100 E ANCOR PIÙ 100: OBIETTIVO MESSINA

Ne abbiamo modificato il titolo in occasione della centesima edizione del Giro, trasformando in una frase beneaugurante il tenebroso adagio medioevale “mille e non più mille”, ma i contenuti della rubrica saranno quelli soliti dell’Almanacco del dopo tappa made in ilciclismo.it che aveva accompagnato le cronache delle scorse edizione. All’interno ritroverete la rassegna stampa internazionale, il punto di vista dei tifosi, la colonna sonora del giorno (quest’anno raddoppiata), le previsioni del tempo per la tappa successiva, le “perle” dei telecronisti in una rubrica dal titolo rinnovato, il Giro d’Italia rivisto alla “rovescia” e il ricordo di un Giro passato (nell’anno del centesimo Giro abbiamo scelto di riportarvi indietro nel tempo fino al 1967, l’anno della 50a edizione).

GIRO D’ITALIA, GIRO DEL MONDO

Italia

È Gaviria il re dello Stretto! Sprint da paura e bis al Giro – Gaviria, potenza e classe Riguarda la volata: gli HL – Pibernik, vittoria “fantasma” – Taglia il traguardo ed esulta, ma manca ancora un giro – Nibali: “È vero, con Quintana non ci amiamo…” – Tifoso si fa un selfie e colpisce Sbaragli. Lui: “Non è un videogioco” – Froome ritorna in sella dopo la paura: “Ecco la nuova bici” (Gazzetta dello Sport)

Giro d’Italia 2017, 5ª tappa ancora a Gaviria in volata, Jungels si conferma in rosa – Clamorosa gaffe al Giro: esulta sotto il traguardo, ma manca ancora un giro (Corriere della Sera)

Colombia

Fernando Gaviria ganó su segunda etapa en el Giro de Italia – ‘Todo se lo debo al equipo, hizo un trabajo perfecto’: Gaviria – Así ganó Fernando Gaviria la quinta etapa del Giro de Italia – Los medios del mundo ven a Fernando Gaviria como un ‘rey’ – ‘Estoy muy contento con la victoria de Fernando Gaviria’: Jungels – Paso a paso: así Fernando Gaviria llegó al liderato del Giro (El Tiempo)

Fernando Gaviria, vencedor de la quinta etapa del Giro de Italia – Fernando Gaviria, el velocista en un país de escaladore –
Tribuna Deportiva: el momento rosa de Fernando Gaviria – “Este triunfo es para mi equipo y mi familia”: Fernando Gaviria – Fernando Gaviria: del patinaje al ciclismo (El Espectador)

Svizzera

Deuxième succès de Gaviria au Giro (24 Heures)

Gaviria, der Sprinter (Neue Zürcher Zeitung)

Austria

Jungels weiter Leader – Etappensieg an Gaviria (Kronen Zeitung)

Slovenia

V Messini številka dve Fernanda Gavirie, Pibernik prezgodaj slavil (Delo)

Gran Bretagna

Fernando Gaviria triumphs as team-mate Bob Jungels retains overall lead – Giro d’Italia cyclist thinks he has won stage and starts celebrating… a lap too early (The Daily Telegraph)

Francia

Gaviria remet ça – Il lève les bras à un tour de l’arrivée – (L’Equipe)

Giro: un Slovène fête sa victoire alors qu’il reste encore un tour à couvrir (Le Figaro)

Spagna

El colombiano Gaviria vuela y vuelve a ser el rey del sprint – Gaviria: “Quería agarrar la camiseta de la regularidad” – Losada: “Costó diez minutos meterme otra vez el hombro” – Gaviria se lleva la quinta etapa, su segunda en el presente Giro – De la Parte: “Cuando se hace esperar, se coge con más ganas” – Pelucchi llegó al Etna con el maillot desgarrado por una caída – ¡Vaya chasco! Pibernik celebró el triunfo cuando faltaban 6 km – Lo que no se vio: codazo de Rosa a Moreno antes de empujarle (AS)

Un intratable Gaviria impone su velocidad en Messina – El ridículo de Pibernik en el Giro: celebra la victoria ¡cuando quedaba una vuelta! (Marca)

Gaviria golpea de nuevo en el Giro – ¡Pibernik celebra la victoria cuando aún quedaba un giro! – “Etapas como la de hoy aburren y no hacen afición” (El Mundo Deportivo)

Belgio

Gaviria wint tweede massasprint in Giro en snoept puntentrui af van Greipel – Sloveen denkt dat hij etappe in Giro gewonnen heeft… maar er is nog éé De rit van donderdag in de Giro: kroont Teuns zich tot de beste van de punchers? (Het Nieuwsblad)

Giro: nouvelle victoire de Gaviria, Jungels reste leader – Malaise au Giro: Pibernik célèbre la victoire… trop tôt! (La Dernière Heure/Les Sports)

Paesi Bassi

Gaviria pakt tweede dagzege – Schouder Ten Dam uit de kom in Giro (De Telegraaf)

Bekijk hoe Fernando Gaviria opnieuw toeslaat in de Giro (Algemeen Dagblad)

Quick-Step soeverein in ‘Nibali-stad’ Messina: etappewinst en het roze – Geef échte klimmers voorrang in Giro en Tour – Gefocust en koel: Kelderman vaart wel bij Sunweb (de Volkskrant)

Lussemburgo

Gaviria messie à Messine, Jungels reste en rose (Luxemburger Wort)

Jungels weiterhin in Rosa (Tageblatt)

Germania

Giro: Für Greipel reicht es auf 5. Etappe nicht zum Sieg (Berliner Zeitung)

Stati Uniti

Gaviria Sprints to Second Giro Stage Victory (The New York Times)

Costa Rica

Andrey Amador entra al top 10 del Giro de Italia – Andrey Amador es uno de los mejores diez hombres del Giro de Italia – Vincenzo Nibali calienta el Giro al decir que no tiene buena relación con Nairo Quintana (La Nación)

Australia

Epic celebration fail in Giro d’Italia (Herald Sun)

