100 E ANCOR PIÙ 100: OBIETTIVO ETNA

Ne abbiamo modificato il titolo in occasione della centesima edizione del Giro, trasformando in una frase beneaugurante il tenebroso adagio medioevale “mille e non più mille”, ma i contenuti della rubrica saranno quelli soliti dell’Almanacco del dopo tappa made in ilciclismo.it che aveva accompagnato le cronache delle scorse edizione. All’interno ritroverete la rassegna stampa internazionale, il punto di vista dei tifosi, la colonna sonora del giorno (quest’anno raddoppiata), le previsioni del tempo per la tappa successiva, le “perle” dei telecronisti in una rubrica dal titolo rinnovato, il Giro d’Italia rivisto alla “rovescia” e il ricordo di un Giro passato (nell’anno del centesimo Giro abbiamo scelto di riportarvi indietro nel tempo fino al 1967, l’anno della 50a edizione).

GIRO D’ITALIA, GIRO DEL MONDO

Italia

Moreno, pugno e squalifica Nibali perde un gregario – Etna, Nibali “pesa”. Quintana: “Ha corso in difesa” – “Troppo vento per attaccare, Jungels in rosa non per caso” – Ferite, fratture e primi ritiri: che brutta caduta al Giro – Nibali prova, il vento dice no. Quarta tappa, gli highlights – Nibali “pesa” Quintana – Già molte cadute – Nibali è a casa: la Sicilia lo accoglie come un re – Moreno, pugno e squalifica.Nibali perde un gregario (Gazzetta dello Sport)

Giro d’Italia, sull’Etna vince lo sloveno Polanc dopo 179 km di fuga, Jungels in rosa (Corriere della Sera)

Slovenia

Jan Polanc najhitrejši na vrhu Etne(Delo)

Colombia

Nairo y Nibali no se hicieron daño en el ascenso al volcán Etna en el Giro de Italia – ‘La próxima etapa de montaña estaré mejor’: Nairo – Froome, ileso luego de ser atropellado por un ‘conductor impaciente’ – ‘Vivimos un test importante para ver cómo está cada uno’: Henao – Así va la clasificación general del Giro 100 tras la cuarta etapa – ‘Ha sido el día más difícil de mi vida’: Polanc – El australiano Rohan Dennis, primer abandono del Giro (El Tiempo)

Gaviria cedió el liderato en el Giro de Italia, Nairo ahora es sexto en la general (El Espectador)

Svizzera

La 4e étape du Giro remportée par Polanc (24 Heures)

Slowenischer Sieg am Vulkan Ätna (Neue Zürcher Zeitung)

Austria

Pöstlberger verliert Topplatzierung auf 4. Etappe (Kronen Zeitung)

Gran Bretagna

Giro d’Italia 2017, stage four: Jan Polanc wins on Mount Etna as Geraint Thomas climbs into third overall – Chris Froome deliberately rammed off road in hit-and-run – but he ‘forgets driver’s number plate’ (The Daily Telegraph)

Francia

Le superbe coup de Jan Polanc – Rolland: «J’ai tenté» – Jungels: «Des ambitions réalistes» – La chute de Losada – Abandon de Rohan Dennis – «C’era una volta… il Giro», épisode 4 – Froome renversé par une voiture(L’Equipe)

Polanc remporte la quatrième étape – Quintana satisfait d’avoir fait jeu égal – Dennis abandonne – Chris Froome renversé par une voiture en France (Le Figaro)

Spagna

Polanc culmina en el Etna una fuga de 170 km; Jungels, líder – Nairo Quintana: “Noté la falta de ritmo de competición” – Landa: “Tuve algo de nervios, pero llegué sin problemas” Alberto Losada se cayó y sufrió una luxación de hombro – Javi Moreno, expulsado del Giro por su empujón a Rosa – Vergonzoso: le empuja contra el público en plena etapa del Giro – Chris Froome, atropellado; el conductor se da a la fuga (AS)

Jan Polanc reina en el Etna – Expulsan a Javi Moreno del Giro por empujar en carrera a Rosa – Froome, ileso tras ser atropellado por un coche que se dio a la fuga (Marca)

¡El Giro expulsa a Javi Moreno! – Carrerón de Polanc y Bob Jungels es el nuevo líder del Giro – “Jan Polanc ha sido un valiente de los que ya no quedan en el ciclismo” – Jan Polanc: “Ha sido el día más duro de mi vida” – Landa, tras pinchar, “al final pagué es esfuerzo” (El Mundo Deportivo)

Belgio

Etna baart muis in Giro: stervende zwaan soleert naar zege, Quick Step houdt roze trui – BMC verliest kopman en outsider voor Giro-eindzege – Ploegmaat van Nibali uit Giro gezet voor “gewelddadig gedrag” – Ploegmaats Froome halen opgelucht adem na ongeval: “Dachten meteen aan Scarponi” (Het Nieuwsblad)

Giro: Polanc l’emporte, Jungels en rose. Les favoris ont escamoté l’Etna (La Dernière Heure/Les Sports)

Paesi Bassi

Kruijswijk hoopt op ommekeer – ‘Versnelling beter niet kunnen doen’ – Ploeggenoot Nibali uit de Giro gezet – Dennis eerste uitvaller in 100e Giro – Froome aangereden tijdens training (De Telegraaf)

Samenvatting vierde etappe naar de Etna – Dumoulin: Ik heb nog een speldenprikje geprobeerd- Polanc schittert op Etna, Jungels in het roze – Polanc verbaast zichzelf met zege op de Etna – Tankink ziet Kruijswijk vallen – Clement brengt Kruijswijk terug naar voren – Belangrijke knecht Nibali uit Giro gezet na duwen Sky-renner Rosa – Sutherland: de grote mannen waren bang – Minuut stilte voor Wouter Weylandt in Giro – Gevallen Dennis stapt af in Giro – Renners maken zich in Giro op voor de Etna – ‘Vandaag begint de Giro écht!’ – Froome met opzet aangereden door ongeduldige automobilist (Algemeen Dagblad)

Rijdt de Giro door Messina, dan komt Enzo even thuis – Klim op de Etna houdt kopmannen in Giro koest(de Volkskrant)

Lussemburgo

Bob Jungels en rose sur l’Etna – Froome affirme avoir été «volontairement percuté» (Luxemburger Wort)

Jungels erobert das Rosa Trikot – Toursieger Froome angefahren (Tageblatt)

Germania

Slowene Polanc gewinnt Giro-Etappe auf dem Ätna – Toursieger Froome beim Training angefahren (Berliner Zeitung)

Stati Uniti

Polanc Wins Giro Stage on Mount Etna, Jungels Has Overall Lead – Froome Unhurt but Bike ‘Totaled’ After Hit-And-Run Case(The New York Times)

Costa Rica

Andrey Amador controló a Vincenzo Nibali y sacó nota alta en primer día de montaña – Expulsan del Giro a compañero de Vincenzo Nibali por agredir a otro ciclista en carrera – Ciclista Chris Froome afirma haber sido atropellado ‘a propósito’ mientras entrenaba (La Nación)

BOX POPULI

Ogni giorno qui troverete i commenti degli appassionati di ciclismo, gente che le corse non le segue solo davanti alla tv, ma le vive sia andando ad applaudire i campioni lungo le strade, sia ricalcando le stesse rotte e sudando in sella ad una bici.

