LA CARICA DEL 101° SULLO JAFFERAU

Ecco il tradizionale contenitore made ne ilciclismo.it che da diverse stagioni accompagna le cronache prima del Giro e poi del Tour. All’interno ritroverete le rubriche riservate alla rassegna stampa internazionale, alla colonna sonora del giorno, alle previsioni del tempo per la tappa successiva, alle “perle” dei telecronisti, al Giro d’Italia rivisto alla “rovescia” al ricordo di un Giro passato (quest’anno rivisiteremo l’edizione del 1974, partita da un’altra terra “santa”, quella della Città del Vaticano).

GIRO D’ITALIA, GIRO DEL MONDO

Italia

Epico Froome, ribalta il Giro! Yates affonda, Dumoulin a 3’21”: è 2° a 40” – Aru, addio al Giro sul Lys: “Vissuto qualcosa di anomalo” – Froome, un ostacolo in più: moto a terra nel tunnel e lui… – Nell’inferno delle Finestre, dove Yates ha perso il Giro – Froome: “Ho fatto il Pantani. Attaccato senza calcoli… Italiani tifosi unici: grazie” – Attacco sullo sterrato e via. Così Froome scrive la storia – Froome, campione sgraziato. Il robot ora vince col cuore (Gazzetta dello Sport)

Impresa Froome: fuga di 83 km, nuova maglia rosa. Crolla Yates – Giro, l’impresa di Froome per immagini: fuga, arrivo
in solitaria e poi maglia rosa (Corriere della Sera)

Gran Bretagna

Chris Froome on brink of miracle Giro d’Italia victory after stunning solo attack seals remarkable turnaround (The Independent)

Chris Froome seizes Giro d’Italia lead in phenomenal fashion on disastrous day for Simon Yates (The Daily Telegraph)

Froome leads Giro after 80-kilometre attack to destroy Yates (The Times)

Francia

Froome explose tout – Yates arrive avec 38 minutes de retard – Aru abandonne – Les doutes de Calmejane sur Froome – Dumoulin et «la vieille grand-mère» – Froome: «Journée incroyable» – Pinot: «On a écrit une page de l’histoire du Giro» (L’Equipe)

Froome prend le pouvoir, Pinot remonte sur le podium (Le Figaro)

Spagna

Froome revienta el Giro: triunfo y líder en un etapón histórico – Dos aficionados persiguen a Froome con un inhalador gigante – El secreto de Chris Froome para Finestre y el ataque del Giro – Froome atacó ‘a lo Contador’ y tiene el Giro en su mano – El #Giro de Italia buscaba un valiente y lo encontró: Froome (AS)

Froome revienta el Giro y agarra la maglia en una etapa histórica – Froome, perseguido… ¡por un inhalador gigante (Marca)

Froome dinamita la carrera y Yates se hunde en la clasificación – ¡Dos aficionados persiguen a Froome disfrazados de salbutamol! – “Chris Froome ha atacado a lo Alberto Contador” – Simon Yates, protagonista de una de las mayores debacles de la historia del ciclismo “Froome me ha recordado a Coppi, Merckx y Luis Ocaña” – Pello Bilbao, a las puertas de confirmar su mejor resultado en una grande (El Mundo Deportivo)

Belgio

Froome pleegt coup in de Giro: ritwinst en roze na onwaarschijnlijke solo van meer dan 80 km – Froome verdient nu even beter dan gif en gal, een eresaluut lijkt beter op zijn plaats (Het Nieuwsblad)

Giro: Froome s’impose en solitaire après une offensive de 80 kilomètres et prend le maillot rose! – Giro: Chris Froome, “trop fort” pour Dumoulin, “devait faire quelque chose de spécial” – Giro: des spectateurs tendent un puff géant à Froome en pleine ascension (La Dernière Heure/Les Sports)

Paesi Bassi

Froome grist roze trui weg voor neus Dumoulin – Dumoulin hekelt ’oude oma’: ’Moest ik elke keer op wachten’ – ’Dumoulin beging fout in afdaling’ – Merckxiaanse kaakslag voor Dumoulin – Dumoulin hekelt ‘oude oma’ – Oomen in top-10: ‘Een groot gekkenhuis’(De Telegraaf)

Froome pakt roze na fabelachti­ge solo, Dumoulin blijft tweede – Dumoulin: Ik kan niet anders dan tevreden zijn (Algemeen Dagblad)

Froome grijpt macht; Dumoulin blijft tweede (de Volkskrant)

Germania

Denkwürdige Froome-Attacke – Brite fährt ins Rosa Trikot (Berliner Zeitung)

Svizzera

Froome fährt zwei Tage vor Schluss in die Maglia rosa (Neue Zürcher Zeitung)

Le fantastique numéro de Chris Froome (24 Heures)

Slovenia

Za rožnato majico je Froome vstal kot feniks iz pepela (Delo)

Stati Uniti

Cycling-Froome Roars Into Giro Lead With Stunning Stage 19 Win (The New York Times)

Colombia

¡Hazaña de Froome! Se fugó 80 kilómetros, ganó y es líder del Giro – Froome ganó la etapa y es líder del Giro; López, cuarto en la general (El Tiempo)

Se fundió Simon Yates y Chris Froome es el nuevo líder del Giro de Italia – Froome: “Mis piernas estarán cada vez mejor” – Fabio Aru tira la toalla y abandona en la etapa 19 del Giro (El Espectador)

Ecuador

Carapaz llegó segundo en etapa 19 del Giro de Italia y ahora es 5º en la general (El Universo)

Australia

Froome masterclass earns Giro d’Italia lead – Awe or anger? Froome divides cycling (Herald Sun)

Yates has ‘no regrets’ after dropping from first to 18th in Giro stage (The Sydney Morning Herald)

DISCOGIRO: la colonna sonora della tappa del Giro scelta per voi da ilciclismo.it

Dedicata all’impresa di Yates

“All alone” (Joe Satriani)

Dedicata a Yates che si è vista sfuggire la maglia rosa sin dall’inizio del Colle delle Finestre

“Ciao ciao bambina” (Domenico Modugno)

a cura di DJ Jorgens

METEO GIRO

Le previsioni si riferiscono agli orari di partenza, passaggio e arrivo della tappa del giorno dopo

