
68 Julien Gagne (Can) Silber Pro Cycling 0:35:29
69 Christopher Blevins (USA) Axeon Hagens Berman 0:35:58
70 Ryan Roth (Can) Silber Pro Cycling 0:36:15
71 Stephen Clancy (Irl) Team Novo Nordisk 0:37:19
72 Evan Huffman (USA) Rally Cycling 0:37:27
73 Gasore Hategeka (Rwa) Team Rwanda Cycling 0:40:06
74 Matteo Moschetti (Ita) Trek-Segafredo 0:40:17
75 Angus Morton (Aus) Jelly Belly p/b Maxxis 0:41:00
76 Joseph Schmaltz (USA) Elevate-KHS Pro Cycling 0:42:06
77 Sam Brand (GBr) Team Novo Nordisk 0:42:20
78 Giacomo Berlato (Ita) Nippo – Vini Fantini 0:42:31
79 Guy Niv (Isr) Israel Cycling Academy 0:42:44
80 Damiano Cima (Ita) Nippo – Vini Fantini 0:43:14
81 Jose Rodriguez (Mex) Elevate-KHS Pro Cycling 0:44:25
82 Rik Van Ijzendoorn (Ned) Team Novo Nordisk 0:45:49
83 Fabio Calabria (Aus) Team Novo Nordisk 0:49:47
84 Bonaventure Uwizeyimana (Rwa) Team Rwanda Cycling 1:00:35

Il podio della prima edizione della Colorado Classic (foto Jonathan Devich/epicimages.us)

Il podio della prima edizione della Colorado Classic (foto Jonathan Devich/epicimages.us)

DYLAN TEUNS METTE IL SIGILLO NELL’ARCTIC RACE OF NORWAY

agosto 13, 2017 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Lo splendido momento di forma di Dylan Teuns sembra non avere limiti. Il portacolori della BMC Racing Team si è imposto nella quarta e ultima tappa anticipando i velocisti. La sua azione che ha sancito il successo finale nella corsa a tappe norvegese. Quello che non è successo ieri con l’unico arrivo in salita, è successo oggi, quando Teuns ha anticipato le ruote veloci ed è andato a porre il sigillo alla sua leaadership nell’Arctic Race of Norway.

L’ultima tappa che prevvedeva la partenza e l’arrivo a Tromsø ha visto i tentativi di molti corridori, ma l’unico che è stato baciato dalla buona sorte è stato quello portato dal leader della classifica Dylan Teuns. Il portacolori della BMC Racing Team si è involato ai meno tre sul Prestvannet, l’ultima “asperità” di giornata. La sua fuga è terminata solo dopo il traguardo passato a braccia alzate, gustandosi l’ottavo successo conseguite nelle ultime tre settimane. Dopo 11″ sono arrivati Loïc Chetout (Cofidis, Solutions Crédits), Sven Erik Bystrøm (Katusha Alpecin) e Andriy Grivko (Astana). Un gruppetto di una dozzina di unità è stato successivamente regolato da Olivier Pardini (WB Veranclassic Aquality Protect) dopo 16”. Nel gruppetto era presente anche Alessandro Bisolti (Nippo Vini Fantini), classificatosi 21°.
Con la conclusione dell’ultima tappa è stata stilata anche la classifica finale dell’Arctic Race of Norway, che vede sul podio a fare da corona a Dylan Teuns August Jensen (Team Coop), 2° a 29”, e Michel Kreder (Aqua Blue Sport), 3° a 43”. Primo degli italiani è Bisolti, 22° a 2′21″, due secondi meglio dell’italiano suo compagno di formazione Pierpaolo De Negri.

