LA CARICA DEL 101° A TEL AVIV

Ecco il tradizionale contenitore made ne ilciclismo.it che da diverse stagioni accompagna le cronache prima del Giro e poi del Tour. All’interno ritroverete le rubriche riservate alla rassegna stampa internazionale, alla colonna sonora del giorno, alle previsioni del tempo per la tappa successiva, alle “perle” dei telecronisti, al Giro d’Italia rivisto alla “rovescia” al ricordo di un Giro passato (quest’anno rivisiteremo l’edizione del 1974, partita da un’altra terra “santa”, quella della Città del Vaticano).

GIRO D’ITALIA, GIRO DEL MONDO

Italia

Viviani, la volata è perfetta. A Tel Aviv batte Mareczko. Dennis si prende la rosa – L’urlo liberatorio di Viviani: “Battuta pure la pressione” – Viviani: “Vi spiego come funziona il mio treno” – Mareczko è sicuro: “Manca poco per la prima vittoria” – Carlström: “Debutto: il piccolo miracolo di Israele” – Dumoulin, il segreto del successo sta… nel riso. In sala stampa (Gazzetta dello Sport)

Giro d’Italia, seconda tappa in Israele: Viviani vince in volata la Haifa-Tel Aviv (Corriere della Sera)

Gran Bretagna

Giro d’Italia 2018 – stage two results and latest standings after Elia Viviani wins bunch sprint (The Daily Telegraph)

Viviani wins second stage while Froome remains way off the pace (The Independent)

Francia

Viviani comme une fusée – Giro: Viviani s’impose lors de la deuxième étape – Sénéchal: «Ça s’est fait à la pédale» – Bartali, le silence du Juste (L’Equipe)

Viviani s’impose à Tel Aviv, Dennis en Rose (Le Figaro)

Spagna

Viviani se impone al sprint y Dennis se viste de rosa – Los españoles en el Giro: caída sin consecuencias de Pedrero – Elia Viviani: “Sentía mucho la presión de tener que ganar” – A Armée le pica una avispa, se le desfigura el rostro y no puede tomar nada por miedo al dopaje (AS)

Viviani y Dennis conquistan Tel Aviv – Una avispa desfigura la cara a Armée y su equipo no le medica por miedo al positivo (Marca)

El Giro premia la picardía de Viviani y de Rohan Dennis, nuevo líder – Viviani: “Nunca es fácil ganar en el Giro” – ¡Disputa el Giro con cara desfigurada por la picadura de una avispa! – “La UCI no ha hecho las cosas como debiera con Froome” (El Mundo Deportivo)

Belgio

Meteen prijs voor Quick Step in Giro: Viviani spurt naar de zege, Dennis pakt het roze (Het Nieuwsblad)

Viviani remporte la 2e étape du Giro et offre un nouveau succès à Quick-Step: “Cette victoire est pour ma compagne” – Giro: Sander Armée méconnaissable après avoir été piqué par une guêpe avant le prologue (La Dernière Heure/Les Sports)

Paesi Bassi

Viviani wint tweede etappe Giro, Dumoulin verliest roze – Dennis schaart zich in illuster rijtje – Tom Dumoulin: ‘Misschien wel beter zonder roze’ (De Telegraaf)

Viviani maakt favorietenrol waar in Tel Aviv, Van Poppel komt tekort – Dumoulin is roze kwijt, maar de rust is terug – Dumoulin roze kwijt: ‘Dit is ook wel een goede situatie (Algemeen Dagblad)

Viviani wint tweede etappe Giro d’Italia, Dumoulin verliest roze trui aan Dennis (de Volkskrant)

Germania

Viviani gewinnt 2. Giro-Etappe – Dennis Gesamtführender (Berliner Zeitung)

Svizzera

Rohan Dennis übernimmt Leader-Position von Tom Dumoulin (Neue Zürcher Zeitung)

Giro: l’Italien Elia Viviani s’impose dans la 2e étape (24 Heures)

Dumoulin in rosa, vince la cronometro a Gerusalemme (Corriere del Ticino)

Stati Uniti

Dennis Nabs Giro Pink Jersey, Viviani Takes 2nd Stage (The New York Times)

Colombia

Elia Viviani ganó la segunda etapa del Giro, Dennis es el nuevo líder – ‘Es un largo camino, por ahora voy a disfrutar de esta rosa’: Dennis – ‘Estoy muy orgulloso de mi equipo, del trabajo que hicimos’: Viviani (El Tiempo)

El italiano Viviani se impone en Tel Aviv, Dennis nuevo líder del Giro de Italia 2018 – Rohan Dennis: “Es un honor vestir el maillot rosa” (El Espectador)

DISCOGIRO: la colonna sonora della tappa del Giro scelta per voi da ilciclismo.it

