ULISSI, LAMPI AZZURRI D’OLIMPIADE

luglio 22, 2019 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Diego Ulissi vince per distacco la prova preolimpica di Tokyo 2020. Secondo posto per Davide Formolo che completa una grande prova della selezione azzurra.

Si è svolta domenica in Giappone la corsa ”Test Event” in vista dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020, corsa preolimpica nella quale è stato testato il circuito che ospiterà la prova di ciclismo su strade e nella quale si sono affrontate le selezioni nazionali di Italia, Germania, Francia e Belgio e alcune squadre professional come l’italiano-giapponese Nippo Vini Fantini Faizanè. Grande è stata la prova fornita dalla nazionale guidata da Davide Cassani, selezione che era formata da Diego Ulissi, il vincitore della prova, Davide Formolo, secondo classificato, Dario Cataldo e Fausto Masnada.
La partenza è stata dal Musashino-no-mori Park di Tokyo mentre l’arrivo era previsto dopo 179 Km sulla pista del Fuji International Speedway, autodromo che in passato ha ospitato 4 edizioni del Gran Premio di Formula 1. Nonostate l’assenza della scalata del Monte Fuji (1449 metri, 14.5 Km al 6%), prevista solo all’olimpiade, e un percorso più corto della prova che li attenderà l’anno prossimo le difficoltà altimetriche che i ciclisti hanno dovuto affrontare hanno selezionato e frastagliato il gruppo sin dalla prima parte della corsa, che preveda la salite della Doushi Road (3.6 Km al 6.9%) e del Kagosaka Pass (2.2 Km al 4.9%). Ben più impegnativo era il circuito finale che aveva in programma il ritorno sul Kagosaka dopo aver superare l’arcigna salita del Mikuni Pass, quasi 7 Km al 10%. L’ordine di arrivo ha per questo motivo fatto segnare distacchi da “tappone”, con le asperità che hanno messo in evidenza le qualità di Formolo e soprattutto del favorito di giornata, Ulissi, che ha rispettato il pronostico tagliando da solo la linea del traguardo precedendo il veneto di 17”. Terzo posto per il francese Nans Peters a 1′52”. Dopo 2′29” è arrivato un piccolo gruppetto composto da Matthew Holmes (Gran Bretagna), Loïc Vliegen (Belgio), Fabien Doubey (Francia) e Dimitri Peyskens (Belgio); l’altro azzurro in nazionale, Masnada, si è piazzato ottavo a 5′55” mentre l’italiano Filippo Zaccanti, che gareggiava per la Nippo Vini Fantini Faizanè, ha terminato al 36° posto a 16′54” dal vincitore.

Luigi Giglio

ORDINE D’ARRIVO

1 Diego Ulissi (Ita) Italy 4:50:53
2 Davide Formolo (Ita) Italy 0:00:17
3 Nans Peters (Fra) France 0:01:52
4 Matthew Holmes (GBr) Great Britain 0:02:29
5 Loïc Vliegen (Bel) Belgium
6 Fabien Doubey (Fra) France
7 Dimitri Peyskens (Bel) Belgium
8 Fausto Masnada (Ita) Italy 0:05:55
9 Steff Cras (Bel) Belgium 0:09:11
10 James Shaw (GBr) Great Britain
11 Fred Wright (GBr) Great Britain
12 Dario Cataldo (Ita) Italy
13 Georg Zimmermann (Ger) Germany 0:09:18
14 Maximilian Stedman (GBr) Great Britain 0:10:06
15 Atsushi Oka (Jpn) Japan
16 Manabu Ishibashi (Jpn) Japan
17 Jan Tschernoster (Ger) Germany 0:10:57
18 Mark Dowling (Irl) Ireland 0:12:43
19 Ryo Minato (Jpn) Japan
20 Matthew Teggart (Irl) Ireland
21 Nariyuki Masuda (Jpn) Japan 0:12:51
22 Clément Chevrier (Fra) France 0:12:55
23 Drew Morey (Aus) Australia
24 Romain Combaud (Fra) France 0:13:15
25 Evgeny Kazanov (Rus) Russian Federation
26 Sho Hatsuyama (Jpn) Japan
27 Itsuki Koide (Jpn) Japan 0:15:51
28 Hayato Okamoto (Jpn) Japan 0:16:22
29 Keisuke Kimura (Jpn) Japan
30 Jose Vicente Toribio Alcolea (Spa) Spain
31 Kohei Yokotsuka (Jpn) Japan
32 Nico Denz (Ger) Germany 0:16:27
33 Yudai Arashiro (Jpn) Japan
34 Tomohiro Hayakawa (Jpn) Japan 0:16:29
35 Naoya Yoshioka (Jpn) Japan
36 Filippo Zaccanti (Ita) Italy 0:16:54
37 Hideto Nakane (Jpn) Japan 0:17:10
38 Yuzuru Suzuki (Jpn) Japan 0:20:11
39 Yasuharu Nakajima (Jpn) Japan 0:20:24
40 Rory Townsend (Irl) Ireland 0:20:56
41 Joan Bou Company (Spa) Spain
42 Johannes Hodapp (Ger) Germany
43 Genki Yamamoto (Jpn) Japan
44 Choon Huat Goh (Sin) Singapore
45 Yusuke Hatanaka (Jpn) Japan 0:22:15
46 Airan Fernandez Casasola (Spa) Spain
47 Nur Amirull Fakhruddin Mazuki (Mas) Malaysia
48 Ka Hoo Fung (HKg) Hong Kong, China
49 Shotaro Iribe (Jpn) Japan

Diego Ulissi lancia uninteressante segnale dal circuito che ospiterà lanno prossimo ospiterà la prova olimpica (Getty Images Sport)

Diego Ulissi lancia un'interessante segnale dal circuito che ospiterà l'anno prossimo ospiterà la prova olimpica (Getty Images Sport)

TOURBILLON A PRAT D’ALBIS

luglio 22, 2019 by Redazione  
Filed under Approfondimenti, Copertina

Ecco il tradizionale contenitore made ne ilciclismo.it che da diverse stagioni accompagna le cronache prima del Giro e poi del Tour. All’interno ritroverete le rubriche riservate alla rassegna stampa internazionale, alla colonna sonora del giorno, alle previsioni del tempo per la tappa successiva, alle “perle” dei telecronisti, al Tour rivisto alla “rovescia” e al ricordo di un Tour passato (quest’anno rivisiteremo l’edizione del 1949 a 70 anni dalla prima storica accoppiata Giro-Tour di Fausto Coppi).

COSA SI DICE NEL MONDO

Rassegna stampa “breve” dai paesi dei grandi favoriti del Tour 2019 (Bernal e Quintana, Thomas e Porte), dalla nostra Italia, dalla Francia e dalle nazioni dei vincitori di tappa e delle maglie gialle di turno

Italia: Vincenzo Nibali – Fabio Aru

Vince Yates, Pinot e Landa scoppiettanti. E Alaphilippe va in crisi – La smorfia di Alaphilippe: prima volta in difficoltà, gli highlights della 15ª tappa – Tour de France, Colbrelli guarda all’ultima settimana – Macron, che tifo sul Tourmale per Macron e Alaphilippe (Gazzetta dello Sport)

Tour, Yates vince la 15ª tappa davanti a un super Pinot: Alaphilippe soffre ma resta in giallo (Corriere della Sera)

Gran Bretagna: Geraint Thomas – Simon Yates

Simon Yates solos to victory as Julian Alaphilippe shows first sign of weakness on dramatic day at Tour de France (The Daily Telegraph)

Pinot picks off rivals Thomas and Alaphilippe as Yates wins stage – Alaphilippe loses major time to his rivals on stage 15 (The Independent)

Colombia: Egan Bernal – Nairo Quintana

Sensacional etapa de Egan, Nairo y Urán perdieron tiempo en el Tour – Las razones por las que Nairo perdió la rueda del lote mundial – En España destrozan a Nairo Quintana – Nairo es realista, habló sin tapujos – ¿Egan puede ganar el Tour? Él mismo contesta – Egan Bernal ya tiene un título del Tour en el bolsillo (El Tiempo)

Se apretó el Tour: Alaphilippe sufrió, pero sigue con la camiseta amarilla – El infierno que vive Nairo Quintana con el Movistar en el Tour de Francia – Egan Bernal: “Nada se pierde por soñar, pero hay que ser realistas” (El Espectador)

Australia: Richie Porte

Great Scott: Aussie team takes Tour by storm (Herald Sun)

Simon Yates claims second Tour de France stage as GC race heats up (The Sydney Morning Herald)

Francia: Romain Bardet – Thibaut Pinot – Julian Alaphilippe

Pinot grignote, Alaphilippe limite les dégâts – Pinot: «Il faut en profiter» – Yvon Madiot: «L’attaque n’était pas préméditée» – Alaphilippe: «Je commence à le payer» – Barguil: «C’est correct» – Thomas: «J’ai souffert» – Simon Yates: «Très fier» – Landa: «Le podium est encore possible» (L’Equipe)

Yates, Pinot, Alaphilippe : ce qu’il faut retenir de la 15e étape du Tour (Le Figaro)

DISCOTOUR: la colonna sonora della tappa del Tour scelta per voi da ilciclismo.it

“Pyrénées si belles” (Michel Etcheverry)

LA TAPPA CHE VERRÀ – 16a TAPPA: NÎMES – NÎMES (Prat d’Albis – 177 Km)

L’esame altimetrico ci dice che si tratta della tappa più semplice del Tour 2019, ancora più facile della frazione parigina conclusiva. Il percorso lo si può tranquillamente definire di totale pianura, pur con la presenza di alcuni lievissimi dislivelli e di un GPM di 4a categoria da scavalcare a un’ottantina di chilometro dal traguardo. Potrebbe, però, rivelarsi una frazione più dura del previsto a causa delle previsioni meteo che annunciano gran caldo, con temperature che dovrebbero costantemente tenersi sui 35-36° per l’intera giornata, e vento moderato: la città attorno alla quale si svolgerà la tappa si trova all’estremità settentrionale della Camargue, terra spesso spazzata dal mistral, il vento che potrebbe rendere la giornata molto complicata, come ci ricorda quanto successo nella tappa della Grande-Motte al Tour del 2009, nel cui finale pianeggiante il gruppo si spezzò a causa del vento e Lance Armstrong riuscì tra gli altri a guadagnare 40 secondi sui principali avversari.

UN PO’ DI STORIA

Nîmes, il capoluogo del dipartimento del Gard celebre per i suoi monumenti d’epoca romana (l’Anfiteatro, la Maison Carrée e il Pont du Gard, dal quale dopodomani scatterà la tappa di Gap), avrà quest’anno il Tour in casa per la 18a volta nella storia. Fu nel 1905, anno della terza edizione della Grande Boucle, che ci sarà per la prima volta un traguardo in questo centro, dove andò a segno il francese Louis Trousselier, mentre una sola volta qui s’imporra un corridore italiano: è il mantovano Vasco Bergamaschi che nel 1935, anno nel quale si impose anche nella classifica finale del Giro d’Italia, conquistò la prima semitappa della 13a tappa del Tour, partita da Marsiglia. L’ultimo corridore ad aver tagliato vittorioso la linea d’arrivo è stato il norvegese Alexander Kristoff nel 2014, mentre nel 2017 la BMC si impose in una cronometro a squadre di circa 14 Km: in questo caso, però, non si trattò del Tour ma della prima tappa della Vuelta a España, quell’anno scattata dalla Francia e proprio da Nîmes.

METEO TOUR

Nîmes – partenza: sole e caldo, 34.6°C (percepiti 36°C), vento moderato da SSW (12 Km/h), umidità al 35%
Connaux (Km 42.5): sole e caldo, 35.8°C (percepiti 37°C), vento moderato da SSW (14-17 Km/h), umidità al 32%
Alès (Km 87.5): sole e caldo, 35.8°C (percepiti 37°C), vento moderato da SSW (17 Km/h), umidità al 34%
Uzès (Km 145.5): sole e caldo, 36.4°C (percepiti 37°C), vento moderato da SSW (19-23 Km/h), umidità al 28%
Nîmes – arrivo: sole e caldo, 34.9°C, vento moderato da SSW (19-22 Km/h), umidità al 31%

L’ANGOLO DI PANCANOLO (CON UN CARO SALUTO A SILVIOLO)

Gli strafalcioni dei giornalisti al seguito della corsa rosa

Saligari: “È saltata la team Ineos”
Pancani: “Caruso è caduto dal primo giorno di gara”
Saligari: “Questi allunghi che stanno facende in testa”
Saligari: “È prevista che la strada torna asciutta”
Pancani: “Tokyo 20 20″ (2020)
Pancani: “Trenta fomature”
Pancani: “Abbuoni in secondo”
Pancani: “Hanno 10 metri di confronti con i più immediati inseguitori”
Giovannelli: “È arrivato la maglia gialla”
Garzelli: “Salite lunghissimo”
Garzelli: “Venerdì sarà la classifica definita”

dalla telecronaca della tappa dell’Alpe di Siusi (Giro 2016)

Pancani: “Silviolo”
Martinello: “Dimmi Pancanolo”

IL TOUR DI GOMEZ
In questa rubrica vi faremo rileggere i piani alti della classica, come li avrebbe visti Gomez Addams nelle sue letture del giornale in “verticale”… vale a dire le classifiche giornaliere viste al contrario, dal punto di vista della maglia nera!

Ordine d’arrivo quindicesima tappa

1° Maximiliano Richeze
2° Peter Sagan a 52″
3° Michael Mørkøv s.t.
4° Roger Kluge a 55″
5° Caleb Ewan a s.t.

Miglior italiano: Vincenzo Nibali, 47° a 2′18″

Classifica generale

1° Yoann Offredo
2° Sebastian Langeveld a 10′54″
3° Jens Debusschere a 13′15″
4° Tony Martin a 19′41″
5° Marco Haller a 24′01″

Miglior italiano: Niccolò Bonifazio, 17° a 27′15″

1949: FAUSTO COPPI, LA PRIMA DOPPIETTA
Attraverso i titoli del quotidiano “La Stampa” riviviamo il Tour del 1949, vinto da Fausto Coppi che così conquistò la sua prima doppietta Giro-Tour

16 LUGLIO 1949 – 15a TAPPA: MARSIGLIA – CANNES (215 Km)

DOMANI IL “TOUR” ALL’ATTACCO DELLE ALPI
Giornata di riposo e di attesa ansiosa a Cannes
Sorpresa finale nell’ultima tappa piana – Primo Keteleer – Pugilato tra il vincitore e Idée – Apo Lazaridès si avvicina a Bartali e Coppi – Magni si è rimesso – Per conoscere i corridori

ARCHIVIO “TOURBILLON”

Selezionare la voce “Tour de France″ nel menù “Corse” (in home, sopra la copertina)

Vista panoramica dalla cima del Prat dAlbis (www.ladepeche.fr)

Vista panoramica dalla cima del Prat d'Albis (www.ladepeche.fr)

ALAPHILIPPE VACILLA: TOUR APERTISSIMO A UNA SETTIMANA DA PARIGI

luglio 21, 2019 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Primo cedimento per la maglia gialla, che a Prat d’Albis perde poco più di un minuto da Pinot e Landa, i migliori tra gli uomini di classifica, e viene staccato anche da Thomas, Kruijswijk, Buchmann e Bernal. Seconda vittoria di tappa per Simon Yates

