LA CARICA DEL 101° A NERVESA DELLA BATTAGLIA

Ecco il tradizionale contenitore made ne ilciclismo.it che da diverse stagioni accompagna le cronache prima del Giro e poi del Tour. All’interno ritroverete le rubriche riservate alla rassegna stampa internazionale, alla colonna sonora del giorno, alle previsioni del tempo per la tappa successiva, alle “perle” dei telecronisti, al Giro d’Italia rivisto alla “rovescia” al ricordo di un Giro passato (quest’anno rivisiteremo l’edizione del 1974, partita da un’altra terra “santa”, quella della Città del Vaticano).

GIRO D’ITALIA, GIRO DEL MONDO

Italia

Viviani: “Voi criticate, io vinco. Dopo Imola ci siamo fatti una birra” – Viviani, terza meraviglia! A Nervesa lo sprint più bello – Elia esulta polemicamente e poi lascia a terra la bici – La salita più dura d’Europa: scala lo Zoncolan con Hesjedal (Gazzetta dello Sport)

Giro d’Italia 2018, Viviani fa il tris: a Nervesa della Battaglia batte allo sprint Bennett (Corriere della Sera)

Gran Bretagna

Viviani sprints to Giro stage 13 win, Yates keeps overall lead(The Independent)

The making of Simon Yates – how a quiet twin from Bury gave himself a shot at Giro d’Italia glory (The Daily Telegraph)

Francia

Et de trois pour Viviani! – Yates: «La journée la plus facile» – Viviani: «J’avais beaucoup de pression» – Venturini: «Il faut poser son cerveau pour faire les sprints» – Viviani, jamais deux sans trois (L’Equipe)

Viviani s’impose au sprint sur la treizième étape – Elia Viviani: «Tout est toujours exagéré» (Le Figaro)

Spagna

Viviani firma su hat-trick en la víspera del Monte Zoncolan – Viviani: “A veces recibes críticas injustas, pero así es el ciclismo” – Igor Antón: “Siempre noto algo especial al subir el Zoncolan” – Los españoles en el Giro: Markel Irizar, en la fuga del día – Monte Zoncolan y Angliru: ¿cuál es más duro de los dos? – Viviani gana con autoridad su tercera etapa al sprint (AS)

Viviani hace ‘hat-trick’ (Marca)

Viviani vuelve a llevarse la batalla del sprint antes del Zoncolan – “Froome tiene que demostrar ahora si ha perdido el Giro o tiene todavía opciones” (El Mundo Deportivo)

Belgio

Verwachte massaspurt is prooi voor machtige Viviani (Het Nieuwsblad)

Tour d’Italie: Viviani réussit la passe de trois (La Dernière Heure/Les Sports)

Paesi Bassi

Derde etappezege voor Viviani – Dumoulin kijkt uit naar mythische beklimming – Gesink mikt op verrassingsaanval – Van Poppel: ‘We blijven het proberen’ (De Telegraaf)

Viviani sprint met overmacht naar derde ritzege – Dumoulin verwacht morgen vuurwerk: Spannend, maar ik heb er zin in (Algemeen Dagblad)

In de tunnels van de Monte Zoncolan sneuvelt menig droom van de roze trui. Zaterdag gaat het peloton naar boven – Zelfs Tom Dumoulin weet niet of het nu Dúmoulin of Dumoulín is(de Volkskrant)

Germania

Italiener Viviani holt dritten Etappensieg (Berliner Zeitung)

Svizzera

Giro: Viviani ne laisse pas passer sa chance (24 Heures)

Slovenia

Giro: Premirje pred Zoncolanom izkoristil Viviani(Delo)

Stati Uniti

Viviani Wins 13th Stage for 3rd Win, Yates Keeps Giro Lead (The New York Times)

Colombia

Viviani ganó la etapa y Yates sigue de líder en el Giro de Italia (El Tiempo)

Elia Viviani ganó y logró el triplete en el Giro de Italia (El Espectador)

Ecuador

Richard Carapaz es designado ‘Joven del Día’, por octava vez en el Giro de Italia (El Universo)

Australia

Viviani sprints to Giro stage 13 win, Yates keeps overall lead (The Sydney Morning Herald)

DISCOGIRO: la colonna sonora della tappa del Giro scelta per voi da ilciclismo.it

“La leggenda del Piave” (Ermete Giovanni Gaeta)

a cura di DJ Jorgens

METEO GIRO

Le previsioni si riferiscono agli orari di partenza, passaggio e arrivo della tappa del giorno dopo

San Vito al Tagliamento: poco nuvoloso, 23.6°C, vento debole da ENE (7 Km/h), umidità al 46%
Monte di Ragogna (GPM – Km 43.3): poco nuvoloso, 23.3°C, vento debole da ESE (4 Km/h), umidità al 45%
Interneppo (Km 75.6): poco nuvoloso, 23.5°C, vento debole da SE (4-5 Km/h), umidità al 43%
Villa Santina (Km 111.1) : poco nuvoloso con possibilità di deboli e isolate precipitazioni, 21.5°C, vento debole da SE (6-9 Km/h), umidità al 49%
Paularo (Traguardo Volante – Km 138.1) : pioggia modesta e schiarite (0,3 mm), 20.9°C, vento debole da SSE (7-9 Km/h), umidità al 57%
Monte Zoncolan: pioggia modesta e schiarite (0,4 mm), 9.9°C, vento debole da S (6-7 Km/h), umidità al 76%