PRIMA DELLA TAPPA

Nebe1980: Non è il solito arrivo in salita secco da prima settimana, non è Monte Sirino e non è Montevergine, sarà interessante vedere cosa fanno i big perchè se a Monte Sirino e simili arriva il gruppetto dei big qua ci potrebbero stare dei distacchi come fece Contador nel 2011

DOPO LA TAPPA

MirkoBL: Ha vinto il vento. Troppo livellamento ancora tra i migliori, nessuno ne aveva più degli altri.

Nebe1980: Con vento e pendenze si spendeva molto meno a ruota, sarebbe stato difficile fare la differenza però un tentativo più convinto di qualcuno ci poteva stare. Speriamo che sul Blockhaus con pendenze severe si veda qualcosa

DISCOGIRO: la colonna sonora della tappa del Giro scelta per voi da ilciclismo.it

“Sotto il vulcano” (Liftiba)

DISCOGIRO 100

In occasione del 100° Giro abbiamo selezionato alcune canzoni da abbinare a momenti storici della Corsa Rosa

1930: Alfredo Binda viene pagato per rimanere a casa dal Giro

“Sciur padrun da li beli braghi bianchi” (Giovanna Daffini)

a cura di DJ Jorgens

METEO GIRO
Le previsioni si riferiscono agli orari di partenza, passaggio e arrivo della tappa del giorno dopo

Pedara : cielo sereno, 23.3°C, vento moderato da WSW (12-16 Km/h), umidità al 30%
Andronico-Sant’Alfio (GPM – 38.4 Km): cielo sereno, 22.8°C, vento debole da SSW (5 Km/h), umidità al 30%
Castiglione di Sicilia (67.3 Km): cielo sereno, 23°C, vento debole da SSW (6 Km/h), umidità al 31%
Taormina (TV – 98.2 Km): cielo sereno, 22°C, vento moderato da SSE (14 Km/h), umidità al 45%
Messina: cielo sereno, 21.5°C, vento moderato da S (13 Km/h), umidità al 54%

L’ANGOLO DI SILVIOLO E PANCANOLO

Gli strafalcioni dei giornalisti al seguito della corsa rosa

Adorni: “Avevamo una cosa a tracollo”
Pancani: “Un traguardo più suggestivo di questo è impossibile tornarlo”
Lollobrigida: “Marchisio vinse sull’Etna” (nel 1930 Luigi Marchisio vinse il Giro che partiva dalla Sicilia e si ferì ad un occhio con un lapillo dell’Etna, ma non c’era nessun arrivo di tappa sull’Etna)
Lollobrigida (facendo un elenco di corridori): “In questa elegia di ciclisti” (l’elegia è un componimento letterario, improntato a motivi di confessione autobiografica o di sfogo sentimentale)
Lollobrigida: “Froome travolto da una bicicletta” (Froome è stato speronato da un’auto)
Martinello: “Salendo verso il rifugio Sapienza dell’arrivo”
Conti (parlando della tappa Palermo – Taormina del Giro del 1954): “Si scalarono queste salite, Portella Femmina Morta, Portella della Ginestra” (abbiamo l’altimetria d’epoca salvata nel nostro archivio: ne avesse azzeccata una!)
Pancani: “Vivacio scambio di battute”
Pancani: “Lo stesso calore lo stiamo ritrovendo qua”
Martinello: “Salì sul podio per conquistare la maglia rosa” (era troppo basso?)
Martinello: “Prova ad apporfittare”
Pancani: “La tappa di Val Martello, il giorno del Giro di Nairo Quintana” (il giorno nel quale Quintana prese la maglia rosa al Giro)
Televideo: “Trionfo per sloveno”
De Stefano: “Sta arrivando Alessandro Pelucchi” (voleva dire Matteo Pelucchi ma aveva accanto Alessandro Petacchi e la frittatona è fatta)

e se vi stesse chiedendo il perchè del titolo…

dalla telecronaca della tappa dell’Alpe di Siusi (Giro 2016)

Pancani: “Silviolo”
Martinello: “Dimmi Pancanolo”

IL GIRO DI GOMEZ
In questa rubrica vi faremo rileggere i piani alti della classica, come li avrebbe visti Gomez Addams nelle sue letture del giornale in “verticale”… vale a dire le classifiche giornaliere viste al contrario, dal punto di vista della maglia nera!

Ordine d’arrivo della quarta tappa, Cefalù – Etna

1° Alberto Losada
2° Matteo Pelucchi a 2′12″
3° Jakub Mareckzo a 8′08″
4° Giuseppe Fonzi s.t.
5° Ariel Maximiliano Richeze a 11′03″

Classifica generale

1° Matteo Pelucchi
2° Manuel Senni a 4′09″
3° Alberto Losada a 4′49″
4° Marcin Bialoblocki a 7′17″
5° Sam Bennett a 7′24″

IL GIRO DI MEZZA ETÀ
Quest’anno la corsa rosa taglia il traguardo della centesima edizione, in un clima di festa certamente non secondo a quello con il quale nel 1967 si celebreva il 50° Giro d’Italia con la prima delle tre vittorie di Felice Gimondi. Noi di ilciclismo.it ricorderemo quell’edizione tutti i giorni, proponendovi la rassegna stampa dell’epoca, con i titoli del quotidiano “La Stampa”

23 MAGGIO 1967 – 4° TAPPA: FIRENZE – CHIANCIANO TERME (155 Km)

POCHE EMOZIONI AL GIRO: ZANDEGÙ PRIMO A CHIANCIANO
Il vincitore ha staccato di pochi secondi Guerra, Schiavon e Bitossi – Con il tempo di quest’ultimo sono giunti tutti gli assi tra cui Anquetil, Gimondi, Motta e Adorni – Lo spagnolo Gomez del Moral conserva la maglia rosa – Oggi la Roma-Napoli di 220 Km

Al raduno di partenza di Cefalù, sempre accompagnati dal ricordo di Scarponi (foto Bettini)

Al raduno di partenza di Cefalù, sempre accompagnati dal ricordo di Scarponi (foto Bettini)

ARCHIVIO
Cliccare sul nome della tappa per visualizzare l’articolo

Raduno di partenza Alghero
1a tappa: Alghero – Olbia
2a tappa: Olbia – Tortolì
3a tappa: Tortolì – Cagliari

POLANC GRANDE IMPRESA. I BIG SI CONTROLLANO

Polanc se la fa tutta in fuga, prima quale membro di un quartetto, poi in solitaria. Sulla salita finale riesce a mantenere il vantaggio anche grazie ad un gruppo che non ha sempre tenuto un ritmo impossibile. I big, invece, si sono controllati e solo Ilnur Zakarin è riuscito, quasi per caso, a raccattare qualche secondo di vantaggio.