Mario Prato

ORDINE D’ARRIVO

1 Dylan Teuns (Bel) BMC Racing Team 3:47:03
2 Loïc Chetout (Fra) Cofidis, Solutions Credits 0:00:11
3 Sven Erik Bystrøm (Nor) Katusha-Alpecin
4 Andrey Grivko (Ukr) Astana Pro Team
5 Olivier Pardini (Bel) WB Veranclassic Aqua Protect 0:00:16
6 Börn Tore Hoem (Nor) Joker Icopal
7 Alexander Kristoff (Nor) Katusha-Alpecin
8 Quentin Pacher (Fra) Delko Marseille Provence KTM
9 Lawrence Naesen (Bel) WB Veranclassic Aqua Protect
10 Amanuel Ghebreigzabhier Werkilul (Eri) Dimension Data
11 Markus Hoelgaard (Nor) Joker Icopal
12 Anders Skaarseth (Nor) Joker Icopal
13 Eliot Lietaer (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise
14 Erwann Corbel (Fra) Team Fortuneo – Oscaro
15 David Lozano (Spa) Team Novo Nordisk
16 Michel Kreder (Ned) Aqua Blue Sport
17 Dorian Godon (Fra) Cofidis, Solutions Credits
18 August Jensen (Nor) Team Coop
19 Jonas Koch (Ger) CCC Sprandi Polkowice
20 Fabien Grellier (Fra) Direct Energie
21 Alessandro Bisolti (Ita) Nippo – Vini Fantini
22 Carl Fredrik Hagen (Nor) Joker Icopal
23 Arnold Jeannesson (Fra) Team Fortuneo – Oscaro
24 Ivan Savitskiy (Rus) Gazprom – Rusvelo
25 Sindre Skjøstad Lunke (Nor) Team Sunweb
26 Jakub Kaczmarek (Pol) CCC Sprandi Polkowice
27 Franck Bonnamour (Fra) Team Fortuneo – Oscaro
28 Javier Megias (Spa) Team Novo Nordisk
29 Aime De Gendt (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise
30 Pier Paolo De Negri (Ita) Nippo – Vini Fantini 0:00:43
31 Antoine Duchesne (Can) Direct Energie
32 Andrea Pasqualon (Ita) Wanty – Groupe Gobert
33 Trond Hakon Trondsen (Nor) Team Sparebanken Sør 0:00:50
34 Floris Gerts (Ned) BMC Racing Team
35 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team
36 Jaco Venter (RSA) Dimension Data
37 Leszek Plucinski (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:00:55
38 Rasmus Fossum Tiller (Nor) Joker Icopal 0:00:58
39 Oivind Lukkedal (Nor) Team Coop 0:01:33
40 Truls Korsaeth (Nor) Astana Pro Team
41 Bert De Backer (Bel) Team Sunweb
42 Herman Dahl (Nor) Team Sparebanken Sør
43 Charles Planet (Fra) Team Novo Nordisk 0:01:39
44 Roy Jans (Bel) WB Veranclassic Aqua Protect
45 Romain Cardis (Fra) Direct Energie
46 Kristoffer Halvorsen (Nor) Joker Icopal
47 Aleksey Tcatevitch (Rus) Gazprom – Rusvelo
48 Kevin Deltombe (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise
49 Michal Paluta (Pol) CCC Sprandi Polkowice
50 Christophe Masson (Fra) WB Veranclassic Aqua Protect
51 Adrien Niyonshuti (Rwa) Dimension Data
52 Sébastien Delfosse (Bel) WB Veranclassic Aqua Protect
53 Calvin Watson (Aus) Aqua Blue Sport
54 Max Kanter (Ger) Team Sunweb 0:01:50
55 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
56 Aleksei Rybalkin (Rus) Gazprom – Rusvelo
57 Simone Antonini (Ita) Wanty – Groupe Gobert
58 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team
59 Nikolay Trusov (Rus) Gazprom – Rusvelo
60 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team
61 Amaël Moinard (Fra) BMC Racing Team
62 Peter Koning (Ned) Aqua Blue Sport 0:02:09
63 Damiano Cunego (Ita) Nippo – Vini Fantini 0:02:27
64 Dimitri Claeys (Bel) Cofidis, Solutions Credits 0:04:06
65 Reto Hollenstein (Swi) Katusha-Alpecin 0:04:46
66 Rein Taaramäe (Est) Katusha-Alpecin
67 Andreas Vangstad (Nor) Team Sparebanken Sør
68 Matti Breschel (Den) Astana Pro Team
69 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data
70 Håkon Lunder Aalrust (Nor) Team Coop
71 Zico Waeytens (Bel) Team Sunweb
72 Jonathan Couanon (Fra) Delko Marseille Provence KTM
73 Daniel Diaz (Arg) Delko Marseille Provence KTM 0:06:08
74 Joonas Henttala (Fin) Team Novo Nordisk 0:06:20
75 Jonathan Hivert (Fra) Direct Energie 0:06:23
76 Jarl Salomein (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise 0:06:43
77 Marius Blålid (Nor) Team FixIt.no
78 Alex Kirsch (Lux) WB Veranclassic Aqua Protect
79 Eduard Grosu (Rom) Nippo – Vini Fantini 0:07:35
80 Leon Rohde (Ger) Team Sunweb 0:09:32
81 Bernhard Eisel (Aut) Dimension Data 0:11:40
82 Matthew Brammeier (Irl) Aqua Blue Sport
83 Åsmund Romstad Løvik (Nor) Team FixIt.no
84 Eirik Bruland (Nor) Team Sparebanken Sør 0:13:54
85 Bjørnar Vevatne Øverland (Nor) Team FixIt.no
86 Pavel Brutt (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:13:58
87 Martijn Verschoor (Ned) Team Novo Nordisk 0:14:52
88 Bram Welten (Ned) BMC Racing Team
89 Kenny Molly (Bel) Team Fortuneo – Oscaro
90 Jon Soeveras Breivold (Nor) Team FixIt.no
91 Hiroki Nishimura (Jpn) Nippo – Vini Fantini
92 Haavard Blikra (Nor) Team Coop
93 Christopher Williams (Aus) Team Novo Nordisk 0:15:09
94 Kenny De Ketele (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise
95 Nikolay Mihaylov (Bul) CCC Sprandi Polkowice
96 Martyn Irvine (Irl) Aqua Blue Sport
97 Matti Manninen (Fin) Team FixIt.no
98 Ole Andre Austevoll (Nor) Team Coop

