CHE GIRO CHE FA A PONTE DI LEGNO

Ecco il tradizionale contenitore made ne ilciclismo.it che da diverse stagioni accompagna le cronache prima del Giro e poi del Tour. All’interno ritroverete le rubriche riservate alla rassegna stampa internazionale, alla colonna sonora del giorno, alle previsioni del tempo per la tappa successiva, alle “perle” dei telecronisti, al Giro d’Italia rivisto alla “rovescia” e al ricordo di un Giro passato (quest’anno rivisiteremo l’edizione del 1949 nel 100° anniversario della nascita di Fausto Coppi e nel 70° anniversario della prima storica doppietta Giro-Tour siglata dal Campionissimo).

CHE GIRO CHE FA… NEL MONDO

Italia

Giro d’Italia, sul Mortirolo prova di forza di Nibali. Vince Ciccone, Carapaz resta in rosa – Ciccone, lo scatto che vale il trionfo e il boato della folla – Gioia Ciccone: “Tremo dal freddo, ma ce l’ho fatta!” Carapaz: “Sono tranquillo. E pronto” – Aru diventa papà, in arrivo una femmina (Gazzetta dello Sport)

Giro, tappone epico sul Mortirolo: Nibali scavalca Roglic, Carapaz sempre rosa – Nibali: «Per battere Carapaz dovremmo inventarci ancora qualcosa di nuovo» (Corriere della Sera)

Gran Bretagna

Richard Carapaz tightens grip on Giro d’Italia lead after Primoz Roglic loses time and Giulio Ciccone clinches stage (The Daily Telegraph)

Francia

Roglic coince, Ciccone brille – Gallopin a abandonné – L’attaque de Nibali dans le Mortirolo en vidéo – Nibali «Roglic a démontré qu’il était très fort» – Roglic «Je suis toujours là» (L’Equipe)

Giro: Nibali attaque, Roglic lâche prise – Nibali est le principal rival», estime Carapaz (Le Figaro)

Spagna

Carapaz y Landa siguen a Nibali en el Mortirolo; Roglic cede 1:22 (AS)

Nibali se confirma como el rival de Carapaz (Marca)

Nibali y Movistar noquean a Roglic en el Mortirolo – El letal ataque de Nibali que puede valer medio Giro – Mikel Landa sigue su firme escalada hacia el podio del Giro – Carapaz: “En carrera siempre intento ir con calma, las cosas acaban saliendo” – “A Roglic empieza a pesarle ya la tercera semana en el Giro” (El Mundo Deportivo)

Belgio

Mortirolo maakt reputatie waar: Carapaz en Nibali delen tik uit aan Roglic, bergkoning pakt de rit – Ploegleider Roglic is eerlijk: “Het roze is vandaag een heel eind van ons weggereden” – De Giro in 60 seconden: Roglic breekt op Mortirolo en Ciccone wint allereerste rit voor Trek-Segafredo – Opmerkelijk: Nibali krijgt drinkbus van CCC-renner Ventoso – Geen Gavia, maar Roglic is nog niet thuis: deze hindernissen wachten nog in de laatste week van de Giro – Van boerenzoon tot roze Richie: tien dingen die u moet weten over Giro-leider Carapaz (Het Nieuwsblad)

L’Italien Giulio Ciccone enlève la 16e étape du Giro – Movistar croit en Richard Carapaz, le leader du Giro : “Sa force, c’est sa récupération” (La Dernière Heure/Les Sports)

Paesi Bassi

Mollema klimt plek in Giro, ploeggenoot wint zware bergrit – Roglic houdt hoop na teleurstellende etappe – Engels: ’Roze trui wordt moeilijk verhaal’ (De Telegraaf)

Ciccone wint zware Mortirolo-rit, Roglic verliest meer dan minuut – Roglic blijft hoopvol: ‘Er komen nog meer van dit soort etappes’ – Mollema: Ik heb me deze Giro nog niet zo goed gevoeld
(Algemeen Dagblad)

Germania

Roglic verliert bei Giro weiter Zeit – Ciccone siegt (Berliner Zeitung)

Lussemburgo

Giro: Roglic großer Verlierer (Luxemburger Wort)

Giro: Carapaz bleibt nach Königsetappe in Rosa, Roglic ist der große Verlierer (Tageblatt)

Svizzera

Der Giro-Leader Richard Carapaz baut seine Führung aus (Neue Zürcher Zeitung)

Vincenzo Nibali est passé à l’attaque (24 Heures)

Slovenia

Nibali in Carapaz proti Rogliču pridobila več kot minuto – Po kraljevski etapi se zdi rožnata majica za Primoža Rogliča zelo oddaljena (Delo)

Colombia

Espectacular etapa: López subió en la general y Carapaz es más líder – Incondicional apoyo de fanáticos colombianos a ‘Superman’ López – ‘Salvamos el día y ascendimos en la general’: López – Carapaz, con equipo para ganar el Giro de Italia (El Tiempo)

Otra vez: los problemas mecánicos afectan a “Supermán” López – “Me siento favorito”: Richard Carapaz, líder del Giro de Italia – Líder de los jóvenes: digna presentación de Miguel Ángel López en la etapa reina del Giro de Italia (El Espectador)

Ecuador

Carapaz sigue líder del Giro de Italia al cabo de la etapa 16 – Richard Carapaz mantiene la ‘maglia’ rosa tras la etapa 16 del Giro de Italia – Richard Carapaz ​se distancia de sus escoltas en el Giro – Equipo Movistar debe trabajar para Richard Carapaz en Giro de Italia (El Universo)

CHE GIRO CHE FA… SOL… LA… SI… DO… : la colonna sonora della tappa del Giro scelta per voi da ilciclismo.it

“Emozioni” (Lucio Battisti)

a cura di DJ Jorgens

CHE METEO CHE FA

Le previsioni si riferiscono agli orari di partenza, passaggio e arrivo della tappa del giorno dopo

Commezzadura : pioggia debole (0.2 mm), 11.4°C, vento moderato da NNE (23-32 Km/h), umidità al 80%
Passo della Mendola (Km 42.7): pioggia debole (0.2 mm), 8.9°C, vento moderato da NNE (24-36 Km/h), umidità al 83%
Ponte Gardena (Km 91.1): pioggia debole (0.2 mm), 16°C, vento moderato da NNE (21-24 Km/h), umidità al 82%
Terento (GPM – Km 135.3): pioggia debole (0.1 mm), 8°C, vento moderato da NNE (21-26 Km/h), umidità al 83%
Anterselva: pioggia debole (0.1 mm), 7.9°C, vento debole da N (20-32 Km/h), umidità al 88%