Lo spettacolo non è stato dei migliori per quanto riguarda i big. Le maggiori emozioni, per quanto riguarda gli aspiranti ai piani alti della generale, sono state le cadute che hanno coinvolto Zakarin (Katusha – Alpecin) e Kruijswick (LottoNL-Jumbo) e la foratura di Landa (Sky) in un momento nel quale l’ammiraglia non era disponibile.
Sulle pendici dell’Etna hanno provato Nibali (Bahrain Merida) e Zakarin. Lo scatto di Vincenzo Nibali è stato assolutamente velleitario, solo per il pubblico, e non aveva alcuna possibilità di provocare difficoltà agli avversari, mentre Zakarin si è ritrovato con qualche metro di vantaggio in seguito a un momento di confusione e a quel punto ha tirato dritto a tutta.
Chi ha offerto grande spettacolo è stato il vincitore di tappa Jan Polanc (UAE Team Emirates) che, partito insieme ad altri attaccanti dopo appena un chilometro di corsa, ha staccato tutti i compagni di avventura nel corso della tappa e poi è riuscito a resistere al ritorno del gruppo, nonostante fosse solo faccia al vento, vento che oggi ha spirato in modo abbastanza veemente lungo le rampe della salita finale. Lo sloveno non si è fatto intimorire e ha dato veramente tutto, riuscendo a coronare un fuga straordinaria nel migliore dei modi. Una fuga partita appena usciti da Cefalù, quando Polanc si porta in avanscoperta unitamente a Eugenio Alafaci (Trek – Segafredo), Jacques Janse van Rensburg (Dimension Data) e Pavel Brutt (Gazprom – RusVelo). In un secondo momento cercano di unirsi ai battistrada anche Davide Villella (Cannondale – Drapac) e Quentin Jauregui (AG2R La Mondiale), ma il loro tentativo naufraga ben presto e i due vengono riacciuffati dal gruppo.
Iniziata la salita di Portella di Femmina Morta abbandona la gara Rohan Dennis (BMC), che quest’anno aveva preso il via al Giro con la voglia di provare a fare classifica. Il giorno di riposo evidentemente non è stato sufficiente al bravo cronoman australiano per recuperare i postumi della caduta di domenica.
I fuggitivi accumulano un vantaggio massimo di 8 minuti e a quel punto la Quick-Step e la Bahrein Merida alzano il ritmo, riducendo il gap giusto di quel paio di minuti che servono per evitare che la fuga prenda troppo il largo. Dopo la discesa dalla Femmina Morta la fuga comincia a perdere pezzi con Alafaci che si rialza in corrispondenza del primo traguardo volante e Brutt che, invece, molla le ruote dei compagni di avventura dopo il secondo sprint
Nel frattempo il gruppo comincia lentamente ad alzare l’andatura, provocando la riduzione del vantaggio dei fuggitivi che, però, mantengono un buon margine ai piedi della salita, quando Polanc saluta anche l’ultimo dei compagni di fuga rimasti e se ne va da solo alla ricerca dell’impresa con 4 minuti di vantaggio.
In gruppo, invece, ai piedi della salita una curva ingannatrice, obbiettivamente anche mal segnalata, provoca una caduta nella quale rimangono coinvolti tra gli altri Steven Kruijswick e Ilnur Zakarin, che riescono comunque a rientrare prontamente in gruppo, trovando sulla loro strada anche la maglia rosa Gaviria (Quick-Step) che, appena iniziata la salita, ha mollato le ruote del gruppo.
Nel corso della salita, mentre davanti ci sono solo tentativi velleitari (con Pierre Rolland della Cannondale-Drapac che è stato l’unico che per qualche chilometro è riuscito a mantenere un vantaggio di una trentina di secondi sul gruppo) fora Mikel Landa in un punto in cui non c’era l’ammiraglia disponibile. E’ Sebastian Henao che provvede a montare la sua ruota sulla bicicletta del capitano, che perde diversi secondi ed impiega tempo ed energie per rientrare, anche se nella seconda parte dell’inseguimento è stato aiutato da Philippe Deignan.
Mentre Polanc prosegue nonostante la stanchezza cominci a farsi sentire, in gruppo nessuno si muove ed anzi il ritmo non è nemmeno dei più alti dato che Polanc, da solo con il vento contrario, vede il proprio vantaggio ridursi molto lentamente e comincia a sentire odor di trionfo.
Solo dopo lo striscione dei meno tre, qualcuno tenta degli allunghi, tutti senza pretese. Ci prova Jesper Hansen (Astana) e ci prova Igor Antón (Dimension Data), ma si tratta di tentativi di poche centinaia di metri, come di poche centinaia di metro è il tentativo di allungo di Nibali, che è sembrato più uno scatto per il pubblico che un tentativo per vedere le reazioni degli avversari, dato che lo Squalo non ha tentato nemmeno di proseguire nell’azione e non ha più allungato. Ci ha provato Tom Dumoulin (Sunweb), che già al Tour dell’anno scorso aveva dimostrato di saper fare cose egregie su salite con le caratteristiche dell’Etna, con pendenze non esagerate. Anche il tentativo dell’olandese non ha buon esito, mentre miglior sorte tocca a Zakarin. Il russo, dopo un tentativo di allungo stoppato, si ritrova con qualche metro di vantaggio in un momento nel quale non stava forzando. Naturalmente il capitano della Katusha ha colto la palla al balzo e ha tirato dritto, tagliando il traguardo circa una ventina di secondi dopo Polanc che, dopo l’Abetone nel 2015, appone nuovamente il sigillo al Giro d’Italia al termine di una fuga che ha coperto tutta la frazione.
I big terminano la tappa a 10 secondi da Zakarin, con Bob Jungels (Quick-Step) che, rimanendo sempre tranquillo a ruota, va ad indossare la maglia rosa grazie al ventaglio aperto domenica in quel di Cagliari.
La maglia rosa è già sulle spalle di un uomo che non nasconde ambizioni in generale, ma i big hanno preferito controllarsi su una salita che comunque poteva anche causare qualche distacco in generale.
C’è anche da dire che il forte vento contrario rendeva difficile fare la differenza e, anche riuscendo a staccare gli avversari, il vantaggio che si sarebbe potuto accumulare non deve essere sembrato sufficiente ai migliori in relazione alle energie che si sarebbero spese.
La sfida è quindi rinviata al Blockhaus, una delle salite più dure di questo Giro, anche se inserita al termine di una tappa semplice, mentre domani il giro renderà omaggio a Vincenzo Nibali arrivando nella sua Messina anche se, sullo stretto, lo Squalo non potrà certo fare un sol boccone degli avversari.

