CHE GIRO CHE FA SUL MONTE AVENA

Ecco il tradizionale contenitore made ne ilciclismo.it che da diverse stagioni accompagna le cronache prima del Giro e poi del Tour. All’interno ritroverete le rubriche riservate alla rassegna stampa internazionale, alla colonna sonora del giorno, alle previsioni del tempo per la tappa successiva, alle “perle” dei telecronisti, al Giro d’Italia rivisto alla “rovescia” e al ricordo di un Giro passato (quest’anno rivisiteremo l’edizione del 1949 nel 100° anniversario della nascita di Fausto Coppi e nel 70° anniversario della prima storica doppietta Giro-Tour siglata dal Campionissimo).

CHE GIRO CHE FA… NEL MONDO

Italia

Nibali attacca ma sull’Avena esulta Bilbao. E Carapaz ipoteca il trionfo – Carapaz: “Vantaggio su Nibali sufficiente, sono tranquillo”. Lopez: “Tifosi senza rispetto” – Nibali: “Contento del mio Giro, ho dato sempre battaglia” – Il tifoso lo fa cadere, Lopez lo prende a schiaffi (Gazzetta dello Sport)

Giro d’Italia, a Bilbao la penultima tappa. Carapaz resta in maglia rosa – Giro d’Italia, Lopez prende a schiaffi il tifoso che lo ha fatto cadere (Corriere della Sera)

Gran Bretagna

Pello Bilbao wins penultimate stage at Giro d’Italia as Richard Carapaz all but secures historic pink jersey for Ecuador (The Daily Telegraph)

Cyclist punches fan after coming off his bike in Giro d’Italia (The Independent)

Francia

Bilbao s’impose, Carapaz y est presque – Lopez frappe un spectateur – Roglic poussé et pénalisé – Madouas, un talent «sans complexe» – Madouas: «Il m’a manqué un petit quelque chose» . La chute de Majka en vidéo. (L’Equipe)

Carapaz a le Giro en mains – Giro: un coureur frappe à terre un spectateur qui a provoqué sa chute (Le Figaro)

Spagna

Carapaz tiene el Giro, Landa sube al podio y Bilbao repite – Los aficionados la lían: uno tira a López, que reacciona a golpes; otros ayudan a Roglic (AS)

Otra ‘bilbainada’ de Pello y Carapaz, virtual campeón del Giro de Italia – ¡Insólito! Supermán López, a guantazos con el fan que le tiró en plena subida (Marca)

Carapaz ata el Giro, Pello Bilbao gana la etapa y Landa asalta el podio – Un espectador tira a ‘Supermán’ López y éste se la devuelve – “Roglic le quitará a Landa el 3º lugar del Giro en la crono final” – Una sanción a Roglic acerca más el podio a Mikel Landa (El Mundo Deportivo)

Belgio

Roze trui neemt flinke optie op eindzege, Bilbao snelt naar winst in laatste bergrit van de Giro – ‘Superman’ Lopez wordt van de fiets gelopen door Giro-toeschouwer en reageert met rake klappen – Nibali was tijdens Giro straffer in zijn uitspraken dan in zijn prestaties – De haai moet vandaag bijten in de Giro, maar kan Nibali leider Carapaz bestoken? (Het Nieuwsblad)

Tour d’Italie: Pello Bilbao (Astana) remporte la 20e et avant-dernière étape du Giro, Carapaz reste en rose – Tour d’Italie: Lopez gifle un spectateur indiscipliné (La Dernière Heure/Les Sports)

Paesi Bassi

Carapaz verdedigt roze trui met succes, Mollema blijft vijfde – Blije Mollema ziet bizarre dingen in de Giro – López geeft wielerfan rake klappen na val(De Telegraaf)

Giro-eindzege gloort voor Carapaz, Mollema steviger op de vijfde plaats – Engels blijft hoopvol: ‘Roglic kan nog steeds de Giro winnen’ – Tien seconden straf Roglic wegens duwen, Ángel López vrijuit na klap – Nabeschouwing: Lopez had hem ook moeten schoppen – Mollema in zijn nopjes ‘Stoempen tot de top, dat is ideaal’ (Algemeen Dagblad)

Germania

Bilbao siegt in Monte Avena – Carapaz vor Gesamtsieg – Nach Sturz: Lopez prügelt beim Giro d’Italia auf Fan ein (Berliner Zeitung)

Lussemburgo

Carapaz vor Giro-Gesamtsieg (Luxemburger Wort)

Carapaz steht vor Giro-Gesamtsieg: Pello Bilbao gewinnt 20. Etappe (Tageblatt)

Svizzera

Richard Carapaz steht kurz vor dem Gesamtsieg am Giro d’Italia (Neue Zürcher Zeitung)

Carapaz a le Giro bien en mains (24 Heures)

Slovenia

Rogliča navijači stali 10 sekund pribitka, jutri bo lovil stopničke (Delo)

Colombia

Supermán López perdió terreno en el Giro de Italia – Supermán López no fue sancionado tras golpear a un aficionado – Reacciones enardecidas en redes por la caída de Supermán López – ‘Nos merecemos más respeto’: López tras golpear a un aficionado – Por esta acción sancionaron a Primoz Roglic en el Giro (El Tiempo)

Un empujón alejó a Superman López del podio del Giro – Superman López cogió a golpes al aficionado que lo hizo caer – Empujón de un aficionado hizo caer a Miguel Ángel López en el penúltimo día del Giro (El Espectador)

Ecuador

Richard Carapaz conserva la ‘maglia’ rosa a una etapa de finalizar el Giro de Italia – Richard Carapaz, un ejemplo a seguir por parte de su primo Johnny – Vincenzo Nibali: Mikel Landa ha hecho un buen trabajo para Richard Carapaz en el Giro – Richard Carapaz, de pedalear una bicicleta sin ruedas a comandar el Giro de Italia – Richard Carapaz es cauto y aún no se siente ganador del Giro de Italia – Desde Tulcán, aficionados alientan a Richard Carapaz – Aficionado tumba a colombiano Miguel Ángel López en el Giro de Italia – Tulcán vibra con actuación de Richard Carapaz en el Giro de Italia – Excompañeros de Richard Carapaz elogian su actuación en el Giro de Italia – Conozca al compañero de Richard Carapaz en las premiaciones como líder del Giro de Italia 2019 – Giro de Italia: Fecha, horarios y canales de TV para ver la última etapa que puede dejar a Richard Carapaz como campeón (El Universo)

CHE GIRO CHE FA… SOL… LA… SI… DO… : la colonna sonora della tappa del Giro scelta per voi da ilciclismo.it