“Luce” (Elisa)

a cura di DJ Jorgens

METEO GIRO
Le previsioni si riferiscono agli orari di partenza, passaggio e arrivo della tappa del giorno dopo

Be’er Sheva: cielo coperto, 28.2°C, vento debole da SE (4-11 Km/h), umidità al 26%
Sde Boker (Traguardo Volante – Km 45.2): cielo coperto con possibilità di deboli e isolate precipitazioni, 22.5°C, vento debole da SSE (7 Km/h), umidità al 45%
Mitzpe Ramon (Traguardo Volante – Km 77) : cielo coperto con possibilità di deboli e isolate precipitazioni, 23.5°C, vento moderato da NNE (12-16 Km/h), umidità al 41%
Yotvata (Km 185.5) : nubi sparse con possibilità di deboli e isolate precipitazioni, 33.1°C (percepiti 32°C), vento moderato da NNW (11-15 Km/h), umidità al 23%
Eilat : cielo coperto con possibilità di deboli e isolate precipitazioni, 33.9°C (percepiti 33°C), vento moderato da N (18-26 Km/h), umidità al 25%

L’ANGOLO DI SILVIOLO E PANCANOLO

Gli strafalcioni dei giornalisti al seguito della corsa rosa

Martinello: “La sella non deve essere troppo alta, nè davanti, nè nel didietro”
Pancani: “Aru è un corridore che può essere meno risultato del contento”
De Stefano: “Rohan Dennis per soli due secondi ha perso la maglia rosa” (non ha perso nulla essendo stata quella di ieri la prima tappa e dunque non indossava in precedenza la maglia rosa)
De Stefano: “Haifa ha ospitato la partenza di questa prima frazione in volata”
De Stefano: “Un po’ d’invidia ce lo fanno questi bagnanti”
Cassani: “I corridori avevano ciascuno il loro stand” (175 stand al raduno di partenza!!!)
Pancani: “C’è una statua del profeta Elia attorno a questa chiesa”
Martinello (parlando delle nuove divise bianche del Team Sky): “Si è passati dal nero al total black”
Martinello: “La crono inaugurate di ieri”
Martinello: “Jean-Paul Drucker” (Jean-Pierre)
Martinello: “Guilleme Boivin” (Guillaume)
Televideo (titolo sulla vittoria di Dumoulin ieri): “Il Giro riparte da dove aveva concluso” (sempre che Milano non stia in Israele)
Televideo: “Jacob Mareczko” (Jakub)
Televideo: “Jena-Pierre Drucker” (Jean-Pierre)

e se vi stesse chiedendo il perchè del titolo…

dalla telecronaca della tappa dell’Alpe di Siusi (Giro 2016)

Pancani: “Silviolo”
Martinello: “Dimmi Pancanolo”

IL GIRO DI GOMEZ
In questa rubrica vi faremo rileggere i piani alti della classica, come li avrebbe visti Gomez Addams nelle sue letture del giornale in “verticale”… vale a dire le classifiche giornaliere viste al contrario, dal punto di vista della maglia nera!

Ordine d’arrivo della seconda tappa, Haifa – Tel Aviv

1° Kenny Elissonde
2° Cesare Benedetti a 2″
3° Giuseppe Fonzi s.t.
4° Christopher Juul-Jensen a 1′09″
5° Mitchell Docker a 1′33″

Classifica generale

1° Giuseppe Fonzi
2° Kenny Elissonde a 16″
3° Cesare Benedetti a 27″
4° Jack Haig a 1′06″
5° Mitchell Docker a 1′20″

1974: QUANDO LA CORSA ROSA PARTÌ DAL VATICANO
Ricordiamo quest’anno, attraverso i titoli del quotidiano “La Stampa”, il Giro del 1974 la cui partenza dalla Città del Vaticano quasi rivaleggia in “peso” con quella da Gerusalemme

17 MAGGIO 1974 – 2a TAPPA: FORMIA – POMPEI (121 Km)

PRONTA RIVINCITA DEGLI SPRINTERS. PATRICK SERCU È PRIMO A POMPEI – È L’ORA DEGLI SCALATORI
Una tappa in cui non è successo proprio nulla – Oggi Fuente all’attacco di Eddy Merckx
Il belga ha battuto in volata Santambrogio e De Vlaeminck – I corridori sono giunti al traguardo tutti in gruppo – Caduta di Landini – Il giovane Reybrouck rimane ancora maglia rosa

Sventolano le bandiere dIsraele al passaggio del gruppo (foto Bettini)

Sventolano le bandiere d'Israele al passaggio del gruppo (foto Bettini)

ARCHIVIO

Cliccare sul nome della tappa per visualizzare l’articolo

Raduno di partenza Gerusalemme
1a tappa: Gerusalemme (cronometro indivuduale)

TEL-AVIVIANI

Lo sprinter della Quick Step perde le ruote del suo treno, ma recupera e regola comunque senza difficoltà Mareczko e Bennett. Rohan Dennis raccoglie intanto tre secondi di abbuono a un traguardo volante e sale in vetta alla classifica generale, con 1’’ su Tom Dumoulin.