L’ANGOLO DI SILVIOLO E PANCANOLO

Gli strafalcioni dei giornalisti al seguito della corsa rosa

Fabretti: “Giungeranno fin qui con tutti i chilometri sulle gambe”
Fabretti: “La cronometro di Treviso” (la cronometro sarà Trento – Rovereto)
Pancani: “Pieve di Sacco” (Piove di Sacco, sede del primo traguardo volante)
Fabretti: “La maglia azzurra che specifica i gran premi della montagna”
De Stefano (riportando una dichiarazione di Yates): “Mi alleno ad Andorra, sull’Alto del Cordal” (l’Alto del Cordal è una salita delle Asturie)
Sovraimpressione RAI: “Mario Basso” (Marino Basso)
Sovraimpressione RAI: “Bennet” (Bennett)
Garzelli: “Una piatta apparente quella di oggi”
Saligari: “Festeggio il compleanno in moto, come sempre mi capitava da corridore”
Saligari: “Io, come voi, tifiamo sempre per loro”
De Luca: “I nostri colleghi che colgono gli anni” (oggi era il compleanno di Saligari e Bortuzzo)
Martinello: “Andrea Marcato” (Marco Marcato)
De Luca: “Marco Marzato”
De Stefano: “Carapaz ha un figlio di 4 anni, figlio di agricoltori”
Saligari: “Certi sgarbi si ritornano”
Conti: “Diego Ronchini, che salutiamo” (Ronchini è morto 15 anni fa)
Rizzato: “I cieli che sorvolano il Giro d’Italia”
Pancani: “La salita di Montello, che ha la forma di fagiolo”
Martinello: “Abbiamo sentito dalla voce dell’ammiraglia”
Pancani (parlando dei “Ragazzi del ‘99″ della prima guerra mondiale): “I ragazzi nati nel 1999″
Pancani: “La leggenda del padre” (Piave)
Pancani (parlando della fidanzata di Bennett): “Ieri è stata la prima ad andare al collo dei Sam Bennett”
Saligari: “Il gruppo va via ad allungarsi”
Pancani: “Un vantaggio di 16 Km”

e se vi stesse chiedendo il perchè del titolo…

dalla telecronaca della tappa dell’Alpe di Siusi (Giro 2016)

Pancani: “Silviolo”
Martinello: “Dimmi Pancanolo”

IL GIRO DI GOMEZ
In questa rubrica vi faremo rileggere i piani alti della classica, come li avrebbe visti Gomez Addams nelle sue letture del giornale in “verticale”… vale a dire le classifiche giornaliere viste al contrario, dal punto di vista della maglia nera!

Ordine d’arrivo della tredicesima tappa, Ferrara – Nervesa della Battaglia

1° Johan Esteban Chaves
2° Mitchell Docker a 4′27″
3° Marco Frapporti a 7′10″
4° Igor Antón s.t.
5° Kenny Elissonde s.t.

Classifica generale

1° Giuseppe Fonzi
2° Eugert Zhupa a 13′16″
3° Svein Tuft a 13′57″
4° Marco Coledan 15′00″
5° Lennard Hofstede a 23′12″

1974: QUANDO LA CORSA ROSA PARTÌ DAL VATICANO
Ricordiamo quest’anno, attraverso i titoli del quotidiano “La Stampa”, il Giro del 1974 la cui partenza dalla Città del Vaticano quasi rivaleggia in “peso” con quella da Gerusalemme

29 MAGGIO 1974 – GIORNO DI RIPOSO

RISCOSSA DEL CLAN DI MERCKX
Il Giro riprende oggi dopo l’alt per la strage di Brescia – Zilioli non vuol smettere: “Presto torno a correre”
La sosta ha avvantaggiato Fuente – I gregari del belga (incitato da Albani e per ragione di soldi) si impegnano ad attaccare lo spagnolo – Per i nostri giovani è ora di gettarsi allo sbaraglio – Il torinese è ricoverato a Bologna – “La mia medicina è riprendere la bicicletta” – Un’amara confessione: “Cosa potrei fare d’altro?”

30 MAGGIO 1974 – 13a TAPPA: FORTE DEI MARMI – PIETRA LIGURE (231 Km)

UN GIRO SENZA EMOZIONI
A Pietra Ligure la solita volata è vinta da Paolini – Paolini sincero grazie, Bitossi
Malgrado le critiche dei direttori sportivi nessuno ha il coraggio di attaccare – Nello sprint finale il campione d’Italia, lanciato da Bitossi, sorprende i migliori specialisti – Oggi conclusione a Sanremo – “Ha fatto tutto lui, io mi sono limitato a stargli a ruota” – Merckx infuriato per il riposo

Unistantanea della tappa che ha condotto il gruppo da Ferrara a Nervesa della Battaglia (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

Un'istantanea della tappa che ha condotto il gruppo da Ferrara a Nervesa della Battaglia (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