DISCOGIRO: la colonna sonora della tappa del Giro scelta per voi da ilciclismo.it

Dedicata alla radio di Pibernik, che si è scaricata e così il suo direttore sportivo non è riuscito ad avvisarlo che quello non era il traguardo

“Radio Nowhere” (Bruce Springsteen)

DISCOGIRO 100

In occasione del 100° Giro abbiamo selezionato alcune canzoni da abbinare a momenti storici della Corsa Rosa

26 maggio 1937 – Prima tappa dolomitica (Vittorio Veneto – Merano) vinta da Gino Bartali

“Il più grande spettacolo dopo il Big Bang” (Jovanottii)

a cura di DJ Jorgens

METEO GIRO
Le previsioni si riferiscono agli orari di partenza, passaggio e arrivo della tappa del giorno dopo

Reggio Calabria: cielo coperto, 21°C (percepiti 22°C), vento forte da SSE (36-39 Km/h), umidità al 72%
Barritteri (GPM – 38.6 Km): cielo coperto con possibilità di deboli e isolate precipitazioni, 20.9°C, vento moderato da SE (30-37 Km/h), umidità al 47%
Mileto (TV – 79.2 Km): cielo coperto, 21.8°C, vento forte da SE (32-41 Km/h), umidità al 46%
Marinella / Lamezia Terme (129.4 Km): cielo coperto, 20.6°C, vento moderato da SE (30-32 Km/h), umidità al 56%
Fuscaldo (GPM – 193.3 Km): cielo coperto con possibilità di deboli e isolate precipitazioni, 20.1°C, vento moderato da SSE (24-37 Km/h), umidità al 60%
Terme Luigiane: cielo coperto con possibilità di deboli e isolate precipitazioni, 20.5°C, vento moderato da SE (24-30 Km/h), umidità al 63%

L’ANGOLO DI SILVIOLO E PANCANOLO

Gli strafalcioni dei giornalisti al seguito della corsa rosa

Lollobrigida: “C’è da arrivare a Messina, nel sud ovest della Sicilia” (affermazione esatta…. se si guarda la cartina della Sicilia al contrario)
Lollobrigida: “Diego Costa” (Diego Rosa)
Lollobrigida: “Cappucci” (Chiappucci)
Lollobrigida: “A proposito di pronuncia e di nomi andiamo da Pancani per l’aggiornamento della tappa”
Lollobrigida: “Sandro Barbieri” (Brambilla)
Pancani: “Ivan Basso lavora con lo Strek” (lavora nello staff della Trek-Segafredo)
Martinello: “Il Giro d’Italia transita sulla loro località” (volando?)
Martinello: “Gruppo che ha inserito il cruscotto”
Conti: “La CCP” (la formazione polacca CCC Sprandi Polkowice)
Pancani: “Gli Etixx – Quick-Step” (da quest’anno Etixx non è più sponsor della formazione belga, oggi Quick-Step Floors)
Televideo: “Marecko” (Mareczko)
Televideo: “Paterski, Shalunov e Teklehaimanot fanno la gara col gruppo in controllo” (solo i primi due erano in fuga)

e se vi stesse chiedendo il perchè del titolo…

dalla telecronaca della tappa dell’Alpe di Siusi (Giro 2016)

Pancani: “Silviolo”
Martinello: “Dimmi Pancanolo”

IL GIRO DI GOMEZ
In questa rubrica vi faremo rileggere i piani alti della classica, come li avrebbe visti Gomez Addams nelle sue letture del giornale in “verticale”… vale a dire le classifiche giornaliere viste al contrario, dal punto di vista della maglia nera!

Ordine d’arrivo della quinta tappa, Pedara – Messina

1° Alberto Losada
2° Rory Sutherland s.t.
3° Pieter Serry s.t.
4° Victor Campenaerts s.t.
5° Dylan Teuns s.t.

Miglior italiano: Lorenzo Rota, 10° (s.t.)

Classifica generale

1° Alberto Losada
2° Matteo Pelucchi a 1′52″
3° Marcin Bialoblocki a 2′28″
4° Zhandos Bizhigitov a 4′08″
5° Manuel Senni a 6′01″

IL GIRO DI MEZZA ETÀ
Quest’anno la corsa rosa taglia il traguardo della centesima edizione, in un clima di festa certamente non secondo a quello con il quale nel 1967 si celebreva il 50° Giro d’Italia con la prima delle tre vittorie di Felice Gimondi. Noi di ilciclismo.it ricorderemo quell’edizione tutti i giorni, proponendovi la rassegna stampa dell’epoca, con i titoli del quotidiano “La Stampa”

24 MAGGIO 1967 – 5° TAPPA: ROMA – NAPOLI (220 Km)

GRAVE CADUTA DI GOMEZ DEL MORAL – DANCELLI «MAGLIA ROSA» A NAPOLI
Giro d’Italia: una quinta tappa ricca di emozioni

Il corridore spagnolo, primo in classifica alla partenza da Roma, protagonista di un pauroso ruzzolone – Ha voluto proseguire malgrado numerose ferite alla testa e alla spalla – È giunto al traguardo con un distacco di 3 minuti – A Napoli primo Planckaert, davanti a Basso e Dancelli – A 15” il gruppo degli assi – Oggi la corsa a Palermo – Il medico dice: «È difficile che Gomez del Moral continui il Giro»*

*nota di cronaca: Antonio Gomez del Moral porterà a termine il Giro, piazzandosi al 13° posto con 25’17” di ritardo da Felice Gimondi

Il gruppo sfreccia sulle incantevole strade di Sicilia e lindimenticato Scarponi sembra quasi amorevolmente sorvegliarlo (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

Il gruppo sfreccia sulle incantevole strade di Sicilia e l'indimenticato Scarponi sembra quasi amorevolmente sorvegliarlo (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

ARCHIVIO
Cliccare sul nome della tappa per visualizzare l’articolo

Raduno di partenza Alghero
1a tappa: Alghero – Olbia
2a tappa: Olbia – Tortolì
3a tappa: Tortolì – Cagliari
4a tappa: Cefalù – Etna

