LA CARICA DEL 101° A CERVINIA

Ecco il tradizionale contenitore made ne ilciclismo.it che da diverse stagioni accompagna le cronache prima del Giro e poi del Tour. All’interno ritroverete le rubriche riservate alla rassegna stampa internazionale, alla colonna sonora del giorno, alle previsioni del tempo per la tappa successiva, alle “perle” dei telecronisti, al Giro d’Italia rivisto alla “rovescia” al ricordo di un Giro passato (quest’anno rivisiteremo l’edizione del 1974, partita da un’altra terra “santa”, quella della Città del Vaticano).

GIRO D’ITALIA, GIRO DEL MONDO

Italia

L’ultimo attacco di Dumoulin, ma re Froome non cede – La gioia di Froome: “La battaglia più dura della mia vita” – Pinot, crisi drammatica. Arriva a 45′ e vomita al traguardo – Dumoulin, battuto solo da un fenomeno: “Ho dato proprio tutto – Il Giro è di super Froome. Dumoulin non fa il miracolo. Domani passerella a Roma (Gazzetta dello Sport)

Giro, a Cervinia vince Nieve Froome controlla Dumoulin e resta saldamente in Rosa – «Pozzo», unico italiano in un Giro bellissimo – Giro d’Italia nella Capitale: tutte le toppe della tappa romana (Corriere della Sera)

Gran Bretagna

Froome set to become first Briton to win Giro d’Italia after extraordinary comeback (The Independent)

Froome closes on Giro d’Italia. Geraint Thomas: “Simon Yates will be stronger for this experience” – “Battle of my career”: Chris Froome on verge of victory at Giro d’Italia to seal one of the most amazing comebacks in cycling history (The Daily Telegraph)

Francia

Froome jubile, Pinot dévisse – Froome: «La plus grande bataille de ma vie» – Dumoulin : «J’ai donné tout ce que j’avais» – Pinot, la déconvenue – Pinot en grande difficulté (L’Equipe)

Froome tout près de la victoire finale, Pinot perd tout – L’émouvant message de soutien de ses équipiers à Pinot – Geniez désormais 1er Français – Froome «optimiste» en vue du Tour de France (Le Figaro)

Spagna

Froome sentencia el Giro y Nieve se exhibe por la etapa (AS)

Mikel Nieve estrena el casillero español y Froome, virtual campeón – El repugnante escupitajo de un aficionado a Froome (Marca)

Mikel Nieve logra la primera victoria española en Cervinia – Nieve: “Hemos hecho un gran Giro ganando cinco etapas” (El Mundo Deportivo)

Belgio

Froome plaatst zich met Giro-eindzege tussen de allergrootsten (en lonkt naar ultiem record Merckx) – “Dankbare” Dumoulin bewijst ultieme eer aan ploegmaat, Froome spreekt van “brutale Giro” – Froome weerstaat aanvallen Dumoulin en is zeker van Giro-eindzege, Nieve wint de rit (Het Nieuwsblad)

Chris Froome à une formalité de signer le triplé Tour-Vuelta-Giro (La Dernière Heure/Les Sports)

Paesi Bassi

Pinot naar ziekenhuis afgevoerd, totaal uitgeput – Lekker toetje Robert Gesink ondanks lekke band (De Telegraaf)

‘Deze Giro-zege blijft staan’ – Pinot opgenomen in ziekenhuis met uitdrogingsverschijnselen – Thomas Dekker: Dit jaar een betere Dumoulin gezien – Dappere Dumoulin buigt voor Froome na ultiem duel – Dumoulin toont in laatste bergrit zijn grote hart – Poels: Dumoulin was de grootste concurrent – Dumoulin: Ik was zo moe en naar de klote – Gesink: Ik heb gevochten voor wat ik waard was – Dumoulin na tweede plek: Kan mezelf niks verwijten – Dumoulin na tweede plek: Kan mezelf niks verwijten – Froome: Ik wist dat ik Tom moest volgen – Oomen: Trots op mezelf, het team en Tom – Gesink tweede in laatste bergrit: Ben blijven knokken – Dekker bij ‘In Het Wiel’: Froome had hier nooit mogen starten(Algemeen Dagblad)

Op elke aanval van Dumoulin heeft Froome een antwoord (de Volkskrant)

Germania

Giro-Sieg vor Augen: Froome verteidigt souverän Rosa Trikot (Berliner Zeitung)

Svizzera

Chris Froome steht vor Giro-Gesamtsieg (Neue Zürcher Zeitung)

Tour d’Italie: Froome toujours en tête (24 Heures)

Froome mette le mani sul Giro (Corriere del Ticino)

Slovenia

Giro: Froome na rimsko parado šampionov v rožnatem (Delo)

Stati Uniti

Froome Effectively Seals Giro Title in Penultimate Stage (The New York Times)

Colombia

Miguel Ángel López es podio del Giro; Froome, a 115 km del título – ‘Siento mucha felicidad’: Miguel Ángel López tras lograr podio en el Giro de Italia (El Tiempo)

Miguel Ángel López, podio en el Giro de Italia 2018. Chris Froome, el campeón (El Espectador)

Ecuador

Richard Carapaz es cuarto en la general del Giro de Italia tras terminar 10º en penúltima etapa (El Universo)

Australia

Froome on cusp of rare Grand Tour treble – Awe or anger? Froome divides cycling (Herald Sun)

Froome poised for historic Giro victory (The Sydney Morning Herald)

DISCOGIRO: la colonna sonora della tappa del Giro scelta per voi da ilciclismo.it

Ieri dedicata a Froome, oggi dedicata alla sua squadra

We Are The Champions (Queen)

a cura di DJ Jorgens

METEO GIRO

Le previsioni si riferiscono agli orari di partenza, passaggio e arrivo della tappa del giorno dopo