CHE GHIRO CHE FA

Gli strafalcioni dei giornalisti al seguito della corsa rosa

Garzelli: “A Ponte di Legno dovrebbero arrivare tutti alle forze”
Garzelli: “La percentuale di grassa è diminuita”
Garzelli: “Ha una pendenza media di 360 watt”
Garzelli: “La sfortuna che rompe il cambio”
Bettiol: “Il Mortirolo farlo una settimana diventa impegnativo”
De Luca: “Svolteranno a sinira”
Bettiol (sul circuito mondiale): “È un percorso che cercheremo di farvi divertire”
Bettiol: “Le corse lo fanno i corridori”
Saligari: “Il ciclismo sta al Belgio come il calcio sta in Italia”
De Luca: “Vanno in salita moglio meglio”
De Luca: “Il Mortirolo l’abbiamo parlato”
Pancani: “Abbiamo visto perdere contatto a Dario Cataldo”
Genovesi: “Nibali è l’ultimo uomo del grande ciclismo”
Garzelli: “Dombrowski è andato a riprendere a Vincenzo Nibali”
Bettiol: “Manca poco ma manca veramente tanto”
Pancani: “È ancora lo slovacco virtualmente in maglia rosa” (a dire il vero Roglic non era più in rosa da qualche giorno)
Garzelli: “Uno striaordinario Vincenzo Nibali”
Garzelli: “Roglic ha una discesa che lui è un ottimo discesista”
Garzelli: “Ciccone vuole andarla a conquistata questa cima”
Garzelli: “Un minimo erroro può costare caro”
Genovesi: “Non c’è più pubblico, c’è solo soli davanti al destino”
Garzelli: “Andare a distanziare maggiormento Roglic”
De Luca: “Stupenda Carapaz”
Garzelli: “Stanno rientrando il gruppo maglia rosa”
Garzelli: “In precedenza ho visto una faccia di Carapaz”
De Luca: “Primo Roglic” (Primoz)
De Luca: “Pondilegno”
De Luca: “Rafa Majka” (il nome di Majka si pronuncia Rafao)
Tgr Lombardia: “Il Giro sulle salite del Mortirolo”

FA CHE GIRO CHE

Le classifiche del Giro viste all’incontrario

Ordine d’arrivo sedicesima tappa, Lovere – Ponte di Legno

1° Will Clarke
2° Sho Hatsuyama a 1′51″
3° Ramon Sinkeldam s.t.
4° Ivan Santaromita s.t.
5° Jacopo Guarnieri s.t.

Classifica generale

1° Sho Hatsuyama
2° Will Clarke a 1′16″
3° Miles Scotson a 13′25″
4° Tom Bohli a 17′46″
5° Paolo Simion a 22′13″

CHE GIRO CHE FACEVA: 1949
Ricordiamo quest’anno, attraverso i titoli del quotidiano “La Stampa”, il Giro del 1949, quella della mitica Cuneo-Pinerolo

5 GIUGNO 1949 – 13a TAPPA: MODENA – MONTECATINI TERME (160 Km)

COME LEONI HA VINTO A MONTECATINI

Le piste di Ponte di Legno illuminate di rosa in occasione dellarrivo del Giro (www.gazzettadellevalli.it)

Le piste di Ponte di Legno illuminate di rosa in occasione dell'arrivo del Giro (www.gazzettadellevalli.it)


CHE GIRO, CHE ARCHIVIO

Cliccare sul nome della tappa per visualizzare l’articolo

Raduno di partenza Bologna
1a tappa: Bologna – San Luca (cronometro individuale)
2a tappa: Bologna – Fucecchio
3a tappa: Vinci – Orbetello
4a tappa: Orbetello – Frascati
5a tappa: Frascati – Terracina
6a tappa: Cassino – San Giovanni Rotondo
7a tappa: Vasto – L’Aquila
8a tappa: Tortoreto Lido – Pesaro
9a tappa: Riccione – San Marino (cronometro individuale)
10a tappa: Ravenna – Modena
11a tappa: Carpi – Novi Ligure
12a tappa: Cuneo – Pinerolo
13a tappa: Pinerolo – Ceresole Reale (Lago Serrù)
14a tappa: Saint-Vincent – Courmayeur
15a tappa: Ivrea – Como

GRANDISSIMO CICCONE, LO SQUALO AZZANNA MA NON MORDE, ROGLIČ TRABALLA

Giulio Ciccone ha vinto la sedicesima tappa del Giro d’Italia 2019 coronando una lunghissima fuga e battendo un Ian Hirt che negli ultimi chilometri non aveva tirato un metro. Nibali prova ad affondare sul tratto più duro del Mortirolo, ma non riesce a prendere il largo sui Movistar. Roglič accusa e perde secondi: nel tratto finale solo il gruppetto di Yates gli evita il naufragio.

