TOUR DE ROMANDIE: FRAILE E COLBRELLI ROVINANO LA FESTA AI FINISSEUR

aprile 25, 2018 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Conclusione in volata con Fraile su Colbrelli e Rui Costa nella prima tappa in linea del Tour de Romandie. Cambio della guardia in classifica generale con Primož Roglič nuova Maglia Oro.

Il Tour de Romandie, noto a chi seguiva il ciclismo sentendo la voce di Adriano De Zan anche come “Giro della Svizzera Romanda”, ha visto oggi la vittoria del basco in maglia Astana Omar Fraile. Il recente vincitore della quinta tappa del Giro dei Paesi Baschi ha avuto la meglio su uno scatenato Sonny Colbrelli (Bahrain Merida), che sembrava destinato al successo, mentre la terza piazza è andata a Rui Costa dell’UAE-Team Emirates al termine di una volata “atipica”.
La giornata di corsa è stata monopolizzata per la quasi totalità dalla fuga di cinque elementi, Rémy Mertz (Lotto Soudal), Alexis Gougeard (Ag2R La Mondiale), William Clarke (Team EF Education First-Drapac), Antoine Duchesne (Groupama-Fdj) e Marco Minnaard (Wanty – Groupe Gobert), che nel corso della giornata ha raggranellato i punti che gli hanno consentito di vestire la prima maglia verde di miglior scalatore grazie ai 4 GPM che infarcivano il percorso. I cinque uomoni in avanscoperta ai meno 40 avevano ancora 3 minuti di vantaggio, saliti a 3’23” ai meno 30, ma poi destinati rapidamente a scendere. Sull’ascesa verso l’ultimo GPM il gruppo di testa si riduceva a due elementi, con Gougeard e Minnaard a proseguire l’azione in quello che sembrava un tentativo tutt’altro che velleitario. Sui due si è, però, riportato il plotone a seguito di una “fucilata” di Daniel Martin (UAE-Team Emirates). L’irlandese è stato, infatti, incapace di rilanciare l’azione una volta raggiunti i due, che così si sono ritrovati ad essere facile preda del sopraggiungente plotone. Un tenace e irriducibile Gougeard ha venduto cara la pelle avvantaggiandosi in discesa poco dopo il ricongiungimento. Il suo vantaggio è prontamente salito, mentre nel plotone è mancata una regia nell’organizzare l’inseguimento. Questa mancanza di organizzazione ha fatto sì che si susseguissero tentativi isolati, che hanno solamente ottenuto l’innalzamento dell’andatura, favorendo così il riportarsi sul fuggitivo. Il gruppo, ormai ridotto nel numero ad una cinquantina di corridori, si è così presentato compatto ai meno 2 dall’arrivo. L’ultimo tentativo è stata portata da Rudy Molard (Groupama – FDJ) ma su di lui, già nel rettilineo finale, si sono portati prima Colbrelli e poi Fraile, che ha proseguito la sua rimonta andando a cogliere il successo. Terza piazza per il portoghese Rui Costa, con Molard comunque quarto. Per gli italiani da segnalare anche il decimo posto di Eros Capecchi (Quick-Step Floors). In classifica generale la tappa Fribourg-Delémont ha premiato lo sloveno Primož Roglič (LottoNL-Jumbo), visto che sia Michael Matthews (Team Sunweb), sia Tom Bohli (BMC), che lo precedevano in classifica, hanno perso contatto sull’ultima salita di giornata. Ora dietro all’ex saltatore con gli sci sloveno si trovano Rohan Dennis (BMC), accreditato dello stesso tempo, e il britannico Geraint Thomas (Sky) con un ritardo di 4”. A seguire troviamo Diego Rosa (Sky) e Pierre Latour (AG2R La Mondiale) a 5”, Gorka Izagirre (Bahrain Merida) a 8”, Egan Bernal (Sky), Jonathan Castroviejo (Sky) e Pierre Roland (Team EF Education First-Drapac) a 10”. Chiude la topten Richie Porte (BMC) a 13”. Egan Bernal è anche il nuovo leader della classifica dei Giovani.
La tappa di domani, poco meno di 174 Km da Delémont a Yverdon-les-Bains, presenta un tracciato che dovrebbe favorire una condotta di gara simile a quella odierna, anche se l’assenza di GPM negli ultimi 40 km dovrebbe favorire l’inseguimento di eventuali fuggitivi, se le squadre dei velocisti riuscissero ad organizzarsi facendo lavorare i “treni”.

Mario Prato

ORDINE D’ARRIVO

1 Omar Fraile (Spa) Astana Pro Team 4:03:42
2 Sonny Colbrelli (Ita) Bahrain-Merida
3 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates
4 Rudy Molard (Fra) Groupama-FDJ
5 Gorka Izagirre (Spa) Bahrain-Merida
6 Egan Bernal (Col) Team Sky
7 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
8 Xandro Meurisse (Bel) Wanty-Groupe Gobert
9 Merhawi Kudus (Eri) Dimension Data
10 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
11 Andrey Amador (CRc) Movistar Team
12 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
13 Primoz Roglic (Slo) LottoNL-Jumbo
14 Jaime Roson (Spa) Movistar Team
15 Geraint Thomas (GBr) Team Sky
16 Simon Spilak (Slo) Katusha-Alpecin
17 Emanuel Buchmann (Ger) Bora-Hansgrohe
18 Diego Rosa (Ita) Team Sky
19 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott
20 David Gaudu (Fra) Groupama-FDJ
21 Thomas Degand (Bel) Wanty-Groupe Gobert
22 Tsgabu Grmay (Eth) Trek-Segafredo
23 Mathias Frank (Swi) AG2R La Mondiale
24 Steven Kruijswijk (Ned) LottoNL-Jumbo
25 Jonathan Castroviejo (Spa) Team Sky
26 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
27 Daniel Martinez (Col) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
28 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott
29 Kristijan Durasek (Cro) UAE Team Emirates
30 Daniel Martin (Irl) UAE Team Emirates
31 Marco Minnaard (Ned) Wanty-Groupe Gobert
32 Guillaume Martin (Fra) Wanty-Groupe Gobert
33 Eduardo Sepulveda (Arg) Movistar Team
34 Nathan Brown (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
35 Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team
36 Jakob Fuglsang (Den) Astana Pro Team
37 Carlos Verona (Spa) Mitchelton-Scott
38 Winner Anacona (Col) Movistar Team
39 Tejay van Garderen (USA) BMC Racing Team
40 Carlos Betancur (Col) Movistar Team
41 Dayer Quintana (Col) Movistar Team
42 Pierre Rolland (Fra) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
43 Jesper Hansen (Den) Astana Pro Team
44 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team
45 Joe Dombrowski (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
46 Nicola Conci (Ita) Trek-Segafredo
47 Hermann Pernsteiner (Aut) Bahrain-Merida
48 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team
49 Ion Izagirre (Spa) Bahrain-Merida
50 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin
51 Hugh Carthy (GBr) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
52 Rob Power (Aus) Mitchelton-Scott
53 James Knox (GBr) Quick-Step Floors
54 Alexis Gougeard (Fra) AG2R La Mondiale 0:00:17
55 Lucas Hamilton (Aus) Mitchelton-Scott 0:00:30
56 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo 0:01:14
57 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale
58 David Lopez Garcia (Spa) Team Sky
59 Matteo Fabbro (Ita) Katusha-Alpecin
60 Amanuel Ghebreigzabhier (Eri) Dimension Data 0:01:35
61 Victor Campenaerts (Bel) Lotto Soudal
62 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ
63 Fabien Doubey (Fra) Wanty-Groupe Gobert
64 Hugo Houle (Can) Astana Pro Team
65 Andrey Grivko (Ukr) Astana Pro Team
66 Sander Armee (Bel) Lotto Soudal
67 Pavel Sivakov (Rus) Team Sky
68 Stef Clement (Ned) LottoNL-Jumbo
69 James Shaw (GBr) Lotto Soudal
70 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team
71 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:01:41
72 Anass Ait El Abdia (Mar) UAE Team Emirates 0:03:11
73 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal
74 Kilian Frankiny (Swi) BMC Racing Team 0:04:38
75 Darwin Atapuma (Col) UAE Team Emirates 0:04:56
76 Pawel Poljanski (Pol) Bora-Hansgrohe 0:05:00
77 Léo Vincent (Fra) Groupama-FDJ 0:05:08
78 Simon Geschke (Ger) Team Sunweb 0:05:09
79 Michael Matthews (Aus) Team Sunweb 0:05:14
80 Louis Vervaeke (Bel) Team Sunweb
81 Jens Keukeleire (Bel) Lotto Soudal 0:06:03
82 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team
83 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin
84 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
85 Laurens ten Dam (Ned) Team Sunweb
86 Remy Mertz (Bel) Lotto Soudal 0:07:09
87 Tobias Ludvigsson (Swe) Groupama-FDJ 0:08:31
88 Kristijan Koren (Slo) Bahrain-Merida 0:09:34
89 Enrico Gasparotto (Ita) Bahrain-Merida
90 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo
91 Timothy Dupont (Bel) Wanty-Groupe Gobert
92 Benjamin Thomas (Fra) Groupama-FDJ
93 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data
94 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
95 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin
96 Silvan Dillier (Swi) AG2R La Mondiale
97 Michael Albasini (Swi) Mitchelton-Scott
98 Svein Tuft (Can) Mitchelton-Scott
99 Baptiste Planckaert (Bel) Katusha-Alpecin
100 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team
101 Bram Tankink (Ned) LottoNL-Jumbo
102 Luke Rowe (GBr) Team Sky
103 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe
104 Davide Martinelli (Ita) Quick-Step Floors 0:14:07
105 Jaco Venter (RSA) Dimension Data
106 Fernando Gaviria (Col) Quick-Step Floors
107 Nicolas Dougall (RSA) Dimension Data 0:16:18
108 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb
109 Michael Storer (Aus) Team Sunweb
110 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates
111 Enzo Wouters (Bel) Lotto Soudal 0:18:03
112 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida
113 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale
114 Samuel Dumoulin (Fra) AG2R La Mondiale
115 Boy van Poppel (Ned) Trek-Segafredo
116 Lars Boom (Ned) LottoNL-Jumbo
117 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
118 Andreas Schillinger (Ger) Bora-Hansgrohe
119 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo
120 Gregory Daniel (USA) Trek-Segafredo
121 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors
122 Erik Baska (Svk) Bora-Hansgrohe
123 Odd Christian Eiking (Nor) Wanty-Groupe Gobert
124 Floris De Tier (Bel) LottoNL-Jumbo
125 Johann Van Zyl (RSA) Dimension Data
126 Pascal Ackermann (Ger) Bora-Hansgrohe
127 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
128 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates
129 Tom Stamsnijder (Ned) Team Sunweb 0:26:39
130 Stephen Cummings (GBr) Dimension Data
131 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ

CLASSIFICA GENERALE

1 Primoz Roglic (Slo) LottoNL-Jumbo 4:09:16
2 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
3 Geraint Thomas (GBr) Team Sky 0:00:04
4 Diego Rosa (Ita) Team Sky 0:00:05
5 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
6 Gorka Izagirre (Spa) Bahrain-Merida 0:00:08
7 Egan Bernal (Col) Team Sky 0:00:10
8 Jonathan Castroviejo (Spa) Team Sky
9 Pierre Rolland (Fra) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
10 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team 0:00:13
11 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
12 Ion Izagirre (Spa) Bahrain-Merida 0:00:14
13 Daniel Martinez (Col) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:00:15
14 Nicola Conci (Ita) Trek-Segafredo
15 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates
16 Hugh Carthy (GBr) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:00:16
17 Emanuel Buchmann (Ger) Bora-Hansgrohe
18 Rob Power (Aus) Mitchelton-Scott 0:00:17
19 Steven Kruijswijk (Ned) LottoNL-Jumbo 0:00:18
20 Andrey Amador (CRc) Movistar Team
21 Daniel Martin (Irl) UAE Team Emirates
22 Omar Fraile (Spa) Astana Pro Team 0:00:19
23 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott
24 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team
25 Simon Spilak (Slo) Katusha-Alpecin 0:00:20
26 Tejay van Garderen (USA) BMC Racing Team 0:00:21
27 Rudy Molard (Fra) Groupama-FDJ
28 Eduardo Sepulveda (Arg) Movistar Team
29 Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team 0:00:22
30 Joe Dombrowski (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
31 Xandro Meurisse (Bel) Wanty-Groupe Gobert
32 Mathias Frank (Swi) AG2R La Mondiale 0:00:23
33 Carlos Verona (Spa) Mitchelton-Scott 0:00:24
34 Jakob Fuglsang (Den) Astana Pro Team
35 Carlos Betancur (Col) Movistar Team 0:00:25
36 Jaime Roson (Spa) Movistar Team
37 Tsgabu Grmay (Eth) Trek-Segafredo 0:00:26
38 David Gaudu (Fra) Groupama-FDJ
39 Nathan Brown (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
40 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
41 James Knox (GBr) Quick-Step Floors
42 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin
43 Guillaume Martin (Fra) Wanty-Groupe Gobert 0:00:28
44 Alexis Gougeard (Fra) AG2R La Mondiale 0:00:29
45 Hermann Pernsteiner (Aut) Bahrain-Merida
46 Winner Anacona (Col) Movistar Team
47 Jesper Hansen (Den) Astana Pro Team 0:00:30
48 Thomas Degand (Bel) Wanty-Groupe Gobert 0:00:31
49 Sonny Colbrelli (Ita) Bahrain-Merida
50 Merhawi Kudus (Eri) Dimension Data
51 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott 0:00:36
52 Dayer Quintana (Col) Movistar Team 0:00:40
53 Marco Minnaard (Ned) Wanty-Groupe Gobert 0:00:41
54 Kristijan Durasek (Cro) UAE Team Emirates 0:00:45
55 Lucas Hamilton (Aus) Mitchelton-Scott 0:00:51
56 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo 0:01:34
57 Victor Campenaerts (Bel) Lotto Soudal 0:01:39
58 Matteo Fabbro (Ita) Katusha-Alpecin 0:01:41
59 David Lopez Garcia (Spa) Team Sky 0:01:43
60 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale 0:01:44
61 Andrey Grivko (Ukr) Astana Pro Team 0:01:45
62 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:01:46
63 Pavel Sivakov (Rus) Team Sky 0:01:57
64 Stef Clement (Ned) LottoNL-Jumbo 0:01:58
65 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ
66 Amanuel Ghebreigzabhier (Eri) Dimension Data 0:01:59
67 Hugo Houle (Can) Astana Pro Team 0:02:03
68 Fabien Doubey (Fra) Wanty-Groupe Gobert 0:02:05
69 Sander Armee (Bel) Lotto Soudal 0:02:06
70 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team 0:02:08
71 James Shaw (GBr) Lotto Soudal 0:02:12
72 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 0:03:23
73 Anass Ait El Abdia (Mar) UAE Team Emirates 0:03:50
74 Kilian Frankiny (Swi) BMC Racing Team 0:05:12
75 Michael Matthews (Aus) Team Sunweb 0:05:13
76 Pawel Poljanski (Pol) Bora-Hansgrohe 0:05:21
77 Louis Vervaeke (Bel) Team Sunweb 0:05:28
78 Simon Geschke (Ger) Team Sunweb 0:05:30
79 Darwin Atapuma (Col) UAE Team Emirates 0:05:36
80 Léo Vincent (Fra) Groupama-FDJ 0:05:41
81 Jens Keukeleire (Bel) Lotto Soudal 0:06:26
82 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team
83 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:06:28
84 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin 0:06:30
85 Laurens ten Dam (Ned) Team Sunweb 0:06:37
86 Remy Mertz (Bel) Lotto Soudal 0:07:43
87 Tobias Ludvigsson (Swe) Groupama-FDJ 0:08:48
88 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team 0:09:34
89 Silvan Dillier (Swi) AG2R La Mondiale 0:09:47
90 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin 0:09:50
91 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors 0:09:55
92 Enrico Gasparotto (Ita) Bahrain-Merida 0:09:59
93 Michael Albasini (Swi) Mitchelton-Scott 0:10:00
94 Luke Rowe (GBr) Team Sky 0:10:02
95 Kristijan Koren (Slo) Bahrain-Merida 0:10:04
96 Benjamin Thomas (Fra) Groupama-FDJ 0:10:05
97 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe 0:10:06
98 Baptiste Planckaert (Bel) Katusha-Alpecin 0:10:07
99 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo 0:10:08
100 Bram Tankink (Ned) LottoNL-Jumbo 0:10:13
101 Svein Tuft (Can) Mitchelton-Scott 0:10:18
102 Timothy Dupont (Bel) Wanty-Groupe Gobert 0:10:20
103 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data 0:10:22
104 Davide Martinelli (Ita) Quick-Step Floors 0:14:20
105 Jaco Venter (RSA) Dimension Data 0:14:41
106 Fernando Gaviria (Col) Quick-Step Floors 0:14:54
107 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb 0:16:55
108 Michael Storer (Aus) Team Sunweb 0:16:59
109 Nicolas Dougall (RSA) Dimension Data 0:17:04
110 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates 0:17:12
111 Odd Christian Eiking (Nor) Wanty-Groupe Gobert 0:18:25
112 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale 0:18:27
113 Erik Baska (Svk) Bora-Hansgrohe 0:18:29
114 Samuel Dumoulin (Fra) AG2R La Mondiale 0:18:31
115 Lars Boom (Ned) LottoNL-Jumbo 0:18:34
116 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida 0:18:35
117 Andreas Schillinger (Ger) Bora-Hansgrohe 0:18:36
118 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors
119 Pascal Ackermann (Ger) Bora-Hansgrohe 0:18:38
120 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe 0:18:41
121 Johann Van Zyl (RSA) Dimension Data 0:18:44
122 Floris De Tier (Bel) LottoNL-Jumbo
123 Gregory Daniel (USA) Trek-Segafredo 0:18:47
124 Boy van Poppel (Ned) Trek-Segafredo 0:18:49
125 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates 0:18:57
126 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
127 Enzo Wouters (Bel) Lotto Soudal 0:18:59
128 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo 0:19:02
129 Stephen Cummings (GBr) Dimension Data 0:26:57
130 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ 0:27:23
131 Tom Stamsnijder (Ned) Team Sunweb 0:27:25

Lo spagnolo Fraile vince la prima frazione in linea del Tour de Romandie 2018 (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

Lo spagnolo Fraile vince la prima frazione in linea del Tour de Romandie 2018 (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

25-04-2018

aprile 25, 2018 by Redazione  
Filed under Ordini d'arrivo

TOUR DE ROMANDIE

Lo spagnolo Omar Fraile Matarranz (Astana Pro Team) si è imposto nella prima tappa, Friburgo – Delémont, percorrendo 166.6 Km in 4h03′42″ alla media di 41.02 Km/h. Ha preceduto allo sprint l’italiano Sonny Colbrelli (Bahrain Merida Pro Cycling Team) e il portoghese Faria da Costa. Lo sloveno Primož Roglič (Team LottoNL-Jumbo) è il nuovo leader della classifica con lo stesso tempo dell’australiano Dennis e 4″ sul britannico Thomas. Miglior italiano Diego Rosa (Team Sky), 4° a 5″.

LE TOUR DE BRETAGNE CYCLISTE

Il norvegese Herman Dahl (Team Joker Icopal) si è imposto nella prima tappa, Châteaubriant – Louisfert, percorrendo 159.8 Km in 3h40′09″ alla media di 43.55 Km/h. Ha preceduto allo sprint l’australiano Von Hoff e l’italiano Matteo Malucelli (Androni – Sidermec – Bottecchia). Dahl è il primo leader della classifica con 1″ sul connazionale Evensen e 4″ su Von Hoff. Miglior italiano Malucelli, 5° a 6″

TOUR DU SÉNÉGAL

L’algerino Youcef Reguigui (Sovac – Natura4Ever) si è imposto anche nella quarta tappa, circuito di Thiès, percorrendo 108 Km in 2h41′10″ alla media di 40.21 Km/h. Ha preceduto allo sprint l’olandese Koop e il francese Tourtelot. Reguigui è ancora leader della classifica con 20″ su Koop e 34″ sul tedesco Fiege

TOUR DE LIMPOPO (Sudafrica)

Il team sudafricano Team ProTouch si è imposto nella terza tappa, cronometro a squasdre di Tzaneen, percorrendo 28.8 Km in 37′17″ alla media di 46.35 Km/h. Ha preceduto di 37″ il team sudafricano BCX e di 59″ il team MCB-Mauritius. Il sudafricano Gustav Basson (Team ProTouch) è ancora leader della classifica con 15″ sul connazionale Julius e 44″ sul connazionale Hendricks.

VENARIA REALE – BARDONECCHIA (JAFFERAU): FINESTRE CON VISTA SULLO SPETTACOLO

Non sono mancate le critiche anche su questa tappa e stavolta gli organizzatori sono stati messi in “croce” per la collocazione del Colle delle Finestre, piazzato a 73 Km dall’arrivo. È un bel rischio perché ciò potrebbe non invogliare i corridori alla battaglia, rimandandola all’ascesa finale. Ma vogliamo pensare positivo, perché il Finestre provocherà comunque una bella selezione naturale e qualche nome già lassù potrebbe pagar dazio. E se qualcuno dei corridori che ambiscono alla maglia rosa dovesse decidere di dissotterrare l’ascia di guerra da quelle parti oggi se ne vedranno davvero delle belle. Altro che la vittoria di Merck nel 1972!