Roma – partenza: nubi sparse, 27.8°C (percepiti 29°C), vento moderato da SW (14-15 Km/h), umidità al 52%
Roma – inizio 5° giro (TV – Km 46): nubi sparse, 27.3°C (percepiti 28°C), vento moderato da SW (13-15 Km/h), umidità al 52%
Roma – inizio 7° giro (TV – Km 69): poco nuvoloso, 26.5°C (percepiti 28°C), vento moderato da SW (13-14 Km/h), umidità al 53%
Roma – arrivo: poco nuvoloso, 25.4°C (percepiti 27°C), vento moderato da SW (10-12 Km/h), umidità al 57%

L’ANGOLO DI SILVIOLO E PANCANOLO

Gli strafalcioni dei giornalisti al seguito della corsa rosa

Martinello: “Angelo Ciccone” (Giulio)
Garzelli: “È impossibile scalzare Froome dalla maglia rosa”
Pancani: “Arrivo in salita di Cervino”
Garzelli: “Garzelli e Del Signore squalificati dalla moto”
Saligari: “Ha fatto la prima parte di discesa un po’ sulle ruote”
Saligari: “La nostra moto fa 27 gradi”
Pancani: “Tanta stanghezza nelle gambe”
Garzelli: “Ha fatto il capalavoro”
Saligari: “Sto aspettando il gruppo per darvi la situazione il gruppo”
Saligari: “C’è Roux che cerca di sconfortarlo”
Garzelli: “Non è una salita dura, c’è tanti tornanti”
Martinello: “Il traguardo che si è consumato a Prato Nevoso”
Pancani: “È una salita molto molto pedalata”
Martinello: “Nei serbatoi di tutti è rimasto gran poco”
Pancani: “Si sta lottando nei quartieri alti della classifica generale al Tour de France”
Garzelli: “Non è un corridore da corse a tappe di classifica”
De Stefano: “Questa 102a edizione del Giro d’Italia”

e se vi stesse chiedendo il perchè del titolo…

dalla telecronaca della tappa dell’Alpe di Siusi (Giro 2016)

Pancani: “Silviolo”
Martinello: “Dimmi Pancanolo”

IL GIRO DI GOMEZ
In questa rubrica vi faremo rileggere i piani alti della classica, come li avrebbe visti Gomez Addams nelle sue letture del giornale in “verticale”… vale a dire le classifiche giornaliere viste al contrario, dal punto di vista della maglia nera!

Ordine d’arrivo della ventesima tappa, Susa – Cervinia

1° Sam Bennett
2° Paolo Simion a 27″
3° Niccolò Bonifazio a 36″
4° Giuseppe Fonzi a 39″
5° Sacha Modolo a 1′27″

Classifica generale

1° Giuseppe Fonzi
2° Eugert Zhupa a 14′23″
3° Svein Tuft a 15′45″
4° Marco Coledan a 16′30″
5° Paolo Simion a 23′06″

1974: QUANDO LA CORSA ROSA PARTÌ DAL VATICANO
Ricordiamo quest’anno, attraverso i titoli del quotidiano “La Stampa”, il Giro del 1974 la cui partenza dalla Città del Vaticano quasi rivaleggia in “peso” con quella da Gerusalemme

7 GIUGNO 1974 – 21a TAPPA: MISURINA – BASSANO DEL GRAPPA (194 Km)

MERCKX VERSO IL SUO QUINTO SUCCESSO
Fuente: “Bravo Eddy ma troppe le spinte” – La maglia rosa controlla il tappone e vince in volata a Bassano
Polemico verso gli italiani lo scalatore spagnolo – Gli elogi del campionissimo belga per il giovane Baronchelli e per Gimondi – Il gioco è fatto – Nonostante il minimo vantaggio

La faccia stanca e non certo felice di Tom Dumoulin al traguardo di Cervinia: per soli 46 secondi ha perso un giro che pensava di vincere con una gamba sola (Getty Images)

La faccia stanca e non certo felice di Tom Dumoulin al traguardo di Cervinia: per soli 46 secondi ha perso un giro che pensava di vincere con una gamba sola (Getty Images)

ARCHIVIO

Cliccare sul nome della tappa per visualizzare l’articolo

Raduno di partenza Gerusalemme
1a tappa: Gerusalemme (cronometro indivuduale)
2a tappa: Haifa – Tel Aviv
3a tappa: Be’er Sheva – Eilat
4a tappa: Catania – Caltagirone
5a tappa: Agringento – Santa Ninfa (Valle del Belice)
6a tappa: Caltanissetta – Etna (Osservatorio Astronomico)
7a tappa: Pizzo – Praia a Mare
8a tappa: Praia a Mare – Montevergine
9a tappa: Pesco Sannita – Gran Sasso d’Italia (Campo Imperatore)
10a tappa: Penne – Gualdo Tadino
11a tappa: Assisi – Osimo
12a tappa: Osimo – Imola
13a tappa: Ferrara – Nervesa della Battaglia
14a tappa: San Vito al Tagliamento – Monte Zoncolan
15a tappa: Tolmezzo – Sappada
16a tappa: Trento – Rovereto (cronometro individuale)
17a tappa: Riva del Garda – Iseo
18a tappa: Abbiategrasso – Prato Nevoso
19a tappa: Venaria Reale – Bardonecchia (Jafferau)

TORMENTA DI NIEVE A CERVINIA. FROOME IPOTECA LA MAGLIA ROSA

A Susa è Mikel Nieve a imporsi al termine di una lunga cavalcata durata oltre 30 km. Lo spagnolo, in fuga insieme ad altri 26, parte nella seconda parte dell’ascesa verso il Col de Saint Pantaleon e rende così meno amaro il tracollo di ieri del compagno di squadra ed ex maglia rosa Simon Yates. Oggi, invece, clamorosa cotta di Thibaut Pinot che vede sfumare il terzo posto nella generale a favore di Miguel Ángel López . Chris Froome ipoteca così la sua prima maglia rosa con Tom Dumoulin secondo. Appuntamento domani per la passerella finale di Roma