La prima volata del Giro 2018 è di Elia Viviani. Il campione olimpico dell’omnium si è imposto nettamente a Tel Aviv nella seconda tappa, davanti a Jakub Mareczko e Sam Bennett. Forte di un treno di molto superiore alla concorrenza, il veneto si è complicato la vita perdendo la ruota di Fabio Sabatini, suo ultimo uomo. Un errore cui Viviani ha rimediato però con un guizzo a 250 metri dal traguardo, quando, dalla ruota di Bennett, è saltato a quella di Mareczko, partito lungo sul lato sinistro della strada, a ridosso delle transenne, per sorprendere tutti. Conquistata la scia giusta, il sorpasso nei 100 metri finali è parso quasi una formalità. Hanno chiuso tra i primi cinque anche Niccolò Bonifazio, quarto, e Sacha Modolo, quinto.
Viviani, grazie anche ai punti raccolti ai due traguardi volanti di giornata, partirà domani in tenuta ciclamino. Il cambio di maglia più significativo, però, è quello che ha visto Rohan Dennis spodestare Tom Dumoulin in rosa. L’australiano, secondo ieri a 2’’ appena dall’olandese nella cronometro inaugurale, ha schierato la sua Bmc in testa al gruppo già a metà percorso, per riassorbire i fuggitivi della prima ora – Davide Ballerini (Androni Giocattoli-Sidermec), Lars Ytting Bak (Lotto Soudal) e Guillaume Boivin (Israel Cycling Academy) – e poter andare in caccia di abbuoni al secondo traguardo volante. Missione perfettamente riuscita: primo posto allo sprint intermedio e 3 secondi guadagnati, sufficienti a correre domani con le insegne del primato sulle spalle.
L’inseguimento della Bmc alla fuga ha fatto leggermente deviare la tappa da un copione che ha rispettato per il resto le attese della vigilia. Gli attaccanti della prima ora, dopo avere impiegato circa 40 km per prendere il largo, non sono mai riusciti a guadagnare più di 4 minuti, e già a metà tracciato il gruppo era tornato di fatto compatto. A nessuno dei tre, peraltro, è riuscito di conquistare almeno la consolazione della prima maglia azzurra di miglior scalatore: poco prima di giungere all’unico Gran Premio della Montagna in programma, a Zikron Ya’aqov, il trio è stato scavalcato da Enrico Barbin.
Boivin ha dato vita a un generoso ma innocuo secondo tentativo, che si è spento a poco più di 10 km dal traguardo, quando le squadre dei velocisti hanno preso in mano le operazioni del plotone. A poco sono valsi, già nell’abitato di Tel Aviv, gli attacchi di Tony Martin ed Enrico Battaglin ai -4 dall’arrivo, di José Gonçalves ai -3 e di Tosh Van der Sande ai -2.
Il vento, unica vera incognita di giornata, oggi non si è presentato; e se così dovesse essere anche domani, nulla sembra poter impedire agli sprinter di disputarsi un altro traguardo. A rendere più insidiosa la terza frazione, da Be’er Sheva a Eilat, potrebbero provvedere però la distanza (229 km), e soprattutto i tanti chilometri da percorrere nel deserto del Negev.

