CHE GIRO CHE FA A ORBETELLO

Ecco il tradizionale contenitore made ne ilciclismo.it che da diverse stagioni accompagna le cronache prima del Giro e poi del Tour. All’interno ritroverete le rubriche riservate alla rassegna stampa internazionale, alla colonna sonora del giorno, alle previsioni del tempo per la tappa successiva, alle “perle” dei telecronisti, al Giro d’Italia rivisto alla “rovescia” e al ricordo di un Giro passato (quest’anno rivisiteremo l’edizione del 1949 nel 100° anniversario della nascita di Fausto Coppi e nel 70° anniversario della prima storica doppietta Giro-Tour siglata dal Campionissimo).

CHE GIRO CHE FA… NEL MONDO

Italia

Viviani sprinta ma è declassato, 3ª tappa a Gaviria – “Viviani declassato, decisione giusta della Var” – Viviani furioso, Gaviria ammette: “Decisione esagera” – Nibali: “Il vento ha dato fastidio, grande lavoro della squadra” (Gazzetta dello Sport)

Tutti pazzi per il Giro, sperando che Nibali faccia il tris – Terza tappa a Viviani poi declassato per «manovra irregolare»: vince Gaviria (Corriere della Sera)

Gran Bretagna

Fernando Gaviria handed stage three at Giro d’Italia after Elia Viviani is relegated for deviating from sprint line (The Daily Telegraph)

Gaviria embarrassed to accept Giro victory after Viviani disqualified (The Independent)

Francia

Viviani déclassé, Gaviria vainqueur – Simon Yates, l’art de la provoc’ (L’Equipe)

Giro: Déclassé, Viviani déchante, l’Italie attend (Le Figaro)

Spagna

La polémica maniobra por la que fue descalificado Viviani (AS)

El ‘VAR’ da la victoria a Gaviria (Marca)

Polémica: quitan la victoria a Viviani y se la dan a Gaviria – Así fue la acción de la polémica descalificación de Viviani en el Giro
– “Etapas tan largas de 200 kms son un error” (El Mundo Deportivo)

Belgio

Opschudding in Giro: ritwinnaar Viviani gedeklasseerd, Gaviria krijgt zege – De Giro in 60 seconden: saaie etappe met omstreden ontknoping – Reactie van ‘ritwinnaar’ Fernando Gaviria: “Voor mij is Elia Viviani de winnaar van de derde etappe van de Ronde van Italië” (Het Nieuwsblad)

Giro: Viviani déclassé, Gaviria vainqueur! (La Dernière Heure/Les Sports)

Paesi Bassi

Winnaar Giro-etappe baalt voor concurrent – Dumoulin: ‘Survival of the fittest’ – Stressvolle dag voor Dumoulin(De Telegraaf)

Diskwalifi­ca­tie Viviani, ritzege gaat naar Gaviria (Algemeen Dagblad)

Germania

Ackermann sprintet auf Platz drei – Roglic in Rosa.(Berliner Zeitung)

Lussemburgo

Viviani wird Etappensieg aberkannt (Luxemburger Wort)

Giro d’Italia: Viviani wird disqualifiziert, Gaviria gewinnt somit die 3. Etappe (Tageblatt)

Svizzera

Giro: Viviani déclassé, Gaviria vainqueur de la 3e étape (24 Heures)

Slovenia

Roglič še en dan v rožnatem, Vivianiju odvzeli zmago (Delo)

Stati Uniti

Colombian Gaviria Handed Controversial Giro Stage Victory (The New York Times)

Colombia

Fernando Gaviria ganó la etapa, Viviani descalificado en la jornada – ¡Gaviria, Gaviria! La sensación: una mina de victorias – ‘Elia merecía la victoria’: Fernando Gaviria – Gráfic – ¡Histórico!: Gaviria, el ciclista colombiano con más victorias – ‘El equipo está motivado y confía en mí al ciento por ciento’: López (El Tiempo)

Victoria agridulce para Gaviria en el Giro de Italia – Cara de funeral: ¿por qué Fernando Gaviria no celebró su victoria en el Giro (El Espectador)

Ecuador

Richard Carapaz sufrió una avería y terminó en el puesto 77 en la tercera etapa del Giro de Italia(El Universo)

CHE GIRO CHE FA… SOL… LA… SI… DO… : la colonna sonora della tappa del Giro scelta per voi da ilciclismo.it

“Tutto il resto è noia” (Franco Califano)

a cura di DJ Jorgens

CHE METEO CHE FA

Le previsioni si riferiscono agli orari di partenza, passaggio e arrivo della tappa del giorno dopo

Orbetello: cielo coperto, 14.5°C, vento moderato da NE (24-27 Km/h), umidità al 55%
Manciano (GPM – Km 20.1): pioggia debole (0.2 mm), 9.7°C, vento forte da NE (33-41 Km/h), umidità al 76%
Tuscania (Km 93.6): pioggia debole (0.1 mm), 11.6°C, vento forte da NNE (36-40 Km/h), umidità al 68%
Sutri (Km 133.6): pioggia debole (0.7 mm), 9.7°C, vento forte da NNE (31-41 Km/h), umidità al 78%
Mentana (Sprint – Km 186.7): pioggia debole (0.1 mm), 14.5°C, vento moderato da NNE (24-27 Km/h), umidità al 63%
Frascati: pioggia debole (0.6 mm), 13.7°C, vento moderato da NNE (14 Km/h), umidità al 76%