Dopo la tappa di ieri, entrata di diritto nella storia del ciclismo per l’impresa di Chris Froome (Sky) che vince e indossa la maglia rosa dopo esser partito sul Colle delle Finestre ed aver percorso 80 km in fuga solitaria, oggi si riparte da Susa per una tappa ancora molto dura, con arrivo a Cervinia dopo 214 Km che presentano nella seconda parte del percorso tre GPM di prima categoria: il Col Tsecore, il Col de Saint Pantaleon e l’ascesa finale verso Cervinia. Dopo la partenza dalla località piemontese erano molti i tentativi di fuga. Alla fine riusciva a staccarsi un drappello abbastanza numeroso di 27 ciclisti, tra i quali si segnalavano Mikel Nieve e Roman Kreuziger della Mitchelton Scott che, dopo la débâcle dell’ex maglia rosa Simon Yates, cercavano di rinverdire i fasti della squadra australiana. Tra i fuggitivi era presente anche Elia Viviani (Quick Step), il quale si aggiudicava il primo traguardo volante di Samone, Le cose iniziavano a farsi serie all’inizio della scalata verso il Col Tsecore, quando Kreuziger faceva un pressing tale da far staccare molti dei fuggitivi. Infatti, davanti restavano in nove, tra i quali il citato Nieve, Michael Woods (EF Educational Drapac), Gianluca Brambilla (Trek Segafredo), Felix Grossschartner (Bora Hansgrohe), Valerio Conti (UAE Team Emirates), Robert Gesink (Team LottoNL-Jumbo), Giovanni Visconti e Matej Mohoric (Bahrain Merida) e Giulio Ciccone (Bardiani CSF), che transitava in prima posizione sul GPM del Col Tsecore. A questo punto la fuga aveva un vantaggio vicino ai 6 minuti sul gruppo, nel quale era il Team Astana a fare l’andatura. L’ascesa sul successivo Col de Saint Pantaleon era fatale per Thibaut Pinot (Groupama FDJ), che si staccava improvvisamente dal gruppo maglia rosa, a testimonianza del fatto che il Giro 2018 è stato colmo di sorprese, dopo le crisi di Simon Yates, la mezza crisi di Domenico Pozzovivo (Bahrain Merida) e il ritiro di Fabio Aru (UAE Team Emirates). Intanto il gruppo di testa si riduceva ancora ed era Nieve a scattare e fare il vuoto quando mancava 31 km al termine. Lo spagnolo scollinava per primo sul Col de Saint Pantaleon con un vantaggio di 30 secondi su Grossschartner e di circa un minuto e mezzo su Ciccone, Gesink e Brambilla. Il gruppo maglia rosa scollinava a oltre 8 minuti da Nieve. Ad Astana e Sky, sulla salita verso Cervinia si sostituivano in testa gli uomini del Team Movistar. Il forcing della squadra spagnola, a meno di 10 km dal traguardo, anticipava così l’ultima battaglia del Giro 2018, quella per la maglia bianca tra Richard Carapaz (Movistar) e Miguel Ángel López (Team Astana). L’ultimo ciclista a tirare per Carapaz era Carlos Betancur, ma il primo a scattare era Tom Dumoulin (Team Sunweb), a cui si francobollava Froome. Erano ripetuti i tentativi d’allungo dell’olandese ma Froome non lo mollava di un metro. Ai meno 5 dall’arrivo, con Nieve ormai lanciato verso la vittoria di tappa, Froome, Carapaz, López e Pozzovivo si avvantaggiavano su Dumoulin, il quale però riusciva a raggiungere i cinque davanti a lui (nel gruppetto maglia rosa era presente anche Davide Formolo del Team Bora Hansgrohe). Nieve nel giorno del suo 34° compleanno vinceva meritatamente la terza tappa in carriera del Giro d’Italia, dopo quelle conseguite alle Torri del Vajolet nel 2011 e a Cividale del Friuli nel 2016. In seconda posizione a 2 minuti e 17 secondi si piazzava Gesink mentre chiudeva il podio parziale Grossschartner con 2 minuti e 42 secondi di ritardo da Nieve. Dopo poco più di 6 minuti il gruppetto maglia rosa veniva regolatoda Wouter Poels (Sky) proprio su Froome. La classifica generale, ormai finale, vede il campione britannico condurre con 46 secondi di vantaggio su Dumoulin e 4 minuti e 56 secondi su López, che conquista così il terzo posto in seguito al crollo di Pinot. Domani è in programma l’ultima tappa del Giro 2018, la passerella di Roma. Il circuito lujngo le strade della capitale vedrà protagonisti quasi sicuramente i velocisti e Chris Froome dovrà semplicemente chiudere nel gruppo dei migliori per vincere il suo primo Giro d’Italia.