L’Italia è un popolo di santi, poeti e navigatori…. e di lamentatori, aggiungiamo noi. Non possiamo negarlo perché, forse mai come da noi, ci si lamenta di tutto, dal governo al vicino di casa molesto passando anche per le tappe del Giro. Dopo la frazione di Pratonevoso, infatti, criticata per la tanta pianura prima dell’ascesa finale, c’è chi ha borbottato anche per il disegno della tappa che si concluderà sul Monte Jafferau e che prevede il Colle delle Finestre a 73 Km dal traguardo. È stata proprio la notevole distanza che separa la cima del passo piemontese dall’arrivo a stimolare i “lamentatori” che, a dire il vero, stavolta non hanno tutti i torti. Considerato l’andazzo di molte corse viste nel recente passato, con i “big” in azione solamente negli ultimi chilometri prima del traguardo, effettivamente ci sarebbe il rischio che sul Finestre si assista a quel che viene definito “greggismo”, ossia a un’ascesa affrontata dal gruppo dei migliori senza azioni da parte di qualche uomo di classifica. In realtà tappe come queste devono, invece, servire proprio a smuovere il gruppo dalla sonnolenza e a motivare i corridori alle azioni in salita che tanto piacciono ai tifosi, nonostante la notevole mole di chilometri che poi si dovranno percorrere per andare al traguardo. Va, però, detto che, anche se non si dovessero muovere i grandi primattori della corsa rosa, l’ascesa rimarrà sicuramente nelle gambe perché è dura, lunga e, com’è noto, presenta un considerevole tratto sterrato e, sicuramente, in vetta qualche grosso nome potrebbe transitare con distacco più o meno lieve. Recuperare non sarà per nulla facile perché il tracciato non lo consentirà nell’immediato, dovendosi subito affrontare le docili pendenze del Sestriere e oramai lo sanno anche i muri che una salita pedalabile affrontata di seguito a una molto più dura finisce spesso per far lievitare i distacchi. È vero che poi ci saranno quasi 40 Km di strada agevole, parte in discesa e parte in falsopiano, grazie ai quali si potrebbe anche annullare completamente il gap, ma lo sforzo fatto potrebbe essere pagato a caro prezzo nel momento nel quale si tornerà a fare i conti con una salita impegnativa come quello della Jafferau, 7,2 Km al 9,1% che hanno nel “curriculum” un precedente di lusso datato 1972 quando, salendo sul monte che domina Bardonecchia, Eddy Merckx castigò tutti e in particolare lo scalatore spagnolo José Manuel Fuente, favorito per il successo quel giorno dopo aver già staccato il belga sul Blockhaus e che sullo Jafferau chiuderà terzo con 47 secondi di ritardo. È un precedente che fa ben sperare perché la tappa del 1972 era molto più lunga – si partiva da Savona percorrendo 256 Km mentre stavolta ne sono in programma 184 – ma anche molto meno esigente di quella odierna a causa della presenza del solo Sestriere prima dell’ascesa finale e, dunque, a dispetto di un disegno che qualcuno ha giudicato infelice, potrebbe invece risultare molto più dura del previsto, con distacchi al traguardo ben maggiori di quelli fatti registrare il giorno dell’impresa del “Cannibale”.
In questo terzultimo giorno di gara la carovana si radunerà presso la reggia di Venaria Reale, la residenza di caccia voluta dal Duca Carlo Emanuele II di Savoia che ha ospitato il “Big Start” del Giro nel 2011, quando la corsa rosa scattò da Torino, in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, con una cronometro a squadre vinta dalla HTC-Highroad, formazione statunitense che si sciolse al termine di quella stagione. Nel tratto da percorrere fuori gara verso il “chilometro 0”, l’effettivo avvio della tappa, i corridori transiteranno lungo i confini di un’altra tenuta venatoria sabaudia, il Parco della Mandria, oggi area naturale protetta nel cui cuore si erge un castello, celebre per esser stato il nido d’amore di Re Vittorio Emanuele II e della sua consorte morganatica Rosa Vercellana. I primi 20 Km si snoderanno dritti in direzione delle montagne del Canavese, percorrendo in dolce falsopiano ascendente la statale che conduce a Lanzo Torinese, il principale centro delle tre “Valli di Lanzo”: la più settentrionale è la Val Grande, quella mediana è la Val d’Ala mentre il gruppo risalirà il tratto iniziale della più meridionale delle tre, la Valle di Viù, percorrendo la quale è possibile arrivare in auto fino al Lago di Malciaussia mentre gli escursionisti possono raggiungere anche il Lago della Rossa, la cui diga è la più alta d’Europa, costruita a una quota di 2718 metri. I “girini”, come detto, percorreranno solo il primo tratto di valle e poi, appena attraversato il comune di Viù – conosciuto dagli appassionati di “bob kart” in quanto sede sin dal 1959 di un gran premio di questa particolare gara che ricorda le “Soapbox Race” americane – svolteranno a sinistra per tornare verso Torino attraverso il Colle del Lys. È un’ascesa inedita per la corsa rosa, che sarà affrontata dal suo versante più pedalabile (13,8 Km al 4,3% con un tratto intermedio di 5,4 Km al 7,1%) e che vedrà i corridori in vetta transitare prima davanti all’omonimo e panoramico rifugio – set nel 2013 di una scena del film “Aspirante Vedovo” con Fabio De Luigi e Luciana Littizzetto, remake di un quasi omonimo film del 1959 con Alberto Sordi e Franca Valeri – e poi al cospetto del monumento che ricorda i 26 partigiani che lassù furono catturati e fucilati dai tedeschi il 2 luglio del 1944. Pendenze molto più sostenute – sono 13 Km al 6,7% – presenterà la discesa sull’altro versante, che ricondurrà la corsa in pianura dopo il passaggio da Almese, centro presso il quale negli anni ’80 sono stati rinvenuti i resti di una villa eretta in epoca romana a breve distanza dalla strada consolare che da Augusta Taurinorim (Torino) conduceva prima a Segusium (l’attuale Susa) e poi al Mons Matrona, il valico che oggi chiamiamo Monginevro. Sarà proprio questa la direzione che ora andrà a imboccare il gruppo, che prima di arrivare all’appuntamento con il Colle delle Finestre dovrà percorrere una trentina di chilometri agevoli, toccando all’inizio di questo tratto Sant’Ambrogio di Torino, il centro nel cui territorio comunale ricade uno dei monumenti simbolo della regione Piemonte, l’Abbazia di San Michele della Chiusa, costruita tra il X e il XIII secolo sulla cima del monte Pirchiriano e che è più nota con il nome di “Sacra di San Michele”. Alle porte di Susa, che in quest’occasione non sarà attraversata dalla corsa ma il giorno successivo ospiterà la partenza del tappone di Cervinia, si attaccherà l’atteso Colle delle Finestre, che proprio all’inizio propone il suo tratto più aspro (14%), unica impennata di una salita che sale sempre costante attorno al 9% per 18 chilometri e mezzo, movimentata da ben 44 tornanti e resa unica dallo sterrato che s’incontrerà negli ultimi 7,8 Km, un fondo che un tempo caratterizzava l’intera strada, tracciata nel XVIII secolo dal genio militare per collegare le numerose fortificazioni erette su quelle montagne: tra queste la più celebre è quella monumentale di Fenestrelle, mentra un’altra, oggi in cattivo stato di conservazione , era stata innalzata nel 1891 proprio in prossimità del valico. Raggiunta la Cima Coppi dell’edizione 2018 – un “titolo” che al Fineste era toccato anche nel 2015, quando lo speciale premio dedicato al Campionissimo fu conquistato dallo spagnolo Mikel Landa – si ritroverà l’asfalto nella ripida discesa verso la Val Chisone, dove si attraverserà Pragelato, la località di sport invernali che ospita lo Stadio del Trampolino, costruito per le Olimpiadi Invernali del 2006 e successivamente utilizzato anche in occasioni di gare della Coppa del Mondo di combinata nordica e di Coppa del Mondo di salto con gli sci. A questo punto già da qualche chilometro si sarà ripresi a salire per affrontare i 16,2 Km al 3,8% che conducono al Sestriere, inserito per la prima volta nel percorso del Giro nel 1911, quando ancora non esisteva la celeberrima stazione di sport invernali, sviluppatasi negli anni ’30 su iniziativa del fondatore della FIAT Giovanni Agnelli (padre dell’avvocato), e questo era ancora un semplice valico di passaggio sfruttato sin dal tempo dei romani, epoca nella quale vi era stata posizionata la “petram sextarium”, il cippo miliare dal quale poi derivò il nome di Sestriere.
In discesa, tra le due strade possibili, s’è scelto di percorrere il vecchio itinerario che transita per Sauze di Cesana, località di villeggiatura situata all’imbocco della solitaria Valle Argentera, frequentata sia d’estate, sia d’inverno, quando le sue cascate ghiacciano e gli appassionati di sci fuoripista trovano parecchio pane per i loro denti. Ufficialmente la discesa avrà termine con il passaggio da Cesana Torinese – il paese del quale secondo alcuni studiosi sono originari gli antenati del celebre pittore francese Paul Cézanne, il cui cognome altro non sarebbe che una “francesizzazione” del toponimo Cesana – anche se poi si continuerà a perdere quota più gradatamente percorrendo la statale del Monginevro in direzione di Oulx, nel cui borgo superiore si trova la medioevale Torre Delfinale, detta anche “dei Saraceni” e restaurata da non molti anni. È da questo centro che ha inizio il falsopiano di una dozzina di chilometri che, costeggiando l’autostrada diretta al traforo stradale del Frejus (aperto nel 1980 affiancandosi a quello ferroviario, in esercizio fin dal 1871), condurrà la corsa nel cuore di Bardonecchia, una delle stazioni sciistiche più “anziane” d’Italia, nell’inverno del 1904 teatro delle prime gare. Oggi ben due comprensori ricadono all’interno del comune piemontese e uno di questi è realizzato sulle pendici dello Jafferau, il monte che accoglierà le ultime fasi di gara e sulla cui cima si trovano gli scarsi resti dell’omonima batteria, seconda fortezza più alta della catena alpina (2775 metri), costruita 120 anni fa con lo scopo di poter colpire da lontano la vicina Francia. Altri tempi, altri bellicismi, oggi scongiurati dal trattato di pace firmato con la Francia dopo la Seconda Guerra Mondiale e che prevedeva di bombardare e distruggere il forte. Ma sul far della sera del 25 maggio 2018 su quelle pendici si tornerà cruentemente a battagliare, stavolta per la pacifica conquista della Rosa.

Mauro Facoltosi

I VALICHI DELLA TAPPA

Col San Giovanni (1116 metri). Valicato dalla SP 197 “del Colle del Lys” nel corso della salità da Viù al Colle del Lys.

Colle del Lys (1311 metri). Aperto tra i monti Arpone e Pelà, è valicato dalla SP 197 “del Colle del Lys” e mette in comunicazione Viù con Almese. Talvolta il suo nome viene scritto “Lis”.

Colletto di Meana (1455 metri). Valicato dalla SP 172 “del Colle delle Finestre”, che mette in comunicazione Meana di Susa con Fenestrelle passando per il Colle delle Finestre. Il valico si trova sul versante di Meana (quello che il Giro affronterà in salita) e s’incontra nel punto nel quale inizia il tratto sterrato. Quotato 1456 sulle cartine del Giro 2018.

Colle delle Finestre (2176 metri). Quotato 2178 sulle cartine del Giro 2018, è costituito dai monti Carlei e Pintas ed è valicato dalla SP 172 “del Colle delle Finestre”, che mette in comunicazione Meana di Susa con Fenestrelle. Il Giro d’Italia l’ha valicato per la prima volta il 28 maggio del 2005, nel finale della tappa Savigliano – Sestriere, che vide Danilo Di Luca transitare primo in vetta mentre il successo di giornata andò al venezuelano José Rujano. Successivamente si è tornati sul Finestre in altre due occasioni, sempre con il traguardo finale fissato al Sestriere: nel 2011, partendo da Verbania, il bielorusso Vasil’ Kiryenka fece man bassa conquistando prima il GPM e poi il traguardo di tappa; nel 2015 la tappa, partita da Saint-Vincent, sarà dominata dagli Astana con Mikel Landa primo sul Finestre e Fabio Aru vincitore di tappa bissando il successo conseguito ventiquattrore prima a Cervinia.

Colle di Sestriere (2033 metri). È un’ampia depressione che separe il Monte Fraitève e dalla Punta Rognosa di Sestriere. Vi transita la SS 23 “del Colle di Sestriere” tra Cesana Torinese e Pragelato. Da Cesana vi sale anche il vecchio tracciato della statale, che transita per Sauze di Cesana e che quest’anno sarà percorsa in discesa dai “girini”. È quotato 2035 sulle cartine del Giro, dov’è riportata l’erronea grafia francese spesso utilizzata di Sestrière. La corsa l’ha superato per la prima volta nel 1911, nel corso della Mondovì – Torino vinta dal francese Lucien Georges Mazan, più conosciuto con il soprannome di “Petit Breton”. Dal 1933, anno dell’istituzione della classifica GPM, è stato inserito 16 volte sul tracciato della corsa rosa: l’ultimo conquistatore è stato Fabio Aru, vincitore della Saint-Vicent – Sestriere nel 2015.

FOTOGALLERY

Reggia di Venaria Reale

Castello della Mandria

Lanzo Torinese, Ponte del Diavolo

Valle di Viù, Lago di Malciaussia

Lago della Rossa

Il rifugio del Colle del Lys in notturna nel film “Aspirante vedovo” (www.davinotti.com)

Il rifugio del Colle del Lys in notturna nel film “Aspirante vedovo” (www.davinotti.com)

Il rifugio del Colle del Lys in notturna nel film “Aspirante vedovo” (www.davinotti.com)

Lo scollinamento del Colle del Lys con il monumento ai partigiani caduti nell’eccidio nazista

Resti della villa romana rinvenuta alle porte di Almese

La Sacra di San Michele vista da uno degli ultimi tornanti della discesa dal Colle del Lys

Sacra di San Michele

Un tratto sterrato del Colle delle Finestre

Vista aerea sullo scollinamento del Colle delle Finestre; al centro si riconosce uno scorcio del Forte

Pragelato, Stadio del Trampolino

Sestriere, il piazzale intitolato a Giovanni Agnelli senior

Sauze di Cesana, testata della Valle Argentera

Oulx, Torre Delfinale

Bardonecchia, Forte Bramafam

Bardonecchia, Palazzo delle Feste

Spettacolare vista dai resti della Batteria Jafferau e, in trasparenza, l’altimetria della diciannovesima tappa del Giro 2018 (Google Street View)

Spettacolare vista dai resti della Batteria Jafferau e, in trasparenza, l’altimetria della diciannovesima tappa del Giro 2018 (Google Street View)

È PARTITO IL TOUR DE ROMANDIE, IL PROLOGO A MATTHEWS

aprile 24, 2018 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Ha preso il via con il successo nel cronoprologo di Michael Matthews il Tour de Romandie 2018. Primo italiano Diego Rosa, ottavo.