GAVIRIA METTE IL TURBO ANCHE A MESSINA

A Messina Fernando Gaviria (Quick Step) batte in volata Jakub Mareczko (Wilier Triestina) e Sam Bennet (Bora Hansgrohe) e conquista la seconda vittoria al Giro 2017, al termine di una tappa caratterizzata da una fuga ripresa ai meno 15. Il suo compagno di squadra Bob Jungels (Quick Step) resta in maglia rosa. Domani la sesta tappa prevede il ritorno in “continente” per una frazione tutta calabrese con qualche insidia nel finale

Dopo il flop della tappa dell’Etna, dove tra i big è regnato sovrano l’attendismo, favorito anche dal forte vento in quota che non ha permesso attacchi decisi, se non quello finale di Ilnur Zakarin, il Giro ripartiva oggi da Pedara, alle pendici del vulcano siciliano, con Bob Jungels (Quick Step) in maglia rosa e con il ritiro forzato di Javier Moreno (Bahrain Merida), squalificato dalla giuria per scorrettezze durante la tappa dell’Etna, quando aveva spintonato Diego Rosa (Sky). I 159 km verso Messina, caratterizzati da un GPM piuttosto semplice (Andronico-Sant’Alfio, posto dopo 35 km) lasciavano presagire un arrivo in volata, anche se gli ultimi 60 km esposti al vento della costa potevano creare qualche difficoltà in caso di ventagli. Dopo la partenza da Pedara si formava quasi subito una fuga, formata da Maciej Paterski (CCC Sprandi) ed Evgeny Shalunov (Gazprom Rusvelo). Il gruppo lasciava fare e la coppia di testa arrivava ad un vantaggio massimo superiore ai 4 minuti. Paterski transitava in prima posizione al GPM, per poi ripetersi al traguardo volante di Taormina, a 60 km dal traguardo, dove il vantaggio della fuga era sceso a 3 minuti e 20 secondi. Le squadre dei velocisti, in primis Quick Step, Orica Scott e Lotto Soudal, si alternavano in testa al gruppo e il vantaggio della fuga si faceva sempre più esiguo. Ai meno 30 il ritardo del gruppo sui due fuggitivi era sceso sotto i 2 minuti e continuava a calare rapidamente grazie anche al vento favorevole, oltre che all’affiatamento e ai cambi regolari dei ciclisti. Shalunov e Paterski venivano infine ripresi ai meno 15. Iniziavano le grandi manovre tra le squadre dei velocisti per preparare la volata dei loro capitani. In quelle fasi si verifica anche il curioso episodio occorso allo sloveno Luka Pibernik (Bahrain Merida), che guadagnava qualche centinaio di metri sul gruppo e transitava sulla linea del traguardo esultando…. ma a causa dell’esaurimento della batteria della sua radio non aveva sentito il suo direttore sportivo che dall’ammiraglia lo avvisava che quello era semplicemente il primo passaggio dal traguardo, essendo poi previsto un circuito finale di circa 6 Km. Infatti, la corsa proseguiva come da programma ed era la Quick Step la squadra più solida e compatta in testa al gruppo, abile a lanciare al meglio Fernando Gaviria. Il colombiano tagliava per primo il traguardo, stavolta quello vero, su Jakub Mareczko (Wilier Triestina) e Sam Bennet (Team Bora Hansgrohe), ottenendo la seconda vittoria parziale del Giro dopo quella nella terza tappa. La classifica generale resta invariata rispetto a ieri con Bob Jungels (Team Quick Step) in maglia rosa con 6 secondi su Geraint Thomas (Team SKY) e 10 secondi su Adam Yates (Team Orica Scott). Domani è in programma la sesta frazione, tutta calabrese, da Reggio Calabria alle Terme Luigiane. Si sbarca in continente con una frazione che potrebbe lasciare qualche strascico in classifica generale, visto che il finale è molto nervoso e l’arrivo è porto su uno strappetto di un chilometro con pendenze fino al 10%.