“Non c’è più niente da fare” (Bobby Solo)

a cura di DJ Jorgens

CHE METEO CHE FA

Le previsioni si riferiscono agli orari di partenza, passaggio e arrivo della tappa del giorno dopo

Verona – partenza primo corridore: cielo sereno, 28.2°C, vento debole a S (3-5 Km/h), umidità al 45%
Verona – arrivo maglia rosa: cielo sereno, 28.4°C, vento debole a ESE (3-5 Km/h), umidità al 45%

CHE GHIRO CHE FA

Gli strafalcioni dei giornalisti al seguito della corsa rosa

Conti: “Nibala”
De Luca: “David Carapaz” (Richard Carapaz)
Genovesi: “Quest’anno ha fatto freddo, ma questa ultima coda ci ha consegnato un bel clima”
De Luca: “Hanno dimostrato di andare in forma”
De Luca: “La Cima Campo ha disintegrato i 140 corridori ancora in gara”
Garzelli: “Molto interissante”
De Luca: “La locomotiva che Lopez dovrebbe partire”
Garzelli:”Non ha una pendenza particolarmente difficili”
Genovesi: “Poi dal niente ti si spegne la luce”
Garzelli: “Damiano Carusi” (Caruso)
Garzelli: “Pello Bilbao è davanti per Pello Bilbao”
De Luca: “Un saluto a Nencini, che è un campione dimenticato” (Gastone Nencini è morto nel 1980)
De Luca: “Ai circuiti post Giro vedrete i corridori più rilassati di questo Giro d’Italia” (a parte il fatto che i circuito post Giro oggi non si corrono più)
Garzelli: “Il Team Astana vuole anche loro vincere la tappa”
De Luca: “Gli scivola il ruota posteriore”
Franzelli: “Quello è stato il giorno dell’orgoglio siciliano, il cabasisi” (i cabbasisi sono gli attribuiti sessuali secondo il dialetto siciliano)
Televideo: “Il finale è ancora da scrivere” (a dire il vero oramai non c’è più niente da fare per la vittoria finale)
Televideo: “Penultina ascesa”

FA CHE GIRO CHE

Le classifiche del Giro viste all’incontrario

Ordine d’arrivo ventesima tappa, Feltre – Croce d’Aune / Monte Avena

1° Marco Haller
2° Jacopo Guarnieri s.t
3° Dmitry Strakhov a 49″
4° Sean Bennett a 54″
5° Sho Hatsuyama a 1′06″

Classifica generale

1° Sho Hatsuyama
2° Will Clarke a 4′03″
3° Tom Bohli a 28′03″
4° Paolo Simion a 29′47″
5° Miles Scotson a 29′49″

CHE GIRO CHE FACEVA: 1949
Ricordiamo quest’anno, attraverso i titoli del quotidiano “La Stampa”, il Giro del 1949, quella della mitica Cuneo-Pinerolo

10 GIUGNO 1949 – 17a TAPPA: CUNEO – PINEROLO (254 Km)

COPPI HA COMPIUTO TRA I GIGANTI ALPINI LA PIÙ GRANDE CORSA NELLA STORIA DEL CICLISMO – IL CAPOLAVORO DI COPPI
L’Izoard “scalato alla Binda” – Solo, sui picchi oltre i 2000 – Bartali ha ceduto dopo una lotta che lo onora – La “rivelazione Astrua”
Bartali si difende da campione ma è staccato di 11’52” – Appassionante duello fra i due assi – Classe e resistenza – Il parere dei “vecchi” – Come Leoni ha perso la maglia rosa – Fuga di 190 Km – Una strenua difesa – Comincia la fuga – L’arrivo oggi a Torino – Bartali ha deciso di rinunciare al Tour?

Il monumento a Tullio Campagnolo, sulla sommità del Passo di Croce dAune, illuminato di rosa in occasione dellarrivo del Giro dItalia (sport.sky.it)

Il monumento a Tullio Campagnolo, sulla sommità del Passo di Croce d'Aune, illuminato di rosa in occasione dell'arrivo del Giro d'Italia (sport.sky.it)

CHE GIRO, CHE ARCHIVIO

Cliccare sul nome della tappa per visualizzare l’articolo

Raduno di partenza Bologna
1a tappa: Bologna – San Luca (cronometro individuale)
2a tappa: Bologna – Fucecchio
3a tappa: Vinci – Orbetello
4a tappa: Orbetello – Frascati
5a tappa: Frascati – Terracina
6a tappa: Cassino – San Giovanni Rotondo
7a tappa: Vasto – L’Aquila
8a tappa: Tortoreto Lido – Pesaro
9a tappa: Riccione – San Marino (cronometro individuale)
10a tappa: Ravenna – Modena
11a tappa: Carpi – Novi Ligure
12a tappa: Cuneo – Pinerolo
13a tappa: Pinerolo – Ceresole Reale (Lago Serrù)
14a tappa: Saint-Vincent – Courmayeur
15a tappa: Ivrea – Como
16a tappa: Lovere – Ponte di Legno
17a tappa: Commezzadura (Val di Sole) – Anterselva / Antholz
18a tappa: Valdaora / Olang – Santa Maria di Sala
19a tappa: Treviso – San Martino di Castrozza

IL GIRO È DI CARAPAZ, ULTIMO TAPPONE A BILBAO

L’ecuadoriano conserva intatto il vantaggio sul traguardo di Monte Avena e, alla vigilia della cronometro finale di Verona, vede il successo finale. La 20a tappa va allo spagnolo della Astana, che brucia in volata Landa.

