100 E ANCOR PIÙ 100: OBIETTIVO ALBEROBELLO

Ne abbiamo modificato il titolo in occasione della centesima edizione del Giro, trasformando in una frase beneaugurante il tenebroso adagio medioevale “mille e non più mille”, ma i contenuti della rubrica saranno quelli soliti dell’Almanacco del dopo tappa made in ilciclismo.it che aveva accompagnato le cronache delle scorse edizione. All’interno ritroverete la rassegna stampa internazionale, il punto di vista dei tifosi, la colonna sonora del giorno (quest’anno raddoppiata), le previsioni del tempo per la tappa successiva, le “perle” dei telecronisti in una rubrica dal titolo rinnovato, il Giro d’Italia rivisto alla “rovescia” e il ricordo di un Giro passato (nell’anno del centesimo Giro abbiamo scelto di riportarvi indietro nel tempo fino al 1967, l’anno della 50a edizione).

GIRO D’ITALIA, GIRO DEL MONDO

Italia

Ewan al fotofinish su Gaviria. Italia ancora senza vittorie – Dempsey star al Giro – Ewan: “Per un soffio…”. Gaviria: “Io senza gambe e senza fortuna” – Greipel e quel finale troppo rischioso: “Altro che sicurezza…” – Patrick Dempsey al Giro 100: “Ciao Italia, questa corsa è uno spettacolo” – Richeze: “Io e Selig? Lottare sì, ma senza ammazzarsi…” (Gazzetta dello Sport)

Arrivo al fotofinish:ad Alberobello la spunta Ewan su Gaviria e Bennet – Da «Grey’s Anatomy» al Giro d’Italia: Patrick Dempsey in maglia rosa (Corriere della Sera)

Colombia

Por centímetros, Gaviria perdió con Ewan la séptima etapa del Giro – ‘Ha sido un esprint muy competido y sufrido’: Caleb Ewan (El Tiempo)

Fernando Gaviria finalizó segundo en Alberobello (El Espectador)

Svizzera

Giro: l’Australien Ewan remporte la 7e étape (24 Heures)

Tagessieg in Apulien an Australier Ewan (Neue Zürcher Zeitung)

Slovenia

Luka Mezgec pripravil oder za veliko slavje Ewana (Delo)

Gran Bretagna

Caleb Ewan wins dramatic sprint finish in Alberobello (The Daily Telegraph)

Francia

Caleb Ewan d’un souffle – Ewan: «Un final tellement fou» – «Caleb Ewan était plus fort» – Ewan, la fusée de poche – On a frolé la chute! (L’Equipe)

Caleb Ewan s’impose au sprint (Le Figaro)

Spagna

Ewan gana por media rueda en la ‘ratonera’ de Alberobello – Ewan: “Salí de una emboscada gracias a mis compañeros” – Pinot: “No sería honesto si me conformara con un top-10” – Patrick Dempsey, invitado en la séptima etapa del Giro 100 – Patrick Dempsey luce la maglia rosa por un día en el Giro (AS)

El Giro lanza el ‘cohete’ Ewan (Marca)

Caleb Ewan evita la tercera victoria de Gaviria en una etapa tediosa – “Estas etapas son cansinas incluso para los corredores” (El Mundo Deportivo)

Belgio

Caleb Ewan sprint naar de zege na ontregelde massaspurt in Giro (Het Nieuwsblad)

Giro: Victoire de Caleb Ewan (Orica-Scott) au sprint, Jasper Stuyven cinquième (La Dernière Heure/Les Sports)

Paesi Bassi

Ewan pakt ritzege in zevende Giro-etappe (De Telegraaf)

Greipel ‘bedankt’ UCI voor gevaarlijke finale – Dumoulin en Mollema kijken uit naar krachtmeting op Blockhaus – Ewan verslaat Gaviria in kamikazesprint – De ene Tom is de andere Tom niet (Algemeen Dagblad)

Lussemburgo

Ewan le plus rapide au sprint, Jungels toujours en rose (Luxemburger Wort)

Ewan gewinnt, Jungels weiter in Rosa (Tageblatt)

Germania

Australier Ewan gewinnt 7. Giro-Etappe – Greipel Vierter (Berliner Zeitung)

Russia

Юэн выиграл седьмой этап «Джиро д’Италия», Цатевич занял девятое место (Sovetsky Sport)

Stati Uniti

Australian Ewan Sprints to Giro Stage Seven Victory (The New York Times)

Costa Rica

Andrey Amador escala un puesto y es noveno en la general del Giro – Favoritos del Giro de Italia guardan energías para atacar el domingo en Blockhaus (La Nación)

Australia

Caleb Ewan claims Giro stage for Orica-Scott (The Sydney Morning Herald)

DISCOGIRO: la colonna sonora della tappa del Giro scelta per voi da ilciclismo.it

“I Am Australian” (The Seekers)

DISCOGIRO 100

In occasione del 100° Giro abbiamo selezionato alcune canzoni da abbinare a momenti storici della Corsa Rosa

30 giugno 1946 – 12a tappa Rovigo – Trieste, interrotta a Pieris per una sassaiola

“Pietre” (Antoine)

a cura di DJ Jorgens

METEO GIRO
Le previsioni si riferiscono agli orari di partenza, passaggio e arrivo della tappa del giorno dopo

Molfetta : cielo sereno, 22.5°C, vento moderato da NNW (12-14 Km/h), umidità al 61%
Margherita di Savoia (41.2 Km): cielo sereno, 27.3°C, vento moderato da NNW (12-13 Km/h), umidità al 42%
Monte Sant’Angelo (GPM – 100.7 Km): cielo sereno, 21.7°C, vento debole da NNW (3-5 Km/h), umidità al 43%
Vieste (TV – 160.1 Km): cielo sereno, 24.4°C, vento moderato da N (14-17 Km/h), umidità al 55%
Peschici: cielo sereno, 23.5°C, vento moderato da NNE (12-15 Km/h), umidità al 56%