Benedetto Ciccarone

ORDINE D’ARRIVO

1 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 4:55:58
2 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin 0:00:19
3 Geraint Thomas (GBr) Team Sky 0:00:29
4 Thibaut Pinot (Fra) FDJ
5 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team
6 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb
7 Bob Jungels (Lux) Quick-Step Floors
8 Adam Yates (GBr) Orica-Scott
9 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo
10 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida
11 Nairo Quintana (Col) Movistar Team
12 Simone Petilli (Ita) UAE Team Emirates
13 Domenico Pozzovivo (Ita) AG2R La Mondiale
14 Pierre Rolland (Fra) Cannondale-Drapac
15 Tejay Van Garderen (USA) BMC Racing Team
16 Wilco Kelderman (Ned) Team Sunweb
17 Michael Woods (Can) Cannondale-Drapac
18 Mikel Landa (Spa) Team Sky
19 Davide Formolo (Ita) Cannondale-Drapac
20 Steven Kruijswijk (Ned) Team LottoNl-Jumbo
21 Hugh Carthy (GBr) Cannondale-Drapac
22 Andrey Amador (CRc) Movistar Team
23 Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team 0:00:38
24 Igor Anton (Spa) Dimension Data 0:00:49
25 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates 0:01:05
26 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates
27 Sébastien Reichenbach (Swi) FDJ
28 Gorka Izagirre (Spa) Movistar Team
29 Jesper Hansen (Den) Astana Pro Team 0:01:26
30 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale 0:01:31
31 Cristian Rodriguez (Spa) Wilier Triestina
32 Ben Hermans (Bel) BMC Racing Team 0:01:45
33 Kanstantsin Siutsou (Blr) Bahrain-Merida 0:01:52
34 Peter Stetina (USA) Trek-Segafredo 0:02:17
35 Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal 0:02:36
36 Winner Anacona (Col) Movistar Team
37 Jose Herrada (Spa) Movistar Team
38 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data
39 Franco Pellizotti (Ita) Bahrain-Merida
40 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale 0:03:30
41 Carlos Verona (Spa) Orica-Scott 0:04:34
42 Tomasz Marczynski (Pol) Lotto Soudal 0:04:51
43 Alexander Foliforov (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:04:57
44 Jan Hirt (Cze) CCC Sprandi Polkowice
45 Stef Clement (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:05:49
46 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team 0:06:57
47 Sergey Firsanov (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:07:08
48 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida 0:07:28
49 Laurens De Plus (Bel) Quick-Step Floors
50 Tobias Ludvigsson (Swe) FDJ
51 Jesus Hernandez (Spa) Trek-Segafredo 0:07:49
52 Robert Kiserlovski (Cro) Katusha-Alpecin
53 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team
54 Steve Morabito (Swi) FDJ
55 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo
56 Philip Deignan (Irl) Team Sky
57 Sebastian Henao (Col) Team Sky
58 Rudy Molard (Fra) FDJ
59 Chad Haga (USA) Team Sunweb
60 Paolo Tiralongo (Ita) Astana Pro Team 0:09:44
61 Georg Preidler (Aut) Team Sunweb 0:10:16
62 Bart De Clercq (Bel) Lotto Soudal
63 Silvan Dillier (Swi) BMC Racing Team
64 Ruben Plaza (Spa) Orica-Scott
65 Jose Rojas (Spa) Movistar Team
66 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team
67 Gregor Mühlberger (Aut) Bora-Hansgrohe 0:10:45
68 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
69 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe
70 Simon Geschke (Ger) Team Sunweb
71 Sindre Skjøstad Lunke (Nor) Team Sunweb
72 Javier Moreno (Spa) Bahrain-Merida
73 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
74 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team
75 Tom-Jelte Slagter (Ned) Cannondale-Drapac 0:11:42
76 Davide Villella (Ita) Cannondale-Drapac 0:13:32
77 Edward Ravasi (Ita) UAE Team Emirates
78 Diego Rosa (Ita) Team Sky
79 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky
80 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
81 Enrico Battaglin (Ita) Team LottoNl-Jumbo
82 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
83 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale
84 Kenny Elissonde (Fra) Team Sky
85 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
86 Matvey Mamykin (Rus) Katusha-Alpecin 0:14:06
87 Adam James Hansen (Aus) Lotto Soudal
88 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team
89 Pavel Brutt (Rus) Gazprom – Rusvelo
90 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale 0:14:44
91 Dylan Teuns (Bel) BMC Racing Team 0:15:16
92 Laurens Ten Dam (Ned) Team Sunweb 0:16:00
93 Jurgen Van Den Broeck (Bel) Team LottoNl-Jumbo 0:16:35
94 Alex Howes (USA) Cannondale-Drapac
95 Bram Tankink (Ned) Team LottoNl-Jumbo
96 Michal Schlegel (Cze) CCC Sprandi Polkowice 0:16:54
97 Julien Berard (Fra) AG2R La Mondiale
98 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 0:17:07
99 Maciej Paterski (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:17:29
100 Lukasz Owsian (Pol) CCC Sprandi Polkowice
101 Branislau Samoilau (Blr) CCC Sprandi Polkowice
102 Francisco Ventoso (Spa) BMC Racing Team
103 Omar Fraile (Spa) Dimension Data
104 Jérémy Roy (Fra) FDJ
105 Enrico Gasparotto (Ita) Bahrain-Merida 0:18:19
106 Matteo Busato (Ita) Wilier Triestina
107 Jasper Stuyven (Bel) Trek-Segafredo 0:21:43
108 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida
109 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
110 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe
111 Pieter Serry (Bel) Quick-Step Floors
112 Ivan Rovny (Rus) Gazprom – Rusvelo
113 Rory Sutherland (Aus) Movistar Team
114 Christopher Juul Jensen (Den) Orica-Scott
115 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors 0:22:09
116 Filippo Pozzato (Ita) Wilier Triestina 0:22:52
117 Manuel Quinziato (Ita) BMC Racing Team
118 Manuel Senni (Ita) BMC Racing Team
119 Matthieu Ladagnous (Fra) FDJ
120 José Mendes (Por) Bora-Hansgrohe
121 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates
122 Martijn Keizer (Ned) Team LottoNl-Jumbo
123 Michael Hepburn (Aus) Orica-Scott
124 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF
125 MARTINEZ POVEDA Daniel
126 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal
127 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
128 Luka Pibernik (Slo) Bahrain-Merida
129 Matej Mohoric (Slo) UAE Team Emirates
130 Benoit Vaugrenard (Fra) FDJ
131 Kristijan Koren (Slo) Cannondale-Drapac
132 Ángel Vicioso (Spa) Katusha-Alpecin
133 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin
134 Jos Van Emden (Ned) Team LottoNl-Jumbo
135 Dmitriy Kozontchuk (Rus) Gazprom – Rusvelo
136 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin
137 Julen Amezqueta (Spa) Wilier Triestina
138 Twan Castelijns (Ned) Team LottoNl-Jumbo
139 Victor Campenaerts (Bel) Team LottoNl-Jumbo
140 Vasil Kiryienka (Blr) Team Sky
141 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF
142 Daniele Bennati (Ita) Movistar Team
143 William Bonnet (Fra) FDJ
144 Simone Ponzi (Ita) CCC Sprandi Polkowice 0:23:31
145 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data 0:25:37
146 Clement Chevrier (Fra) AG2R La Mondiale
147 Felix Großschartner (Aut) CCC Sprandi Polkowice
148 Joe Dombrowski (USA) Cannondale-Drapac
149 Tom Stamsnijder (Ned) Team Sunweb
150 Aleksei Tcatevich (Rus) Gazprom – Rusvelo
151 Jan Tratnik (Slo) CCC Sprandi Polkowice
152 Daniel Teklehaimanot (Eri) Dimension Data
153 Nathan Haas (Aus) Dimension Data
154 Sergey Lagutin (Rus) Gazprom – Rusvelo
155 Johann Van Zyl (RSA) Dimension Data
156 Moreno Hofland (Ned) Lotto Soudal
157 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal
158 Ilia Koshevoy (Blr) Wilier Triestina
159 Evgeny Shalunov (Rus) Gazprom – Rusvelo
160 Fernando Gaviria (Col) Quick-Step Floors
161 Lorenzo Rota (Ita) Bardiani CSF
162 Iljo Keisse (Bel) Quick-Step Floors 0:26:43
163 Michal Golas (Pol) Team Sky
164 Svein Tuft (Can) Orica-Scott
165 André Greipel (Ger) Lotto Soudal
166 Luka Mezgec (Slo) Orica-Scott
167 Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina
168 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF
169 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb
170 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF
171 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
172 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team
173 Marcin Bialoblocki (Pol) CCC Sprandi Polkowice
174 Vincenzo Albanese (Ita) Bardiani CSF 0:26:54
175 Sacha Modolo (Ita) UAE Team Emirates
176 Sean De Bie (Bel) Lotto Soudal
177 Eugenio Alafaci (Ita) Trek-Segafredo
178 Giacomo Nizzolo (Ita) Trek-Segafredo
179 Alexander Edmondson (Aus) Orica-Scott
180 Kristian Sbaragli (Ita) Dimension Data 0:27:22
181 Davide Martinelli (Ita) Quick-Step Floors
182 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:27:29
183 Caleb Ewan (Aus) Orica-Scott
184 Jan Bárta (Cze) Bora-Hansgrohe
185 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates
186 Nicola Boem (Ita) Bardiani CSF 0:27:33
187 Ivan Savitckii (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:27:38
188 Maximiliano Richeze (Arg) Quick-Step Floors 0:27:43
189 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina 0:30:38
190 Jakub Mareczko (Ita) Wilier Triestina
191 Matteo Pelucchi (Ita) Bora-Hansgrohe 0:36:34
192 Alberto Losada (Spa) Katusha-Alpecin 0:38:46