CHE GHIRO CHE FA

Gli strafalcioni dei giornalisti al seguito della corsa rosa

De Luca: “Vincenzo Viviani”
Petacchi (in riferimento al GP Costa degli Etruschi): “Ne ho vinti sette di fila” (ne ha vinti cinque e non consecutivi)
Petacchi: “Sono scarpe unice nel suo genere”
Saligari: “Questo è il punto cruciale della tappa da qui all’arrivo”
Pancani: “Bellissime girate in bici”
De Luca: “Bisogna stare attenti a non perdere qualche pedalata”
Petacchi: “Ci sono anche qualche squadra”
De Luca: “Caravaggio morì qui a Orbetello” (non proprio, morì nella vicina Porto Ercole)
Eurosport (sito): “Ortebello”
Eurosport (sito): “Viviani… viene retrocesso dall’organizzazione di corsa” (a dire il vero non ha questi “poteri” l’organizzazione, a squalificare è la giuria)
Televideo: “Demare” (Démare)
Televideo: “John Hugh Carthy” (Hugh John Carthy)

FA CHE GIRO CHE

Le classifiche del Giro viste all’incontrario

Ordine d’arrivo terza tappa, Vinci – Orbetello

1° Paolo Simion
2° Mirco Maestri s.t.
3° Enrico Battaglin a 23″
4° Antonio Pedrero a 2′05″
5° Tom Bohli a 2′45″

Classifica generale

1° Awet Gebremedhin
2° Guillaume Boivin a 2′10″
3° Nico Denz a 7′32″
4° Paolo Simion a 9′30″
5° Sho Hatsuyama a 12′07″

CHE GIRO CHE FACEVA: 1949
Ricordiamo quest’anno, attraverso i titoli del quotidiano “La Stampa”, il Giro del 1949, quella della mitica Cuneo-Pinerolo

23 MAGGIO 1949 – 3a TAPPA VILLA SAN GIOVANNI – COSENZA (214 Km)

DE SANTI VINCE A COSENZA LA TERZA TAPPA DEL “GIRO” – IL GIRO AFFRONTA UNA DELLE TAPPE PIÙ LUNGHE
Una caduta di Bartali, per fortuna senza conseguenze – Oggi: duecentonovantadue chilometri di saliscendi – Da Cosenza verso Salerno – Sotto le finestre di Fausto e Gino


Il Mulino Spagnolo nella laguna di Orbetello illuminato di rosa in occasione dellarrivo del Giro (www.lextra.news)

Il Mulino Spagnolo nella laguna di Orbetello illuminato di rosa in occasione dell'arrivo del Giro (www.lextra.news)

CHE GIRO, CHE ARCHIVIO

Cliccare sul nome della tappa per visualizzare l’articolo

Raduno di partenza Bologna
1a tappa: Bologna – San Luca (cronometro individuale)
2a tappa: Bologna – Fucecchio

CADUTE, INCIDENTI MECCANICI E GIURIA, UNICHE EMOZIONI IN UNA TAPPA DAVVERO NOIOSA

Tappa davvero noiosa con la fuga di un solo uomo conclusa quando mancavano ancora 70 Km e poi gruppo compatto sino all’arrivo. Nel finale varie vicissitudini coinvolgono Carapaz, Kangert, Battaglin e Geoghegan Hart con esiti differenti. Viviani si impone nettamente nella volata, ma il brusco cambio di traiettoria gli costa il declassamento e regala il successo al colombiano Gaviria.