In quel di Friburgo con un cronoprologo poco più lungo di quattro chilometri ha preso le mosse il Tour de Romandie, che si concluderà domenica 29 a Ginevra.
La prima maglia gialla è andata all’australiano Michael Matthews. Il portacolori del Team Sunweb ha fatto registrare il miglior tempo ai danni di Tom Bohli. Lo svizzero della BMC è rimasto a lungo in cima alla classifica, dovendosi infine accontentare del secondo posto quando sulla linea d’arrivo si è presentato Matthews. Terza piazza per Primož Roglič (Team LottoNL-Jumbo), che ha fatto registrare lo stesso tempo del corridore sloveno. Dei tredici italiani presenti il migliore è stato Diego Rosa (Sky), classificatosi ottavo con un tempo superiore di soli 6” a quello del vincitore.
Il Tour de Romandie ha, inoltre, visto il ritorno alle competizioni di Richie Porte (BMC), che è partito con il dorsale 1 in qualità di ultimo vincitore della corsa elvetica e ha terminato la prova in 18a posizione con un passivo di 14 secondi.
Domani nella prima tappa in linea il gruppo lascerà Friburgo per raggiungere Delémont dopo 166.6 km. Il tracciato si presenta movimentato da 4 GPM e da un’orografia che potrebbe favorire una corsa d’attacco, anche se la classifica cortissima farebbe pensare a una tappa molto controllata.

Mario Prato

ORDINE D’ARRIVO E PRIMA CLASSIFICA GENERALE

1 Michael Matthews (Aus) Team Sunweb 0:05:33
2 Tom Bohli (Swi) BMC Racing Team 0:00:01
3 Primoz Roglic (Slo) LottoNL-Jumbo
4 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
5 Victor Campenaerts (Bel) Lotto Soudal 0:00:05
6 Geraint Thomas (GBr) Team Sky
7 William Clarke (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:00:06
8 Diego Rosa (Ita) Team Sky
9 Pierre Latour (Fra) AG2R La Mondiale
10 Gorka Izagirre (Spa) Bahrain-Merida 0:00:09
11 Egan Bernal (Col) Team Sky 0:00:11
12 Jonathan Castroviejo (Spa) Team Sky
13 Andrey Grivko (Ukr) Astana Pro Team
14 Pierre Rolland (Fra) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
15 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 0:00:13
16 Alexis Gougeard (Fra) AG2R La Mondiale
17 Silvan Dillier (Swi) AG2R La Mondiale 0:00:14
18 Richie Porte (Aus) BMC Racing Team
19 Davide Martinelli (Ita) Quick-Step Floors
20 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
21 Ion Izagirre (Spa) Bahrain-Merida 0:00:15
22 Louis Vervaeke (Bel) Team Sunweb
23 Daniel Martinez (Col) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:00:16
24 Nicola Conci (Ita) Trek-Segafredo
25 Hugh Carthy (GBr) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:00:17
26 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin
27 Emanuel Buchmann (Ger) Bora-Hansgrohe
28 Tobias Ludvigsson (Swe) Groupama-FDJ 0:00:18
29 Rob Power (Aus) Mitchelton-Scott
30 Steven Kruijswijk (Ned) LottoNL-Jumbo 0:00:19
31 Andrey Amador (CRc) Movistar Team
32 Stephen Cummings (GBr) Dimension Data
33 Daniel Martin (Irl) UAE Team Emirates
34 Damien Howson (Aus) Mitchelton-Scott 0:00:20
35 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team
36 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates
37 Simon Spilak (Slo) Katusha-Alpecin 0:00:21
38 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo
39 Tejay van Garderen (USA) BMC Racing Team 0:00:22
40 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
41 Lucas Hamilton (Aus) Mitchelton-Scott
42 Pawel Poljanski (Pol) Bora-Hansgrohe
43 Rudy Molard (Fra) Groupama-FDJ
44 Simon Geschke (Ger) Team Sunweb
45 Eduardo Sepulveda (Arg) Movistar Team
46 Pavel Sivakov (Rus) Team Sky 0:00:23
47 Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team
48 Odd Christian Eiking (Nor) Wanty-Groupe Gobert
49 Joe Dombrowski (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
50 Xandro Meurisse (Bel) Wanty-Groupe Gobert
51 Mathias Frank (Swi) AG2R La Mondiale 0:00:24
52 Stef Clement (Ned) LottoNL-Jumbo
53 Jens Keukeleire (Bel) Lotto Soudal
54 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team
55 José Joaquin Rojas (Spa) Movistar Team
56 Antoine Duchesne (Can) Groupama-FDJ
57 Carlos Verona (Spa) Mitchelton-Scott 0:00:25
58 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale
59 Amanuel Ghebreigzabhier (Eri) Dimension Data
60 Jakob Fuglsang (Den) Astana Pro Team
61 Carlos Betancur (Col) Movistar Team 0:00:26
62 Brendan Canty (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
63 Enrico Gasparotto (Ita) Bahrain-Merida
64 Jaime Roson (Spa) Movistar Team
65 Tsgabu Grmay (Eth) Trek-Segafredo 0:00:27
66 David Gaudu (Fra) Groupama-FDJ
67 Nathan Brown (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
68 Erik Baska (Svk) Bora-Hansgrohe
69 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
70 James Knox (GBr) Quick-Step Floors
71 Michael Albasini (Swi) Mitchelton-Scott
72 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin
73 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin 0:00:28
74 Matteo Fabbro (Ita) Katusha-Alpecin
75 Luke Rowe (GBr) Team Sky 0:00:29
76 Hugo Houle (Can) Astana Pro Team
77 Samuel Dumoulin (Fra) AG2R La Mondiale
78 Guillaume Martin (Fra) Wanty-Groupe Gobert
79 Omar Fraile (Spa) Astana Pro Team 0:00:30
80 Hermann Pernsteiner (Aut) Bahrain-Merida
81 David Lopez Garcia (Spa) Team Sky
82 Winner Anacona (Col) Movistar Team
83 Fabien Doubey (Fra) Wanty-Groupe Gobert 0:00:31
84 Kristijan Koren (Slo) Bahrain-Merida
85 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale
86 Jesper Hansen (Den) Astana Pro Team
87 Sander Armee (Bel) Lotto Soudal 0:00:32
88 Lars Boom (Ned) LottoNL-Jumbo
89 Benjamin Thomas (Fra) Groupama-FDJ
90 Thomas Degand (Bel) Wanty-Groupe Gobert
91 Merhawi Kudus (Eri) Dimension Data
92 Peter Kennaugh (GBr) Bora-Hansgrohe 0:00:33
93 Ramunas Navardauskas (Ltu) Bahrain-Merida
94 Léo Vincent (Fra) Groupama-FDJ 0:00:34
95 Andreas Schillinger (Ger) Bora-Hansgrohe
96 Baptiste Planckaert (Bel) Katusha-Alpecin
97 Danilo Wyss (Swi) BMC Racing Team
98 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors
99 Remy Mertz (Bel) Lotto Soudal 0:00:35
100 Jaco Venter (RSA) Dimension Data
101 Fumiyuki Beppu (Jpn) Trek-Segafredo
102 Laurens ten Dam (Ned) Team Sunweb
103 Kilian Frankiny (Swi) BMC Racing Team
104 Pascal Ackermann (Ger) Bora-Hansgrohe 0:00:36
105 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott 0:00:37
106 James Shaw (GBr) Lotto Soudal 0:00:38
107 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb
108 Sonny Colbrelli (Ita) Bahrain-Merida
109 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe 0:00:39
110 Anass Ait El Abdia (Mar) UAE Team Emirates 0:00:40
111 Bram Tankink (Ned) LottoNL-Jumbo
112 Dayer Quintana (Col) Movistar Team 0:00:41
113 Darwin Atapuma (Col) UAE Team Emirates
114 Michael Storer (Aus) Team Sunweb 0:00:42
115 Johann Van Zyl (RSA) Dimension Data
116 Marco Minnaard (Ned) Wanty-Groupe Gobert
117 Floris De Tier (Bel) LottoNL-Jumbo
118 Davide Cimolai (Ita) Groupama-FDJ 0:00:45
119 Svein Tuft (Can) Mitchelton-Scott
119 Gregory Daniel (USA) Trek-Segafredo
121 Kristijan Durasek (Cro) UAE Team Emirates 0:00:46
122 Nicolas Dougall (RSA) Dimension Data 0:00:47
123 Timothy Dupont (Bel) Wanty-Groupe Gobert
124 Tom Stamsnijder (Ned) Team Sunweb
125 Boy van Poppel (Ned) Trek-Segafredo
126 Fernando Gaviria (Col) Quick-Step Floors 0:00:48
127 Nicholas Dlamini (RSA) Dimension Data 0:00:49
128 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates 0:00:55
129 Matteo Bono (Ita) UAE Team Emirates
130 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
131 Enzo Wouters (Bel) Lotto Soudal 0:00:57
132 Robert Wagner (Ger) LottoNL-Jumbo 0:01:00

Matthews affronta il tratto in porfido che rendeva più impegnativo del previsto il cronoprologo del Giro di Romandia (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

Matthews affronta il tratto in porfido che rendeva più impegnativo del previsto il cronoprologo del Giro di Romandia (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

24-04-2018

aprile 24, 2018 by Redazione  
Filed under Ordini d'arrivo

TOUR DE ROMANDIE

L’australiano Michael Matthews (Team Sunweb) si è imposto nel prologo, circuito di Friburgo, percorrendo 4 Km in 5′33″ alla media di 43.46 Km/h. Ha preceduto di 1″ l’elvetico Bohli e lo sloveno Roglič. Miglior italiano Diego Rosa (Team Sky), 8° a 6″. Matthews è il primo leader della classifica con 1″ su Bohli e Roglič. Miglior italiano Rosa, 8° a 6″.

TOUR DU SÉNÉGAL

L’algerino Youcef Reguigui (Sovac – Natura4Ever) si è imposto anche nella terza tappa, Saint-Louis – Pire Goureye, percorrendo 148.5 Km in 3h27′18″ alla media di 42.98 Km/h. Ha preceduto allo sprint l’olandese Koop e il ruandese Uwizeyimana. Reguigui è ancora leader della classifica con 14″ su Koop e 23″ sul tedesco Fiege

TOUR DE LIMPOPO (Sudafrica)

Il sudafricano Andrew Edwards (ACDC Luso) si è imposto nella seconda tappa, circuito di Tzaneen, percorrendo 175 Km in 4h26′53″ alla media di 39.34 Km/h. Ha preceduto di 7″ l’etiope Ebrahim e di 9″ il sudafricano Gustav Basson (Team ProTouch), nuovo leader della classifica.

23-04-2018

aprile 23, 2018 by Redazione  
Filed under Ordini d'arrivo

TOUR DU SÉNÉGAL

L’algerino Youcef Reguigui (Sovac – Natura4Ever) si è imposto nella seconda tappa, Thiès – Saint-Louis, percorrendo 161.9 Km in 4h02′41″ alla media di 40.03 Km/h. Ha preceduto allo sprint l’olandese Koop e il tedesco Fiege. Essendo stata annullata la prima tappa Reguigui è il primo leader della classifica con 8″ su Koop e 11″ su Fiege

TOUR DE LIMPOPO (Sudafrica)

Il sudafricano Gustav Basson (Team ProTouch) si è imposto nella prima tappa, Polokwane – Tzaneen , percorrendo 96.4 Km in 2h11′31″ alla media di 43.98 Km/h. Ha preceduto allo sprint i connazionali Clint Hendricks (Team BXC) e Beneke. Hendricks è il primo leader della classifica con 5″ su Basson e sul connazionale Fourie

GIRO DELL’APPENNINO, SUCCESSO GENOVESE PER CICCONE

aprile 23, 2018 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Dopo le belle cose fatte vedere al Tour of the Alps, Giulio Ciccone si è preso l’Appennino che si concludeva nel salotto buono di Genova.