Giuseppe Scarfone

ORDINE D’ARRIVO

1 Fernando Gaviria (Col) Quick-Step Floors 3:40:11
2 Jakub Mareczko (Ita) Wilier Triestina
3 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe
4 André Greipel (Ger) Lotto Soudal
5 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb
6 Kristian Sbaragli (Ita) Dimension Data
7 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data
8 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates
9 Jasper Stuyven (Bel) Trek-Segafredo
10 Enrico Battaglin (Ita) Team LottoNl-Jumbo
11 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin
12 Aleksei Tcatevich (Rus) Gazprom – Rusvelo
13 Adam Yates (GBr) Orica-Scott
14 Jan Tratnik (Slo) CCC Sprandi Polkowice
15 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale
16 Domenico Pozzovivo (Ita) AG2R La Mondiale
17 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky
18 Georg Preidler (Aut) Team Sunweb
19 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF
20 Geraint Thomas (GBr) Team Sky
21 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF
22 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin
23 Caleb Ewan (Aus) Orica-Scott
24 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb
25 Jose Rojas (Spa) Movistar Team
26 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal
27 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe
28 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin
29 Maximiliano Richeze (Arg) Quick-Step Floors
30 Andrey Amador (CRc) Movistar Team
31 Nairo Quintana (Col) Movistar Team
32 Bob Jungels (Lux) Quick-Step Floors
33 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates
34 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida
35 Francisco Ventoso (Spa) BMC Racing Team
36 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team
37 Tejay Van Garderen (USA) BMC Racing Team
38 Steven Kruijswijk (Ned) Team LottoNl-Jumbo
39 Kanstantsin Siutsou (Blr) Bahrain-Merida
40 Daniel Teklehaimanot (Eri) Dimension Data
41 Vincenzo Albanese (Ita) Bardiani CSF
42 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates
43 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
44 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo
45 Simone Ponzi (Ita) CCC Sprandi Polkowice
46 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team
47 Vasil Kiryienka (Blr) Team Sky
48 William Bonnet (Fra) FDJ
49 Diego Rosa (Ita) Team Sky
50 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida
51 Bram Tankink (Ned) Team LottoNl-Jumbo
52 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data
53 Clement Chevrier (Fra) AG2R La Mondiale
54 Davide Villella (Ita) Cannondale-Drapac
55 Thibaut Pinot (Fra) FDJ
56 Simone Petilli (Ita) UAE Team Emirates
57 Wilco Kelderman (Ned) Team Sunweb
58 Tobias Ludvigsson (Swe) FDJ
59 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates
60 Nicola Boem (Ita) Bardiani CSF
61 Chad Haga (USA) Team Sunweb
62 Edward Ravasi (Ita) UAE Team Emirates
63 Mikel Landa (Spa) Team Sky
64 Rudy Molard (Fra) FDJ
65 Matthieu Ladagnous (Fra) FDJ
66 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale
67 Daniele Bennati (Ita) Movistar Team
68 Davide Formolo (Ita) Cannondale-Drapac
69 Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal
70 Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team
71 Jos Van Emden (Ned) Team LottoNl-Jumbo
72 Tomasz Marczynski (Pol) Lotto Soudal
73 Kristijan Koren (Slo) Cannondale-Drapac
74 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team
75 Jose Herrada (Spa) Movistar Team
76 Matej Mohoric (Slo) UAE Team Emirates
77 Sacha Modolo (Ita) UAE Team Emirates
78 Stef Clement (Ned) Team LottoNl-Jumbo
79 Michael Woods (Can) Cannondale-Drapac
80 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data
81 Ivan Savitckii (Rus) Gazprom – Rusvelo
82 Sebastian Henao (Col) Team Sky
83 Jan Hirt (Cze) CCC Sprandi Polkowice
84 Alexander Edmondson (Aus) Orica-Scott
85 Lukasz Owsian (Pol) CCC Sprandi Polkowice
86 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale
87 Felix Großschartner (Aut) CCC Sprandi Polkowice
88 Michal Golas (Pol) Team Sky
89 Benoit Vaugrenard (Fra) FDJ
90 Manuel Quinziato (Ita) BMC Racing Team
91 Jesper Hansen (Den) Astana Pro Team
92 Luka Mezgec (Slo) Orica-Scott
93 Laurens De Plus (Bel) Quick-Step Floors
94 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team
95 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale
96 Franco Pellizotti (Ita) Bahrain-Merida
97 Peter Stetina (USA) Trek-Segafredo