ARCHIVIO

Cliccare sul nome della tappa per visualizzare l’articolo

Raduno di partenza Gerusalemme
1a tappa: Gerusalemme (cronometro indivuduale)
2a tappa: Haifa – Tel Aviv
3a tappa: Be’er Sheva – Eilat
4a tappa: Catania – Caltagirone
5a tappa: Agringento – Santa Ninfa (Valle del Belice)
6a tappa: Caltanissetta – Etna (Osservatorio Astronomico)
7a tappa: Pizzo – Praia a Mare
8a tappa: Praia a Mare – Montevergine
9a tappa: Pesco Sannita – Gran Sasso d’Italia (Campo Imperatore)
10a tappa: Penne – Gualdo Tadino
11a tappa: Assisi – Osimo
12a tappa: Osimo – Imola

VIVIANI SUL PIAVE NON LASCIARE PASSARE GLI STRANIERI

Vittoria in volata nella tredicesima tappa di Elia Viviani che ottimizza al meglio nel finale il lavoro della Quick-Step. Il ciclista di casa batte con autorità Sam Bennett (Bora Hansgrohe) e Danny Van Poppel (Team LottoNL-Jumbo), dimostrando di aver ritrovato la forma mostrata in Israele dopo essere apparso in ombra nelle ultime due volatr disputate. Simon Yates (Mitchelton Scott) resta in maglia rosa alla vigilia di un weekend dove le montagne saranno grandi protagoniste.

Facendo bene i calcoli, la tredicesima tappa del Giro 2018 da Ferrara a Nervesa della Battaglia può rivestire un ruolo decisivo per l’assegnazione della maglia ciclamino. Ieri, infatti, Sam Bennett (Bora Hansgrohe) non solo ha conquistato la seconda vittoria di tappa, ma ha avvicinato Elia Viviani (Quick Step), che conduce ancora nella speciale classifica, ma sono soltanto 22 i punti che lo tengono a distanza dallo scatenato irlandese. Quindi, con molta probabilità, oggi si prospettava un duello all’ultimo respiro tra i due “litiganti” sul terzultimo traguardo favorevole ai velocisti prima della tappa di Iseo di mercoledì prossimo e della passerella finale di Roma. Insomma Viviani, strafavorito a inizio Giro e già con un vantaggio consistente dopo le tre tappe israeliane, deve ora fare quadrato con la sua squadra, che ha il treno migliore, e resistere all’assalto di Bennett. Come già anticipato, si parte da Ferrara, in Emilia Romagna, per arrivare a Nervesa della Battaglia, in Veneto, dopo 180 km. Dopo la partenza – da segnalare il ritiro di Tanel Kangert (Astana) – si susseguivano gli scatti e la fuga di giornata prendeva forma intorno al km 9 grazie all’azione di Andrea Vendrame (Androni Giocattoli), Alessandro Tonelli (Bardiani CSF), Markel Irizar (Trek Segafredo), Marco Marcato (UAE Team Emirates) ed Eugert Zhupa (Wilier Triestina). Dopo 15 km il vantaggio della fuga era di poco inferiore ai 4 minuti. Il gruppo controllava la situazione con gli uomini della Bora Hansgrohe, che nei successivi chilometri aumentavano leggermente l’andatura tanto da far scendere di un minuto il vantaggio dei fuggitivi ad una quarantina di chilometri dalla partenza. Il primo traguardo volante di Piove di Sacco, posto al km 70, era vinto da Marcato, con il ritardo del gruppo che si manteneva intorno ai 3 minuti. L’albanese Zhupa andava a segno sul successivo traguardo volante di Villorba, posto al km 127, scatenando – per motivi che non si conoscono – le proteste del compagno d’avventura Vendrame. Nel frattempo, il gruppo recuperava secondi su secondi al quintetto di testa, che riusciva nonostante tutto a scollinare ancora compatto sul GPM del Montello, a 20 km dall’arrivo, già all’interno del circuito finale. Era Vendrame, ciclista di casa, a transitare in prima posizione con il gruppo sempre più minaccioso a meno di un minuto di ritardo. Il gruppo all’inseguimento era tirato adesso dagli uomini della Groupam- FDJ, che si alternavano a quelli della Bahrain Merida. Ai meno 14 il vantaggio dei cinque di testa era di soli 23 secondi. Ai meno 10 il vantaggio era sceso a 20 secondi con il gruppo inseguitore posto in una lunga fila indiana. Ai meno 8 erano le squadre dei velocisti a prendere le redini della corsa in testa al gruppo e così i fuggitivi venivano ripresi a poco più di 6 km dalla conclusione. La Katusha Alpecin era davanti a tirare a tutta. Marco Coledan (Wilier Triestina) provava l’azione da finisseur all’ultimo chilometro dma i velocisti reagivano ed era proprio Elia Viviani, il più atteso di giornata, a ottimizzare al meglio il lavoro della Quick Step e a vincere nettamente davanti a Sam Bennett e Danny Van Poppel (Team Lotto NL Jumbo). Viviani vince così la terza tappa al Giro 2018 e guadagna un margine più consistente di punti su Bennett nella classifica a punti. In classifica generale tutto resta invariato e Simon Yates (Mitchelton Scott) conserva tranquillamente la maglia rosa con 47 secondi di vantaggio su Tom Dumoulin (Sunweb) ed 1 minuto e 4 secondi su Thibaut Pinot (Groupama FDJ), mentre va registrato un ulteriore crollo del colombiano Chaves, compagno di formazione del capoclassifica, che oggi ha addirittura terminato la tappa in ultima posizione, oltre un quarto d’ora dopo l’arrivo di Viviani. Domani è in programma l’attesa quattordicesima frazione da San Vito al Tagliamento al Monte Zoncolan: 186 km durissimi che prima dell’ascesa finale di prima categoria presentano altri quattro GPM, la maggior parte dei quali concentrata nella seconda parte del percorso. Pur non dando per improbabile l’arrivo di una fuga, saranno senz’altro gli uomini di classifica a darsi battaglia, con la lotta per la maglia rosa tra Yates e Dumoulin che non sembra, per adesso, lasciare spazio a terzi incomodi che, magari, potranno emergere proprio sulle durissime rampe in doppia cifra del “Kaiser” friulano.