Giulio Ciccone, lo scalatore abruzzese in forza alla Bardiani-CSF, si è aggiudicato il 79° Giro dell’Appennino. La corsa ligure con un passato glorioso e un palmarès di tutto rispetto per il 2018 non solo ha ritrovato la sua salita simbolo, la Bocchetta, ma anche l’arrivo in Via XX Settembre, il salotto buono del capoluogo ligure, lo stesso traguardo dove un giovane Giovanni Visconti si vestì di tricolore e dove un certo Elia Viviani si aggiudicò la sua prima tappa al Giro d’Italia.
In contemporanea con la vittoria di Ciccone, in Croazia Paolo Simion otteneva la sua prima vittoria da professionista e il vincitore dell’Appennino ha così commentato: “Stiamo raccogliendo i frutti del nostro lavoro. Due vittorie in un solo giorno sono un risultato incredibile, ma non certo un caso. Tutta la squadra sta correndo bene da inizio stagione. Ogni gara è stata un passo in avanti, una crescita costante che ci ha dato convinzione. Abbiamo lavorato bene fin dall’inverno per riscattare un 2017 deludente: così stiamo facendo”. Passando a riferirsi alla gara che l’ha visto vincitore ha detto: “La corsa di oggi era difficile sia per il percorso sia perchè, dopo il Tour of the Alps, avevamo gli occhi puntati addosso come squadra. Questo ci ha aiutato a compattarci. Ci siamo presi la responsabilità di gestire la corsa, soprattutto con Orsini e Wackermann che hanno tirato per tantissimi chilometri lasciando poco spazio agli attaccati. In prossimità della Bocchetta sapevo che quello doveva essere il mio momento. Ho attaccato, Masnada e Antunes sono stati dei buoni compagni di fuga, e insieme abbiamo subito creato un buon vantaggio sul gruppo. Nel finale è servito tanto sangue freddo. Sapevamo che ce la saremmo giocata in tre, ma una mossa sbagliata poteva essere fatale. E’ stata una giornata perfetta, di quelle che rimangono impresse nella memoria. Ora godiamoci il successo e attendiamo, maggio sarà un mese importante…”
Come si evince dalle sue stesse parole, il Giro dell’Appennino è stata un affare a tre, ma di certo non si è trattato di un lento trasferimento in attesa dello striscione d’arrivo. Fin dalla partenza da Serravalle Scrivia si è tenuto un ritmo sostenuto, che ha portato al nascere di una fuga dopo 11 km, composta di sette elementi: Luca Colnaghi (Sangemini), Enrico Salvador (Biesse Carrera), Emanuele Onesti (D’Amico), El Mehdi Chokri (Dimension Data), Filippo Fortin (Felbermayr), Fernando Barceló (Euskadi-Murias) e Mateusz Taciak (CCC Sprandi). Il vantaggio massimo superiore ai cinque minuti non ha messo i sette in una posizione di sicurezza, soprattutto perché le salite tipiche di questa corsa erano ancora tutte da affrontare e la Bardiani-CSF si era autonominata controllore della corsa. Il Passo della Castagnola, il Passo del Giovi, la Crocetta d’Orero e ancora i Giovi hanno cominciato a chiedere dazio al gruppo dei fuggitivi, che ha cominciato a perdere elementi. Ma è stata la Bocchetta a cambiare le situazione in corsa, quando lassù, dopo il gran lavoro della sua Bardiani-CSF, Giulio Ciccone ha forzato l’andatura e ha tirato la stoccata buona. L’unico in grado di seguire l’abruzzese nell’azione che si è poi dimostrata decisiva è stato Fausto Masnada dell’Androni-Sidermec. I due hanno cominciato a raggiungere e superare gli ultimi fuggitivi, ormai sparpagliati sulla salita “simbolo” del Giro dell’Appennino. Prima del GPM i due sono stati raggiunti dal portoghese della CCC Sprandi Amaro Antunes. A quel punto la corsa è proseguita con il terzetto di testa che ha continuato a mantenere un buon vantaggio sugli inseguitori e anche di incrementarlo, sia sull’inedita salita di Fraconaltok sia sull’ultima ascesa al Passo dei Giovi, in vetta al quale il loro vantaggio era di 2 minuti esatti.
Ai meno dieci il terzetto di testa ha avuto la certezza che ormai da dietro non sarebbe più arrivato nessuno e così, dopo tanti chilometri di fraterna collaborazione, ognuno ha cominciato a pensare in proprio. Chi con un allungo come Masnada prima e Ciccone poi, chi rimanendo passivo per risparmiare energie come il portoghese Antunes. Il “teatro” di Via XX Settembre ha visto così arrivare i tre tutti assieme, nonostante le scaramucce finali. La volata a tre ha premiato il portacolori della Bardiani-CSF che, dopo le belle cose fatte vedere al Tour of the Alps, è già in forma Giro. Secondo posto per il portoghese Antunes, che ha rivelato di essersi ritirato dal Tour of the Alps per un problema fisico, proprio per non compromettere la sua partecipazione alla corsa genovese, uno dei suoi obiettivi stagionali. Per quanto riguarda la Ciclismo Cup la Androni-Sidermec ha piazzato Francesco Gavazzi 4° e Davide Ballerini 5°, oltre al 3° posto di Masnada.

Mario Prato

ORDINE D’ARRIVO

1 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF 4:52:54
2 Amaro Antunes (Por) CCC Sprandi Polkowice
3 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
4 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:02:06
5 Davide Ballerini (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
6 Marco Canola (Ita) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini
7 Paolo Totò (Ita) Sangemini-Mg. K Vis-Vega
8 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF
9 Alex Turrin (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
10 Roland Thalmann (Swi) Team Vorarlberg Santic
11 Antonio Santoro (Ita) Italy
12 Ivan Santaromita (Ita) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini
13 Alessandro Bisolti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
14 Sergey Firsanov (Rus) Gazprom-Rusvelo
15 Ildar Arslanov (Rus) Gazprom-Rusvelo
16 Luca Raggio (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
17 Edoardo Zardini (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
18 Matteo Badilatti (Swi) Team Vorarlberg Santic
19 Miguel Eduardo Florez Lopez (Col) Wilier Triestina-Selle Italia
20 Alberto Amici (Ita) Biesse Carrera Gavardo
21 Michele Gazzara (Ita) Sangemini-Mg. K Vis-Vega
22 Luca Colnaghi (Ita) Sangemini-Mg. K Vis-Vega
23 Mikel Bizkarra Etxegibel (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
24 Michal Schlegel (Cze) CCC Sprandi Polkowice
25 Damiano Cunego (Ita) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini 0:02:15
26 Rodolfo Torres (Col) Androni Giocattoli-Sidermec 0:02:20
27 Filippo Tagliani (Ita) Italy 0:04:38
28 Frantisek Sisr (Cze) CCC Sprandi Polkowice
29 Matteo Sobrero (Ita) Dimension Data for Qhubeka Continental Team
30 Stephan Rabitsch (Aut) Team Felbermayr Simplon Wels
31 Hideto Nakane (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini
32 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
33 Fernando Barcelo Aragon (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
34 Jonas Koch (Ger) CCC Sprandi Polkowice
35 Andrea Toniatti (Ita) Italy
36 Antonio Di Sante (Ita) Sangemini-Mg. K Vis-Vega
37 Simone Velasco (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
38 Nicola Gaffurini (Ita) Sangemini-Mg. K Vis-Vega
39 Marco Tizza (Ita) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini
40 Joan Bou Company (Spa) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini
41 Manuel Senni (Ita) Bardiani CSF
42 Oscar Rodriguez Garaicoechea (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
43 Ettore Carlini (Ita) D’Amico Utensilnord
44 Mikel Iturria Segurola (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
45 Leszek Plucinski (Pol) CCC Sprandi Polkowice
46 Mateusz Taciak (Pol) CCC Sprandi Polkowice
47 Davide Gabburo (Ita) Amore & Vita-Prodir
48 Manuel Bosch (Aut) Team Vorarlberg Santic 0:10:14
49 Aleksei Rybalkin (Rus) Gazprom-Rusvelo
50 Enrico Salvador (Ita) Biesse Carrera Gavardo
51 Stéphane Cognet (Fra) Project Nice Cote d’Azur
52 Simone Ravanelli (Ita) Biesse Carrera Gavardo
53 Andrea Garosio (Ita) D’Amico Utensilnord
54 Daniel Lehner (Aut) Team Felbermayr Simplon Wels
55 Dmitriy Kozontchuk (Rus) Gazprom-Rusvelo
56 Enrico Logica (Ita) Biesse Carrera Gavardo
57 Colin Chris Stüssi (Swi) Amore & Vita-Prodir
58 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
59 Stefano Oldani (Ita) Italy
60 Antonio Nibali (Ita) Italy 0:10:32
61 Giovanni Carboni (Ita) Bardiani CSF
62 Matvey Nikitin (Kaz) Astana City 0:10:57
63 Patryk Stosz (Pol) CCC Sprandi Polkowice
64 Filippo Fortin (Ita) Team Felbermayr Simplon Wels
65 El Mehdi Chokri (Mar) Dimension Data for Qhubeka Continental Team
66 Jacopo Mosca (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
67 Lukas Schlemmer (Aut) Team Felbermayr Simplon Wels
68 Umberto Marengo (Ita) Italy
69 Lorenzo Delcó (Swi) Biesse Carrera Gavardo
70 Gianluca Milani (Ita) Italy
71 Ivan Rovny (Rus) Gazprom-Rusvelo
72 Beñat Txoperena Matxikote (Spa) Euskadi Basque Country-Murias
73 Alexander Porsev (Rus) Gazprom-Rusvelo 0:15:08
74 Yuriy Natarov (Kaz) Astana City
75 Anton Kuzmin (Kaz) Astana City
76 Niccolo’ Salvietti (Ita) Sangemini-Mg. K Vis-Vega
77 Dario Puccioni (Ita) Sangemini-Mg. K Vis-Vega
78 Davide Orrico (Ita) Team Vorarlberg Santic
79 Massimo Rosa (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
80 Samuel Mugisha (Rwa) Dimension Data for Qhubeka Continental Team
81 Francesco Bettini (Ita) D’Amico Utensilnord 0:19:38
82 Julien Amadori (Fra) Project Nice Cote d’Azur
83 Jan-André Freuler (Swi) Amore & Vita-Prodir
84 Franco Orocito (Arg) D’Amico Utensilnord
85 Brendan Cole (Aus) Project Nice Cote d’Azur
86 Matthias Mangertseder (Ger) Team Felbermayr Simplon Wels
87 Sergey Luchshenko (Kaz) Astana City
88 Hafetab Weldu (Eth) Dimension Data for Qhubeka Continental Team
89 Andrea Zanardini (Ita) Biesse Carrera Gavardo
90 Kevin Colleoni (Ita) Biesse Carrera Gavardo

Ciccione perfeziona la giornata doro dei Bardiani imponendosi nel Giro dellAppennino (foto Bettini)

Ciccione perfeziona la giornata d'oro dei Bardiani imponendosi nel Giro dell'Appennino (foto Bettini)

CROAZIA ULTIMO ATTO. DOPPIETTA BARDIANI E GENERALE A SIUTSOU

aprile 22, 2018 by Redazione  
Filed under Copertina, News

Successo in casa Bardiani nell’ultima tappa del Giro di Croazia. Ad aggiudicarsi la vittoria è stato Paolo Simion, che ha anticipato di una decina di secondi il compagno di squadra Mirco Maestri. Nulla di invariato in classifica generale dove Siutsou non ha avuto problemi a mantenere la leadership.