CLASSIFICA GENERALE

1 Dylan Teuns (Bel) BMC Racing Team 15:56:15
2 August Jensen (Nor) Team Coop 0:00:29
3 Michel Kreder (Ned) Aqua Blue Sport 0:00:43
4 Alexander Kristoff (Nor) Katusha-Alpecin 0:00:45
5 Eliot Lietaer (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise
6 Quentin Pacher (Fra) Delko Marseille Provence KTM
7 Börn Tore Hoem (Nor) Joker Icopal 0:00:49
8 Carl Fredrik Hagen (Nor) Joker Icopal
9 Amanuel Ghebreigzabhier Werkilul (Eri) Dimension Data 0:00:55
10 Andrey Grivko (Ukr) Astana Pro Team 0:00:57
11 Jonas Koch (Ger) CCC Sprandi Polkowice 0:00:59
12 Ivan Savitskiy (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:01:01
13 Sindre Skjøstad Lunke (Nor) Team Sunweb
14 Jakub Kaczmarek (Pol) CCC Sprandi Polkowice
15 Fabien Grellier (Fra) Direct Energie 0:01:09
16 Markus Hoelgaard (Nor) Joker Icopal 0:01:12
17 Dorian Godon (Fra) Cofidis, Solutions Credits 0:01:13
18 Aime De Gendt (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise 0:01:21
19 Olivier Pardini (Bel) WB Veranclassic Aqua Protect 0:01:24
20 Franck Bonnamour (Fra) Team Fortuneo – Oscaro 0:01:38
21 Sven Erik Bystrøm (Nor) Katusha-Alpecin 0:01:57
22 Alessandro Bisolti (Ita) Nippo – Vini Fantini 0:02:21
23 Pier Paolo De Negri (Ita) Nippo – Vini Fantini 0:02:23
24 Leszek Plucinski (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:02:27
25 David Lozano (Spa) Team Novo Nordisk 0:03:04
26 Lawrence Naesen (Bel) WB Veranclassic Aqua Protect 0:03:09
27 Anders Skaarseth (Nor) Joker Icopal 0:03:14
28 Arnold Jeannesson (Fra) Team Fortuneo – Oscaro 0:03:23
29 Michal Paluta (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:03:37
30 Jaco Venter (RSA) Dimension Data 0:03:43
31 Antoine Duchesne (Can) Direct Energie 0:03:54
32 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data 0:03:55
33 Trond Hakon Trondsen (Nor) Team Sparebanken Sør 0:03:57
34 Kevin Deltombe (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise 0:04:39
35 Andrea Pasqualon (Ita) Wanty – Groupe Gobert 0:04:41
36 Nikolay Trusov (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:05:02
37 Max Kanter (Ger) Team Sunweb 0:05:04
38 Floris Gerts (Ned) BMC Racing Team 0:05:21
39 Amaël Moinard (Fra) BMC Racing Team 0:05:33
40 Zico Waeytens (Bel) Team Sunweb 0:05:37
41 Sébastien Delfosse (Bel) WB Veranclassic Aqua Protect 0:05:38
42 Andreas Vangstad (Nor) Team Sparebanken Sør 0:05:47
43 Charles Planet (Fra) Team Novo Nordisk 0:06:00
44 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team 0:06:02
45 Christophe Masson (Fra) WB Veranclassic Aqua Protect 0:06:21
46 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:07:10
47 Calvin Watson (Aus) Aqua Blue Sport 0:07:18
48 Simone Antonini (Ita) Wanty – Groupe Gobert 0:07:27
49 Dimitri Claeys (Bel) Cofidis, Solutions Credits 0:07:52
50 Herman Dahl (Nor) Team Sparebanken Sør 0:07:53
51 Kristoffer Halvorsen (Nor) Joker Icopal 0:08:14
52 Oivind Lukkedal (Nor) Team Coop 0:08:19
53 Aleksei Rybalkin (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:08:29
54 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data 0:08:52
55 Matti Breschel (Den) Astana Pro Team 0:09:01
56 Jonathan Couanon (Fra) Delko Marseille Provence KTM 0:09:28
57 Damiano Cunego (Ita) Nippo – Vini Fantini 0:09:38
58 Rasmus Fossum Tiller (Nor) Joker Icopal 0:10:01
59 Roy Jans (Bel) WB Veranclassic Aqua Protect 0:10:52
60 Adrien Niyonshuti (Rwa) Dimension Data
61 Aleksey Tcatevitch (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:11:07
62 Joonas Henttala (Fin) Team Novo Nordisk 0:11:14
63 Reto Hollenstein (Swi) Katusha-Alpecin 0:11:19
64 Romain Cardis (Fra) Direct Energie 0:11:57
65 Bert De Backer (Bel) Team Sunweb
66 Loïc Chetout (Fra) Cofidis, Solutions Credits 0:12:13
67 Jarl Salomein (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise 0:12:17
68 Marius Blålid (Nor) Team FixIt.no 0:12:50
69 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team
70 Truls Korsaeth (Nor) Astana Pro Team 0:13:55
71 Leon Rohde (Ger) Team Sunweb 0:14:40
72 Javier Megias (Spa) Team Novo Nordisk 0:15:08
73 Håkon Lunder Aalrust (Nor) Team Coop 0:15:18
74 Erwann Corbel (Fra) Team Fortuneo – Oscaro 0:15:59
75 Rein Taaramäe (Est) Katusha-Alpecin 0:16:02
76 Peter Koning (Ned) Aqua Blue Sport 0:17:02
77 Åsmund Romstad Løvik (Nor) Team FixIt.no 0:17:23
78 Pavel Brutt (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:19:15
79 Daniel Diaz (Arg) Delko Marseille Provence KTM 0:21:24
80 Matti Manninen (Fin) Team FixIt.no 0:22:17
81 Eduard Grosu (Rom) Nippo – Vini Fantini 0:23:39
82 Bernhard Eisel (Aut) Dimension Data 0:24:12
83 Bjørnar Vevatne Øverland (Nor) Team FixIt.no 0:24:32
84 Alex Kirsch (Lux) WB Veranclassic Aqua Protect 0:25:29
85 Ole Andre Austevoll (Nor) Team Coop 0:26:39
86 Matthew Brammeier (Irl) Aqua Blue Sport 0:26:47
87 Bram Welten (Ned) BMC Racing Team 0:29:10
88 Nikolay Mihaylov (Bul) CCC Sprandi Polkowice 0:32:09
89 Jonathan Hivert (Fra) Direct Energie 0:32:53
90 Hiroki Nishimura (Jpn) Nippo – Vini Fantini 0:33:42
91 Eirik Bruland (Nor) Team Sparebanken Sør 0:34:23
92 Kenny De Ketele (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise 0:35:38
93 Jon Soeveras Breivold (Nor) Team FixIt.no 0:36:32
94 Martijn Verschoor (Ned) Team Novo Nordisk 0:37:39
95 Haavard Blikra (Nor) Team Coop
96 Martyn Irvine (Irl) Aqua Blue Sport 0:37:56
97 Kenny Molly (Bel) Team Fortuneo – Oscaro 0:39:07
98 Christopher Williams (Aus) Team Novo Nordisk 0:39:14