Mancava il Gavia e la sua mancanza si è sentita eccome perchè quella che doveva essere la Cima Coppi era la salita giusta per far arrivare i corridori più in forma ai piedi del Mortirolo nella condizione di creare una selezione spietata. Quella che porta verso il 2621 metri del Passo Gavia è una salita mitica, lunga, durissima anche per l’elevata quota che si raggiunge. La sua eliminazione dal percorso ha privato gli appassionati dell’emozione di vedere i corridori transitare tra due muri di neve, riassaporando un ciclismo eroico d’altri tempi e probabilmente ha salvato dal naufragio qualcuno che oggi non è sembrato brillantissimo. La relativa facilità delle salite proposte in luogo del Gavia ha fatto sì che, sino all’attacco del Mortirolo, la corsa sia stata condotta a ritmi non molto elevati, tanto che l’inizio della Montagna Pantani è stato affrontato con un gruppo estremamente affollato, cosa che non sarebbe certamente accaduta se la dura ascesa ai 1852 metri del passo consacrato da Pantani fosse stata preceduta dalla scalata verso la Cima Coppi, il cui relativo premio sarà assegnato al corridore che, sabato prossimo, passerà per primo in vetta al comunque durissimo Passo Manghen.
I piani sono stati scombussolati, non c’è che dire, chi conosce il Gavia sa che quella salita ti può mettere in croce ed a quel punto il conto da pagare sul Mortirolo e sul successivo falsopiano può essere salatissimo. Ne sa qualcosa Abraham Olano, che nel 1996, appaiato con Tonkov in vetta alla classifica generale, pagò 3 minuti e mezzo sul traguardo dell’Aprica dopo l’accoppiata Gavia-Mortirolo.
Il Mortirolo è sempre selettivo viste le pendenze dure e costanti, ma per avere distacchi pesanti è necessario che questa salita sia preceduta da altre ascese di una certa difficoltà, che permettano alle squadre con intenzioni bellicose di fare corsa dura.
La situazione che si è venuta a formare quest’anno, invece, ha favorito le chances della fuga, che si è formata non senza una certa fatica. Nella prima fase di gara, infatti, i vari tentativi, che pure sono stati messi in atto, non hanno incontrato il favore del gruppo che è andato a chiudere su tutti.
L’azione giusta va via di forza grazie all’iniziativa di Damiano Caruso (Bahrain-Merida) e di Pello Bilbao (Astana), i quali sono presto raggiunti da Andrey Amador (Movistar), François Bidard (Ag2r La Mondiale), Mattia Cattaneo e Fausto Masnada (Androni Giocattoli), Antonio Nibali (Bahrain-Merida), Łukasz Owsian e Francisco Ventoso (CCC Team), Nathan Brown e Joe Dombrowski (EF Education First), Mikel Nieve (Mitchelton-Scott), Giulio Ciccone (Trek-Segafredo) e Diego Ulissi (UAE Team Emirates). Poco dopo molti altri corridori cercano di andare a popolare la fuga, ma la cosa riesce solamente a Jan Hirt (Astana) e Koen Bouwman (Jumbo-Visma). Formatosi questo tentativo, il gruppo placa gli ardori e lascia andare la fuga.
La corsa a questo punto scorre tranquilla, con Ciccone che va a fare incetta di punti per consolidare la sua maglia azzurra e la Movistar che controlla la corsa, facendo un’andatura regolare fino all’attacco del Mortirolo.
Sulle dure rampe della passo valtellinese esplode il gruppo di testa. Rimangono davanti Masnada, Ciccone, Nieve, Caruso e Hirt, ma le violente accelerate del ceco dell’Astana costringono alla resa Masnada e Nieve.
In gruppo Nibali manda Pozzovivo ad alzare il ritmo. Il piccolo scalatore lucano, con la sua accelerata, sfoltisce il gruppo e prepara la strada all’allungo dello “Squalo”, che riesce a fare rapidamente il buco sul gruppetto maglia rosa ma non ad aumentare il risicato vantaggio conseguito. Il primo a rientrare sul siciliano è Hugh Carthy (EF Education First), con una allungo secco, mentre i Movistar recuperano pian piano grazie alle sollecitazioni di Mikel Landa, che mettono in difficoltà Bauke Mollema (Trek – Segafredo) e Primož Roglič (Jumbo-Visma), i quali andranno a scollinare con un ritardo di 1′20″.
Tra i fuggitvi è Ciccone a passare per primo sulla Montagna Pantani, con Hirt a ruota, mentre Caruso perde qualche secondo.
Miguel Ángel López e Bilbao scattano in vista del GPM e prendono la discesa con una decina di secondi di vantaggio sul drappello del leader della classifica Richard Carapaz (Movistar).
La discesa è molto pericolosa perché la pioggia ed a tratti anche la grandine scendono copiosamente, rendendo la strada, già di per sé ripida e tortuosa, anche viscida. Il gruppo della maglia rosa sceglie la prudenza e perde nei confronti dei fuggitivi, della coppia López-Bilbao (non esattamente provetti discesisti) e di Roglič che, a fine discesa, si troverà a soli 38 secondi dal gruppo maglia rosa.
Sul falsopiano verso Ponte di Legno la situazione è quindi la seguente: davanti ci sono Hirt e Ciccone con Masnada che li segue a 1 minuto e mezzo, la coppia López-Bilbao è a circa 3 minuti e 45 secondi di ritardo, il gruppo maglia rosa – cui si aggiungerà Caruso, appositamente fermato dalla squadra – viaggia a circa 4 minuti ed infine il gruppo con Roglič, Mollema e Simon Yates (Mitchelton-Scott) ha un passivo di 4 minuti e mezzo.
Nel finale Movistar e Bahrain collaborano, riassorbendo López e Bilbao e andando ad incrementare il vantaggio sul gruppo di Yates e Roglič, riportandolo a un minuto e venti.
Negli ultimi 10 Km Hirt rifiuta di collaborare, cosa che provoca la vistosa reazione seccata di Ciccone, che però non si fa prendere dal nervosismo ed insiste nell’azione, esponendosi al rischio di essere infilato in volata dal corridore ceco. L’abruzzese parte, però, all’improvviso deciso e riesce a distanziare un Hirt molto stanco quel poco che serva ad assicurargli una meravigliosa vittoria in maglia azzurra, a questo punto strameritata. Dietro López va in crisi e si stacca dal gruppo maglia rosa, tagliando il traguardo con circa 20 secondi di ritardo.
Nibali ha provato ad affondare ma Carapaz si è difeso molto bene, non si è lasciato prendere dal panico ed ha fatto ottimo gioco di squadra con Landa, affrontando il Mortirolo con un buon ritmo e bsenza rispondere colpo su colpo. Nel finale, l’interesse comune di distanziare Roglič ha indotto la Bahrain e la Movistar a collaborare. Questo rende ancor più evidente l’errore commesso dallo sloveno – ma in definitiva anche da Nibali – nella tappa di Courmayeur, quando ha lasciato prendere due minuti ad un corridore come Carapaz, che ne aveva recuperato uno il giorno prima e che è arrivato quarto lo scorso anno. Nibali è rimasto certamente indispettito dalla condotta di Roglič, ma bisogna anche ricordare che lo sloveno non aveva una squadra all’altezza e, pertanto, era anche comprensibile una certa riluttanza.
Di quel “Muoia Sansone con tutti i filistei” ne ha approfittato Carapaz ed ora sarà difficile riuscire a scalzare il corridore sudamericano dalla prima posizione della classifica, salvo crisi che, alla terza settimana, sono sempre dietro l’angolo.
Roglič ha avuto una battuta di arresto, ma non si è trattato di un naufragio. Quel che rimane da capire è se quella di oggi sia stata una giornata difficile causata dall’asprezza del Mortirolo, oppure se siamo in presenza di segnali di una condizione che comincia a calare, considerato che lo sloveno è in forma già da parecchio tempo, come ha dimostrato vincendo a mani bassi il Giro di Romandia e poi rifilando grossi distacchi nelle prime due cronometro del Giro d’Italia.
La mancanza di una squadra all’altezza della situazione, in grado di controllare la corsa, gli ha certamente giocato contro, mentre la solidità della Movistar – che ha iniziato ad attaccare già sul Montoso, nonostante la distanza dal traguardo di Pinerolo – ha permesso non solo a Carapaz di installarsi in testa alla generale, ma anche a Landa di posizionarsi giusto ai piedi del podio, podio che potrebbe raggiungere nel caso in cui la défaillance odierna di Roglič fosse la spia di una condizione in fase calante. Una lode speciale va a Ciccone che ha disputato una tappa meravigliosa, con una ottima scalata del Mortirolo ed una altrettanto ottima discesa ed è riuscito a battere Hirt, nonostante la mancanza di collaborazione del ceco negli ultimi chilometri. L’arrivo in salita di domani ad Anterselva presenta gli ultimi 5 Km abbastanza duri ed è prevedibile che ci siano altri tentativi di attacco in questa fase, dato che lo “Squalo£ non è certo rassegnato.