Susa : poco nuvoloso, 22.8°C, vento debole da SSE (5-7 Km/h), umidità al 79%
Ciriè (Km 58.4): poco nuvoloso, 22.7°C, vento debole da E (5 Km/h), umidità al 78%
Samone (TV – Km 96.3): poco nuvoloso, 23.4°C, vento debole da E (5 Km/h), umidità al 75%
Verrès (TV – Km 129.9): cielo sereno, 24.3°C, vento debole da SSE (6 Km/h), umidità al 65%
Saint-Vincent (Km 162): cielo sereno, 25.7°C (percepiti 27°C), vento debole da S (8-9 Km/h), umidità al 56%
Torgnon (Km 189):temporale con pioggia modesta (0.5 mm), 19.2°C, vento moderato da S (11 Km/h), umidità al 55%
Cervinia:temporale con pioggia consistente (1 mm), 14.1°C (percepiti 15°C), vento debole da S (9 Km/h), umidità al 64%

L’ANGOLO DI SILVIOLO E PANCANOLO

Gli strafalcioni dei giornalisti al seguito della corsa rosa

Saligari: “Jaffuà” (Jafferau)
Massaggiatore di Viviani: “Nel borsone c’è il materiale per cambiare Elia”
Pancani: “Pratogelato” (Pragelato)
De Luca: “Siamo dietro la macchina giuria”
Martinello: “È riuscito a riportarsi sulle code dell’ultimo corridore del gruppo”
Pancani: “I 2758 metri del Colle delle Finestre” (quella è l’altezza dello Stelvio; il Finestre è alto 2178 metri)
Martinello: “Gli sforzi, le energie che i corridori stanno approfondendo”
Pancani: “Se sarà un’impresa alla Pantani lo vedremo tra 56 secondi” (mancavano 56 Km all’arrivo)
Saligari: “Valle del Chidone” (Valle del Chisone)
De Stefano: “I corridori dimenticari” (ritardatari)
Televideo: “Froome sferra l’attacco, Dumoulin prova a star dietro” (a restar davanti… semmai)
Televideo: “Pelle Bilbao Lopez” (Pello)
Televideo: “Goerge Bennett” (George)
Gazzetta.it: “Vissuo qualcosa di anomalo”

e se vi stesse chiedendo il perchè del titolo…

dalla telecronaca della tappa dell’Alpe di Siusi (Giro 2016)

Pancani: “Silviolo”
Martinello: “Dimmi Pancanolo”

IL GIRO DI GOMEZ
In questa rubrica vi faremo rileggere i piani alti della classica, come li avrebbe visti Gomez Addams nelle sue letture del giornale in “verticale”… vale a dire le classifiche giornaliere viste al contrario, dal punto di vista della maglia nera!

Ordine d’arrivo della diciannovesima tappa, Venaria Reale – Bardonecchia (Jafferau)

1° Maxim Belkov
2° Frederik Frison a 17″
3° Mads Pedersen a 19″
4° Jens Debusschere a 23″
5° Laurent Didier a 23″

Classifica generale

1° Giuseppe Fonzi
2° Eugert Zhupa a 13′14″
3° Svein Tuft a 14′36″
4° Marco Coledan a 15′21″
5° Paolo Simion a 23′18″

1974: QUANDO LA CORSA ROSA PARTÌ DAL VATICANO
Ricordiamo quest’anno, attraverso i titoli del quotidiano “La Stampa”, il Giro del 1974 la cui partenza dalla Città del Vaticano quasi rivaleggia in “peso” con quella da Gerusalemme

6 GIUGNO 1974 – 20a TAPPA: PORDENONE – TRE CIME DI LAVAREDO (163 Km)

FUENTE HA FATTO POKERISSIMO – GIBÌ AD UN SOFFIO DA MERCKX
Il Giro si decide oggi sui quattro colli dolomitici
Sulle Tre Cime di Lavaredo quarto successo di tappa dello spagnolo – Baronchelli è secondo (a 1’18”) precedendo Conti (a 1’41”), Merckx e Gimondi (a 1’47”) – Il belga conserva la maglia di leader per soli 12” secondi sul giovane italiano della Scic – Gibì commenta con stupore: “Aspettavo Eddy, non è giunto” – Oggi sul Falzarego, Valles, Rolle e Grappa – Dall’ultima vetta all’arrivo ci sono 24 Km di discesa – Partenza alle 8,10

Laltra faccia del tappone di Bardonecchia è la maglia rosa Simon Yates che arranca sullo sterrato del Colle delle Finestre (foto  Tim de Waele/TDWSport.com)

L'altra faccia del tappone di Bardonecchia è la maglia rosa Simon Yates che arranca sullo sterrato del Colle delle Finestre (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

ARCHIVIO

Cliccare sul nome della tappa per visualizzare l’articolo

Raduno di partenza Gerusalemme
1a tappa: Gerusalemme (cronometro indivuduale)
2a tappa: Haifa – Tel Aviv
3a tappa: Be’er Sheva – Eilat
4a tappa: Catania – Caltagirone
5a tappa: Agringento – Santa Ninfa (Valle del Belice)
6a tappa: Caltanissetta – Etna (Osservatorio Astronomico)
7a tappa: Pizzo – Praia a Mare
8a tappa: Praia a Mare – Montevergine
9a tappa: Pesco Sannita – Gran Sasso d’Italia (Campo Imperatore)
10a tappa: Penne – Gualdo Tadino
11a tappa: Assisi – Osimo
12a tappa: Osimo – Imola
13a tappa: Ferrara – Nervesa della Battaglia
14a tappa: San Vito al Tagliamento – Monte Zoncolan
15a tappa: Tolmezzo – Sappada
16a tappa: Trento – Rovereto (cronometro individuale)
17a tappa: Riva del Garda – Iseo
18a tappa: Abbiategrasso – Prato Nevoso

GIORNATA D’ALTRI TEMPI: AL GIRO SALTA IL BANCO

Accade di tutto nel tappone alpino più duro del Giro d’Italia. La Sky, sugli scudi già dalle fasi iniziali, provoca il crollo verticale di Yates che esce dai giochi nelle prime fasi della salita verso il Colle delle Finestre. A 80 Km dall’arrivo attacca Froome che va in solitaria a prendersi tappa e maglia, mentre Dumoulin si difende strenuamente, ma ha la sfortuna di non trovare gli alleati giusti. Il Giro non è ancor finito perché gli sforzi di oggi potrebbero presentare il conto domani.