Chiusura con i fiocchi per lArctic Race of Norway di Dylan Teuns: vittoria di tappa e conferma della leadership della corsa norvegese (foto Daniel Lilleeng)

Chiusura con i fiocchi per l'Arctic Race of Norway di Dylan Teuns: vittoria di tappa e conferma della leadership della corsa norvegese (foto Daniel Lilleeng)

COLORADO CLASSIC: ITALIANI SORNIONI, SENNI LEADER

agosto 13, 2017 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Buone notizie per l’Italia nella penultima e più impegnativa frazione della corsa statunitense. La vittoria non è arrivata ma sul traguardo di Denver il corridore romagnolo Manuel Senni s’è consolato con la conquista della testa della classifica dopo aver visto sfuggirgli sotto il naso per un solo secondo il successo di tappa, andato al rumeno Tvetcov, il corridore che con lui era andato all’attacco sulla lunga ascesa che caratterizzata il circuito di gara e che ora lo segue a 15″ in classifica, alla vigilia della conclusiva frazione che potrebbe essere la classifica passerella di fine corsa votata alla volata finale

Pur senza risultati di grido e, finora, nessuna vittoria parziale per i nostri atleti, l’Italia ha comunque trovato modo di rendersi protagonista nella corsa americana. Durante la terza e penultima frazione Manuel Senni (BMC) è riuscito a issarsi in cima alla classifica generale che ora guida con 15” di vantaggio su Tvetcov (Jelly Belly).
L’atleta italiano si è portato al comando della corsa, assieme al corridore rumeno, durante la lunga salita che caratterizzava la tappa odierna, 1000m di dislivello posti esattamente a metà dei 130 km di gara.
Allo sprint sul traguardo di Denver ha avuto la meglio il portacolori della Jelly Belly, staccando tra l’altro il nostro connazionale di 1”. Grazie al vantaggio di una ventina di secondi accumulato nella seconda frazione, però, l’italiano è ora davanti a tutti in classifica generale. Il gruppo è arrivato staccato di quasi un minuto e anche qui l’Italia ha detto la sua con Canola (Nippo – Vini Fantini) che nella volata si è piazzato alle spalle di McCabe (UnitedHealthCare)
Stanotte ultima frazione, caratterizzata dall’ennesimo circuito da ripetere dieci volte per un totale di 120 km, sempre sulle strade di Denver. Lungo il tracciato s’incontrerà una facilissima salita durante la quale non si superanno i 100 metri di dislivello e pare difficile pensare a qualche ribaltone in classifica: a giocarsela saranno al massimo Senni e Tvetcov anche se, con molta più probabile, stavolta sarà affare per i velocisti, fin qui rimasti a “digiuno”