Benedetto Ciccarone

ORDINE D’ARRIVO

1 Giulio Ciccone (Ita) Trek-Segafredo 5:36:24
2 Jan Hirt (Cze) Astana Pro Team
3 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:01:20
4 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida 0:01:41
5 Hugh John Carthy (GBr) EF Education First
6 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team
7 Mikel Landa (Spa) Movistar Team
8 Joe Dombrowski (USA) EF Education First
9 Damiano Caruso (Ita) Bahrain-Merida 0:01:49
10 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:02:03
11 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team
12 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo 0:03:03
13 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott
14 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott
15 Primoz Roglic (Slo) Team Jumbo-Visma
16 Pavel Sivakov (Rus) Team Ineos 0:03:44
17 Lucas Hamilton (Aus) Mitchelton-Scott
18 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
19 Jai Hindley (Aus) Team Sunweb 0:04:02
20 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe 0:04:46
21 Rafal Majka (Pol) Bora-Hansgrohe
22 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin
23 Ivan Sosa (Col) Team Ineos
24 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 0:05:35
25 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates
26 Valentin Madouas (Fra) Groupama-FDJ
27 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team
28 Tanel Kangert (Est) EF Education First
29 Victor De La Parte (Spa) CCC Team
30 Andrey Amador (CRc) Movistar Team 0:06:16
31 Koen Bouwman (Ned) Team Jumbo-Visma 0:06:29
32 Sebastian Henao (Col) Team Ineos
33 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale 0:08:09
34 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 0:08:48
35 Mikkel Frølich Honoré (Den) Deceuninck-QuickStep 0:09:45
36 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb 0:10:04
37 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data 0:10:45
38 Sepp Kuss (USA) Team Jumbo-Visma
39 Tobias Ludvigsson (Swe) Groupama-FDJ
40 Ion Izagirre Insausti (Spa) Astana Pro Team
41 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team
42 Edward Dunbar (Irl) Team Ineos
43 Nathan Brown (USA) EF Education First 0:11:25
44 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott 0:12:01
45 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates 0:13:48
46 Pieter Serry (Bel) Deceuninck-QuickStep
47 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale 0:17:26
48 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale
49 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo
50 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida
51 Michael Schwarzmann (Ger) Bora-Hansgrohe
52 Lukasz Owsian (Pol) CCC Team
53 Bob Jungels (Lux) Deceuninck-QuickStep 0:18:07
54 Eros Capecchi (Ita) Deceuninck-QuickStep
55 Larry Warbasse (USA) AG2R La Mondiale
56 Matteo Montaguti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
57 Francisco Ventoso (Spa) CCC Team
58 José Rojas (Spa) Movistar Team
59 Tosh Van Der Sande (Bel) Lotto Soudal
60 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal
61 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team
62 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
63 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal
64 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
65 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
66 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott
67 Miguel Eduardo Florez Lopez (Col) Androni Giocattoli-Sidermec
68 Jan Bakelants (Bel) Team Sunweb
69 Amanuel Ghebreigzabhier (Eri) Dimension Data
70 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe 0:21:13
71 Jay Mc Carthy (Aus) Bora-Hansgrohe
72 Scott Davies (GBr) Dimension Data 0:22:24
73 Danilo Wyss (Swi) Dimension Data
74 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott 0:23:07
75 Enrico Battaglin (Ita) Katusha-Alpecin 0:23:48
76 Antwan Tolhoek (Ned) Team Jumbo-Visma 0:24:00
77 Fabio Sabatini (Ita) Deceuninck-QuickStep 0:25:22
78 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin
79 Manuel Senni (Ita) Bardiani CSF
80 Luca Covili (Ita) Bardiani CSF
81 Salvatore Puccio (Ita) Team Ineos
82 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
83 Enrico Gasparotto (Ita) Dimension Data
84 Andrea Garosio (Ita) Bahrain-Merida
85 Amaro Antunes (Por) CCC Team
86 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team
87 Hector Carretero (Spa) Movistar Team
88 Pawel Poljanski (Pol) Bora-Hansgrohe
89 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale 0:27:13
90 Reto Hollenstein (Swi) Katusha-Alpecin
91 Jos van Emden (Ned) Team Jumbo-Visma
92 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
93 Jonnathan Narvaez (Ecu) Team Ineos
94 Paul Martens (Ger) Team Jumbo-Visma
95 Jonathan Caicedo (Ecu) EF Education First
96 Damiano Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
97 Ruben Plaza (Spa) Israel Cycling Academy
98 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida 0:28:35
99 Luke Durbridge (Aus) Mitchelton-Scott
100 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:28:39
101 Nicola Conci (Ita) Trek-Segafredo 0:28:42
102 Michael Gogl (Aut) Trek-Segafredo 0:29:13
103 Jenthe Biermans (Bel) Katusha-Alpecin
104 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF
105 Lorenzo Rota (Ita) Bardiani CSF
106 Victor Campenaerts (Bel) Lotto Soudal
107 Thomas Leezer (Ned) Team Jumbo-Visma
108 Chad Haga (USA) Team Sunweb
109 Christian Knees (Ger) Team Ineos 0:29:24
110 Olivier Le Gac (Fra) Groupama-FDJ
111 Giovanni Carboni (Ita) Bardiani CSF 0:29:50
112 Guy Niv (Isr) Israel Cycling Academy 0:30:54
113 Kamil Gradek (Pol) CCC Team 0:31:02
114 Josef Cerny (Cze) CCC Team 0:31:13
115 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:32:47
116 Awet Andemeskel (Eri) Israel Cycling Academy
117 Alexis Vuillermoz (Fra) AG2R La Mondiale
118 Tom Bohli (Swi) UAE Team Emirates
119 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy
120 Florian Senechal (Fra) Deceuninck-QuickStep
121 Dmitrii Strakhov (Rus) Katusha-Alpecin
122 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy
123 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team
124 Sean Bennett (USA) EF Education First
125 Grega Bole (Slo) Bahrain-Merida
126 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF 0:36:47
127 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe 0:39:09
128 Pascal Ackermann (Ger) Bora-Hansgrohe
129 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates
130 Luis Mas Bonet (Spa) Movistar Team 0:40:16
131 Juan Jose Lobato Del Valle (Spa) Nippo-Vini Fantini-Faizane
132 Davide Cimolai (Ita) Israel Cycling Academy
133 Marco Canola (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 0:41:50
134 Marco Haller (Aut) Katusha-Alpecin
135 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy
136 Manuele Boaro (Ita) Astana Pro Team
137 Markel Irizar (Spa) Trek-Segafredo
138 Miles Scotson (Aus) Groupama-FDJ
139 Conor Dunne (Irl) Israel Cycling Academy
140 Arnaud Demare (Fra) Groupama-FDJ
141 Jacopo Guarnieri (Ita) Groupama-FDJ
142 Ivan Santaromita (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane
143 Ramon Sinkeldam (Ned) Groupama-FDJ
144 Sho Hatsuyama (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane
145 Will Clarke (Aus) Trek-Segafredo 0:43:41