Giuseppe Scarfone

ORDINE D’ARRIVO

1 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors 3:56:25
2 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe
3 Danny van Poppel (Ned) LottoNL-Jumbo
4 Sacha Modolo (Ita) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
5 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
6 Jean-Pierre Drucker (Lux) BMC Racing Team
7 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
8 Clement Venturini (Fra) AG2R La Mondiale
9 Baptiste Planckaert (Bel) Katusha-Alpecin
10 Jens Debusschere (Bel) Lotto Fix All
11 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy
12 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF
13 Davide Ballerini (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
14 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF
15 Tosh Van Der Sande (Bel) Lotto Fix All
16 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates
17 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe
18 Boy van Poppel (Ned) Trek-Segafredo
19 Liam Bertazzo (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
20 Alex Turrin (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
21 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates
22 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
23 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale
24 Roy Curvers (Ned) Team Sunweb
25 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF
26 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
27 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
28 Niccolo Bonifazio (Ita) Bahrain-Merida
29 Benjamin King (USA) Dimension Data
30 Adam Hansen (Aus) Lotto Fix All
31 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
32 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida
33 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team
34 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott
35 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
36 Christian Knees (Ger) Team Sky
37 Roman Kreuziger (Cze) Mitchelton-Scott
38 Jurgen Roelandts (Bel) BMC Racing Team
39 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb
40 Gijs Van Hoecke (Bel) LottoNL-Jumbo
41 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
42 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ
43 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky
44 Marco Coledan (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
45 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates
46 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe
47 Ryan Mullen (Irl) Trek-Segafredo
48 Michael Woods (Can) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
49 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy
50 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data
51 Jarlinson Pantano (Col) Trek-Segafredo
52 Fabio Aru (Ita) UAE Team Emirates
53 Maximilian Schachmann (Ger) Quick-Step Floors
54 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ
55 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ
56 Dayer Quintana (Col) Movistar Team
57 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
58 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
59 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team
60 Mikael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
61 Tom Van Asbroeck (Bel) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
62 Ruben Fernandez (Spa) Movistar Team
63 David De La Cruz (Spa) Team Sky
64 Francisco Ventoso (Spa) BMC Racing Team
65 Chris Froome (GBr) Team Sky
66 Louis Meintjes (RSA) Dimension Data
67 Carlos Betancur (Col) Movistar Team
68 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
69 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team
70 Darwin Atapuma (Col) UAE Team Emirates
71 Sergio Henao (Col) Team Sky
72 Alexandre Geniez (Fra) AG2R La Mondiale
73 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale
74 Wout Poels (Ned) Team Sky
75 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale
76 Alexey Lutsenko (Kaz) Astana Pro Team
77 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
78 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo
79 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team
80 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates
81 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
82 Sébastien Reichenbach (Swi) Groupama-FDJ
83 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida
84 Zakkari Dempster (Aus) Israel Cycling Academy
85 Kilian Frankiny (Swi) BMC Racing Team
86 Nicolas Roche (Irl) BMC Racing Team
87 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
88 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb
89 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe
90 Jan Hirt (Cze) Astana Pro Team
91 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team
92 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data
93 Koen Bouwmam (Ned) LottoNL-Jumbo
94 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale
95 Alessandro De Marchi (Ita) BMC Racing Team
96 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
97 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team
98 Rodolfo Torres (Col) Androni Giocattoli-Sidermec
99 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale
100 Chad Haga (USA) Team Sunweb
101 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott
102 Florian Senechal (Fra) Quick-Step Floors
103 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin
104 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
105 Lars Bak (Den) Lotto Fix All
106 Nathan Brown (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
107 Jos van Emden (Ned) LottoNL-Jumbo
108 Felix Grossschartner (Aut) Bora-Hansgrohe
109 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott
110 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy
111 Jaco Venter (RSA) Dimension Data
112 William Bonnet (Fra) Groupama-FDJ
113 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team
114 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
115 Sam Bewley (NZl) Mitchelton-Scott
116 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott
117 Bert-Jan Lindeman (Ned) LottoNL-Jumbo
118 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF
119 Zdenek Stybar (Cze) Quick-Step Floors
120 Frederik Frison (Bel) Lotto Fix All
121 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin 0:00:40
122 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo 0:00:58
123 Svein Tuft (Can) Mitchelton-Scott 0:01:03
124 Tom Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:01:06
125 Sander Armee (Bel) Lotto Fix All 0:03:05
126 Tim Wellens (Bel) Lotto Fix All 0:03:07
127 Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina-Selle Italia 0:03:10
128 Loïc Vliegen (Bel) BMC Racing Team
129 Jacopo Mosca (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
130 Louis Vervaeke (Bel) Team Sunweb
131 Victor Campenaerts (Bel) Lotto Fix All
132 Ben Hermans (Bel) Israel Cycling Academy
133 Markel Irizar (Spa) Trek-Segafredo
134 Jérémy Roy (Fra) Groupama-FDJ
135 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team
136 Guy Sagiv (Isr) Israel Cycling Academy
137 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
138 Rémi Cavagna (Fra) Quick-Step Floors
139 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
140 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo
141 Manuel Senni (Ita) Bardiani CSF
142 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF
143 Alessandro Tonelli (Ita) Bardiani CSF
144 Eduardo Sepulveda (Arg) Movistar Team
145 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
146 Lennard Hofstede (Ned) Team Sunweb
147 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin
148 Ruben Plaza (Spa) Israel Cycling Academy
149 Steve Morabito (Swi) Groupama-FDJ
150 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin
151 Laurens ten Dam (Ned) Team Sunweb
152 Domen Novak (Slo) Bahrain-Merida
153 Vasil Kiryienka (Blr) Team Sky
154 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe
155 Joe Dombrowski (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
156 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
157 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida
158 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:03:22
159 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates
160 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin 0:03:58
161 Tony Martin (Ger) Katusha-Alpecin
162 Andreas Schillinger (Ger) Bora-Hansgrohe 0:07:30
163 Hugh Carthy (GBr) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:08:14
164 Kenny Elissonde (Fra) Team Sky
165 Igor Anton (Spa) Dimension Data
166 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
167 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:10:57
168 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott 0:15:24