Festa grande in casa Bardiani-CSF. Paolo Simion e Mirco Maestri con un’ottimo gioco di squadra hanno fatto sì che il gruppo che li inseguiva non coronasse con successo l’inseguimento e, contemporaneamente, hanno ottenuto il massimo risultato possibile: primo Paolo Simion, alla sua prima vittoria da professionista, secondo dopo 11” Mirco Maestri. La terza piazza è andata a Eduard Grosu (Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini), arrivato dopo 25”davanti a Fabian Lienhard (Holowesko Citadel). Sempre a uomini Bardiani sono andate la nona e la decima posizione, rispettivamente con Vincenzo Albanese ed Enrico Barbin.
“La vittoria di oggi è una grandissima soddisfazione” ha spiegato Simion. “Un’iniezione di fiducia incredibile, una spinta morale e un segnale importante da parte di tutta la squadra. Due giorni fa Tonelli, oggi io, sempre con una fuga e sfruttando il gioco di squadra. Abbiamo dimostrato che il lavoro paga, che aiutarsi reciprocamente crea un enorme valore aggiunto. Questa è l’immagine più bella per rappresentare le nostre vittorie. Ora abbiamo la consapevolezza che con la giusta mentalità e grinta possiamo toglierci grandi soddisfazioni. Da quando sono passato professionista ogni anno è servito per crescere. Da dilettante vincevo spesso. Aspettare oltre tre anni per riassaporare il successo non è stato semplice, ma ogni stagione è stata un’evoluzione, anche a livello tecnico. Ho imparato a sfruttare le fughe e la vittoria di oggi è la miglior dimostrazione. Siamo partiti all’attacco con Maestri per vincere i punti degli sprint intermedi e difendere la maglia di Tonelli. Arrivati a Zagabria e compreso che sia io che Mirco ne avevamo ancora, abbiamo forzato per evitare la rimonta del gruppo. Abbiamo ripetuto il gioco di squadra fatto al Tour of Rhodes, che poi premiò Mirco. Questa doppietta è la ciliegina sulla torta di una bellissima settimana”.
In classifica generale non è cambiato nulla e così il successo finale è andato al bielorusso Kanstantsin Siutsou (Bahrain Merida), passato indenne attraverso l’insidiosa tappa di ieri e classificatosi oggi 11° in totale sicurezza a 32” dal vincitore, guadagnando 3 secondi sull’olandese Pieter Weening (Roompot – Nederlandse Loterij) che lo segue nella generale e che forse ha qualcosa da recriminare per come è andata la prima tappa di montagna.
Nella classifica a punti in questa tappa di chiusura Eduard Grosu ha sorpassato in extremis il nostro Alessandro Tonelli. Il rumeno della Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini, ha così commentato questo successo, senza dimenticare l’odierno successo di tappa mancato “Sono davvero soddisfatto per la maglia della classifica punti appena vinta. Ero un obiettivo che io e la squadra avevamo e sono felice di averlo raggiunto. Ammetto di essere rammaricato per il terzo posto ottenuto nella tappa odierna. Hayato Yoshida ha svolto un ottimo lavoro per entrare nella fuga di giornata, ma non siamo riusciti nelle fasi finali a riprendere il gruppo di testa. Avrei voluto vincere per onorare al meglio il lavoro che i miei compagni hanno svolto anche oggi. Voglio ringraziarli uno ad uno per essersi sacrificati per me e per la squadra in queste sei tappe del tour of Croatia. Abbiamo ottenuto buoni risultati in questi giorni e sono convinto che continuando su questa strada riusciremo ad ottenerne molti altri nelle prossime gare”. La classifica dei giovani è andata alla sorpresa Yevgeniy Gidich (Astana), classificatosi terzo nella generale dopo le belle cose fatte vedere nelle due tappe montane, mentre l’olandese Peter Koning (Aqua Blue Sport) e il team Bahrain Merida si sono rispettivamente imposti nella classifica degli scalatori e in quella riservata alle squadre.

Mario Prato

1 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF 3:21:39
2 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF 0:00:11
3 Eduard Michael Grosu (Rom) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini 0:00:25
4 Fabian Lienhard (Swi) Holowesko-Citadel p/b Arapahoe Resources
5 Sondre Enger (Nor) Israel Cycling Academy 0:00:28
6 Alex Kirsch (Lux) WB Aqua Protect Veranclassic
7 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida
8 Juan Jose Lobato (Spa) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini
9 Vincenzo Albanese (Ita) Bardiani CSF 0:00:32
10 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF
11 Kanstantsin Suitsou (Blr) Bahrain-Merida
12 Benjamin Hill (Aus) Ljubljana Gusto Xaurum
13 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo
14 Pieter Weening (Ned) Roompot-Nederlandse Loterij 0:00:35
15 Tadej Pogacar (Slo) Ljubljana Gusto Xaurum
16 Radoslav Rogina (Cro) Adria Mobil
17 Lukasz Owsian (Pol) CCC Sprandi Polkowice
18 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
19 Jonathan Lastra Martinez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA
20 David Lozano (Spa) Team Novo Nordisk
21 TJ Eisenhart (USA) Holowesko-Citadel p/b Arapahoe Resources 0:00:40
22 Andrew Fenn (GBr) Aqua Blue Sport
23 Yevgeniy Gidich (Kaz) Astana Pro Team
24 Johnatan Cañaveral Vargas (Col) Bicicletas Strongman Colombia Coldeportes 0:00:41
25 Michel Kreder (Ned) Aqua Blue Sport
26 Daniel Pearson (GBr) Aqua Blue Sport
27 Jan Tratnik (Slo) CCC Sprandi Polkowice 0:00:44
28 Josip Rumac (Cro) Meridiana Kamen Team
29 Riccardo Stacchiotti (Ita) Mstina Focus 0:00:47
30 Andrea Peron (Ita) Team Novo Nordisk 0:00:51
31 Artem Nych (Rus) Gazprom-Rusvelo
32 Ziga Rucigaj (Slo) Ljubljana Gusto Xaurum
33 Adrian Kurek (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:00:53
34 Nikolay Trusov (Rus) Gazprom-Rusvelo 0:00:55
35 Pawel Bernas (Pol) CCC Sprandi Polkowice
36 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
37 Nick van der Lijke (Ned) Roompot-Nederlandse Loterij
38 Domen Novak (Slo) Bahrain-Merida
39 Daniel Savini (Ita) Bardiani CSF
40 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team
41 Elmar Reinders (Ned) Roompot-Nederlandse Loterij 0:01:04
42 Ziga Jerman (Slo) Ljubljana Gusto Xaurum 0:01:06
43 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida 0:01:08
44 Hayato Yoshida (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini 0:01:11
45 Janez Brajkovic (Slo) Adria Mobil 0:01:19
46 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy
47 Viktor Potocki (Cro) Ljubljana Gusto Xaurum 0:01:28
48 Gorazd Per (Slo) Adria Mobil 0:01:32
49 Ludwig De Winter (Bel) WB Aqua Protect Veranclassic
50 Marko Kump (Slo) CCC Sprandi Polkowice 0:01:34
51 Ziga Horvat (Slo) Adria Mobil
52 Emanuel Kiserlovski (Cro) Meridiana Kamen Team
53 Daniil Fominykh (Kaz) Astana Pro Team 0:01:39
54 Mateo Frankovic (Cro) Meridiana Kamen Team 0:01:40
55 Yannis Yssaad (Fra) Caja Rural-Seguros RGA 0:01:44
56 Federico Zurlo (Ita) Mstina Focus 0:01:49
57 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo 0:01:52
58 Igor Boev (Rus) Gazprom-Rusvelo 0:02:01
59 Jure Golcer (Slo) Adria Mobil 0:02:04
60 Guy Sagiv (Isr) Israel Cycling Academy 0:02:06
61 Niccolo Bonifazio (Ita) Bahrain-Merida
62 Bruno Maltar (Cro) Meridiana Kamen Team
63 Andrei Krasilnikau (Blr) Holowesko-Citadel p/b Arapahoe Resources 0:02:09
64 Ruben Dario Acosta Ospina (Col) Bicicletas Strongman Colombia Coldeportes 0:02:12
65 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy 0:02:13
66 Alessandro Tonelli (Ita) Bardiani CSF 0:02:22
67 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team
68 Vlad-Nicolae Dobre (Rom) Mstina Focus 0:02:25
69 Jon Bozic (Slo) Adria Mobil 0:02:26
70 Sergey Lagutin (Rus) Gazprom-Rusvelo
71 Gregor Gazvoda (Slo) Adria Mobil
72 Andrea Guardini (Ita) Bardiani CSF 0:02:33
73 Deni Banicek (Cro) Meridiana Kamen Team
74 Matteo Rabottini (Ita) Meridiana Kamen Team
75 Simone Ponzi (Ita) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini
76 Roman Maikin (Rus) Gazprom-Rusvelo 0:02:36
77 Diego Fernando Cano Malaver (Col) Bicicletas Strongman Colombia Coldeportes 0:02:39
78 Damiano Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini 0:02:40
79 Ruslan Tleubayev (Kaz) Astana Pro Team 0:02:52
80 David Jabuka (Cro) Meridiana Kamen Team 0:03:03
81 Raul-Antonio Sinza (Rom) Mstina Focus 0:03:11
82 William David Muñoz Perez (Col) Bicicletas Strongman Colombia Coldeportes 0:03:15
83 Jeroen Meijers (Ned) Roompot-Nederlandse Loterij 0:03:26
84 Wouter Wippert (Ned) Roompot-Nederlandse Loterij 0:03:33
85 Eduardo Estrada Celis (Col) Bicicletas Strongman Colombia Coldeportes 0:03:48
86 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy 0:04:15
87 Aristobulo Cala Cala (Col) Bicicletas Strongman Colombia Coldeportes 0:04:21
88 Peter Koning (Ned) Aqua Blue Sport
89 Sjoerd van Ginneken (Ned) Roompot-Nederlandse Loterij 0:04:23
90 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo 0:04:49
91 Izidor Penko (Slo) Ljubljana Gusto Xaurum 0:05:05
92 Ludovic Robeet (Bel) WB Aqua Protect Veranclassic 0:05:21
93 Roy Goldstein (Isr) Israel Cycling Academy 0:05:44
94 Emil Dima (Rom) Mstina Focus
95 Pawel Franczak (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:07:02
96 Kamil Gradek (Pol) CCC Sprandi Polkowice
97 Miguel Bryon (USA) Holowesko-Citadel p/b Arapahoe Resources
98 Justin Oien (USA) Caja Rural-Seguros RGA
99 Oscar Adalberto Quiroz Ayala (Col) Bicicletas Strongman Colombia Coldeportes
100 Kohei Uchima (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini
101 Hiroki Nishimura (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini
102 Umberto Poli (Ita) Team Novo Nordisk
103 Julien Stassen (Bel) WB Aqua Protect Veranclassic 0:07:27
104 Franklin Six (Bel) WB Aqua Protect Veranclassic
105 Oscar Riesebeek (Ned) Roompot-Nederlandse Loterij 0:08:11
106 Mattia Marcelli (Ita) Mstina Focus 0:08:45
107 Matic Groselj (Slo) Ljubljana Gusto Xaurum 0:09:04
108 Bakhtiyar Kozhatayev (Kaz) Astana Pro Team 0:09:42
109 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team