Matteo Novarini

ORDINE D’ARRIVO

1 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors 3:51:20
2 Jakub Mareczko (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
3 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe
4 Niccolo Bonifazio (Ita) Bahrain-Merida
5 Sacha Modolo (Ita) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
6 Clement Venturini (Fra) AG2R La Mondiale
7 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
8 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
9 Baptiste Planckaert (Bel) Katusha-Alpecin
10 Jean-Pierre Drucker (Lux) BMC Racing Team
11 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
12 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy
13 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF
14 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin
15 Danny van Poppel (Ned) LottoNL-Jumbo
16 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin
17 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale
18 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin
19 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb
20 Zakkari Dempster (Aus) Israel Cycling Academy
21 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
22 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
23 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
24 Davide Ballerini (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
25 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky
26 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe
27 Felix Grossschartner (Aut) Bora-Hansgrohe
28 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott
29 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida
30 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
31 Chris Froome (GBr) Team Sky
32 Michael Woods (Can) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
33 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ
34 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
35 Guy Sagiv (Isr) Israel Cycling Academy
36 Jurgen Roelandts (Bel) BMC Racing Team
37 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo
38 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team
39 Adam Hansen (Aus) Lotto Fix All
40 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ
41 Fabio Aru (Ita) UAE Team Emirates
42 Victor Campenaerts (Bel) Lotto Fix All
43 Tom Van Asbroeck (Bel) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
44 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo
45 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates
46 Tony Martin (Ger) Katusha-Alpecin
47 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ
48 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale
49 Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team
50 Mikael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale
51 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
52 Maximilian Schachmann (Ger) Quick-Step Floors
53 Louis Meintjes (RSA) Dimension Data
54 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team
55 Andrea Guardini (Ita) Bardiani CSF
56 Tim Wellens (Bel) Lotto Fix All
57 Sergio Henao (Col) Team Sky
58 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe
59 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
60 Alexandre Geniez (Fra) AG2R La Mondiale
61 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott
62 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates
63 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
64 Roman Kreuziger (Cze) Mitchelton-Scott
65 Sam Bewley (NZl) Mitchelton-Scott
66 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team
67 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF
68 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team
69 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
70 Ryan Mullen (Irl) Trek-Segafredo
71 Francisco Ventoso (Spa) BMC Racing Team
72 Rafael Valls Ferri (Spa) Movistar Team
73 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
74 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team
75 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo
76 Dayer Quintana (Col) Movistar Team
77 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates
78 Jarlinson Pantano (Col) Trek-Segafredo
79 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team
80 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data
81 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale
82 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
83 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe
84 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF
85 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
86 Andreas Schillinger (Ger) Bora-Hansgrohe
87 Carlos Betancur (Col) Movistar Team
88 Jan Hirt (Cze) Astana Pro Team
89 Nicolas Roche (Irl) BMC Racing Team
90 Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina-Selle Italia
91 Roy Curvers (Ned) Team Sunweb
92 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott
93 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
94 Benjamin King (USA) Dimension Data
95 Joe Dombrowski (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
96 Ruben Fernandez (Spa) Movistar Team
97 Hugh Carthy (GBr) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
98 Rodolfo Torres (Col) Androni Giocattoli-Sidermec
99 Igor Anton (Spa) Dimension Data
100 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates
101 David De La Cruz (Spa) Team Sky
102 Sander Armee (Bel) Lotto Fix All
103 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
104 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale
105 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy
106 Koen Bouwmam (Ned) LottoNL-Jumbo
107 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team
108 Rémi Cavagna (Fra) Quick-Step Floors
109 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data
110 Nathan Brown (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
111 Markel Irizar (Spa) Trek-Segafredo
112 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin
113 Kilian Frankiny (Swi) BMC Racing Team
114 Louis Vervaeke (Bel) Team Sunweb
115 Jos van Emden (Ned) LottoNL-Jumbo
116 Lars Bak (Den) Lotto Fix All
117 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale
118 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
119 Jaco Venter (RSA) Dimension Data
120 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
121 Manuel Senni (Ita) Bardiani CSF
122 Guy Niv (Isr) Israel Cycling Academy
123 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF
124 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates
125 Darwin Atapuma (Col) UAE Team Emirates
126 Marco Coledan (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
127 Florian Senechal (Fra) Quick-Step Floors
128 Laurens ten Dam (Ned) Team Sunweb
129 Jacopo Mosca (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
130 Ruben Plaza (Spa) Israel Cycling Academy
131 Boy van Poppel (Ned) Trek-Segafredo
132 Zdenek Stybar (Cze) Quick-Step Floors 0:00:25
133 Liam Bertazzo (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 0:00:30
134 Tom Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:00:38
135 Wout Poels (Ned) Team Sky 0:00:40
136 Tosh Van Der Sande (Bel) Lotto Fix All 0:00:45
137 Vasil Kiryienka (Blr) Team Sky 0:00:58
138 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida 0:01:02
139 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
140 Jérémy Roy (Fra) Groupama-FDJ 0:01:05
141 William Bonnet (Fra) Groupama-FDJ
142 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin
143 Bert-Jan Lindeman (Ned) LottoNL-Jumbo
144 Ben Hermans (Bel) Israel Cycling Academy
145 Svein Tuft (Can) Mitchelton-Scott
146 Chad Haga (USA) Team Sunweb
147 Domen Novak (Slo) Bahrain-Merida
148 Jens Debusschere (Bel) Lotto Fix All
149 Alex Turrin (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
150 Alessandro Tonelli (Ita) Bardiani CSF
151 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF
152 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team
153 Eduardo Sepulveda (Arg) Movistar Team
154 Alessandro De Marchi (Ita) BMC Racing Team
155 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team
156 Edoardo Zardini (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
157 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo
158 Gijs Van Hoecke (Bel) LottoNL-Jumbo
159 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida
160 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott
161 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb
162 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
163 Frederik Frison (Bel) Lotto Fix All
164 Steve Morabito (Swi) Groupama-FDJ
165 Sébastien Reichenbach (Swi) Groupama-FDJ
166 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy
167 Christian Knees (Ger) Team Sky 0:01:17
168 Loïc Vliegen (Bel) BMC Racing Team 0:01:25
169 Alexey Lutsenko (Kaz) Astana Pro Team 0:01:33
170 Lennard Hofstede (Ned) Team Sunweb
171 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:01:54
172 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott 0:02:18
173 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 0:03:25
174 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe
175 Kenny Elissonde (Fra) Team Sky 0:03:27