Il primo segno di cedimento del Tour de France di Julian Alaphilippe arriva a 5 km dal traguardo della 15esima tappa, posto in cima all’inedita salita di Prat d’Albis. In testa, lanciato verso la seconda vittoria di tappa in questa Grande Boucle, c’è un irraggiungibile Simon Yates. Un minuto più indietro pedala Mikel Landa, all’attacco sin dalla penultima ascesa, il Mur de Péguère. La maglia gialla si trova in compagnia di Egan Bernal, Emanuel Buchmann e un Thibaut Pinot che, forse dopo essersi reso conto di quanti secondi ha lasciato per strada aspettando gli ultimi 200 metri del Tourmalet per muoversi, ha iniziato oggi a scattare a ripetizione a 7 km dal traguardo.
L’ennesima accelerazione dell’alsaziano mette in crisi Alaphilippe. Piantato in mezzo alla strada, il capo classifica perde subito 20 secondi, poi prova a reagire, poi scivola sempre più indietro, fino a essere ripreso dal trenino di un Geraint Thomas i cui gradi di capitano in casa Ineos sono sempre più precari. Thomas e i suoi compagni di viaggio – Richie Porte, Steven Kruijswijk, Alejandro Valverde e Wout Poels – lasciano il francese al vento per un tratto, poi accelerano. Alaphilippe resta solo: 1’16’’, alla fine, il ritardo da Landa e Pinot, piombato sul basco a un paio di chilometri dall’arrivo; 58’’ da Buchmann e Bernal, anche loro fiaccati dagli scatti in serie del francese; 27’’ da Thomas, Valverde e Kruijswijk; 19’’ da Richie Porte.
L’aura di invincibilità che aveva circondato fino a oggi Alaphilippe è scalfita. Nulla, comunque, è compromesso. All’orizzonte si profila una sola tappa di montagna dal chilometraggio robusto (quella di Valloire, peraltro dal disegno rivedibile). Il margine su Thomas, ancora secondo, è di 1’35’’. La graduatoria, alle spalle del gallese, è cortissima: Kruijswijk è a 1’47’’; Pinot, che sarebbe a questo punto il netto favorito se non avesse lasciato per strada due minuti nel ventaglio di Albi, a 1’50’’; Bernal a 2’02’’, Buchmann a 2’14’’. La questione podio sembra ristretta ai primi sei: Landa, settimo, è a 4’54’’.
Il basco potrà comunque giocare, nell’ultima settimana di Tour, una carta che, al momento, sembra essere una sua esclusiva: quella del coraggio. Come sulla Planche des Belles Filles era stato il solo a muoversi prima degli ultimi 500 metri, oggi è diventato il primo uomo di classifica a lanciare un attacco da lontano in questa Grande Boucle. Lo ha fatto a 3 km dalla vetta del Mur de Péguère, a 40 km dal termine. Un attacco preparato alla perfezione dalla Movistar, che ha inserito tre uomini – Marc Soler, Andrey Amador e addirittura Nairo Quintana – nella maxi-fuga di 36 corridori emersa dopo una prima ora di scatti e controscatti (tra gli altri presenti: Vincenzo Nibali, Romain Bardet, Daniel Martin, Roman Kreuziger e Simon Yates).
Quando Landa è partito, soltanto Jakob Fuglsang ha provato a tenere la sua ruota, salvo desistere dopo poche centinaia di metri. Con Alaphilippe del tutto isolato, privo anche di un Enric Mas naufragato all’inizio della terzultima salita, il Port de Lers, quando in gruppo restavano ancora alcuni velocisti, le condizioni per terremotare il Tour sembravano ideali.
La maglia gialla ha però trovato una fila di salvagenti. Dapprima quello della Ineos, che ha sacrificato Michal Kwiatkowski nell’inseguimento. Poi quello della Jumbo-Visma, accorsa a protezione del terzo posto di Kruijswijk. Infine, nel tratto di fondovalle, quando l’assistenza di Soler e Amador, raggiunti in cima al Mur de Péguère, aveva fatto lievitare il vantaggio di Landa fino a 1’30’’, quello della Astana e della Bora-Hansgrohe, a difesa dei piazzamenti in top ten di Fuglsang e Buchmann.
La mentalità conservativa altrui ha così finito per menomare l’atto di coraggio di Landa, che si è ritrovato alla fine in mano molto meno di quanto meritasse: un guadagno tutto sommato limitato in classifica generale, che lo lascia a 3 minuti dal podio e a 5 dalla maglia gialla, non compensato nemmeno dalla vittoria di tappa.
Il successo era infatti stato ormai ipotecato da un Simon Yates irriconoscibile rispetto al turista di pochi giorni fa. Dopo avere disposto facilmente di compagni di fuga pur molto blasonati, il britannico ha colto la seconda vittoria della settimana pirenaica, e ha messo a tacere qualsiasi perplessità circa la scelta della Mitchelton-Scott di portarlo in Francia in cerca di tappe anziché dirottarlo verso una Vuelta da capitano.

Matteo Novarini

ORDINE D’ARRIVO

1 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 4:47:04
2 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ 0:00:33
3 Mikel Landa (Spa) Movistar Team
4 Emanuel Buchmann (Ger) Bora-Hansgrohe 0:00:51
5 Egan Bernal (Col) Team Ineos
6 Lennard Kämna (Ger) Team Sunweb 0:01:03
7 Geraint Thomas (GBr) Team Ineos 0:01:22
8 Steven Kruijswijk (Ned) Team Jumbo-Visma
9 Alejandro Valverde (Spa) Movistar Team
10 Richie Porte (Aus) Trek-Segafredo 0:01:30
11 Julian Alaphilippe (Fra) Deceuninck-QuickStep 0:01:49
12 Wout Poels (Ned) Team Ineos
13 Warren Barguil (Fra) Arkéa Samsic 0:01:54
14 Jakob Fuglsang (Den) Astana Pro Team
15 Guillaume Martin (Fra) Wanty-Gobert 0:02:08
16 Sébastien Reichenbach (Swi) Groupama-FDJ 0:02:55
17 Roman Kreuziger (Cze) Dimension Data 0:02:58
18 Romain Bardet (Fra) AG2R La Mondiale
19 Nairo Quintana (Col) Movistar Team
20 Rigoberto Uran (Col) EF Education First
21 Daniel Martin (Irl) UAE Team Emirates 0:03:38
22 Xandro Meurisse (Bel) Wanty-Gobert 0:03:45
23 Tanel Kangert (Est) EF Education First
24 Tony Gallopin (Fra) AG2R La Mondiale 0:04:02
25 Simon Geschke (Ger) CCC Team 0:04:24
26 Fabio Aru (Ita) UAE Team Emirates 0:04:45
27 David Gaudu (Fra) Groupama-FDJ 0:05:20
28 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott 0:06:24
29 Alexey Lutsenko (Kaz) Astana Pro Team 0:06:59
30 Jonathan Castroviejo (Spa) Team Ineos 0:09:59
31 Rudy Molard (Fra) Groupama-FDJ 0:10:06
32 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo
33 Jesus Herrada (Spa) Cofidis Solutions Credits 0:10:08
34 George Bennett (NZl) Team Jumbo-Visma 0:11:42
35 Michael Woods (Can) EF Education First
36 Gregor Mühlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
37 Giulio Ciccone (Ita) Trek-Segafredo 0:12:57
38 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team
39 Dylan van Baarle (Ned) Team Ineos 0:13:37
40 Fabien Grellier (Fra) Total Direct Energie 0:13:53
41 Mikael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
42 Laurens De Plus (Bel) Team Jumbo-Visma 0:14:21
43 Stéphane Rossetto (Fra) Cofidis Solutions Credits 0:16:12
44 Ben King (USA) Dimension Data
45 Michael Valgren Andersen (Den) Dimension Data
46 Omar Fraile (Spa) Astana Pro Team 0:18:56
47 Marc Soler (Spa) Movistar Team
48 Oliver Naesen (Bel) AG2R La Mondiale
49 Alexis Vuillermoz (Fra) AG2R La Mondiale 0:19:15
50 Paul Ourselin (Fra) Total Direct Energie
51 Anthony Delaplace (Fra) Arkéa Samsic
52 Michael Schär (Swi) CCC Team 0:20:27
53 Stefan Küng (Swi) Groupama-FDJ
54 Fabio Felline (Ita) Trek-Segafredo 0:21:16
55 Gianni Moscon (Ita) Team Ineos 0:21:37
56 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ 0:22:17
57 Magnus Cort Nielsen (Den) Astana Pro Team 0:23:19
58 Andrey Amador (CRc) Movistar Team 0:24:18
59 Carlos Verona (Spa) Movistar Team 0:24:30
60 Imanol Erviti (Spa) Movistar Team
61 Adam Yates (GBr) Mitchelton-Scott
62 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team
63 Hugo Houle (Can) Astana Pro Team
64 Nicolas Roche (Irl) Team Sunweb
65 Søren Kragh Andersen (Den) Team Sunweb
66 Simon Clarke (Aus) EF Education First 0:24:43
67 Dries Devenyns (Bel) Deceuninck-QuickStep 0:25:43
68 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 0:26:48
69 Serge Pauwels (Bel) CCC Team
70 Nils Politt (Ger) Katusha-Alpecin
71 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe
72 Florian Vachon (Fra) Arkéa Samsic
73 Frederik Backaert (Bel) Wanty-Gobert
74 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo
75 Kevin Ledanois (Fra) Arkéa Samsic
76 Pierre Luc Perichon (Fra) Cofidis Solutions Credits
77 Elie Gesbert (Fra) Arkéa Samsic
78 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb
79 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates
80 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin
81 Alexis Gougeard (Fra) AG2R La Mondiale
82 Maxime Bouet (Fra) Arkéa Samsic
83 Jens Keukeleire (Bel) Lotto Soudal
84 Tiesj Benoot (Bel) Lotto Soudal
85 Jasper Stuyven (Bel) Trek-Segafredo
86 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott
87 Mathias Frank (Swi) AG2R La Mondiale
88 Andrea Pasqualon (Ita) Wanty-Gobert
89 Anthony Perez (Fra) Cofidis Solutions Credits
90 Chad Haga (USA) Team Sunweb
91 Alberto Bettiol (Ita) EF Education First
92 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott
93 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe
94 Jan Tratnik (Slo) Bahrain-Merida
95 Toms Skujins (Lat) Trek-Segafredo
96 Joseph Rosskopf (USA) CCC Team
97 Anthony Turgis (Fra) Total Direct Energie
98 Romain Sicard (Fra) Total Direct Energie
99 Damiano Caruso (Ita) Bahrain-Merida
100 Amael Moinard (Fra) Arkéa Samsic
101 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team
102 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
103 Michael Matthews (Aus) Team Sunweb
104 Yves Lampaert (Bel) Deceuninck-QuickStep
105 Rein Taaramäe (Est) Total Direct Energie
106 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ
107 Stephen Cummings (GBr) Dimension Data
108 Elia Viviani (Ita) Deceuninck-QuickStep 0:27:59
109 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo 0:28:40
110 Luke Rowe (GBr) Team Ineos 0:28:41
111 Michal Kwiatkowski (Pol) Team Ineos
112 Niccolò Bonifazio (Ita) Total Direct Energie
113 Tim Wellens (Bel) Lotto Soudal 0:29:03
114 Kasper Asgreen (Den) Deceuninck-QuickStep 0:29:57
115 Matteo Trentin (Ita) Mitchelton-Scott 0:30:08
116 Sonny Colbrelli (Ita) Bahrain-Merida
117 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Astana Pro Team
118 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida
119 Edvald Boasson Hagen (Nor) Dimension Data 0:30:28
120 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal 0:30:30
121 Yoann Offredo (Fra) Wanty-Gobert
122 Alexander Kristoff (Nor) UAE Team Emirates
123 Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal
124 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin
125 Kevin Van Melsen (Bel) Wanty-Gobert
126 Natnael Berhane (Eri) Cofidis Solutions Credits
127 Marco Haller (Aut) Katusha-Alpecin
128 Lars Bak (Den) Dimension Data
129 Michael Hepburn (Aus) Mitchelton-Scott
130 Mike Teunissen (Ned) Team Jumbo-Visma
131 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida
132 Wilco Kelderman (Ned) Team Sunweb
133 William Bonnet (Fra) Groupama-FDJ
134 Luke Durbridge (Aus) Mitchelton-Scott
135 Tom Scully (NZl) EF Education First
136 Dylan Groenewegen (Ned) Team Jumbo-Visma
137 Dylan Teuns (Bel) Bahrain-Merida
138 Greg Van Avermaet (Bel) CCC Team
139 Lukasz Wisniowski (Pol) CCC Team
140 Sergio Henao (Col) UAE Team Emirates
141 Lilian Calmejane (Fra) Total Direct Energie
142 Benoit Cosnefroy (Fra) AG2R La Mondiale
143 Cees Bol (Ned) Team Sunweb
144 Amund Grøndahl Jansen (Nor) Team Jumbo-Visma
145 Tony Martin (Ger) Team Jumbo-Visma
146 Odd Christian Eiking (Nor) Wanty-Gobert
147 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates
148 Sven Erik Bystrøm (Nor) UAE Team Emirates
149 Julien Simon (Fra) Cofidis Solutions Credits
150 Reinardt Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data
151 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
152 Sebastian Langeveld (Ned) EF Education First
153 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin
154 Jens Debusschere (Bel) Katusha-Alpecin
155 André Greipel (Ger) Arkéa Samsic
156 Aime De Gendt (Bel) Wanty-Gobert
157 Ivan Garcia (Spa) Bahrain-Merida
158 Enric Mas (Spa) Deceuninck-QuickStep 0:31:29
159 Marcus Burghardt (Ger) Bora-Hansgrohe 0:31:31
160 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal
161 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal
162 Michael Mørkøv (Den) Deceuninck-QuickStep 0:31:34
163 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe
164 Maximiliano Richeze (Arg) Deceuninck-QuickStep 0:32:26