CLASSIFICA GENERALE

Bob Jungels (Lux) Quick-Step Floors 19:41:56
2 Geraint Thomas (GBr) Team Sky 0:00:06
3 Adam Yates (GBr) Orica-Scott 0:00:10
4 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida
5 Domenico Pozzovivo (Ita) AG2R La Mondiale
6 Nairo Quintana (Col) Movistar Team
7 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb
8 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo
9 Mikel Landa (Spa) Team Sky
10 Thibaut Pinot (Fra) FDJ
11 Tejay Van Garderen (USA) BMC Racing Team
12 Andrey Amador (CRc) Movistar Team
13 Davide Formolo (Ita) Cannondale-Drapac
14 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin 0:00:14
15 Steven Kruijswijk (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:00:23
16 Wilco Kelderman (Ned) Team Sunweb
17 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates 0:00:46
18 Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team 0:00:54
19 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 0:00:58
20 Simone Petilli (Ita) UAE Team Emirates 0:01:14
21 Kanstantsin Siutsou (Blr) Bahrain-Merida 0:01:23
22 Michael Woods (Can) Cannondale-Drapac 0:01:27
23 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team 0:01:32
24 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates 0:01:50
25 Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal 0:02:17
26 Pierre Rolland (Fra) Cannondale-Drapac 0:02:41
27 Ben Hermans (Bel) BMC Racing Team 0:02:59
28 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data 0:03:06
29 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale 0:03:11
30 Winner Anacona (Col) Movistar Team 0:03:34
31 Jesper Hansen (Den) Astana Pro Team 0:03:38
32 Franco Pellizotti (Ita) Bahrain-Merida 0:03:39
33 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale 0:04:17
34 Sébastien Reichenbach (Swi) FDJ 0:04:32
35 Gorka Izagirre (Spa) Movistar Team
36 Peter Stetina (USA) Trek-Segafredo 0:05:09
37 Tomasz Marczynski (Pol) Lotto Soudal 0:05:20
38 Jan Hirt (Cze) CCC Sprandi Polkowice 0:06:00
39 Jose Herrada (Spa) Movistar Team 0:06:03
40 Cristian Rodriguez (Spa) Wilier Triestina 0:06:55
41 Igor Anton (Spa) Dimension Data 0:07:08
42 Laurens De Plus (Bel) Quick-Step Floors 0:07:09
43 Tobias Ludvigsson (Swe) FDJ 0:08:02
44 Steve Morabito (Swi) FDJ 0:08:12
45 Rudy Molard (Fra) FDJ 0:08:52
46 Robert Kiserlovski (Cro) Katusha-Alpecin 0:08:54
47 Hugh Carthy (GBr) Cannondale-Drapac 0:09:26
48 Jose Rojas (Spa) Movistar Team 0:09:57
49 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team 0:10:00
50 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:10:19
51 Sebastian Henao (Col) Team Sky 0:10:25
52 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe 0:10:26
53 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team
54 Gregor Mühlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
55 Georg Preidler (Aut) Team Sunweb 0:11:01
56 Philip Deignan (Irl) Team Sky 0:11:06
57 Tom-Jelte Slagter (Ned) Cannondale-Drapac 0:11:41
58 Simon Geschke (Ger) Team Sunweb 0:11:48
59 Stef Clement (Ned) Team LottoNl-Jumbo
60 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team 0:12:48
61 Enrico Battaglin (Ita) Team LottoNl-Jumbo 0:13:13
62 Diego Rosa (Ita) Team Sky
63 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo 0:13:16
64 Alexander Foliforov (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:13:19
65 Carlos Verona (Spa) Orica-Scott 0:13:31
66 Ruben Plaza (Spa) Orica-Scott 0:13:43
67 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team 0:13:47
68 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:13:49
69 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida 0:13:51
70 Davide Villella (Ita) Cannondale-Drapac 0:14:17
71 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky
72 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale
73 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale 0:14:51
74 Pavel Brutt (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:15:09
75 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors 0:15:26
76 Adam James Hansen (Aus) Lotto Soudal 0:15:28
77 Sergey Firsanov (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:15:30
78 Paolo Tiralongo (Ita) Astana Pro Team 0:16:07
79 Kenny Elissonde (Fra) Team Sky 0:16:08
80 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 0:16:22
81 Bram Tankink (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:16:34
82 Silvan Dillier (Swi) BMC Racing Team 0:16:38
83 Javier Moreno (Spa) Bahrain-Merida 0:16:44
84 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo 0:16:46
85 Jesus Hernandez (Spa) Trek-Segafredo
86 Laurens Ten Dam (Ned) Team Sunweb 0:17:03
87 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida 0:17:56
88 Francisco Ventoso (Spa) BMC Racing Team 0:18:14
89 Dylan Teuns (Bel) BMC Racing Team 0:18:26
90 Maciej Paterski (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:18:32
91 Jérémy Roy (Fra) FDJ 0:18:56
92 Julien Berard (Fra) AG2R La Mondiale 0:19:06
93 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 0:19:17
94 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale 0:19:36
95 Sindre Skjøstad Lunke (Nor) Team Sunweb 0:19:42
96 Jurgen Van Den Broeck (Bel) Team LottoNl-Jumbo 0:19:58
97 Enrico Gasparotto (Ita) Bahrain-Merida 0:20:31