Della ventesima tappa del Giro 2019, la frazione dolomitica che ricalcava il tracciato della gran fondo Sportful, restano un dato e un’immagine. Il dato è che Richard Carapaz, salvo sciagure imprevedibili nella cronometro finale di Verona, diventerà domani un eroe nazionale dell’Ecuador. Sarà il primo corridore del suo Paese a vincere il Giro d’Italia, o, in generale, un qualsiasi evento ciclistico di primo piano. Il pantheon sportivo ecuadoriano, che fino a oggi comprendeva Andrés Gomez, il tennista che nel 1990 conquistò il Roland Garros, e Jefferson Perez, marciatore al quale il Paese deve le uniche medaglie olimpiche, è pronto ad accogliere un terzo uomo.
L’immagine è quella che ha avuto per protagonisti Miguel Angel Lopez e un tifoso per il quale ogni epiteto rappresenterebbe un ridicolo eufemismo. A meno di 6 km dall’arrivo, lo spettatore ha provocato la caduta del colombiano in maglia bianca, principale animatore della tappa. La preoccupazione di Lopez, appena ritrovata la posizione eretta, e ben prima di risalire in bicicletta, è stata quella di rifilare al responsabile dell’incidente un paio di cazzotti. Dopo avere pensato per un istante di riguadagnare la sella, Lopez è tornato sui suoi passi per assestare un altro ceffone al tifoso, prima di riprendere finalmente l’ascesa verso Monte Avena e di lasciare agli appassionati il dilemma tra la condanna della violenza e la condanna della stupidità. L’assalto al podio era comunque, a quel punto, già compromesso da tempo. La Astana, nettamente la squadra più aggressiva oggi e in tutto il Giro, ha trovato una meritata consolazione con il successo di tappa di Pello Bilbao.
La tappa, pur non indimenticabile, ha offerto quanto di meglio fosse lecito attendersi alla luce del disegno. La prima salita, Cima di Campo, è stata caratterizzata dalla battaglia per entrare in fuga, che ha coinvolto varie decine di corridori. A uscirne vittoriosi sono stati Andrey Amador (Movistar), Fausto Masnada (Androni), Damiano Caruso (Bahrein-Merida), Dario Cataldo e lo stesso Bilbao (Astana), Tanel Kangert (Education First), Amanuel Ghebreigzabier (Dimension Data), Jai Hindley (Sunweb), Eddie Dunbar (Ineos), Eros Capecchi (Deceuninck), Mikel Nieve (Mitchelton-Scott) e Ilnur Zakarin, unico uomo con vaghe ambizioni di classifica (al via di questa mattina era 12°, con 10 minuti e mezzo di distacco).
Masnada ha allungato in solitaria all’inizio del Passo Manghen, l’ascesa più impegnativa di giornata. Dal gruppo sono usciti invece, a distanza di pochi chilometri l’uno dall’altro, Nicola Conci e Giulio Ciccone, compagni di squadra alla Trek-Segafredo, probabilmente all’interno di un più ampio e del tutto imperscrutabile piano tattico.
Proprio al Manghen, diventato cima Coppi con la cancellazione del Gavia dalla tappa di Ponte di Legno, erano affidate le speranze di assistere a qualcosa di meglio di una lunga processione fino ai piedi dell’ultima salita. Gli auspici dei tifosi sono stati esauditi dalla solita Astana, che nel tratto più selettivo dell’ascesa ha preso il comando del gruppo e ha lanciato lo scatto di Lopez, arrivato a 3 km dalla vetta. Soltanto Carapaz e Mikel Landa hanno saputo replicare; Vincenzo Nibali e Primoz Roglic, ultimi a perdere le ruote del trio, hanno concesso 20 secondi, e sono stati staccati, negli ultimi metri di scalata, anche da Pavel Sivakov.
La lunga discesa ha portato comunque a un ricompattamento generale. Nel lungo tratto pianeggiante per risalire la Val di Fiemme, dopo una breve parentesi di anarchia, la Movistar ha ripreso il controllo della corsa, anche grazie al rientro di Antonio Pedrero ed Hector Carretero. Della nuova quiete tra i favoriti hanno approfittato Bilbao, Dunbar, Kangert, Ghebreigzabier e Nieve, al cui tentativo si sono uniti in un secondo momento Ciccone, Capecchi e Valentin Madouas.
Nulla ha più scosso la tappa fino ai piedi del Croce d’Aune, e in particolare non lo ha fatto il Rolle, la vera salita ammazza-spettacolo nel tracciato di oggi. A 22 km dal traguardo, quando la strada ha ripreso a salire, il vantaggio del drappello di testa si aggirava sui due minuti soltanto. Merito dell’inseguimento di una Movistar determinata a regalare a Landa, se non il podio, almeno una vittoria di tappa.
Il basco si è mosso in effetti a 3 km dalla cima del Croce d’Aune, dopo un altro paio di scatti non troppo incisivi di Lopez. Nessuno è riuscito a replicare, e soltanto il lavoro di Domenico Pozzovivo in supporto a Nibali ha impedito che il vantaggio di Landa diventasse decisivo. Al comando era rimasto intanto il solo Madouas, il cui margine era però ormai misurabile in decine di secondi più che in minuti.
Lo snodo decisivo di giornata, in chiave classifica generale, è arrivato nei pochi chilometri di discesa che separavano il penultimo Gran Premio della Montagna dai piedi della salita di Monte Avena. In quel tratto Nibali ha accelerato per riportarsi su Landa, e ha finito per portare con sé il solo Carapaz. Roglic e Lopez hanno perso qualche decina di metri; le speranze di top five di Rafal Majka si sono invece infrante sull’asfalto di un tornante a destra, dove il polacco è finito a terra.
Il trio Landa-Nibali-Carapaz ha trovato un accordo sufficiente a riassorbire via via tutti i superstiti della fuga. Nel finale i tre non hanno però saputo o voluto salire con il ritmo dei primi chilometri, e hanno così dato modo ad alcuni degli ex attaccanti – Bilbao, Ciccone, Nieve, Madouas e Kangert – di tenere il passo e di arrivare a giocarsi la tappa allo sprint.
È stato proprio uno dei cinque, Bilbao, a impedire alla Movistar di coronare il suo lavoro e a Landa di ottenere la parziale ricompensa per il suo lavoro da gregario di lusso. In volata, lo spagnolo della Astana si è messo dietro il connazionale e un Giulio Ciccone che ha pagato gli attacchi fuori tempo delle prime ore di corsa.
Landa è riuscito per il momento a guadagnare il gradino più basso del podio, ma la sensazione è che il suo terzo posto sia molto provvisorio. Il ritardo del basco da Carapaz è infatti di 2’53’’: appena 23’’ in meno rispetto a Roglic, pur penalizzato di 10 secondi per avere ricevuto una lunga spinta da un tifoso. Lo sloveno ha concluso a 54’’ dal vincitore, in 14esima posizione, preceduto di 6 secondi da un Mollema che sembra ormai certo del quinto posto in generale.
Dovrebbe essere quello tra Landa e Roglic, in ogni caso, il duello più intrigante dell’ultima giornata di Giro. Il primato di Carapaz sembra infatti inattaccabile: Nibali, sempre secondo, resta a 1’54’’. Suppergiù il tempo che il siciliano e Roglic hanno ceduto all’ecuadoriano nei due giorni di sciagurata marcatura a oltranza, a Lago Serrù e Courmayeur.