L’ANGOLO DI SILVIOLO E PANCANOLO

Gli strafalcioni dei giornalisti al seguito della corsa rosa

Garzelli: “Vedrammo i velocisti”
Pancani: “E’ la tappa più lunga di questa edizione del Giro d’Italia” (la più lunga è quella di Reggio Emilia)
Pancani: “Ci accompagneranno i corridori fino all’arrivo di Alberobello” (e chi altri!!)
Conti: “Scanzano Jonio” (Scanzano Jonico)
Conti: “Questo corridore si chiamava Arnaldo Pambianco” (e adesso?)
Brambilla: “Caleb Ewan” (pronunciato come si scrive)
De Luca: “La presenza di due soli corridori davanti alla fuga” (eeeh?)
De Luca: “I corridori si sono fermati per una pausa e adesso stanno rimontando il gruppo” (ri-eeeh?…. ah era per la solita sosta pipì)
Saligari: “Sono usciti tutti di casa, dai posti di lavoro e dalle scolaresche”
De Luca: “Gran parte del gruppo si è fermata”
De Stefano: “Si sente la mancanza che non ci sono”
Pancani: “Perfetto Alessandria” (salutando Alessandra De Stefano)
De Luca: “Fitto conciliabilo”
Pancani: “Adam Hansen vinse la tappa di Savona” (la tappa è quella di Pescara, Giro 2013)
Saligari: “Il gruppo si è lanciato verso la vittoria di tappa”
Saligari: “Mareczko è attorno all’ammiraglia”
De Luca: “Risaleranno il gruppo”
Pancani: “Caleb Ewan, il tasmaniano” (è Richie Porte che è originario della Tasmania)
Petacchi: “Ha fatto un’entrata sinistra”
Orlando (intervistatore all’arrivo): “Scongiuramolo”
Televideo: “Tcatevich” (Tsatevich)

e se vi stesse chiedendo il perchè del titolo…

dalla telecronaca della tappa dell’Alpe di Siusi (Giro 2016)

Pancani: “Silviolo”
Martinello: “Dimmi Pancanolo”

IL GIRO DI GOMEZ
In questa rubrica vi faremo rileggere i piani alti della classica, come li avrebbe visti Gomez Addams nelle sue letture del giornale in “verticale”… vale a dire le classifiche giornaliere viste al contrario, dal punto di vista della maglia nera!

Ordine d’arrivo della settima tappa, Castrovillari – Alberobello

1° Pieter Serry
2° Dmitry Kozonchuk a 6″
3° Lorenzo Rota s.t.
4° Giuseppe Fonzi s.t.
5° Simone Andreetta a 1′06″

Classifica generale

1° Alberto Losada
2° Marcin Bialoblocki 52″
3° Matteo Pelucchi a 3′28″
4° Giuseppe Fonzi a 4′27″
5° Zhandos Bizhigitov a 4′41″

IL GIRO DI MEZZA ETÀ
Quest’anno la corsa rosa taglia il traguardo della centesima edizione, in un clima di festa certamente non secondo a quello con il quale nel 1967 si celebreva il 50° Giro d’Italia con la prima delle tre vittorie di Felice Gimondi. Noi di ilciclismo.it ricorderemo quell’edizione tutti i giorni, proponendovi la rassegna stampa dell’epoca, con i titoli del quotidiano “La Stampa”

26 MAGGIO 1967 – 7° TAPPA: CATANIA – ETNA (169 Km)

BITOSSI PRIMO SULL’ETNA – ANQUETIL IN LIEVE RITARDO
Da Catania il Giro è salito ieri a quota 1881

Nella dura rampa finale fuggono quattro corridori – Bitossi precede di pochi secondi Gonzales, Schiavon e Carletto – Motta e Merckx staccati di 23 secondi – Gimondi di 26” – Anquetil arriva con 39” di ritardo – Dancelli conserva la maglia rosa – Oggi Reggio Calabria-Cosenza di 218 Km – Anquetil protesta

Il Giro lascia anche la Calabria, ma non il ricordo di Scarponi che laccompagnerà sino a Milano (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

Il Giro lascia anche la Calabria, ma non il ricordo di Scarponi che l'accompagnerà sino a Milano (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

ARCHIVIO
Cliccare sul nome della tappa per visualizzare l’articolo

Raduno di partenza Alghero
1a tappa: Alghero – Olbia
2a tappa: Olbia – Tortolì
3a tappa: Tortolì – Cagliari
4a tappa: Cefalù – Etna
5a tappa: Pedara – Messina
6a tappa: Reggio Calabria – Terme Luigiane

IL FULMINE EWAN SPAZZA IL CIELO DI ALBEROBELLO

Nella settima tappa da Castrovillari ad Alberobello vengono confermate le previsioni della vigilia con una volata finale a ranghi compatti che vede la vittoria di Caleb Ewan (Orica Scott) su Fernando Gaviria (Quick Step) e Sam Bennet (Bora Hansgrohe). Prima vittoria al Giro per il piccolo australiano che rompe finalmente il tabù con la corsa rosa. Bob Jungels (Quick Step) conserva la maglia rosa e dovrà difenderla anche domani nell’ottava tappa con arrivo a Peschici, molto insidiosa nel finale.

