GAVIRIA, RISURREZIONE AL TOUR OF GUANGXI

ottobre 17, 2019
Categoria: Copertina, News

Esordio nel segno di Fernando Gaviria per l’ultimo appuntamento del World Tour, il Gree-Tour of Guangxi. La prima frazione della corsa a tappe cinese ha visto il velocista colombiano tornare alla vittoria davanti a Pascal Ackermann e a Matteo Trentin, saliti con lui sul podio di giornata. Buona prova globale degli italiani presenti, con sei azzurri piazzati nella TopTen.

L’ultimo appuntamento World Tour del sempre più affollato calendario agonistico è il Gree-Tour of Guangxi, che ha preso il via oggi nella cittadina di Beihai, che è stata sede anche d’arrivo. La tappa pianeggiante si è conclusa con il ritorno alla vittoria di Fernando Gaviria (UAE Team Emirates),che non alzava più le braccia al cielo dalla terza tappa dell’ultimo Giro d’Italia ad Orbetello. Le posizioni di rincalzo sono andate a Pascal Ackermann (Bora Hansgrohe), che sembrava destinato alla vittoria, e a Matteo Trentin (Mitchelton-Scott), che continua ad attraversare un ottimo momento di forma. Il trentino, medaglia d’argento agli ultimi mondiali, non è stato però l’unico italiano a ben figurare nell’ordine d’arrivo poichè nella TopTen sono entrati anche Matteo Moschetti (Trek-Segafredo, quinto), Davide Martinelli (Deceuninck-Quick Step, settimo), Jakub Mareczko (CCC Team, ottavo), Riccardo Minali (Israel Cycling Academy, nono) e Davide Ballerini (Astana Pro Team, decimo). Gli unici “stranieri” oltre al tedesco secondo classificato sono stati i suoi connazionali Phil Bauhaus, quarto, e Max Kanter, sesto, entrambi in forze al Team Sunweb.
La fuga di giornata ha portato la firma dei tre coraggiosi che si sono mossi subito dopo il via, il ceco Josef Černý (CCC Team), il danese Mikkel Frølich Honoré (Deceunicnk-Quick Step) e ’irlandese Ryan Mullen (Trek-Segafredo). L’avventura del trio, che ha raggiunto un vantaggio massimo di due minuti e mezzo, è durata fino ai meno 49, quando dal terzetto di testa l’irlandese della Trek ha provato l’azione solitaria, mentre i suoi compagni di strada si sono rialzati e fatti raggiungere, stessa sorte capitata al battistrada dopo una ventina di chilometri di solitudine davanti a tutti.
A ricongiungimento avvenuto hanno tentato la sorte in molti, ma tutti senza fortuna. In un susseguirsi di scatti e controscatti diversi corridori si sono avvicendati senza successo davanti a tutti e tra gli altri ci hanno provato Rémi Cavagna (Deceuninck-Quick Step), Michael Schwarzmann (Bora-Hansgrohe); Benjamin Perry (Israel Cycling Academy), Maximilian Schachmann (Bora Hansgrohe), Daniel Martínez (EF Education First) e Victor Campenaerts (Lotto Soudal), con quest’ultimo che ci ha riprovato con un secondo tentativo, seguito dal solo Lars van den Berg (EF Education First). Ma anche per loro, come per chi li ha preceduti, non c’è stato scampo perchè le squadre dei velocisti avevano messo nel mirino questa facile tappa, movimentata solo da un facilissimo GPM da ripetere tre volte.
Domani si ripartirà da Beihai alla volta di Qinzhou, traguardo di una frazione di 152 km simile a quella odierna e che, dunque, strizzerà ancora l’occhio agli sprinter.

Mario Prato

Fernando Gaviria torna al successo nella prima tappa della corsa cinese (Getty Images)

Fernando Gaviria torna al successo nella prima tappa della corsa cinese (Getty Images)

Commenta la notizia