Giuseppe Scarfone

ORDINE D’ARRIVO

1 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott 5:43:48
2 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo 0:02:17
3 Felix Grossschartner (Aut) Bora-Hansgrohe 0:02:42
4 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF 0:03:45
5 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo 0:05:23
6 Wout Poels (Ned) Team Sky 0:06:03
7 Chris Froome (GBr) Team Sky
8 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe
9 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
10 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team
11 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
12 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team
13 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb 0:06:09
14 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo 0:06:45
15 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe
16 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team
17 Alexandre Geniez (Fra) AG2R La Mondiale 0:07:04
18 Carlos Alberto Betancur Gomez
19 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale 0:08:54
20 Sergio Henao (Col) Team Sky 0:09:42
21 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 0:10:09
22 Michael Woods (Can) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
23 Kilian Frankiny (Swi) BMC Racing Team 0:10:53
24 Koen Bouwman (Ned) LottoNL-Jumbo 0:11:54
25 Sander Armee (Bel) Lotto Fix All
26 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:11:56
27 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:12:16
28 Ruben Plaza (Spa) Israel Cycling Academy
29 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team 0:14:56
30 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates 0:15:03
31 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida
32 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:16:08
33 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo 0:16:52
34 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale
35 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team
36 Laurens ten Dam (Ned) Team Sunweb 0:17:39
37 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida 0:18:40
38 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin 0:21:38
39 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy 0:22:58
40 Kenny Elissonde (Fra) Team Sky 0:24:04
41 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky 0:24:57
42 David De La Cruz (Spa) Team Sky
43 Ruben Fernandez (Spa) Movistar Team
44 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 0:25:11
45 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates
46 Alex Turrin (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
47 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott
48 Domen Novak (Slo) Bahrain-Merida 0:25:44
49 Alexey Lutsenko (Kaz) Astana Pro Team 0:26:15
50 Christian Knees (Ger) Team Sky 0:27:15
51 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:34:59
52 Davide Ballerini (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
53 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team
54 Benjamin King (USA) Dimension Data
55 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott
56 Adam Hansen (Aus) Lotto Fix All
57 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
58 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb
59 Jacopo Mosca (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
60 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF
61 Rodolfo Torres (Col) Androni Giocattoli-Sidermec
62 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data
63 Jarlinson Pantano (Col) Trek-Segafredo
64 Nathan Brown (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:36:24
65 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates 0:42:18
66 Darwin Atapuma (Col) UAE Team Emirates
67 Tony Martin (Ger) Katusha-Alpecin
68 Ryan Mullen (Irl) Trek-Segafredo 0:45:32
69 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale
70 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe
71 Ben Hermans (Bel) Israel Cycling Academy
72 Francisco Ventoso (Spa) BMC Racing Team
73 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team
74 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe
75 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin
76 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy
77 Roy Curvers (Ned) Team Sunweb
78 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Fix All
79 Bert-Jan Lindeman (Ned) LottoNL-Jumbo
80 Jos van Emden (Ned) LottoNL-Jumbo
81 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
82 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
83 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
84 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
85 Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina-Selle Italia
86 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ
87 Danny van Poppel (Ned) LottoNL-Jumbo
88 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ
89 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
90 Jean-Pierre Drucker (Lux) BMC Racing Team
91 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ
92 Baptiste Planckaert (Bel) Katusha-Alpecin
93 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
94 Chad Haga (USA) Team Sunweb
95 Jérémy Roy (Fra) Groupama-FDJ
96 Clement Venturini (Fra) AG2R La Mondiale
97 Guy Sagiv (Isr) Israel Cycling Academy
98 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin
99 Steve Morabito (Swi) Groupama-FDJ
100 Jurgen Roelandts (Bel) BMC Racing Team
101 Dayer Uberney Quintana Rojas
102 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
103 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates
104 Markel Irizar (Spa) Trek-Segafredo
105 Rémi Cavagna (Fra) Quick-Step Floors
106 Gijs Van Hoecke (Bel) LottoNL-Jumbo
107 Eduardo Sepulveda (Arg) Movistar Team
108 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
109 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy
110 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data
111 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
112 Roman Kreuziger (Cze) Mitchelton-Scott
113 Jens Debusschere (Bel) Lotto Fix All
114 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale
115 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data
116 Zdenek Stybar (Cze) Quick-Step Floors
117 Zakkari Dempster (Aus) Israel Cycling Academy
118 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
119 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
120 Sébastien Reichenbach (Swi) Groupama-FDJ
121 Boy van Poppel (Ned) Trek-Segafredo
122 Hugh Carthy (GBr) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
123 Frederik Frison (Bel) Lotto Fix All
124 Joe Dombrowski (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
125 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
126 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors
127 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida
128 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin
129 Florian Senechal (Fra) Quick-Step Floors
130 Jan Hirt (Cze) Astana Pro Team
131 Marco Coledan (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
132 Maximilian Schachmann (Ger) Quick-Step Floors
133 Vyacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin
134 Lennard Hofstede (Ned) Team Sunweb
135 Andreas Schillinger (Ger) Bora-Hansgrohe
136 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team
137 Liam Bertazzo (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
138 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale
139 Alessandro De Marchi (Ita) BMC Racing Team
140 Tom Van Asbroeck (Bel) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
141 Svein Tuft (Can) Mitchelton-Scott
142 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott
143 Sam Bewley (NZl) Mitchelton-Scott
144 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott
145 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF
146 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
147 Sacha Modolo (Ita) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:45:53
148 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 0:46:41
149 Niccolo Bonifazio (Ita) Bahrain-Merida 0:46:44
150 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF 0:46:53
151 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:47:20