Andrea Mastrangelo

ORDINE D’ARRIVO

1 Serghei Tvetcov (Rou) Jelly Belly-Maxxis 3:02:45
2 Manuel Senni (Ita) BMC Racing Team 0:00:01
3 Travis McCabe (USA) UnitedHealthcare Pro Cycling 0:00:54
4 Marco Canola (Ita) Nippo-Vini Fantini
5 Kiel Reijnen (USA) Trek-Segafredo
6 Brent Bookwalter (USA) BMC Racing Team 0:00:55
7 Alex Howes (USA) Cannondale-Drapac Pro Cycling
8 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
9 Miguel Ángel Benito (Esp) Caja Rural-Seguros RGA 0:00:57
10 Jhonnatan Manuel Navaez Prado (Ecu) Axeon Hagens Berman
11 Taylor Eisenhart (USA) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear
12 Sepp Kuss (USA) Rally Cycling
13 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates
14 Simone Petilli (Ita) UAE Team Emirates
15 Luis Lemus (Mex) Israel Cycling Academy
16 Taylor Shelden (USA) Jelly Belly-Maxxis
17 Peter Stetina (USA) Trek-Segafredo
18 Edward Ravasi (Ita) UAE Team Emirates
19 Jonathan Clarke (Aus) UnitedHealthcare Pro Cycling 0:01:01
20 Christopher Butler (USA) Caja Rural-Seguros RGA
21 Ivan Santaromita (Ita) Nippo-Vini Fantini
22 Rigoberto Uran (Col) Cannondale-Drapac Pro Cycling 0:01:05
23 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo 0:01:12
24 Hugh Carthy (GBr) Cannondale-Drapac Pro Cycling 0:01:29
25 Didier Munyaneza (Rwa) Team Rwanda Cycling 0:12:48
26 Seid Lizde (Ita) UAE Team Emirates 0:13:01
27 Alex Hoehn (USA) Elevate-KHS Pro Cycling
28 Manuel Sola Arjona (Esp) Caja Rural-Seguros RGA
29 Christopher Blevins (USA) Axeon Hagens Berman
30 Giacomo Berlato (Ita) Nippo-Vini Fantini
31 Ulises Alfredo Castillo Soto (Mex) Jelly Belly-Maxxis
32 Jean Paul Rene Ukiniwabo (Rwa) Team Rwanda Cycling
33 Jean Claude Uwizeye (Rwa) Team Rwanda Cycling
34 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy
35 Gonzalo Serrano Rodriguez (Esp) Caja Rural-Seguros RGA
36 Antonio Molina Canet (Esp) Caja Rural-Seguros RGA
37 Dennis Van Winden (Ned) Israel Cycling Academy
38 William Clarke (Aus) Cannondale-Drapac Pro Cycling
39 Edward Anderson (USA) Axeon Hagens Berman
40 Guy Niv (Isr) Israel Cycling Academy
41 Mihkel Räim (Est) Israel Cycling Academy
42 Umberto Poli (Ita) Team Novo Nordisk
43 Tyler Williams (USA) Israel Cycling Academy
44 Eder Frayre Moctezuma (Mex) Elevate-KHS Pro Cycling
45 Daniel Jaramillo (Col) UnitedHealthcare Pro Cycling
46 Julien Gagne (Can) Silber Pro Cycling
47 Joseph Schmaltz (USA) Elevate-KHS Pro Cycling
48 Yuma Koishi (Jpn) Nippo-Vini Fantini
49 Colin Joyce (USA) Rally Cycling
50 Silvan Dillier (Swi) BMC Racing Team
51 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team
52 Daniel Eaton (USA) UnitedHealthcare Pro Cycling
53 Alan Marangoni (Ita) Nippo-Vini Fantini
54 Shane Kline (USA) Rally Cycling
55 Alexander Cowan (Can) Silber Pro Cycling
56 Nigel Ellsay (Can) Silber Pro Cycling
57 Taylor Phinney (USA) Cannondale-Drapac Pro Cycling
58 Joseph Lewis (Aus) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear
59 Robert Britton (Can) Rally Cycling
60 Gregory Daniel (USA) Trek-Segafredo
61 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
62 Jacob Rathe (USA) Jelly Belly-Maxxis
63 Ruben Companioni (Cub) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear
64 Logan Owen (USA) Axeon Hagens Berman
65 Gavin Mannion (USA) UnitedHealthcare Pro Cycling
66 Danny Pate (USA) Rally Cycling
67 Jose Alfredo Rodriguez Victoria (Mex) Elevate-KHS Pro Cycling 0:13:21
68 Keegan Swirbul (USA) Jelly Belly-Maxxis
69 Greg Henderson (NZl) UnitedHealthcare Pro Cycling
70 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team
71 Justin Oien (USA) Caja Rural-Seguros RGA
72 Matteo Moschetti (Ita) Trek-Segafredo
73 Martin Elmiger (Swi) BMC Racing Team
74 Sam Brand (GBr) Team Novo Nordisk
75 Miguel Bryon (USA) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:15:26
76 John Murphy (USA) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear
77 Fabio Calabria (Aus) Team Novo Nordisk
78 Damiano Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini
79 Ryan Roth (Can) Silber Pro Cycling
80 Bonaventure Uwizeyimana (Rwa) Team Rwanda Cycling
81 Stephen Clancy (Irl) Team Novo Nordisk
82 Evan Huffman (USA) Rally Cycling
83 Henrikus Van Ijzendoorn NED Team Novo Nordisk
84 Andrei Krasilnikau (Blr) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear
85 Gasore Hategeka (Rwa) Team Rwanda Cycling 0:15:34
86 Angus Morton (Aus) Jelly Belly-Maxxis 0:15:35