Il Giro d’Italia non è il Tour de France, la corsa rosa è molto più bella e molto più imprevedibile rispetto alla Grande Boucle e Chris Froome (Sky) ne è stato il testimone, nel bene e nel male.
Nella prima settimana di Giro il keniano bianco non riesce ad esprimersi al meglio e cade in tutti i trabocchetti e le insidie che tradizionalmente presentano le strade del mezzogiorno, che spesso vengono sottovalutate. Dopo la vittoria di misura sullo Zoncolan, il capitano Sky si fa sorprendere nella discesa del Passo di Sant’Antonio e va a pagare un pesante passivo sul traguardo di Sappada. Oggi, invece, grazie alla resurrezione di Wouter Poels e del resto della Sky, la nuova maglia rosa del Giro d’Italia riesce a far esplodere del tutto le squadre e la corsa e, mentre Simon Yates (Mitchelton-Scott) naufragava già in pessime acque, Froome, accortosi che ormai nessuno degli avversari aveva più una struttura di squadra solida, ha giocato le carte dell’azzardo partendo a oltre 80 Km dalla conclusione, in concomitanza con l’inizio del tratto sterrato della salita verso la Cima Coppi. Il gruppetto dei migliori si spezza subito e davanti restano Tom Dumoulin (Team Sunweb), Thibaut Pinot (Groupama – FDJ), Richard Carapaz (Movistar Team) e Miguel Ángel López (Astana), mentre dietro resta ingabbiato il nostro Domenico Pozzovivo (Bahrain Merida). Il keniano bianco imposta una fuga solitaria del tutto contro la logica perché dopo il GPM di Sestriere c’era un lunghissimo tratto di falsopiano del tutto sfavorevole ad un uomo solo. Dumoulin, che ha il merito di non aver mai mollato (e che non ha ancora perso), ha avuto la sfortuna di rimanere con personaggi che, per vari motivi, non hanno voluto o potuto offrirgli una grande collaborazione. Carapaz e López, confortati dalla difficoltà di Pozzovivo, hanno deciso di risparmiarsi per provare la sparata degli ultimi 300 metri e anche Pinot, che vedeva avvicinarsi il podio, non si è esattamente dannato l’anima, preferendo farsi aiutare dal compagno di squadra Sébastien Reichenbach, che però non ne aveva abbastanza per essere incisivo.
Questi elementi, uniti alla straordinaria caparbietà e stato di forma di Froome, hanno determinato l’esito di questa tappa. Ovviamente queste condizioni vanno anche create e pertanto bisogna anche dare atto dell’ottima strategia di gara del team Sky, che ha prima pensato a lasciare gli avversari senza aiuti e poi ha lanciato il suo uomo migliore.
Dumoulin ha certamente da rammaricarsi della condotta di gara di López e Carapaz, che comunque avrebbero potuto cercare di collaborare maggiormente perché un distacco minore da parte di Froome sarebbe tornato anche a loro vantaggio nell’ottica della tappa di domani, ma è stata la difficoltà di Pozzovivo la chiave di volta della strategia. Se il gruppo di Pozzovivo fosse riuscito a mantenere un distacco minimo nei confronti del gruppo del vincitore dello scorso anno, López e Carapaz avrebbero avuto tutto l’interesse a collaborare mentre, vedendo il dilatarsi del distacco del lucano, hanno pensato solo a risparmiare energie per provare a scattarsi in faccia sulla salita finale. Tra l’altro, la maglia bianca ed il suo rivale, nonostante non avessero tirato un metro, si sono comunque presentati molto stanchi sull’ultima salita dato che, nonostante gli scatti, sono riusciti a distanziare Dumoulin solo negli ultimi 300 metri.
La crisi dell’ultimo chilometro e mezzo di ieri di Yates non era una piccola défaillance, quindi, ma il segnale di una condizione che stava svanendo e probabilmente anche lo sforzo della cronometro ha contribuito a lasciare il capitano della Mitchelton-Scott a corto di energie ed infatti l’ex maglia rosa si è staccata già dalle prime rampe del Colle delle Finestre. È stato chiaro sin da subito che questa sarebbe stata una tappa in cui fare corsa dura, tanto che la pima fuga di giornata, formatasi progressivamente nelle prime fasi di gara e composta da una ventina di corridori – Matteo Montaguti (AG2R La Mondiale), Luis Léon Sánchez (Astana), Davide Formolo (Bora – Hansgrohe), Carlos Betancur (Movistar), Sergio Henao (Sky), Valerio Conti e Darwin Atapuma (UAE Team Emirates), Mickael Cherel (AG2R La Mondiale), Antonio Pedrero (Movistar), José Gonçalves (Katusha – Alpecin), Laurens Ten Dam (Sunweb), Giovanni Visconti (Bahrain – Merida), Krists Neilands (Israel Cycling Academy), David De La Cruz (Sky), Gianluca Brambilla e Jarlinson Pantano (Trek – Segafredo), Fausto Masnada (Androni – Sidermec), Davide Villella (Astana), Giulio Ciccone (Bardiani – CSF), Zdeněk Štybar (Quick-Step Floors), Joe Dombrowski e Nathan Brown (EF – Drapac) – vede il proprio tramonto dopo soli 80 Km di gara, in concomitanza con il passaggio dal primo traguardo volante, quando Fabio Aru (UAE-Team Emirates) era già da un pezzo salito in ammiraglia.
Tramontato questo primo tentativo, ci riprovano Montaguti, Neilands ed Atapuma, raggiunti poco dopo da Rodolfo Torres (Androni – Sidermec), Sánchez, Brown, Gonçalves, Conti e Koen Bouwman (Team LottoNL-Jumbo). Sulle prime rampe del Colle delle Finestre la Sky inizia ad accelerare e Sánchez prova ad andar via da solo, ma è costretto ad alzare bandiera bianca, mentre la maglia rosa si stacca a 86 chilometri dalla conclusione. Sotto la spinta degli Sky il gruppetto dei migliori si ritrova composto da soli 14 uomini che rispondono ai nomi di De La Cruz, Sergio Henao, Poels, Kenny Elissonde, Froome (Sky), Ben O’Connor (Dimension Data), Carapaz, Formolo, Pello Bilbao, López (Astana), Pozzovivo (Bahrain – Merida), George Bennett (Team LottoNL-Jumbo), Sam Oomen, Dumoulin (Sunweb), Reichenbach e Pinot (Groupama – FDJ). Non appena iniziato il tratto sterrato parte deciso Froome e nessuno tenta di rispondere all’allungo, con Dumoulin che come al solito prosegue regolare, portandosi dietro i soli Pinot e Carapaz, mentre López rientra in un secondo momento e Pozzovivo rimane ingabbiato in un gruppetto composto da uomini che hanno il capitano davanti e quindi nessun interesse a tirare.
Il distacco di Froome sale lentamente nel corso della salita verso la Cima Coppi, arrivando fino a 40 secondi. È, invece, nella discesa che il gap si dilata notevolmente arrivando sino ad 1 minuto e 40 secondi, forse anche a causa di un rallentamento degli inseguitori per attendere Reichenbach e riceverne la collaborazione nel successivo tratto.
Il trend, però, non si inverte, vista anche la passività di Carapaz e López e la scarsa brillantezza di Reichenbach; così sul GPM di Sestriere il vantaggio del keniano bianco sale a 2′40″ sui più immediati inseguitori e addirittura a 5 minuti sul gruppo di Pozzovivo, sul quale si era nel frattempo riportato Formolo. Nel successivo tratto il vantaggio sale fino a 3′20″ per poi continuare ad oscillare su questi livelli sino alla conclusione.
Sull’ultima salita, infatti, le cose non cambiano; Carapaz, Pinot e López provano vari allunghi, ma Dumoulin, che non risponde alle rasoiate, riesce sempre con il ritmo a riportarsi sugli avversari che non sembrano averne abbastanza, neppure per recuperare su un Froome che comincia a denotare segni di stanchezza. Il gruppo di Pozzovivo, invece, continua a perdere e giunge al traguardo con circa 8 minuti di ritardo, mentre la maglia rosa varca la striscia dell’arrivo più di mezz’ora oltre l’arrivo di Froome, uscendo definitivamente di classifica.
Il nuovo leader ha ora 40 secondi di vantaggio su Dumoulin, mentre Pinot conquista la terza posizione al posto di Pozzovivo, che viene sopravanzato anche da López e Carapaz.
Domani bisognerà vedere chi sarà ad accusare maggiormente gli sforzi di oggi, visto che Dumoulin ha un distacco in classifica che potrebbe anche essere colmabile.
Froome è stato grandissimo ed ha mandato a ramengo le teorie di coloro che dicono che nel ciclismo moderno non si può attaccare da lontano. Ha dimostrato che, quando si hanno coraggio e carattere, si deve osare e quando si sono raggiunti certi traguardi il secondo o il terzo posto non contano più, bisogna correre per vincere anche a costo di saltare. Il team manager della Sky ha confermato l’impressione che si era già avuta guardando la corsa e cioè di un attacco rischioso ma preparato scrupolosamente. Froome stesso ha detto, nell’intervista post gara, che il distacco in classifica era eccessivo per tentare un attacco solo sulla salita finale, dimostrando di essere disposto a rischiare di colare a picco. Questo modo di correre non era mai stato adottato da Froome al Tour de France, mentre la situazione delle prime due settimane di Giro, con una corsa disputata a viso aperto da tanti atleti, lo hanno visto andare in difficoltà e costretto a provare questo tipo di attacco. È proprio questo il fascino di una corsa che si conferma ancora una volta la più bella del mondo.