CLASSIFICA GENERALE

1 Chris Froome (GBr) Team Sky 86:11:50
2 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb 0:00:46
3 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team 0:04:57
4 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team 0:05:44
5 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida 0:08:03
6 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 0:11:50
7 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe 0:13:01
8 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo 0:13:17
9 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb 0:14:18
10 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe 0:15:16
11 Alexandre Geniez (Fra) AG2R La Mondiale 0:17:30
12 Wout Poels (Ned) Team Sky 0:17:40
13 Sergio Henao (Col) Team Sky 0:29:41
14 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:34:29
15 Carlos Alberto Betancur Gomez 0:41:48
16 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ 0:43:46
17 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team 0:56:07
18 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott 0:58:16
19 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo 1:00:30
20 Michael Woods (Can) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 1:01:24
21 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale 1:03:54
22 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 1:15:11
23 Sébastien Reichenbach (Swi) Groupama-FDJ 1:15:18
24 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo 1:19:49
25 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates 1:23:04
26 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team 1:23:11
27 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 1:26:13
28 Felix Grossschartner (Aut) Bora-Hansgrohe 1:28:47
29 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 1:31:28
30 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ 1:33:24
31 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida 1:40:18
32 Maximilian Schachmann (Ger) Quick-Step Floors 1:41:36
33 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 1:58:09
34 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 2:00:17
35 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo 2:02:15
36 Laurens ten Dam (Ned) Team Sunweb 2:02:53
37 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott 2:03:06
38 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale 2:06:25
39 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida 2:07:32
40 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team 2:08:19
41 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF 2:08:55
42 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin 2:10:27
43 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale 2:17:10
44 Kilian Frankiny (Swi) BMC Racing Team 2:20:10
45 Benjamin King (USA) Dimension Data 2:24:26
46 Ben Hermans (Bel) Israel Cycling Academy 2:25:01
47 Jan Hirt (Cze) Astana Pro Team 2:26:47
48 Ruben Plaza (Spa) Israel Cycling Academy 2:27:57
49 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale 2:29:16
50 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors 2:42:24
51 Koen Bouwman (Ned) LottoNL-Jumbo 2:42:38
52 Kenny Elissonde (Fra) Team Sky 2:42:39
53 Nathan Brown (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
54 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 2:45:41
55 Jarlinson Pantano (Col) Trek-Segafredo 2:48:11
56 Roman Kreuziger (Cze) Mitchelton-Scott 2:51:50
57 David De La Cruz (Spa) Team Sky 2:52:42
58 Sander Armee (Bel) Lotto Fix All 2:53:44
59 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe 2:56:01
60 Rodolfo Torres (Col) Androni Giocattoli-Sidermec 2:58:56
61 Adam Hansen (Aus) Lotto Fix All 3:00:57
62 Darwin Atapuma (Col) UAE Team Emirates 3:04:46
63 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale 3:06:03
64 Joe Dombrowski (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 3:09:17
65 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky 3:10:40
66 Alessandro De Marchi (Ita) BMC Racing Team 3:11:06
67 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates 3:12:32
68 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team 3:13:51
69 Davide Ballerini (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 3:14:02
70 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 3:19:46
71 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team 3:19:53
72 Chad Haga (USA) Team Sunweb 3:20:46
73 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott 3:21:31
74 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy 3:28:13
75 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott 3:28:31
76 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida 3:30:05
77 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ 3:39:48
78 Hugh Carthy (GBr) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 3:43:25
79 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 3:43:35
80 Steve Morabito (Swi) Groupama-FDJ 3:45:10
81 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ 3:48:51
82 Zdenek Stybar (Cze) Quick-Step Floors 3:50:40
83 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 3:53:07
84 Dayer Uberney Quintana Rojas 3:54:32
85 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data 3:54:37
86 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data 3:58:31
87 Ruben Fernandez (Spa) Movistar Team 3:59:36
88 Alex Turrin (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 4:02:56
89 Alexey Lutsenko (Kaz) Astana Pro Team 4:04:11
90 Sacha Modolo (Ita) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 4:05:44
91 Francisco Ventoso (Spa) BMC Racing Team 4:06:01
92 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 4:06:38
93 Christian Knees (Ger) Team Sky 4:07:02
94 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team 4:07:15
95 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo 4:08:20
96 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF 4:08:34
97 Jacobus Venter (RSA) Dimension Data 4:10:02
98 Eduardo Sepulveda (Arg) Movistar Team 4:10:17
99 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo 4:11:05
100 Jacopo Mosca (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 4:11:21
101 Jos van Emden (Ned) LottoNL-Jumbo 4:14:22
102 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida 4:14:30
103 Domen Novak (Slo) Bahrain-Merida 4:15:24
104 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates 4:17:23
105 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb 4:19:34
106 Clement Venturini (Fra) AG2R La Mondiale 4:20:56
107 Vyacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin 4:21:56
108 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Fix All 4:22:00
109 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors 4:22:56
110 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe 4:23:41
111 Jérémy Roy (Fra) Groupama-FDJ 4:24:39
112 Tony Martin (Ger) Katusha-Alpecin 4:27:59
113 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy 4:28:29
114 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 4:32:23
115 Niccolo Bonifazio (Ita) Bahrain-Merida 4:34:24
116 Bert-Jan Lindeman (Ned) LottoNL-Jumbo 4:36:23
117 Rémi Cavagna (Fra) Quick-Step Floors 4:36:25
118 Baptiste Planckaert (Bel) Katusha-Alpecin 4:39:44
119 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy 4:40:13
120 Jean-Pierre Drucker (Lux) BMC Racing Team 4:40:19
121 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 4:41:35
122 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin 4:41:53
123 Danny van Poppel (Ned) LottoNL-Jumbo 4:43:41
124 Gijs Van Hoecke (Bel) LottoNL-Jumbo 4:44:25
125 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 4:45:51
126 Jurgen Roelandts (Bel) BMC Racing Team 4:45:53
127 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF 4:46:51
128 Zakkari Dempster (Aus) Israel Cycling Academy 4:49:40
129 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin 4:51:09
130 Roy Curvers (Ned) Team Sunweb 4:55:00
131 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors 4:55:09
132 Sam Bewley (NZl) Mitchelton-Scott 4:55:48
133 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 4:56:30
134 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors 4:57:04
135 Tom Van Asbroeck (Bel) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 4:57:56
136 Markel Irizar (Spa) Trek-Segafredo 4:59:12
137 Florian Senechal (Fra) Quick-Step Floors 4:59:31
138 Jens Debusschere (Bel) Lotto Fix All 5:03:59
139 Boy van Poppel (Ned) Trek-Segafredo 5:05:39
140 Ryan Mullen (Irl) Trek-Segafredo 5:08:12
141 Andreas Schillinger (Ger) Bora-Hansgrohe 5:08:33
142 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo 5:09:34
143 Guy Sagiv (Isr) Israel Cycling Academy 5:15:42
144 Frederik Frison (Bel) Lotto Fix All 5:15:59
145 Liam Bertazzo (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 5:18:15
146 Lennard Hofstede (Ned) Team Sunweb 5:18:53
147 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF 5:25:31
148 Marco Coledan (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 5:32:07
149 Svein Tuft (Can) Mitchelton-Scott 5:32:52
150 Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina-Selle Italia 5:34:14
151 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 5:48:37