CLASSIFICA GENERALE

1 Julian Alaphilippe (Fra) Deceuninck-QuickStep 61:00:22
2 Geraint Thomas (GBr) Team Ineos 0:01:35
3 Steven Kruijswijk (Ned) Team Jumbo-Visma 0:01:47
4 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ 0:01:50
5 Egan Bernal (Col) Team Ineos 0:02:02
6 Emanuel Buchmann (Ger) Bora-Hansgrohe 0:02:14
7 Mikel Landa (Spa) Movistar Team 0:04:54
8 Alejandro Valverde (Spa) Movistar Team 0:05:00
9 Jakob Fuglsang (Den) Astana Pro Team 0:05:27
10 Rigoberto Uran (Col) EF Education First 0:05:33
11 Richie Porte (Aus) Trek-Segafredo 0:06:30
12 Warren Barguil (Fra) Arkéa Samsic 0:07:22
13 Nairo Quintana (Col) Movistar Team 0:08:28
14 Roman Kreuziger (Cze) Dimension Data 0:11:04
15 Daniel Martin (Irl) UAE Team Emirates 0:11:39
16 Guillaume Martin (Fra) Wanty-Gobert 0:13:42
17 Fabio Aru (Ita) UAE Team Emirates 0:14:15
18 David Gaudu (Fra) Groupama-FDJ 0:14:31
19 Romain Bardet (Fra) AG2R La Mondiale 0:27:12
20 Xandro Meurisse (Bel) Wanty-Gobert 0:28:25
21 George Bennett (NZl) Team Jumbo-Visma
22 Alexey Lutsenko (Kaz) Astana Pro Team 0:28:49
23 Sébastien Reichenbach (Swi) Groupama-FDJ 0:30:17
24 Adam Yates (GBr) Mitchelton-Scott 0:33:18
25 Rudy Molard (Fra) Groupama-FDJ 0:34:11
26 Enric Mas (Spa) Deceuninck-QuickStep 0:35:18
27 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo 0:35:54
28 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott 0:39:21
29 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe 0:42:12
30 Jesus Herrada (Spa) Cofidis Solutions Credits 0:45:22
31 Laurens De Plus (Bel) Team Jumbo-Visma 0:47:28
32 Tanel Kangert (Est) EF Education First 0:48:22
33 Giulio Ciccone (Ita) Trek-Segafredo 0:51:18
34 Gregor Mühlberger (Aut) Bora-Hansgrohe 0:52:57
35 Marc Soler (Spa) Movistar Team 0:53:57
36 Wout Poels (Ned) Team Ineos 0:56:22
37 Nicolas Roche (Irl) Team Sunweb 0:57:25
38 Greg Van Avermaet (Bel) CCC Team 0:58:43
39 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo 0:58:57
40 Alexis Vuillermoz (Fra) AG2R La Mondiale 1:00:22
41 Mikael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale 1:01:18
42 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 1:03:36
43 Michael Woods (Can) EF Education First 1:06:01
44 Jonathan Castroviejo (Spa) Team Ineos 1:10:10
45 Jasper Stuyven (Bel) Trek-Segafredo 1:10:41
46 Sergio Henao (Col) UAE Team Emirates 1:11:16
47 Matteo Trentin (Ita) Mitchelton-Scott 1:11:41
48 Rein Taaramäe (Est) Total Direct Energie 1:12:25
49 Mathias Frank (Swi) AG2R La Mondiale 1:13:25
50 Michael Matthews (Aus) Team Sunweb 1:13:54
51 Fabio Felline (Ita) Trek-Segafredo 1:17:47
52 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 1:17:48
53 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida 1:17:50
54 Lennard Kämna (Ger) Team Sunweb 1:18:28
55 Oliver Naesen (Bel) AG2R La Mondiale 1:19:23
56 Tiesj Benoot (Bel) Lotto Soudal 1:19:58
57 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates 1:20:22
58 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Astana Pro Team 1:20:36
59 Wilco Kelderman (Ned) Team Sunweb 1:21:51
60 Dylan van Baarle (Ned) Team Ineos 1:21:55
61 Michael Valgren Andersen (Den) Dimension Data 1:23:26
62 Andrey Amador (CRc) Movistar Team 1:23:42
63 Dylan Teuns (Bel) Bahrain-Merida 1:24:00
64 Tony Gallopin (Fra) AG2R La Mondiale 1:24:08
65 Simon Geschke (Ger) CCC Team 1:24:45
66 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin 1:25:18
67 Simon Clarke (Aus) EF Education First 1:25:51
68 Alberto Bettiol (Ita) EF Education First 1:30:27
69 Michal Kwiatkowski (Pol) Team Ineos 1:30:40
70 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott 1:32:06
71 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team 1:32:12
72 Romain Sicard (Fra) Total Direct Energie 1:35:18
73 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe 1:35:36
74 Omar Fraile (Spa) Astana Pro Team 1:35:46
75 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 1:36:47
76 Edvald Boasson Hagen (Nor) Dimension Data 1:37:00
77 Gianni Moscon (Ita) Team Ineos 1:37:31
78 Søren Kragh Andersen (Den) Team Sunweb 1:39:31
79 Pierre Luc Perichon (Fra) Cofidis Solutions Credits 1:39:58
80 Nils Politt (Ger) Katusha-Alpecin 1:44:34
81 Jan Tratnik (Slo) Bahrain-Merida 1:44:56
82 Maxime Bouet (Fra) Arkéa Samsic 1:45:11
83 Sonny Colbrelli (Ita) Bahrain-Merida 1:45:46
84 Ben King (USA) Dimension Data 1:50:58
85 Damiano Caruso (Ita) Bahrain-Merida 1:51:22
86 Joseph Rosskopf (USA) CCC Team 1:53:33
87 Elie Gesbert (Fra) Arkéa Samsic 1:54:14
88 Dries Devenyns (Bel) Deceuninck-QuickStep 1:54:27
89 Serge Pauwels (Bel) CCC Team 1:54:35
90 Tim Wellens (Bel) Lotto Soudal 1:57:29
91 Andrea Pasqualon (Ita) Wanty-Gobert 1:57:30
92 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ 1:58:11
93 Hugo Houle (Can) Astana Pro Team 1:58:45
94 Anthony Delaplace (Fra) Arkéa Samsic 1:59:07
95 Michael Schär (Swi) CCC Team 1:59:36
96 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team 2:00:17
97 Imanol Erviti (Spa) Movistar Team 2:01:29
98 Amael Moinard (Fra) Arkéa Samsic 2:03:39
99 Stefan Küng (Swi) Groupama-FDJ 2:04:49
100 Toms Skujins (Lat) Trek-Segafredo 2:05:28
101 Mike Teunissen (Ned) Team Jumbo-Visma 2:06:35
102 Lilian Calmejane (Fra) Total Direct Energie 2:06:55
103 Kevin Ledanois (Fra) Arkéa Samsic
104 Paul Ourselin (Fra) Total Direct Energie 2:08:10
105 Julien Simon (Fra) Cofidis Solutions Credits 2:08:18
106 Stéphane Rossetto (Fra) Cofidis Solutions Credits 2:08:21
107 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 2:08:24
108 Jens Keukeleire (Bel) Lotto Soudal 2:08:50
109 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb 2:11:21
110 Ivan Garcia (Spa) Bahrain-Merida 2:12:01
111 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe 2:13:22
112 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida 2:14:30
113 Natnael Berhane (Eri) Cofidis Solutions Credits 2:14:41
114 Fabien Grellier (Fra) Total Direct Energie 2:14:52
115 Odd Christian Eiking (Nor) Wanty-Gobert 2:15:57
116 Luke Durbridge (Aus) Mitchelton-Scott 2:17:33
117 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal 2:18:37
118 Luke Rowe (GBr) Team Ineos 2:22:50
119 Anthony Perez (Fra) Cofidis Solutions Credits 2:23:57
120 Sven Erik Bystrøm (Nor) UAE Team Emirates 2:24:47
121 Magnus Cort Nielsen (Den) Astana Pro Team 2:25:06
122 Benoit Cosnefroy (Fra) AG2R La Mondiale 2:26:29
123 Carlos Verona (Spa) Movistar Team 2:29:12
124 Yves Lampaert (Bel) Deceuninck-QuickStep 2:30:06
125 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates 2:31:16
126 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo 2:31:36
127 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 2:31:50
128 Anthony Turgis (Fra) Total Direct Energie 2:32:04
129 Florian Vachon (Fra) Arkéa Samsic 2:33:05
130 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott 2:33:58
131 Elia Viviani (Ita) Deceuninck-QuickStep 2:34:27
132 Reinardt Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 2:34:56
133 Lukasz Wisniowski (Pol) CCC Team 2:35:15
134 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ 2:35:18
135 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal 2:35:29
136 Alexis Gougeard (Fra) AG2R La Mondiale 2:35:47
137 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe 2:37:24
138 Frederik Backaert (Bel) Wanty-Gobert 2:38:11
139 Stephen Cummings (GBr) Dimension Data 2:41:29
140 Alexander Kristoff (Nor) UAE Team Emirates 2:41:40
141 Kevin Van Melsen (Bel) Wanty-Gobert 2:42:48
142 Marcus Burghardt (Ger) Bora-Hansgrohe 2:43:01
143 Chad Haga (USA) Team Sunweb 2:43:12
144 William Bonnet (Fra) Groupama-FDJ 2:43:16
145 Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal 2:45:04
146 Cees Bol (Ned) Team Sunweb 2:46:25
147 Tom Scully (NZl) EF Education First 2:47:05
148 Niccolò Bonifazio (Ita) Total Direct Energie 2:47:41
149 Kasper Asgreen (Den) Deceuninck-QuickStep 2:47:59
150 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal 2:48:01
151 Michael Mørkøv (Den) Deceuninck-QuickStep 2:48:20
152 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin 2:48:22
153 Michael Hepburn (Aus) Mitchelton-Scott 2:48:41
154 André Greipel (Ger) Arkéa Samsic 2:48:56
155 Amund Grøndahl Jansen (Nor) Team Jumbo-Visma 2:50:03
156 Lars Bak (Den) Dimension Data 2:50:12
157 Dylan Groenewegen (Ned) Team Jumbo-Visma 2:50:25
158 Maximiliano Richeze (Arg) Deceuninck-QuickStep 2:50:28
159 Aime De Gendt (Bel) Wanty-Gobert 2:50:50
160 Marco Haller (Aut) Katusha-Alpecin 2:50:55
161 Tony Martin (Ger) Team Jumbo-Visma 2:55:15
162 Jens Debusschere (Bel) Katusha-Alpecin 3:01:41
163 Sebastian Langeveld (Ned) EF Education First 3:04:02
164 Yoann Offredo (Fra) Wanty-Gobert 3:14:56

Juliana Alaphilippe arranca salendo verso Prat dAlbis (foto Bettini)

Juliana Alaphilippe arranca salendo verso Prat d'Albis (foto Bettini)

21-07-2019

luglio 21, 2019 by Redazione  
Filed under Ordini d'arrivo

TOUR DE FRANCE

Il britannico Simon Yates (Mitchelton-Scott) si è imposto nella quindicesima tappa, Tarbes – Tourmalet, percorrendo 185 Km in 4h47′04″ alla media di 38.67 Km/h. Ha preceduto di 33″ il francese Thibaut Pinot e lo spagnolo Mikel Landa Meana. Miglior italiano Fabio Aru (UAE-Team Emirates), 26° a 4′45″. Il francese Julian Alaphilippe (Deceuninck – Quick Step) è ancora maglia gialla con 1′35″ sul britannico Geraint Thomas e 1′47″ sull’olandese Steven Kruijswijk. Miglior italiano Aru, 17° a 14′15″.

TOKYO 2020 TEST EVENT

L’italiano Diego Ulissi si è imposto nella corsa giapponese, Musashino-no-mori Park – Fuji International Speedway, percorrendo 179 Km in 4h50′53″ alla media di 36.92 Km/h. Ha preceduto di 17″ l’italiano Davide Formolo e di 1′52″ il francese Nans Peters.

TOUR OF QINGHAI LAKE (Cina)

L’olandese Alex Molenaar (Monkey Town – à Bloc CT) si è imposto nell’ottava tappa, Xihaizhen – Qingshizui, percorrendo 224 Km in 5h07′37″ alla media di 43.69 Km/h. Ha preceduto di 1′38″ il bielorusso Branislau Samoilau e il colombiano Hernán Ricardo Aguirre Calpa. Miglior italiano Lorenzo Fortunato (Neri Sottoli – Selle Italia – KTM), 13° a 2′20″. Il colombiano Robinson Eduardo Chalapud Gómez (Medellín) è ancora leader della classifica con 1′44″ sullo spagnolo Óscar Miguel Sevilla Ribera e 2′37″ sull’australiano Benjamin Dyball. Miglior italiano Umberto Marengo (Neri Sottoli – Selle Italia – KTM), 18° a 8′24″.

V4 SPECIAL SERIES VÁSÁROSNAMÉNY – IBRÁNY

L’ungherese János Pelikán (Pannon Cycling Team) si è imposto nella corsa ungherese, Vásárosnamény – Ibrány, percorrendo 171.4 Km in 3h44′43″ alla media di 45.7 Km/h. Ha preceduto di 3′12″ l’italiano Stefano Gandin (Delio Gallina Colosio Eurofeed) e il ceco Tomáš Bárta

VUELTA CICLISTA A VENEZUELA

Il venezuelano Orluis Alberto Aular Sanabria (nazionale venezuelana) si è imposto anche nella quinta tappa, circuito a cronometro di Pavia, percorrendo 28.4 Km in 40′33″ alla media di 42.02 Km/h. Ha preceduto di 29″ il connazionale Carlos Johan Gálviz García e di 1′14″ il colombiano José Humberto Rujano Guillén. Aular Sanabria è ancora leader della classifica con 2′03″ su Gálviz García e 2′55″ su Rujano Guillén

GIRO CICLISTICO DELLA VALLE D’AOSTA MONT BLANC

L’italiano Andrea Bagioli (Team Colpack) si è imposto nella quinta ed ultima tappa, Valtournenche – Breuil Cervinia, percorrendo 120.2 Km in 3h26′56″ alla media di 34.85 Km/h. Ha preceduto allo sprint il belga Maxim Van Gils e di 1″ il lussemburghese Michel Ries. Il belga Mauri Vansevenant (Kometa Cycling Team) si impone in classifica con 4′30″ sul britannico Adam Hartley e 9′18″ sull’olandese Kevin Inkelaar. Miglior italiano Filippo Conca (Biesse Carrera), 7° a 14′36″

TOURBILLON AL TOURMALET

luglio 20, 2019 by Redazione  
Filed under Approfondimenti, Copertina

Ecco il tradizionale contenitore made ne ilciclismo.it che da diverse stagioni accompagna le cronache prima del Giro e poi del Tour. All’interno ritroverete le rubriche riservate alla rassegna stampa internazionale, alla colonna sonora del giorno, alle previsioni del tempo per la tappa successiva, alle “perle” dei telecronisti, al Tour rivisto alla “rovescia” e al ricordo di un Tour passato (quest’anno rivisiteremo l’edizione del 1949 a 70 anni dalla prima storica accoppiata Giro-Tour di Fausto Coppi).

COSA SI DICE NEL MONDO

Rassegna stampa “breve” dai paesi dei grandi favoriti del Tour 2019 (Bernal e Quintana, Thomas e Porte), dalla nostra Italia, dalla Francia e dalle nazioni dei vincitori di tappa e delle maglie gialle di turno

Italia: Vincenzo Nibali – Fabio Aru

Festa francese: sul Tourmalet trionfano Pinot… e Alaphilippe – Nibali, orgoglio infinito: 85 km di fuga e di applausi nella tappa del Tourmalet – Van Gaal in ammiraglia al Tour, hamburger per tutti – Van Aert operato alla gamba destra (Gazzetta dello Sport)

Tour, la Francia festeggia sul Tourmalet: vince Pinot. Maglia gialla a Alaphilippe (Corriere della Sera)

Gran Bretagna: Geraint Thomas

Thibaut Pinot wins on Tourmalet as Julian Alaphilippe extends lead at Tour de France and Geraint Thomas cracks (The Daily Telegraph)

Alaphilippe extends lead as Thoms suffers over brutal Tourmalet – Thomas loses chunk of time to Tour de France leader Alaphilippe (The Independent)

Colombia: Egan Bernal – Nairo Quintana

Nairo salió de la pelea y Egan, mejor que Thomas – ¿Qué pasó, Nairo? El momento en el que perdió la rueda con sus rivales – ‘Traté de dosificar y no perder tanto tiempo’: Rigoberto Urán – Nairo acepta su nueva condición de gregario en su equipo – Egan habló muy claro de sus reales opciones de pelear por el título – ¿Problemas en el Movistar? Valverde señaló a Nairo (El Tiempo)

Pinot ganó en el Tourmalet, Alaphilippe más líder que nunca y Nairo salió del top 10 del Tour – Egan: “Gracias a Colombia por el apoyo, en el podio y subiendo vi muchas banderas de nuestro país” – Rigoberto Urán: “Me tocó regular porque a mí la explosividad se me perdió hace años” (El Espectador)

Australia: Richie Porte

Brutal climb blows Tour apart – The crazy lengths to keep TDF riders healthy (Herald Sun)

Thibaut Pinot transforms rage into iconic win as Thomas loses ground (The Sydney Morning Herald)

Francia: Romain Bardet – Thibaut Pinot – Julian Alaphilippe

Pinot s’impose, Alaphilippe grappille encore – Pinot: «Grandiose, exceptionnel, magique» – Madiot déchaîné lors du succès de Pinot – Alaphilippe: «Je profite» – Bardet perd 20 minutes – Barguil: «Si on n’attaque pas, on ne sait pas» (L’Equipe)

Pinot, Alaphilippe, Thomas: ce qu’il faut retenir de la 14e étape du Tour (Le Figaro)

DISCOTOUR: la colonna sonora della tappa del Tour scelta per voi da ilciclismo.it

“Le tourbillon” (Jeanne Moreau)

LA TAPPA CHE VERRÀ – 15a TAPPA: LIMOUX – FOIX (Prat d’Albis – 185 Km)

Si tratta della frazione più impegnativa del trittico pirenaico e non lo sarà solamente per il disegno altimetrico, pur non trattandosi di un tappone dotato di salitone da far tremare i polsi. A partire da domani, infatti, un’ondata di caldo colpirà la Francia (previsti fino a 41° gradi a Parigi) e comincerà a farsi sentire sin dalla tappa di Foix anche se i picchi più alti il gruppo dovrebbe avvertirli tra il giorno di riposo di lunedì e le due successive frazioni di Nîmes e Gap, per poi andare incontro a temperature più fresche sui grandi passi alpini. Il menù della tappa di domani ha in serbo quattro Gran Premi della Montagna e gli ultimi tre di questi saranno classificati di 1a categoria. Chi punta alla classifica con tutta probabilità rimarrà in gruppo affrontando il primo di questi tre colli (Port de Lers, 11.4 Km al 7%) per poi sparare le prime cartucce sul Col de Péguère, che la nomenclatura del Tour definisce “muro” per via dell’elevata pendenza media degli ultimi 3 Km (12.2% con un picco al 18%) mentre l’ascesa è nel complesso lunga 9.3 Km ed è pedalabile nella sua prima parte. Superata la cima del Péguère, dove attenderanno i corridori gli abbuoni del Pont Bonus, s’inizierà la lunga discesa verso Foix ma stavolta il traguardo non sarà posto nel centro della cittadina, come avvenuto nelle più recenti occcasioni, perchè si dovrà affrontare l’inedita ascesa finale verso l’altopiano del Prat d’Albis, assolutamente non estrema (11.8 Km al 6.9%) ma nella quale potrebbero anche verificarsi inattesi crolli al termine di una giornata resa ancora più ostica dal caldo.