Doveva essere una tappa per velocisti e così è stato. Nelle prime tappe dei grandi giri è molto difficile che le fughe riescano ad andare all’arrivo, visto il controllo delle squadre dei velocisti che devono portare i loro capitani allo sprint per permettere loro di capitalizzare prima che arrivino le montagne. Le fughe, tuttavia, vanno puntualmente in scena ad opera soprattutto di comprimari in cerca di visibilità, con la speranza che il gruppo sbagli i calcoli (come pure è accaduto in passato).
Le squadre dal canto loro cercano di chiudere sulla fuga abbastanza vicini all’arrivo per evitare che nascano altri tentativi di avanscoperta.
In questa tappa nulla di tutto ciò è andato in scena ed alla bellezza dei paesaggi ha fatto da contraltare un gruppo compatto che negli ultimi 70 chilometri ha marciato senza attacchi verso la volata di Orbetello.
Le emozioni nel finale non, però, sono mancate e non solo per la volata thrilling andata in scena al traguardo, ma perché cadute ed inconvenienti meccanici hanno causato vari problemi e soprattutto un frazionamento del gruppo negli ultimi chilometri, che ha causato distacchi.
Per quel che riguarda gli uomini di classifica le vittime sono state Richard Carapaz (Movistar), che lo scorso ha lottato a lungo sia per la maglia bianca sia per un posto sul podio, e Tao Geoghegan Hart (Team Ineos), vincitore di due tappe all’ultimo Tour of the Alps e uomo di classifica del Team Ineos dopo il forfait del capitano designato Egan Bernal.
Per il resto la tappa è stata davvero soporifera dato che, subito dopo il via ufficiale, è partito Sho Hatsuyama (Nippo-Vini Fantini-Faizanè), che si è lanciato all’attacco da solo. Il plotone ha proceduto ad andatura turistica, lasciando al corridore giapponese un vantaggio massimo che, nonostante la flemma del gruppo maglia rosa, non ha mai superato i 7 minuti.
E’ bastata una accelerata dei Trek Segafredo nelle fasi di avvicinamento al capoluogo della Maremma perché il vantaggio si polverizzasse in un batter d’occhio, andando a disegnare una situazione di gruppo compatto quando mancavano ancora 75 Km alla conclusione.
Nonostante la distanza che ancora separava i “girini” dallo striscione di arrivo, nessuno ha voluto spendere energie così che a spezzare i sonnellini indotti dalla marcia “tutti insieme appassionatamente” ci hanno pensato gli inconvenienti.
Dopo alcune forature, che causano solo problemi effimeri di rientro, una caduta ai -5 spezza il gruppo in più tronconi. Davanti rimangono in 70, con tutti i big, mentre Carapaz e Geoghegan Hart che, se non possono essere considerati big vanno almeno accreditati del grado di pericolosi outsiders, rimangono nelle retrovie e accusano un passivo di 46 secondi il primo e di 1 minuto e mezzo il secondo.
Si arriva così alla volata sul suggestivo traguardo di Orbetello. Elia Viviani (Deceuninck – Quick Step), memore dell’errore di ieri e considerato il vento, si piazza proprio dietro a Pascal Ackermann (Bora-Hansgrohe) fino agli ultimi 100 metri, infilandolo agevolmente. Il campione italiano, però, dopo essere uscito dalla ruota del vincitore della tappa di ieri cambia bruscamente traiettoria, andando involontariamente ad ostacolare Matteo Moschetti (Trek – Segafredo), bravo a non finire a terra.
Il regolamento è chiaro: il cambio di traiettoria è sanzionato con il declassamento e la vittoria di tappa va a Fernando Gaviria (UAE-Team Emirates) il quale, intervistato nel dopotappa, chiarirà di non essere particolarmente felice di una vittoria ottenuta a tavolino anziché sulla strada; Viviani, apparso abbastanza alterato, non ha invece voluto rilasciare alcuna dichiarazione.
Per quanto il declassamento di Viviani possa far dispiacere agli appassionati italiani, il cambio di direzione netto ed improvviso è abbastanza evidente e, seppur probabilmente non diretto dolosamente ad ostacolare Moschetti, ha difatto creato una situazione di pericolo. Il regolamento in questi casi non distingue situazioni dolose e colpose, ma sanziona da un punto di vista oggettivo il cambio di direzione. La decisione della giuria appare quindi corretta con riferimento al regolamento.
Domani tappa da Orbetello a Frascati, proposta anche al Giro del 1998 ma su un tracciato molto differente, a partire da una distanza più contenuta – circa 30 Km di meno – rispetto ai 235 Km che di dovranno percorrere domani. Gli ultimi 2 Km saranno tutti in leggera ascesa, sempre intorno al 4/5%. Tale circostanza potrebbe non solo risultare indigesta ai velocisti meno in forma, ma anche ispirare a qualche finisseur l’idea di provare ad anticipare lo sprint, anche perché la tappa successiva sarà ancora riserva di caccia per le ruote veloci.