CLASSIFICA GENERALE

1 Manuel Senni (Ita) BMC Racing Team 9:27:45
2 Serghei Tvetcov (Rou) Jelly Belly-Maxxis 0:00:15
3 Alex Howes (USA) Cannondale-Drapac Pro Cycling 0:00:31
4 Taylor Eisenhart (USA) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:00:33
5 Peter Stetina (USA) Trek-Segafredo 0:00:44
6 Sepp Kuss (USA) Rally Cycling 0:01:05
7 Brent Bookwalter (USA) BMC Racing Team 0:02:16
8 Miguel Ángel Benito (Esp) Caja Rural-Seguros RGA 0:02:19
9 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates 0:02:21
10 Travis McCabe (USA) UnitedHealthcare Pro Cycling 0:02:28
11 Simone Petilli (Ita) UAE Team Emirates 0:02:33
12 Edward Ravasi (Ita) UAE Team Emirates 0:02:47
13 Rigoberto Uran (Col) Cannondale-Drapac Pro Cycling 0:02:49
14 Hugh Carthy (GBr) Cannondale-Drapac Pro Cycling 0:02:57
15 Ivan Santaromita (Ita) Nippo-Vini Fantini 0:03:00
16 Christopher Butler (USA) Caja Rural-Seguros RGA 0:03:48
17 Jonathan Clarke (Aus) UnitedHealthcare Pro Cycling
18 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo 0:05:06
19 Jhonnatan Manuel Navaez Prado (Ecu) Axeon Hagens Berman 0:08:04
20 Taylor Shelden (USA) Jelly Belly-Maxxis 0:08:06
21 Kiel Reijnen (USA) Trek-Segafredo 0:09:52
22 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team 0:15:46
23 Gavin Mannion (USA) UnitedHealthcare Pro Cycling
24 Nigel Ellsay (Can) Silber Pro Cycling 0:15:48
25 Joseph Lewis (Aus) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:15:59
26 Ruben Companioni (Cub) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear
27 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates 0:16:21
28 William Clarke (Aus) Cannondale-Drapac Pro Cycling 0:16:35
29 Marco Canola (Ita) Nippo-Vini Fantini 0:17:27
30 Robert Britton (Can) Rally Cycling 0:18:24
31 Antonio Molina Canet (Esp) Caja Rural-Seguros RGA 0:20:08
32 Alexander Cowan (Can) Silber Pro Cycling 0:20:10
33 Eder Frayre Moctezuma (Mex) Elevate-KHS Pro Cycling 0:20:59
34 Gonzalo Serrano Rodriguez (Esp) Caja Rural-Seguros RGA 0:21:56
35 Daniel Jaramillo (Col) UnitedHealthcare Pro Cycling
36 Justin Oien (USA) Caja Rural-Seguros RGA 0:22:20
37 Martin Elmiger (Swi) BMC Racing Team
38 Didier Munyaneza (Rwa) Team Rwanda Cycling 0:22:24
39 Taylor Phinney (USA) Cannondale-Drapac Pro Cycling 0:22:38
40 Jacob Rathe (USA) Jelly Belly-Maxxis 0:23:12
41 Gregory Daniel (USA) Trek-Segafredo 0:24:02
42 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy 0:26:28
43 Silvan Dillier (Swi) BMC Racing Team 0:26:38
44 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo 0:26:42
45 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team 0:27:02
46 Luis Lemus (Mex) Israel Cycling Academy 0:27:15
47 Logan Owen (USA) Axeon Hagens Berman 0:28:19
48 Jean Paul Rene Ukiniwabo (Rwa) Team Rwanda Cycling 0:28:27
49 Seid Lizde (Ita) UAE Team Emirates
50 Jean Claude Uwizeye (Rwa) Team Rwanda Cycling
51 Manuel Sola Arjona (Esp) Caja Rural-Seguros RGA 0:28:28
52 Alex Hoehn (USA) Elevate-KHS Pro Cycling 0:29:00
53 Andrei Krasilnikau (Blr) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:29:03
54 Christopher Blevins (USA) Axeon Hagens Berman 0:29:05
55 Edward Anderson (USA) Axeon Hagens Berman
56 Dennis Van Winden (Ned) Israel Cycling Academy
57 Mihkel Räim (Est) Israel Cycling Academy 0:29:34
58 Colin Joyce (USA) Rally Cycling
59 Yuma Koishi (Jpn) Nippo-Vini Fantini
60 Keegan Swirbul (USA) Jelly Belly-Maxxis 0:29:54
61 Tyler Williams (USA) Israel Cycling Academy 0:30:41
62 Daniel Eaton (USA) UnitedHealthcare Pro Cycling 0:31:26
63 John Murphy (USA) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:31:48
64 Miguel Bryon (USA) Holowesko-Citadel p/b Hincapie Sportswear 0:31:59
65 Julien Gagne (Can) Silber Pro Cycling 0:33:05
66 Umberto Poli (Ita) Team Novo Nordisk 0:33:09
67 Greg Henderson (NZl) UnitedHealthcare Pro Cycling 0:33:13
68 Ulises Alfredo Castillo Soto (Mex) Jelly Belly-Maxxis 0:34:16
69 Alan Marangoni (Ita) Nippo-Vini Fantini
70 Danny Pate (USA) Rally Cycling
71 Shane Kline (USA) Rally Cycling 0:34:31
72 Angus Morton (Aus) Jelly Belly-Maxxis 0:35:41
73 Gasore Hategeka (Rwa) Team Rwanda Cycling 0:35:55
74 Ryan Roth (Can) Silber Pro Cycling 0:36:05
75 Evan Huffman (USA) Rally Cycling 0:36:35
76 Stephen Clancy (Irl) Team Novo Nordisk 0:36:56
77 Joseph Schmaltz (USA) Elevate-KHS Pro Cycling 0:39:19
78 Sam Brand (GBr) Team Novo Nordisk 0:39:33
79 Guy Niv (Isr) Israel Cycling Academy 0:39:57
80 Matteo Moschetti (Ita) Trek-Segafredo 0:40:17
81 Henrikus Van Ijzendoorn NED Team Novo Nordisk 0:41:38
82 Giacomo Berlato (Ita) Nippo-Vini Fantini 0:41:48
83 Damiano Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini 0:42:22
84 Jose Alfredo Rodriguez Victoria (Mex) Elevate-KHS Pro Cycling 0:44:29
85 Fabio Calabria (Aus) Team Novo Nordisk 0:47:27
86 Bonaventure Uwizeyimana (Rwa) Team Rwanda Cycling 0:58:30

Tvetcov precede di un secondo Senni sul traguardo di Denver (foto Jonathan Devich)

Tvetcov precede di un secondo Senni sul traguardo di Denver (foto Jonathan Devich)

A STUYVEN LA TAPPA FINALE. DUMOULIN VINCE IL BINCKBANK TOUR 2017

agosto 13, 2017 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Nell’ultima tappa del BinckBank Tour Jasper Stuyven (Trek Segafredo) batte in una volata abbastanza ristretta Philippe Gilbert (Quick Step) e Tom Dumoulin (Sunweb). L’olandese, dopo aver vinto il Giro d’Italia, conquista la sua seconda corsa a tappe della stagione, continuando al meglio la preparazione per il Mondiale di Bergen, altro grande appuntamento del ciclista olandese.