CLASSIFICA GENERALE

1 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team 70:02:05
2 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida 0:01:47
3 Primoz Roglic (Slo) Team Jumbo-Visma 0:02:09
4 Mikel Landa (Spa) Movistar Team 0:03:15
5 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo 0:05:00
6 Rafal Majka (Pol) Bora-Hansgrohe 0:05:40
7 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team 0:06:17
8 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 0:06:46
9 Pavel Sivakov (Rus) Team Ineos 0:07:51
10 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 0:08:06
11 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin 0:10:02
12 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe 0:11:51
13 Hugh John Carthy (GBr) EF Education First 0:14:38
14 Joe Dombrowski (USA) EF Education First 0:14:52
15 Valentin Madouas (Fra) Groupama-FDJ 0:18:21
16 Giulio Ciccone (Ita) Trek-Segafredo 0:23:46
17 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott 0:24:50
18 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:26:25
19 Victor De La Parte (Spa) CCC Team 0:27:46
20 Tanel Kangert (Est) EF Education First 0:31:19
21 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida 0:32:26
22 Edward Dunbar (Irl) Team Ineos 0:35:49
23 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates 0:37:22
24 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:37:43
25 Damiano Caruso (Ita) Bahrain-Merida 0:43:00
26 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team 0:43:37
27 Sebastian Henao (Col) Team Ineos 0:44:57
28 Jan Hirt (Cze) Astana Pro Team 0:45:43
29 Bob Jungels (Lux) Deceuninck-QuickStep 0:51:04
30 Andrey Amador (CRc) Movistar Team 0:55:03
31 Alexis Vuillermoz (Fra) AG2R La Mondiale 0:55:10
32 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data 0:56:08
33 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 0:58:54
34 Ion Izagirre Insausti (Spa) Astana Pro Team 0:59:04
35 Lucas Hamilton (Aus) Mitchelton-Scott 1:02:23
36 Pieter Serry (Bel) Deceuninck-QuickStep 1:02:28
37 Eros Capecchi (Ita) Deceuninck-QuickStep 1:05:40
38 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale 1:06:08
39 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb 1:10:52
40 Ivan Sosa (Col) Team Ineos 1:12:49
41 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 1:14:59
42 Jan Bakelants (Bel) Team Sunweb 1:15:56
43 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 1:16:05
44 Matteo Montaguti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 1:16:22
45 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott 1:17:00
46 Jai Hindley (Aus) Team Sunweb 1:18:27
47 Koen Bouwman (Ned) Team Jumbo-Visma 1:21:30
48 José Rojas (Spa) Movistar Team 1:23:14
49 Amanuel Ghebreigzabhier (Eri) Dimension Data 1:27:35
50 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale 1:29:28
51 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team 1:30:05
52 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team 1:30:46
53 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team 1:32:12
54 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo 1:34:05
55 Sepp Kuss (USA) Team Jumbo-Visma 1:35:00
56 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 1:39:32
57 Giovanni Carboni (Ita) Bardiani CSF 1:41:14
58 Enrico Gasparotto (Ita) Dimension Data 1:41:19
59 Larry Warbasse (USA) AG2R La Mondiale 1:42:53
60 Thomas De Gendt (Bel) Lotto Soudal 1:43:40
61 Nans Peters (Fra) AG2R La Mondiale 1:45:14
62 Antwan Tolhoek (Ned) Team Jumbo-Visma 1:45:33
63 Amaro Antunes (Por) CCC Team 1:45:36
64 Jay Mc Carthy (Aus) Bora-Hansgrohe 1:46:27
65 Tosh Van Der Sande (Bel) Lotto Soudal 1:49:25
66 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott 1:52:10
67 Adam Hansen (Aus) Lotto Soudal 1:52:27
68 Lukasz Owsian (Pol) CCC Team 1:57:11
69 Tobias Ludvigsson (Swe) Groupama-FDJ 1:58:21
70 Manuel Senni (Ita) Bardiani CSF 2:01:10
71 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy 2:03:03
72 Danilo Wyss (Swi) Dimension Data 2:07:00
73 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 2:09:08
74 Paul Martens (Ger) Team Jumbo-Visma 2:09:52
75 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe 2:10:10
76 Enrico Battaglin (Ita) Katusha-Alpecin 2:11:57
77 Ruben Plaza (Spa) Israel Cycling Academy 2:12:41
78 Nathan Brown (USA) EF Education First 2:15:28
79 Luke Durbridge (Aus) Mitchelton-Scott 2:17:08
80 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida 2:17:16
81 Francisco Ventoso (Spa) CCC Team 2:18:01
82 Lorenzo Rota (Ita) Bardiani CSF 2:20:45
83 Jonnathan Narvaez (Ecu) Team Ineos 2:24:08
84 Luca Covili (Ita) Bardiani CSF 2:24:45
85 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data 2:25:53
86 Nicola Conci (Ita) Trek-Segafredo 2:25:55
87 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale 2:27:16
88 Salvatore Puccio (Ita) Team Ineos 2:27:32
89 Miguel Eduardo Florez Lopez (Col) Androni Giocattoli-Sidermec 2:27:51
90 Pawel Poljanski (Pol) Bora-Hansgrohe 2:29:23
91 Andrea Garosio (Ita) Bahrain-Merida 2:31:01
92 Fabio Sabatini (Ita) Deceuninck-QuickStep 2:33:34
93 Reto Hollenstein (Swi) Katusha-Alpecin 2:34:38
94 Christian Knees (Ger) Team Ineos 2:38:48
95 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida 2:40:32
96 Hector Carretero (Spa) Movistar Team 2:41:15
97 Florian Senechal (Fra) Deceuninck-QuickStep 2:52:06
98 Manuele Boaro (Ita) Astana Pro Team 2:52:12
99 Chad Haga (USA) Team Sunweb 2:53:53
100 Mikkel Frølich Honoré (Den) Deceuninck-QuickStep 2:55:55
101 Michael Schwarzmann (Ger) Bora-Hansgrohe 2:56:36
102 Jonathan Caicedo (Ecu) EF Education First 2:58:39
103 Ivan Santaromita (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 2:59:28
104 Michael Gogl (Aut) Trek-Segafredo 2:59:34
105 Marco Haller (Aut) Katusha-Alpecin 3:00:56
106 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 3:01:49
107 Victor Campenaerts (Bel) Lotto Soudal 3:02:46
108 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 3:03:00
109 Jos van Emden (Ned) Team Jumbo-Visma 3:04:14
110 Jack Bauer (NZl) Mitchelton-Scott 3:05:37
111 Sean Bennett (USA) EF Education First 3:06:03
112 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy 3:06:07
113 Guy Niv (Isr) Israel Cycling Academy 3:08:53
114 Grega Bole (Slo) Bahrain-Merida 3:09:09
115 Jenthe Biermans (Bel) Katusha-Alpecin 3:09:47
116 Josef Cerny (Cze) CCC Team 3:10:04
117 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin 3:10:28
118 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF 3:15:40
119 Marco Canola (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 3:16:59
120 Olivier Le Gac (Fra) Groupama-FDJ 3:22:44
121 Scott Davies (GBr) Dimension Data 3:23:42
122 Pascal Ackermann (Ger) Bora-Hansgrohe 3:24:13
123 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe 3:30:36
124 Jasha Sütterlin (Ger) Movistar Team 3:30:48
125 Thomas Leezer (Ned) Team Jumbo-Visma 3:31:45
126 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy 3:36:15
127 Arnaud Demare (Fra) Groupama-FDJ 3:39:14
128 Simone Consonni (Ita) UAE Team Emirates 3:39:44
129 Davide Cimolai (Ita) Israel Cycling Academy 3:39:45
130 Luis Mas Bonet (Spa) Movistar Team 3:41:02
131 Awet Andemeskel (Eri) Israel Cycling Academy 3:41:03
132 Jacopo Guarnieri (Ita) Groupama-FDJ 3:43:30
133 Kamil Gradek (Pol) CCC Team 3:46:50
134 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale 3:52:26
135 Dmitrii Strakhov (Rus) Katusha-Alpecin 3:55:05
136 Ramon Sinkeldam (Ned) Groupama-FDJ 3:57:07
137 Conor Dunne (Irl) Israel Cycling Academy 4:00:37
138 Damiano Cima (Ita) Nippo-Vini Fantini-Faizane 4:04:02
139 Markel Irizar (Spa) Trek-Segafredo 4:05:54
140 Juan Jose Lobato Del Valle (Spa) Nippo-Vini Fantini-Faizane 4:05:56
141 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF 4:09:54
142 Tom Bohli (Swi) UAE Team Emirates 4:14:21
143 Miles Scotson (Aus) Groupama-FDJ 4:18:42
144 Will Clarke (Aus) Trek-Segafredo 4:30:51
145 Sho Hatsuyama (Jpn) Nippo-Vini Fantini-Faizane 4:32:07

Ciccone corona con il successo la lunga fuga nella tappa del Mortirolo (Getty Images)

Ciccone corona con il successo la lunga fuga nella tappa del Mortirolo (Getty Images)

IL GIORNO DELL’ACCOPPIATA FEROX

Gavia e Mortirolo nello stesso giorno sono un’accoppiata tremenda, in grado di scardinare gli equilibri della Corsa Rosa. La prima volta che l’organizzazione inserì i due valichi nella stessa tappa la classifica ne uscì ribaltata e lo stesso accadde qualche anno dopo. Anche stavolta questo feroce abbinamento stravolgerà i connotati della classifica generale?