Matteo Novarini

1 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 5:46:02
2 Mikel Landa (Spa) Movistar Team
3 Giulio Ciccone (Ita) Trek-Segafredo 0:00:02
4 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team 0:00:04
5 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida
6 Tanel Kangert (Est) EF Education First 0:00:15
7 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott
8 Valentin Madouas (Fra) Groupama-FDJ 0:00:25
9 Rafal Majka (Pol) Bora-Hansgrohe 0:00:44
10 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
11 Pavel Sivakov (Rus) Team Ineos 0:00:48
12 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott
13 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo
14 Primoz Roglic (Slo) Team Jumbo-Visma 0:00:54
15 Hugh John Carthy (GBr) EF Education First 0:01:10
16 Lucas Hamilton (Aus) Mitchelton-Scott 0:01:19
17 Amanuel Ghebreigzabhier (Eri) Dimension Data
18 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team 0:01:49
19 Edward Dunbar (Irl) Team Ineos 0:01:59
20 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin 0:02:18
21 Joe Dombrowski (USA) EF Education First 0:03:25
22 Jan Hirt (Cze) Astana Pro Team 0:05:16
23 Sebastian Henao (Col) Team Ineos 0:05:40
24 Jai Hindley (Aus) Team Sunweb 0:06:04
25 Damiano Caruso (Ita) Bahrain-Merida
26 Nicola Conci (Ita) Trek-Segafredo 0:06:20
27 Nathan Brown (USA) EF Education First 0:06:31
28 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:09:32
29 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team 0:11:36
30 Victor De La Parte (Spa) CCC Team 0:12:48
31 Alexis Vuillermoz (Fra) AG2R La Mondiale
32 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale 0:12:50
33 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe
34 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates
35 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team
36 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale 0:12:58
37 Miguel Eduardo Florez Lopez (Col) Androni Giocattoli-Sidermec 0:13:05
38 Larry Warbasse (USA) AG2R La Mondiale
39 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb
40 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team 0:13:25
41 Eros Capecchi (Ita) Deceuninck-QuickStep
42 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data 0:13:33
43 Ion Izagirre Insausti (Spa) Astana Pro Team
44 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:13:56
45 Jay Mc Carthy (Aus) Bora-Hansgrohe
46 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 0:14:57
47 Koen Bouwman (Ned) Team Jumbo-Visma 0:15:35
48 Enrico Battaglin (Ita) Katusha-Alpecin 0:15:55
49 Manuel Senni (Ita) Bardiani CSF 0:16:37
50 Jonnathan Narvaez (Ecu) Team Ineos 0:17:39
51 Paul Martens (Ger) Team Jumbo-Visma 0:18:51
52 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 0:21:49
53 Andrey Amador (CRc) Movistar Team 0:23:40
54 José Rojas (Spa) Movistar Team 0:24:20
55 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale 0:24:38
56 Bob Jungels (Lux) Deceuninck-QuickStep
57 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida
58 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo
59 Sepp Kuss (USA) Team Jumbo-Visma
60 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott
61 Hector Carretero (Spa) Movistar Team 0:28:21
62 Pieter Serry (Bel) Deceuninck-QuickStep 0:32:03
63 Amaro Antunes (Por) CCC Team 0:32:07
64 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe
65 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott
66 Luke Durbridge (Aus) Mitchelton-Scott
67 Salvatore Puccio (Ita) Team Ineos
68 Jan Bakelants (Bel) Team Sunweb
69 Ivan Sosa (Col) Team Ineos
70 Ruben Plaza (Spa) Israel Cycling Academy
71 Giovanni Carboni (Ita) Bardiani CSF 0:32:15
72 Fabio Sabatini (Ita) Deceuninck-QuickStep 0:38:04
73 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida
74 Francisco Ventoso (Spa) CCC Team
75 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
76 Grega Bole (Slo) Bahrain-Merida
77 Lukasz Owsian (Pol) CCC Team
78 Mikkel Frølich Honoré (Den) Deceuninck-QuickStep
79 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy
80 Reto Hollenstein (Swi) Katusha-Alpecin
81 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
82 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy
83 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy
84 Luca Covili (Ita) Bardiani CSF
85 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale
86 Kamil Gradek (Pol) CCC Team
87 Christian Knees (Ger) Team Ineos
88 Danilo Wyss (Swi) Dimension Data
89 Jenthe Biermans (Bel) Katusha-Alpecin
90 Tobias Ludvigsson (Swe) Groupama-FDJ
91 Tosh Van Der Sande (Bel) Lotto Soudal
92 Jos van Emden (Ned) Team Jumbo-Visma
93 Matteo Montaguti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:38:08
94 Luis Mas Bonet (Spa) Movistar Team
95 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott
96 Ivan Santaromita (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
97 Lorenzo Rota (Ita) Bardiani CSF
98 Antwan Tolhoek (Ned) Team Jumbo-Visma
99 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team
100 Marco Canola (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
101 Juan Jose Lobato Del Valle (Spa) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:38:14
102 Manuele Boaro (Ita) Astana Pro Team 0:38:36
103 Victor Campenaerts (Bel) Lotto Soudal 0:40:16
104 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal
105 Enrico Gasparotto (Ita) Dimension Data 0:40:46
106 Markel Irizar (Spa) Trek-Segafredo
107 Scott Davies (GBr) Dimension Data
108 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
109 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
110 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team
111 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates
112 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF
113 Damiano Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
114 Awet Andemeskel (Eri) Israel Cycling Academy
115 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF
116 Jonathan Caicedo (Ecu) EF Education First
117 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale
118 Andrea Garosio (Ita) Bahrain-Merida
119 Ramon Sinkeldam (Ned) Groupama-FDJ
120 Arnaud Demare (Fra) Groupama-FDJ
121 Guy Niv (Isr) Israel Cycling Academy
122 Tom Bohli (Swi) UAE Team Emirates
123 Chad Haga (USA) Team Sunweb
124 Miles Scotson (Aus) Groupama-FDJ
125 Will Clarke (Aus) Trek-Segafredo
126 Josef Cerny (Cze) CCC Team
127 Olivier Le Gac (Fra) Groupama-FDJ
128 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
129 Thomas Leezer (Ned) Team Jumbo-Visma
130 Davide Cimolai (Ita) Israel Cycling Academy
131 Conor Dunne (Irl) Israel Cycling Academy 0:40:55
132 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates 0:41:02
133 Pascal Ackermann (Ger) Bora-Hansgrohe 0:42:21
134 Pawel Poljanski (Pol) Bora-Hansgrohe
135 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
136 Michael Schwarzmann (Ger) Bora-Hansgrohe
137 Michael Gogl (Aut) Trek-Segafredo 0:42:23
138 Sho Hatsuyama (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:42:25
139 Sean Bennett (USA) EF Education First 0:42:37
140 Dmitrii Strakhov (Rus) Katusha-Alpecin 0:42:42