L’ultima tappa del BinckBank Tour 2017 da Essen a Geraardsbergen non aveva gli spunti interessanti della penultima frazione ma ha comunque suscitato l’interesse finale per una corsa come quella belga-olandese che, pur essendo giunta soltanto alla tredicesima edizione e per lo più collocata in un periodo dell’anno in cui si pensa più al mare che a pedalare, ha riscosso un seguito apprezzabile tra gli appassionati. Ed anche l’ultima frazione si è animata come da tradizione negli ultimi 30 km, con Bosberg e Muur a fare da palcoscenico agli attacchi dei ciclisti. Uno dei più attivi è stato proprio Peter Sagan (Bora Hansgrohe), evidentemente piccato dalla foratura che lo ha messo fuorigioco ieri e voglioso di rifarsi proprio nell’ultima occasione utile. Il campione slovacco attaccava a ripetizione – sia da solo, sia con altri ciclisti – mentre la sua squadra sembrava un po’ in balia di se stessa. Nel frattempo, come ampiamente previsto, il leader della corsa Tom Dumoulin (Sunweb) marcava stretto Tim Wellens (Lotto Soudal), che lo tallonava in classifica ad appena 4″ secondi. Nonostante i molteplici attacchi del campione del mondo, che pativa ancora qualche noia meccanica, a Geraardsbergen il gruppo dei migliori che si giocava la vittoria di tappa era abbastanza numeroso. A spuntarla era Jasper Stuyven (Trek Segafredo) su Philippe Gilbert (Team Quick Step) e lo stesso Dumoulin. Stuyven assapora la vittoria per la prima volta in questa stagione, dopo aver collezionato già diversi piazzamenti nella prima parte dell’anno, mentre Dumoulin vince la sua seconda corsa a tappe stagionale dopo il Giro d’Italia, una corsa, il BinckBank Tour, che giustifica l’alto tasso di ‘classicomania’ se si pensa che nella top ten finale sono presenti cinque ciclisti belgi e due olandesi. Nello specifico, Tom Dumoulin vince con 17 secondi di vantaggio su Tim Wellens e 46 secondi su Jasper Stuyven, che chiude il podio finale, mentre Greg Van Avermaet (BMC) e Oliver Naesen (AG2R) chiudono la top five. Per quanto riguarda le altre classifiche, Piet Allegaert (Sport Vlaanderen Baloise) vince la classifica della combattività e Peter Sagan quella a punti. Adesso sarà la Vuelta a España, a partire dal 19 Agosto, a prendere la scena e dare lustro alla seconda parte della stagione ciclistica.