98 Paolo Tiralongo (Ita) Astana Pro Team
99 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe
100 Alex Howes (USA) Cannondale-Drapac
101 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe
102 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale
103 Kenny Elissonde (Fra) Team Sky
104 Ben Hermans (Bel) BMC Racing Team
105 Simon Geschke (Ger) Team Sunweb
106 Gorka Izagirre (Spa) Movistar Team
107 Pavel Brutt (Rus) Gazprom – Rusvelo
108 Alexander Foliforov (Rus) Gazprom – Rusvelo
109 Cristian Rodriguez (Spa) Wilier Triestina
110 Winner Anacona (Col) Movistar Team
111 Davide Martinelli (Ita) Quick-Step Floors 0:00:16
112 Sergey Firsanov (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:00:20
113 Tom Stamsnijder (Ned) Team Sunweb
114 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team
115 Pierre Rolland (Fra) Cannondale-Drapac
116 Hugh Carthy (GBr) Cannondale-Drapac
117 Julien Berard (Fra) AG2R La Mondiale
118 Sindre Skjøstad Lunke (Nor) Team Sunweb
119 Enrico Gasparotto (Ita) Bahrain-Merida
120 Eugenio Alafaci (Ita) Trek-Segafredo
121 Silvan Dillier (Swi) BMC Racing Team
122 Michal Schlegel (Cze) CCC Sprandi Polkowice
123 Matvey Mamykin (Rus) Katusha-Alpecin
124 Matteo Pelucchi (Ita) Bora-Hansgrohe
125 Laurens Ten Dam (Ned) Team Sunweb
126 Twan Castelijns (Ned) Team LottoNl-Jumbo
127 Moreno Hofland (Ned) Lotto Soudal
128 Jérémy Roy (Fra) FDJ
129 Michael Hepburn (Aus) Orica-Scott
130 Jurgen Van Den Broeck (Bel) Team LottoNl-Jumbo
131 José Mendes (Por) Bora-Hansgrohe
132 Branislau Samoilau (Blr) CCC Sprandi Polkowice
133 Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina
134 Sébastien Reichenbach (Swi) FDJ
135 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF
136 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo
137 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors
138 Tom-Jelte Slagter (Ned) Cannondale-Drapac
139 Adam James Hansen (Aus) Lotto Soudal
140 Sergey Lagutin (Rus) Gazprom – Rusvelo
141 Jan Bárta (Cze) Bora-Hansgrohe
142 Steve Morabito (Swi) FDJ
143 Manuel Senni (Ita) BMC Racing Team
144 Ángel Vicioso (Spa) Katusha-Alpecin
145 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo
146 Philip Deignan (Irl) Team Sky
147 Filippo Pozzato (Ita) Wilier Triestina
148 Luka Pibernik (Slo) Bahrain-Merida
149 Joe Dombrowski (USA) Cannondale-Drapac
150 Robert Kiserlovski (Cro) Katusha-Alpecin
151 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team
152 Martijn Keizer (Ned) Team LottoNl-Jumbo
153 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:00:33
154 Johann Van Zyl (RSA) Dimension Data 0:00:52
155 Matteo Busato (Ita) Wilier Triestina 0:01:06
156 Iljo Keisse (Bel) Quick-Step Floors 0:01:11
157 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal 0:01:28
158 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo
159 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors
160 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida
161 Gregor Mühlberger (Aut) Bora-Hansgrohe
162 Ruben Plaza (Spa) Orica-Scott
163 Jesus Hernandez (Spa) Trek-Segafredo
164 Daniel Martinez (Col) Wilier Triestina
165 Bart De Clercq (Bel) Lotto Soudal
166 Julen Amezqueta (Spa) Wilier Triestina
167 Svein Tuft (Can) Orica-Scott 0:02:03
168 Giacomo Nizzolo (Ita) Trek-Segafredo 0:02:11
169 Sean De Bie (Bel) Lotto Soudal 0:02:44
170 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida 0:02:52
171 Carlos Verona (Spa) Orica-Scott 0:03:06
172 Omar Fraile (Spa) Dimension Data
173 Ivan Rovny (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:03:25
174 Ilia Koshevoy (Blr) Wilier Triestina 0:03:27
175 Evgeny Shalunov (Rus) Gazprom – Rusvelo
176 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin
177 Igor Anton (Spa) Dimension Data
178 Nathan Haas (Aus) Dimension Data 0:03:59
179 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina 0:05:10
180 Maciej Paterski (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:06:16
181 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF 0:07:01
182 Lorenzo Rota (Ita) Bardiani CSF
183 Marcin Bialoblocki (Pol) CCC Sprandi Polkowice
184 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team
185 Dmitriy Kozontchuk (Rus) Gazprom – Rusvelo
186 Christopher Juul Jensen (Den) Orica-Scott
187 Dylan Teuns (Bel) BMC Racing Team
188 Victor Campenaerts (Bel) Team LottoNl-Jumbo
189 Pieter Serry (Bel) Quick-Step Floors
190 Rory Sutherland (Aus) Movistar Team
191 Alberto Losada (Spa) Katusha-Alpecin