CLASSIFICA GENERALE

1 Rohan Dennis (Aus) BMC Racing Team 4:03:21
2 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb 0:00:01
3 Victor Campenaerts (Bel) Lotto Fix All 0:00:03
4 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:00:13
5 Alex Dowsett (GBr) Katusha-Alpecin 0:00:17
6 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 0:00:19
7 Simon Yates (GBr) Mitchelton-Scott 0:00:21
8 Maximilian Schachmann (Ger) Quick-Step Floors 0:00:22
9 Tony Martin (Ger) Katusha-Alpecin 0:00:28
10 Domenico Pozzovivo (Ita) Bahrain-Merida
11 Carlos Betancur (Col) Movistar Team 0:00:29
12 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates 0:00:30
13 Mads Würtz Schmidt (Den) Katusha-Alpecin 0:00:31
14 Felix Grossschartner (Aut) Bora-Hansgrohe 0:00:32
15 Tim Wellens (Bel) Lotto Fix All 0:00:33
16 Thibaut Pinot (Fra) Groupama-FDJ 0:00:34
17 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe 0:00:35
18 Georg Preidler (Aut) Groupama-FDJ
19 Rémi Cavagna (Fra) Quick-Step Floors 0:00:36
20 Chris Froome (GBr) Team Sky 0:00:38
21 Rafael Valls Ferri (Spa) Movistar Team 0:00:39
22 Diego Ulissi (Ita) UAE Team Emirates 0:00:41
23 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team
24 Davide Formolo (Ita) Bora-Hansgrohe
25 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:00:43
26 Sam Oomen (Ned) Team Sunweb
27 Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team 0:00:44
28 Jurgen Roelandts (Bel) BMC Racing Team 0:00:45
29 Benjamin King (USA) Dimension Data
30 Jos van Emden (Ned) LottoNL-Jumbo
31 Christoph Pfingsten (Ger) Bora-Hansgrohe
32 Sergio Henao (Col) Team Sky 0:00:46
33 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky 0:00:47
34 Esteban Chaves (Col) Mitchelton-Scott
35 Ruben Fernandez (Spa) Movistar Team 0:00:49
36 Louis Vervaeke (Bel) Team Sunweb
37 George Bennett (NZl) LottoNL-Jumbo 0:00:50
38 Ben O’Connor (Aus) Dimension Data
39 Fabio Aru (Ita) UAE Team Emirates 0:00:51
40 Fausto Masnada (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:00:52
41 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
42 Nico Denz (Ger) AG2R La Mondiale 0:00:53
43 David De La Cruz (Spa) Team Sky
44 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale
45 Francisco Ventoso (Spa) BMC Racing Team 0:00:54
46 Mattia Cattaneo (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
47 Alexandre Geniez (Fra) AG2R La Mondiale
48 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team
49 Roman Kreuziger (Cze) Mitchelton-Scott 0:00:56
50 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 0:00:57
51 Davide Villella (Ita) Astana Pro Team
52 Miguel Angel Lopez (Col) Astana Pro Team
53 Ryan Mullen (Irl) Trek-Segafredo 0:00:58
54 Matthieu Ladagnous (Fra) Groupama-FDJ 0:01:00
55 Joe Dombrowski (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:01:01
56 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data 0:01:02
57 Koen Bouwmam (Ned) LottoNL-Jumbo
58 Richard Carapaz (Ecu) Movistar Team
59 Niklas Eg (Den) Trek-Segafredo
60 Sam Bewley (NZl) Mitchelton-Scott
61 Florian Senechal (Fra) Quick-Step Floors 0:01:03
62 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
63 Michael Woods (Can) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
64 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo 0:01:04
65 Matej Mohoric (Slo) Bahrain-Merida
66 Maurits Lammertink (Ned) Katusha-Alpecin 0:01:06
67 Elia Viviani (Ita) Quick-Step Floors
68 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
69 Jarlinson Pantano (Col) Trek-Segafredo
70 Vegard Stake Laengen (Nor) UAE Team Emirates 0:01:07
71 Manuele Mori (Ita) UAE Team Emirates
72 Anthony Roux (Fra) Groupama-FDJ
73 Marco Coledan (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 0:01:08
74 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data 0:01:09
75 Jan Hirt (Cze) Astana Pro Team
76 Louis Meintjes (RSA) Dimension Data
77 Nathan Brown (USA) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
78 Michael Mørkøv (Den) Quick-Step Floors
79 Laurens ten Dam (Ned) Team Sunweb 0:01:10
80 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale
81 Markel Irizar (Spa) Trek-Segafredo 0:01:11
82 Baptiste Planckaert (Bel) Katusha-Alpecin 0:01:12
83 Tom Scully (NZl) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:01:13
84 Sacha Modolo (Ita) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:01:14
85 Gianluca Brambilla (Ita) Trek-Segafredo
86 Davide Ballerini (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
87 Francesco Gavazzi (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
88 Nicolas Roche (Irl) BMC Racing Team 0:01:15
89 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin
90 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:01:16
91 Boy van Poppel (Ned) Trek-Segafredo
92 Mikel Nieve (Spa) Mitchelton-Scott 0:01:17
93 Andreas Schillinger (Ger) Bora-Hansgrohe 0:01:18
94 Rodolfo Torres (Col) Androni Giocattoli-Sidermec 0:01:19
95 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 0:01:20
96 Hugh Carthy (GBr) EF Education First-Drapac p/b Cannondale
97 Kilian Frankiny (Swi) BMC Racing Team 0:01:21
98 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale
99 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF
100 Jean-Pierre Drucker (Lux) BMC Racing Team 0:01:22
101 Tom Van Asbroeck (Bel) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:01:23
102 Igor Anton (Spa) Dimension Data 0:01:24
103 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF
104 Ruben Plaza (Spa) Israel Cycling Academy 0:01:25
105 Fabio Sabatini (Ita) Quick-Step Floors
106 Jaco Venter (RSA) Dimension Data 0:01:26
107 Lars Bak (Den) Lotto Fix All
108 Clement Venturini (Fra) AG2R La Mondiale 0:01:27
109 Jacopo Mosca (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 0:01:28
110 Enrico Battaglin (Ita) LottoNL-Jumbo
111 Mikael Cherel (Fra) AG2R La Mondiale 0:01:29
112 Paolo Simion (Ita) Bardiani CSF 0:01:31
113 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale
114 Wout Poels (Ned) Team Sky
115 Darwin Atapuma (Col) UAE Team Emirates 0:01:32
116 Jakub Mareczko (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 0:01:33
117 Zdenek Stybar (Cze) Quick-Step Floors 0:01:34
118 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF
119 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
120 Liam Bertazzo (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 0:01:39
121 Adam Hansen (Aus) Lotto Fix All 0:01:40
122 Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina-Selle Italia 0:01:44
123 Vasil Kiryienka (Blr) Team Sky
124 Zakkari Dempster (Aus) Israel Cycling Academy
125 Manuel Belletti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
126 Sander Armee (Bel) Lotto Fix All 0:01:45
127 Guy Sagiv (Isr) Israel Cycling Academy 0:01:46
128 Niccolo Bonifazio (Ita) Bahrain-Merida
129 Manuel Senni (Ita) Bardiani CSF
130 Roy Curvers (Ned) Team Sunweb 0:01:47
131 Eduardo Sepulveda (Arg) Movistar Team
132 Guy Niv (Isr) Israel Cycling Academy 0:01:50
133 Krists Neilands (Lat) Israel Cycling Academy 0:01:52
134 Chad Haga (USA) Team Sunweb
135 Alessandro De Marchi (Ita) BMC Racing Team 0:01:55
136 Christopher Hamilton (Aus) Team Sunweb 0:01:56
137 Dayer Quintana (Col) Movistar Team 0:01:57
138 Kristian Sbaragli (Ita) Israel Cycling Academy 0:02:00
139 Jérémy Roy (Fra) Groupama-FDJ 0:02:05
140 Edoardo Zardini (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia
141 Andrea Vendrame (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec 0:02:06
142 Frederik Frison (Bel) Lotto Fix All
143 Alessandro Tonelli (Ita) Bardiani CSF 0:02:10
144 Antonio Pedrero (Spa) Movistar Team
145 Danny van Poppel (Ned) LottoNL-Jumbo 0:02:11
146 Marco Frapporti (Ita) Androni Giocattoli-Sidermec
147 Robert Gesink (Ned) LottoNL-Jumbo 0:02:15
148 Sébastien Reichenbach (Swi) Groupama-FDJ
149 Steve Morabito (Swi) Groupama-FDJ
150 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin 0:02:17
151 Ben Hermans (Bel) Israel Cycling Academy 0:02:18
152 Alexey Lutsenko (Kaz) Astana Pro Team
153 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team
154 William Bonnet (Fra) Groupama-FDJ
155 Gijs Van Hoecke (Bel) LottoNL-Jumbo 0:02:21
156 Tosh Van Der Sande (Bel) Lotto Fix All 0:02:22
157 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida 0:02:28
158 Alex Turrin (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 0:02:30
159 Svein Tuft (Can) Mitchelton-Scott 0:02:31
160 Bert-Jan Lindeman (Ned) LottoNL-Jumbo
161 Christian Knees (Ger) Team Sky 0:02:33
162 Loïc Vliegen (Bel) BMC Racing Team 0:02:35
163 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF 0:02:42
164 Andrea Guardini (Ita) Bardiani CSF 0:02:45
165 Guillaume Boivin (Can) Israel Cycling Academy 0:02:47
166 Jens Debusschere (Bel) Lotto Fix All 0:02:55
167 Antonio Nibali (Ita) Bahrain-Merida 0:02:56
168 Domen Novak (Slo) Bahrain-Merida 0:03:00
169 Lennard Hofstede (Ned) Team Sunweb 0:03:05
170 Christopher Juul Jensen (Den) Mitchelton-Scott 0:03:23
171 Mitchell Docker (Aus) EF Education First-Drapac p/b Cannondale 0:03:27
172 Jack Haig (Aus) Mitchelton-Scott 0:03:41
173 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe 0:04:20
174 Kenny Elissonde (Fra) Team Sky 0:04:31
175 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina-Selle Italia 0:04:47