CLASSIFICA GENERALE

1 Kanstantsin Suitsou (Blr) Bahrain-Merida 26:51:12
2 Pieter Weening (Ned) Roompot-Nederlandse Loterij 0:00:11
3 Yevgeniy Gidich (Kaz) Astana Pro Team 0:01:01
4 Radoslav Rogina (Cro) Adria Mobil 0:01:18
5 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo 0:01:27
6 Daniel Pearson (GBr) Aqua Blue Sport 0:02:19
7 Artem Nych (Rus) Gazprom-Rusvelo 0:03:27
8 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo 0:03:37
9 Jonathan Lastra Martinez (Spa) Caja Rural-Seguros RGA 0:04:23
10 Domen Novak (Slo) Bahrain-Merida 0:04:38
11 Ruben Dario Acosta Ospina (Col) Bicicletas Strongman Colombia Coldeportes 0:04:41
12 TJ Eisenhart (USA) Holowesko-Citadel p/b Arapahoe Resources 0:05:48
13 Tadej Pogacar (Slo) Ljubljana Gusto Xaurum 0:05:49
14 Johnatan Cañaveral Vargas (Col) Bicicletas Strongman Colombia Coldeportes 0:07:02
15 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF 0:07:03
16 Josip Rumac (Cro) Meridiana Kamen Team 0:09:01
17 David Lozano (Spa) Team Novo Nordisk 0:09:56
18 Alessandro Tonelli (Ita) Bardiani CSF 0:11:04
19 Ziga Rucigaj (Slo) Ljubljana Gusto Xaurum 0:11:58
20 Nick van der Lijke (Ned) Roompot-Nederlandse Loterij 0:12:43
21 Lukasz Owsian (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:13:56
22 Artyom Zakharov (Kaz) Astana Pro Team 0:14:31
23 Daniil Fominykh (Kaz) Astana Pro Team 0:14:44
24 Matteo Rabottini (Ita) Meridiana Kamen Team 0:15:16
25 Oscar Adalberto Quiroz Ayala (Col) Bicicletas Strongman Colombia Coldeportes 0:16:43
26 Janez Brajkovic (Slo) Adria Mobil 0:17:23
27 Jure Golcer (Slo) Adria Mobil 0:17:34
28 Aristobulo Cala Cala (Col) Bicicletas Strongman Colombia Coldeportes 0:17:38
29 Andrei Krasilnikau (Blr) Holowesko-Citadel p/b Arapahoe Resources 0:17:45
30 Simone Ponzi (Ita) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini 0:18:10
31 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida 0:18:30
32 Emanuel Kiserlovski (Cro) Meridiana Kamen Team 0:19:15
33 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida 0:19:18
34 Yukiya Arashiro (Jpn) Bahrain-Merida 0:26:19
35 Daniel Savini (Ita) Bardiani CSF 0:30:18
36 Andrew Fenn (GBr) Aqua Blue Sport 0:30:56
37 Jan Tratnik (Slo) CCC Sprandi Polkowice 0:31:15
38 Diego Fernando Cano Malaver (Col) Bicicletas Strongman Colombia Coldeportes 0:33:38
39 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team 0:33:50
40 Federico Zurlo (Ita) Mstina Focus 0:34:08
41 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy 0:34:25
42 Sergey Lagutin (Rus) Gazprom-Rusvelo 0:34:48
43 Mateo Frankovic (Cro) Meridiana Kamen Team 0:35:19
44 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF 0:37:15
45 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy 0:38:08
46 Hayato Yoshida (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini 0:38:21
47 Bruno Maltar (Cro) Meridiana Kamen Team 0:38:41
48 Fabian Lienhard (Swi) Holowesko-Citadel p/b Arapahoe Resources 0:40:38
49 Vincenzo Albanese (Ita) Bardiani CSF 0:40:46
50 Igor Boev (Rus) Gazprom-Rusvelo 0:41:57
51 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo 0:42:14
52 Gorazd Per (Slo) Adria Mobil 0:46:08
53 Andrea Peron (Ita) Team Novo Nordisk 0:46:23
54 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF 0:47:03
55 Alex Kirsch (Lux) WB Aqua Protect Veranclassic 0:47:21
56 Benjamin Hill (Aus) Ljubljana Gusto Xaurum 0:47:51
57 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy 0:48:00
58 Eduardo Estrada Celis (Col) Bicicletas Strongman Colombia Coldeportes 0:48:19
59 Adrian Kurek (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:48:29
60 Pawel Bernas (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:48:32
61 Ludwig De Winter (Bel) WB Aqua Protect Veranclassic 0:49:09
62 Raul-Antonio Sinza (Rom) Mstina Focus 0:49:34
63 Deni Banicek (Cro) Meridiana Kamen Team 0:49:47
64 Bakhtiyar Kozhatayev (Kaz) Astana Pro Team 0:49:48
65 Jeroen Meijers (Ned) Roompot-Nederlandse Loterij 0:50:26
66 Damiano Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini 0:50:46
67 Juan Jose Lobato (Spa) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini 0:52:03
68 Hiroki Nishimura (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini 0:53:25
69 Gregor Gazvoda (Slo) Adria Mobil 0:54:17
70 Roy Goldstein (Isr) Israel Cycling Academy 0:54:45
71 Oscar Riesebeek (Ned) Roompot-Nederlandse Loterij 0:54:50
72 Kamil Gradek (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:55:31
73 Riccardo Minali (Ita) Astana Pro Team 0:56:07
74 Marko Kump (Slo) CCC Sprandi Polkowice 0:56:09
75 Guy Sagiv (Isr) Israel Cycling Academy 0:56:24
76 Vlad-Nicolae Dobre (Rom) Mstina Focus 0:56:58
77 Peter Koning (Ned) Aqua Blue Sport 0:58:19
78 Nikolay Trusov (Rus) Gazprom-Rusvelo 0:58:27
79 Viktor Potocki (Cro) Ljubljana Gusto Xaurum 0:59:12
80 Sondre Enger (Nor) Israel Cycling Academy 0:59:33
81 Izidor Penko (Slo) Ljubljana Gusto Xaurum 0:59:41
82 Riccardo Stacchiotti (Ita) Mstina Focus 0:59:43
83 Roman Maikin (Rus) Gazprom-Rusvelo 1:02:06
84 Umberto Poli (Ita) Team Novo Nordisk 1:02:38
85 Ruslan Tleubayev (Kaz) Astana Pro Team 1:02:46
86 Jon Bozic (Slo) Adria Mobil 1:02:47
87 Michel Kreder (Ned) Aqua Blue Sport 1:03:22
88 Ziga Jerman (Slo) Ljubljana Gusto Xaurum 1:03:47
89 Andrea Guardini (Ita) Bardiani CSF 1:04:09
90 David Jabuka (Cro) Meridiana Kamen Team 1:04:50
91 Sjoerd van Ginneken (Ned) Roompot-Nederlandse Loterij 1:04:57
92 Niccolo Bonifazio (Ita) Bahrain-Merida 1:05:00
93 Justin Oien (USA) Caja Rural-Seguros RGA 1:07:49
94 William David Muñoz Perez (Col) Bicicletas Strongman Colombia Coldeportes 1:08:13
95 Pawel Franczak (Pol) CCC Sprandi Polkowice 1:09:22
96 Ludovic Robeet (Bel) WB Aqua Protect Veranclassic 1:09:39
97 Yannis Yssaad (Fra) Caja Rural-Seguros RGA 1:09:48
98 Emil Dima (Rom) Mstina Focus 1:10:22
99 Elmar Reinders (Ned) Roompot-Nederlandse Loterij 1:10:42
100 Miguel Bryon (USA) Holowesko-Citadel p/b Arapahoe Resources 1:11:11
101 Ziga Horvat (Slo) Adria Mobil 1:13:56
102 Matic Groselj (Slo) Ljubljana Gusto Xaurum 1:15:10
103 Julien Stassen (Bel) WB Aqua Protect Veranclassic 1:15:46
104 Alex Frame (NZl) Trek-Segafredo 1:16:28
105 Franklin Six (Bel) WB Aqua Protect Veranclassic 1:17:17
106 Wouter Wippert (Ned) Roompot-Nederlandse Loterij 1:17:54
107 Eduard Michael Grosu (Rom) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini 1:19:40
108 Kohei Uchima (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Europa Ovini 1:24:23
109 Mattia Marcelli (Ita) Mstina Focus 1:38:44
110 Nicolas Marini (Ita) Mstina Focus

LItalia chiude in bellezza il Giro di Croazia con il successo di Paolo Simion a Zagabria (foto Bettini)

L'Italia chiude in bellezza il Giro di Croazia con il successo di Paolo Simion a Zagabria (foto Bettini)

A LIEGI LA CONSACRAZIONE DI JUNGELS

Il lussemburghese stacca tutti in cima alla Roche-aux-Faucons e conquista la più antica delle classiche al termine di un’azione solitaria di 16 km. Sul podio anche Michael Woods e Romain Bardet. Domenico Pozzovivo, quinto, è il migliore degli italiani. Enrico Gasparotto chiude sesto, davanti a Davide Formolo. Lontano Nibali.

Se la côte di Saint-Nicolas è stata per anni “la salita degli italiani”, per la Roche-aux-Faucons sarebbe forse ora di cominciare a parlare di “salita dei lussemburghesi”. Sulla salita che nel 2009 lanciò Andy Schleck verso un successo che sembrava preludere a una carriera da dominatore, quest’anno è stato Bob Jungels a gettare le basi di un trionfo solitario. La Liegi-Bastogne-Liegi, per la terza volta nella storia (la prima nel 1954, per merito di Marcel Ernzer), è finita così nel Granducato.
L’azione decisiva è nata a 16 km dal traguardo. La Quick-Step, che aveva in Jungels una delle tre punte, insieme a Philippe Gilbert e Julian Alaphilippe, aveva già occupato a lungo le posizioni di testa del gruppo, guidando, insieme a Movistar e UAE Emirates, l’inseguimento ai fuggitivi della prima ora: Florian Vachon (Fortuneo-Samsic), Jérôme Baugnies (Wanty-Groupe Gobert), Loïc Vliegen (BMC), Anthony Perez (Cofidis), Mark Christian, Casper Pedersen (Aqua Blue Sport), Paul Ourselin (Direct Énergie), Antoine Warnier (WB Aqua Protect Veranclassic) e Mathias Van Gompel (Sport Vlaanderen-Baloise).
Nei chilometri precedenti la Roche-aux-Faucons, dopo una Redoute scivolata via all’insegna della noia, come da triste tradizione degli ultimi anni, gli uomini in bianco e blu hanno ceduto il passo a quelli della Bahrein Merida. Il forcing della formazione di Vincenzo Nibali sembrava preannunciare un’offensiva del siciliano, che è invece naufragato non appena Philippe Gilbert, a 17 km dall’arrivo, ha prodotto il primo attacco illustre. Un’azione che si è rivelata in realtà preparatoria, perché, dopo poche centinaia di metri, non appena il vallone è stato riassorbito, è partita la prima offensiva di Jungels. Il tratto più impegnativo dell’ascesa, fino allo scollinamento ufficiale, è servito a selezionare un gruppo di una quindicina di uomini. Subito dopo, quando le gambe già colme di acido lattico hanno assaggiato la seconda parte della salita, più pedalabile, il lussemburghese è ripartito.
Nessuno ha saputo o voluto replicare, e nel giro di poche centinaia di metri la Quick-Step si è ritrovata in una condizione tattica ideale: Jungels solo in testa, libero di sprigionare i suoi cavalli nei chilometri di pianura che conducevano ai piedi del Saint-Nicolas, e Alaphilippe a fare da stopper contro qualsiasi tentativo di inseguimento. Il francese ha neutralizzato così i contrattacchi di Daniel Martin, Tim Wellens e Alejandro Valverde, costretto a rinunciare all’usuale attendismo.
Nemmeno il sacrificio di Davide Villella per Jacob Fuglsang è bastato a impedire che il leader approcciasse Saint-Nicolas con 50 secondi di vantaggio. Jelle Vanendert, con un’azione che ha levato dalla sua ruota tutti i favoriti, ne ha recuperati 30 sullo strappo, ma il suo inseguimento si è arenato non appena la strada è tornata a scendere.
Quando nemmeno Vanendert poteva più minacciare Jungels, i principali favoriti si sono fatti sorprendere da Romain Bardet e Michael Woods. Il tandem franco-canadese ha raggiunto e staccato il belga sulla salita di Ans, quando il battistrada poteva però ormai pensare a come celebrare il primo grande trionfo della carriera. Sesto e ottavo nelle ultime due edizioni del Giro d’Italia, chiuse con altrettante maglie bianche sulle spalle, Jungels ha coronato così la stellare campagna del Nord della Quick-Step, già capace di conquistare il Giro delle Fiandre con Niki Terpstra.
Nello sprint per il secondo posto, Woods ha anticipato Bardet, mentre Alaphilippe ha regolato in scioltezza il gruppetto con i principali favoriti della vigilia e ha colto la quarta piazza. Subito alle sue spalle hanno chiuso Domenico Pozzovivo ed Enrico Gasparotto, che hanno certificato la solidità di una Bahrein Merida a cui è mancato oggi l’uomo più atteso. Settimo Davide Formolo, che avrebbe forse potuto sognare più in grande se, a 4 km dal termine, avesse trovato la forza o il coraggio di dare man forte a Julian Alaphilippe, quando i due si sono ritrovati soli alle spalle di Vanendert. La top ten è stata completata da Roman Kreuziger, Sergio Henao e Jakob Fuglsang.
La Liegi 2018 potrebbe restare l’ultima con il traguardo ad Ans: entro la settimana, gli organizzatori potrebbero annunciare infatti il ritorno dell’arrivo nel centro di Liegi. Una soluzione che varrebbe come minimo la pena di sperimentare, alla luce di un’altra edizione segnata da 240 km di attendismo.