La settima tappa del Giro 2017 continua a risalire la penisola. Da Castrovillari, in Calabria, si arriva ad Alberobello, in Puglia, dopo 224 km senza grosse difficoltà. Una tappa sulla carta adatta ai velocisti, anche se gli ultimi chilometri, tra strade strette e continui cambi di direzione, invitano alla massima attenzione da parte di tutti i ciclisti. Dopo la partenza dalla località calabrese si formava la fuga di giornata composta da Giuseppe Fonzi (Wilier Triestina), Simone Ponzi (CCC Sprandi) e Dmitriy Kozonchuk (Gazprom Rusvelo). La fuga del terzetto durava per circa 50 km, dopodichè Ponzi era costretto a fermarsi per problemi meccanici e veniva ripreso dal gruppo. Restavano quindi in testa due soli ciclisti, con il gruppo che controllava il ritardo, mai superiore ai 4 minuti e mezzo. Al primo traguardo volante di Massafra Kozonchuk transitava in prima posizione, mentre al successivo GPM di 4a categoria di Bosco delle Pianelle il russo ricambiava il favore a Fonzi. Il vantaggio della fuga si aggirava sempre intorno ai 4 minuti a circa 70 km dall’arrivo, ma il gruppo accelerava l’andatura e sul successivo traguardo volante di Martina Franca, vinto ancora da Kozonchuk, il ritardo era calato a poco più di 2 minuti. Ai meno 25 il vantaggio della coppia di testa era sceso a 45 secondi e la fuga, infine, veniva ripresa ai meno 18. L’ultimo tentativo di Kristjan Koren (Cannondale Drapac) a meno 4 dall’arrivo, su un breve strappetto, allungava in gruppo. Si mettevano a tirare gli uomini Sky e lo sloveno veniva ripreso sotto lo striscione dei meno 3. Diverse curve allungavano il gruppo e le squadre dei velocisti provavano a risalire la china. Era Caleb Ewan (Team Orica Scott) a prendere l’iniziativa ai meno 200 metri dall’arrivo, guidato alla perfezione da Luka Mezgec. Il piccolo australiano manteneva un margine risicato ma decisivo che non permetteva a Fernando Gaviria (Quick Step) di superarlo sulla linea d’arrivo. In terza posizione si classificava Sam Bennet (Bora Hansgrohe). Ewan vince così la sua prima tappa al Giro 2017, sicuramente meritata dopo i tentativi andati a vuoto nelle scorse frazioni. La classifica generale resta invariata con Bob Jungels (Quick Step) in maglia rosa con 6 secondi di vantaggio su Geraint Thomas (Sky ) e 10 secondi su Adam Yates (Orica Scott). Sabato è in programma l’ottava tappa da Molfetta a Peschici, interamente in Puglia. Il GPM di seconda categoria di Monte Sant’Angelo posto a metà tappa potrebbe indurire le gambe di qualche velocista, che saranno messe nuovamente in croce sugli strappetti che portano al successivo GPM di terza categoria di Coppa Santa Tecla, a 46 km dall’arrivo. Gli ultimi 10 km sono ancora caratterizzati da numerose salitelle e anche l’arrivo è posto al termine di uno strappo di circa 1 km e mezzo con punte massime del 12%. Insomma, una tappa che presenta un’ampia gamma di soluzioni per la vittoria finale: potrebbe arrivare la fuga, la vittoria di un velocista bravo a resistere alle insidie del finale oppure la stoccata di un finisseur.