Benedetto Ciccarone

ORDINE D’ARRIVO

1 Chris Froome (GBr) Team Sky 5:12:26
2 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team 0:03:00
3 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ 0:03:07
4 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team 0:03:12
5 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb 0:03:23
6 Sébastien Reichenbach (Swi) Groupama-FDJ 0:06:13
7 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe 0:08:22
8 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb 0:08:23
9 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe
10 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team
11 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida 0:08:29
12 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo 0:08:38
13 Alexandre Geniez (Fra) AG2R La Mondiale 0:09:45
14 Sergio Henao (Col) Team Sky 0:11:09
15 Wout Poels (Ned) Team Sky
16 Ben Hermans (Bel) Israel Cycling Academy 0:14:00
17 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo 0:14:20
18 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team 0:14:38
19 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:14:55
20 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo 0:15:41
21 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ 0:19:32
22 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team
23 Kilian Frankiny (Swi) BMC Racing Team 0:23:07
24 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 0:24:43
25 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale 0:24:49
26 Darwin Atapuma (Col) UAE Team Emirates
27 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
28 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale
29 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors 0:25:32
30 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale 0:26:00
31 Laurens ten Dam (Ned) Team Sunweb 0:27:00
32 Koen Bouwmam (Ned) LottoNL-Jumbo 0:27:22
33 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team 0:32:52
34 Alexey Lutsenko (Kaz) Astana Pro Team
35 Joe Dombrowski (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
36 Benjamin King (USA) Dimension Data
37 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team
38 Jan Hirt (Cze) Astana Pro Team
39 Michael Woods (Can) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:33:35
40 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:33:51
41 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 0:34:28
42 Carlos Betancur (Col) Movistar Team
43 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team
44 Rodolfo Torres (Col) Androni Giocattoli-Sidermec
45 Jérémy Roy (Fra) Groupama-FDJ
46 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ
47 Steve Morabito (Swi) Groupama-FDJ
48 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin
49 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates 0:35:05
50 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky
51 Christian Knees (Ger) Team Sky
52 Felix Grossschartner (Aut) Bora-Hansgrohe
53 Kenny Elissonde (Fra) Team Sky
54 Hugh Carthy (GBr) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:35:09
55 Zdenek Stybar (Cze) Quick-Step Floors
56 Eduardo Sepulveda (Arg) Movistar Team
57 Domen Novak (Slo) Bahrain-Merida
58 David De La Cruz (Spa) Team Sky 0:35:16
59 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF 0:35:18
60 Jacopo Mosca (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
61 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
62 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo
63 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
64 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale
65 Davide Ballerini (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:35:24
66 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy
67 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida 0:35:27
68 Jarlinson Pantano (Col) Trek-Segafredo 0:35:34
69 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida 0:35:51
70 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 0:36:09
71 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale 0:37:22
72 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ 0:37:34
73 Jurgen Roelandts (Bel) BMC Racing Team 0:37:39
74 Ruben Plaza (Spa) Israel Cycling Academy 0:37:44
75 Alessandro De Marchi (Ita) BMC Racing Team 0:37:52
76 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:37:57
77 Roman Kreuziger (Cze) Mitchelton-Scott 0:38:51
78 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott
79 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott
80 Tom Van Asbroeck (Bel) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
81 Maximilian Schachmann (Ger) Quick-Step Floors
82 Jean-Pierre Drucker (Lux) BMC Racing Team
83 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
84 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
85 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott
86 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb
87 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin
88 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott 0:38:57
89 Nathan Brown (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:39:10
90 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 0:39:24
91 Ruben Fernandez (Spa) Movistar Team
92 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team 0:39:31
93 Bert-Jan Lindeman (Ned) LottoNL-Jumbo 0:39:40
94 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates 0:40:26
95 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors 0:43:45
96 Adam Hansen (Aus) Lotto Fix All
97 Alex Turrin (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
98 Tony Martin (Ger) Katusha-Alpecin
99 Danny van Poppel (Ned) LottoNL-Jumbo
100 Zakkari Dempster (Aus) Israel Cycling Academy
101 Markel Irizar (Spa) Trek-Segafredo
102 Roy Curvers (Ned) Team Sunweb
103 Clement Venturini (Fra) AG2R La Mondiale
104 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy
105 Ryan Mullen (Irl) Trek-Segafredo
106 Guy Sagiv (Isr) Israel Cycling Academy
107 Sander Armee (Bel) Lotto Fix All
108 Chad Haga (USA) Team Sunweb
109 Gijs Van Hoecke (Bel) LottoNL-Jumbo
110 Francisco Ventoso (Spa) BMC Racing Team
111 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
112 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
113 Jos van Emden (Ned) LottoNL-Jumbo
114 Lars Bak (Den) Lotto Fix All
115 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data
116 Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina-Selle Italia
117 Dayer Quintana (Col) Movistar Team
118 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott
119 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
120 Lennard Hofstede (Ned) Team Sunweb
121 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe
122 Baptiste Planckaert (Bel) Katusha-Alpecin
123 Sam Bewley (NZl) Mitchelton-Scott
124 Jaco Venter (RSA) Dimension Data
125 Rémi Cavagna (Fra) Quick-Step Floors
126 Florian Senechal (Fra) Quick-Step Floors
127 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe
128 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
129 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors
130 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
131 Svein Tuft (Can) Mitchelton-Scott
132 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF
133 Liam Bertazzo (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
134 Andreas Schillinger (Ger) Bora-Hansgrohe
135 Niccolo Bonifazio (Ita) Bahrain-Merida
136 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe
137 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF
138 Sacha Modolo (Ita) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:44:04
139 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF 0:44:07
140 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida 0:44:26
141 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida 0:44:30
142 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin 0:44:43
143 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy 0:45:05
144 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 0:45:10
145 Boy van Poppel (Ned) Trek-Segafredo
146 Marco Coledan (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
147 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo 0:45:26
148 Jens Debusschere (Bel) Lotto Fix All
149 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo 0:45:30
150 Frederik Frison (Bel) Lotto Fix All 0:45:32
151 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin 0:45:49