CLASSIFICA GENERALE

1 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 55:54:20
2 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb 0:00:47
3 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ 0:01:04
4 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida 0:01:18
5 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team 0:01:56
6 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo 0:02:09
7 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team 0:02:36
8 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 0:02:54
9 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe 0:02:55
10 Fabio Aru (Ita) UAE Team Emirates 0:03:10
11 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team 0:03:17
12 Chris Froome (GBr) Team Sky 0:03:20
13 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data 0:03:25
14 Carlos Betancur (Col) Movistar Team 0:03:29
15 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb 0:03:40
16 Michael Woods (Can) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:03:43
17 Maximilian Schachmann (Ger) Quick-Step Floors 0:04:01
18 Alexandre Geniez (Fra) AG2R La Mondiale 0:04:33
19 Sergio Henao (Col) Team Sky 0:05:08
20 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:05:21
21 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe 0:06:03
22 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott 0:06:32
23 Wout Poels (Ned) Team Sky 0:06:49
24 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates 0:13:07
25 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:14:09
26 Mikael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale 0:14:23
27 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo 0:16:07
28 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 0:16:19
29 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team 0:20:06
30 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale 0:22:18
31 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ 0:24:47
32 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida 0:26:33
33 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 0:27:32
34 Sébastien Reichenbach (Swi) Groupama-FDJ 0:28:48
35 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott 0:32:01
36 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale 0:33:44
37 Jarlinson Pantano (Col) Trek-Segafredo 0:34:33
38 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin 0:35:11
39 Benjamin King (USA) Dimension Data 0:36:37
40 Louis Meintjes (RSA) Dimension Data 0:40:43
41 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida 0:42:27
42 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo 0:42:47
43 Felix Grossschartner (Aut) Bora-Hansgrohe 0:43:03
44 Ben Hermans (Bel) Israel Cycling Academy 0:43:26
45 Roman Kreuziger (Cze) Mitchelton-Scott 0:44:30
46 Nathan Brown (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:45:20
47 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale 0:45:50
48 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale 0:46:32
49 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo 0:48:20
50 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:49:07
51 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida 0:49:12
52 Laurens ten Dam (Ned) Team Sunweb 0:49:23
53 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors 0:50:36
54 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott 0:51:30
55 Joe Dombrowski (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:52:13
56 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team 0:53:25
57 Nicolas Roche (Irl) BMC Racing Team 0:53:33
58 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:55:01
59 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe 0:55:37
60 Jan Hirt (Cze) Astana Pro Team 0:56:02
61 Rodolfo Torres (Col) Androni Giocattoli-Sidermec 0:56:06
62 Alessandro De Marchi (Ita) BMC Racing Team 0:57:43
63 Kenny Elissonde (Fra) Team Sky 1:00:58
64 Louis Vervaeke (Bel) Team Sunweb 1:05:18
65 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF 1:06:39
66 Chad Haga (USA) Team Sunweb 1:07:53
67 Sander Armee (Bel) Lotto Fix All 1:08:20
68 Adam Hansen (Aus) Lotto Fix All 1:08:22
69 Darwin Atapuma (Col) UAE Team Emirates 1:09:58
70 Tim Wellens (Bel) Lotto Fix All 1:11:38
71 David De La Cruz (Spa) Team Sky 1:12:18
72 Ruben Plaza (Spa) Israel Cycling Academy 1:12:50
73 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale 1:15:43
74 Alessandro Tonelli (Ita) Bardiani CSF 1:16:42
75 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team 1:18:46
76 Koen Bouwmam (Ned) LottoNL-Jumbo 1:19:09
77 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky 1:20:02
78 Tosh Van Der Sande (Bel) Lotto Fix All 1:20:03
79 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ 1:21:56
80 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates 1:22:04
81 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 1:23:16
82 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data 1:25:19
83 Davide Ballerini (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 1:25:33
84 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 1:26:18
85 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 1:27:16
86 Kilian Frankiny (Swi) BMC Racing Team 1:27:30
87 Hugh Carthy (GBr) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 1:29:19
88 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 1:30:57
89 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data 1:31:27
90 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team 1:32:27