Solo quattro volte finora gli organizzatori della Corsa Rosa hanno osato comporre la durissima accoppiata che caratterizzata il tappone “sovrano” del Giro 2019 e in due occasioni l’abbinamento sconvolse le gerarchie della corsa. Stiamo parlando di Gavia e Mortirolo che nella medesima frazione furono scalati per la prima volta l’8 giugno del 1996, in una tappa che era partita da Cavalese con una maglia rosa decisamente “traballante”, indossando lo spagnolo Abraham Olano le insegne del primato con soli 46 centesimi di secondo di vantaggio su Pavel Tonkov, il corridore russo che quella sera all’Aprica tornerà definitivamente al vertice della classifica con 2’43” sull’italiano Enrico Zaina e 2’57” sull’avversario Olano, che dopo il crollo sul Mortirolo dirà che bisognava far impiccare chi aveva avuto l’idea di asfaltare quella strada. I due valichi torneranno a fare accoppiata il 5 giugno del 1999, data triste per il ciclismo perché quello fu il giorno dell’espulsione di Marco Pantani per i fatti che ben conosciamo; il clamore provocato dalla notizia soffocò le note agonistiche di quella giornata che vide ancora un rovesciamento di fronte perché Paolo Savoldelli, ritrovatosi al vertice della classifica con 34” di vantaggio su Ivan Gotti dopo l’allontamento del “Pirata”, al termine della frazione si ritroverà preceduto dal conterraneo per 3’35”, rischiando d’un soffio anche di perdere il secondo posto poiché Gilberto Simoni terminerà terzo a 3’36”. Bisognerà poi attendere il 2006 affinchè fossero ancora proposti Gavia e Mortirolo nella stessa giornata e, in quell’occasione, non ci fu nessuno sconvolgimento ma solo perché quel Giro lo stava dominando fin dalle tappe appenniche Ivan Basso, che in quella frazione dilatò ancor di più il suo vantaggio sul corridore che lo inseguiva in classifica, lo spagnolo José Enrique Gutiérrez, portandolo da 6′07″ e 9′18″. E infine, classica eccezione che conferma la regola, ci fu la tappa del 2008 al termine della quale tra i primi due della classifica non mutò nulla e i 4” che separavano Alberto Contador da Riccardo Riccò al raduno di partenza di Rovetta rimasero intonsi in quel di Tirano.
Visti i precedenti sarà questa, dunque, la tappa più temuta del 102° Giro d’Italia e non solo per le salite che si dovranno affrontare, ma anche per il giorno di riposo che il gruppo avrà osservato nelle ventiquattrore precedenti. Lo prescrive l’UCI (per regolamento ce ne devono essere due) ed era quasi obbligatorio inserirlo in questo punto, per separe le fatiche delle prime tre frazione alpine dalle ultime tappe in montagna, ma diversi corridori mal lo digeriscono perché interviene a spezzare un ritmo di gara oramai consolidato. E la storia del ciclismo è ricca di episodi di cotte clamorose verificatesi proprio al momento di rimettersi in sella dopo il riposo, come capitò per esempio nel tappone di Serre Chevalier al Tour del 1993, che in un sol colpo fece fuori i due italiani big di classifica, Bugno e Chiappucci, arrivati al traguardo con pesanti ritardi da Indurain e Rominger.
Tanto per gradire, si comincerà a salire sin dalle fasi d’avvio quando, lasciata la località lacustre di Lovere, s’imboccherà la strada che in dolce pendenza percorrere la Val Borlezza in direzione di Clusone, il centro principale della Val Seriana nel cui cuore è possibile ammirare una celebre Danza Macabra dipinta tra il 1848 e il 1849 sulla facciata dell’Oratorio dei Disciplini. Dopo il passaggio da Rovetta la salita si farà più consistente e con 11 Km al 5.8% si raggiungeranno i 1297 metri del Passo della Presolana, superati i quali si scenderà verso la Val di Scalve, alle cui porte si svolterà a destra per andare subito a superare la seconda salita di giornata. È la pedalabile Croce di Salven (8.8 Km al 4.1%), nella quale l’unica vera insidia è rappresentata dalla sede stradale molto stretta; messa alle spalle anche questa difficoltà si planerà su Borno, piccola località di villeggiatura e sport invernali situata sul cosiddetto “Altopiano del Sole”, nel 1981 sede d’arrivo di una tappa del Giro vinta dopo una lunga fuga da Benedetto Patellaro, neoprofessionista siciliano che su quel traguardo dedicò la vittoria al padre, ricoverato in ospedale per una grave malattia. Continunando la discesa si tornerà a quote basse imboccando la Val Camonica, la cui dolce e lenta risalita si protrarrà per una cinquantina di chilometri, attraversando all’inizio di questo tratto il centro di Breno, dominato da un castello innalzato a partire dal XII secolo e che per molto tempo rappresentò la principale fortificazione difensiva della valle. Procedendo in direzione nord la corsa giungerà quindi nella nota località di Capo di Ponte, principalmente conosciuta per il parco nazionale delle incisioni rupestri di Naquane (la più celebre è la “Rosa Camuna”, divenuta simbolo della Regione Lombardia) ma che vanta anche interessanti chiese medievali come il Monastero di San Salvatore e la Pieve di San Siro, situata in frazione Cemmo. Fino a Edolo la strada prenderà quota gradatamente poi si comincerà a macinare più dislivello – sempre su pendenze “tranquille” – quando si sarà cambiata direzione pedalando verso Vezza d’Oglio, centro dal quale è possibile raggiungere con una passeggiata di una ventina di minuti la chiesa di San Clemente, una delle più antiche della valle, mentre con una mulattiera è possibile approcciare la ripidissima strada sterrata che sale ai 2087 metri del Col Carette di Val Bighera, raggiunto il quale inizia una stretta strada asfaltata che giunge sino al Mortirolo. Attraversata Temù, una delle due sedi (l’altra è a Colico) del “Museo della guerra bianca in Adamello” (combattuta durante la Prima Guerra Mondiale), già si sarà a Ponte di Legno, dove si compierà un primo passaggio sulla linea d’arrivo. Subito dopo inizieranno i 16.5 Km all’8% del Passo Gavia, salita che il Giro scoprì nel 1960, quando la strada che conduceva sino a quota 2618 era ancora poco più di una mulattiera, completamente sterrata, esposta sui burroni e stretta al punto che, si racconta, Vicenzo Torriani stipulò contratti con le assicurazioni che concedevano il permesso ai membri dell’organizzazione di scaraventare nei precipizi le ammiraglie che si fossero trovate in “panne”. Quel giorno iniziò la fama ciclistica di questo valico che era già noto all’epoca della Repubblica di Venezia, quando era percorso da una delle numerose rotte commerciali che mettevano in contatto la Serenissima con gli stati a nord delle alpi, itinerario già pericoloso all’epoca se si pensa che il suo primo nome fu “Passo della Testa del Morto”. La strada divenne d’importanza militare durante gli anni della Grande Guerra e una triste vicenda militare la vide protagonista qualche anno prima della scoperta del Giro quando, il 20 luglio del 1954, ventuno alpini persero la vita dopo che la camionetta sulla quale si trovavano precipitò in un burrone a causa del cedimento del fondo stradale. L’incidente avvenne nell’unico tratto oggi rimasto sterrato, che i corridori non percorreranno perché evitato da una galleria costruita nell’estate del 1987, quando la strada fu sistemata dopo le alluvioni che avevano colpito la Valtellina e isolata l’alta valle, facendo del Gavia l’unica strada possibile per farvi accedere i mezzi di soccorso. Torriani, che dopo la tappa del 1960 non era più riuscito a inserire questa salita nel percorso del Giro (nel 1961 e nel 1967 la corsa fu respinta dalla neve), approfittò delle migliorie apportate alla strada per introdurla nuovamente nel tracciato, in occasione di una tappa rimasta nella storia per le pessime condizioni meteorologiche nelle quali si gareggiò (1988). Da allora il Gavia, che negli anni successivi ha perso il suo vetusto fondo bianco, è diventato un passaggio ricorrente della Corsa Rosa, che nel 2019 sarà affrontato per la quindicesima volta, una serie che di passaggi che fu inaugurato dallo scollinamento di Imerio Massignan, a tutt’oggi l’unico italiano ad aver conquistato questo Gran Premio della Montagna. Superata la “Cima Coppi” si scenderà in Valfurva, la terra natale dei Compagnoni, l’ex campionessa di sci Deborah e l’alpinista Achille, che il 31 luglio del 1954 fu assieme a Lino Lacedelli il primo a conquistare la cima del K2. Al termine della planata attenderà i “reduci” dal Gavia la città di Bormio che ha avuto tra i suoi visitatori più illustri anche Leonardo da Vinci, salito addirittura fin sullo Stelvio nel 1493 al seguito del corteo nuziale di Bianca Maria Sforza, la nipote di Ludovico il Moro, che aveva sposato per procura a Milano Massimiliano I d’Asburgo e si stava dirigendo verso Innsbruck, dove avrebbe raggiunto il marito. La “carovana” fece sosta proprio a Bormio e il genio toscano rimase impressionato da quell’ambiente, che descrisse nel Codice Atlantico con le parole “In testa alla Valtolina è la montagna di Bormi. Terribili piene sempre di neve; qui nasce ermellini. A Bormi sono i bagni. Valtolina come detto valle circumdata d’alti terribili monti. Fa vini potentissimi e assai e fa tanto bestiame che da paesani è concluso nascervi più latte che vino. Questa è la valle dove passa Adda, la quale corre più che 40 miglia per la Magna”. Dopo il passaggio da Bormio, la cui principale emergenza monumentale è la tettoia coperta detta “Kuerc”, luogo dove un tempo veniva amministrata la giustizia (nel 1973 farà da sfondo ad alcune scene de “Una breve vacanza”, penultimo film da regista della lunga carriera di Vittorio De Sica), la lunga discesa dal Gavia sarà spezzata da un tratto pianeggiante che si snoderà sul fondovalle della Valdisotto, la porzione della valle dell’Adda che fino al 1987 aveva un aspetto stretto e cupo, cambiando totalmente i connotati dopo la ciclopica frana caduta dal Monte Zandila che portò all’innalzamento del fondovalle di oltre 50 metri, alla formazione di un piccolo lago artificiale, oggi scomparso, ed ebbe la forza di risalire il versante opposto della valle per alcune centinaia di metri, arrivando a distruggere i centri abitati incontranti lungo il cammino e l’antichissima chiesa di San Martino di Serravalle, mentre fu miracolosamente aggirata quella di San Bartolomeo di Castèlaz. Sparì per sempre anche il vetusto “Ponte del Diavolo”, che si credeva costruito dal demonio dopo un patto con i valligiani e che si trovava nel punto più stretto della valle, dove la strada riprende la sua discesa in direzione di Sondalo, località dove nel 1903 fu costruito in stile liberty nel cuore della Pineta di Sortenna il Villaggio Morelli, il primo sanatorio d’Italia e il più grande d’Europa, oggi accessibile con visite guidate organizzate dal Museo dei Sanatori di Sondalo. Attraversata Grosio, “gemella” di Capo di Ponte per la presenza anche in questo centro di un parco d’incisioni rupestri (ma d’interessante c’è anche Villa Visconti Venosta, residenza estiva della nobile famiglia altoatesina, oggi sede museale) si giungerà quindi a Mazzo di Valtellina, comune presso il quale si trova il complesso chiesastico di Santa Maria, che si compone di due chiese e dell’unico battistero medioevale presente sul territorio valtellinese. Per l’appassionato di ciclismo questo luogo rappresenta, però, il punto d’attacco del più celebre versante – ce sono una decina, contando anche le “combinazioni” – del Mortirolo, valico il cui vero nome è “Passo della Foppa” e la cui storia è ben più antica rispetto alla data della “scoperta” da parte del Giro. Lassù molti secoli prima delle battaglie agonistiche a colpi di pedale ne fu, infatti, combattuta dopo il 774 una più “tradizionale” tra le truppe di Carlo Magno e un locale esercito di ebrei e pagani, usciti sconfitti dalla tenzone dopo la quale l’imperatore fece costruire in segno di ringraziamento la chiesa di San Brizio, situata alle porte di Monno. Più recenti, invece, sono le due battaglie combattute nel pianoro sottostante il passo, sul versante bresciano, durante la seconda guerra mondiale e che videro fronteggiarsi i partigiani e le milizie della Repubblica di Salò, uscite sconfitte da quella che gli storici considerano come la più grande battaglia della Resistenza Italiana, terminata in una data storica, il 2 maggio del 1945, giorno della caduta del nazismo in Germania e della resa di Berlino. Nella storia del ciclismo il Mortirolo entrerà il 3 giugno del 1990, affrontato in quella prima occasione dal versante di Monno e percorrendo quindi in discesa le tremende pendenze verso Mazzo, temute al punto che l’organizzazione aveva previsto un servizio di compressori che spazzassero via dal manto stradale gli aghi caduti dai pini e che, sollevati dallo spostamento d’aria provocato dal passaggio di bici e ammiraglie, avrebbero potuto accecare qualche corridore. Il primo eroe del passo valtellinese fu il venezuelano Leonardo Sierra, che salendo verso la “Foppa” staccò i compagni di fuga e poi giunse in solitaria al traguardo dell’Aprica nonostante le due cadute che lo coinvolsero in discesa, dopo le quale decise, terrorizzato, di percorrerne i tratti più pendenti a piedi, spingendo la bici. Capito di aver preso l’ascesa dal verso sbagliato, l’anno successivo Torriani optò per la salita da Mazzo e quella sarà il primo atto della consacrazione di quest’ascesa grazie all’impresa di Chioccioli nella Morbegno – Aprica, completata poi tre anni più tardi dalla fantastica cavalcata di Marco Pantani sulle strade della Merano-Aprica, vinta dal campione di Cesenatico ventiquattrore dopo l’affermazione nel tappone dolomitico di Merano.
Al netto del facilissimo chilometro iniziale, nel quale la salita non si può ancora considerate tale, si dovrà fare i conti con pendenze da mal di gambe per 11 Km e 800 metri, superando in questo lasso di strada un dislivello di 1289 metri e un’inclinazione media da urlo (10.9%) e incontrando il tratto più ostico subito dopo il quarto chilometro dell’ascesa, nel cuore di un troncone di 2800 metri al 13,4% nel quale la pendenza schizza fino al “non plus ultra” del 18%. Arrivati in vetta si dovranno poi percorrere 27,5 Km per tornare a Ponte di Legno, circa cinque in meno rispetto al tradizionale abbinamento con l’Aprica, come quello caratterizzato da un tratto conclusivo in dolce pendenza che ha sempre finito per far ulteriormente decollare i distacchi del Mortirolo. Un finale degno di un tappone destinato ancora una volta a scrivere appassionanti pagine di storia dello sport.