UN PO’ DI STORIA

Centro del dipartimento dell’Aude celebre per il carnevale e per il suo vino bianco (Blanquette de Limoux), Limoux accoglierà per la terza volta nella storia una partenza di tappa del Tour, mentre l’unico traguardo qui disputato fu uno sprint nel corso della Lavelanet – Béziers dell’edizione 2002 conquistato dall’olandese Michael Boogerd (frazione vinta dal britannico David Millar). Da qui nel 2011 scattò una tappa diretta a Montpellier (vittoria di Mark Cavendish) mentre anche nel 2012 si partì da Limoux alla volta di Foix, capoluogo del dipartimento dell’Ariège. Le tappe che sono qui terminate finora sono state tre, tutte caratterizzate da percorsi di montagna: nel 2008 la vittoria andò al norvegese Kurt-Asle Arvesen, nel citato precedente del 2012 si impose lo spagnolo Luis Léon Sanchez mentre sarà il francese Warren Barguil a tagliare per primo il traguardo nel 2017. Come anticipato sopra l’arrivo al Prat d’Albis sarà una novità assoluta.

METEO TOUR

Limoux: cielo sereno, 29.5°C (percepiti 32°C), vento debole da N (4 Km/h), umidità al 61%
Bélesta (Km 45): cielo sereno con possibilità di deboli precipitazioni, 26.5°C (percepiti 29°C), vento debole da NNW (6 Km/h), umidità al 71%
Tarascon-sur-Ariège (Traguardo volante – Km 93.5): cielo sereno, 28.6°C (percepiti 31°C), vento debole da NW (3 Km/h), umidità al 62%
Foix (inizio salita finale – Km 172.5): cielo sereno, 29.5°C (percepiti 32°C), vento debole da N (8 Km/h), umidità al 60%

L’ANGOLO DI PANCANOLO (CON UN CARO SALUTO A SILVIOLO)

Gli strafalcioni dei giornalisti al seguito della corsa rosa

Pancani: “Tra gluto e coscia”
Saligari: “Oggi capiremo chi non vincerà il Giro d’Italia”
Saligari: “Urán, il combiano della EF”
Saligari: “Quando hai mal di schiena non riesci a mettere forza nei pedali”
Saligari: “Sfido chiunque ad averlo prognosticato”
Saligari: “Ha tirato il tratto pianeggiante prima del Solour”
Pancani: “Saluta lunga”
Saligari: “Undici per tento di pendenza massima”
Saligari: “Alaphilippe è nervosamente favorito”
Pancani: “Il ritmo che sta implodendo De Plus”
Saligari: “Landa ha un leggermente difficoltà”
De Luca: “Sta arrivando la maglia a pois di Wellens”
Televideo: “Lo spangolo Enric Mas”

dalla telecronaca della tappa dell’Alpe di Siusi (Giro 2016)

Pancani: “Silviolo”
Martinello: “Dimmi Pancanolo”

IL TOUR DI GOMEZ
In questa rubrica vi faremo rileggere i piani alti della classica, come li avrebbe visti Gomez Addams nelle sue letture del giornale in “verticale”… vale a dire le classifiche giornaliere viste al contrario, dal punto di vista della maglia nera!

Ordine d’arrivo quattordicesima tappa

1° Marcus Burghardt
2° Jens Debusschere a 46″
3° Alexander Kristoff a 2′01″
4° Niccolò Bonifazio a 2′11″
5° Cees Bol a 2′27″

Classifica generale

1° Yoann Offredo
2° Sebastian Langeveld a 10′54″
3° Jens Debusschere a 13′15″
4° Tony Martin a 19′41″
5° Marco Haller a 24′01″

Miglior italiano: Niccolò Bonifazio, 10° a 25′26″

1949: FAUSTO COPPI, LA PRIMA DOPPIETTA
Attraverso i titoli del quotidiano “La Stampa” riviviamo il Tour del 1949, vinto da Fausto Coppi che così conquistò la sua prima doppietta Giro-Tour

15 LUGLIO 1949 – 14a TAPPA: NÎMES – MARSIGLIA (199 Km)

MAGNI È ARRIVATO A MARSIGLIA SENZA PERDERE LA “MAGLIA GIALLA”
Tenacia del capitano dei cadetti – Goldschmit vince la tappa – Bartali e Coppin seriamente impegnati da Robic

ARCHIVIO “TOURBILLON”

Selezionare la voce “Tour de France″ nel menù “Corse” (in home, sopra la copertina)

Vista panoramica dalla cima del Pic du Mide de Bigorre, la montagna che sovrasta il Tourmalet (www.airfrance.it)

Vista panoramica dalla cima del Pic du Mide de Bigorre, la montagna che sovrasta il Tourmalet (www.airfrance.it)

LA CARICA DEI FRANCESI SUL TOURMALET: TAPPA A PINOT, GUADAGNO PER ALAPHILIPPE

luglio 20, 2019 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Pinot ha conquistato la tappa con arrivo sul mitico Tourmalet con una sorta di volata lunga partita a 250 metri dall’arrivo, dopo una scalata condotta a ritmo elevato, ma senza alcun attacco vero e proprio. Molti uomini di classifica in difficoltà come Quintana, che pure aveva messo alla frusta la squadra, Urán, Porte e, nel finale, anche Thomas. Naufragio di Bardet.

Si era detto ieri che la tappa di oggi era mal disegnata e ispirava a fare il ritmo sulla salita del Tourmalet e provare lo scattino ai 2 Km dall’arrivo. E’ andata ancora peggio, nel senso che lo scattino c’è stato a 250 metri dalla conclusione, con Thibaut Pinot (Groupama – FDJ) che ha fatto una volata lunga. Siamo ridotti a vedere i corridori che sprintano sul Tourmalet, souvenir Jacques Goddet di questa edizione 2019 della Grande Boucle.
Per fortuna il ritmo elevato ha fatto numerose vittime con la selezione da dietro ed ha quindi assestato la classifica generale con distacchi più netti e granitici.
Naturalmente, in una corsa di tre settimane, gli ultimi giorni potranno rimescolare tutto, ma alcune risposte si sono avute. Continua la straordinaria condizione di forma della maglia gialla Julian Alaphilippe (Deceuninck – Quick Step), che non solo ha superato l’esame del Tourmalet ma ha colto anche la seconda posizione e conquistato il relativo l’abbuono. Alaphilippe ha così distanziato maggiormente il secondo in classifica generale Geraint Thomas (Team INEOS), che di suo è andato in difficoltà nel finale e ha ceduto una trentina di secondi.
In effetti sulla salita gli uomini della Ineos non hanno mai fatto il ritmo e si sono visti spesso nella seconda parte del gruppo. In questo senso Pinot ed Emanule Buchmann (Bora – Hansgrohe) potevano tentare di accelerare anche prima del chilometro conclusivo.
In ogni caso, al di là della crisi di Thomas, non si capisce se Pinot pensa di recuperare gli oltre tre minuti che lo separano da Alaphilippe attaccando a 300 metri dell’arrivo.
Gli scatti sono iniziati subito dopo il via ufficiale, ritardato a causa di un cambio di percorso imposto da una protesta inscenata da alcuni cittadini che si sono seduti sulla sede stradale. Tra i più attivi nel portare via la fuga c’è stato il nostro Vincenzo Nibali (Bahrain Merida), che è apparso decisamente più in forma di quanto non avesse mostrato nei giorni scorsi. Il siciliano se n’è andato con Peter Sagan (Bora – Hansgrohe) e i due, dopo aver scollinato il primo GPM con Nibali che aveva leggermente distanziato lo slovacco, hanno rallentato per consentire il rientro di un gruppetto di contrattaccanti composto da Alexis Vuillermoz (Ag2r La Mondiale), Matej Mohorič (Bahrain-Merida), Matthieu Ladagnous (Groupama-FDJ), Carlos Verona (Movistar), Luis León Sánchez (Astana), Sergio Henao (UAE Emirates), Lennard Kämna (Sunweb), Tim Wellens (Lotto Soudal), Lilian Calmejane, Romain Sicard e Rein Taaramäe (Total Direct Énergie), Ilnur Zakarin e Marco Haller (Katusha-Alpecin), Guillaume Martin (Wanty-Gobert) ed Élie Gesbert (Arkéa-Samsic). Perdono, invece, il momento buono Simon Geschke (CCC Team) e Pierre-Luc Périchon (Cofidisc) che, dopo qualche chilometro a bagnomaria, capiscono la mala parata e si rialzano mestamente.
Il gruppo non lascia più di due minuti e mezzo a questo tentativo, che non riesce quindi a prendere il largo. Sulle rampe del Col de Soulor è la Movistar con Andrey Amador ad imporre un ritmo elevatissimo, che causa prima il distacco di Bardet e poi la difficoltà di Adam Yates (Mitchelton-Scott), che riuscirà a rientrare in discesa, mentre il francese naufragherà giungendo al traguardo con i velocisti.
Il vantaggio della fuga cala vertiginosamente, ma davanti si portano Wellens, Nibali e Gesbert, con la maglia a pois che va a prendersi anche il traguardo del Soulor battendo Nibali allo sprint.
I tre vengono ripresi da Sicard, Calmejane, Kämna, Verona e Zakarin, mentre il gruppo si avvicina sempre di più, tanto che l’effimero tentativo di Sicard non suscita interesse negli altri fuggitivi, che lo lasciano fare.
Sulle rampe del Tourmalet riprende il forcing di Amador che, oltre a causare la capitolazione definitiva di tutti i fuggitivi, comincia a causare vittime illustri. Si staccano Yates, Patrick Konrad (Bora-Hansgrohe) e Daniel Martin (UAE Team Emirates). Pochi chilometri più avanti anche Nairo Quintana (Movistar) deve mollare il colpo, cosa abbastanza singolare visto che a mandarlo in difficoltà è stato proprio il ritmo elevatissimo del suo compagno di squadra che, presumibilmente, stava tirando proprio su indicazione del colombiano, che sembrava quindi intenzionato a sferrare un grande attacco.
Si ferma quindi Marc Soler in aiuto a Quintana, mentre Mikel Landa resta nel gruppo dei migliori.
Dopo la débâcle di Quintana, è la Groupama-FDJ a portarsi in testa con David Gaudu; poco dopo si fa vedere anche la Jumbo Visma con George Bennet. In questa fase cedono Richie Porte (Trek – Segafredo), Enric Mas (Deceuninck – Quick Step), il campione del mondo Alejandro Valverde (Movistar) e Jakob Fuglsang (Astana).
L’unico a tentare una vera accelerata è Buchmann e, guardacaso, perdono terreno Thomas e Rigoberto Urán (EF Education First). Il gallese già da qualche chilometro viaggiava nelle ultime posizioni ed è stata sufficiente una forte accelerata per farlo staccare. Se Pinot e Buchmann si fossero decisi a scattare un po’ prima probabilmente si sarebbero avvicinati molto di più a Thomas in generale. Tra l’altro, in questa fase anche Alaphilippe non era sembrato proprio brillantissimo. Ovviamente per verificare questo gli avversari avrebbero dovuto provare un attacco vero almeno ai -4, perché uno scattista come Alaphilippe è in gradi di fare anche due chilometri in apnea.
Alla fine arrivano agli ultimi metri i primi 6 della generale, con la sola eccezione di Thomas che manca e di Landa, che invece è presente. Lo sfortunato basco, che è tra i migliori nonostante le cadute e nonostante il Giro d’Italia corso ad altissimi livelli, perde qualche secondo solo negli ultimi metri, quando Pinot prova la volata lunga ai 300 metri dalla conclusione. Il francese prende qualche metro e vince la tappa con il connazionale in maglia gialla che fa valere le doti di sprinter e va a precedere un ottimo Steven Kruijswijk (Jumbo-Visma) che, zitto zitto, si tiene la terza posizione e si avvicina a Thomas. Anche Egan Bernal (Team INEOS) e Buchmann arrivano con questo drappello mentre Landa paga 14 secondi (ma ora, con la cristi di Quintana che è scivolato dietro al proprio compagno in classifica generale e non sembra in forma, lo spagnolo può ambire ai gradi di capitano).
Come si diceva, Alaphilippe ha dimostrato di avere ancora una condizione invidiabile e di reggere anche su grandi salite. Manca solo l’incognita della terza settimana con i tapponi alpini. Kruijswijk, come al solito, è stato molto regolare, non è uscito allo scoperto, ma è un uomo pericoloso perché regge bene le tre settimane e difficilmente accusa dei cali. Non ha lo scatto da scalatore, ma viene fuori alla distanza. Thomas ha avuto una défaillance, ma è riuscito tutto sommato a limitare i danni; nulla è perduto, però Thomas è un corridore abituato a vincere a cronometro e a difendersi in salita. Non è un attaccante ed in questo momento, in cui c’è bisogno di attaccare per mettere in difficoltà Alaphilippe, Bernal sembra il più indicato per farlo, anche se il colombiano aveva impostato la stagione in modo da avere il picco di forma durante il Giro d’Italia.
Ancora in corsa Buchmann e Pinot, che comunque sono a poco più di un minuto da Thomas e Kruijswijk e, se Alaphilippe dovesse accusare un calo, sarebbero ottimi candidati alla vittoria.
Più lontani gli altri, anche se un uomo come Landa, se dovesse avere la brillantezza, non esiterà ad attaccare anche da lontano.
Domani, ad esempio, c’è un ottima occasione per tentare di far danno. Il Mur de Péguère presenta negli ultimi 3 Km tratti di strada con pendenze del 18%. Si scollina a 38 Km dal traguardo, con davanti la salita verso Prat d’Albis da affrontare. In un percorso di oltre 180 Km, con tre colli in fila, dopo gli sforzi della cronometro e del Tourmalet, si può tentare una azione di più ampio respiro rispetto a quelle andate in scena oggi