Benedetto Ciccarone

ORDINE D’ARRIVO

1 Fernando Gaviria (Col) UAE Team Emirates 5:23:19
2 Arnaud Demare (Fra) Groupama-FDJ
3 Pascal Ackermann (Ger) Bora-Hansgrohe
4 Matteo Moschetti (Ita) Trek-Segafredo
5 Giacomo Nizzolo (Ita) Dimension Data
6 Jakub Mareczko (Ita) CCC Team
7 Davide Cimolai (Ita) Israel Cycling Academy
8 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
9 Christian Knees (Ger) Team Ineos
10 Sacha Modolo (Ita) EF Education First
11 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott
12 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team
13 Giovanni Lonardi (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
14 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida
15 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal
16 José Rojas (Spa) Movistar Team
17 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo
18 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team
19 Rafal Majka (Pol) Bora-Hansgrohe
20 Mikel Landa (Spa) Movistar Team
21 Juan Sebastian Molano (Col) UAE Team Emirates
22 Bob Jungels (Lux) Deceuninck-QuickStep
23 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates
24 Pavel Sivakov (Rus) Team Ineos
25 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott
26 Kristijan Koren (Slo) Bahrain-Merida
27 Fabio Sabatini (Ita) Deceuninck-QuickStep
28 Eros Capecchi (Ita) Deceuninck-QuickStep
29 Andrey Amador (CRc) Movistar Team
30 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe
31 Tosh Van Der Sande (Bel) Lotto Soudal
32 Damiano Caruso (Ita) Bahrain-Merida
33 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott
34 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb
35 Tony Gallopin (Fra) AG2R La Mondiale
36 Matti Breschel (Den) EF Education First
37 Marco Haller (Aut) Katusha-Alpecin
38 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team
39 Jay Mc Carthy (Aus) Bora-Hansgrohe
40 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team
41 Tobias Ludvigsson (Swe) Groupama-FDJ
42 Thomas Leezer (Ned) Team Jumbo-Visma
43 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin
44 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
45 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
46 Michael Gogl (Aut) Trek-Segafredo
47 Jan Bakelants (Bel) Team Sunweb
48 Primoz Roglic (Slo) Team Jumbo-Visma
49 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates
50 Enrico Gasparotto (Ita) Dimension Data
51 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
52 Victor De La Parte (Spa) CCC Team
53 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
54 Daniel Navarro Garcia (Spa) Katusha-Alpecin
55 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
56 Alexis Vuillermoz (Fra) AG2R La Mondiale
57 Manuele Boaro (Ita) Astana Pro Team
58 Valentin Madouas (Fra) Groupama-FDJ
59 Hugh John Carthy (GBr) EF Education First
60 Jos van Emden (Ned) Team Jumbo-Visma
61 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
62 Ion Izagirre Insausti (Spa) Astana Pro Team
63 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team
64 Jacopo Guarnieri (Ita) Groupama-FDJ
65 Pieter Serry (Bel) Deceuninck-QuickStep
66 Danilo Wyss (Swi) Dimension Data
67 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott
68 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale
69 Rob Power (Aus) Team Sunweb
70 Lucas Hamilton (Aus) Mitchelton-Scott
71 Luke Durbridge (Aus) Mitchelton-Scott
72 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal
73 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy 0:00:13
74 Florian Senechal (Fra) Deceuninck-QuickStep 0:00:18
75 Ramon Sinkeldam (Ned) Groupama-FDJ 0:00:20
76 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:00:46
77 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team
78 Juan Jose Lobato Del Valle (Spa) Nippo-Vini Fantini-Faizane
79 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
80 Jonathan Caicedo (Ecu) EF Education First
81 Lukasz Owsian (Pol) CCC Team
82 Larry Warbasse (USA) AG2R La Mondiale
83 Scott Davies (GBr) Dimension Data
84 Markel Irizar (Spa) Trek-Segafredo
85 Tanel Kangert (Est) EF Education First
86 Nicola Conci (Ita) Trek-Segafredo
87 Joe Dombrowski (USA) EF Education First
88 Giovanni Carboni (Ita) Bardiani CSF
89 Reto Hollenstein (Swi) Katusha-Alpecin
90 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
91 Marco Canola (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
92 Miguel Eduardo Florez Lopez (Col) Androni Giocattoli-Sidermec
93 Amaro Antunes (Por) CCC Team
94 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal
95 Laurens ten Dam (Ned) CCC Team
96 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
97 Josef Cerny (Cze) CCC Team
98 Ignatas Konovalovas (Ltu) Groupama-FDJ
99 Jan Hirt (Cze) Astana Pro Team
100 Louis Vervaeke (Bel) Team Sunweb
101 Francisco Ventoso (Spa) CCC Team
102 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
103 Michael Schwarzmann (Ger) Bora-Hansgrohe
104 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data
105 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal
106 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale
107 Matteo Montaguti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
108 Miles Scotson (Aus) Groupama-FDJ
109 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy
110 Conor Dunne (Irl) Israel Cycling Academy 0:01:06
111 Tao Geoghegan Hart (GBr) Team Ineos 0:01:28
112 Sebastian Henao (Col) Team Ineos
113 Jonnathan Narvaez (Ecu) Team Ineos
114 Edward Dunbar (Irl) Team Ineos
115 Salvatore Puccio (Ita) Team Ineos
116 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida
117 Nathan Brown (USA) EF Education First 0:01:34
118 Hector Carretero (Spa) Movistar Team 0:01:39
119 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:01:52
120 Amanuel Ghebreigzabhier (Eri) Dimension Data 0:01:57
121 Mikkel Frølich Honoré (Den) Deceuninck-QuickStep 0:02:01
122 James Knox (GBr) Deceuninck-QuickStep
123 Luis Mas Bonet (Spa) Movistar Team
124 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team
125 Kamil Gradek (Pol) CCC Team
126 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy
127 Pawel Poljanski (Pol) Bora-Hansgrohe
128 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 0:02:28
129 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo
130 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
131 Awet Andemeskel (Eri) Israel Cycling Academy
132 Nicola Bagioli (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
133 Luca Covili (Ita) Bardiani CSF
134 Ivan Santaromita (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
135 Manuel Senni (Ita) Bardiani CSF
136 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin
137 Jenthe Biermans (Bel) Katusha-Alpecin
138 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale
139 Umberto Orsini (Ita) Bardiani CSF
140 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF
141 Damiano Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
142 Sean Bennett (USA) EF Education First
143 Jai Hindley (Aus) Team Sunweb
144 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb
145 Brent Bookwalter (USA) Mitchelton-Scott
146 Olivier Le Gac (Fra) Groupama-FDJ
147 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
148 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida
149 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott
150 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:03:14
151 Giulio Ciccone (Ita) Trek-Segafredo
152 Will Clarke (Aus) Trek-Segafredo
153 Ivan Sosa (Col) Team Ineos
154 Andrea Garosio (Ita) Bahrain-Merida
155 Grega Bole (Slo) Bahrain-Merida
156 Koen Bouwman (Ned) Team Jumbo-Visma
157 Victor Campenaerts (Bel) Lotto Soudal
158 Antwan Tolhoek (Ned) Team Jumbo-Visma
159 Laurens De Plus (Bel) Team Jumbo-Visma
160 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe
161 Ruben Plaza (Spa) Israel Cycling Academy
162 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale
163 Paul Martens (Ger) Team Jumbo-Visma
164 Jelle Vanendert (Bel) Lotto Soudal
165 Guy Niv (Isr) Israel Cycling Academy
166 Sepp Kuss (USA) Team Jumbo-Visma
167 Lorenzo Rota (Ita) Bardiani CSF
168 Sho Hatsuyama (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
169 Dmitrii Strakhov (Rus) Katusha-Alpecin
170 Tom Bohli (Swi) UAE Team Emirates 0:04:10
171 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team 0:04:50
172 Enrico Battaglin (Ita) Katusha-Alpecin 0:06:32
173 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF 0:06:55
174 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF

CLASSIFICA GENERALE

1 Primoz Roglic (Slo) Team Jumbo-Visma 10:21:01
2 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 0:00:19
3 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida 0:00:23
4 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team 0:00:28
5 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb
6 Rafal Majka (Pol) Bora-Hansgrohe 0:00:33
7 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo 0:00:39
8 Damiano Caruso (Ita) Bahrain-Merida 0:00:40
9 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 0:00:42
10 Victor De La Parte (Spa) CCC Team 0:00:45
11 Bob Jungels (Lux) Deceuninck-QuickStep 0:00:46
12 Hugh John Carthy (GBr) EF Education First 0:00:47
13 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 0:00:50
14 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe
15 Daniel Navarro Garcia (Spa) Katusha-Alpecin 0:00:58
16 Luke Durbridge (Aus) Mitchelton-Scott
17 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team 0:00:59
18 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott 0:01:00
19 Pavel Sivakov (Rus) Team Ineos 0:01:01
20 Ion Izagirre Insausti (Spa) Astana Pro Team
21 Tony Gallopin (Fra) AG2R La Mondiale 0:01:02
22 Enrico Gasparotto (Ita) Dimension Data 0:01:04
23 Mikel Landa (Spa) Movistar Team 0:01:07
24 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data 0:01:12
25 Rob Power (Aus) Team Sunweb 0:01:13
26 Kristijan Koren (Slo) Bahrain-Merida
27 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 0:01:16
28 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
29 Tobias Ludvigsson (Swe) Groupama-FDJ 0:01:18
30 Pieter Serry (Bel) Deceuninck-QuickStep
31 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin 0:01:20
32 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott 0:01:22
33 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team 0:01:25
34 Manuele Boaro (Ita) Astana Pro Team 0:01:27
35 Eros Capecchi (Ita) Deceuninck-QuickStep 0:01:30
36 Andrey Amador (CRc) Movistar Team 0:01:32
37 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal 0:01:33
38 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team
39 Tanel Kangert (Est) EF Education First
40 Jay Mc Carthy (Aus) Bora-Hansgrohe 0:01:34
41 Alexis Vuillermoz (Fra) AG2R La Mondiale 0:01:38
42 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida 0:01:39
43 Jan Bakelants (Bel) Team Sunweb 0:01:41
44 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
45 Fernando Gaviria (Col) UAE Team Emirates 0:01:42
46 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale 0:01:45
47 Arnaud Demare (Fra) Groupama-FDJ
48 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates 0:01:47
49 Pascal Ackermann (Ger) Bora-Hansgrohe
50 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
51 José Rojas (Spa) Movistar Team 0:01:48
52 Florian Senechal (Fra) Deceuninck-QuickStep
53 Valentin Madouas (Fra) Groupama-FDJ 0:01:52
54 Michael Gogl (Aut) Trek-Segafredo 0:01:53
55 Joe Dombrowski (USA) EF Education First 0:01:59
56 Fabio Sabatini (Ita) Deceuninck-QuickStep 0:02:01
57 Tao Geoghegan Hart (GBr) Team Ineos 0:02:03
58 Laurens ten Dam (Ned) CCC Team 0:02:04
59 Louis Vervaeke (Bel) Team Sunweb 0:02:05
60 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates 0:02:06
61 Lucas Hamilton (Aus) Mitchelton-Scott 0:02:07
62 Jan Hirt (Cze) Astana Pro Team 0:02:13
63 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
64 Ignatas Konovalovas (Ltu) Groupama-FDJ
65 Davide Cimolai (Ita) Israel Cycling Academy 0:02:14
66 Amaro Antunes (Por) CCC Team 0:02:15
67 Nicola Conci (Ita) Trek-Segafredo 0:02:18
68 Giovanni Carboni (Ita) Bardiani CSF 0:02:19
69 Larry Warbasse (USA) AG2R La Mondiale 0:02:20
70 Jacopo Guarnieri (Ita) Groupama-FDJ 0:02:23
71 Danilo Wyss (Swi) Dimension Data 0:02:24
72 Marco Haller (Aut) Katusha-Alpecin
73 Matteo Montaguti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:02:26
74 Francisco Ventoso (Spa) CCC Team 0:02:27
75 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy 0:02:28
76 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe 0:02:29
77 Tosh Van Der Sande (Bel) Lotto Soudal 0:02:31
78 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data 0:02:32
79 Caleb Ewan (Aus) Lotto Soudal 0:02:34
80 Sacha Modolo (Ita) EF Education First 0:02:35
81 Reto Hollenstein (Swi) Katusha-Alpecin
82 Edward Dunbar (Irl) Team Ineos 0:02:42
83 Marco Canola (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:02:43
84 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:02:46
85 Lukasz Owsian (Pol) CCC Team 0:02:50
86 Roger Kluge (Ger) Lotto Soudal 0:02:52
87 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal
88 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:02:58
89 James Knox (GBr) Deceuninck-QuickStep