È di Elia Viviani la prima firma italiana del Giro 2018 (foto Bettini)

È di Elia Viviani la prima "firma" italiana del Giro 2018 (foto Bettini)

HAIFA – TEL AVIV: VIA COL VENTO D’ISRAELE

Prima tappa in linea con l’incognita del vento per il Giro che scatta da Israele. Buona parte dei 167 Km che si dovranno percorrere tra Haifa e Tel Aviv si snoderà in prossima delle coste del Mediterraneo e le folate che spirano dal mare potrebbero dare parecchio filo da torcere a tutti, non solamente alle formazioni dei velocisti, naturali favoriti per il successo di giornata.

Dopo la movimentata crono d’avvio sulle strade di Gerusalemme il Giro si rimette in marcia con una tappa che, sulla carta, è la più semplice fra le tre disegnate in Israele. Solo sulla carta, però, perché – a dispetto di un tracciato non particolarmente denso di chilometri (se ne dovranno percorrere 167) e caratterizzato solo da una facile ascesa lontana dall’arrivo – presenterà un trabocchetto di non poco conto, quello del vento. Infatti, la tappa si snoderà prevalentemente lungo le coste del Mar Mediterraneo e nelle sue immediate adiacenze ed è risaputo che le folate trasversali, quando particolarmente forti, sono in grado di selezionare il gruppo, come capitò per esempio nella pianeggiante tappa di Saint-Amand-Montrond del Tour de France del 2013, al termine della quale uno dei grandi nomi di quell’edizione, lo spagnolo Valverde, proprio per colpa del vento sprofondò in classifica perdendo quel giorno quasi 10 minuti dagli altri avversari, giunti assieme al traguardo dove s’impose il britannico Mark Cavendish. Era quella una tappa da velocisti e, vento e Valverde a parte, lo fu e lo sarà anche questa di Tel Aviv, prima delle sette-otto giornate che gli organizzatori hanno riservato agli esponenti della speciale categoria, che poi l’indomani avranno la possibilità di giocarsi la rivincita nell’ancor più insidiosa tappa di Eilat.
Oggi si partirà da Haifa, il primo porto israeliano della storia, situato ai piedi del Monte Carmelo, estrema propaggina dell’omonima catena montuosa il cui nome significa “Vigna di Dio” e sul quale visse il biblico profeta Elia. I primi 20 Km si percorreranno in direzione nord, opposta rispetto a quella di Tel Aviv, fino a raggiungere la città di Acri, famosa per essere stata la principale porta d’accesso alla Terra Santa durante le spedizione dei Crociati, che ne fecero la capitale dello stato da loro creato (noto anche come “Terre d’Oltremare”) fino al momento della definitiva riconquista araba del 1291. Nel XVI secolo sarà quindi annessa all’impero ottomano, che vi costruì il monumento più visitato della cittadina, la cittadella fortificata che dal 2001 è iscritta nell’elenco dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO.
Il percorso si allontenerà ora dal mare per addentrarsi nell’immediato entroterra e, intrapreso il giro di boa per tornare verso sud, comincerà una serie di lievi saliscendi, che il gruppo supererà percorrendo un’ampia superstrada a due corsie che punta nuovamente in direzione del Monte Carmelo, doppiato transitandone ai piedi del versante meridionale. In questa fase di gara si pedalerà quasi sempre distante dai centri abitati, sfiorando le cittadine di Kiryat Ata, fondata nel 1925 da un’associazione religiosa di Varsavia, e di Yokneam Illit, sviluppatasi dopo gli anni ’50 da quella che in origine era una ma’abara, un campo di transito dove era dato provvisorio alloggio agli ebrei che si trasferivano definitivamente in Israele, divenuto stato indipedente il 14 maggio del 1948.