98 Matvey Mamykin (Rus) Katusha-Alpecin
99 Omar Fraile (Spa) Dimension Data 0:20:40
100 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe 0:21:14
101 Edward Ravasi (Ita) UAE Team Emirates 0:21:38
102 Alex Howes (USA) Cannondale-Drapac 0:22:00
103 Michal Schlegel (Cze) CCC Sprandi Polkowice 0:22:02
104 Jasper Stuyven (Bel) Trek-Segafredo 0:22:24
105 Kristijan Koren (Slo) Cannondale-Drapac 0:22:33
106 Manuel Quinziato (Ita) BMC Racing Team 0:22:51
107 Matej Mohoric (Slo) UAE Team Emirates
108 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors 0:22:54
109 Christopher Juul Jensen (Den) Orica-Scott 0:23:04
110 Luka Pibernik (Slo) Bahrain-Merida 0:23:37
111 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal
112 Jos Van Emden (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:23:43
113 José Mendes (Por) Bora-Hansgrohe 0:23:50
114 William Bonnet (Fra) FDJ 0:23:55
115 Simone Ponzi (Ita) CCC Sprandi Polkowice 0:24:16
116 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin 0:24:47
117 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida 0:24:48
118 Fernando Gaviria (Col) Quick-Step Floors 0:24:55
119 Daniele Bennati (Ita) Movistar Team 0:25:06
120 Michael Hepburn (Aus) Orica-Scott
121 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data 0:25:18
122 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:25:20
123 Nathan Haas (Aus) Dimension Data 0:25:29
124 Matteo Busato (Ita) Wilier Triestina 0:25:49
125 Benoit Vaugrenard (Fra) FDJ 0:25:55
126 Bart De Clercq (Bel) Lotto Soudal 0:25:57
127 André Greipel (Ger) Lotto Soudal 0:26:10
128 Aleksei Tcatevich (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:26:22
129 Felix Großschartner (Aut) CCC Sprandi Polkowice
130 Branislau Samoilau (Blr) CCC Sprandi Polkowice 0:26:26
131 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe 0:26:29
132 Sacha Modolo (Ita) UAE Team Emirates 0:26:35
133 Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina 0:26:38
134 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal 0:26:40
135 Matthieu Ladagnous (Fra) FDJ 0:26:53
136 Caleb Ewan (Aus) Orica-Scott 0:27:04
137 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates
138 Clement Chevrier (Fra) AG2R La Mondiale 0:27:31
139 Michal Golas (Pol) Team Sky 0:27:41
140 Vasil Kiryienka (Blr) Team Sky 0:27:44
141 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF 0:27:57
142 Victor Campenaerts (Bel) Team LottoNl-Jumbo 0:28:03
143 Kristian Sbaragli (Ita) Dimension Data 0:28:07
144 Davide Martinelli (Ita) Quick-Step Floors
145 Moreno Hofland (Ned) Lotto Soudal 0:28:08
146 Alexander Edmondson (Aus) Orica-Scott 0:28:09
147 Iljo Keisse (Bel) Quick-Step Floors 0:28:10
148 Filippo Pozzato (Ita) Wilier Triestina 0:28:16
149 Maximiliano Richeze (Arg) Quick-Step Floors 0:28:20
150 Julen Amezqueta (Spa) Wilier Triestina 0:28:51
151 Martijn Keizer (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:28:53
152 Vincenzo Albanese (Ita) Bardiani CSF 0:29:23
153 Ivan Rovny (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:29:47
154 Luka Mezgec (Slo) Orica-Scott 0:29:48
155 Lukasz Owsian (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:30:34
156 Rory Sutherland (Aus) Movistar Team 0:30:40
157 Sergey Lagutin (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:30:45
158 Ivan Savitckii (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:31:13
159 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe 0:31:28
160 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF 0:31:33
161 Johann Van Zyl (RSA) Dimension Data 0:31:38
162 Svein Tuft (Can) Orica-Scott 0:31:41
163 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF 0:31:49
164 MARTINEZ POVEDA Daniel
165 Dmitriy Kozontchuk (Rus) Gazprom – Rusvelo
166 Jan Tratnik (Slo) CCC Sprandi Polkowice 0:31:59
167 Eugenio Alafaci (Ita) Trek-Segafredo 0:32:02
168 Ángel Vicioso (Spa) Katusha-Alpecin 0:32:03
169 Giacomo Nizzolo (Ita) Trek-Segafredo 0:32:04
170 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin 0:32:20
171 Pieter Serry (Bel) Quick-Step Floors
172 Jakub Mareczko (Ita) Wilier Triestina 0:33:00
173 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo 0:33:43
174 Daniel Teklehaimanot (Eri) Dimension Data 0:33:44
175 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb 0:34:10
176 Joe Dombrowski (USA) Cannondale-Drapac 0:34:34
177 Tom Stamsnijder (Ned) Team Sunweb
178 Lorenzo Rota (Ita) Bardiani CSF 0:34:44
179 Sean De Bie (Bel) Lotto Soudal 0:35:51
180 Evgeny Shalunov (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:36:38
181 Twan Castelijns (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:38:09
182 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina 0:39:35
183 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF 0:39:44
184 Nicola Boem (Ita) Bardiani CSF 0:41:18
185 Jan Bárta (Cze) Bora-Hansgrohe 0:41:26
186 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team 0:43:35
187 Ilia Koshevoy (Blr) Wilier Triestina 0:44:07
188 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:45:08
189 Marcin Bialoblocki (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:45:15
190 Alberto Losada (Spa) Katusha-Alpecin 0:47:43
191 Manuel Senni (Ita) BMC Racing Team 0:48:23
192 Matteo Pelucchi (Ita) Bora-Hansgrohe 0:52:32