Giuseppe Scarfone

ORDINE D’ARRIVO

1 Caleb Ewan (Aus) Orica-Scott 5:35:18
2 Fernando Gaviria (Col) Quick-Step Floors
3 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe
4 André Greipel (Ger) Lotto Soudal
5 Jasper Stuyven (Bel) Trek-Segafredo
6 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
7 Enrico Battaglin (Ita) Team LottoNl-Jumbo 0:00:02
8 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
9 Aleksei Tcatevich (Rus) Gazprom – Rusvelo
10 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida
11 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb
12 Geraint Thomas (GBr) Team Sky
13 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky
14 Sacha Modolo (Ita) UAE Team Emirates
15 Adam Yates (GBr) Orica-Scott
16 Luka Mezgec (Slo) Orica-Scott
17 Domenico Pozzovivo (Ita) AG2R La Mondiale
18 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF
19 Davide Formolo (Ita) Cannondale-Drapac
20 Davide Martinelli (Ita) Quick-Step Floors
21 Bob Jungels (Lux) Quick-Step Floors
22 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb
23 Jose Rojas (Spa) Movistar Team
24 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates
25 Nairo Quintana (Col) Movistar Team
26 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale
27 Andrey Amador (CRc) Movistar Team
28 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
29 Steven Kruijswijk (Ned) Team LottoNl-Jumbo
30 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo
31 Vasil Kiryienka (Blr) Team Sky
32 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin
33 Mikel Landa (Spa) Team Sky
34 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
35 Thibaut Pinot (Fra) FDJ
36 Tejay Van Garderen (USA) BMC Racing Team
37 Vincenzo Albanese (Ita) Bardiani CSF
38 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale
39 Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal
40 Wilco Kelderman (Ned) Team Sunweb
41 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team
42 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin
43 Georg Preidler (Aut) Team Sunweb
44 Alex Howes (USA) Cannondale-Drapac
45 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team 0:00:11
46 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data
47 Chad Haga (USA) Team Sunweb
48 Francisco Ventoso (Spa) BMC Racing Team
49 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team
50 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates
51 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates
52 Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team
53 Simone Petilli (Ita) UAE Team Emirates
54 Maximiliano Richeze (Arg) Quick-Step Floors
55 Michael Woods (Can) Cannondale-Drapac
56 Laurens De Plus (Bel) Quick-Step Floors
57 Kanstantsin Siutsou (Blr) Bahrain-Merida
58 Gorka Izagirre (Spa) Movistar Team
59 Tomasz Marczynski (Pol) Lotto Soudal
60 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF
61 Kristijan Koren (Slo) Cannondale-Drapac
62 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
63 Jose Herrada (Spa) Movistar Team
64 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
65 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale
66 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
67 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe
68 Gregor Mühlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
69 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal
70 Daniel Teklehaimanot (Eri) Dimension Data
71 Jan Hirt (Cze) CCC Sprandi Polkowice
72 Rudy Molard (Fra) FDJ 0:00:17
73 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
74 Davide Villella (Ita) Cannondale-Drapac
75 Tobias Ludvigsson (Swe) FDJ
76 Pavel Brutt (Rus) Gazprom – Rusvelo
77 Bram Tankink (Ned) Team LottoNl-Jumbo
78 Jan Tratnik (Slo) CCC Sprandi Polkowice
79 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team
80 Stef Clement (Ned) Team LottoNl-Jumbo
81 Jesper Hansen (Den) Astana Pro Team
82 Clement Chevrier (Fra) AG2R La Mondiale
83 José Mendes (Por) Bora-Hansgrohe
84 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal
85 Nathan Haas (Aus) Dimension Data
86 Lukasz Owsian (Pol) CCC Sprandi Polkowice
87 Sergey Firsanov (Rus) Gazprom – Rusvelo
88 Michal Golas (Pol) Team Sky
89 Matej Mohoric (Slo) UAE Team Emirates
90 Iljo Keisse (Bel) Quick-Step Floors
91 Ben Hermans (Bel) BMC Racing Team
92 Laurens Ten Dam (Ned) Team Sunweb
93 Steve Morabito (Swi) FDJ
94 Matthieu Ladagnous (Fra) FDJ
95 Peter Stetina (USA) Trek-Segafredo
96 Sebastian Henao (Col) Team Sky
97 Jakub Mareczko (Ita) Wilier Triestina
98 Jos Van Emden (Ned) Team LottoNl-Jumbo
99 Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina
100 Alexander Foliforov (Rus) Gazprom – Rusvelo
101 Igor Anton (Spa) Dimension Data
102 Twan Castelijns (Ned) Team LottoNl-Jumbo
103 Cristian Rodriguez (Spa) Wilier Triestina
104 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin
105 Robert Kiserlovski (Cro) Katusha-Alpecin
106 Franco Pellizotti (Ita) Bahrain-Merida
107 Enrico Gasparotto (Ita) Bahrain-Merida
108 Ángel Vicioso (Spa) Katusha-Alpecin
109 Matteo Busato (Ita) Wilier Triestina 0:00:29
110 Alexander Edmondson (Aus) Orica-Scott
111 Matteo Pelucchi (Ita) Bora-Hansgrohe
112 Michael Hepburn (Aus) Orica-Scott 0:00:32
113 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team
114 Paolo Tiralongo (Ita) Astana Pro Team
115 Winner Anacona (Col) Movistar Team
116 Filippo Pozzato (Ita) Wilier Triestina
117 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo
118 Martijn Keizer (Ned) Team LottoNl-Jumbo
119 Sindre Skjøstad Lunke (Nor) Team Sunweb
120 Daniele Bennati (Ita) Movistar Team
121 Maciej Paterski (Pol) CCC Sprandi Polkowice
122 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida
123 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data
124 Julien Berard (Fra) AG2R La Mondiale
125 Jérémy Roy (Fra) FDJ
126 Michal Schlegel (Cze) CCC Sprandi Polkowice
127 Kristian Sbaragli (Ita) Dimension Data
128 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates
129 Branislau Samoilau (Blr) CCC Sprandi Polkowice
130 Tom Stamsnijder (Ned) Team Sunweb
131 Simone Ponzi (Ita) CCC Sprandi Polkowice 0:00:46
132 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors 0:01:09
133 Moreno Hofland (Ned) Lotto Soudal 0:01:15
134 William Bonnet (Fra) FDJ
135 Sébastien Reichenbach (Swi) FDJ
136 Benoit Vaugrenard (Fra) FDJ
137 Manuel Quinziato (Ita) BMC Racing Team 0:01:32
138 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team
139 Jurgen Van Den Broeck (Bel) Team LottoNl-Jumbo
140 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team
141 Jan Bárta (Cze) Bora-Hansgrohe
142 Simon Geschke (Ger) Team Sunweb
143 Hugh Carthy (GBr) Cannondale-Drapac
144 Ivan Savitckii (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:00:02
145 Giacomo Nizzolo (Ita) Trek-Segafredo 0:01:42
146 Luka Pibernik (Slo) Bahrain-Merida
147 Johann Van Zyl (RSA) Dimension Data
148 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida 0:02:05
149 Diego Rosa (Ita) Team Sky
150 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
151 Julen Amezqueta (Spa) Wilier Triestina
152 Eugenio Alafaci (Ita) Trek-Segafredo
153 Sergey Lagutin (Rus) Gazprom – Rusvelo
154 Edward Ravasi (Ita) UAE Team Emirates
155 Bart De Clercq (Bel) Lotto Soudal
156 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
157 Dylan Teuns (Bel) BMC Racing Team
158 Silvan Dillier (Swi) BMC Racing Team
159 Manuel Senni (Ita) BMC Racing Team
160 Philip Deignan (Irl) Team Sky
161 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale
162 Kenny Elissonde (Fra) Team Sky
163 Ruben Plaza (Spa) Orica-Scott
164 Alberto Losada (Spa) Katusha-Alpecin
165 Ivan Rovny (Rus) Gazprom – Rusvelo
166 Felix Großschartner (Aut) CCC Sprandi Polkowice
167 Jesus Hernandez (Spa) Trek-Segafredo
168 Evgeny Shalunov (Rus) Gazprom – Rusvelo
169 Tom-Jelte Slagter (Ned) Cannondale-Drapac 0:02:34
170 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe 0:02:39
171 Daniel Martinez (Col) Wilier Triestina 0:02:43
172 Omar Fraile (Spa) Dimension Data 0:02:44
173 Joe Dombrowski (USA) Cannondale-Drapac 0:02:46
174 Victor Campenaerts (Bel) Team LottoNl-Jumbo 0:02:58
175 Sean De Bie (Bel) Lotto Soudal
176 Carlos Verona (Spa) Orica-Scott 0:03:07
177 Svein Tuft (Can) Orica-Scott 0:03:10
178 Adam James Hansen (Aus) Lotto Soudal
179 Marcin Bialoblocki (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:03:41
180 Rory Sutherland (Aus) Movistar Team 0:03:46
181 Ilia Koshevoy (Blr) Wilier Triestina
182 Matvey Mamykin (Rus) Katusha-Alpecin
183 Christopher Juul Jensen (Den) Orica-Scott 0:05:17
184 Nicola Boem (Ita) Bardiani CSF
185 Pierre Rolland (Fra) Cannondale-Drapac
186 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF 0:06:39
187 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF
188 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina 0:07:39
189 Lorenzo Rota (Ita) Bardiani CSF
190 Dmitriy Kozontchuk (Rus) Gazprom – Rusvelo
191 Pieter Serry (Bel) Quick-Step Floors 0:07:45