CLASSIFICA GENERALE

1 Chris Froome (GBr) Team Sky 80:21:59
2 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb 0:00:40
3 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ 0:04:17
4 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team 0:04:57
5 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team 0:05:44
6 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida 0:08:03
7 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 0:11:08
8 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe 0:12:19
9 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo 0:12:35
10 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb 0:14:18
11 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe 0:15:16
12 Alexandre Geniez (Fra) AG2R La Mondiale 0:16:29
13 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team 0:16:38
14 Wout Poels (Ned) Team Sky 0:17:40
15 Sergio Henao (Col) Team Sky 0:26:02
16 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:28:16
17 Sébastien Reichenbach (Swi) Groupama-FDJ 0:35:29
18 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 0:35:42
19 Carlos Betancur (Col) Movistar Team 0:40:47
20 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ 0:53:55
21 Michael Woods (Can) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:57:18
22 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale 1:01:03
23 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo 1:01:10
24 Maximilian Schachmann (Ger) Quick-Step Floors 1:02:07
25 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott 1:04:29
26 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 1:12:20
27 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team 1:12:22
28 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates 1:14:04
29 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 1:20:20
30 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo 1:23:41
31 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida 1:31:18
32 Felix Grossschartner (Aut) Bora-Hansgrohe 1:32:12
33 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott 1:34:10
34 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale 1:37:41
35 Ben Hermans (Bel) Israel Cycling Academy 1:45:32
36 Jan Hirt (Cze) Astana Pro Team 1:47:18
37 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale 1:49:47
38 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 1:50:12
39 Laurens ten Dam (Ned) Team Sunweb 1:51:17
40 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo 1:51:26
41 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 1:54:03
42 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin 1:54:52
43 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida 1:54:55
44 Benjamin King (USA) Dimension Data 1:55:30
45 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale 1:55:36
46 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team 1:59:26
47 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors 2:02:55
48 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF 2:11:13
49 Nathan Brown (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 2:12:18
50 Roman Kreuziger (Cze) Mitchelton-Scott 2:12:21
51 Kilian Frankiny (Swi) BMC Racing Team 2:15:20
52 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe 2:16:32
53 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 2:16:45
54 Jarlinson Pantano (Col) Trek-Segafredo 2:19:15
55 Ruben Plaza (Spa) Israel Cycling Academy 2:21:44
56 Kenny Elissonde (Fra) Team Sky 2:24:38
57 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale 2:26:34
58 Darwin Atapuma (Col) UAE Team Emirates 2:28:31
59 Joe Dombrowski (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 2:29:48
60 Rodolfo Torres (Col) Androni Giocattoli-Sidermec 2:30:00
61 Alessandro De Marchi (Ita) BMC Racing Team 2:31:37
62 Adam Hansen (Aus) Lotto Fix All 2:32:01
63 David De La Cruz (Spa) Team Sky 2:33:48
64 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team 2:34:22
65 Koen Bouwmam (Ned) LottoNL-Jumbo 2:36:47
66 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 2:40:17
67 Chad Haga (USA) Team Sunweb 2:41:17
68 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott 2:42:02
69 Davide Ballerini (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 2:45:08
70 Sander Armee (Bel) Lotto Fix All 2:47:53
71 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida 2:50:36
72 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team 2:50:57
73 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky 2:51:46
74 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates 2:53:24
75 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ 3:00:19
76 Hugh Carthy (GBr) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 3:03:56
77 Steve Morabito (Swi) Groupama-FDJ 3:05:41
78 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ 3:09:22
79 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott 3:09:23
80 Zdenek Stybar (Cze) Quick-Step Floors 3:11:11
81 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy 3:11:18
82 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 3:13:38
83 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 3:14:39
84 Dayer Quintana (Col) Movistar Team 3:15:03
85 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data 3:15:08
86 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data 3:19:02
87 Sacha Modolo (Ita) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 3:25:54
88 Francisco Ventoso (Spa) BMC Racing Team 3:26:32
89 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 3:27:09
90 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team 3:27:46
91 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo 3:28:51
92 Jaco Venter (RSA) Dimension Data 3:30:33
93 Eduardo Sepulveda (Arg) Movistar Team 3:30:48
94 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo 3:31:36
95 Jos van Emden (Ned) LottoNL-Jumbo 3:34:53
96 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida 3:35:01
97 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF 3:39:38
98 Ruben Fernandez (Spa) Movistar Team 3:40:42
99 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates 3:41:08
100 Clement Venturini (Fra) AG2R La Mondiale 3:41:27
101 Jacopo Mosca (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 3:42:25
102 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin 3:42:27
103 Lars Bak (Den) Lotto Fix All 3:42:31
104 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors 3:43:27
105 Alex Turrin (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 3:43:48
106 Alexey Lutsenko (Kaz) Astana Pro Team 3:43:59
107 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe 3:44:12
108 Jérémy Roy (Fra) Groupama-FDJ 3:45:10
109 Christian Knees (Ger) Team Sky 3:45:50
110 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy 3:49:00
111 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb 3:50:38
112 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 3:51:06
113 Tony Martin (Ger) Katusha-Alpecin 3:51:44
114 Niccolo Bonifazio (Ita) Bahrain-Merida 3:53:43
115 Domen Novak (Slo) Bahrain-Merida 3:55:43
116 Bert-Jan Lindeman (Ned) LottoNL-Jumbo 3:56:54
117 Rémi Cavagna (Fra) Quick-Step Floors 3:56:56
118 Baptiste Planckaert (Bel) Katusha-Alpecin 4:00:15
119 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy 4:00:44
120 Jean-Pierre Drucker (Lux) BMC Racing Team 4:00:50
121 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 4:02:07
122 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin 4:02:24
123 Danny van Poppel (Ned) LottoNL-Jumbo 4:04:12
124 Gijs Van Hoecke (Bel) LottoNL-Jumbo 4:04:56
125 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 4:06:22
126 Jurgen Roelandts (Bel) BMC Racing Team 4:06:24
127 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF 4:07:22
128 Zakkari Dempster (Aus) Israel Cycling Academy 4:10:11
129 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin 4:11:40
130 Roy Curvers (Ned) Team Sunweb 4:15:31
131 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors 4:15:40
132 Sam Bewley (NZl) Mitchelton-Scott 4:16:19
133 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 4:17:01
134 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors 4:17:38
135 Tom Van Asbroeck (Bel) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 4:18:27
136 Markel Irizar (Spa) Trek-Segafredo 4:19:43
137 Florian Senechal (Fra) Quick-Step Floors 4:20:02
138 Jens Debusschere (Bel) Lotto Fix All 4:24:30
139 Boy van Poppel (Ned) Trek-Segafredo 4:26:10
140 Ryan Mullen (Irl) Trek-Segafredo 4:28:43
141 Andreas Schillinger (Ger) Bora-Hansgrohe 4:29:04
142 Guy Sagiv (Isr) Israel Cycling Academy 4:36:13
143 Frederik Frison (Bel) Lotto Fix All 4:36:30
144 Liam Bertazzo (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 4:38:46
145 Lennard Hofstede (Ned) Team Sunweb 4:39:24
146 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo 4:40:38
147 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF 4:44:41
148 Marco Coledan (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 4:52:38
149 Svein Tuft (Can) Mitchelton-Scott 4:53:23
150 Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina-Selle Italia 4:54:45
151 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 5:07:59