Benedetto Ciccarone

ORDINE D’ARRRIVO

1 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ 3:10:20
2 Julian Alaphilippe (Fra) Deceuninck-QuickStep 0:00:06
3 Steven Kruijswijk (Ned) Team Jumbo-Visma
4 Emanuel Buchmann (Ger) Bora-Hansgrohe 0:00:08
5 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Ineos
6 Mikel Landa Meana (Spa) Movistar Team 0:00:14
7 Rigoberto Urán (Col) EF Education First 0:00:30
8 Geraint Thomas (GBr) Team Ineos 0:00:36
9 Warren Barguil (Fra) Team Arkea-Samsic 0:00:38
10 Jakob Fuglsang (Den) Astana Pro Team 0:00:53
11 George Bennett (NZl) Team Jumbo-Visma 0:00:58
12 Alejandro Valverde Belmonte (Spa) Movistar Team
13 Laurens De Plus (Bel) Team Jumbo-Visma 0:01:19
14 Richie Porte (Aus) Trek-Segafredo 0:02:05
15 David Gaudu (Fra) Groupama-FDJ 0:02:26
16 Enric Mas (Spa) Deceuninck-QuickStep 0:02:54
17 Nairo Quintana (Col) Movistar Team 0:03:24
18 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo 0:03:29
19 Fabio Aru (Ita) UAE Team Emirates 0:03:33
20 Roman Kreuziger (Cze) Dimension Data 0:03:48
21 Wout Poels (Ned) Team Ineos 0:04:10
22 Guillaume Martin (Fra) Wanty-Gobert Cycling Team 0:04:21
23 Tanel Kangert (Est) EF Education First 0:04:48
24 Daniel Martin (Irl) UAE Team Emirates 0:05:35
25 Adam Yates (GBr) Mitchelton-Scott 0:06:42
26 Marc Soler (Spa) Movistar Team 0:07:12
27 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Astana Pro Team 0:09:34
28 Rudy Molard (Fra) Groupama-FDJ 0:09:59
29 Dylan van Baarle (Ned) Team Ineos
30 Jonathan Castroviejo Nicolas (Spa) Team Ineos 0:10:56
31 Elie Gesbert (Fra) Team Arkea-Samsic 0:11:15
32 Damiano Caruso (Ita) Bahrain-Merida
33 Sebastien Reichenbach (Swi) Groupama-FDJ 0:11:21
34 Jesus Herrada Lopez (Spa) Cofidis Solutions Credits 0:11:22
35 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 0:11:39
36 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott
37 Dries Devenyns (Bel) Deceuninck-QuickStep 0:12:04
38 Alexis Vuillermoz (Fra) AG2R La Mondiale 0:12:20
39 Gregor Mühlberger (Aut) Bora-Hansgrohe 0:12:39
40 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe
41 Pierre-Luc Périchon (Fra) Cofidis Solutions Credits 0:12:50
42 Lilian Calmejane (Fra) Total Direct Energie 0:14:10
43 Tim Wellens (Bel) Lotto Soudal 0:15:19
44 Omar Fraile Matarranza (Spa) Astana Pro Team 0:15:29
45 Romain Sicard (Fra) Total Direct Energie 0:15:36
46 Tiesj Benoot (Bel) Lotto Soudal 0:16:15
47 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 0:16:31
48 Alexey Lutsenko (Kaz) Astana Pro Team 0:17:11
49 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin
50 Sergio Luis Henao Montoya (Col) UAE Team Emirates
51 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team
52 Hugo Houle (Can) Astana Pro Team
53 Amaël Moinard (Fra) Team Arkea-Samsic 0:18:25
54 Tony Gallopin (Fra) AG2R La Mondiale 0:20:19
55 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
56 Xandro Meurisse (Bel) Wanty-Gobert Cycling Team
57 Mathias Frank (Swi) AG2R La Mondiale
58 Oliver Naesen (Bel) AG2R La Mondiale
59 Giulio Ciccone (Ita) Trek-Segafredo
60 Odd Christian Eiking (Nor) Wanty-Gobert Cycling Team
61 Benoit Cosnefroy (Fra) AG2R La Mondiale
62 Ben King (USA) Dimension Data
63 Sven Erik Bystrøm (Nor) UAE Team Emirates
64 Frederik Backaert (Bel) Wanty-Gobert Cycling Team
65 Paul Ourselin (Fra) Total Direct Energie
66 Romain Bardet (Fra) AG2R La Mondiale
67 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo
68 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo
69 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal
70 Michael Valgren Andersen (Den) Dimension Data
71 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal
72 Stéphane Rossetto (Fra) Cofidis Solutions Credits
73 Natnael Berhane (Eri) Cofidis Solutions Credits
74 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida
75 Jasper Stuyven (Bel) Trek-Segafredo
76 Carlos Verona Quintanilla (Spa) Movistar Team
77 Joey Rosskopf (USA) CCC Team
78 Jens Keukeleire (Bel) Lotto Soudal
79 Michael Schär (Swi) CCC Team
80 Rein Taaramäe (Est) Total Direct Energie
81 Wilco Kelderman (Ned) Team Sunweb
82 Serge Pauwels (Bel) CCC Team
83 Mike Teunissen (Ned) Team Jumbo-Visma
84 Greg Van Avermaet (Bel) CCC Team
85 Michael Woods (Can) EF Education First
86 Nicolas Roche (Irl) Team Sunweb
87 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team
88 Imanol Erviti Ollo (Spa) Movistar Team
89 Andrey Amador Bikkazakova (Crc) Movistar Team
90 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates
91 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ
92 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:20:33
93 Alberto Bettiol (Ita) EF Education First
94 Magnus Cort (Den) Astana Pro Team 0:20:36
95 Edvald Boasson Hagen (Nor) Dimension Data 0:20:39
96 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates
97 Michael Matthews (Aus) Team Sunweb 0:20:53
98 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal 0:21:04
99 Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal
100 Anthony Perez (Fra) Cofidis Solutions Credits
101 Dylan Teuns (Bel) Bahrain-Merida 0:21:13
102 Stefan Kung (Swi) Groupama-FDJ 0:21:15
103 Anthony Turgis (Fra) Total Direct Energie 0:21:34
104 Andrea Pasqualon (Ita) Wanty-Gobert Cycling Team 0:21:39
105 Kevin Van Melsen (Bel) Wanty-Gobert Cycling Team 0:21:51
106 Kevin Ledanois (Fra) Team Arkea-Samsic 0:21:55
107 Thomas Scully (NZl) EF Education First 0:22:15
108 Lennard Kämna (Ger) Team Sunweb
109 Nils Politt (Ger) Katusha-Alpecin
110 Simon Geschke (Ger) CCC Team
111 Anthony Delaplace (Fra) Team Arkea-Samsic 0:22:21
112 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott 0:22:28
113 Tony Martin (Ger) Team Jumbo-Visma 0:22:59
114 Yves Lampaert (Bel) Deceuninck-QuickStep 0:23:11
115 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 0:23:21
116 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ 0:23:27
117 Luke Durbridge (Aus) Mitchelton-Scott 0:23:35
118 Ivan Garcia Cortina (Spa) Bahrain-Merida 0:23:52
119 Matteo Trentin (Ita) Mitchelton-Scott 0:24:02
120 Gianni Moscon (Ita) Team Ineos
121 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal 0:24:07
122 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe 0:24:15
123 Fabio Felline (Ita) Trek-Segafredo 0:24:18
124 Toms Skujins (Lat) Trek-Segafredo
125 Kasper Asgreen (Den) Deceuninck-QuickStep
126 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
127 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott
128 Jan Tratnik (Slo) Bahrain-Merida 0:24:24
129 Søren Kragh Andersen (Den) Team Sunweb
130 Alexis Gougeard (Fra) AG2R La Mondiale
131 Michael Mørkøv (Den) Deceuninck-QuickStep
132 Sonny Colbrelli (Ita) Bahrain-Merida
133 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida
134 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
135 Fabien Grellier (Fra) Total Direct Energie
136 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb
137 Florian Vachon (Fra) Team Arkea-Samsic
138 Julien Simon (Fra) Cofidis Solutions Credits
139 Andre Greipel (Ger) Team Arkea-Samsic
140 Aimé De Gendt (Bel) Wanty-Gobert Cycling Team
141 Stephen Cummings (GBr) Dimension Data
142 Simon Clarke (Aus) EF Education First 0:24:39
143 Maxime Bouet (Fra) Team Arkea-Samsic 0:25:42
144 Micha_ Kwiatkowski (Pol) Team Ineos 0:25:47
145 Luke Rowe (GBr) Team Ineos
146 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe 0:25:53
147 Marco Haller (Aut) Katusha-Alpecin 0:26:21
148 Yoann Offredo (Fra) Wanty-Gobert Cycling Team 0:26:30
149 William Bonnet (Fra) Groupama-FDJ 0:26:35
150 _ukasz Wi_niowski (Pol) CCC Team
151 Michael Hepburn (Aus) Mitchelton-Scott 0:27:09
152 Sebastian Langeveld (Ned) EF Education First
153 Amund Grondahl Jansen (Nor) Team Jumbo-Visma
154 Lars Ytting Bak (Den) Dimension Data
155 Reinardt Janse Van Rensburg (RSA)
156 Dylan Groenewegen (Ned) Team Jumbo-Visma
157 Elia Viviani (Ita) Deceuninck-QuickStep
158 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin 0:27:26
159 Maximiliano Ariel Richeze (Arg) Deceuninck-QuickStep 0:27:30
160 Cees Bol (Ned) Team Sunweb

CLASSIFICA GENERALE

1 Julian Alaphilippe (Fra) Deceuninck-QuickStep 56:11:29
2 Geraint Thomas (GBr) Team Ineos 0:02:02
3 Steven Kruijswijk (Ned) Team Jumbo-Visma 0:02:14
4 Egan Arley Bernal Gomez (Col) Team Ineos 0:03:00
5 Emanuel Buchmann (Ger) Bora-Hansgrohe 0:03:12
6 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ
7 Rigoberto Urán (Col) EF Education First 0:04:24
8 Jakob Fuglsang (Den) Astana Pro Team 0:05:22
9 Alejandro Valverde Belmonte (Spa) Movistar Team 0:05:27
10 Enric Mas (Spa) Deceuninck-QuickStep 0:05:38
11 Mikel Landa Meana (Spa) Movistar Team 0:06:14
12 Richie Porte (Aus) Trek-Segafredo 0:06:49
13 Warren Barguil (Fra) Team Arkea-Samsic 0:07:17
14 Nairo Quintana (Col) Movistar Team 0:07:19
15 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo 0:09:03
16 Daniel Martin (Irl) UAE Team Emirates 0:09:50
17 Roman Kreuziger (Cze) Dimension Data 0:09:55
18 Adam Yates (GBr) Mitchelton-Scott 0:10:37
19 David Gaudu (Fra) Groupama-FDJ 0:11:00
20 Fabio Aru (Ita) UAE Team Emirates 0:11:19
21 Guillaume Martin (Fra) Wanty-Gobert Cycling Team 0:13:23
22 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe 0:17:13
23 George Bennett (NZl) Team Jumbo-Visma 0:18:32
24 Alexey Lutsenko (Kaz) Astana Pro Team 0:23:39
25 Rudy Molard (Fra) Groupama-FDJ 0:25:54
26 Romain Bardet (Fra) AG2R La Mondiale 0:26:05
27 Xandro Meurisse (Bel) Wanty-Gobert Cycling Team 0:26:29
28 Sebastien Reichenbach (Swi) Groupama-FDJ 0:29:11
29 Greg Van Avermaet (Bel) CCC Team 0:30:02
30 Nicolas Roche (Irl) Team Sunweb 0:34:44
31 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott 0:34:46
32 Laurens De Plus (Bel) Team Jumbo-Visma 0:34:56
33 Marc Soler (Spa) Movistar Team 0:36:50
34 Jesus Herrada Lopez (Spa) Cofidis Solutions Credits 0:37:03
35 Giulio Ciccone (Ita) Trek-Segafredo 0:40:10
36 Sergio Luis Henao Montoya (Col) UAE Team Emirates 0:42:35
37 Alexis Vuillermoz (Fra) AG2R La Mondiale 0:42:56
38 Gregor Mühlberger (Aut) Bora-Hansgrohe 0:43:04
39 Matteo Trentin (Ita) Mitchelton-Scott 0:43:22
40 Jasper Stuyven (Bel) Trek-Segafredo 0:45:42
41 Tanel Kangert (Est) EF Education First 0:46:26
42 Rein Taaramäe (Est) Total Direct Energie 0:47:26
43 Mathias Frank (Swi) AG2R La Mondiale 0:48:26
44 Michael Matthews (Aus) Team Sunweb 0:48:55
45 Mickael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale 0:49:14
46 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida 0:49:31
47 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo 0:50:40
48 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Astana Pro Team 0:52:17
49 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 0:52:28
50 Wilco Kelderman (Ned) Team Sunweb 0:53:10
51 Tiesj Benoot (Bel) Lotto Soudal 0:54:59
52 Dylan Teuns (Bel) Bahrain-Merida 0:55:19
53 Rui Alberto Faria da Costa (Por) UAE Team Emirates 0:55:23
54 Michael Woods (Can) EF Education First 0:56:08
55 Wout Poels (Ned) Team Ineos 0:56:22
56 Fabio Felline (Ita) Trek-Segafredo 0:58:20
57 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin 1:00:19
58 Andrey Amador Bikkazakova (Crc) Movistar Team 1:01:13
59 Jonathan Castroviejo Nicolas (Spa) Team Ineos 1:02:00
60 Oliver Naesen (Bel) AG2R La Mondiale 1:02:16
61 Simon Clarke (Aus) EF Education First 1:02:57
62 Micha_ Kwiatkowski (Pol) Team Ineos 1:03:48
63 Alberto Bettiol (Ita) EF Education First 1:05:28
64 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe 1:05:51
65 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott 1:07:07
66 Luis León Sánchez (Spa) Astana Pro Team 1:07:13
67 Edvald Boasson Hagen (Nor) Dimension Data 1:08:21
68 Michael Valgren Andersen (Den) Dimension Data 1:09:03
69 Dylan van Baarle (Ned) Team Ineos 1:10:07
70 Romain Sicard (Fra) Total Direct Energie 1:10:19
71 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 1:11:48
72 Pierre-Luc Périchon (Fra) Cofidis Solutions Credits 1:14:59
73 Søren Kragh Andersen (Den) Team Sunweb 1:16:50
74 Sonny Colbrelli (Ita) Bahrain-Merida 1:17:27
75 Gianni Moscon (Ita) Team Ineos 1:17:43
76 Omar Fraile Matarranza (Spa) Astana Pro Team 1:18:39
77 Lennard Kämna (Ger) Team Sunweb 1:19:14
78 Nils Politt (Ger) Katusha-Alpecin 1:19:35
79 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 1:19:52
80 Jan Tratnik (Slo) Bahrain-Merida 1:19:57
81 Maxime Bouet (Fra) Team Arkea-Samsic 1:20:12
82 Tony Gallopin (Fra) AG2R La Mondiale 1:21:55
83 Simon Geschke (Ger) CCC Team 1:22:18
84 Damiano Caruso (Ita) Bahrain-Merida 1:26:23
85 Joey Rosskopf (USA) CCC Team 1:28:34
86 Elie Gesbert (Fra) Team Arkea-Samsic 1:29:15
87 Serge Pauwels (Bel) CCC Team 1:29:36
88 Tim Wellens (Bel) Lotto Soudal 1:30:15
89 Dries Devenyns (Bel) Deceuninck-QuickStep 1:30:33
90 Andrea Pasqualon (Ita) Wanty-Gobert Cycling Team 1:32:31
91 Hugo Houle (Can) Astana Pro Team 1:36:04
92 Ben King (USA) Dimension Data 1:36:35
93 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team 1:37:36
94 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ 1:37:43
95 Mike Teunissen (Ned) Team Jumbo-Visma 1:37:54
96 Lilian Calmejane (Fra) Total Direct Energie 1:38:14
97 Amaël Moinard (Fra) Team Arkea-Samsic 1:38:40
98 Imanol Erviti Ollo (Spa) Movistar Team 1:38:48
99 Julien Simon (Fra) Cofidis Solutions Credits 1:39:37
100 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 1:39:43
101 Toms Skujins (Lat) Trek-Segafredo 1:40:29
102 Michael Schär (Swi) CCC Team 1:40:58
103 Anthony Delaplace (Fra) Team Arkea-Samsic 1:41:41
104 Kevin Ledanois (Fra) Team Arkea-Samsic 1:41:56
105 Ivan Garcia Cortina (Spa) Bahrain-Merida 1:43:20
106 Jens Keukeleire (Bel) Lotto Soudal 1:43:51
107 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida 1:45:49
108 Natnael Berhane (Eri) Cofidis Solutions Credits 1:46:00
109 Stefan Kung (Swi) Groupama-FDJ 1:46:11
110 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb 1:46:22
111 Odd Christian Eiking (Nor) Wanty-Gobert Cycling Team 1:47:16
112 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe 1:48:23
113 Luke Durbridge (Aus) Mitchelton-Scott 1:48:52
114 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal 1:49:56
115 Paul Ourselin (Fra) Total Direct Energie 1:50:44
116 Stéphane Rossetto (Fra) Cofidis Solutions Credits 1:53:58
117 Luke Rowe (GBr) Team Ineos 1:55:58
118 Sven Erik Bystrøm (Nor) UAE Team Emirates 1:56:06
119 Benoit Cosnefroy (Fra) AG2R La Mondiale 1:57:48
120 Anthony Perez (Fra) Cofidis Solutions Credits 1:58:58
121 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates 2:02:35
122 Fabien Grellier (Fra) Total Direct Energie 2:02:48
123 Magnus Cort (Den) Astana Pro Team 2:03:36
124 Yves Lampaert (Bel) Deceuninck-QuickStep 2:05:07
125 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal 2:05:47
126 Carlos Verona Quintanilla (Spa) Movistar Team 2:06:31
127 _ukasz Wi_niowski (Pol) CCC Team 2:06:34
128 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo 2:06:37
129 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 2:06:51
130 Anthony Turgis (Fra) Total Direct Energie 2:07:05
131 Florian Vachon (Fra) Team Arkea-Samsic 2:08:06
132 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe 2:08:43
133 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott 2:08:59
134 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ 2:10:19
135 Alexis Gougeard (Fra) AG2R La Mondiale 2:10:48
136 Frederik Backaert (Bel) Wanty-Gobert Cycling Team 2:13:12
137 Kevin Van Melsen (Bel) Wanty-Gobert Cycling Team 2:14:07
138 William Bonnet (Fra) Groupama-FDJ 2:14:35
139 Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal 2:16:23
140 Stephen Cummings (GBr) Dimension Data 2:16:30
141 Chad Haga (USA) Team Sunweb 2:18:13
142 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal 2:18:19
143 Thomas Scully (NZl) EF Education First 2:18:24
144 Michael Mørkøv (Den) Deceuninck-QuickStep 2:18:35
145 Kasper Asgreen (Den) Deceuninck-QuickStep 2:19:51
146 Michael Hepburn (Aus) Mitchelton-Scott 2:20:00
147 Andre Greipel (Ger) Team Arkea-Samsic 2:20:15
148 Aimé De Gendt (Bel) Wanty-Gobert Cycling Team 2:22:09
149 Marco Haller (Aut) Katusha-Alpecin 2:22:14
150 Tony Martin (Ger) Team Jumbo-Visma 2:26:34
151 Yoann Offredo (Fra) Wanty-Gobert Cycling Team 2:46:15

Thibaut Pinot trionfa ai 2115 metri del Col du Tourmalet (foto Bettini)

Thibaut Pinot trionfa ai 2115 metri del Col du Tourmalet (foto Bettini)

20-07-2019

luglio 20, 2019 by Redazione  
Filed under Ordini d'arrivo

TOUR DE FRANCE

Il francese Thibaut Pinot (Groupama – FDJ) si è imposto nella quattordicesima tappa, Tarbes – Tourmalet, percorrendo 111 Km in 3h10′20″ alla media di 34.99 Km/h. Ha preceduto di 6″ il connazionale Julian Alaphilippe (Deceuninck – Quick Step) e l’olandese Steven Kruijswijk. Miglior italiano Fabio Aru (UAE-Team Emirates), 19° a 3′33″. Alaphilippe è ancora maglia gialla con 2′02″ sul britannico Geraint Thomas e 2′14″ su Kruijswijk. Miglior italiano Aru, 20° a 11′19″.