CLASSIFICA GENERALE

1 Bob Jungels (Lux) Quick-Step Floors 33:56:07
2 Geraint Thomas (GBr) Team Sky 0:00:06
3 Adam Yates (GBr) Orica-Scott 0:00:10
4 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida
5 Domenico Pozzovivo (Ita) AG2R La Mondiale
6 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb
7 Nairo Quintana (Col) Movistar Team
8 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo
9 Andrey Amador (CRc) Movistar Team
10 Tejay Van Garderen (USA) BMC Racing Team
11 Thibaut Pinot (Fra) FDJ
12 Mikel Landa (Spa) Team Sky
13 Davide Formolo (Ita) Cannondale-Drapac
14 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin 0:00:14
15 Steven Kruijswijk (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:00:23
16 Wilco Kelderman (Ned) Team Sunweb
17 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates 0:00:46
18 Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team 0:01:03
19 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 0:01:18
20 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team 0:01:32
21 Simone Petilli (Ita) UAE Team Emirates 0:01:34
22 Michael Woods (Can) Cannondale-Drapac 0:01:36
23 Kanstantsin Siutsou (Blr) Bahrain-Merida 0:01:52
24 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates 0:02:10
25 Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal 0:02:25
26 Ben Hermans (Bel) BMC Racing Team 0:03:38
27 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data 0:03:39
28 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale 0:03:48
29 Jesper Hansen (Den) Astana Pro Team 0:04:30
30 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale 0:04:46
31 Franco Pellizotti (Ita) Bahrain-Merida 0:05:12
32 Gorka Izagirre (Spa) Movistar Team 0:05:18
33 Tomasz Marczynski (Pol) Lotto Soudal 0:05:40
34 Peter Stetina (USA) Trek-Segafredo 0:05:44
35 Winner Anacona (Col) Movistar Team 0:06:00
36 Jan Hirt (Cze) CCC Sprandi Polkowice 0:06:29
37 Jose Herrada (Spa) Movistar Team 0:06:32
38 Laurens De Plus (Bel) Quick-Step Floors 0:07:18
39 Sébastien Reichenbach (Swi) FDJ 0:07:23
40 Cristian Rodriguez (Spa) Wilier Triestina 0:07:47
41 Tobias Ludvigsson (Swe) FDJ 0:08:47
42 Rudy Molard (Fra) FDJ 0:09:07
43 Steve Morabito (Swi) FDJ 0:09:24
44 Pierre Rolland (Fra) Cannondale-Drapac 0:10:19
45 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe 0:10:35
46 Gregor Mühlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
47 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team 0:11:12
48 Jose Rojas (Spa) Movistar Team 0:12:03
49 Georg Preidler (Aut) Team Sunweb 0:12:05
50 Sebastian Henao (Col) Team Sky 0:12:25
51 Robert Kiserlovski (Cro) Katusha-Alpecin 0:12:30
52 Stef Clement (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:12:40
53 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team 0:14:16
54 Simon Geschke (Ger) Team Sunweb 0:14:22
55 Alexander Foliforov (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:14:23
56 Enrico Battaglin (Ita) Team LottoNl-Jumbo 0:14:27
57 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale 0:14:47
58 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:14:56
59 Tom-Jelte Slagter (Ned) Cannondale-Drapac 0:14:57
60 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale 0:15:37
61 Pavel Brutt (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:15:41
62 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo 0:15:48
63 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky 0:16:20
64 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team 0:16:34
65 Diego Rosa (Ita) Team Sky 0:16:36
66 Sergey Firsanov (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:17:01
67 Philip Deignan (Irl) Team Sky 0:17:26
68 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:17:35
69 Silvan Dillier (Swi) BMC Racing Team 0:18:10
70 Laurens Ten Dam (Ned) Team Sunweb 0:18:15
71 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida 0:18:27
72 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo 0:18:34
73 Bram Tankink (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:18:45
74 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 0:18:49
75 Paolo Tiralongo (Ita) Astana Pro Team 0:18:52
76 Ruben Plaza (Spa) Orica-Scott 0:18:59
77 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida 0:19:10
78 Francisco Ventoso (Spa) BMC Racing Team 0:19:46
79 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors 0:19:52
80 Igor Anton (Spa) Dimension Data 0:20:25
81 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 0:20:34
82 Adam James Hansen (Aus) Lotto Soudal 0:20:52
83 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe 0:20:58
84 Jérémy Roy (Fra) FDJ 0:21:09
85 Jasper Stuyven (Bel) Trek-Segafredo 0:21:34
86 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team 0:22:38
87 Hugh Carthy (GBr) Cannondale-Drapac 0:24:20
88 José Mendes (Por) Bora-Hansgrohe 0:24:42
89 Michal Schlegel (Cze) CCC Sprandi Polkowice 0:24:52
90 Carlos Verona (Spa) Orica-Scott 0:25:06
91 Maciej Paterski (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:26:13
92 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data 0:26:45
93 Enrico Gasparotto (Ita) Bahrain-Merida 0:26:48
94 Omar Fraile (Spa) Dimension Data 0:26:52
95 Simone Ponzi (Ita) CCC Sprandi Polkowice 0:26:56
96 Jurgen Van Den Broeck (Bel) Team LottoNl-Jumbo 0:27:08