91 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo 1:34:19
92 Francisco Ventoso (Spa) BMC Racing Team 1:34:46
93 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 1:35:29
94 Jaco Venter (RSA) Dimension Data 1:35:37
95 Dayer Quintana (Col) Movistar Team 1:35:55
96 Tom Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 1:38:20
97 Tony Martin (Ger) Katusha-Alpecin 1:38:26
98 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy 1:38:45
99 Zdenek Stybar (Cze) Quick-Step Floors 1:39:17
100 Manuel Senni (Ita) Bardiani CSF 1:39:39
101 Lars Bak (Den) Lotto Fix All 1:40:04
102 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ 1:40:05
103 Clement Venturini (Fra) AG2R La Mondiale
104 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott 1:40:33
105 Sacha Modolo (Ita) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 1:43:07
106 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida 1:43:55
107 Rémi Cavagna (Fra) Quick-Step Floors 1:45:10
108 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy 1:49:27
109 Steve Morabito (Swi) Groupama-FDJ 1:51:05
110 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 1:52:07
111 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe 1:53:42
112 Baptiste Planckaert (Bel) Katusha-Alpecin 1:54:19
113 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin 1:54:43
114 Ruben Fernandez (Spa) Movistar Team 1:55:25
115 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin 1:55:33
116 Niccolo Bonifazio (Ita) Bahrain-Merida 1:57:20
117 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team 1:57:26
118 Jérémy Roy (Fra) Groupama-FDJ 1:58:05
119 Loïc Vliegen (Bel) BMC Racing Team 1:58:13
120 Eduardo Sepulveda (Arg) Movistar Team 1:58:23
121 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF 1:58:49
122 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin 1:58:53
123 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates 1:59:36
124 Jos van Emden (Ned) LottoNL-Jumbo 1:59:48
125 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy 2:00:48
126 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors 2:01:11
127 Jacopo Mosca (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 2:01:26
128 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF 2:02:01
129 Christian Knees (Ger) Team Sky 2:02:19
130 Gijs Van Hoecke (Bel) LottoNL-Jumbo 2:03:00
131 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 2:03:48
132 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo 2:04:01
133 Vasil Kiryienka (Blr) Team Sky
134 Bert-Jan Lindeman (Ned) LottoNL-Jumbo 2:04:48
135 Alexey Lutsenko (Kaz) Astana Pro Team 2:05:39
136 Zakkari Dempster (Aus) Israel Cycling Academy 2:06:26
137 Florian Senechal (Fra) Quick-Step Floors 2:06:45
138 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF 2:06:54
139 Jurgen Roelandts (Bel) BMC Racing Team 2:07:17
140 Victor Campenaerts (Bel) Lotto Fix All 2:08:06
141 Tom Van Asbroeck (Bel) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 2:10:05
142 William Bonnet (Fra) Groupama-FDJ 2:10:18
143 Sam Bewley (NZl) Mitchelton-Scott 2:10:41
144 Danny van Poppel (Ned) LottoNL-Jumbo 2:10:51
145 Jean-Pierre Drucker (Lux) BMC Racing Team 2:12:19
146 Roy Curvers (Ned) Team Sunweb 2:12:30
147 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors 2:14:20
148 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb 2:15:30
149 Markel Irizar (Spa) Trek-Segafredo 2:16:06
150 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 2:17:47
151 Domen Novak (Slo) Bahrain-Merida 2:18:34
152 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors 2:18:41
153 Alex Turrin (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 2:19:18
154 Igor Anton (Spa) Dimension Data 2:19:24
155 Ryan Mullen (Irl) Trek-Segafredo 2:19:48
156 Frederik Frison (Bel) Lotto Fix All 2:20:01
157 Jens Debusschere (Bel) Lotto Fix All 2:21:32
158 Guy Sagiv (Isr) Israel Cycling Academy 2:22:58
159 Boy van Poppel (Ned) Trek-Segafredo 2:23:16
160 Liam Bertazzo (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 2:25:02
161 Andreas Schillinger (Ger) Bora-Hansgrohe 2:27:17
162 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF 2:27:26
163 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo 2:28:41
164 Lennard Hofstede (Ned) Team Sunweb 2:29:28
165 Marco Coledan (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 2:37:40
166 Svein Tuft (Can) Mitchelton-Scott 2:38:43
167 Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina-Selle Italia 2:39:24
168 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 2:52:40

Dopo due volate in ombra Viviani torna al successo sul traguardo di Nervese della Battaglia (foto Bettini)

Dopo due volate in ombra Viviani torna al successo sul traguardo di Nervese della Battaglia (foto Bettini)

FERRARA – NERVESA DELLA BATTAGLIA: SPRINT CON DEDICA ALLA LEGGENDA DEL PIAVE

Costituisce una delle ultime occasioni per i velocisti la tappa che aprirà la serie di frazioni dedicate al centenario della fine della Prima Guerra Mondiale. Difficilmente le lievi difficoltà del finale, presenti sul circuito del Montello, tarperanno le speranze degli sprinter che, dopo questa giornata, avranno a disposizione solo i traguardi di Iseo e Roma. Le loro formazioni venderanno cara la pelle per tenere il più possibile cucito il gruppo, dopo esser andati a riprendere l’inevitabile fuga di giornata, mentre chi punta alla classifica generale se ne starà tranquillo nella “pancia” del plotone per non sprecare inutili energie alla vigilia della temuta tappa dello Zoncolan.