CLASSIFICA GENERALE

1 Bob Jungels (Lux) Quick-Step Floors 23:22:07
2 Geraint Thomas (GBr) Team Sky 0:00:06
3 Adam Yates (GBr) Orica-Scott 0:00:10
4 Domenico Pozzovivo (Ita) AG2R La Mondiale
5 Vincenzo Nibali (Ita) Bahrain-Merida
6 Tom Dumoulin (Ned) Team Sunweb
7 Nairo Quintana (Col) Movistar Team
8 Bauke Mollema (Ned) Trek-Segafredo
9 Tejay Van Garderen (USA) BMC Racing Team
10 Andrey Amador (CRc) Movistar Team
11 Thibaut Pinot (Fra) FDJ
12 Mikel Landa (Spa) Team Sky
13 Davide Formolo (Ita) Cannondale-Drapac
14 Ilnur Zakarin (Rus) Katusha-Alpecin 0:00:14
15 Steven Kruijswijk (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:00:23
16 Wilco Kelderman (Ned) Team Sunweb
17 Rui Costa (Por) UAE Team Emirates 0:00:46
18 Tanel Kangert (Est) Astana Pro Team 0:00:54
19 Jan Polanc (Slo) UAE Team Emirates 0:00:58
20 Simone Petilli (Ita) UAE Team Emirates 0:01:14
21 Kanstantsin Siutsou (Blr) Bahrain-Merida 0:01:23
22 Michael Woods (Can) Cannondale-Drapac 0:01:27
23 Dario Cataldo (Ita) Astana Pro Team 0:01:32
24 Valerio Conti (Ita) UAE Team Emirates 0:01:50
25 Maxime Monfort (Bel) Lotto Soudal 0:02:17
26 Ben Hermans (Bel) BMC Racing Team 0:02:59
27 Pierre Rolland (Fra) Cannondale-Drapac 0:03:01
28 Natnael Berhane (Eri) Dimension Data 0:03:06
29 Matteo Montaguti (Ita) AG2R La Mondiale 0:03:11
30 Winner Anacona (Col) Movistar Team 0:03:34
31 Jesper Hansen (Den) Astana Pro Team 0:03:38
32 Franco Pellizotti (Ita) Bahrain-Merida 0:03:39
33 Hubert Dupont (Fra) AG2R La Mondiale 0:04:17
34 Gorka Izagirre (Spa) Movistar Team 0:04:32
35 Sébastien Reichenbach (Swi) FDJ 0:04:52
36 Peter Stetina (USA) Trek-Segafredo 0:05:09
37 Tomasz Marczynski (Pol) Lotto Soudal 0:05:20
38 Jan Hirt (Cze) CCC Sprandi Polkowice 0:06:00
39 Jose Herrada (Spa) Movistar Team 0:06:03
40 Cristian Rodriguez (Spa) Wilier Triestina 0:06:55
41 Laurens De Plus (Bel) Quick-Step Floors 0:07:09
42 Tobias Ludvigsson (Swe) FDJ 0:08:02
43 Steve Morabito (Swi) FDJ 0:08:32
44 Rudy Molard (Fra) FDJ 0:08:52
45 Robert Kiserlovski (Cro) Katusha-Alpecin 0:09:14
46 Hugh Carthy (GBr) Cannondale-Drapac 0:09:46
47 Jose Rojas (Spa) Movistar Team 0:09:57
48 Chad Haga (USA) Team Sunweb 0:10:19
49 Victor De La Parte (Spa) Movistar Team 0:10:20
50 Sebastian Henao (Col) Team Sky 0:10:25
51 Joey Rosskopf (USA) BMC Racing Team 0:10:26
52 Patrick Konrad (Aut) Bora-Hansgrohe
53 Igor Anton (Spa) Dimension Data 0:10:35
54 Georg Preidler (Aut) Team Sunweb 0:11:01
55 Philip Deignan (Irl) Team Sky 0:11:26
56 Simon Geschke (Ger) Team Sunweb 0:11:48
57 Stef Clement (Ned) Team LottoNl-Jumbo
58 Gregor Mühlberger (Aut) Bora-Hansgrohe 0:11:54
59 Tom-Jelte Slagter (Ned) Cannondale-Drapac 0:12:01
60 Andrey Zeits (Kaz) Astana Pro Team 0:12:48
61 Enrico Battaglin (Ita) Team LottoNl-Jumbo 0:13:13
62 Diego Rosa (Ita) Team Sky
63 Alexander Foliforov (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:13:19
64 Laurent Didier (Lux) Trek-Segafredo 0:13:36
65 Luis León Sanchez (Spa) Astana Pro Team 0:13:47
66 José Gonçalves (Por) Katusha-Alpecin 0:13:49
67 Salvatore Puccio (Ita) Team Sky 0:14:17
68 Davide Villella (Ita) Cannondale-Drapac
69 François Bidard (Fra) AG2R La Mondiale
70 Ben Gastauer (Lux) AG2R La Mondiale 0:14:51
71 Pavel Brutt (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:15:09
72 Ruben Plaza (Spa) Orica-Scott 0:15:11
73 Eros Capecchi (Ita) Quick-Step Floors 0:15:46
74 Adam James Hansen (Aus) Lotto Soudal 0:15:48
75 Sergey Firsanov (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:15:50
76 Paolo Tiralongo (Ita) Astana Pro Team 0:16:07
77 Kenny Elissonde (Fra) Team Sky 0:16:08
78 Bram Tankink (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:16:34
79 Carlos Verona (Spa) Orica-Scott 0:16:37
80 Pello Bilbao (Spa) Astana Pro Team 0:16:42
81 Giovanni Visconti (Ita) Bahrain-Merida 0:16:43
82 Silvan Dillier (Swi) BMC Racing Team 0:16:58
83 Julien Bernard (Fra) Trek-Segafredo 0:17:06
84 Laurens Ten Dam (Ned) Team Sunweb 0:17:23
85 Manuele Boaro (Ita) Bahrain-Merida 0:17:56
86 Francisco Ventoso (Spa) BMC Racing Team 0:18:14
87 Jesus Hernandez (Spa) Trek-Segafredo
88 Jérémy Roy (Fra) FDJ 0:19:16
89 Jacques Janse Van Rensburg (RSA) Dimension Data 0:19:17
90 Julien Berard (Fra) AG2R La Mondiale 0:19:26
91 Quentin Jauregui (Fra) AG2R La Mondiale 0:19:36
92 Sindre Skjøstad Lunke (Nor) Team Sunweb 0:20:02
93 Jurgen Van Den Broeck (Bel) Team LottoNl-Jumbo 0:20:18
94 Enrico Gasparotto (Ita) Bahrain-Merida 0:20:51
95 Matvey Mamykin (Rus) Katusha-Alpecin
96 Lukas Pöstlberger (Aut) Bora-Hansgrohe 0:21:14
97 Edward Ravasi (Ita) UAE Team Emirates 0:21:38
98 Alex Howes (USA) Cannondale-Drapac 0:22:00
99 Michal Schlegel (Cze) CCC Sprandi Polkowice 0:22:22