Polanc lanciato verso il suo secondo successo sulle strade della corsa rosa (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

Polanc lanciato verso il suo secondo successo sulle strade della corsa rosa (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

CEFALÙ – ETNA: IL DIO VULCANO E IL GIORNO DELLA SAPIENZA

Al Giro non si era mai vista una tappa di montagna così impegnativa appena al quarto giorno di gara. Accadrà il 9 maggio 2017 quando la corsa rosa salirà sulle pendici dell’Etna, a dire il vero non particolarmente “salate” ma comunque dotate di pendenze che diranno la loro, alla luce dei quasi 50 Km d’ascesa complessiva prevista in questa frazione ed anche della precedente giornata di riposo, momento che diversi corridori soffrono più delle stesse difficoltà altimetriche. Chi non si sarà schierato al via del Giro al top della condizione dovrà fin d’ora prepararsi a un lungo e dispendioso inseguimento.

Il grande re d’Israele Salomone chiese il dono della sapienza e Dio gliela elargì in abbondanza. Il pagano dio Vulcano farà altrettanto, destinatari i “girini” e gli appassionati che seguiranno le sorti del Giro 2017: sul far della sera del 9 maggio avremo la sapienza, alle soglie dell’omonimo rifugio, di chi non potrà vincere la centesima edizione della corsa rosa. È la solita frase che si sente e risente tutte le volte che una corsa a tappe affronta la prima grande salita, ma stavolta i contorni della risposta saranno più netti e decisi perché, pur non essendo estrema, la quarta frazione del Giro sarà decisamente atipica per gli standard tipici della prima settimana di un grande Giro. È già successo in passato che al quarto giorno di gara ci fosse una tappa di montagna (Corno alle Scale 2004, Montevergine 2007, San Martino di Castrozza 2009) ma le salite in programma non erano particolarmente lunghe e selettive, e se c’erano tratti ripidi questi erano limitati nella loro “estensione”. Anche la Cefalù – Etna non offrirà inclinazioni particolarmente accese ma, ecco dove sta il problema principale di questa tappa, a fine giornata si saranno percorsi, conteggiando solo le due ascese principali, 50 Km di salita dei quali 17 lungo la salita finale: dunque, chi vorrà vincere il Giro dovrà presentarsi al via da Alghero con la condizione al top perché quest’anno non ci sarà il tempo di maturarla strada facendo e raggiungerla sul finire della prima settimana, dove solitamente si andavano a collocare i primi momenti forti. Un altro problema di non poco conto, poi, sarà rappresentato dal giorno di riposo che il gruppo osserverà per compiere con tutta calma la trasferta dalla Sardegna alla Sicilia, sosta forzata che diversi corridori patiscono perché interviene a spezzare il ritmo di gara consolidatosi nei primi giorni e che qualcuno talvolta fatica a ritrovare, soprattutto se si riparte a tutta o se sono previste difficoltà altimetriche in partenza. Fortunatamente non è il caso di questa frazione, che decollerà con una sessantina di chilometri pianeggianti dopo aver lasciato il raduno di partenza di Cefalù, una delle località balneari più rinomate della Sicilia, forte anche di un monumento “griffato” UNESCO, la bizantina basilica cattedrale della Trasfigurazione, duomo nel quale nel 1972 si sposarono per finzione Lando Buzzanca e Catherine Spaak nel film “La schiava io ce l’ho e tu no”. Il tratto iniziale pianeggiante si snoderà interamente sulla SS 113 “Settentrionale Sicula”, il cui tracciato ricalca in gran parte quell’antica strada consolare Valeria, fatta realizzare dal generale romano Marco Valerio Levino dopo il 202 a.C. per collegare Messina a Lilibeo (l’odierna Marsala) costeggiando il Tirreno. Toccato il centro di Santo Stefano di Camastra, noto per la produzione di ceramiche, si giungerà alle porte di Sant’Agata di Militello (contrariamente a quanto si legge su alcuni siti, non è il paese natale di Pippo Baudo, invece originario di Militello in Val di Catania) dove si abbandonerà la costa per andare a superare la fetta più consistente del dislivello giornaliero. Meta saranno, 1480 metri più in alto, i 1524 metri della Portella Femmina Morta, valico dal lugubre nome per raggiungere il quale bisognerà percorrere 33,3 Km inclinati al 4,4% medio, con un tratto di 500 metri al 7% che s’incontrerà nella seconda parte della salita – la più lunga di questa edizione del Giro – dopo aver attraversato San Fratello, comune del quale sono originari i nonni paterni dell’attore americano Al Pacino e il cui nome è una corruzione dell’originario toponimo medioevale di San Frareau, che significava San Filadelfio, era d’origine longobarda ed era quello di un martire delle persecuzioni imperiali. Scavalcata la catena dei Monti Nebrodi, dal 1993 protetta dall’omonimo e più vasto parco regionale siciliano (quasi 86.000 ettari), si planerà con dolcezza verso la valle del Simeto, il principale fiume della Sicilia, toccando il borgo di Cesarò e sfiorando nel tratto conclusivo della discesa il piede della collina sulla quale si trovano gli scarsi resti del castello di Bolo, incorniciati sullo sfondo dalla mole innevata dell’Etna. Una salita tira l’altra e, così, subito dopo quella della Femmina Morta si affronterà quella, decisamente più corta ma ugualmente gradevole nelle pendenze (4,6 Km al 4,2%), verso il centro di Bronte, famoso per la coltivazioni di pistacchi DOP e la cui principale emergenza monumentale è rappresentata dall’abbazia di Santa Maria di Maniace, situata una quindicina di chilometri fuori dall’abitato e conosciuta anche come Castello di Nelson poiché appartenuta a Horatio Nelson, il celebre ammiraglio britannico che l’aveva ricevuta in dono assieme al feudo circostante dal re Ferdinando I delle Due Sicilie come ringraziamento per l’aiuto fornito nella repressione della Repubblica Partenopea. Raggiunta l’estremità occidentale del massiccio del Mongibello inizierà un lungo tratto in falsopiano lievemente discendente che porterà la corsa rosa nel cuore di Adrano, uno dei più grandi centri situato all’interno del perimetro del Parco nazionale dell’Etna, il cui simbolo è il possente castello normanno costruito su iniziativa di Ruggero I di Sicilia e che oggi è sede museale. Si continuà a perder leggermente quota sino a Santa Maria di Licodia, paese dal quale si comincerà a risalire le pendici del vulcano, anche se non si è ancora arrivati al momento dell’ascesa finale, che sarà anticipata da quella di Ragalna (6,7 Km al 5,1%), il più giovane tra i comuni che gravitano attorno all’Etna, divenuto autonomo nel 1985 distaccandosi da Paternò e del quale è originario il politico Ignazio La Russa, che è stato Ministro della Difesa durante il quarto governo Berlusconi. Dopo un ultimo e breve tratto in quota si giungerà infine a Nicolosi, principale porta d’accesso all’Etna, dalla quale si salì verso il vulcano in occasione dei tre precedenti arrivi del Giro, il primo nel 1967 quando s’impose Franco Bitossi, il secondo nel 1989 quando la salita fu affrontata solo parzialmente (arrivo a Piano Bottara, dove tagliò per primo il traguardo il portoghese Acácio da Silva) e l’ultima nel 2011, quando la vittoria andò a Contador, anche se poi il successo sarà assegnato al venezuelano Rujano in seguito alla squalifica per doping dello spagnolo. Non sarà così stavolta perché, pur partendo da Nicolosi, si percorrerà una strada parallela a quella tradizionale, 17,5 Km al 6,7% che i cicloamatori locali hanno ribattezzato “Salto del Cane” dal nome di un cratere avventizio del Mongibello e da quello dell’omonima contrada, attraversando la quale si toccherà il punto di pendenza massima (12%). I primi 5500 metri dall’ascesa finale saranno quelli complessivamente più impegnativi (la media è del 7,4%), poi una breve discesa anticiperà il “Salto del Cane” vero e proprio, al termine del quale la strada andrà a confluire sul versante che sale da Zafferana Etnea per poi perdere progressivamente pendenza nel chilometro conclusivo che vedrà i corridori – oramai alla spicciolata o quasi – sgusciare tra i Monti Silvestri, coni piroclastici formatisi durante l’eruzione del 1892, durata quasi sei mesi. Serviranno, invece, poco meno di 60 minuti di gara perché il Giro “erutti” le prime sentenze e per qualche grosso nome la maglia rosa tornerà a essere un miraggio sempre più sfuggente.