CLASSIFICA GENERALE

1 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team 89:38:28
2 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida 0:01:54
3 Mikel Landa (Spa) Movistar Team 0:02:53
4 Primoz Roglic (Slo) Team Jumbo-Visma 0:03:16
5 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo 0:05:51
6 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team 0:07:18
7 Rafal Majka (Pol) Bora-Hansgrohe 0:07:28
8 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 0:08:01
9 Pavel Sivakov (Rus) Team Ineos 0:09:11
10 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin 0:12:50
11 Hugh John Carthy (GBr) EF Education First 0:15:57
12 Joe Dombrowski (USA) EF Education First 0:20:12
13 Valentin Madouas (Fra) Groupama-FDJ 0:21:13
14 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe 0:22:52
15 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 0:23:13
16 Giulio Ciccone (Ita) Trek-Segafredo 0:26:20
17 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott 0:27:22
18 Tanel Kangert (Est) EF Education First 0:30:00
19 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida 0:33:22
20 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:34:18
21 Edward Dunbar (Irl) Team Ineos 0:39:18
22 Victor De La Parte (Spa) CCC Team 0:39:56
23 Damiano Caruso (Ita) Bahrain-Merida 0:50:09
24 Sebastian Henao (Col) Team Ineos 0:57:35
25 Jan Hirt (Cze) Astana Pro Team 1:04:18
26 Lucas Hamilton (Aus) Mitchelton-Scott 1:04:33
27 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team 1:05:10
28 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 1:10:03
29 Alexis Vuillermoz (Fra) AG2R La Mondiale 1:11:47
30 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale 1:15:44
31 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data 1:17:39
32 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 1:18:36
33 Bob Jungels (Lux) Deceuninck-QuickStep 1:23:25
34 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb 1:23:31
35 Jai Hindley (Aus) Team Sunweb 1:28:03
36 Ion Izagirre Insausti (Spa) Astana Pro Team 1:28:10
37 Eros Capecchi (Ita) Deceuninck-QuickStep 1:31:26
38 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott 1:31:53
39 Pieter Serry (Bel) Deceuninck-QuickStep 1:32:16
40 Andrey Amador (CRc) Movistar Team 1:33:19
41 Koen Bouwman (Ned) Team Jumbo-Visma 1:36:49
42 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 1:38:40
43 Jan Bakelants (Bel) Team Sunweb 1:49:04
44 Ivan Sosa (Col) Team Ineos 1:51:24
45 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team 1:53:57
46 Amanuel Ghebreigzabhier (Eri) Dimension Data 1:54:08
47 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale 1:55:35
48 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team 1:57:53
49 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo 1:58:03
50 José Rojas (Spa) Movistar Team 2:02:10
51 Larry Warbasse (USA) AG2R La Mondiale 2:06:13
52 Matteo Montaguti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 2:06:27
53 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 2:07:32
54 Amaro Antunes (Por) CCC Team 2:09:53
55 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 2:11:52
56 Sepp Kuss (USA) Team Jumbo-Visma 2:13:36
57 Giovanni Carboni (Ita) Bardiani CSF 2:17:52
58 Manuel Senni (Ita) Bardiani CSF 2:18:22
59 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 2:22:31
60 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team 2:26:06
61 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale 2:30:35
62 Jay Mc Carthy (Aus) Bora-Hansgrohe 2:40:07
63 Tosh Van Der Sande (Bel) Lotto Soudal 2:40:20
64 Nicola Conci (Ita) Trek-Segafredo 2:40:23
65 Antwan Tolhoek (Ned) Team Jumbo-Visma 2:41:34
66 Enrico Battaglin (Ita) Katusha-Alpecin 2:42:43
67 Nathan Brown (USA) EF Education First 2:42:47
68 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal 2:44:54
69 Enrico Gasparotto (Ita) Dimension Data 2:49:25
70 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott 2:50:06
71 Ruben Plaza (Spa) Israel Cycling Academy 2:54:48
72 Miguel Eduardo Florez Lopez (Col) Androni Giocattoli-Sidermec 2:54:50
73 Lukasz Owsian (Pol) CCC Team 2:59:21
74 Paul Martens (Ger) Team Jumbo-Visma 3:01:17
75 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe 3:01:42
76 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida 3:02:21
77 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy 3:04:45
78 Jonnathan Narvaez (Ecu) Team Ineos 3:08:35
79 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
80 Luke Durbridge (Aus) Mitchelton-Scott 3:10:09
81 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 3:12:39
82 Tobias Ludvigsson (Swe) Groupama-FDJ 3:16:58
83 Danilo Wyss (Swi) Dimension Data 3:17:07
84 Luca Covili (Ita) Bardiani CSF 3:19:11
85 Lorenzo Rota (Ita) Bardiani CSF 3:23:08
86 Salvatore Puccio (Ita) Team Ineos 3:24:21
87 Francisco Ventoso (Spa) CCC Team 3:27:56
88 Hector Carretero (Spa) Movistar Team 3:32:14
89 Pawel Poljanski (Pol) Bora-Hansgrohe 3:34:19
90 Manuele Boaro (Ita) Astana Pro Team 3:35:04
91 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data 3:38:25
92 Fabio Sabatini (Ita) Deceuninck-QuickStep 3:43:24
93 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida 3:51:25
94 Reto Hollenstein (Swi) Katusha-Alpecin 3:52:24
95 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott 3:53:30
96 Christian Knees (Ger) Team Ineos 3:53:31
97 Michael Gogl (Aut) Trek-Segafredo 3:58:21
98 Andrea Garosio (Ita) Bahrain-Merida 3:58:39
99 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 4:05:41
100 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy 4:06:21
101 Ivan Santaromita (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 4:06:55
102 Mikkel Frølich Honoré (Den) Deceuninck-QuickStep 4:07:33
103 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF 4:10:35
104 Jos van Emden (Ned) Team Jumbo-Visma 4:14:04
105 Chad Haga (USA) Team Sunweb 4:14:58
106 Sean Bennett (USA) EF Education First 4:16:33
107 Marco Canola (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 4:17:20
108 Jonathan Caicedo (Ecu) EF Education First 4:17:22
109 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 4:18:35
110 Grega Bole (Slo) Bahrain-Merida 4:20:57
111 Olivier Le Gac (Fra) Groupama-FDJ 4:25:24
112 Victor Campenaerts (Bel) Lotto Soudal 4:26:11
113 Guy Niv (Isr) Israel Cycling Academy 4:26:50
114 Michael Schwarzmann (Ger) Bora-Hansgrohe 4:28:56
115 Josef Cerny (Cze) CCC Team 4:32:49
116 Jenthe Biermans (Bel) Katusha-Alpecin 4:34:12
117 Scott Davies (GBr) Dimension Data 4:44:34
118 Thomas Leezer (Ned) Team Jumbo-Visma 4:49:02
119 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team 4:53:17
120 Pascal Ackermann (Ger) Bora-Hansgrohe 4:54:58
121 Dmitrii Strakhov (Rus) Katusha-Alpecin 4:55:32
122 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy 4:56:39
123 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale 4:56:57
124 Arnaud Demare (Fra) Groupama-FDJ 4:57:01
125 Luis Mas Bonet (Spa) Movistar Team 5:00:47
126 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe 5:01:27
127 Awet Andemeskel (Eri) Israel Cycling Academy 5:04:11
128 Kamil Gradek (Pol) CCC Team 5:07:18
129 Davide Cimolai (Ita) Israel Cycling Academy 5:07:43
130 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates 5:08:09
131 Ramon Sinkeldam (Ned) Groupama-FDJ 5:19:49
132 Juan Jose Lobato Del Valle (Spa) Nippo-Vini Fantini-Faizane 5:24:09
133 Conor Dunne (Irl) Israel Cycling Academy 5:24:57
134 Markel Irizar (Spa) Trek-Segafredo 5:27:22
135 Damiano Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 5:27:23
136 Miles Scotson (Aus) Groupama-FDJ 5:33:42
137 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF 5:33:44
138 Tom Bohli (Swi) UAE Team Emirates 5:35:28
139 Will Clarke (Aus) Trek-Segafredo 5:59:28
140 Sho Hatsuyama (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane 6:03:31