100 Jasper Stuyven (Bel) Trek-Segafredo 0:22:24
101 Kristijan Koren (Slo) Cannondale-Drapac 0:22:33
102 Manuel Quinziato (Ita) BMC Racing Team 0:22:51
103 Matej Mohoric (Slo) UAE Team Emirates
104 Jos Van Emden (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:23:43
105 Omar Fraile (Spa) Dimension Data 0:23:46
106 William Bonnet (Fra) FDJ 0:23:55
107 Luka Pibernik (Slo) Bahrain-Merida 0:23:57
108 José Mendes (Por) Bora-Hansgrohe 0:24:10
109 Simone Ponzi (Ita) CCC Sprandi Polkowice 0:24:16
110 Dries Devenyns (Bel) Quick-Step Floors 0:24:22
111 Fernando Gaviria (Col) Quick-Step Floors 0:24:44
112 Maciej Paterski (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:24:45
113 Viacheslav Kuznetsov (Rus) Katusha-Alpecin 0:24:47
114 Lars Ytting Bak (Den) Lotto Soudal 0:25:05
115 Daniele Bennati (Ita) Movistar Team 0:25:06
116 Ryan Gibbons (RSA) Dimension Data 0:25:18
117 Michael Hepburn (Aus) Orica-Scott 0:25:26
118 Dylan Teuns (Bel) BMC Racing Team 0:25:27
119 Marco Marcato (Ita) UAE Team Emirates 0:25:53
120 Benoit Vaugrenard (Fra) FDJ 0:25:55
121 André Greipel (Ger) Lotto Soudal 0:26:10
122 Valerio Agnoli (Ita) Bahrain-Merida 0:26:16
123 Aleksei Tcatevich (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:26:22
124 Felix Großschartner (Aut) CCC Sprandi Polkowice
125 Rüdiger Selig (Ger) Bora-Hansgrohe 0:26:29
126 Sacha Modolo (Ita) UAE Team Emirates 0:26:35
127 Jasper De Buyst (Bel) Lotto Soudal 0:26:40
128 Branislau Samoilau (Blr) CCC Sprandi Polkowice 0:26:46
129 Matthieu Ladagnous (Fra) FDJ 0:26:53
130 Matteo Busato (Ita) Wilier Triestina 0:26:55
131 Eugert Zhupa (Alb) Wilier Triestina 0:26:58
132 Caleb Ewan (Aus) Orica-Scott 0:27:04
133 Roberto Ferrari (Ita) UAE Team Emirates
134 Bart De Clercq (Bel) Lotto Soudal 0:27:25
135 Clement Chevrier (Fra) AG2R La Mondiale 0:27:31
136 Michal Golas (Pol) Team Sky 0:27:41
137 Vasil Kiryienka (Blr) Team Sky 0:27:44
138 Mirco Maestri (Ita) Bardiani CSF 0:27:57
139 Kristian Sbaragli (Ita) Dimension Data 0:28:07
140 Alexander Edmondson (Aus) Orica-Scott 0:28:09
141 Maximiliano Richeze (Arg) Quick-Step Floors 0:28:20
142 Davide Martinelli (Ita) Quick-Step Floors 0:28:23
143 Moreno Hofland (Ned) Lotto Soudal 0:28:28
144 Filippo Pozzato (Ita) Wilier Triestina 0:28:36
145 Martijn Keizer (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:29:13
146 Iljo Keisse (Bel) Quick-Step Floors 0:29:21
147 Vincenzo Albanese (Ita) Bardiani CSF 0:29:23
148 Nathan Haas (Aus) Dimension Data 0:29:28
149 Luka Mezgec (Slo) Orica-Scott 0:29:48
150 Christopher Juul Jensen (Den) Orica-Scott 0:30:05
151 Julen Amezqueta (Spa) Wilier Triestina 0:30:19
152 Lukasz Owsian (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:30:34
153 Sergey Lagutin (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:31:05
154 Ivan Savitckii (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:31:13
155 Cesare Benedetti (Ita) Bora-Hansgrohe 0:31:28
156 Enrico Barbin (Ita) Bardiani CSF 0:31:33
157 Jan Tratnik (Slo) CCC Sprandi Polkowice 0:31:59
158 Giulio Ciccone (Ita) Bardiani CSF 0:32:09
159 Eugenio Alafaci (Ita) Trek-Segafredo 0:32:22
160 Ángel Vicioso (Spa) Katusha-Alpecin 0:32:23
161 Johann Van Zyl (RSA) Dimension Data 0:32:30
162 Jakub Mareczko (Ita) Wilier Triestina 0:32:54
163 Ivan Rovny (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:33:12
164 Daniel Martinez (Col) Wilier Triestina 0:33:17
165 Daniel Teklehaimanot (Eri) Dimension Data 0:33:44
166 Svein Tuft (Can) Orica-Scott
167 Phil Bauhaus (Ger) Team Sunweb 0:34:10
168 Giacomo Nizzolo (Ita) Trek-Segafredo 0:34:15
169 Tom Stamsnijder (Ned) Team Sunweb 0:34:54
170 Joe Dombrowski (USA) Cannondale-Drapac
171 Victor Campenaerts (Bel) Team LottoNl-Jumbo 0:35:04
172 Mads Pedersen (Den) Trek-Segafredo 0:35:11
173 Maxim Belkov (Rus) Katusha-Alpecin 0:35:47
174 Rory Sutherland (Aus) Movistar Team 0:37:41
175 Twan Castelijns (Ned) Team LottoNl-Jumbo 0:38:29
176 Sean De Bie (Bel) Lotto Soudal 0:38:35
177 Dmitriy Kozontchuk (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:38:50
178 Pieter Serry (Bel) Quick-Step Floors 0:39:21
179 Evgeny Shalunov (Rus) Gazprom – Rusvelo 0:40:03
180 Nicola Boem (Ita) Bardiani CSF 0:41:18
181 Lorenzo Rota (Ita) Bardiani CSF 0:41:45
182 Jan Bárta (Cze) Bora-Hansgrohe 0:41:46
183 Giuseppe Fonzi (Ita) Wilier Triestina 0:44:45
184 Sam Bennett (Irl) Bora-Hansgrohe 0:45:04
185 Simone Andreetta (Ita) Bardiani CSF 0:46:45
186 Ilia Koshevoy (Blr) Wilier Triestina 0:47:34
187 Manuel Senni (Ita) BMC Racing Team 0:48:43
188 Zhandos Bizhigitov (Kaz) Astana Pro Team 0:50:36
189 Marcin Bialoblocki (Pol) CCC Sprandi Polkowice 0:52:16
190 Matteo Pelucchi (Ita) Bora-Hansgrohe 0:52:52
191 Alberto Losada (Spa) Katusha-Alpecin 0:54:44