Mauro Facoltosi

I VALICHI DELLA TAPPA

Passo dei Tre (728 metri). Valicato dalla SS 289 “di Cesarò” salendo da San Fratello alla Portella Femmina Morta.

Portella Femmina Morta (1524 metri). Valicata dalla SS 289 “di Cesarò” tra San Fratello e Cesarò.

Portella della Miraglia (1464 metri). Valicata dalla SS 289 “di Cesarò” nel corso della discesa dalla Portella Femmina Morta verso Cesarò.

Portella Sant’Antonio (1290 metri). Valicata dalla SS 289 “di Cesarò” nel corso della discesa dalla Portella Femmina Morta verso Cesarò.

Portella dei Bufali (1220 metri). Nota anche come Passo Bufali, è valicata dalla SS 289 “di Cesarò” nel corso della discesa dalla Portella Femmina Morta verso Cesarò e si trova all’altezza del bivio per San Teodoro.

Passo dello Zingaro (700 metri). Valicato dalla SS 284 “Occidentale Etnea” tra Bronte e Adrano, è chiamato Passo Zingaro sulle cartine del Giro 2017, sulle quali è quotato 644 metri.

Passo Cannelli. Valicato dalla strada provinciale che sale da Pedara al Rifugio Sapienza, nel tratto noto come “Salto del Cane”

Sella dei Monti Silvestri. Separa due dei cinque crateri dei Monti Silvestri ed è attraversata dalla SP 92 che mette in comunicazione Nicolosi con Zafferana Etnea salendo fino al Rifugio Sapienza. Il valico si trova poco prima del termine del versante che sale da Zafferana e ad alcune centinaia di metri del luogo dove sarà collocato il traguardo.

RINGRAZIAMENTI

Segnaliamo che le citazioni cinematografiche (nel testo e nella fotogallery) sono frutto della collaborazione con il sito www.davinotti.com, che ringraziamo per la disponibilità.

FOTOGALLERY

Il duomo di Cefalù nel film ‘’La schiava io ce lho e tu no’’ (www.davinotti.com)

Il duomo di Cefalù nel film ‘’La schiava io ce l'ho e tu no’’ (www.davinotti.com)

Piazza Matrice a Santo Stefano di Camastra

Scorcio di San Fratello

Lo scollinamento della Portella Femmina Morta

I resti del  castello di Bolo e, sullo sfondo, la mole dell’Etna (www.naturasicula.it)

I resti del castello di Bolo e, sullo sfondo, la mole dell’Etna (www.naturasicula.it)

Il castello appartenuto all’ammiraglio Horatio Nelson alle porte di Bronte

Castello di Adrano

Etna, i Monti Silvestri

Il Rifugio Sapienza e, in trasparenza, l’altimetria della quarta tappa del Giro 2017 (www.avventurosamente.it)

Il Rifugio Sapienza e, in trasparenza, l’altimetria della quarta tappa del Giro 2017 (www.avventurosamente.it)