90 Jonathan Caicedo (Ecu) EF Education First 0:03:04
91 Salvatore Puccio (Ita) Team Ineos 0:03:11
92 Miguel Eduardo Florez Lopez (Col) Androni Giocattoli-Sidermec 0:03:14
93 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:03:16
94 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida
95 Nathan Brown (USA) EF Education First 0:03:19
96 Jonnathan Narvaez (Ecu) Team Ineos 0:03:20
97 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale 0:03:43
98 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo 0:03:57
99 Sebastian Henao (Col) Team Ineos 0:03:58
100 Jai Hindley (Aus) Team Sunweb 0:03:59
101 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott 0:04:01
102 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:04:06
103 Michael Schwarzmann (Ger) Bora-Hansgrohe
104 Olivier Le Gac (Fra) Groupama-FDJ 0:04:22
105 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy 0:04:31
106 Ruben Plaza (Spa) Israel Cycling Academy
107 Brent Bookwalter (USA) Mitchelton-Scott 0:04:35
108 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin 0:04:42
109 Nicola Bagioli (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:04:46
110 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb 0:04:50
111 Christian Knees (Ger) Team Ineos 0:04:53
112 Paul Martens (Ger) Team Jumbo-Visma 0:05:06
113 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale 0:05:07
114 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF 0:05:08
115 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida 0:05:09
116 Koen Bouwman (Ned) Team Jumbo-Visma 0:05:11
117 Manuel Senni (Ita) Bardiani CSF 0:05:14
118 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale 0:05:18
119 Lorenzo Rota (Ita) Bardiani CSF 0:05:35
120 Jenthe Biermans (Bel) Katusha-Alpecin 0:05:36
121 Ivan Santaromita (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:05:49
122 Antwan Tolhoek (Ned) Team Jumbo-Visma 0:05:57
123 Andrea Garosio (Ita) Bahrain-Merida 0:06:11
124 Ivan Sosa (Col) Team Ineos 0:06:12
125 Grega Bole (Slo) Bahrain-Merida 0:06:14
126 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:06:19
127 Giulio Ciccone (Ita) Trek-Segafredo 0:06:22
128 Pawel Poljanski (Pol) Bora-Hansgrohe 0:06:51
129 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team 0:06:58
130 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team 0:07:22
131 Giacomo Nizzolo (Ita) Dimension Data 0:08:01
132 Enrico Battaglin (Ita) Katusha-Alpecin 0:08:12
133 Luca Covili (Ita) Bardiani CSF 0:09:57
134 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF 0:10:04
135 Umberto Orsini (Ita) Bardiani CSF 0:10:27
136 Victor Campenaerts (Bel) Lotto Soudal 0:10:33
137 Jos van Emden (Ned) Team Jumbo-Visma 0:10:37
138 Mikkel Frølich Honoré (Den) Deceuninck-QuickStep 0:11:37
139 Juan Sebastian Molano (Col) UAE Team Emirates 0:11:59
140 Hector Carretero (Spa) Movistar Team 0:12:15
141 Amanuel Ghebreigzabhier (Eri) Dimension Data 0:12:33
142 Luis Mas Bonet (Spa) Movistar Team 0:12:38
143 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 0:13:14
144 Sean Bennett (USA) EF Education First 0:13:15
145 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott 0:13:22
146 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe 0:13:30
147 Sepp Kuss (USA) Team Jumbo-Visma 0:14:02
148 Scott Davies (GBr) Dimension Data 0:14:05
149 Damiano Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:14:16
150 Ramon Sinkeldam (Ned) Groupama-FDJ 0:14:24
151 Thomas Leezer (Ned) Team Jumbo-Visma 0:14:38
152 Miles Scotson (Aus) Groupama-FDJ 0:14:44
153 Jelle Vanendert (Bel) Lotto Soudal 0:14:50
154 Juan Jose Lobato Del Valle (Spa) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:14:55
155 Giovanni Lonardi (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:15:06
156 Markel Irizar (Spa) Trek-Segafredo 0:15:14
157 Josef Cerny (Cze) CCC Team 0:15:19
158 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team 0:15:28
159 Matteo Moschetti (Ita) Trek-Segafredo 0:15:30
160 Matti Breschel (Den) EF Education First 0:15:35
161 Laurens De Plus (Bel) Team Jumbo-Visma 0:15:54
162 Jakub Mareczko (Ita) CCC Team 0:16:17
163 Mark Renshaw (Aus) Dimension Data 0:16:23
164 Kamil Gradek (Pol) CCC Team 0:16:24
165 Conor Dunne (Irl) Israel Cycling Academy 0:16:25
166 Dmitrii Strakhov (Rus) Katusha-Alpecin 0:17:15
167 Guy Niv (Isr) Israel Cycling Academy 0:18:26
168 Will Clarke (Aus) Trek-Segafredo 0:18:27
169 Tom Bohli (Swi) UAE Team Emirates 0:18:36
170 Sho Hatsuyama (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:18:55
171 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF 0:21:32
172 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale 0:23:30
173 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy 0:28:52
174 Awet Andemeskel (Eri) Israel Cycling Academy 0:31:02