Sarà la prima di tre tappe celebrative – le altre saranno quella di Sappada e la cronometro di Rovereto – che concluderanno la serie di frazioni a “tema” dedicate al centenario della Prima Guerra Mondiale, introdotte nel 2014 dalla cronoscalata al Monte Grappa e proposte negli scorsi anni anche al Tour de France. Oggi, alla vigilia delle “battaglie” alpine che decideranno le sorti della corsa rosa, si arriverà a Nervesa con l’epilogo lungo le sponde del Piave, il fiume sacro alla patria che, secondo la celebre canzone patriottica composta nel 1918 da Giovanni Ermete Gaeta, mormorò l’immortale frase “non passa lo straniero” la notte tra il 23 e 24 maggio del 1915, momento nel quale l’Italia, dichiarata guerra all’impero austro-ungarico, sferrò il primo attacco contro l’esercito avversario. Agonisticamente parlando, però, in questa frazione di attacchi se ne vedranno ben pochi poiché, pur essendo previste alcune difficoltà altimetriche nel finale, questa sarà una delle ultime tappe che gli organizzatori hanno riservato ai velocisti – le prossime saranno quelle di Iseo e Roma – che ben difficilmente si faranno sfuggire l’occasione. Ci sarà sicuramente un controllo ferreo da parte delle loro squadre, ma anche chi vorrà tentare un assolo sulle due salitelle che movimentano il circuito finale troverà ben poco pane per i denti a causa dell’estrema facilità delle pendenze e poi del ritorno sulla pianura negli ultimi 13 Km. Si tratterà, dunque, di un’altra tappa di trasferimento, ideale per chi punta alla classifica per non sprecare troppe energie in vista dello Zoncolan, anche se non bisogna far mai calare l’attenzione perché gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo e possono anche essere pagati a caro prezzo.
La tappa numero 13 vedrà i “girini” dare le prime pedalate dominati dalla mole del Castello Estense, cuore monumentale della città di Ferrara, prima di prendere la direzione del Po, che sarà varcato sul ponte di Pontelagoscuro, costruito in ferro nel 1912 nel punto dove si trovava un precedente ponte di chiatte risalente al 1865: è su quest’ultimo che era transitato il Giro il 13 maggio del 1909, nel finale della prima tappa della prima edizione della corsa rosa, terminata a Bologna con il successo del romano Dario Beni. Superato il fiume, si pedalerà per un lungo tratto sulle strade del Polesine, la regione storico-geografica corrispondente con il territorio dell’attuale provincia di Rovigo e il cui nome, derivante dal termine medioevale “pollìcinum”, significa “terra paludosa”: le acque, infatti, sono sempre state le grandi protagoniste di queste terre, nel bene della possibilità di coltivarle e trarne così la sussistenza ma anche nel male di storiche e disastrose alluvioni succedutesi nei secoli, le più celebri delle quali furono quelle che colpirono il Polesine nel 1951 e nel 1882, con quest’ultima che costrinse oltre 60000 sfollati ad abbandonare l’Italia e a cercar fortuna in America. A una trentina di chilometri dal via si toccherà il capolugo di quest’area, per l’appunto la città di Rovigo, dove il gruppo percorrerà il centralissimo Corso del Popolo, sui cui sampietrini il 28 maggio del 2001 Mario Cipollini perfezionò la sua 32a affermazione alla corsa rosa delle 42 ottenute in carriera al Giro, record ottenendo precedendo letteralmente “allo sprint” il grande Alfredo Binda, “fermo” a quota 41 successi. Il successivo tratto di questa frazione si svolgerà sulle strade della cosiddetta Saccisica, toponimo che identifica la porzione sudorientale della provincia di Padova, situata tra i Colli Euganei e la laguna di Venezia e il cui centro più importante è Piove di Sacco, l’antica Plebs Sacci che in epoca romana divenne un luogo nevralgico per i commerci trovandosi all’incrocio tra due frequentate strade consolari – le vie Popilia e Annia – ed essendo lambita dai corsi dell’Adige e del Bacchiglione. Attraversato questo centro, il cui simbolo è la Torre Carrarese, unico “residuo” di un castello eretto nella seconda metà del X secolo oggi “adottato” come campanile dal vicino duomo, si supererà il corso del Brenta e si entrerà in provincia di Venezia poco prima di giungere a Campagna Lupia, comune il cui territorio si spinge fino alle acque della laguna, sulle quali si affaccia inaspettato il casone di caccia di Valle Zappa, edificio che per lo stile ci si aspetterebbe di trovare in qualche sperduta landa dei Paesi Bassi e che fa la sua comparsa a sorpresa anche nel film “Ritratto di borghesia in nero”, girato nel 1977 da Tonino Cervi, figlio dell’indimenticato “Peppone”.
Successivamente la corsa giungerà nella zona della celebre Riviera del Brenta all’altezza di Mira, nel cui territorio municipale ricadono una ventina di ville, la più famosa delle quali è la “Malcontenta”, situata nell’omonima frazione e progettata da Andrea Palladio per la famiglia Foscari, tra i cui membri ci fu – secondo una leggenda – una dama costretta a vivere relegata tra quelle mura a causa della sua condotta ritenuta troppo licenziosa e che sarebbe la “Malcontenta” dalla quale poi derivò il soprannome della nobile dimora. Velocemente la corsa si allontenerà anche da quest’area del Veneto per puntare su Treviso, dove il gruppo sfreccerà sulla strada che costeggia le mura cittadine, innalzate nel cinquecento quando si pensò di fortificare la città dopo la sconfitta patita dalla Repubblica di Venezia per opera dell’esercito francese nella battaglia di Agnadello, episodio della Guerra della Lega di Cambrai.
Quando mancheranno poco più di 40 Km all’arrivo il gruppo approderà per la prima volta sulle rive del Piave all’altezza di Maserada, centro che per la sua posizione fu tra i più coinvolti dalle battaglie della Prima Guerra Mondiale e lo fu in almeno un paio d’occasioni, la prima nel novembre del 1917 quando la popolazione residente fu totalmente evacuata e successivamente nel giugno dell’anno successivo quando divenne uno dei “campi” dove si svolse la Battaglia del Solstizio, ultima offensiva dell’esercito austroungarico nei confronti dei nostri militari, comandati dal generale Armando Diaz e alla fine risultati vincitori. Qualche chilometro più avanti il percorso sfiorerà lo storico Ponte della Priula, rimanendo sulla sponda opposta rispetto a quella sulla quale si trovano l’omonimo abitato e il tempio votivo inaugurato nel 1983, poco prima di giungere a Nervesa e dare inizio all’anello conclusivo di 30 Km. Il circuito debutterà con il suo tratto più impegnativo, nel corso del quale sarà attraversata l’estremità orientale del Montello, la grossa collina di origine carsica che durante la Grande Guerra si trovò nel bel mezzo del fronte del Piave, divenendo suo malgrado uno degli obiettivi dell’esercito dell’Impero austro-ungarico. In quest’ambiente si affronteranno due modestissime ascese, la prima delle quali è un dolce falsopiano che i corridori incontreranno percorrendo la strada intitolata all’Ottava Armata che il 15 giugno del 1918 riuscì a respingere l’offensiva nemica che ambiva alla conquista della collina. Un pelo più impegnativa – roba da solletico, comunque – è la successiva salita di 1.8 Km al 3,2% che condurrà allo striscione del GPM, steso in prossimità del monumento eretto in memoria del generale Giuseppe Pennella, nel cuore della cosiddetta “Valle dei Morti”, accanto al sacello realizzato negli anni ’60 e dedicati ai militari dispersi sul Montello e dei quali non furono mai ritrovate le spoglie. Percorse le prime centinaia di metri della discesa si entrerà su quello che fu il circuito dei campionati del mondo del 1985, disputati nella vicina Giavera e vinti dall’olandese Joop Zoetemelk, ancor oggi detentore del primato di corridore più anziano a essersi imposto nel mondiale, all’età di 39 anni e nove mesi. Ripercorrendo le rotte iridate di 33 anni fa, in dolce discesa si farà ritorno a Nervesa dopo aver sfiorato uno dei luoghi più “sacri” della collina trevigiana, dove il gruppo transiterà tra i ruderi dell’abbazia benedettina di Sant’Eustachio, rovinata proprio a causa della guerra, e il Colesel de Zorzi, la bassa collinetta sulla quale sarà eretto negli anni ’30 il sacrario del Montello, progettato dall’architetto romano Felice Nori.
Terminata la discesa, come detto, si sarà già rientrati al “campo base” di Nervesa ma la tappa sarà ancora lungi dall’essere conclusa perché ora inizierà la seconda e più snella parte del circuito finale, da disputarsi nuovamente sul velluto della pianura per una ventina di minuti prima di porre termine alla 13a fatica del Giro n°101.