Pello Bilbao bissa il successo dellAquila facendo suo il tappone del Manghen (foto Tim de Waele/Getty Images)

Pello Bilbao bissa il successo dell'Aquila facendo suo il tappone del Manghen (foto Tim de Waele/Getty Images)

SULLE ROTTE DELLA PASSIONE

L’ultima tappa di montagna del Giro 2019 ricalca il tracciato di una delle più note e impegnative gran fondo italiane, la Sportful Dolomiti Race. Il percorso è da tappone con tutti i crismi: Cima di Campo, Manghen, Rolle, Croce d’Aune e Monte Avena potrebbero scatenare un autentico terremoto in classifica generale!

Non è mai successo che una tappa del Giro coincidesse perfettamente con il tracciato di una gran fondo, le frequentate manifestazioni ciclistiche che vedono al via solo amatori o agonisti che pedalano esclusivamente per passione. Questa lacuna sarà colmata il primo giugno quando la penultima frazione della Corsa Rosa ricalcherà il percorso di una delle più celebri e dure Gran Fondo italiane, la Sportful Dolomiti Race, giunta quest’anno alla 25a edizione e talvolta ancora nota con il vecchio nome di “Campagnolo” poiché fino al 2007 era intitolata a Tullio Campagnolo, l’imprenditore della bicicletta che negli anni giovanili fu anche corridore ed è in quell’epoca che ebbe l’idea di creare, in seguito ad un incidente di corsa capitatogli sulla salita del Croce d’Aune, il mozzo a sgancio rapido, primo prodotto della sua blasonata azienda di componentistica. In realtà quella che affronteranno i “girini” sarà una versione in parte ritoccata della “Sportful” perché gli organizzatori non hanno voluto proporre la discesa finale dal Croce d’Aune verso Feltre della gara amatoriale, che avrebbe potuto vanificare le difficoltà affrontate in precedenza. In un primo momento si era pensato a un arrivo in cima al passo, ma per la mancanza di spazio in vetta si era deciso di aggiungere l’appendice verso il Monte Avena, arrivo in salita particolare perché si sarebbe finito di salire un chilometro e mezzo prima del traguardo. Presentato questo tracciato a ottobre, dopo i sopralluoghi di rito si è optato per un nuovo finale, ancora più impegnativo, che prevede di percorrere dopo il Croce d’Aune la prima parte della planata su Feltre per poi raggiungere la zona degli impianti invernali del Monte Avena da un altro versante, decisamente più appetitoso sotto l’aspetto delle pendenze. Ecco così partorito un “mostro” di 4629 metri di dislivello (limitando il calcolo ai cinque GPM ufficiali), che dovrà essere vinto in 76 Km di salita complessiva mentre la pendenza media globale sarà del 6%: a sole 24 ore dalla conclusione della Corsa Rosa e al termine di una settimana molto impegnativo ecco che questa frazione, già dura di suo, potrebbe davvero per molti tramutarsi in una giornata d’autentica passione, leggasi calvario, e far terremotare la classifica del Giro.
L’ultimo tappone di questa edizione prenderà le mosse con 8 Km pianeggianti che termineranno con il pasaggio da Arsiè, centro nel cui territorio si trovavano diversi fortilizi che furono utilizzati durante la Prima Guerra Mondiale, come il Forte di Cima Campo, costruito allo scopo di controllare le mulattiere che, in un raggio di 12 Km, salivano verso l’Altopiano di Asiago. Sarà nei pressi di questo fortilizio che si “consumerà” la prima salita di giornata, la Cima Campo per l’appunto, raggiunta la quale si saranno messi alle spalle quasi 19 Km d’ascesa al 5,9% e ci si lancerà in discesa verso l’altopiano del Tesino e l’osservatorio astronomico del Celado, inaugurato nel 2010. Lunga quasi 30 Km, la planata dalla Cima Campo s’interromperà per qualche chilometro subito dopo il passaggio da Castello Tesino, centro presso il quale si trova l’unica grotta carsica del Trentino aperta al pubblico, quando si dovrà superare la breve e pedalabile ascesa della Forcella, all’inizio della quale il percorso toccherà Pieve Tesino, paese natale di Alcide De Gasperi, l’uomo politico che viene considerato sia uno dei padri della Repubblica Italiana (ne fu il primo Presidente del Consiglio per ben sette mandati consecutivi, dal 1946 al 1953), sia uno dei fondatori dell’Unione Europea. Terminata la discesa ci sarà solo un attimo di requie, un paio di chilometri di pianura, prima di riprendere a puntare verso l’alto e inerpicarsi in direzione dell’ultimo 2000 metri del Giro 2019, il Passo di Manghen. Si salirà dal versante più impegnativo, quello della Val Calamento, seguendo la strada che fu tracciata nel 1958 ampliando una preesistente mulattiera e che rimase per diversi anni sterrata e tale l’affrontarono i “girini” il 10 giugno del 1976, quando si salì per la prima volta ai 2047 metri del passo trentino, inserito da Vincenzo Torriani nella tappa diretta alle Terme di Comano, vinta dal gregario Luciano Conati. Si tratta di un valico decisamente “voluminoso” per via dei suoi 19 Km d’ascesa al 7.6%, nel corso dei quali si devono superare quasi 1500 metri di dislivello, con l’unico apparente difetto della lontanza dal traguardo, poiché vi si scollinerà ben prima della metà di questa frazione, quando mancheranno ancora 116 Km alla conclusione; è certo che, però, rimarrà nelle gambe al momento di misurarsi con le ultime due salite in programma. Nell’attesa di questo gran finale, terminata la