Elia Viviani esulta in quel di Orbetello ma la sua gioia avrà vita breve... (foto Bettini)

Elia Viviani esulta in quel di Orbetello ma la sua gioia avrà vita breve... (foto Bettini)

C’È UNA LAGUNA PICCOLA LAGGIÙ…

Carte alla mano, non si tratta di una frazione particolarmente impegnativa ma il finale di gara potrebbe riservare qualche sgradita sorpresa. Gli ultimi 15 Km si disputeranno, infatti, nell’ambiente della laguna di Orbetello con ampi tratti da percorrere sotto l’effetto del vento. Il rischio di incappare in ventagli è, dunque, elevato e ancor maggiore è la possibilità che non si riesca a ricucirli perché davanti si andrà sicuramente a tutta, con i “treni” dei velocisti impegnati al massimo nel mettere su strada tutte le loro energie in vista di un quasi certo arrivo allo sprint.

… attenti al vento! La terza frazione della corsa rosa sarà pane per i denti dei velocisti e su questo non ci piove… ma potrebbe tirarci parecchio vento. Altimetricamente il viaggio da Vinci a Orbetello non sarà molto complicato, con una trentina di chilometri di pianura in partenza, un GPM di 3a categoria e poi una fase centrale modestamente vallonata prima di ritrovare il piattone negli ultimi 80 Km, nel corso dei quali l’unica difficoltà altimetricata sarà rappresentata dal modesto Poggio L’Apparita, “apparizione” che avverrà quando al traguardo mancheranno una quarantina abbondante di chilometri. E sarà proprio il tratto conclusivo di questa tappa a presentare l’insidia maggiore di giornata quando il gruppo giungerà in riva alla laguna di Orbetello, una zona particolarmente esposta all’azione del vento poiché per circa 15 Km ci si troverà a correre avendo le acque a destra e a sinistra. Considerata la poca distanza che mancherà al traguardo e le alte velocità alle quali solitamente il gruppo viaggia nei finali di corsa, chi dovesse incappare in un ventaglio potrebbe faticare non poco per rientrare sul gruppo di testa oppure, nella peggiore delle ipotesi, lasciare per strada un considerevole gruzzoletto temporale e perdere anche più di un minuto, inconveniente nel quale potrebbe incappare anche qualche pezzo grosso della classifica, come capitato spesso in passato in situazioni simili.
Lasciata Vinci, altro omaggio al grande Leonardo, la “corsa rosa” sfiorerà ancora Empoli per poi imboccare la Valdelsa in direzione di Castelfiorentino, cittadina tra i cui monumenti si segnalano il santuario barocco di Santa Verdiana e il Teatro del Popolo, uno dei più importanti della Toscana tra quelli costruiti nell’Ottocento e il cui ridotto è stato intitolato a Indro Montanelli. Attraversato questo centro si affronterà la salita più impegnativa di giornata, il Poggio all’Aglione (6.6 Km al 5.5%), subito prima di giungere nella località di Gambassi Terme, che vanta diversi interessanti luoghi di culto come la romanica Pieve di San Frediano, situata all’interno del castello della frazione Montignoso. Al termine della discesa si farà ritorno sul fondovalle della Valdelsa all’altezza di Certaldo, piccola città d’arte dove il 16 giugno 1313 nacque il poeta Giovanni Boccaccio, la cui casa – totalmente ricostruita dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale – è uno dei luoghi più visitati del centro storico assieme al Palazzo Pretorio, simbolo della cittadina.
Ritrovata la pianura il gruppo si porterà a Poggibonsi e poi, abbandonata la statale per Siena, a Colle di Val d’Elsa, un altro centro toscano spesso meta dei turisti, che qui giungono sia per ammirarne i monumenti (come la casa-torre dove nacque lo scultore Arnolfo di Cambio), sia per acquistare souvenir in cristallo, pregiato materiale della cui produzione questo centro è il principale in Italia, con tanto di museo inaugurato nel 2001.