97 Dylan Teuns (Bel) BMC Racing Team 0:27:30
98 Davide Villella (Ita) Cannondale-Drapac 0:27:36
99 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:28:12
100 Clement Chevrier (Fra) AG2R La Mondiale 0:28:23
101 Matej Mohoric (Slo) UAE Team Emirates 0:28:30
102 Fernando Gaviria (Col) Quick-Step Floors 0:28:32
103 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors 0:28:36
104 Sacha Modolo (Ita) UAE Team Emirates 0:28:42
105 Matteo Busato (Ita) Wilier Triestina 0:28:59
106 Edward Ravasi (Ita) UAE Team Emirates 0:29:05
107 Kristian Sbaragli (Ita) Dimension Data 0:29:14
108 Jos Van Emden (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:29:22
109 Luka Pibernik (Slo) Bahrain-Merida 0:29:25
110 Julien Berard (Fra) AG2R La Mondiale 0:29:31
111 Sindre Skjøstad Lunke (Nor) Team Sunweb 0:30:07
112 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin 0:30:11
113 Matthieu Ladagnous (Fra) FDJ 0:30:29
114 Felix Großschartner (Aut) CCC Sprandi Polkowice 0:30:32
115 Benoit Vaugrenard (Fra) FDJ 0:30:33
116 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal 0:30:38
117 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale 0:31:14
118 Kenny Elissonde (Fra) Team Sky 0:31:15
119 Michael Hepburn (Aus) Orica-Scott 0:31:20
120 Bart De Clercq (Bel) Lotto Soudal 0:31:24
121 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal 0:32:19
122 Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina 0:32:37
123 Jan Tratnik (Slo) CCC Sprandi Polkowice 0:32:47
124 Filippo Pozzato (Ita) Wilier Triestina 0:32:54
125 Jesus Hernandez (Spa) Trek-Segafredo 0:33:21
126 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida 0:33:39
127 Matvey Mamykin (Rus) Katusha-Alpecin 0:33:44
128 William Bonnet (Fra) FDJ 0:34:43
129 Daniele Bennati (Ita) Movistar Team 0:34:45
130 Alex Howes (USA) Cannondale-Drapac 0:35:04
131 André Greipel (Ger) Lotto Soudal 0:35:43
132 Kristijan Koren (Slo) Cannondale-Drapac 0:35:46
133 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe 0:35:48
134 Aleksei Tcatevich (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:35:57
135 Ivan Rovny (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:36:02
136 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates 0:36:48
137 Vasil Kiryienka (Blr) Team Sky 0:36:53
138 Luka Mezgec (Slo) Orica-Scott 0:36:55
139 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF 0:36:57
140 Manuel Quinziato (Ita) BMC Racing Team 0:37:25
141 Michal Golas (Pol) Team Sky 0:37:31
142 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF 0:37:41
143 Moreno Hofland (Ned) Lotto Soudal 0:39:16
144 Martijn Keizer (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:39:18
145 Christopher Juul Jensen (Den) Orica-Scott 0:39:45
146 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe 0:39:50
147 Caleb Ewan (Aus) Orica-Scott 0:40:13
148 Branislau Samoilau (Blr) CCC Sprandi Polkowice 0:40:20
149 Svein Tuft (Can) Orica-Scott
150 Lukasz Owsian (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:40:24
151 Davide Martinelli (Ita) Quick-Step Floors 0:41:27
152 Maximiliano Richeze (Arg) Quick-Step Floors 0:41:33
153 Alexander Edmondson (Aus) Orica-Scott 0:41:40
154 Ángel Vicioso (Spa) Katusha-Alpecin 0:41:47
155 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo 0:42:24
156 Vincenzo Albanese (Ita) Bardiani CSF 0:42:27
157 Iljo Keisse (Bel) Quick-Step Floors 0:42:40
158 Sergey Lagutin (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:42:43
159 Nathan Haas (Aus) Dimension Data 0:42:47
160 Victor Campenaerts (Bel) Team LottoNl-Jumbo 0:43:24
161 Daniel Teklehaimanot (Eri) Dimension Data 0:43:28
162 Eugenio Alafaci (Ita) Trek-Segafredo 0:44:00
163 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF 0:44:10
164 Ivan Savitckii (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:44:17
165 Tom Stamsnijder (Ned) Team Sunweb 0:44:59
166 Julen Amezqueta (Spa) Wilier Triestina 0:45:26
167 Jakub Mareczko (Ita) Wilier Triestina 0:46:13
168 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb 0:47:14
169 Johann Van Zyl (RSA) Dimension Data
170 Twan Castelijns (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:48:19
171 Giacomo Nizzolo (Ita) Trek-Segafredo 0:48:59
172 Daniel Martinez (Col) Wilier Triestina 0:49:02
173 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin 0:49:06
174 Lorenzo Rota (Ita) Bardiani CSF 0:49:59
175 Joe Dombrowski (USA) Cannondale-Drapac 0:50:42
176 Nicola Boem (Ita) Bardiani CSF 0:51:02
177 Jan Bárta (Cze) Bora-Hansgrohe 0:52:51
178 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF 0:53:08
179 Rory Sutherland (Aus) Movistar Team 0:54:29
180 Sean De Bie (Bel) Lotto Soudal 0:54:35
181 Evgeny Shalunov (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:55:10
182 Dmitriy Kozontchuk (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:55:59
183 Pieter Serry (Bel) Quick-Step Floors 0:56:39
184 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:58:19
185 Manuel Senni (Ita) BMC Racing Team 1:03:50
186 Ilia Koshevoy (Blr) Wilier Triestina 1:04:22
187 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team 1:05:10
188 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina 1:05:24
189 Matteo Pelucchi (Ita) Bora-Hansgrohe 1:06:23
190 Marcin Bialoblocki (Pol) CCC Sprandi Polkowice 1:08:59
191 Alberto Losada (Spa) Katusha-Alpecin 1:09:51