Mauro Facoltosi

I VALICHI DELLA TAPPA

Passo della Presolana (1297 metri). Aperto tra il Monte Scanapà e il Pizzo della Presolana, è valicato dall’ex SS 671 “della Val Seriana” che mette in comunicazione Bratto con Dezzo di Scalve. Il Giro d’Italia vi è salito finora cinque volte, la prima durante la tappa Brescia – San Pellegrino Terme del Giro del 1964, vinta da Franco Bitossi dopo che sulla Presolana era transitato in testa lo spagnolo Antonio Gómez del Moral. Nel 1977, sempre con arrivo a San Pellegrino (partenza da Madonna di Campiglio), Renato Laghi fece suoi sia il GPM, sia il traguardo di tappa. L’anno successivo sarà Lucio Di Federico a conquistare la Presolana durante la Mezzolombardo-Sarezzo vinta da Giuseppe Perletto. Nel 2004 la Presolana sarà arrivo di tappa, situato in località Donico, traguardo conquistato da Stefano Garzelli dopo che, pochi chilometri prima, in vetta al passo era scollinato in testa Gilberto Simoni. L’ultima scalata al valico orobico risale al 2008, nel finale della Legnano – Monte Pora che vide il bielorusso Vasil’ Kiryenka primo sia sulla cima della Presolana, sia al traguardo di tappa.