Percorsi una novantina di chilometri di gara si arriverà al primo appuntamento riservato agli scalatori poiché, percorsa una facile salita di 3 Km al 4,5%, saranno per la prima volta in questa edizione messi in palio i punti della classifica dei Gran Premi della Montagna a Zikhron Ya’aqov, cittadina che ha soli 135 anni di storia ma il cui nome è scritto nella storia di questo paese: si tratta, infatti, di uno dei primi insediamenti ebraici fondati in questa terra, per opera di un gruppo di pionieri proveniente dalla Romania e guidati dal banchiere francese Edmond James de Rothschild, che dedicherà il villaggio al padre James (la traduzione del nome è “Ricordo di Giacobbe”). Superata quest’asperità mancheranno 76 Km da percorrere, totalmente pianeggianti ma insidiosi perché, terminata l’escursione nell’entrorerra, da qui al traguardo si tornerà a pedalare in vista del mare. Nelle fasi successive s’incontrerà anche la pagina culturalmente più interessante di questa giornata, quando la corsa giungerà sulle strade di Cesarea, la moderna città che convive con i resti dell’antica Cesarea Marittima, fondata dal celebre re della Giudea Erode il Grande – passato alla storia per aver ordinato la tragica Strage degli Innocenti d’evangelica memoria – e che costituì uno dei principali porti della Palestina, dal quale iniziarono i viaggi degli apostoli Pietro e Paolo alla volta di Roma, dove entrambi saranno martirizzati. Di quell’epoca rimangono interessanti resti, come quelli del Teatro romano e dell’acquedotto, le cui arcate oggi fanno da sfondo a una delle più conosciute spiagge israeliane.
Proseguendo si giungerà quindi a Hadera, fondata nel 1891 in posizione quasi equidistante da Haifa e Tel Aviv e originariamente composta di poche case erette accanto alla sinagoga e oggi arrivata a contare oltre 77000 abitanti, molti dei quali immigrati. Poco dopo inizierà il tratto più veloce della tappa, costituito da un rettifilo quasi ininterrotto di una quindicina di chilometri che taglia nel mezzo la Pianura di Sharon, una delle aree maggiormente popolate della nazione, il cui centro principale è la città di Netanya. Fattosi leggermente più articolato planimetricamente, il tracciato transiterà quindi tra le cittadine di Ra’anana (gemellata con Verona dal 1998) e Kfar Saba, il cui nome significa letteralmente “villaggio dei nonni” e presso la quale è possibile visitare la cosiddetta tomba di Beniamino, il dodicesimo e ultimo dei figli del biblico Giacobbe, venduto dai fratelli come schiavo agli egiziani: in realtà il complesso funerario fu costruito da mani ebree durante l’epoca della dominazione ottomana e l’intitolazione fa riferimento alla tradizione che voleva Beniamino sepolto in tale luogo.
Siamo oramai alle ultime battute di questa frazione che, prima d’entrare in Tel Aviv, sfiorerà lo Yarkon Park, il più grande della città, vasto 3500 ettari e suddiviso in sei giardini tra i quali spicca il Rock Garden, uno dei principali del mondo, dove è raccontata la diversità geologica di Israele dando nello stesso tempo “ospitalità” a 3500 specie diverse di piante (in particolare cactus, che da soli occupano sei ettari). Entrato in città, il Giro ne percorrerà una delle sue strade più importanti, il “boulevard” intitolato al barone Rothschild e lungo il quale si incontrano il Founders Monument, dedicato ai padri fondatori dello stato, e l’Independence Hall, luogo dove il 14 maggio 1948 David Ben Gurion lesse la dichiarazione d’indipendenza dello stato. È l’omaggio del Giro al 70° anniversario di quella storica giornata, prima di andare a celebrare il vincitore di giornata nel quartiere della Marina, proprio a due passi dalla casa dell’uomo che fu protagonista di quella storica giornata e che rivestì l’incarico di primo Primo Ministro dello stato dal 1948 al 1954 e poi ancora dal 1955 al 1963.

Mauro Facoltosi

FOTOGALLERY

Haifa, mausoleo del Báb

Cittadella di Acri

La sinagoga di Zikhron Ya’aqov

Il teatro romano di Cesarea Marittima

La spiaggia di Cesarea con i resti dell’acquedotto romano

Un tratto del lungo rettilineo che attraversa la Pianura di Sharon

Kfar Saba, Tomba di Beniamino

Tel Aviv, il Rock Garden, situato all’interno dello Yarkon Park

Tel Aviv, Independence Hall

L’abitazione di David Ben Gurion a Tel Aviv, nei pressi del traguardo della seconda tappa del Giro

Il Founders Monument di Tel Aviv e, in trasparenza, l’altimetria della seconda tappa del Giro 2018 (foto Pavel Sinitcyn)

Il Founders Monument di Tel Aviv e, in trasparenza, l’altimetria della seconda tappa del Giro 2018 (foto Pavel Sinitcyn)