Un momento della pazza ma vincente fuga di Froome sul Colle delle Finestre (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

Un momento della "pazza" ma vincente fuga di Froome sul Colle delle Finestre (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

VENARIA REALE – BARDONECCHIA (JAFFERAU): FINESTRE CON VISTA SULLO SPETTACOLO

Non sono mancate le critiche anche su questa tappa e stavolta gli organizzatori sono stati messi in “croce” per la collocazione del Colle delle Finestre, piazzato a 73 Km dall’arrivo. È un bel rischio perché ciò potrebbe non invogliare i corridori alla battaglia, rimandandola all’ascesa finale. Ma vogliamo pensare positivo, perché il Finestre provocherà comunque una bella selezione naturale e qualche nome già lassù potrebbe pagar dazio. E se qualcuno dei corridori che ambiscono alla maglia rosa dovesse decidere di dissotterrare l’ascia di guerra da quelle parti oggi se ne vedranno davvero delle belle. Altro che la vittoria di Merck nel 1972!

L’Italia è un popolo di santi, poeti e navigatori…. e di lamentatori, aggiungiamo noi. Non possiamo negarlo perché, forse mai come da noi, ci si lamenta di tutto, dal governo al vicino di casa molesto passando anche per le tappe del Giro. Dopo la frazione di Pratonevoso, infatti, criticata per la tanta pianura prima dell’ascesa finale, c’è chi ha borbottato anche per il disegno della tappa che si concluderà sul Monte Jafferau e che prevede il Colle delle Finestre a 73 Km dal traguardo. È stata proprio la notevole distanza che separa la cima del passo piemontese dall’arrivo a stimolare i “lamentatori” che, a dire il vero, stavolta non hanno tutti i torti. Considerato l’andazzo di molte corse viste nel recente passato, con i “big” in azione solamente negli ultimi chilometri prima del traguardo, effettivamente ci sarebbe il rischio che sul Finestre si assista a quel che viene definito “greggismo”, ossia a un’ascesa affrontata dal gruppo dei migliori senza azioni da parte di qualche uomo di classifica. In realtà tappe come queste devono, invece, servire proprio a smuovere il gruppo dalla sonnolenza e a motivare i corridori alle azioni in salita che tanto piacciono ai tifosi, nonostante la notevole mole di chilometri che poi si dovranno percorrere per andare al traguardo. Va, però, detto che, anche se non si dovessero muovere i grandi primattori della corsa rosa, l’ascesa rimarrà sicuramente nelle gambe perché è dura, lunga e, com’è noto, presenta un considerevole tratto sterrato e, sicuramente, in vetta qualche grosso nome potrebbe transitare con distacco più o meno lieve. Recuperare non sarà per nulla facile perché il tracciato non lo consentirà nell’immediato, dovendosi subito affrontare le docili pendenze del Sestriere e oramai lo sanno anche i muri che una salita pedalabile affrontata di seguito a una molto più dura finisce spesso per far lievitare i distacchi. È vero che poi ci saranno quasi 40 Km di strada agevole, parte in discesa e parte in falsopiano, grazie ai quali si potrebbe anche annullare completamente il gap, ma lo sforzo fatto potrebbe essere pagato a caro prezzo nel momento nel quale si tornerà a fare i conti con una salita impegnativa come quello della Jafferau, 7,2 Km al 9,1% che hanno nel “curriculum” un precedente di lusso datato 1972 quando, salendo sul monte che domina Bardonecchia, Eddy Merckx castigò tutti e in particolare lo scalatore spagnolo José Manuel Fuente, favorito per il successo quel giorno dopo aver già staccato il belga sul Blockhaus e che sullo Jafferau chiuderà terzo con 47 secondi di ritardo. È un precedente che fa ben sperare perché la tappa del 1972 era molto più lunga – si partiva da Savona percorrendo 256 Km mentre stavolta ne sono in programma 184 – ma anche molto meno esigente di quella odierna a causa della presenza del solo Sestriere prima dell’ascesa finale e, dunque, a dispetto di un disegno che qualcuno ha giudicato infelice, potrebbe invece risultare molto più dura del previsto, con distacchi al traguardo ben maggiori di quelli fatti registrare il giorno dell’impresa del “Cannibale”.
In questo terzultimo giorno di gara la carovana si radunerà presso la reggia di Venaria Reale, la residenza di caccia voluta dal Duca Carlo Emanuele II di Savoia che ha ospitato il “Big Start” del Giro nel 2011, quando la corsa rosa scattò da Torino, in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, con una cronometro a squadre vinta dalla HTC-Highroad, formazione statunitense che si sciolse al termine di quella stagione. Nel tratto da percorrere fuori gara verso il “chilometro 0”, l’effettivo avvio della tappa, i corridori transiteranno lungo i confini di un’altra tenuta venatoria sabaudia, il Parco della Mandria, oggi area naturale protetta nel cui cuore si erge un castello, celebre per esser stato il nido d’amore di Re Vittorio Emanuele II e della sua consorte morganatica Rosa Vercellana. I primi 20 Km si snoderanno dritti in direzione delle montagne del Canavese, percorrendo in dolce falsopiano ascendente la statale che conduce a Lanzo Torinese, il principale centro delle tre “Valli di Lanzo”: la più settentrionale è la Val Grande, quella mediana è la Val d’Ala mentre il gruppo risalirà il tratto iniziale della più meridionale delle tre, la Valle di Viù, percorrendo la quale è possibile arrivare in auto fino al Lago di Malciaussia mentre gli escursionisti possono raggiungere anche il Lago della Rossa, la cui diga è la più alta d’Europa, costruita a una quota di 2718 metri. I “girini”, come detto, percorreranno solo il primo tratto di valle e poi, appena attraversato il comune di Viù – conosciuto