Matteo Novarini

ORDINE D’ARRIVO

1 Bob Jungels (Lux) Quick-Step Floors 6:24:44
2 Michael Woods (Can) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:00:37
3 Romain Bardet (Fra) AG2R La Mondiale
4 Julian Alaphilippe (Fra) Quick-Step Floors 0:00:39
5 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
6 Enrico Gasparotto (Ita) Bahrain-Merida
7 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe
8 Roman Kreuziger (Cze) Mitchelton-Scott
9 Sergio Henao (Col) Team Sky
10 Jakob Fuglsang (Den) Astana Pro Team
11 Jelle Vanendert (Bel) Lotto Soudal 0:00:45
12 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb 0:00:48
13 Alejandro Valverde (Spa) Movistar Team 0:00:51
14 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott 0:01:06
15 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb 0:01:24
16 Tim Wellens (Bel) Lotto Soudal 0:01:44
17 Jesus Herrada (Spa) Cofidis, Solutions Credits 0:02:08
18 Daniel Martin (Irl) UAE Team Emirates 0:02:41
19 Michael Valgren (Den) Astana Pro Team 0:02:50
20 Dylan Teuns (Bel) BMC Racing Team 0:02:53
21 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin 0:02:56
22 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates
23 Tiesj Benoot (Bel) Lotto Soudal 0:03:07
24 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo
25 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo
26 Rudy Molard (Fra) Groupama-FDJ
27 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe
28 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates
29 Michal Kwiatkowski (Pol) Team Sky
30 Tom-Jelte Slagter (Ned) Dimension Data
31 Philippe Gilbert (Bel) Quick-Step Floors
32 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida
33 Guillaume Martin (Fra) Wanty-Groupe Gobert
34 Serge Pauwels (Bel) Dimension Data
35 Maximilian Schachmann (Ger) Quick-Step Floors
36 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ
37 Damiano Caruso (Ita) BMC Racing Team
38 Xandro Meurisse (Bel) Wanty-Groupe Gobert
39 Alessandro De Marchi (Ita) BMC Racing Team
40 Pieter Serry (Bel) Quick-Step Floors
41 Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team
42 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott
43 Jay McCarthy (Aus) Bora-Hansgrohe
44 Omar Fraile (Spa) Astana Pro Team
45 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin 0:03:15
46 Jose Herrada (Spa) Cofidis, Solutions Credits 0:03:17
47 Daryl Impey (RSA) Mitchelton-Scott
48 Axel Domont (Fra) AG2R La Mondiale 0:03:18
49 Mikael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
50 Robert Kiserlovski (Cro) Katusha-Alpecin 0:03:22
51 Pierre Rolland (Fra) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
52 Lilian Calmejane (Fra) Direct Energie
53 Warren Barguil (Fra) Fortuneo-Samsic 0:03:24
54 Rigoberto Uran (Col) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:03:25
55 Tsgabu Grmay (Eth) Trek-Segafredo 0:03:34
56 Geraint Thomas (GBr) Team Sky 0:03:37
57 Rafal Majka (Pol) Bora-Hansgrohe 0:03:42
58 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team 0:04:01
59 Mikel Landa (Spa) Movistar Team 0:05:25
60 Carlos Betancur (Col) Movistar Team
61 Daniel Martinez (Col) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:06:00
62 Michael Gogl (Aut) Trek-Segafredo 0:08:50
63 Michael Matthews (Aus) Team Sunweb 0:09:08
64 José Joaquin Rojas (Spa) Movistar Team 0:09:17
65 Ian Boswell (USA) Katusha-Alpecin 0:09:18
66 Lawrence Warbasse (USA) Aqua Blue Sport
67 Nicolas Edet (Fra) Cofidis, Solutions Credits
68 Simon Geschke (Ger) Team Sunweb 0:09:24
69 Alex Howes (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:10:11
70 Anthony Perez (Fra) Cofidis, Solutions Credits
71 Mark Christian (GBr) Aqua Blue Sport
72 Tomasz Marczynski (Pol) Lotto Soudal
73 Paul Ourselin (Fra) Direct Energie
74 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data
75 Bjorg Lambrecht (Bel) Lotto Soudal
76 Kevin Deltombe (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
77 Simon Gerrans (Aus) BMC Racing Team
78 Paul Martens (Ger) LottoNL-Jumbo
79 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data
80 Carlos Verona (Spa) Mitchelton-Scott
81 Enric Mas (Spa) Quick-Step Floors
82 Stephen Cummings (GBr) Dimension Data
83 Jérôme Baugnies (Bel) Wanty-Groupe Gobert
84 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe 0:11:36
85 David Gaudu (Fra) Groupama-FDJ 0:11:43
86 Preben Van Hecke (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise 0:12:03
87 Dimitri Peyskens (Bel) WB Aqua Protect Veranclassic
88 Toms Skujins (Lat) Trek-Segafredo
89 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team
90 Benjamin King (USA) Dimension Data
91 Elie Gesbert (Fra) Fortuneo-Samsic
92 Romain Hardy (Fra) Fortuneo-Samsic
93 Thomas Degand (Bel) Wanty-Groupe Gobert
94 Cyril Gautier (Fra) AG2R La Mondiale
95 Bram Tankink (Ned) LottoNL-Jumbo
96 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team
97 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida
98 Gorka Izagirre (Spa) Bahrain-Merida
99 Amael Moinard (Fra) Fortuneo-Samsic
100 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott
101 Ion Izagirre (Spa) Bahrain-Merida 0:12:47
102 Tao Geoghegan Hart (GBr) Team Sky 0:14:06
103 Gregor Mühlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
104 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:14:32
105 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb
106 Edward Dunbar (Irl) Aqua Blue Sport
107 Andrey Amador (CRc) Movistar Team
108 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates 0:15:48
109 Lawson Craddock (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
110 Pavel Kochetkov (Rus) Katusha-Alpecin
111 Benjamin Declercq (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
112 Marco Minnaard (Ned) Wanty-Groupe Gobert
113 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo
114 Fabien Grellier (Fra) Direct Energie
115 Fabien Doubey (Fra) Wanty-Groupe Gobert
116 Romain Seigle (Fra) Groupama-FDJ
117 Wout Poels (Ned) Team Sky
118 Thomas Sprengers (Bel) Sport Vlaanderen-Baloise
119 Benoit Vaugrenard (Fra) Groupama-FDJ
120 Tosh Van Der Sande (Bel) Lotto Soudal 0:16:35
121 Luis Angel Mate Mardones (Spa) Cofidis, Solutions Credits 0:18:05
122 Aleksandr Riabushenko (Blr) UAE Team Emirates 0:18:06
123 Vasil Kiryienka (Blr) Team Sky
124 Rory Sutherland (Aus) UAE Team Emirates 0:18:15
125 Winner Anacona (Col) Movistar Team
126 Imanol Erviti (Spa) Movistar Team
127 Reto Hollenstein (Swi) Katusha-Alpecin
128 Aaron Gate (NZl) Aqua Blue Sport
129 Valentin Madouas (Fra) Groupama-FDJ
130 Justin Jules (Fra) WB Aqua Protect Veranclassic
131 Hugo Houle (Can) Astana Pro Team
132 Dion Smith (NZl) Wanty-Groupe Gobert

Jungel corona la sua prima grande impresa della carriera sul traguardo della Liegi-Bastogne-Liegi (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

Jungel corona la sua prima grande impresa della carriera sul traguardo della Liegi-Bastogne-Liegi (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

22-04-2018

aprile 22, 2018 by Redazione  
Filed under Ordini d'arrivo

LIEGI-BASTOGNE-LIEGI

Il lussemburghese Bob Jungels (Quick-Step Floors) si è imposto nella classica belga, Liegi – Ans, percorrendo 258.5 Km in 6h24′44″ alla media di 40.31 Km/h. Ha preceduto di 37″ il canadese Woods e il francese Bardet. Miglior italiano Domenico Pozzovivo (Bahrain Merida Pro Cycling Team), 5° a 39″

GIRO DELL’APPENNINO

L’italiano Giulio Ciccone (Bardiani – CSF) si è imposto nella corsa italiana, Serravalle Scrivia – Genova, percorrendo 194.8 Km in 4h52′54″ alla media di 39.90 Km/h. Ha preceduto allo sprint il portoghese Raposo Antunes e l’italiano Fausto Masnada (Androni – Sidermec – Bottecchia)

TOUR OF CROATIA

L’italiano Paolo Simion (Bardiani – CSF) si è imposto nella sesta ed ultima tappa, Samobor – Zagabria, percorrendo 151.5 Km in 3h21′39″ alla media di 45.08 Km/h. Ha preceduto di 11″ l’italiano Mirco Maestri (Bardiani – CSF) e di 252 il rumeno Grosu. Il bielorusso Kanstantsin Siutsou (Bahrain Merida Pro Cycling Team) si impone in classifica con 11″ sull’olandese Weening e 1′01″ sul kazako Gidich. Miglior italiano Gianluca Brambilla (Trek – Segafredo), 8° a 3′37″

TOUR DU JURA CYCLISTE (Francia)

Il lussemburghese Tom Wirtgen (AGO-Aqua Service) si è imposto nella seconda ed ultima tappa, Villeneuve-sous-Pymont – Arbois, percorrendo 161 Km in 4h06′04″ alla media di 39.26 Km/h. Ha preceduto allo sprint i belgi Pardini e Mertens. Miglior italiano Matteo Spreafico (Androni – Sidermec – Bottecchia), 13° a 3″. Il norvegese Carl Fredrik Hagen (Team Joker Icopal) si impone in classifica con 5″ sul belga Goossens e 8″ sull’australiano Harper. Miglior italiano Spreafico, 15° a 43″

VUELTA A CASTILLA Y LEÓN

Lo spagnolo Rubén Plaza Molina (Israel Cycling Academy) si è imposto nella terza ed ultima tappa, Segovia – Ávila, percorrendo 165.6 Km in 4h01′34″ alla media di 41.13 Km/h. Ha preceduto di 46″ gli spagnoli Eduard Prades Reverter e Barbero Cuesta. Miglior italiano Nicola Toffali (Sporting Clube de Portugal/Tavira), 57° a 4′03″. Plaza Molina si impone in classifica con 35″ su Barbero Cuesta e 42″ su Eduard Prades Reverter. Miglior italiano Toffali, 43° a 4′09″

RUTLAND – MELTON CICLE CLASSIC

Il britannico Gabriel Cullaigh (Team Wiggins) si è imposto nella corsa britannica, Oakham – Melton Mowbray, percorrendo 178 Km in 4h56′26″ alla media di 36.03 Km/h. Ha preceduto di 1″ il polacco Domagalski e 4″ l’olandese Kers. Unico italiano in gara Seiz Lizde (Holdsworth Pro Racing), 17° a 1′11″

VISEGRÁD 4 BICYCLE RACE – GP POLAND

Il polacco Maciej Paterski (Wibatech 7R Fuji) si è imposto nella corsa polacca, circuito di Sobótka, percorrendo 182 Km in 4h18′03″ alla media di 42.32 Km/h. Ha preceduto allo sprint il ceco Hačecký e il connazionale Latoń. Unico italiano in gara Alberto Marengo (Kobanya Cycling Team), 8°.

TOUR DE MERSIN (Turchia)

Il bielorusso Yauheni Karaliok (Minsk Cycling Club) si è imposto nella quarta ed ultima tappa, circuito di Mersin, percorrendo 129 Km in 3h07′57″ alla media di 41.18 Km/h. Ha preceduto allo sprint il turco Balkan e l’argentino Germán Nicolás Tivani Pérez. Unico italiano al via Filippo Zana (Trevigiani Phonix – Hemus 1896), 19°. Il russo Eduard Vorganov (Minsk Cycling Club) si impone in classifica con 1′42″ sul bulgaro Cholakov e 1′55″ su Germán Nicolás Tivani Pérez. Zana 11° a 9′05″

TOUR DU SÉNÉGAL

La prima tappa della corsa africana, Dakar – Thiès (143.3 Km), è stata annullata a causa dell’assenza del medico di corsa.

TOUR OF THE GILA (USA)

Lo statunitense Gavin Mannion (UnitedHealthcare Pro Cycling Team) si è imposto nella quinta ed ultima tappa, Silver City – Pinos Altos, percorrendo 161.9 Km in 4h02′41″ alla media di 40.03 Km/h. Ha preceduto di 1″ il canadese Rob Britton (Rally Cycling) e di 30″ il connazionale Murphy. Britton si impone in classifica con 52″ su Mannion e 2′14″ su Murphy

Pagina successiva »