TOUR OF QINGHAI LAKE (Cina)

L’australiano Benjamin Dyball (Team Sapura Cycling) si è imposto nella settima tappa, circuito a cronometro di Haiyan, percorrendo 41.5 Km in 48′46″ alla media di 51.67 Km/h. Ha preceduto di 1′23″ l’olandese Peter Koning e di 1′50″ il colombiano Walter Alejandro Vargas Alzate (Medellín). Miglior italiano Nicolas Marini (Tianyoude Hotel Cycling Team), 10° a 2′35″. Il colombiano Robinson Eduardo Chalapud Gómez (Medellín) è ancora leader della classifica con 1′24″ sullo spagnolo Óscar Miguel Sevilla Ribera e 1′51″ su Vargas Alzate. Miglior italiano Umberto Marengo (Neri Sottoli – Selle Italia – KTM), 23° a 7′29″.

V4 SPECIAL SERIES VÁSÁROSNAMÉNY – NYÍREGYHÁZA

L’austriaco Daniel Auer (Maloja Pushbikers) si è imposto nella corsa ungherese, Vásárosnamény – Nyíregyháza, percorrendo 163.8 Km in 3h22′38″ alla media di 48.50 Km/h. Ha preceduto di 3″ l’ungherese János Pelikán e di 6″ lo sloveno Rok Korošec. Miglior italiano Simone Innocenti (Delio Gallina Colosio Eurofeed), 7° a 6″

VUELTA CICLISTA A VENEZUELA

Il venezuelano Orluis Alberto Aular Sanabria (nazionale venezuelana) si è imposto anche nella quarta tappa, Guanare – Barquisimeto, percorrendo 155.3 Km in 3h56′03″ alla media di 39.47 Km/h. Ha preceduto allo sprint il connazionale Yonathan Jesús Salinas Duque e di 7″ il connazionale Ralph Michael Monsalve Pertsinidis. Aular Sanabria è ancora leader della classifica con 37″ su Monsalve Pertsinidis e 41″ su Salinas Duque.

GIRO CICLISTICO DELLA VALLE D’AOSTA MONT BLANC

Lo spagnolo Juan Pedro López Pérez (Kometa Cycling Team) si è imposto nella quarta tappa, Orsières – Champex, percorrendo 128 Km in 4h28′28″ alla media di 28.61 Km/h. Ha preceduto di 2″ l’etiope Mulu Hailemichael e di 5″ il colombiano Santiago Buitrag Sánchez. Miglior italiano Filippo Conca (Biesse Carrera), 8° a 1′06″. Il belga Mauri Vansevenant (Kometa Cycling Team) è ancora leader della classifica con 4′30″ sul britannico Adam Hartley e 9′18″ sull’olandese Kevin Inkelaar. Miglior italiano Conca, 7° a 13′21″

TOURBILLON A PAU

luglio 19, 2019 by Redazione  
Filed under Approfondimenti, Copertina

Ecco il tradizionale contenitore made ne ilciclismo.it che da diverse stagioni accompagna le cronache prima del Giro e poi del Tour. All’interno ritroverete le rubriche riservate alla rassegna stampa internazionale, alla colonna sonora del giorno, alle previsioni del tempo per la tappa successiva, alle “perle” dei telecronisti, al Tour rivisto alla “rovescia” e al ricordo di un Tour passato (quest’anno rivisiteremo l’edizione del 1949 a 70 anni dalla prima storica accoppiata Giro-Tour di Fausto Coppi).

COSA SI DICE NEL MONDO

Rassegna stampa “breve” dai paesi dei grandi favoriti del Tour 2019 (Bernal e Quintana, Thomas e Porte), dalla nostra Italia, dalla Francia e dalle nazioni dei vincitori di tappa e delle maglie gialle di turno

Italia: Vincenzo Nibali – Fabio Aru

Incredibile Alaphilippe: domina anche la crono di Pau – Van Aert aggancia le transenne: la caduta è terribile – La Course, bis per la Vos. Longo Borghini sesta (Gazzetta dello Sport)

Tour, Alaphilippe dominatore: anche la crono di Pau è sua, eclissati i rivali – Tour, paura nella tappa a Pau. Van Aert colpisce le barriere e si ferisce a una gamba – Tour, la sparizione di Dennis in corsa: il mistero che la Bahrein non spiega (Corriere della Sera)

Gran Bretagna: Geraint Thomas

Julian Alaphilippe stuns Geraint Thomas with time trial win to extend his overall lead at the Tour de France – Col du Tourmalet – the Tour de France legend where stories are made and lives are changed – Rohan Dennis’ decision to quit Tour de France mid-race leaves team ‘confused and disappointed’ (The Daily Telegraph)

Alaphilippe stuns Thomas to win time-trial and keep yellow jersey – Time-trial favourite abandons race after hitting barrier – Vos bursts past Spratt to win La Course with late surge (The Independent)

Colombia: Egan Bernal – Nairo Quintana

Fantástica etapa de Urán; Egan estuvo bien y Nairo se defendió – Alaphilippe, el sorprendente y corajudo líder del Tour de Francia – Las cinco conclusiones de la contrarreloj del Tour de Francia – Esto dijo Rigoberto Urán después de su espectacular crono – Nairo se olvidó de la crono y reta a sus rivales en la montaña – Wout Van Aert, favorito de la etapa, se va al piso en la contrarreloj – Oficial: Wout Van Aert abandona el Tour de Francia (El Tiempo)

Rigoberto Urán, cuarto en la contrarreloj individual del Tour de Francia – Nairo: “Llega nuestro terreno” – Wout Van Aert abandona el Tour tras caída en la contrarreloj individual – Nairo Quintana está a un paso del equipo Arkea (El Espectador)

Australia: Richie Porte

Porte fires up to start reeling in Tour big guns – Shock reasons that tipped Aussie star over the edge (Herald Sun)

Alaphilippe extends yellow jersey lead after stunning Pau time trial – Spratt’s solo La Course breakaway falls short as Vos triumphs – ‘What the hell am I doing?’: Behind Rohan Dennis’ tour walkout (The Sydney Morning Herald)

Francia: Romain Bardet – Thibaut Pinot – Julian Alaphilippe

Alaphilippe sur orbite – Alaphilippe: «C’est incroyable» – Mas: «On va essayer de défendre le Maillot Jaune» – Van Aert, fin de parcours – L’arrivée au Tourmalet, une exception – Cent ans et toujours jaune – Sagan fait le show en roue arrière (L’Equipe)

Alaphilippe épatant sur le chrono… ce qu’il faut retenir de la 13e étape – Tour de France: le maillot jaune, l’éclat intact d’un vaillant centenaire – Les mots du Tour: «contre-la-montre» (Le Figaro)

DISCOTOUR: la colonna sonora della tappa del Tour scelta per voi da ilciclismo.it

“Time Waits For No One” (Freddie Mercury)

LA TAPPA CHE VERRÀ – 14a TAPPA: TARBES – TOURMALET (117.5 Km)

Dopo lo sforzo della crono il Tour torna ad arrampicarsi sui Pirenei per la prima di due tappe decisamente più impegnative ed interessanti rispetto a quella, rivelatasi noiosa e del tutto ininfluente ai fini della classifica, disputata giovedì tra Tolosa e Bagnères-de-Bigorre. In queste due giornate, infatti, il traguardo non sarà collocato al termine di un’interminabile discesa e, nello specifico, oggi si arriverà ai 2115 metri del mitico Col du Tourmalet, il più elevato tra i passi pirenaici francesi, superato in altitudine solo dal Port d’Envalira (2409 metri), situato in territorio andorrano. I corridori saliranno dal versante occidentale, che raggiunge il celebre valico in 19 Km, superando un dislivello di quasi 1400 metri e una pendenza media del 7.4%, “numeri” che si aggiungeranno a quelli del precedente Col du Soulor (1474 metri, 11.9 Km al 7.8%), sul quale si scollinerà quando mancheranno quasi 40 Km all’attacco dell’ascesa finale. Considerato il basso chilometraggio della tappa e il fatto che i primi 50 Km si snoderanno prevalentemente in pianura, a parte la piccola Côte de Labatmale (1.4 Km al 6.7%), il gruppo potrebbe essere ispirato ad una partenza a velocità sostenuta e quest’eventualità potrebbe incidere sulla selezione se i migliori si presenteranno ai piedi del Tourmalet con il serbatoio già abbondantemente “saccheggiato”.

UN PO’ DI STORIA

Capoluogo del dipartimento degli Alti Pirenei, Tarbes dista circa 40 Km dalla “gettonatissima” Pau ma non vanta il suo stesso “curriculum” di presenze al Tour, avendo ospitato l’approdo di una tappa della Grande Boucle in sole quattro occasioni. La prima volta risale al 1933, quando all’arrivo si impose il belga Jean Aerts, che avrà quali successori il francese Antonin Magne nel 1934, l’italiano Serafino Biagioni nel 1951 e il francese Pierrick Fédrigo nel 2009.
Decisamente più nutrito è il palmarès del Tourmalet, che dal 1910 ad oggi è stato inserito 82 volte nel tracciato del Tour e di queste 2 sono state valide come arrivo di tappa, la prima nel 1974 e la seconda nel 2010, quando rispettivamente si sono imposti lassù il francese Jean-Pierre Danguillaume e il lussemburghese Andy Schleck. A questi precedenti si potrebbero aggiungere, non considerati nel computo degli 82 passaggi, anche quelli delle 3 tappe terminate in salita a La Mongie, stazione di sport invernali situata lungo il versante orientale del passo, e che sono state conquistate dal francese Bernard Thévenet nel 1970, da Lance Armstrong nel 2002 (successivamente depennata e non assegnata al secondo, lo spagnolo Joseba Beloki) e da Ivan Basso nel 2004. Tornando al Tourmalet il primo a conquistarne la cima è stato il francese Octave Lapize nel 1910, l’ultimo il connazionale Julian Alaphilippe lo scorso anno: in mezzo risaltano i passaggi in testa al GPM degli italiani Ottavio Bottecchia (1924), Gino Bartali (1938), Fausto Coppi (1949 e 1952), Claudio Chiappucci (1991) e Alberto Elli (1998 e 1999).

METEO TOUR

Tarbes: cielo sereno, 27.4°C (percepiti 30°C), vento moderato da NW (11 Km/h), umidità al 68%
Pierrefitte-Nestalas (Traguardo Volante – Km 86): nubi sparse, 27.1°C (percepiti 29°C), vento debole da W (10 Km/h), umidità al 69%
Tourmalet* : cielo sereno, 23.4°C, vento moderato da SSW (12-16 Km/h), umidità al 49%

* previsioni relative alla località di La Mongie (1785 metri), situata sul versante orientale del Tourmalet (traguardo a quota 2115 metri)

L’ANGOLO DI PANCANOLO (CON UN CARO SALUTO A SILVIOLO)

Gli strafalcioni dei giornalisti al seguito della corsa rosa

De Luca: “Tempo indicataivo”
De Luca: “Sono tutte scure puerili”
Saligari: “I corridori partono distanzati di un minuto”
Pancani: “Elia Vivani”
Pancani: “La crono è uno spartiacqua”
Saligari: “Sono tutte considerazioni interessante”
Pancani: “Il micidiale strampo che termina a 350 metri dalla fine”
Giovannelli: “Uno dei migliori cronometri della sua vita”
Pancani: “La cronometro conclusivo”
Pancani: “Siamo entrati nei primi 35 della classifica”
Pancani: “Richie Porte al primo intervento” (intermedio)
Saligari: “Qui esce il cronoman di Geraint Thomas”
Pancani: “Daremo immediamente la linea a Milano”
Giovannelli (traducendo Thomas): “Ho guadagnato da tanti rivali diretti”
Garzelli: “Questi 19 chilometro”
De Luca: “Stanno scorrendo come guerre stellari le notizie su Julian Alaphilippe”
De Luca: “Come si dovrà comprare la squadra di Lefevere?” (comportare)

dalla telecronaca della tappa dell’Alpe di Siusi (Giro 2016)

Pancani: “Silviolo”
Martinello: “Dimmi Pancanolo”

IL TOUR DI GOMEZ
In questa rubrica vi faremo rileggere i piani alti della classica, come li avrebbe visti Gomez Addams nelle sue letture del giornale in “verticale”… vale a dire le classifiche giornaliere viste al contrario, dal punto di vista della maglia nera!

Ordine d’arrivo tredicesima tappa

1° Caleb Ewan
2° Andrey Amador s.t.
3° Tony Martin a 10″
4° Magnus Cort Nielsen a 30″
5° Roger Kluge a 36″

Miglior italiano: Niccolò Bonifazio, 14° a 1′05″

Classifica generale

1° Yoann Offredo
2° Sebastian Langeveld a 11′33″
3° Jens Debusschere a 15′56″
4° Tony Martin a 16′10″
5° Aimé De Gendt a 22′00″

Miglior italiano: Niccolò Bonifazio, 17° a 26′42″

1949: FAUSTO COPPI, LA PRIMA DOPPIETTA
Attraverso i titoli del quotidiano “La Stampa” riviviamo il Tour del 1949, vinto da Fausto Coppi che così conquistò la sua prima doppietta Giro-Tour

14 LUGLIO 1949 – 13a TAPPA: TOLOSA – NÎMES (289 Km)

IL TOUR NEL “FORNO” DELLA PROVENZA
La Tolosa-Nimes dominata dal caldo – Vittoria di Idée dopo una fuga a sette – Solo Dupont si avvantaggia su Bartali e Coppi
Quasi 300 chilometri – Uomini della Costa Azzurra

ARCHIVIO “TOURBILLON”

Selezionare la voce “Tour de France″ nel menù “Corse” (in home, sopra la copertina)

Castello di Pau (hotel-roncevaux-pau.com)

Castello di Pau (hotel-roncevaux-pau.com)

CONTRO IL TEMPO: ALAPHILIPPE VINCE LA CRONO ED ORA FA PAURA

luglio 19, 2019 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Grande prestazione della maglia gialla Julian Alaphilippe che, sulle strade della cronometro di Pau, mette in fila tutti i big ed incrementa il proprio vantaggio in classifica generale alla vigilia delle grandi montagne. Buona prova per Thomas, Kruijswijk, Urán, Porte, Pinot e De Gendt. Male Bardet, Quintana e Bernal, mentre Landa, considerate le proprie caratteristiche, ha disputato una prova dignitosa.