dagli appassionati di “bob kart” in quanto sede sin dal 1959 di un gran premio di questa particolare gara che ricorda le “Soapbox Race” americane – svolteranno a sinistra per tornare verso Torino attraverso il Colle del Lys. È un’ascesa inedita per la corsa rosa, che sarà affrontata dal suo versante più pedalabile (13,8 Km al 4,3% con un tratto intermedio di 5,4 Km al 7,1%) e che vedrà i corridori in vetta transitare prima davanti all’omonimo e panoramico rifugio – set nel 2013 di una scena del film “Aspirante Vedovo” con Fabio De Luigi e Luciana Littizzetto, remake di un quasi omonimo film del 1959 con Alberto Sordi e Franca Valeri – e poi al cospetto del monumento che ricorda i 26 partigiani che lassù furono catturati e fucilati dai tedeschi il 2 luglio del 1944. Pendenze molto più sostenute – sono 13 Km al 6,7% – presenterà la discesa sull’altro versante, che ricondurrà la corsa in pianura dopo il passaggio da Almese, centro presso il quale negli anni ’80 sono stati rinvenuti i resti di una villa eretta in epoca romana a breve distanza dalla strada consolare che da Augusta Taurinorim (Torino) conduceva prima a Segusium (l’attuale Susa) e poi al Mons Matrona, il valico che oggi chiamiamo Monginevro. Sarà proprio questa la direzione che ora andrà a imboccare il gruppo, che prima di arrivare all’appuntamento con il Colle delle Finestre dovrà percorrere una trentina di chilometri agevoli, toccando all’inizio di questo tratto Sant’Ambrogio di Torino, il centro nel cui territorio comunale ricade uno dei monumenti simbolo della regione Piemonte, l’Abbazia di San Michele della Chiusa, costruita tra il X e il XIII secolo sulla cima del monte Pirchiriano e che è più nota con il nome di “Sacra di San Michele”. Alle porte di Susa, che in quest’occasione non sarà attraversata dalla corsa ma il giorno successivo ospiterà la partenza del tappone di Cervinia, si attaccherà l’atteso Colle delle Finestre, che proprio all’inizio propone il suo tratto più aspro (14%), unica impennata di una salita che sale sempre costante attorno al 9% per 18 chilometri e mezzo, movimentata da ben 44 tornanti e resa unica dallo sterrato che s’incontrerà negli ultimi 7,8 Km, un fondo che un tempo caratterizzava l’intera strada, tracciata nel XVIII secolo dal genio militare per collegare le numerose fortificazioni erette su quelle montagne: tra queste la più celebre è quella monumentale di Fenestrelle, mentra un’altra, oggi in cattivo stato di conservazione , era stata innalzata nel 1891 proprio in prossimità del valico. Raggiunta la Cima Coppi dell’edizione 2018 – un “titolo” che al Fineste era toccato anche nel 2015, quando lo speciale premio dedicato al Campionissimo fu conquistato dallo spagnolo Mikel Landa – si ritroverà l’asfalto nella ripida discesa verso la Val Chisone, dove si attraverserà Pragelato, la località di sport invernali che ospita lo Stadio del Trampolino, costruito per le Olimpiadi Invernali del 2006 e successivamente utilizzato anche in occasioni di gare della Coppa del Mondo di combinata nordica e di Coppa del Mondo di salto con gli sci. A questo punto già da qualche chilometro si sarà ripresi a salire per affrontare i 16,2 Km al 3,8% che conducono al Sestriere, inserito per la prima volta nel percorso del Giro nel 1911, quando ancora non esisteva la celeberrima stazione di sport invernali, sviluppatasi negli anni ’30 su iniziativa del fondatore della FIAT Giovanni Agnelli (padre dell’avvocato), e questo era ancora un semplice valico di passaggio sfruttato sin dal tempo dei romani, epoca nella quale vi era stata posizionata la “petram sextarium”, il cippo miliare dal quale poi derivò il nome di Sestriere.
In discesa, tra le due strade possibili, s’è scelto di percorrere il vecchio itinerario che transita per Sauze di Cesana, località di villeggiatura situata all’imbocco della solitaria Valle Argentera, frequentata sia d’estate, sia d’inverno, quando le sue cascate ghiacciano e gli appassionati di sci fuoripista trovano parecchio pane per i loro denti. Ufficialmente la discesa avrà termine con il passaggio da Cesana Torinese – il paese del quale secondo alcuni studiosi sono originari gli antenati del celebre pittore francese Paul Cézanne, il cui cognome altro non sarebbe che una “francesizzazione” del toponimo Cesana – anche se poi si continuerà a perdere quota più gradatamente percorrendo la statale del Monginevro in direzione di Oulx, nel cui borgo superiore si trova la medioevale Torre Delfinale, detta anche “dei Saraceni” e restaurata da non molti anni. È da questo centro che ha inizio il falsopiano di una dozzina di chilometri che, costeggiando l’autostrada diretta al traforo stradale del Frejus (aperto nel 1980 affiancandosi a quello ferroviario, in esercizio fin dal 1871), condurrà la corsa nel cuore di Bardonecchia, una delle stazioni sciistiche più “anziane” d’Italia, nell’inverno del 1904 teatro delle prime gare. Oggi ben due comprensori ricadono all’interno del comune piemontese e uno di questi è realizzato sulle pendici dello Jafferau, il monte che accoglierà le ultime fasi di gara e sulla cui cima si trovano gli scarsi resti dell’omonima batteria, seconda fortezza più alta della catena alpina (2775 metri), costruita 120 anni fa con lo scopo di poter colpire da lontano la vicina Francia. Altri tempi, altri bellicismi, oggi scongiurati dal trattato di pace firmato con la Francia dopo la Seconda Guerra Mondiale e che prevedeva di bombardare e distruggere il forte. Ma sul far della sera del 25 maggio 2018 su quelle pendici si tornerà cruentemente a battagliare, stavolta per la pacifica conquista della Rosa.