Mauro Facoltosi

RINGRAZIAMENTI

Segnaliamo che le citazioni cinematografiche (nel testo e nella fotogallery) sono frutto della collaborazione con il sito www.davinotti.com, che ringraziamo per la disponibilità.

FOTOGALLERY

Castello Estense di Ferrara

Il ponte di Pontelagoscuro

Scorcio del Polesine alle porte di Polesella

Rovigo, la Torre Donà vista da Corso del Popolo

Piove di Sacco, Torre Carrarese

 Il Casone di Valle Zappa a Campagna Lupia come appare nel film “Ritratto di borghesia in nero” (www.davinotti.com)

Il Casone di Valle Zappa a Campagna Lupia come appare nel film “Ritratto di borghesia in nero” (www.davinotti.com)

Villa Foscari, detta “La Malcontenta”, affacciata sul Canale di Brenta a Mira

Treviso, Porta San Tomaso

Il tempio votivo costruito presso il Ponte della Priula

Il monumento al Generale Pennella e il vicino sacello costruiti nel luogo del Montello dove terminerà il tratto più difficile della tappa odierna

I resti dell’abbazia di Sant’Eustachio a Nervesa della Battaglia

Il fiume Piave visto dal Ponte della Priula e, in trasparenza, l’altimetria della tredicesima tappa del Giro 2018 (Google Street View)

Il fiume Piave visto dal Ponte della Priula e, in trasparenza, l’altimetria della tredicesima tappa del Giro 2018 (Google Street View)