Lo spagnolo Nieve vince lultimo tappone del Giro 2018 (foto Bettini)

Lo spagnolo Nieve vince l'ultimo tappone del Giro 2018 (foto Bettini)

SUSA – CERVINIA: ULTIME MONTAGNE DA RIBALTONE?

Tappa inutile ai fini della classifica o estrema possibilità di ribaltare il Giro d’Italia con un’impresa che sarà ricordata per decenni? Il tappone di Cervina potrebbe lasciare tutto così com’era se si sarà usciti dalla frazione di Bardonecchia con una situazione di classifica salda e difficilmente scardinabile. Ma se ci saranno gli estremi per rimettere tutto in gioco attendiamoci allora una giornata al cardipalmo per tutti, tifosi e primattori del 101° Giro d’Italia.

Le due crono di Gerusalemme e Rovereto, l’Etna e il Gran Sasso, lo Zoncolan e Sappada, Pratonevo e Bardonecchia. Con tutto questo ben di Dio alle spalle a questo punto la classifica generale potrebbe essere fatta e finita e la maglia rosa di turno potrebbe sentirsi nella classica “botte di ferro”… ma poi c’è Cervinia e qui potrebbe accadere di tutto e il contrario di tutto. Se la leadership fosse ben solida sulle spalle chi avrà l’onore di indossarla questa tappa dovrebbe scivolar via senza troppe sorprese, ma se si vestiranno le insegne del primato con un distacco anche dell’ordine del minuto o del minuto e mezzo allora bisognerà mantenere alta l’attenzione per tutta la giornata. Pur non essendoci né “Mortiroli”, né “Zoncolani” il finale dell’ultima tappa di montagna proporrà 51 Km di salita e quasi 3400 metri di dislivello che sono davvero “tanta roba”, per rubare una sua espressione tipica a Silvio Martinello, il commentatore tecnico delle corse ciclistiche della RAI che esordì in questo ruolo nel 1997, quando ancora correva e il Giro era trasmesso sulle reti di Berlusconi. E in quelle vesti già si trovò a commentare questo finale perché, a parte l’inedita ascesa allo Tsecore, le ultime due salite in programma oggi furono affrontate consecutivamente anche nella frazione che rappresentò il punto di svolta di quell’edizione del Giro, fin lì condotta in rosa da Pavel Tonkov e da quel momento comandata da Ivan Gotti. Il corridore bergamasco attaccò sul Saint Pantaléon e poi andò pian piano a riprendere i fuggitivi di giornata, infine presentandosi tutto solo sul traguardo di Cervinia con un vantaggio di 1’46” sul russo, che perse la maglia per 51” e non raggiungerà più la testa della classifica concludendo quell’edizione del Giro con un passivo di 1’27” da Gotti. Ebbene, in quell’occasione si correva la 14a tappa del Giro e ancora bisognava superare la terza settimana, mentre stavolta Cervina arriverà in coda alla corsa rosa, momento nel quale contano le energie residue ed emergono i campioni dotati di fondo: dunque, considerato quel che accadde il 31 maggio di 21 anni fa ai piedi del Cervino, stavolta si prospetta una tappa dagli esiti ancora più devastanti, se la classifica lo consentirà, con un “ribaltone” che farà storia e andrà ad affiancarsi a quello confenzionato due anni fa da Vincenzo Nibali nella tappa di Sant’Anna di Vinadio.
Oggi le difficoltà saranno “confinate” nel finale di una tappa che non proporrà altro che pianura nei primi 130 Km, muovendosi lungo un falsopiano dolcemente discendente nel tratto iniziale di questa frazione che scatterà da Susa, piccola città d’arte ai piedi della catena alpina nella quale ammirare monumenti d’epoca romana come l’Arco d’Augusto, l’anfiteatro e le ben conservate mura che la cingono, attraverso le quali si aprono le tre porte di Piemonte, di Francia e Savoia. Percorsi i primi 34 Km in direzione Torino ci sarà un brusco cambio di direzione, accompagnato dall’inizio di un tratto a morbidissimi saliscendi disegnato ai piedi del Monte Lera, sul quale si trova l’unica riserva naturale integrale del Piemonte, nella quale è sempre proibito l’accesso (con l’esclusione del 5 agosto di ogni anno) per preservarne la rarissima Euphorbia × gibelliana. Raggiunto l’abitato di Fiano, la corsa supererà il corso del Fiume Stura di Lanzo facendo l’ingresso nel territorio noto con il toponimo di Canavese, vasta regione storico-geografica i cui confini non sono mai stati definiti con precisione e lo stesso vale per il suo nome, che secondo alcuni storici deriverebbe dalla coltivazione della canapa, mentre secondi altri dal termine romano canaba, che indicava un luogo dove adatto all’agricoltura. Il primo centro di quest’area attraversato dal gruppo sarà Ciriè, vera e propria capitale ciclistica del Canavese poiché vi hanno vissuto o ve ne erano originari ben tre vincitori della corsa rosa: il più “prolifico” è stato Giovanni Brunero con tre edizioni conquistate (1921, 1922, 1926), in seconda posizione si classifica Franco Balmamion con i due Giri vinti consecutivamente tra 1962 e 1963, mentre “fanalino di coda” di questa speciale classifica è Giuseppe Enrici, nato a Pittsburgh da genitori ciriacesi e vincitore nel 1924, nella medesima edizione nella quale si classificò al 4° posto un altro corridore originario di Ciriè, Secondo Martinetti. Il ruolo di vera e propria “supremazia” ciclistica di quest’angolo del Canavese oggi è idealmente continuato dal vicino centro di San Francesco al Campo, presso il quale nel 1996 è stato realizzato nel giro di soli quattro mesi il principale tra i tre velodromi oggi esistenti in Piemonte, la cui pista in diverse occasioni è stata “calcata” anche dagli atleti della nazionale. Il tratto successivo vedrà il gruppo attraversare la Vauda, altopiano formatosi ai piedi del ghiacciaio che in epoca remota ricopriva interamentee l’area delle Valli di Lanzo, oggi riserva naturale all’interno della quale ricade anche un ex poligono militare utilizzato dall’esercito per un centinaio di anni.