Gaviria ottiene uno strepitoso bis nel giorno della festa di Nibali, calorosamente accolto nella sua Messina (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

Gaviria ottiene uno strepitoso bis nel giorno della festa di Nibali, calorosamente accolto nella sua Messina (foto Tim de Waele/TDWSport.com)

PEDARA – MESSINA: PER NIBALI UN OMAGGIO… SPRINT!

Non poteva mancare un omaggio al vincitore uscente della corsa rosa, poiché si tratta anche del corridore più meridionale d’Italia riuscito – e per ben due volte – nell’impresa. Così la quinta tappa del Giro 2017 terminerà a casa di Vincenzo Nibali dove i festeggiamenti allo “Squalo dello Stretto” andranno a braccetto con quelli riservati al vincitore di giornata, che quasi sicuramente sarà un velocista. Dopo una tappa impegnativa come quella dell’Etna, infatti, gli organizzatori hanno pensato a un tracciato abbastanza tranquillo per la frazione che terminerà a Messina, movimentata da quattro salite nella prima parte ma assolutamente priva d’ostacoli naturali negli ultimi 60 Km.

È la prima delle giornate celebrative che si vivranno al centesimo Giro d’Italia, dedicata al messinese Vincenzo Nibali, vincitore uscente della corsa rosa ma anche il più meridionale di tutti, un primato conquistato nel 2013 scalzando il precedente detenuto dal 2007 dall’abruzzese Danilo Di Luca. La festa sarà totale e non dovrebbe essere rovinata da sorprese perché si sposerà a una frazione che, sulla carta, si annuncia interlocutoria per via della totale mancanza di difficoltà altimetriche negli ultimi 60 Km, mentre i primi 100 Km saranno movimentati da quattro facili salite che certamente ispireranno tentativi da lontano, destinati al fallimento perché il disegno del finale permetterà agevolmente alle squadre dei velocisti di rinvenire sugli ardimentosi di giornata. Sarà, dunque, un arrivo allo sprint a mettere la ciliegina sulla torta della festa, per la quarta volta in questa edizione del Giro che, poi, offrirà ai velocisti altre tre occasioni per mettere in mostra i muscoli, sui traguardi di Alberobello, Reggio Emilia e Tortona. La tappa prenderà le mosse da Pedara, cittadina situata ai piedi del versante dell’Etna affrontato poche ore prima, e la prima dozzina di chilometri si snoderà in dolce discesa in direzione di Catania – è laggiù che è nato Mario Fazio, la più meridionale di tutte le maglie rosa, capoclassifica per tre giorni durante il Giro del 1949 – ma poi il tracciato tornerà a puntare verso il vulcano e, superato il gradino verso Trecastagni, si affronterà la principale delle salite in programma, che terminerà dopo poco meno di 10 Km (la pendenza media è del 3,6% appena) agli 824 metri della località di Fornazzo, alla quale si giungerà dopo aver toccato Zafferana Etnea, comune nel cui territorio ricade la vetta del “Mungibeddu” (3329 metri) e che in tre occasioni fu pericolosamente avvicinato dalle sue eruzioni, la prima delle quali accadde nel 1792 e fu miracolosamente fermata dalla statua della Madonna della Provvidenza portata in processione dai cittadini sul luogo dove negli anni successivi sarà eretto una cappelletta in memoria del prodigioso evento. La successiva più rapida discesa porterà i corridori a Piedimonte Etneo, centro collocato lungo la ferrovia Circumetnea, linea a scartamento ridotto non elettrificata che collega Catania a Riposto compiendo il periplo del vulcano in 111 Km. Non ci sarà nessun treno ad attendere i “girini” che ora dovranno tornare a inerpicarsi per affrontare la salita della Portella di Castiglione, una quindicina di chilometri scarsi molto pedalabili con i tratti più impegnativi nella prima parte verso Linguaglossa, località conosciuta come porta d’accesso alla zona dell’Etna Nord, nella quale si trova la stazione sciistica di Piano Provenzana, ristrutturata una decina di anni fa dopo che i suoi impianti erano stati danneggiati dall’eruzione del 2002, durata tre mesi e considerata come una delle più esplosive degli ultimi 100 anni. Poco dopo lo scollinamento della portella si raggiungerà il centro che le attribuisce il nome – Castiglione di Sicilia, presso il quale si trova la più importante “cuba” (cappella) bizantina della Sicilia, dedicata a Santa Domenica – per poi planare verso uno dei luoghi più suggestivi della regione, le spettacolari gole del fiume Alcantara, vero e proprio angolo di paradiso che nel 1966 il regista Ettore Scola trasformò in inferno nelle inquadrature iniziali de “L’arcidiavolo”, pellicola ispirata al personaggio di Belfagor arcidiavolo, protagonista dell’unica novella nota di Niccolò Machiavelli. Al termine della discesa si raggiungerà per la prima volta il mare in quel di Giardini-Naxos, località balneare il cui nome ricorda quello dell’omonima colonia greca (la prima fondata in Sicilia, nell’anno 735 a.C.) e che ebbe un piccolo ruolo nella storia della nostra nazione perché è dal porto di Giardini che, terminata la fase siciliana della Spedizione dei Mille, Garibaldi e i suoi volontari si imbarcarono per la Calabria, dove sbarcarono il 19 agosto del 1860 a Melito di Porto Salvo. Imboccata la litoranea, i “girini” non potranno godersela, almeno nell’immediato perché, dopo un breve tratto lungo le coste ioniche, ben presto il percorso cambierà direzione per salire verso l’incantevole Taormina, località che non ha bisogno di presentazioni alle cui porte, poco sotto il luogo dove si trova il celeberrimo teatro antico – il secondo per dimensione della regione dopo quello di Siracusa – si completerà l’ultima sensibile ascesa di giornata, 3500 metri al 5,3% movimentati da 8 tornanti che certamente non costituiranno un duro banco di prova per i velocisti, dalla cui parte penderà poi tutta la parte rimanente del tracciato. Riagguanto il litorale, infatti, il percorso scivolerà liscio liscio sino a Messina, se si esclude l’insignificante zampellotto con il quale si supererà Capo Sant’Alessio, promontorio sovrastato da un castello costruito dall’imperatore bizantino Alessio I Comneno nel periodo delle guerre che Bisanzio condusse contro i normanni prima e i turchi poi e che, rientrando in Europa dalla Presa di Tunisi nel 1535, ospiterà anche Carlo d’Asburgo, il celebre sovrano sul cui regno si soleva dire che non tramontasse mai il sole. Al tramonto, invece, si appresterà questa quinta frazione del Giro 2017 che, attraversata la località termale di Alì Terme (delle cui acque, ottime per la cura dell’artrite, ne decantò le doti anche il celebre filosofo Cartesio), concluderà il suo cammino con un veloce circuito di poco più di 7 Km disegnato per la gioia dei concittadini di Nibali, che si appresteranno a celebrare il loro campione e al corridore che succederà nell’albo d’oro all’olandese Blijlevens, nel 1999 ultimo vincitore all’ombra della Madonna della Lettera.

Mauro Facoltosi

I VALICHI DELLA TAPPA

Portella di Castiglione. Valicata dalla SP7i tra la località Rovittello e Castiglione di Sicilia, non è segnalata sul testo di riferimento “Valichi stradali d’Italia” di Georges Rossini (editore Ediciclo)

RINGRAZIAMENTI

Segnaliamo che le citazioni cinematografiche (nel testo e nella fotogallery) sono frutto della collaborazione con il sito www.davinotti.com, che ringraziamo per la disponibilità.

FOTOGALLERY

Pedara, Basilica di Santa Caterina d’Alessandria

Zafferana Etnea, la cappelletta eretta nel luogo dove s’arrestò miracolosamente una colata lavica nel 1792

Passaggio a livello lungo la ferrovia Circumetnea a Piedimonte Etneo, all’inizio della salita verso Linguaglossa e la Portella di Castiglione

Linguaglossa, chiesa di Sant’Egidio Abate

La cuba bizantina di Santa Domenica presso Castiglione di Sicilia (tripadvisor.com)

La cuba bizantina di Santa Domenica presso Castiglione di Sicilia (tripadvisor.com)

Le gole dellAlcantara come le mostrò Ettore Scola nel film Larcidiavolo (www.davinotti.com)

Le gole dell'Alcantara come le mostrò Ettore Scola nel film ''L'arcidiavolo'' (www.davinotti.com)

Una nave da crociera fa capolino dietro al porto di Giardini-Naxos

Il teatro greco di Taormina

Uno dei panoramici tornanti dell’ascesa verso Taormina

Capo Sant’Alessio

Il duomo di Messina incorniciato dalle luminarie allestite per la processione della “Vara” dell’Assunta

La statua della Madonna della Lettera e, in trasparenza, l’altimetria della quinta tappa del Giro 2017 (http://sicilia24live.altervista.org)

La statua della Madonna della Lettera e, in trasparenza, l’altimetria della quinta tappa del Giro 2017 (http://sicilia24live.altervista.org)