Lagguerritissimo sprint tra i trulli di Alberobello (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

L'agguerritissimo sprint tra i trulli di Alberobello (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

CASTROVILLARI – ALBEROBELLO: E TANTO PER CAMBIARE… VENTO!

Sarà una lunga tappa di trasferimento quella che il Giro vivrà al settimo giorno di gara tra Castrovillari e Alberobello, dalla Calabria alla Puglia. Le difficoltà sono assai poco rilevanti sul piano altimetrico ma ci sarà ancora l’insidia del vento che, a causa dell’assenza di grandi rilievi nella zona delle Murge, oggi sarà in grado di spaziare fin nelle zone più interne della regione. La possibilità d’incappare in ventagli sarà dunque particolarmente elevata, come ci ricorda l’episodio accorso a Pantani e ai suoi scudieri della Mercatone Uno al Giro del 1998. Quel giorno andò poi a finire con un volatone tutti assieme appassionatamente in quel di Lecce e lo stesso dovrebbe accadere stavolta nella terra dei trulli… Vento permettendo.

Sarà il grande protagonista della prima settimana di Giro e non stiamo parlando delle prime salite in programma in questa prima fase della corsa rosa, né dell’Etna scalato al quarto giorno, né del Blockhaus sul quale terminerà la tappa della domenica successiva. Invece, il comun denominatore delle prime nove frazioni sarà il vento, a causa dell’abbondanza di tratti costieri che caratterizzeranno queste tappe, esposte per molti chilometri alle intemperanze di Eolo. Di tutte queste, poi, le più insidiose in tal senso saranno le prossime due ma, in maniera ancora più particolare e costante, soprattutto quella odierna che collegherà la Calabria alla Puglia snodandosi per ben 100 Km lungo il Golfo di Taranto. Anche dopo aver lasciato la costa ionica, quando mancheranno ancora una novantina di chilometri al traguardo, il vento potrebbe farla da padrone perché l’altopiano delle Murge, teatro del finale di gara, pur essendo distante dal mare ne subisce spesso l’influsso a causa della mancanza di grandissime elevazioni che fungano da “barriere” naturali. La storia del Giro di Puglia, corsa nata nel 1972 e organizzata l’ultima volta nel 1998, è, infatti, ricca d’edizioni decise proprio dai ventagli e anche al Giro d’Italia ci furono episodi che rischiarono di lasciare il segno come quella volta che, sempre nella stagione 1998, Pantani e le sue “guardie del corpo” della Mercatone Uno si ritrovarono nella seconda parte del gruppo, staccati di quasi un minuto dalla testa della corsa, nel corso della tappa Matera – Lecce, fortunamente per il “Pirata” poi terminata a gruppo compatto con il successo allo sprint di Mario Cipollini. Saranno ancora i velocisti i principali favoriti per la vittoria nella frazione che terminerà ad Alberobello e che, vento a parte, non proporrà altre grandissime insidie, se non quelle della distanza (oggi si dovranno percorrere 220 Km) e del finale da percorrere su un fondo che, come a Cagliari, non sarà il solito nastro d’asfalto. Se nel capoluogo sardo si era pedalato, nelle ultime centinaia di metri, sulle lastre di granito, stavolta sotto le ruote dei corridori farà la sua comparsa un selciato più tradizionale, costituito da piccole mattonelle certamente meno consunte rispetto a quelle della Roubaix ma i cui interstizi ravvicinati offriranno più sollecitazioni ai mezzi meccanici, rendendo la volata notevolmente più sdrucciolevole e problematica.
Oggi il Giro leverà le tende in quel di Castrovillari, la città più settentrionale della Calabria, situata ai piedi della catena del Pollino e sulle cui pendici si trova l’interessante santuario di Santa Maria del Castello, costruito nel 1363 e il cui nome non fa riferimento al castello cittadino, situato in altro luogo, ma a un altro maniero la cui costruzione era stata iniziata dai normanni e molto probabilmente rimase incompiuto. Tranne un breve zampellotto da superare in partenza, i primi 30 Km scorreranno in discesa verso il Mar Ionio, raggiungendo la statale litoranea al margine settentrionale della Piana di Sibari, la più vasta delle pianure calabresi (475 Km quadrati), che reca il nome della colonia magnogreca che vi era stata fondata alla fine dell’VIII secolo a.C. da un gruppo di cittadini achei provenenti dalla regione greca del Peloponneso.
Per oltre 100 Km il mare sarà compagno di viaggio dei corridori, che incontreranno lungo il cammino diverse località balneari tra le quali c’è Trebisacce, nel 2015 insignita del prestigioso riconoscimento della “Bandiera blu”, assegnato alle località costiere europee che meglio soddisfano diversi criteri di qualità relativi alla balneazione e ai servizi offerti ai turisti, contemplando anche la pulizia delle spiagge. Successivamente il percorso supererà il modesto promontorio di Capo Spulico, nei cui pressi si trova sotto il livello delle acque la “secca di Amendolara”, luogo molto frequentato dagli appassionati d’immersioni, mentre chi preferisce rimanere con i piedi ben piantati per terra può raggiungere il vicino Castrum Petrae Roseti (Castello della Pietra di Roseto), ristrutturato dopo il 1229 su iniziativa di Federico II di Svevia che l’aveva requisito ai Templari, che lo utilizzavano come tempio e che vi avrebbero conservato, secondo la leggenda, nientemeno che la Sacra Sindone.
Percorsi una settantina di chilometri dal “via!” il Giro saluterà la Calabria per approdare sulle strade della Basilicata, l’unica delle 15 regioni coinvolte nel percorso della corsa rosa che non ospiterà una sede d’arrivo o partenza ma sarà semplicemente attraversata dal gruppo. Il tratto lucano misurerà poco meno di 40 Km e sarà caratterizzato da un leggero discostamento dal litorale, mentre il tracciato si avvicinerà al centro di Policoro, presso il quale si trova il sito archeologico di Eraclea, città fondata attorno al 434 a.C. da un gruppo di coloni fuggiti dalle città di Taranto e Thurii, reduci da un periodo di guerra. Ben più celebri, rasentati dal tracciato al momento di lasciare la Basilicata, sono gli scavi della non lontana Metaponto, il cui monumento di spicco è costituito dai resti del tempio dedicato alla dea Hera, conosciuto con il soprannome di “Tavole Palatine” forse con riferimento alle lotte qui combattute tra i Paladini di Francia e i saraceni.
Entrati in territorio pugliese e lambita la stazione balneare di Castellaneta Marina (frazione del centro che diede i natali al divo del cinema muto Rodolfo Valentino), il tracciato volterà le spalle al mare per addentrarsi con più decisione in direzione di Massafra, cittadina spettacolarmente adagiata sulle sponde della gravina di San Marco, profondo “canyon” che due alti viadotti scavalcano collegando il centro storico al moderno Borgo Santa Caterina. È proprio dalla “Tebaide d’Italia”, così chiamata per i suoi insediamenti rupestri (tra i quali si contano diverse chiese scavate nella roccia), che ha inizio l’unica salita prevista dal percorso, in realtà più paragonabile a un cavalcavia tirato per le lunghe: sono circa 17 Km al 2,3%, con i tratti più impegnativi – se si possono definire così – nei 5,5 conclusivi Km al 3,6% che condurranno allo striscione del GPM, collocato nel cuore del Bosco delle Pianelle, riserva naturale dal 2002 e in passato, all’inizio del secolo scorso, noto luogo di ritrovo dei briganti, prescelto per la sua impenetrabilità e per le numerose grotte che sforacchiano quest’angolo dell’altopiano delle Murge, tra le quali quella che accolse il famigerato “Sergente Romano”, ex ufficiale dell’esercito borbonico che nel 1862 radunò in questa zona ben 200 uomini. Per i “girini” le Pianelle rappresenteranno, invece, la porta d’accesso alla Valle d’Itria, la terra dei trulli, nella quale si svolgeranno gli ultimi 64 Km, disegnati a cavallo di tre provincie (in ordine di apparizione Taranto, Brindisi e Bari) e nuovamente denotati da un decorso pianeggiante, anche se l’aspetto sarà più movimentato rispetto al “piattone” incontrato in precedenza. La prima cittadina dei trulli attraversata dal percorso sarà Martina Franca, dove si fanno notare i bei palazzetti in stile barocco e rococò del centro, edifici che quasi “tirano la volata” al trionfo del barocco di Lecce. In questa cornice alla fine degli anni ’70 furono girati un paio di film appartenenti al filone della “commedia sexy all’italiana” ma anche una pellicola più impegnata, “Polvere di stelle”, diretta e interpretata dall’indimenticato Alberto Sordi e che vide in scena Monica Vitti nelle sequenze girate nelle campagne martinesi. Entrati in territorio brindisino, la prossima meta del gruppo sarà il centro d’aspetto orientale di Ceglie Messapica, costruito sul luogo dove si trovava la scomparsa acropoli di Kailìa, colonia fondata dai messapi, popolazione proveniente dalla parte occidentale della penisola balcanica e della cui presenza si sono conservate diverse tracce, come i “paretoni”, avanzi delle possenti mura megalitiche che cingeva la città.
Terminato un lungo “traversone” verso sud, a Ceglie si effettuerà una sorta di giro di boa e riprenderà la risalita della penisola portandosi con un paio di facilissimi falsipiani a Cisternino, centro che il 5 settembre del 1976 ospitò il punto culminante del circuito dei mondiali di ciclismo, organizzati nella vicina Ostuni e conquistati dal campione belga Freddy Maertens, e nelle cui campagne transita l’unico tratto (11 Km) finora realizzato della “Ciclovia dell’Acqua”, pista ciclabile sterrata che, a lavori ultimati, collegherà la località campana di Caposele, in provincia di Avellino, con Santa Maria di Leuca in quasi 500 Km, 250 dei quali si snoderanno sulle strade di servizio dell’Acquedotto Pugliese, la cui costruzione iniziò nel 1906 per risolvere l’annoso problema della mancanza d’acqua in questa regione, noto fin dal tempo degli antichi romani se il celebre poeta Orazio ebbe a scrivere: “Siderum insedit vapor siticulosae Apuliae” (arriva alle stelle l’afa della Puglia sitibonda).
Superato l’ultimo ostacolo di giornata, solo pianura s’incontrerà negli ultimi 20 Km, entrando infine nella provincia di Bari che accoglierà il gruppo dalle parti di Locorotondo, paese il cui nome fa chiaro riferimento alla forma del centro storico. Poi s’affacceranno i trulli a far da quinta a una volata particolarmente “pietrosa”, così come la rude terra che quest’oggi accoglierà gli ultimi battiti di corsa.