Con la cronometro alla vigilia delle grandi montagne il Tour de France ha raggiunto il giro di boa. Si archivia la prima parte caratterizzata da pianura e collina, per andare ad affrontare la seconda parte che sarà dedicata alla sfida diretta tra gli uomini di classifica.
Il percorso delle tappa odierna, preso isolatamente dal disegno generale della corsa, era certamente positivo. Una bella prova di lunghezza intermedia, molto varia, caratterizzata dal numerosi saliscendi, con alcuni tratti filanti, ma prevalenza di parti planimetricamente tecniche. Non una prova da specialisti, insomma, ma una tappa nella quale vi erano concrete possibilità di difesa anche da parte di uomini che soffrono le prove contro il tempo. Favoriti quindi i corridori completi che riescono ad esprimersi al meglio sulla varietà di terreni.
Un po’ meno felice è la prova nel disegno generale de Tour; 27 chilometri a cronometro individuale in un intero Tour de France sono davvero pochi, specialmente se affiancati dall’orribile cronosquadre. Da questo punto di vista, negli ultimi anni, gli organizzatori del Giro d’Italia hanno proposto percorsi nettamente migliori, con più chilometri a cronometro che hanno spinto gli scalatori ad attaccare per recuperare il gap. Basti pensare che le crono di San Marino e San Luca hanno scavato solchi tali da spingere scalatori come Landa ad attaccare anche sul Montoso nella Cuneo – Pinerolo, tappa che per distanza dal traguardo della salita poteva essere paragonata alla frazione di Bagnères-de-Bigorre, che ha invece visto calma piatta tra i big.
La tappa di oggi era comunque attesa per avere una conferma o una smentita dei valori fin qui messi in campo dagli atleti. L’esito è stato quella di una sostanziale conferma con alcuni aggiustamenti. Ad esempio, il colombiano Egan Bernal (Team INEOS), sinora classificato con un tempo molto vicino a quello del suo capitano Geraint Thomas, ha sofferto molto terminando la prova in ventiduesima posizione e pagando un passivo piuttosto pesante, 1′36″ dal vincitore (ovvero 3 secondi e mezzo al chilometro). Va, però, considerato che Bernal aveva focalizzato la propria preparazione sul Giro d’Italia e l’incidente patito a pochi giorni dalla partenza di Bologna lo ha costretto a rivedere il piano per la stagione.
I non specialisti, invece, hanno pagato quasi tutti, chi più chi meno. Uno dei peggiori è stato Romain Bardet (AG2R La Mondiale), che già nella prima settimana del Tour aveva dimostrato di non essere nelle migliori condizioni. Il corridore di casa ha terminato la prova con un passivo vicino ai due minuti e mezzo, patendo quasi 5 secondi e mezzo a chilometro da Julian Alaphilippe (Deceuninck – Quick Step). Adam Yates, che doveva essere l’uomo di classifica della Mitchelton-Scott, ha pagato 2 minuti e 8 secondi, mentre Nairo Quintana (Movistar) ha accusato un passivo di 1′51″, facendo peggio del compagno di squadra Mikel Landa (1′46″), che ha però disputato anche il Giro d’Italia (senza peraltro risparmiarsi essendosi classificato quarto, pur nel ruolo di aiuto al vincitore della corsa rosa Richard Carapaz. Da questo punto di vista la prestazione di Landa è da considerare dignitosa. Lo spagnolo, infatti, ha tenuto il passivo al di sotto dei 4 secondi al chilometro e, se si tiene conto della sua tradizionale allergia alle prove contro il tempo e della sua partecipazione al Giro d’Italia in un ruolo da protagonista, si può apprezzare la sua prestazione perlomeno come non negativa. Inoltre, conoscendo l’indole del forte scalatore della Movistar possiamo stare sicuri che già da domani lo vedremo all’attacco, è l’unico che ci prova sempre e comunque.
Anche Fabio Aru (UAE-Team Emirates), che ha corso sugli stessi tempi di Landa, può ritenersi moderatamente soddisfatto: 4 secondi al chilometro da Alaphilippe, considerando lo scarso feeling con le lancette ed il recente rientro alle corse dopo l’intervento, possono considerarsi un risultato non proprio negativo, ipotizzando una crescita con il progredire della condizione per un finale di stagione a livelli più elevati.
Passando ai risultati positivi, siamo sotto il minuto con Enric Mas (Deceuninck – Quick Step), che già alla Vuelta dello scorso anno si era fatto notare nelle zone di alta classifica e che in questo Tour de France sta dando conferma delle sue doti di corridore da corse a tappe che può confidare in un futuro da protagonista, vista la giovine età.
Thibaut Pinot (Groupama – FDJ), che negli ultimi anni è molto migliorato a cronometro, ha contenuto il passivo in 49 secondi, ossia meno di due secondi al chilometro, e si starà ancora disperando per il buco preso a Albi, quando non è riuscito ad entrare in un ventaglio non impossibile ed ha poi aggravato la situazione, staccando i compagni di squadra e spendendo molte energie preziose in un improbabile recupero con altri 4 malcapitati, mentre davanti tiravano in 50 come dannati, invece di cercare di limitare i danni.
45 secondi è il passivo di Steven Kruijswijk (Jumbo Visma), che ha perso un po’ di smalto nella parte finale, ma si è comunque difeso molto bene, salendo in terza poszione in classifica alla vigilia di quelle montagne che sono il suo terreno di gara prediletto. L’olandese è un regolarista, un ottimo motore che mantiene bene la condizione anche nella terza settimana e quando gli altri cominceranno ad accusare la stanchezza potrebbe essere un brutto cliente, specialmente sulle Alpi. L’azione dell’anno scorso nella tappa dell’Alpe d’Huez ed il dominio incontrastato al Giro 2016, spezzato solo dalla frattura rimediata nella discesa del Colle dell’Agnello, sono circostanze che lo proiettano a pieno titolo nella lotta per la vittoria finale.
Stesso tempo per Richie Porte (Trek – Segafredo), che ha disputato una discreta cronometro ma, a differenza di Kruijswijk, è molto lontano in classifica generale poiché veleggia a 4′44″ dal leader.
Meglio ha fatto Rigoberto Urán, che ha preso 36 secondi dal vincitore ed è nella top ten, anche se a 4 minuti di ritardo dalla testa della classifca.
Passando al podio di giornata va registrata la strepitosa prova di Thomas De Gendt (Lotto Soudal), che ha strappato per soli 28 centesimi la terza piazza di giornata a Urán. De Gendt, si sa, è l’uomo delle fughe ed è fuori classifica e domani c’è una tappa che potrebbe vederlo all’attacco. Ciononostante, il belga ha sfoderato un’ottima prova ed ha a lungo cullato il sogno della vittoria di tappa. Davvero encomiabile.
Uno dei corridori che maggiormente puntava alla vittoria in questa tappa, l’astro nascente belga Wout Van Aert, è stato costretto ad abbondare la corsa per un brutto incidente accadutogli nel finale di una gara che lo vedeva viaggiare sul tempo dei migliore e che è terminata in una delle ultime curve del tracciato: il corridore del Team Jumbo-Visma, che a giugno si era imposto nella crono del Delfinato, si è agganciato, probabilmente con il ginocchio, ad una transenna che lo ha disarcionato dalla bici provocandogli una ferita alla gamba.
Un gradino sopra tutti gli altri sono apparsi Thomas ed Alaphilippe. Il primo è riuscito a far valere le sue doti di cronoman su di un percorso, come si è detto, abbastanza complesso, più tecnico che da pedalare. Il britannico ha fatto registrare dei buoni intermedi ed ha mantenuto una buona media e cadenza. La vittoria non gli sarebbe sfuggita se non avesse incontrato sulla sua strada un super Alaphilippe che, in barba a tutti i pronostici, non solo ha mantenuto il vessillo del primato, ma ha addirittura vinto la tappa incrementando il vantaggio e portandolo a poco meno di 1 minuto e mezzo su Thomas e a 2′12″ su Kruijswijk.
Ora il transalpino fa paura perché il trend della condizione è a suo favore e perché il capitano della Deceuninck si è allenato per cercare di migliorare sulle grandi salite che sono alle porte.
Le prossime tappe, purtroppo, lasciano a desiderare. Domani dopo il Soulor c’è un lungo tratto interlocutorio prima di affrontare il Tourmalet, arrivo di tappa. La frazione non invita ad attacchi di largo respiro e sembra più adatta allo scattino ai 2 chilometri. Leggermente migliori apparte il tracciato della frazione di domenica, che prevede 4 colli da scalare e tra questi c’è l’impegnativo Mur de Péguère. Anche sulle Alpi, la tappa del Galibier prevede l’ascesa al mitico passo dal versante del Lautaret, che non è il massimo, mentre la tappa di Val Thorens, forse la meglio disegnata, misura solo 125 Km.
In ogni caso non ci si potrà più nascondere: visto lo stato di forma di Alaphilippe il momento di attaccare a fondo è arrivato per chi punta alla vittoria finale.

Benedetto Ciccarone

ORDINE D’ARRIVO

1 Julian Alaphilippe (Fra) Deceuninck-QuickStep 0:35:00
2 Geraint Thomas (GBr) Team Ineos 0:00:14
3 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 0:00:36
4 Rigoberto Uran (Col) EF Education First
5 Richie Porte (Aus) Trek-Segafredo 0:00:45
6 Steven Kruijswijk (Ned) Team Jumbo-Visma
7 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ 0:00:49
8 Kasper Asgreen (Den) Deceuninck-QuickStep 0:00:52
9 Enric Mas (Spa) Deceuninck-QuickStep 0:00:58
10 Joseph Rosskopf (USA) CCC Team 0:01:01
11 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team 0:01:03
12 Jakob Fuglsang (Den) Astana Pro Team 0:01:07
13 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo 0:01:09
14 Alejandro Valverde (Spa) Movistar Team 0:01:11
15 Emanuel Buchmann (Ger) Bora-Hansgrohe 0:01:19
16 Jan Tratnik (Slo) Bahrain-Merida
17 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:01:22
18 Nils Politt (Ger) Katusha-Alpecin 0:01:25
19 Alberto Bettiol (Ita) EF Education First 0:01:26
20 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 0:01:31
21 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin 0:01:32
22 Egan Bernal (Col) Team Ineos 0:01:36
23 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida 0:01:44
24 Mikel Landa (Spa) Movistar Team 0:01:45
25 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe 0:01:48
26 Fabio Aru (Ita) UAE Team Emirates 0:01:49
27 Stefan Küng (Swi) Groupama-FDJ 0:01:50
28 Nairo Quintana (Col) Movistar Team 0:01:51
29 Anthony Perez (Fra) Cofidis Solutions Credits 0:01:53
30 Alexey Lutsenko (Kaz) Astana Pro Team 0:01:54
31 Søren Kragh Andersen (Den) Team Sunweb 0:02:05
32 Alexis Gougeard (Fra) AG2R La Mondiale 0:02:06
33 Daniel Martin (Irl) UAE Team Emirates
34 Adam Yates (GBr) Mitchelton-Scott 0:02:08
35 Lennard Kämna (Ger) Team Sunweb 0:02:13
36 Fabio Felline (Ita) Trek-Segafredo 0:02:15
37 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb 0:02:25
38 Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal
39 Romain Bardet (Fra) AG2R La Mondiale 0:02:26
40 Xandro Meurisse (Bel) Wanty-Gobert 0:02:28
41 Tanel Kangert (Est) EF Education First 0:02:31
42 Lukasz Wisniowski (Pol) CCC Team
43 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin
44 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ 0:02:32
45 Roman Kreuziger (Cze) Dimension Data 0:02:39
46 Stéphane Rossetto (Fra) Cofidis Solutions Credits 0:02:41
47 Wilco Kelderman (Ned) Team Sunweb 0:02:45
48 Stephen Cummings (GBr) Dimension Data
49 Ben King (USA) Dimension Data 0:02:50
50 Jesus Herrada (Spa) Cofidis Solutions Credits 0:03:00
51 Ivan Garcia (Spa) Bahrain-Merida
52 Michael Schär (Swi) CCC Team 0:03:03
53 Guillaume Martin (Fra) Wanty-Gobert
54 Frederik Backaert (Bel) Wanty-Gobert 0:03:04
55 Yves Lampaert (Bel) Deceuninck-QuickStep
56 Rudy Molard (Fra) Groupama-FDJ 0:03:08
57 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida 0:03:09
58 Michael Matthews (Aus) Team Sunweb
59 Maxime Bouet (Fra) Arkéa Samsic 0:03:10
60 Simon Geschke (Ger) CCC Team 0:03:11
61 Warren Barguil (Fra) Arkéa Samsic 0:03:13
62 Damiano Caruso (Ita) Bahrain-Merida 0:03:14
63 Sébastien Reichenbach (Swi) Groupama-FDJ
64 Dylan van Baarle (Ned) Team Ineos 0:03:21
65 Julien Simon (Fra) Cofidis Solutions Credits 0:03:23
66 Anthony Delaplace (Fra) Arkéa Samsic 0:03:24
67 Greg Van Avermaet (Bel) CCC Team 0:03:25
68 Elie Gesbert (Fra) Arkéa Samsic
69 William Bonnet (Fra) Groupama-FDJ 0:03:31
70 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team 0:03:32
71 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ
72 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe 0:03:33
73 Michael Valgren Andersen (Den) Dimension Data 0:03:38
74 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo
75 Tom Scully (NZl) EF Education First 0:03:41
76 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe
77 Pierre Luc Perichon (Fra) Cofidis Solutions Credits 0:03:44
78 Romain Sicard (Fra) Total Direct Energie
79 Luke Durbridge (Aus) Mitchelton-Scott 0:03:49
80 Paul Ourselin (Fra) Total Direct Energie 0:03:50
81 Lilian Calmejane (Fra) Total Direct Energie 0:03:51
82 Imanol Erviti (Spa) Movistar Team
83 Anthony Turgis (Fra) Total Direct Energie 0:03:52
84 Sven Erik Bystrøm (Nor) UAE Team Emirates 0:03:53
85 Reinardt Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 0:03:58
86 Rein Taaramäe (Est) Total Direct Energie 0:03:59
87 Omar Fraile (Spa) Astana Pro Team 0:04:01
88 David Gaudu (Fra) Groupama-FDJ 0:04:02
89 Lars Bak (Den) Dimension Data 0:04:03
90 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo 0:04:06
91 Elia Viviani (Ita) Deceuninck-QuickStep 0:04:07
92 Sergio Henao (Col) UAE Team Emirates
93 Jens Keukeleire (Bel) Lotto Soudal
94 Wout Poels (Ned) Team Ineos 0:04:09
95 Dries Devenyns (Bel) Deceuninck-QuickStep 0:04:10
96 Florian Vachon (Fra) Arkéa Samsic 0:04:12
97 Benoit Cosnefroy (Fra) AG2R La Mondiale 0:04:14
98 Marc Soler (Spa) Movistar Team 0:04:15
99 Maximiliano Richeze (Arg) Deceuninck-QuickStep 0:04:20
100 Kevin Van Melsen (Bel) Wanty-Gobert 0:04:21
101 Mike Teunissen (Ned) Team Jumbo-Visma 0:04:22
102 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott 0:04:23
103 Gianni Moscon (Ita) Team Ineos
104 Tony Gallopin (Fra) AG2R La Mondiale 0:04:24
105 Amael Moinard (Fra) Arkéa Samsic
106 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates 0:04:25
107 Aime De Gendt (Bel) Wanty-Gobert 0:04:26
108 Michael Mørkøv (Den) Deceuninck-QuickStep 0:04:27
109 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Astana Pro Team 0:04:30
110 Edvald Boasson Hagen (Nor) Dimension Data 0:04:31
111 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal
112 Oliver Naesen (Bel) AG2R La Mondiale 0:04:33
113 Sonny Colbrelli (Ita) Bahrain-Merida 0:04:34
114 Matteo Trentin (Ita) Mitchelton-Scott 0:04:35
115 Nicolas Roche (Irl) Team Sunweb
116 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:04:36
117 Serge Pauwels (Bel) CCC Team 0:04:37
118 Alexis Vuillermoz (Fra) AG2R La Mondiale
119 Laurens De Plus (Bel) Team Jumbo-Visma 0:04:38
120 Dylan Teuns (Bel) Bahrain-Merida 0:04:39
121 Tiesj Benoot (Bel) Lotto Soudal 0:04:40
122 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 0:04:43
123 Fabien Grellier (Fra) Total Direct Energie
124 Tim Wellens (Bel) Lotto Soudal
125 Odd Christian Eiking (Nor) Wanty-Gobert 0:04:45
126 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott
127 Natnael Berhane (Eri) Cofidis Solutions Credits 0:04:46
128 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
129 Hugo Houle (Can) Astana Pro Team
130 Amund Grøndahl Jansen (Nor) Team Jumbo-Visma 0:04:52
131 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 0:04:55
132 Michael Woods (Can) EF Education First
133 Simon Clarke (Aus) EF Education First 0:04:57
134 Kevin Ledanois (Fra) Arkéa Samsic 0:05:02
135 Michal Kwiatkowski (Pol) Team Ineos 0:05:03
136 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates 0:05:07
137 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott 0:05:08
138 Yoann Offredo (Fra) Wanty-Gobert 0:05:10
139 Gregor Mühlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
140 Andrea Pasqualon (Ita) Wanty-Gobert 0:05:11
141 Luke Rowe (GBr) Team Ineos 0:05:12
142 Marcus Burghardt (Ger) Bora-Hansgrohe
143 Giulio Ciccone (Ita) Trek-Segafredo 0:05:16
144 André Greipel (Ger) Arkéa Samsic 0:05:20
145 Michael Hepburn (Aus) Mitchelton-Scott 0:05:23
146 Dylan Groenewegen (Ned) Team Jumbo-Visma 0:05:35
147 Maximilian Schachmann (Ger) Bora-Hansgrohe 0:05:41
148 Jasper Stuyven (Bel) Trek-Segafredo 0:05:44
149 Carlos Verona (Spa) Movistar Team 0:05:48
150 Mikael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale 0:05:49
151 Alexander Kristoff (Nor) UAE Team Emirates
152 Niccolò Bonifazio (Ita) Total Direct Energie 0:05:50
153 Jens Debusschere (Bel) Katusha-Alpecin 0:05:53
154 Marco Haller (Aut) Katusha-Alpecin
155 Toms Skujins (Lat) Trek-Segafredo 0:05:57
156 Jonathan Castroviejo (Spa) Team Ineos 0:05:59
157 Sebastian Langeveld (Ned) EF Education First 0:06:06
158 Mathias Frank (Swi) AG2R La Mondiale 0:06:07
159 George Bennett (NZl) Team Jumbo-Visma 0:06:14
160 Cees Bol (Ned) Team Sunweb 0:06:15
161 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal 0:06:19
162 Magnus Cort Nielsen (Den) Astana Pro Team 0:06:25
163 Tony Martin (Ger) Team Jumbo-Visma 0:06:45
164 Andrey Amador (CRc) Movistar Team 0:06:55
164 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal

CLASSIFICA GENERALE

1 Julian Alaphilippe (Fra) Deceuninck-QuickStep 53:01:09
2 Geraint Thomas (GBr) Team Ineos 0:01:26
3 Steven Kruijswijk (Ned) Team Jumbo-Visma 0:02:12
4 Enric Mas (Spa) Deceuninck-QuickStep 0:02:44
5 Egan Bernal (Col) Team Ineos 0:02:52
6 Emanuel Buchmann (Ger) Bora-Hansgrohe 0:03:04
7 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ 0:03:22
8 Rigoberto Uran (Col) EF Education First 0:03:54
9 Nairo Quintana (Col) Movistar Team 0:03:55
10 Adam Yates (GBr) Mitchelton-Scott
11 Daniel Martin (Irl) UAE Team Emirates 0:04:15
12 Alejandro Valverde (Spa) Movistar Team 0:04:29
13 Jakob Fuglsang (Den) Astana Pro Team
14 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe 0:04:34
15 Richie Porte (Aus) Trek-Segafredo 0:04:44
16 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo 0:05:34
17 Romain Bardet (Fra) AG2R La Mondiale 0:05:46
18 Mikel Landa (Spa) Movistar Team 0:06:00
19 Roman Kreuziger (Cze) Dimension Data 0:06:07
20 Xandro Meurisse (Bel) Wanty-Gobert 0:06:10
21 Alexey Lutsenko (Kaz) Astana Pro Team 0:06:28
22 Warren Barguil (Fra) Arkéa Samsic 0:06:39
23 Fabio Aru (Ita) UAE Team Emirates 0:07:46
24 David Gaudu (Fra) Groupama-FDJ 0:08:34
25 Guillaume Martin (Fra) Wanty-Gobert 0:09:02
26 Greg Van Avermaet (Bel) CCC Team 0:09:43
27 Nicolas Roche (Irl) Team Sunweb 0:14:25
28 Rudy Molard (Fra) Groupama-FDJ 0:15:55
29 George Bennett (NZl) Team Jumbo-Visma 0:17:34
30 Sébastien Reichenbach (Swi) Groupama-FDJ 0:17:50
31 Matteo Trentin (Ita) Mitchelton-Scott 0:19:20
32 Giulio Ciccone (Ita) Trek-Segafredo 0:19:51
33 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott 0:23:07
34 Jasper Stuyven (Bel) Trek-Segafredo 0:25:23
35 Sergio Henao (Col) UAE Team Emirates 0:25:24
36 Jesus Herrada (Spa) Cofidis Solutions Credits 0:25:41
37 Rein Taaramäe (Est) Total Direct Energie 0:27:07
38 Michael Matthews (Aus) Team Sunweb 0:28:02
39 Mathias Frank (Swi) AG2R La Mondiale 0:28:07
40 Mikael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale 0:28:55
41 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida 0:29:12
42 Marc Soler (Spa) Movistar Team 0:29:25
43 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo 0:30:21
44 Gregor Mühlberger (Aut) Bora-Hansgrohe 0:30:25
45 Alexis Vuillermoz (Fra) AG2R La Mondiale 0:30:36
46 Maximilian Schachmann (Ger) Bora-Hansgrohe 0:32:09
47 Wilco Kelderman (Ned) Team Sunweb 0:32:51
48 Laurens De Plus (Bel) Team Jumbo-Visma 0:33:37
49 Fabio Felline (Ita) Trek-Segafredo 0:34:02
50 Dylan Teuns (Bel) Bahrain-Merida 0:34:06
51 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates 0:35:04
52 Michael Woods (Can) EF Education First 0:35:49
53 Michal Kwiatkowski (Pol) Team Ineos 0:38:01
54 Simon Clarke (Aus) EF Education First 0:38:18
55 Tiesj Benoot (Bel) Lotto Soudal 0:38:44
56 Peter Sagan (Svk) Bora-Hansgrohe 0:39:58
57 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 0:40:49
58 Andrey Amador (CRc) Movistar Team 0:40:54
59 Tanel Kangert (Est) EF Education First 0:41:38
60 Oliver Naesen (Bel) AG2R La Mondiale 0:41:57
61 Gorka Izagirre Insausti (Spa) Astana Pro Team 0:42:43
62 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin 0:43:08
63 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott 0:44:39
64 Alberto Bettiol (Ita) EF Education First 0:44:55
65 Edvald Boasson Hagen (Nor) Dimension Data 0:47:42
66 Michael Valgren Andersen (Den) Dimension Data 0:48:44
67 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team 0:50:02
68 Jonathan Castroviejo (Spa) Team Ineos 0:51:04
69 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 0:51:29
70 Wout Poels (Ned) Team Ineos 0:52:12
71 Søren Kragh Andersen (Den) Team Sunweb 0:52:26
72 Sonny Colbrelli (Ita) Bahrain-Merida 0:53:03
73 Gianni Moscon (Ita) Team Ineos 0:53:41
74 Maxime Bouet (Fra) Arkéa Samsic 0:54:30
75 Romain Sicard (Fra) Total Direct Energie 0:54:43
76 Jan Tratnik (Slo) Bahrain-Merida 0:55:33
77 Lennard Kämna (Ger) Team Sunweb 0:56:59
78 Nils Politt (Ger) Katusha-Alpecin 0:57:20
79 Simon Geschke (Ger) CCC Team 1:00:03
80 Dylan van Baarle (Ned) Team Ineos 1:00:08
81 Tony Gallopin (Fra) AG2R La Mondiale 1:01:36
82 Pierre Luc Perichon (Fra) Cofidis Solutions Credits 1:02:09
83 Omar Fraile (Spa) Astana Pro Team 1:03:10
84 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 1:03:21
85 Joseph Rosskopf (USA) CCC Team 1:08:15
86 Serge Pauwels (Bel) CCC Team 1:09:17
87 Andrea Pasqualon (Ita) Wanty-Gobert 1:10:52
88 Tim Wellens (Bel) Lotto Soudal 1:14:56
89 Damiano Caruso (Ita) Bahrain-Merida 1:15:08
90 Julien Simon (Fra) Cofidis Solutions Credits 1:15:13
91 Toms Skujins (Lat) Trek-Segafredo 1:16:11
92 Ben King (USA) Dimension Data 1:16:16
93 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 1:16:22
94 Nelson Oliveira (Por) Movistar Team 1:17:17
95 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ 1:17:24
96 Mike Teunissen (Ned) Team Jumbo-Visma 1:17:35
97 Elie Gesbert (Fra) Arkéa Samsic 1:18:00
98 Imanol Erviti (Spa) Movistar Team 1:18:29
99 Dries Devenyns (Bel) Deceuninck-QuickStep
100 Hugo Houle (Can) Astana Pro Team 1:18:53
101 Anthony Delaplace (Fra) Arkéa Samsic 1:19:20
102 Ivan Garcia (Spa) Bahrain-Merida 1:19:28
103 Kevin Ledanois (Fra) Arkéa Samsic 1:20:01
104 Amael Moinard (Fra) Arkéa Samsic 1:20:15
105 Michael Schär (Swi) CCC Team 1:20:39
106 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida 1:21:25
107 Nikias Arndt (Ger) Team Sunweb 1:21:58
108 Jens Keukeleire (Bel) Lotto Soudal 1:23:32
109 Lilian Calmejane (Fra) Total Direct Energie 1:24:04
110 Daniel Oss (Ita) Bora-Hansgrohe 1:24:08
111 Stefan Küng (Swi) Groupama-FDJ 1:24:56
112 Luke Durbridge (Aus) Mitchelton-Scott 1:25:17
113 Natnael Berhane (Eri) Cofidis Solutions Credits 1:25:41
114 Odd Christian Eiking (Nor) Wanty-Gobert 1:26:57
115 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal 1:29:37
116 Luke Rowe (GBr) Team Ineos 1:30:03
117 Paul Ourselin (Fra) Total Direct Energie 1:30:25
118 Stéphane Rossetto (Fra) Cofidis Solutions Credits 1:33:39
119 Sven Erik Bystrøm (Nor) UAE Team Emirates 1:35:47
120 Benoit Cosnefroy (Fra) AG2R La Mondiale 1:37:29
121 Anthony Perez (Fra) Cofidis Solutions Credits 1:37:54
122 Fabien Grellier (Fra) Total Direct Energie 1:38:24
123 Reinardt Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 1:39:06
124 Lukasz Wisniowski (Pol) CCC Team 1:39:59
125 Elia Viviani (Ita) Deceuninck-QuickStep 1:41:08
126 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates 1:41:56
127 Yves Lampaert (Bel) Deceuninck-QuickStep
128 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 1:42:33
129 Magnus Cort Nielsen (Den) Astana Pro Team 1:43:00
130 Marcus Burghardt (Ger) Bora-Hansgrohe 1:43:22
131 Florian Vachon (Fra) Arkéa Samsic 1:43:42
132 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe 1:44:19
133 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott 1:44:41
134 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal 1:44:43
135 Alexander Kristoff (Nor) UAE Team Emirates 1:45:03
136 Anthony Turgis (Fra) Total Direct Energie 1:45:31
137 Carlos Verona (Spa) Movistar Team 1:46:12
138 Koen de Kort (Ned) Trek-Segafredo 1:46:18
139 Alexis Gougeard (Fra) AG2R La Mondiale 1:46:24
140 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ 1:46:52
141 William Bonnet (Fra) Groupama-FDJ 1:48:00
142 Cees Bol (Ned) Team Sunweb 1:50:14
143 Stephen Cummings (GBr) Dimension Data 1:52:06
144 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin 1:52:15
145 Kevin Van Melsen (Bel) Wanty-Gobert 1:52:16
146 Maximiliano Richeze (Arg) Deceuninck-QuickStep 1:52:21
147 Michael Hepburn (Aus) Mitchelton-Scott 1:52:51
148 Frederik Backaert (Bel) Wanty-Gobert 1:52:53
149 Niccolò Bonifazio (Ita) Total Direct Energie 1:53:03
150 Michael Mørkøv (Den) Deceuninck-QuickStep 1:54:11
151 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal 1:54:12
152 Amund Grøndahl Jansen (Nor) Team Jumbo-Visma 1:54:13
153 Lars Bak (Den) Dimension Data 1:54:22
154 Dylan Groenewegen (Ned) Team Jumbo-Visma 1:54:35
155 Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal 1:55:19
156 Kasper Asgreen (Den) Deceuninck-QuickStep 1:55:33
157 André Greipel (Ger) Arkéa Samsic 1:55:51
158 Marco Haller (Aut) Katusha-Alpecin 1:55:53
159 Tom Scully (NZl) EF Education First 1:56:09
160 Chad Haga (USA) Team Sunweb 1:57:40
161 Aime De Gendt (Bel) Wanty-Gobert 1:57:45
162 Tony Martin (Ger) Team Jumbo-Visma 2:03:35
163 Jens Debusschere (Bel) Katusha-Alpecin 2:03:49
164 Sebastian Langeveld (Ned) EF Education First 2:08:12
165 Yoann Offredo (Fra) Wanty-Gobert 2:19:45

Alaphillippe vince anche la crono e conserva la maglia gialla alla vigilia del Tourmalet (foto Bettini)

Alaphillippe vince anche la crono e conserva la maglia gialla alla vigilia del Tourmalet (foto Bettini)

19-07-2019

luglio 19, 2019 by Redazione  
Filed under Ordini d'arrivo

TOUR DE FRANCE

Il francese Julian Alaphilippe (Deceuninck – Quick Step) si è imposto nella tredicesima tappa, circuito a cronometro di Pau, percorrendo 27.2 Km in 35′00″ alla media di 46.63 Km/h. Ha preceduto di 14″ il britannico Geraint Thomas e di 36″ il belga Thomas De Gendt. Miglior italiano Alberto Bettiol (EF Education First), 19° a 1′26″. Alaphilippe è ancora maglia gialla con 1′26″ su Thomas e 2′12″ sull’olandese Steven Kruijswijk. Miglior italiano Fabio Aru (UAE-Team Emirates), 23° a 7′46″.

TOUR OF QINGHAI LAKE (Cina)

Il rumeno Eduard Michael Grosu (Delko Marseille Provence) si è imposto nella sesta tappa, Chaka – Bird Island, percorrendo 136 Km in 2h52′57″ alla media di 47.18 Km/h. Ha preceduto allo sprint l’italiano Imerio Cima (Nippo Vini Fantini Faizanè) e il bielorusso Siarhei Papok. Il colombiano Robinson Eduardo Chalapud Gómez (Medellín) è ancora leader della classifica con 33″ sullo spagnolo Óscar Miguel Sevilla Ribera e sul connazionale Cristhian Montoya Giraldo. Miglior italiano Lorenzo Fortunato (Neri Sottoli – Selle Italia – KTM), 20° a 4′38″.

VUELTA CICLISTA A VENEZUELA

Il venezuelano Orluis Alberto Aular Sanabria (nazionale venezuelana) si è imposto anche nella terza tappa, Valencia – Acarigua, percorrendo 177.5 Km in 4h09′09″ alla media di 42.75 Km/h. Ha preceduto allo sprint i connazionali José Wladimir García Toledo ed Hector Nieves. Aular Sanabria è ancora leader della classifica con 21″ sul connazionale Ralph Michael Monsalve Pertsinidis e 24″ su García Toledo

GIRO CICLISTICO DELLA VALLE D’AOSTA MONT BLANC

Il lussemburghese Michel Ries (Kometa Cycling Team) si è imposto nella terza tappa, Antagnod – Champoluc, percorrendo 179.7 Km in 5h15′51″ alla media di 34.14 Km/h. Ha preceduto di 8″ il belga Maxim Van Gils e di 24″ il colombiano Santiago Buitrag Sánchez. Miglior italiano Filippo Conca (Biesse Carrera), 10° a 58″. Il belga Mauri Vansevenant (Kometa Cycling Team) è il nuovo leader della classifica con 3′17″ sul britannico Adam Hartley e 7′03″ sul francese Maxime Chevalier. Miglior italiano Conca, 8° a 12′33″

LA COURSE BY LE TOUR DE FRANCE

L’olandese Marianne Vos (CCC – Liv) si è imposta nella corsa francese, circuito di Pau, percorrendo 121 Km in 3h15′20″ alla media di 37.17 Km/h. Ha preceduto di 3″ la canadese Leah Kirchmann e la danese Cecilie Uttrup Ludwig. Miglior italiana Elisa Longo Borghini (Trek-Segafredo Women), 6° a 6″.

Pagina successiva »