Raggiunta Favria, dove si trova l’interessante chiesa romanica di San Pietro Vecchio, e poi il vicino centro di Salassa, dominato dai 24 metri dall’altissima porta-torre che sovrasta il ricetto medioevale, si supererà il corso del torrente Orco a nord di Rivarolo Canavese, il comune che nel 2014 accolse l’arrivo della 13a frazione del Giro, traguardo sul quale erano attesi i velocisti ma, invece, per soli 11 secondi andò in porto la fuga di giornata con il successo di Marco Canola davanti al venezuelano Jackson Rodríguez e al francese Angélo Tulik. Si lambirà poi Castellamonte, rimanendo sulla tangenziale che evita l’ingresso nel centro dove si può ammirare la Rotonda Antonelliana, unica parte realizzata di un’enorme chiesa progettata dall’architetto Alessandro Antonelli – lo stesso della Mole torinese – e che, nelle intenzioni originarie poi naufragate a causa dell’esaurirsi dei fondi messi a disposizione, avrebbe dovuto quasi eguagliare le dimensioni della Basilica di San Pietro in Vaticano. Sfiorato il colle sul quale sorgono il borgo di Parella e il suo castello, circondato dai vigneti nei quali si è recentemente tornati a coltivare il vitigno dell’Erbaluce di Caluso DOCG, i “girini” giungeranno alle porte di Ivrea, che per il 2019 s’è candidata per tornare a ospitare un arrivo di tappa della corsa rosa (come già avvenuto nel 2013, quando nella città della Olivetti e della Battaglia delle Arance s’impose lo spagnolo Beñat Intxausti) mentre quest’anno sarà “bypassata” dalla carovana, che imboccherà la provinciale che corre sulla sponda occidentale della Dora Baltea. L’ultimo tratto piemontese del Giro 2018 vedrà la corsa attraversare i centri di Baio Dora e Quincinetto poi si entrerà in Val d’Aosta dalla sua unica porta d’accesso italiana, la cittadina di Pont-Saint-Martin, situata nel luogo dove, secondo la leggenda, il ponte che assegna il nome al primo comune valdostano fu costruito in una notte dal diavolo dopo un patto con San Martino, che gli concedette la prima anima che l’avrebbe attraversato (con uno stratagemma il santo vi farà transitare per primo un cane). Dopo il centro di Donnas, presso il quale è ancora oggi possibile percorrere un tratto dell’antichissima strada consolare romana delle Gallie, il gruppo giungerà ai piedi di uno dei più celebri castelli della valle, autentico biglietto da visita della più piccola regione italiana: è il forte fatto innalzare nel XIX secolo dalla famiglia Savoia sopra la cittadina di Bard, nel 2006 aperto al pubblico dopo un lungo periodo d’abbandono e oggi sede di un museo dedicato alle Alpi. Un altro celebre maniero della valle è quello cubico di Verrès, innalzato nel XIV secolo a dominio dell’imbocco della Val d’Ayas e che oggi “sorveglierà” l’ingresso del gruppo nella fase calda della penultima tappa. È da Verrès, infatti, che inizierà la prima delle tre salite finali, l’inedito colle che sulle cartine del Giro 2018 è chiamato con i meno “tradizionali” dei suoi tre nomi, Tsecore e Mont- Tseuc, mentre i cicloamatori sono prevalentemente abituati a utilizzare il più facilmente ricordabile toponimo di Colle di Zuccore, forse anche per addomesticarne a parole le sue pendenze: la media complessiva è del 7,7%, con una prima parte d’ascesa – fin quando si rimane sulla provinciale della Val d’Ayas – non particolarmente impegnativa (11 Km al 6,6%) e un tratto conclusivo di 5 Km che “sprizza” al 10% medio, reso ancor più selettivo dal ridotto calibro della carreggiata. Novità abbiamo detto, ma non del tutto perché molti partecipanti alla corsa rosa si ricorderanno d’averlo affrontato da dilettante: in diverse occasioni, infatti, lo Zuccore è stato inserito nel tracciato del Giro Ciclistico della Valle d’Aosta, forse la seconda corsa a tappe di categoria più importante del calendario italiano dopo il Giro d’Italia, e c’è già stata anche una “prima volta” professionistica nel 1992 quando la Gazzetta dello Sport, dopo averla valutata e scartata per il percorso della tappa del Giro d’Italia che terminò a Pila, la inserì nel tracciato della frazione di Gressoney-La-Trinité del Trofeo dello Scalatore disputato in quello stesso anno, vinta da Alberto Elli e che vide il calabrese Michele Coppolillo transitare per primo in cima allo Zuccore. Il tratto iniziale della successiva discesa si snoderà attraverso le frazioni più alte del comune sparso di Emarèse, sfiorando la zona dove si trovava una miniera d’oro scoperta in epoca settecentesca, dopo che un contadino aveva casualmente trovato nella terra una pepita del peso di 180 grammi, e sfruttata – ma con poco profitto – per una quindicina d’anni. Successivamente si confluirà sulla strada che proviene dal Col de Joux, continuando la planata in direzione di Saint-Vincent, una delle più conosciute località turistiche della Valle d’Aosta, oggi celebre prevalentemente per il Casino de la Vallée che dal 1921 costituisce la principale attrattiva di un centro che fino a quel momento era frequentato soprattutto per le sue terme, scoperte il 20 luglio 1770 dal parroco Jean-Baptiste Perret e le cui acque furono inizialmente utilizzate anche per azionare la funicolare che portava i pazienti allo stabilmento termale, mediante due cassoni che venivano alternativamente riempiti e svuotati d’acqua per permettere la salita e la discesa delle vetture sfruttando la forza di gravità. Terminata la discesa un breve troncone pianeggiante attraverso Châtillon, centro dominato dal Castello Passerin d’Entrèves (vi è conservato l’archivio di uno dei casati più influenti della valle, gli Challant), “deporrà” il gruppo ai piedi della difficoltà successiva, il Col Saint Pantaléon, che sarà affrontato da un versante in parte diverso rispetto a quello percorso in occasione del citato precedente del 1997: i suoi 16,5 Km al 7,1% furono, invece, percorsi nella loro totalità nel finale della tappa giunta a Cervinia nel 2015 e pure terminata con il successo di uno scalatore “maiuscolo” come Fabio Aru, che l’indomani poi bissò il successo nel tappone del Colle delle Finestre con arrivo a Sestriere. In discesa si attraverserà quindi la località turistica di Torgnon, che ha dato il nome alla Valtournenche (il suo toponimo latino era Tornacus) e presso la quale, in frazione Septumian, si trova il santuario di Notre-Dame de La Salette, teatro di una suggestiva fiaccolata sulla neve nel film Casanova ‘70 di Mario Monicelli, pellicola dove veniva presentato con il fittizio nome di “chiesa di Santa Rosamunda delle Nevi”. Terminata anche l’ultima discesa di giornata non ci saranno più intervalli ma immediatamente si riprenderà a salire verso il traguardo, affrontando quella che sulla carta appare come l’ascesa più facile del trittico finale, presentando una pendenza media del 5,3% e un dislivello che non arriva ai mille metri. Ma delle tre questa è la più lunga – 18,2 Km per la precisione – e, dunque, dopo tutto quanto affrontato finora bisognerà attingere alle residue energie per rimanere a galla in un finale nel quale si salirà costantemente ma si rischierà, al contrario, di sprofondare precipitevolissimevolmente.