Costeggiando in leggero falsopiano la Montagnola Senese, area collinare ricca di grotte carsiche e di cave di marmo giallo (in passato impiegato nella costruzione dei duomi di Firenze e Orvieto), il gruppo si avvicinerà alla fase centrale vallonata, superando all’inizio di questo tratto il facile GPM della Cantoniera di Montebello (2.4 Km al 5%) per poi giungere nella zona dove si trova uno dei monumenti più spettacolari e visitati della Toscana, la gotica abbazia in rovina dedicata al santo eremita Galgano, la cui decadenza iniziò sia a causa delle carestie e delle pestilenze che colpirono queste terre, sia per la decisione dei monaci di trasferirsi in un più comodo palazzo che avevano fatto costruire nel 1474 nel centro di Siena. La “resurrezione” di questo luogo inizierà nell’Ottocento con una serie di restauri conservativi che, come detto, ne hanno fatto una delle mete più ambite dai turisti e anche dalle troupe cinematografiche, come quella del film campione d’incassi di Checco Zalone “Sole a catinelle”. Entrato in provincia di Grosseto il tracciato della terza frazione del Giro 2019 giungerà nella zona delle Colline Metallifere, che devono il loro nome alle numerose miniere presenti nel sottosuolo e dalla quali sono stati scavati nel corso dei secoli minerali come il rame e la pirite, mentre nel dopoguerra l’attività estrattiva si concentrò prevalentemente sui giacimenti di lignite. Il passaggio dal borgo di Montemassi, dominanto da un imponente castello realizzato dopo l’anno Mille dalla famiglia Aldobrandeschi, anticiperà di qualche chilometro l’inizio del lungo tratto pianeggiante che caratterizza il finale ed anche un altro cambio di scenario perché ci si lascerà alle spalle le Colline Metallifere per giungere sulle strade della Maremma. Imboccata l’Aurelia e sfiorata la collina sulla quale sorge il borgo di Montepescali – definito il “Balcone della Maremma” per le viste panoramiche che offre e che si spingono fino all’Arcipelago Toscano e alla lontana Corsica – la corsa procederà ora spedita in direzione di Grosseto. Attraversato il capoluogo Maremma – la cui cinta muraria rinascimentale è una delle meglio conservate d’Italia – si lascerà l’Aurelia per un percorso più interno che prevede la salitella del Poggio l’Apparita, poco più di 2 Km inclinati al 5.2% medio da superare in vista del passaggio dal piccolo borgo di Montiano, sorto nel XIII secolo dopo l’abbandono del vicino Castello di Montiano Vecchio, provocato da un assedio delle truppe senesi che causarono ingenti danni.
A questo punto la corsa cambierà direzione di marcia, prendendo la strada che punta con decisione verso la costa e giungendo a una quindicina di chilometri dall’arrivo al momento più delicato di questa frazione. Accadrà in località Albinia quando, sfiorato il quattrocentesca Forte delle Saline (fortificazione che fu inserita nel sistema difensivo dello Stato dei Presidii), il gruppo andrà a imboccare la strada che percorre il Tombolo della Giannella, uno dei tre istmi che saldano la penisola italiana al promontorio dell’Argentario, avendo per circa 6 Km il Mar Tirreno sulla destra e le acque interne della laguna di Orbetello sulla sinistra. Una volta giunti dall’altra parte del Tombolo le insidie non saranno ancora terminate perché, dopo aver costeggiato per un breve tratto le pendici del Monte Argentario in direzione di Porto Ercole, si svolterà a sinistra verso l’istmo centrale, sul quale sorge la città di Orbetello, imboccando il lungo ponte della Diga Leopoldiana, altro tratto molto esposto che potrebbe, a questo punto, scompaginare treni e piani dei velocisti lanciati verso il traguardo.

Mauro Facoltosi

RINGRAZIAMENTI

Segnaliamo che le citazioni cinematografiche (nel testo e nella fotogallery) sono frutto della collaborazione con il sito www.davinotti.com, che ringraziamo per la disponibilità.

FOTOGALLERY

Castelfiorentino, Santuario di Santa Verdiana (www.toscananelcuore.it)

Castelfiorentino, Santuario di Santa Verdiana (www.toscananelcuore.it)

Certaldo, Palazzo Pretorio

Colle di Val d’Elsa

Colle di Val d’Elsa, Museo del Cristallo

La Montagnola Senese

Abbazia di San Galgano

Abbazia di San Galgano

Scena di “Sole a catinelle” girata presso l’Abbazia di San Galgano (www.davinotti.com)

Scena di “Sole a catinelle” girata presso l’Abbazia di San Galgano (www.davinotti.com)

Castello di Montemassi

Panorama sulla Maremma da Montepescali

Le mura di Grosseto

Albinia, Forte delle Saline

Il ponte della Diga Leopoldiana e, sullo sfondo, la città di Orbetello

Un suggestivo scorcio della laguna di Orbetello e, in trasparenza, l’altimetria della terza tappa del Giro 2019 (www.wwf.it)

Un suggestivo scorcio della laguna di Orbetello e, in trasparenza, l’altimetria della terza tappa del Giro 2019 (www.wwf.it)