Mauro Facoltosi

I VALICHI DELLA TAPPA

Col San Giovanni (1116 metri). Valicato dalla SP 197 “del Colle del Lys” nel corso della salità da Viù al Colle del Lys.

Colle del Lys (1311 metri). Aperto tra i monti Arpone e Pelà, è valicato dalla SP 197 “del Colle del Lys” e mette in comunicazione Viù con Almese. Talvolta il suo nome viene scritto “Lis”.

Colletto di Meana (1455 metri). Valicato dalla SP 172 “del Colle delle Finestre”, che mette in comunicazione Meana di Susa con Fenestrelle passando per il Colle delle Finestre. Il valico si trova sul versante di Meana (quello che il Giro affronterà in salita) e s’incontra nel punto nel quale inizia il tratto sterrato. Quotato 1456 sulle cartine del Giro 2018.

Colle delle Finestre (2176 metri). Quotato 2178 sulle cartine del Giro 2018, è costituito dai monti Carlei e Pintas ed è valicato dalla SP 172 “del Colle delle Finestre”, che mette in comunicazione Meana di Susa con Fenestrelle. Il Giro d’Italia l’ha valicato per la prima volta il 28 maggio del 2005, nel finale della tappa Savigliano – Sestriere, che vide Danilo Di Luca transitare primo in vetta mentre il successo di giornata andò al venezuelano José Rujano. Successivamente si è tornati sul Finestre in altre due occasioni, sempre con il traguardo finale fissato al Sestriere: nel 2011, partendo da Verbania, il bielorusso Vasil’ Kiryenka fece man bassa conquistando prima il GPM e poi il traguardo di tappa; nel 2015 la tappa, partita da Saint-Vincent, sarà dominata dagli Astana con Mikel Landa primo sul Finestre e Fabio Aru vincitore di tappa bissando il successo conseguito ventiquattrore prima a Cervinia.

Colle di Sestriere (2033 metri). È un’ampia depressione che separe il Monte Fraitève e dalla Punta Rognosa di Sestriere. Vi transita la SS 23 “del Colle di Sestriere” tra Cesana Torinese e Pragelato. Da Cesana vi sale anche il vecchio tracciato della statale, che transita per Sauze di Cesana e che quest’anno sarà percorsa in discesa dai “girini”. È quotato 2035 sulle cartine del Giro, dov’è riportata l’erronea grafia francese spesso utilizzata di Sestrière. La corsa l’ha superato per la prima volta nel 1911, nel corso della Mondovì – Torino vinta dal francese Lucien Georges Mazan, più conosciuto con il soprannome di “Petit Breton”. Dal 1933, anno dell’istituzione della classifica GPM, è stato inserito 16 volte sul tracciato della corsa rosa: l’ultimo conquistatore è stato Fabio Aru, vincitore della Saint-Vicent – Sestriere nel 2015.

RINGRAZIAMENTI

Segnaliamo che le citazioni cinematografiche (nel testo e nella fotogallery) sono frutto della collaborazione con il sito www.davinotti.com, che ringraziamo per la disponibilità.

FOTOGALLERY

Reggia di Venaria Reale

Castello della Mandria

Lanzo Torinese, Ponte del Diavolo

Valle di Viù, Lago di Malciaussia

Lago della Rossa

Il rifugio del Colle del Lys in notturna nel film “Aspirante vedovo” (www.davinotti.com)

Il rifugio del Colle del Lys in notturna nel film “Aspirante vedovo” (www.davinotti.com)

Il rifugio del Colle del Lys in notturna nel film “Aspirante vedovo” (www.davinotti.com)

Lo scollinamento del Colle del Lys con il monumento ai partigiani caduti nell’eccidio nazista

Resti della villa romana rinvenuta alle porte di Almese

La Sacra di San Michele vista da uno degli ultimi tornanti della discesa dal Colle del Lys

Sacra di San Michele

Un tratto sterrato del Colle delle Finestre

Vista aerea sullo scollinamento del Colle delle Finestre; al centro si riconosce uno scorcio del Forte

Pragelato, Stadio del Trampolino

Sestriere, il piazzale intitolato a Giovanni Agnelli senior

Sauze di Cesana, testata della Valle Argentera

Oulx, Torre Delfinale

Bardonecchia, Forte Bramafam

Bardonecchia, Palazzo delle Feste

Spettacolare vista dai resti della Batteria Jafferau e, in trasparenza, l’altimetria della diciannovesima tappa del Giro 2018 (Google Street View)

Spettacolare vista dai resti della Batteria Jafferau e, in trasparenza, l’altimetria della diciannovesima tappa del Giro 2018 (Google Street View)