Mauro Facoltosi

I VALICHI DELLA TAPPA

Colle di Zuccore (1623 metri). È il nome italiano del Col Tsecore, valicato dalla strada comunale che mette in comunicazione Quincod (Challand-Saint-Anselme) con Sommarese (Emarèse). L’unica corsa professionistica a essere transitata in vetta al Col di Zuccore è stata la tappa di Gressoney-La-Trinité del Trofeo dello Scalatore del 1992 citata nell’articolo.

Colle di San Pantaléon (1645 metri). Quotato 1664 sulle cartine del Giro 2015, è valicato dalla Strada Regionale 42 tra Semon e Torgnon. Il Giro d’Italia l’ha scalato tre volte, la prima volta nel 1992 nel corso della Saluzzo – Pila, vinta dal tedesco Udo Bölts dopo che sul passo era transitato in testa il portoghese Acacio Da Silva. Ci si tornerà nel 1997 nel finale della citata Racconigi – Cervinia vinta da Gotti, mentre il GPM del San Pantaléon era finito nel carniere del colombiano José Jaime González Pico. L’ultima volta risale al 2015 quando, in occasione della Gravellona Toce – Cervinia conquista da Fabio Aru, il colle valdostano era svalicato per primo da Giovanni Visconti.

RINGRAZIAMENTI

Segnaliamo che le citazioni cinematografiche (nel testo e nella fotogallery) sono frutto della collaborazione con il sito www.davinotti.com, che ringraziamo per la disponibilità.

FOTOGALLERY

Susa, Porta Savoia

Monte Lera

Altopiano della Vauda

Favria, chiesa di San Pietro Vecchio

Salassa, l’alta torre-porta del ricetto medioevale

Castellamonte, l’incompiuta Rotonda Antonelliana

Castello di Parella

L’antico ponte di Pont-Saint-Martin

Donnas, l’arco che incornicia un tratto dell’antica strada romana per le Gallie

Forte di Bard

Il castello di Verrès visto da uno dei tornanti della salita verso il Colle di Zuccore

Tratto terminale del Colle di Zuccore

Saint Vincent, Casino de la Vallée

Châtillon, Castello Passerin d’Entrèves

Panoramico tornante lungo la salita al Saint Pantaléon

Il santuario di Notre-Dame de La Salette visto nel film “Casanova ‘70” (www.davinotti.com)

Il santuario di Notre-Dame de La Salette visto nel film “Casanova ‘70” (www.davinotti.com)

La cuspide del Cervino vista da vicino e, in trasparenza, l’altimetria della ventesima tappa del Giro 2018 (Google Street View)

La cuspide del Cervino vista da vicino e, in trasparenza, l’altimetria della ventesima tappa del Giro 2018 (Google Street View)