Mauro Facoltosi

RINGRAZIAMENTI
Segnaliamo che le citazioni cinematografiche (nel testo e nella fotogallery) sono frutto della collaborazione con il sito www.davinotti.com, che ringraziamo per la disponibilità.

FOTOGALLERY

Castrovillari, santuario di Santa Maria del Castello

Area archeologica di Sibari

Il Castello della Pietra di Roseto

Metaponto, le “Tavole Palatine” viste dalla strada che percorreranno I corridori al momento di lasciare la Basilicata per la Puglia

Massafra vista da uno dei due ponti che scavalcano la gravina collegando il centro storico ai quartieri più moderni

Il tratto finale della salita attraverso il Bosco delle Pianelle

Martina Franca, basilica di San Martino

Monica Vitti e l’attore statunitense John Phillip Law in una scena di ‘’Polvere di stelle’’ girata nelle campagne di Martina Franca, nello scenario della valle dei trulli (www.davinotti.com)

Monica Vitti e l’attore statunitense John Phillip Law in una scena di ‘’Polvere di stelle’’ girata nelle campagne di Martina Franca, nello scenario della valle dei trulli (www.davinotti.com)

Un tratto delle mura megalitiche di Ceglie Messapica

Viadotto della Ciclovia dell’Acqua tra Locorotondo e Ceglie Messapica

Il “loco rotondo” di Locorotondo

Alberobello, Trullo Sovrano

 Uno dei caratteristici trulli della Valle d’Itria e, in trasparenza, l’altimetria della settima tappa del Giro 2017 (foto di sfondo di Pinella Chionnu, govalleditria.it)

Uno dei caratteristici trulli della Valle d’Itria e, in trasparenza, l’altimetria della settima tappa del Giro 2017 (foto di sfondo di Pinella Chionnu, govalleditria.it)