discesa dal Manghen si dovranno percorrere una dozzina di chilometri di pianeggiante fondovalle, introdotti dalla dolce ascesa verso Cavalese, il capoluogo della Val di Fiemme, il cui simbolo è il Palazzo della Magnifica Comunità, ospitato dal XIX secolo nell’edificio dalla facciata affrescata che un tempo era la residenza dei vescovi che avevano eletto questa località a meta delle loro villeggiature. Si transiterà quindi per Tesero, centro dal quale parte la ripida strada diretta all’Alpe di Pampeago, più volte affrontata al Giro, risalendo la Val di Stava, tragicamente nota per la catastrofe che il 19 luglio 1985 causò 270 vittime in seguito al cedimento dei bacini di decantazione della miniera di fluorite di Prestavèl. La “pacchia” finirà con il passaggio da Predazzo, dove il Giro andrà incontro al suo “primo amore”, quello che non si scorda mai: è il Passo Rolle, che fu la prima salita dolomitica della storia del Corsa Rosa, affrontata il 27 maggio nel 1937 nel corso della Vittorio Veneto – Merano, tappa che prevedeva anche l’ascesa al Passo di Costalunga e che fu fortemente voluta dall’allora direttore di corsa Armando Cougnet per solennizzare la venticinquesima edizione del Giro. Il versante di quella storica prima ascesa, che accese la scintilla di un fuoco ancora oggi ardente, fu quello più impegnativo che sale da San Martino di Castrozza, mentre stavolta si salirà dal meno difficile versante occidentale, che si compone di una prima balza di 5.7 Km al 6.3% verso Bellamonte e da una conclusiva di 6.6 Km al 6.5%, in mezzo alla quale s’interpone un tratto in falsopiano di quasi 7 Km che si snoda nello scenario della Foresta di Paneveggio, nella quale Antonio Stradivari veniva a cercare gli abeti con i quali realizzare i suoi celebri violini e dove si trova, affacciato sull’omonimo lago artificiale, il Forte Buso, costruito alla fine dell’800 dall’esercito austro-ungarico e nel quale potevano trovare posto a pieno regime quasi 140 militari. Raggiunti i quasi 2000 metri dal valico – che nel 1981 fu set dello spassoso finale de “L’onorevole con l’amante sotto il letto”, film con Lino Banfi e Alvaro Vitali – ci si lancerà in direzione del Primiero, dove si andranno a ripercorrere a ritroso gli ultimi 30 Km della tappa del giorno prima, nuovamente toccando San Martino di Castrozza e Fiera di Primiero prima di far rientro in Veneto. È in località Ponte Oltra, a poco meno di 14 Km dal traguardo, che si aprirà il sipario sul finale di questa difficilissima frazione che proporrà ora l’ascesa al Passo di Croce d’Aune, 11 Km al 5,5% (con i passaggi più impegnativi negli ultimi 4 Km che salgono all’8.3%) che fecero terribilmente penare i partecipanti al Giro del 1964, quando questa salita era ancora sterrata, di uno sterrato talmente brutto che fu paragonato al letto di un fiume e che causò una vera ecatombe di copertoncini: le cronache parlarono di qualcosa come 300 forature, una delle quali colpì anche l’ammiraglia della Saint-Raphaël, la formazione della maglia rosa Jacques Anquetil, che quel giorno riuscì a conservare quelle insegne del primato che aveva conquistato tre giorni prima nella crono di Busseto e che poi porterà indisturbata fino a Milano. Per la cronaca quella tappa, partita da Lavarone e terminata a Pedavena, fu conquistata da Marcello Mugnaini con 48” di vantaggio su Italo Zilioli e di 50” Gianni Motta mentre il leader Anquetil perse un minuto e sei secondi conservando il primato con 17” su Guido De Rosso. Transitati al cospetto del monumento a Tullio Campagnolo, luogo dal quale partono i sentieri diretti verso le cime delle Vette Feltrine, il gruppo più meridionale delle Dolomiti, s’imboccherà la pendente discesa che riconduce a Feltre transitando per Pedavena, centro famoso per la sua storica fabbrica di birra, qui impiantata nel 1897 da tre fratelli originari di Forno di Canale (l’odierna Canale d’Agordo), Sante, Luigi e Giovanni Luciani, appartenenti alla stessa famiglia di Albino Luciani, che nel 1978 salirà per soli 33 giorni sul soglio pontificio con il nome di Papa Giovanni Paolo I. Ma a Pedavena i “girini” non ci arriveranno perché, percorsi i primi 4 km della picchiata, svolteranno bruscamente a destra per tornare nuovamente a pedalare in direzione della montagna e affrontare i conclusivi 6.9 Km che salgono sul Monte Avena al 7.3% di pendenza media, raggiungendo una punta massima dell’11% a 4 Km dalla linea d’arrivo. Non son certo inclinazioni “mortiroliane”, ma nemmeno “fiocchi d’avena” e qualcuno oggi potrebbe farne indigestione….

Mauro Facoltosi

I VALICHI DELLA TAPPA

Sella di Santa Lucia (319 metri). Attraversata dalla SS 50 “del Grappa e del Passo Rolle” tra Feltre e Arten, coincide con il bivio per Caupo. Toccata anche il giorno precedente nel corso della frazione di San Martino di Castrozza, oggi i “girini” vi transiteranno durante il tratto di trasferimento verso il “chilometro zero”, previsto alle porte di Fonzaso.
Sella di Arten (319 metri). Si trova nei pressi dell’omonima località, frazione del comune di Fonzaso. Toccata anche il giorno precedente nel corso della frazione di San Martino di Castrozza, oggi i “girini” vi transiteranno durante il tratto di trasferimento verso il “chilometro zero”, previsto alle porte di Fonzaso.