Valico della Croce di Salven (1108 metri). Ampia sella che separa il Monte Altissimo dalla Corna di San Fermo, è valicato dalla SP 5 tra Dezzo di Scalve e Borno. Quotato 1105 sulle cartine del Giro 2019, è stato inserito una sola volta nel percorso della Corsa Rosa, subito dopo la partenza della Borno – Dimaro del 1981, vinta dallo spagnolo Miguel María Lasa. In quell’occasione il passaggio dal valico non era valido come Gran Premio della Montagna.

Sella di Ossimo (734 metri). Coincide con l’abitato di Ossimo Inferiore, attraversato dalla SP 5 nel corso della discesa della Croce di Salven, tra Borno e Malegno.

Sella di Breno (342 metri). Vi sorge l’omonimo centro.

Passo di Gavia (2621 metri). Aperto tra il Corno dei Tre Signori e il Monte Gavia, è attraversato dall’ex SS 300 “del Passo di Gavia” tra Ponte di Legno e Santa Caterina Valfurva e costituisce lo spartiacque tra la Valtellina e l’alta Valcamonica. E’ quotato 2618 sulle cartine del Giro, che finora l’ha inserito quattordici volte nel percorso e in quattro di queste è stato costretto a rinunciarvi a causa del maltempo (1961, 1967, 1989 e 2013). Gli effettivi scollinamenti portano il nome di Imerio Massignan (1960, Trento – Bormio, primo il lussemburghese Charly Gaul), dell’olandese Johan van der Velde (1988, Chiesa Valmalenco – Bormio, primo il connazionale Erik Breukink), dei colombiani Hernán Buenahora (1996, Cavalese – Aprica, primo Ivan Gotti) e José Jaime González (due volte, nel 1999 e nel 2000; tappe vinte rispettivamente dallo spagnolo Roberto Heras all’Aprica e da Gilberto Simoni a Bormio), del croato Vladimir Miholjević (2004, tappa Cles – Bormio 2000, primo Damiano Cunego), dello spagnolo Juan Manuel Gárate (2006, tappa Trento – Aprica, primo Ivan Basso), del messicano Julio Alberto Pérez Cuapio (2008, tappa Rovetta – Tirano, primo Emanuele Sella), dell’elvetico Johann Tschopp nel 2010 (tappa Bormio – Ponte di Legno / Tonale, vinta dallo stesso corridore e che propose, per l’unica volta nella storia, la scalata dal versante valtellinese) e del colombiano Robinson Eduardo Chalapud nel 2014, quando l’organizzazione ripropose la Ponte di Legno – Val Martello, saltata l’anno precedente per neve e che sarà conquistata dal connazionale Nairo Quintana.

Passo della Foppa (1852 metri). È il valico comunemente identificato come Mortirolo, attraversato dalla strada provinciale che mette in comunicazione Mazzo di Valtellina con Monno. Sulle cartine del Giro è quotato 1854 metri. In realtà, il vero Mortirolo si trova a breve distanza dal valico stradale. Anzi, ne esistono due, il Passo del Mortirolo-Nord e il Passo del Mortirolo-Sud, entrambi alti 1896 metri: il primo si trova a nord est della Foppa ed è raggiunto da una strada sterrata a fondo cieco che si stacca dal tratto terminale del versante bresciano; il valico sud, invece, è toccato da una strada di cresta asfaltata che permette di raggiungere la Foppa direttamente dall’Aprica, passando per Trivigno (è la strada che sarà percorsa in discesa al prossimo Giro d’Italia Under23). Il Giro vi è finora salito tredici volte e gli “eroi” di quest’ascesa sono stati, in rigoroso ordine d’apparizione, il citato Sierra nel 1990 (tappa Moena – Aprica), Chioccioli nel 1991 (Morbegno – Aprica, identico vincitore), Marco Pantani nel 1994 (Merano – Aprica, idem), Ivan Gotti nel 1996 (Cavalese – Aprica, idem), Wladimir Belli nel 1997 (Malè – Edolo, primo il russo Pavel Tonkov), ancora Gotti nel 1999 (Madonna di Campiglio – Aprica, primo al traguardo lo spagnolo Roberto Heras), Raffaele Illiano nel 2004 (Bormio – Presolana, primo Stefano Garzelli), Ivan Basso nel 2006 (Trento – Aprica, idem), lo spagnolo Antonio Colom nel 2008 (Rovetta – Tirano, vinta da Emanuele Sella), nuovamente Basso nel 2010 (Brescia – Aprica, vinta da Michele Scarponi), l’elvetico Oliver Zaugg nel 2012 (Caldes – Passo dello Stelvio, vinta dal belga Thomas De Gendt), l’olandese Steven Kruijswijk nel 2015 (tappa Pinzolo – Aprica, vinta dallo spagnolo Mikel Landa) e lo spagnolo Luis Léon Sanchez nel 2017 (tappa Rovetta – Bormio, vinta da Vincenzo Nibali).

RINGRAZIAMENTI

Segnaliamo che le citazioni cinematografiche (nel testo e nella fotogallery) sono frutto della collaborazione con il sito www.davinotti.com, che ringraziamo per la disponibilità.

FOTOGALLERY

Lovere

La “Danza Macabra” di Clusone

Vista panoramica sulla Val di Scalve dalla discesa della Presolana

Castello di Breno

Capo di Ponte, Parco delle incisioni rupestri di Naquane

Capo di Ponte, Monastero di San Salvatore

Cemmo, Pieve di San Siro

Chiesa di San Clemente, Vezza d’Oglio

Tratto abbandonato della vecchia strada del Gavia, teatro dell’incidente del 20 luglio 1954

Il “kuerc” di Bormio ripreso in un’inquadratura del film “Una breve vacanza” (www.davinotti.com)

Il “kuerc” di Bormio ripreso in un’inquadratura del film “Una breve vacanza” (www.davinotti.com)

Valdisotto, la rupe miracolosamente aggirata dalla frana del 1987 in cima alla quale si staglia il campanile della chiesa di San Bartolomeo di Castèlaz

Grosio, Villa Visconti Venosta

Mazzo di Valtellina, complesso chiesastico di Santa Maria

Il monumento a Marco Pantani lungo la salita al Passo del Mortirolo

Un ripido tornante del Mortirolo e, in trasparenza, laltimetria della 16a tappa del Giro 2019 (www.caidongo.it)

Un ripido tornante del Mortirolo e, in trasparenza, l'altimetria della 16a tappa del Giro 2019 (www.caidongo.it)