Giuseppe Scarfone

CLASSIFICA GENERALE

1 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb 24:34:33
2 Tim Wellens (Bel) Lotto Soudal 0:00:17
3 Jasper Stuyven (Bel) Trek-Segafredo 0:00:46
4 Greg Van Avermaet (Bel) BMC Racing Team 0:00:51
5 Oliver Naesen (Bel) AG2R La Mondiale 0:01:14
6 Michael Valgren Andersen (Den) Astana Pro Team 0:01:15
7 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe 0:01:53
8 Lars Boom (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:01:59
9 Philippe Gilbert (Bel) Quick-Step Floors 0:02:12
10 Petr Vakoc (Cze) Quick-Step Floors 0:02:23
11 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team 0:02:24
12 Sep Vanmarcke (Bel) Cannondale-Drapac 0:02:27
13 Jens Keukeleire (Bel) Orica-Scott 0:02:37
14 Jan Bakelants (Bel) AG2R La Mondiale 0:02:44
15 Edward Theuns (Bel) Trek-Segafredo 0:03:02
16 Søren Kragh Andersen (Den) Team Sunweb 0:03:03
17 Dion Smith (NZl) Wanty – Groupe Gobert 0:03:20
18 Imanol Erviti (Spa) Movistar Team
19 Pim Ligthart (Ned) Roompot – Nederlandse Loterij 0:03:33
20 Nils Politt (Ger) Katusha-Alpecin 0:03:47
21 Loïc Vliegen (Bel) BMC Racing Team 0:06:55
22 Stefan Küng (Swi) BMC Racing Team 0:09:44
23 Mike Teunissen (Ned) Team Sunweb 0:10:09
24 Hugo Houle (Can) AG2R La Mondiale 0:10:29
25 Xandro Meurisse (Bel) Wanty – Groupe Gobert 0:10:30
26 Lennard Hofstede (Ned) Team Sunweb 0:10:32
27 Reinardt Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 0:10:50
28 Tiesj Benoot (Bel) Lotto Soudal 0:11:20
29 Enrico Gasparotto (Ita) Bahrain-Merida 0:11:33
30 Gregory Rast (Swi) Trek-Segafredo 0:13:42
31 Rúben Guerreiro (Por) Trek-Segafredo 0:13:57
32 Timo Roosen (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:14:22
33 Federico Zurlo (Ita) Team UAE Emirates 0:14:58
34 Matthieu Ladagnous (Fra) FDJ 0:15:22
35 Dylan Van Baarle (Ned) Cannondale-Drapac 0:16:19
36 Oscar Gatto (Ita) Astana Pro Team 0:16:23
37 Wout Van Aert (Bel) Veranda’s Willems Crelan 0:16:24
38 Boy van Poppel (Ned) Trek-Segafredo 0:16:29
39 Marcus Burghardt (Ger) Bora-Hansgrohe 0:17:14
40 Kristian Sbaragli (Ita) Dimension Data 0:17:39
41 Jos Van Emden (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:17:55
42 Luka Pibernik (Slo) Bahrain-Merida 0:18:05
43 Alexander Edmondson (Aus) Orica-Scott 0:18:18
44 Dries Van Gestel (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise 0:18:48
45 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe 0:19:06
46 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida 0:19:13
47 Léo Vincent (Fra) FDJ 0:19:30
48 Taco Van Der Hoorn (Ned) Roompot – Nederlandse Loterij 0:19:33
49 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe 0:19:42
50 Pieter Weening (Ned) Roompot – Nederlandse Loterij 0:19:44
51 Jenthe Biermans (Bel) Katusha-Alpecin 0:19:48
52 Yves Lampaert (Bel) Quick-Step Floors 0:20:03
53 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors 0:21:02
54 Tony Martin (Ger) Katusha-Alpecin 0:21:53
55 Tom Van Asbroeck (Bel) Cannondale-Drapac 0:22:04
56 Niki Terpstra (Ned) Quick-Step Floors 0:23:00
57 Frederik Backaert (Bel) Wanty – Groupe Gobert 0:23:02
58 Elmar Reinders (Ned) Roompot – Nederlandse Loterij 0:23:53
59 Danny Van Poppel (Ned) Team Sky 0:23:59
60 Maciej Bodnar (Pol) Bora-Hansgrohe 0:24:01
61 Marc Sarreau (Fra) FDJ 0:24:08
62 Gediminas Bagdonas (Ltu) AG2R La Mondiale 0:24:31
63 Gorka Izagirre (Spa) Movistar Team 0:24:34
64 Jean-Pierre Drucker (Lux) BMC Racing Team 0:26:40
65 Stijn Devolder (Bel) Veranda’s Willems Crelan 0:26:42
66 Ion Insausti (Spa) Bahrain-Merida 0:26:46
67 Dmitriy Gruzdev (Kaz) Astana Pro Team 0:27:01
68 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo 0:27:10
69 Tao Geoghegan Hart (GBr) Team Sky 0:27:15
70 Mitch Docker (Aus) Orica-Scott 0:27:37
71 Simon Gerrans (Aus) Orica-Scott 0:28:34
72 Elia Viviani (Ita) Team Sky 0:28:44
73 Laurens De Vreese (Bel) Astana Pro Team 0:28:45
74 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale 0:30:12
75 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin 0:30:19
76 Rory Sutherland (Aus) Movistar Team 0:30:23
77 Dylan Groenewegen (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:31:40
78 Ian Stannard (GBr) Team Sky 0:32:09
79 Iljo Keisse (Bel) Quick-Step Floors 0:32:19
80 Bert Van Lerberghe (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise 0:32:30
81 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 0:32:32
82 Jonas Rickaert (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise 0:32:40
83 Gijs Van Hoeck (Bel) Team LottoNl-Jumbo 0:32:43
84 Owain Doull (GBr) Team Sky 0:32:54
85 Michael Schär (Swi) BMC Racing Team 0:32:59
86 Oliviero Troia (Ita) Team UAE Emirates 0:33:19
87 Mark Mcnally (GBr) Wanty – Groupe Gobert 0:33:29
88 Bram Tankink (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:33:30
89 Sebastian Henao (Col) Team Sky 0:33:38
90 Jay Robert Thomson (RSA) Dimension Data 0:33:54
91 Preben Van Hecke (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise 0:34:10
92 Huub Duijn (Ned) Veranda’s Willems Crelan 0:34:50
93 Piet Allegaert (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise 0:35:07
94 Roy Curvers (Ned) Team Sunweb 0:35:10
95 Simone Consonni (Ita) Team UAE Emirates 0:35:37
96 Edward Planckaert (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise 0:35:58
97 Scott Thwaites (GBr) Dimension Data 0:36:29
98 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data 0:37:34
99 Nuno Bico (Por) Movistar Team 0:37:55
100 Grega Bole (Slo) Bahrain-Merida 0:37:57
101 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal 0:38:01
102 Nathan Van Hooydonck (Bel) BMC Racing Team 0:38:23
103 Tim Merlier (Bel) Veranda’s Willems Crelan 0:38:25
104 Stijn Steels (Bel) Sport Vlaanderen – Baloise 0:38:45
105 Nikolas Maes (Bel) Lotto Soudal 0:38:56
106 Maximiliano Richeze (Arg) Quick-Step Floors 0:39:09
107 Roger Kluge (Ger) Orica-Scott 0:39:12
108 Kevin Van Melsen (Bel) Wanty – Groupe Gobert 0:39:15
109 Pieter Vanspeybrouck (Bel) Wanty – Groupe Gobert 0:39:22
110 Chris Hamilton (Aus) Team Sunweb 0:39:33
111 Brian Van Goethem (Ned) Roompot – Nederlandse Loterij 0:40:30
112 Manuel Quinziato (Ita) BMC Racing Team 0:40:53
113 Michael Goolaerts (Bel) Veranda’s Willems Crelan 0:41:18
114 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb 0:41:29
115 Marcel Sieberg (Ger) Lotto Soudal 0:43:03
116 Jesper Asselman (Ned) Roompot – Nederlandse Loterij 0:43:04
117 Michael Hepburn (Aus) Orica-Scott 0:44:22
118 Alex Dowsett (GBr) Movistar Team 0:44:34
119 Marco Mathis (Ger) Katusha-Alpecin 0:45:19
120 Tyler Farrar (USA) Dimension Data 0:45:38
121 Andrea Guardini (Ita) Team UAE Emirates 0:45:39
122 Kenny Dehaes (Bel) Wanty – Groupe Gobert 0:46:05
123 Arman Kamyshev (Kaz) Astana Pro Team 0:51:57
124 Daniil Fominykh (Kaz) Astana Pro Team 0:54:07
125 Jonathan Dibben (GBr) Team Sky 1:05:30

Jasper Stuyven si impone ai piedi del muro di Grammont nella conclusiva frazione del BinckBank Tour (Tim de Waele/TDWSport.com)

Jasper Stuyven si impone ai piedi del muro di Grammont nella conclusiva frazione del BinckBank Tour (Tim de Waele/TDWSport.com)

Pagina successiva »