Selletta di Col Perer (1026 metri), Passo d’Agnela (1311 metri), Colle del Cavallo (1365 metri). Valicati dalla strada che sale da Arsiè alla Cima Campo. Questa salita vanta un solo precedente al Giro d’Italia, inserita nel 1999 nel tracciato della Castelfranco Veneto – Alpe di Pampeago, vinta da Marco Pantani dopo che a Cima Campo era transitato in testa Mariano Piccoli.

Passo Valnappe (1244 metri), Sella di Valmonte (1240 metri), Passo di Prato di Valbusa (1222 metri), Selletta di Bailù (1175 metri), Passo di Celado (1166 metri). Valicati nel corso della discesa da Cima Campo a Castello Tesino.

Sella Castello Tesino (861 metri). Coincide con l’omonimo centro, situato nell’insellatura che separa il Colle di Sant’Ippolito dal Monte Picosta.

La Forcella (910 metri). Valicata dalla SP 78 Pieve Tesino e Pradellano. Per questo motivo viene chiamata sia “Forcella di Pieve Tesino”, sia “Forcella di Pradellano”.

Passo di Manghen (2047 metri). Vi transita la SP 31 “Passo Manghen” tra Telve e Molina di Fiemme. Il Giro l’ha affrontato per la prima volta nel 1976 durante la tappa Vigo di Fassa – Terme di Comano vinta da Luciano Conati mentre sul Manghen fu lo spagnolo Celestino Prieto a transitare per primo. Bisognerà aspettare vent’anni per rivedere il Giro su questo passo, inserito nel 1996 nel percorso della tappa Marostica – Passo Pordoi, che vide Enrico Zaina primo al traguardo e Mariano Piccoli al comando sul Manghen. Nel 1999 sarà Marco Pantani a scollinare in testa, prima d’imporsi nella Castelfranco Veneto – Alpe di Pampeago, una doppietta che sarà replicata da Emanuele Sella nel 2008 durante la Verona – Alpe di Pampeago. La quinta e finora ultima volta sul Manghen risale al 2012, sempre in occasione di una tappa con arrivo sull’Alpe, quando Stefano Pirazzi conquisterà il GPM mentre al traguardo si imporrà Roman Kreuziger.

Passo di Rolle (1970 metri). Depressione prativa aperta tra i monti Cavallazza e Castellazzo, sfunga da partiacque tra la Val Cismon (Primiero) e la Val Travignolo. Vi transita la SS 50 “del Grappa e del Passo Rolle” tra San Martino di Castrozza e Paneveggio ed è quotato 1989 sulle cartine ufficiali del Giro. Dal 1937, anno della prima scalata, a oggi è stato inserito 24 volte nel percorso della Corsa Rosa. Qui ci limitamo a segnalare i corridori che hanno conquistato questo valico: Gino Bartali (1937, 1939, 1946, 1949), Bernardo Rogora (1938), Jean Robic (1950), Giancarlo Astrua (1954), Gastone Nencini (1955, 1957), Charly Gaul (1956, 1959), Vincenzo Meco (1962, tappa interrotta in vetta al Rolle per l’impossibilità di raggiungere il traguardo di Moena a causa della neve), Vito Taccone (1963, 1964), Aurelio González (1967), Santiago Lazcano (1974), Faustino Fernández (1977), Ueli Sutter (1978), Pedro Muñoz (1986), Nelson Rodríguez (1991), Freddy Excelino González (2001, 2003) e Carlos José Ochoa (2009). Il Rolle era previsto anche nel tracciato della Trento – Marmolada del 1969, interrotta a causa del maltempo.

Sella di Servo (609 metri). Coincide con l’omonima località, toccata dall’ex SS 473 “di Croce d’Aune” durante l’ascesa al Valico di Croce d’Aune.

Valico di Croce d’Aune (1011 metri). Vi transita l’ex SS 473 “di Croce d’Aune”, tra Aune e Pedavena. Quotato 1015 sulle cartine ufficiali del Giro, in due occasioni è stato GPM alla Corsa Rosa. Il primo passaggio risale alla tappa citata nell’articolo, la Lavarone – Pedavena del 1964 vinta da Marcello Mugnaini dopo che in vetta al valico era transitato Franco Balmamion. Nel 2009 fu inserito nel percorso della Padova – San Martino di Castrozza, che vide Francesco Bellotti conquistare il traguardo della montagna mentre a San Martino s’impose Danilo Di Luca (vittoria poi assegnata a Stefano Garzelli). Anche nel 2000 il Giro transitò dal Croce d’Aune nel finale della Bibione – Feltre vinta da Enrico Cassani, ma si saliva dal versante di Faller, che preveda lo scollinamento al Valico Le Laste, a qualche chilometro di distanza, dove scollinò per primo lo spagnolo Óscar Sevilla.

RINGRAZIAMENTI

Segnaliamo che le citazioni cinematografiche (nel testo e nella fotogallery) sono frutto della collaborazione con il sito www.davinotti.com, che ringraziamo per la disponibilità.

FOTOGALLERY

Il Forte di Cima Campo

Osservatorio astronomico del Celado

Grotta di Castello Tesino (tripadvisor.com)

Grotta di Castello Tesino (tripadvisor.com)

Pieve Tesino, il museo allestito nella casa natale di Alcide De Gasperi

Il piccolo Lago Cadinello, posto poco sotto lo scollinamento del Passo Manghen

Cavalese, Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme

Stava, il centro di documentazione sulla catastrofe che colpì la Val di Stava nel 1985

Forte Buso (www.trentinograndeguerra.it)

Forte Buso (www.trentinograndeguerra.it)

Foresta di Paneveggio

Il Passo Rolle d’inverno come appare nel finale de “L’onorevole con l’amante sotto il letto” (www.davinotti.com)

Il Passo Rolle d’inverno come appare nel finale de “L’onorevole con l’amante sotto il letto” (www.davinotti.com)

Croce d’Aune, il monumento a Tullio Campagnolo

La storica Birreria di Pedavena

Le Vette Feltrine e, in trasparenza, l’altimetria della ventesima tappa del Giro 2019 (www.sanmartino.com)

Le Vette Feltrine e, in trasparenza, l’altimetria della ventesima tappa del Giro 2019 (www.sanmartino.com)